Jump to content

Meno punti esperienza o altre conseguenze???


Eddyx
 Share

Recommended Posts

Salve a tutti, volevo sapere cosa ne pensate riguardo ad un fatto accaduto ultimamente in una mia campagna da master: i miei giocatori si sono ritrovati nel piano delle ombre, e dopo essere stati catturati e imprigionati dentro un castello (si trovavano tutti nella stessa prigione) sono riusciti a trovare una grata segreta sulla quale vi era scritto in infernale: "Segui la via più oscura per uscire da questo oscuro mondo" e sotto tale scritta vi era inciso l'anagramma di morte, anagramma che uno dei giocatori ha saputo subito risolvere dopo averlo visto e ovviamente dopo che l'anagramma era stato tradotto dall'unico giocatore che sapeva l'infernale, solamente che per far sbloccare la grata si doveva pronunciare "morte" in infernale e nessuno lo ha fatto. Di conseguenza hanno pensato a come soluzione di uccidere un giocatore sperando che la grata si sbloccasse ma così non è stato. Quindi dopo che il giocatore si è offerto volontario per sacrificarsi per il proprio gruppo, uno dei suoi compagni lo ha sgozzato. Ora ho pensato, premettendo il fatto che tutta la compagnia è di allineamento buono, è giusto che l'allineamento del giocatore si sposti un pochino verso il neutrale? Bisogna però considerare che il giocatore morto si era offerto volontario di morire per il proprio gruppo mentre il giocatore che lo ha sgozzato lo ha fatto con l'intenzione di salvare il gruppo, non per una scaramuccia o per altro...dunque quali provvedimenti devo prendere con "l'assassino buono"? Quali conseguenze avrà il pg che ha ucciso il tizio che si è offerto volontario? Grazie.

Link to comment
Share on other sites


Devi dargli atto che in minima parte la colpa è anche tua eh. Quando il master si inventa un enigma deve anche tenere conto della regola "quello che nella tua testa è ovvio nella testa degli altri è un problema" quindi con questo piccolissimo rompicapo hai portato un PG alla morte.

Magari ora che riescono a passare fai trovare l'anima del PG morto in uno degli inferi preso in ostaggio da un diavolo e dovranno affrontarlo per riportarlo in vita, oppure la divinità del PG morto deciderà di compiere un miracolo a patto che l'intero gruppo svolga un impresa per la divinità stessa (recupero di una reliquia per esempio).

Comunque in questi casi io faccio tirare ai PG con Int e Sag sopra la media per vedere se intuiscono qualcosa.

Link to comment
Share on other sites

Devi dargli atto che in minima parte la colpa è anche tua eh. Quando il master si inventa un enigma deve anche tenere conto della regola "quello che nella tua testa è ovvio nella testa degli altri è un problema" quindi con questo piccolissimo rompicapo hai portato un PG alla morte.

Magari ora che riescono a passare fai trovare l'anima del PG morto in uno degli inferi preso in ostaggio da un diavolo e dovranno affrontarlo per riportarlo in vita, oppure la divinità del PG morto deciderà di compiere un miracolo a patto che l'intero gruppo svolga un impresa per la divinità stessa (recupero di una reliquia per esempio).

Comunque in questi casi io faccio tirare ai PG con Int e Sag sopra la media per vedere se intuiscono qualcosa.

Beh, effettivamente hai ragione, però l'enigma non era poi così tosto dai :)...per quanto riguarda invece il pg che ha sgozzato il povero volontario che provvedimenti devo prendere??

Link to comment
Share on other sites

Beh, effettivamente hai ragione, però l'enigma non era poi così tosto dai :)...per quanto riguarda invece il pg che ha sgozzato il povero volontario che provvedimenti devo prendere??

Io personalmente direi nessuna conseguenza dato che gli è stato chiesto dalla persona stessa che si è voluta sacrificare. Occhio con la domanda che può diventare una discussione sull'eutanasia.

Piuttosto il PG che si è sacrificato potrebbe avere qualche bonus dopo la resurrezione, in fondo ha agito da eroe.

Link to comment
Share on other sites

domanda: ma l'unico modo che han trovato dei pg buoni per uscire da lì, è stato quello di sgozzare un loro compagno? E anche tralasciando le implicazioni morali dei personaggi (se sei buono, quella resta l'ultimissimissima soluzione), proprio sgozzato? Qualcosa di meno cruento no?

Qui si aprono le strade per dei dubbi morali per i pg nel proseguo della storia: hanno ucciso un loro compagno inutilmente! Sicuri che basti un normale rianimare i morti? E se si trovassero più avanti in situazioni simili, che farebbero? Chi non era d'accordo nel gruppo e come reagirà adesso nei confronti degli altri?

Personalmente valuterei di giocare un qualche tipo di "patto" con una entità del piano delle ombre, che potrebbe proporre dei poteri al pg deceduto in cambio di qualcosa, che magari verrà richiesta più avanti e potrebbe andare a danno del gruppo stesso; per chi ha agito da boia niente azioni particolari, è solo stato la mano del gruppo che ha "scelto" in qualche modo, tuttavia potresti indirizzare un pochino il suo gioco, facendogli avere incubi riguardo a ciò che ha fatto....gioco di ruolo, non eumate: se sbagliano ruolando le conseguenze saranno di ruolo.

Link to comment
Share on other sites

Io personalmente direi nessuna conseguenza dato che gli è stato chiesto dalla persona stessa che si è voluta sacrificare. Occhio con la domanda che può diventare una discussione sull'eutanasia.

Piuttosto il PG che si è sacrificato potrebbe avere qualche bonus dopo la resurrezione, in fondo ha agito da eroe.

tyrtix

domanda: ma l'unico modo che han trovato dei pg buoni per uscire da lì, è stato quello di sgozzare un loro compagno? E anche tralasciando le implicazioni morali dei personaggi (se sei buono, quella resta l'ultimissimissima soluzione), proprio sgozzato? Qualcosa di meno cruento no?

Qui si aprono le strade per dei dubbi morali per i pg nel proseguo della storia: hanno ucciso un loro compagno inutilmente! Sicuri che basti un normale rianimare i morti? E se si trovassero più avanti in situazioni simili, che farebbero? Chi non era d'accordo nel gruppo e come reagirà adesso nei confronti degli altri?

Personalmente valuterei di giocare un qualche tipo di "patto" con una entità del piano delle ombre, che potrebbe proporre dei poteri al pg deceduto in cambio di qualcosa, che magari verrà richiesta più avanti e potrebbe andare a danno del gruppo stesso; per chi ha agito da boia niente azioni particolari, è solo stato la mano del gruppo che ha "scelto" in qualche modo, tuttavia potresti indirizzare un pochino il suo gioco, facendogli avere incubi riguardo a ciò che ha fatto....gioco di ruolo, non eumate: se sbagliano ruolando le conseguenze saranno di ruolo.

Mmm sto valutando quali dei 2 consigli praticare sulla campagna...comunque grazie ad entrambi per i consigli, vedrò quali applicare!!
:)

Link to comment
Share on other sites

se sbagliano ruolando le conseguenze saranno di ruolo.

Se sbagliano per aver interpretato male un suggerimento del master non vedo perchè debbano passare chissà quali casini. Avesse messo una parola come "raggomitolarsi" avresti visto i pg tutti accovacciati cercando di uscire rotolando in quella posizione, fidati.

Link to comment
Share on other sites

Alcune persone vedono solo la soluzione ad un problema, altri invece vedono una possibile soluzione per alcuni problemi. Ho scritto così non in riferimento a chi ha sbagliato cosa e perchè, ma per far capire che secondo me un errore di interpretazione dei pg è sempre meglio correggerlo con qualcosa da interpretare, piuttosto che con qualcosa di "tecnico" come sottrarre ricompense ai pg stessi.

Ps: io non so esattamente come i giocatori hanno ruolato questa giocata, ma resta il fatto che dei pg buoni hanno preso una decisione che è difficilmente accettabile, per il loro allineamento; quella sarebbe dovuta essere l'ultima risorsa e non la prima da sfruttare, l'errore che hanno commesso sta in questo, secondo me. Giocare di ruolo non è una sfida master contro giocatori, qui i pg hanno trovato di fronte a loro un ostacolo che non sono riusciti a risolvere, per cui ne pagheranno le conseguenze, ma appunto in game.

Link to comment
Share on other sites

Tu vedi dei pg buoni che hanno compiuto un azione malvagia, io vedo un giocatore che si è elevato sopra gli altri e ha deciso di sacrificarsi per il bene del gruppo.

Che poi non hanno sbagliato una ruolata, hanno proprio recepito male un messaggio e quì si tratta di limitazione mentale dei giocatori non dei pg.

Link to comment
Share on other sites

E tu continui a leggere nei miei messaggi cosa ti pare, pazienza, l'importante è che abbia capito chi ha fatto la domanda (e mi auguro anche qualcun'altro fra quelli che leggono).

E' importante anche tener presente che una decisione presa in una certa direzione, tenderà dai giocatori ad esser vista, in altre occasioni, nella stessa maniera.

Mi spiego meglio. In questo caso, i giocatori hanno interpretato male un indizio/indovinello/ostacolo e hanno reagito in un modo sbagliato, non ottenendo l'effetto sperato. Il master ha ben pensato che il gruppo ha effettuato una azione che è al di fuori del loro normale allineamento o carattere, per cui si chiede se sia il caso di sanzionare qualcuno, chi e come. Le valutazioni in merito a quanto l'azione effettuata si discostino da quello che ci si aspetta dai pg, in rispetto al loro allineamento, le lascio al master, ma è importante che sappia, appunto, che se decide di dare una penalità in PX o di variare l'allineamento del PG in questo caso, i giocatori si aspetteranno lo stesso "trattamento" in altre occasioni simili.

Il fatto di creare da una azione giusta o sbagliata, un evento di gdr, permette di gestire molto meglio queste situazioni, in quanto è più facile variare quella che può essere una "punizione", un qualche tipo di svantaggio, per chi se lo è meritato, mentre se si agisce per via tecnica (appunto, sottrazione di PX, cambio allineamento, diminuzione di denaro/oggetti) più avanti ci si aspetterà una pena simile, per cui i giocatori inizieranno a valutare la convenienza che può portargli agire anche contro il loro stesso gdr.

Per cui, sempre e comunque, ad una azione di gdr, è meglio corrisponda una reazione di gdr.

Link to comment
Share on other sites

Bene, ancora grazie a tutti e due, ho capito perfettamente cosa intendi tyrtix. Pensavo a come soluzione che il pg morto tornasse in vita dopo che gli altri hanno fatto qualcosa per la divinità a cui appartiene il pg morto (dubito fortemente che dopo un azione così buona come sacrificarsi per il gruppo e considerando che il pg morto era di allineamento buono, dopo la morte sia andato agli inferi, piuttosto credo sia andato nei sette cieli ascendenti di Celestia), quindi credo sia più che meritevole che la divinità gli conceda una seconda opportunità. Riguardo invece al pg che l'ha sgozzato credo che gli farò prendere una demenza temporanea a breve termine facendogli tirare il dpercentuale XD... comunque non c'era bisogno che vi contraddicevate! :)

Link to comment
Share on other sites

Se posso dire la mia in ritardo, assolutamente nessuna conseguenza. Né PX in meno né una demenza temoranea (?): aiutare qualcuno che vuole morire a morire, può essere un'azione buona o malvagia a seconda dei set di valori; sicuramente rientra nello spettro interpretativo del giocatore.

Più preoccupante è la situazione in cui si sono trovati. Mentre l'indovinello è facile, i master sono spesso traviati dai film e dai videogiochi a pensare che la soluzione ovvia per loro sia quella che i giocatori prenderanno. Abbiamo tutti visto Indiana Jones e l'Ultima Crociata, e consideriamo ovvio che all'indovinello "il sentiero di Dio: solo saltando con un balzo dalla testa del leone egli dimostrerà il suo valore", i giocatori si lanceranno nel vuoto. O, come nel tuo caso, capiranno che devono dire a voce alta la soluzione in una specifica lingua. In realtà, il GdR non è un film, e una simile soluzione potrebbe non essere mai trovata. Oggi ho perso mezz'ora a cercare gli occhiali da sole che avevo in testa: nel mondo reale, a volte le cose anche banali non vengono in mente.

Prima di uccidere il personaggio, immagino che i giocatori abbiano passato una o due ore cercando di aprire la maledetta grata, provando soluzioni diverse ma altrettanto ragionevoli, come premere le lettere nell'ordine giusto o dire la soluzione a voce alta (senza pensare di dirla in infernale). Non è venuto in mente il "modo giusto" per immettere la soluzione, capita. L'indovinello è risolto, ma il master ha considerato scontato qualcosa che non lo era. A quel punto, la soluzione proposta dai giocatori era assolutamente ragionevole: segui la via più oscura per uscire, morte... si esce morendo. Ragionevole. Non è un errore, come alcuni hanno proposto: un altro master avrebbe potuto mettere questa soluzione. Se non sbaglio c'era proprio qualche mese fa un thread qui sul forum di un master che voleva mettere qualcosa di simile, una trappola in cui bisognava morire per uscire.

Personalmente, la situazione in generale non mi piace. In generale trovo che gli indovinelli nei GdR debbano essere:

- molto open-ended: non è un film, i giocatori non faranno esattamente quello che si è previsto, se si richiede qualcosa di molto specifico (pronunciare la soluzione in uno specifico linguaggio). Meglio mettere gli indovinelli in modo tale che se i personaggi capiscono il senso, si passa. Una persona che pone l'indovinello è meglio di un congegno magico.

- opzionali: non riuscire a risolvere un indovinello è frustrante, risolvere un indovinello banale è privo di pathos. Anche se in film e libri gli indovinelli sono parti chiave, nei GdR rallentano la sessione e raramente migliorano l'esperienza. Gli indovinelli sono meglio se opzionali, che permettano l'accesso ad un tesoro o di evitare un combattimento.

Riassumendo; meglio mettere problemi reali da risolvere, che stimolino l'inventiva e la creatività ma abbiano molte possibili soluzioni. Possibilmente, mettendo anche la soluzione "zero" di affrontare un combattimento molto difficile che svuoti le risorse dei personaggi nel caso in cui non trovassero un modo. Ovviamente dando gli stessi PX a prescindere dal modo in cui si passial'ostacolo.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Eddyx, non prenderla male, ma... sono in una prigione, e gli lasci le armi? :sorry:

Forse sbaglio, ma penso che, se non le avessero avute, forse non avrebbero commesso quell'errore.

Difficile. Onestamente, la prima cosa che mi è venuta in mente quando ho letto l'enigma è stata che si dovesse morire. "Segui la via più oscura", con accanto l'anagramma di morte, non fa venire in mente che si debba pronunciare una parola, semmai fa venire in mente che bisogna percorrere quella strada. In ogni caso, nessun provvedimento punitivo, ma eventualmente conseguenze in game. Dipende eprò anche dal loro livello: per pg di 15 livello, per esempio, la morte non è un evento così grave.

Link to comment
Share on other sites

In teoria avresti potuto tener presente la possibilità di far valere il loro sacrificio come una tassa valida per passare.

Dopotutto hanno risolto l'enigma (la soluzione non era sbagliata secondo gli indizi a loro disposizione) e hanno pagato una tassa ben più alta di quella prevista, non sarebbe stato scorretto permettere loro di avanzare.

Non stanno giocando un torneo ufficiale o la settimana enigmistica, lo scopo degli enigmi è quello di inserire un po' di ragionamento insolito, non di arrivare all'Unica Soluzione Giusta: se i giocatori hanno ragionato correttamente, hanno pagato almeno il prezzo previsto e hanno sfruttato tutti gli indizi a loro disposizione, l'enigma ha raggiunto il suo scopo e può essere considerato superato, anche se la soluzione non è quella pensata dal master.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.