Jump to content

(Forgotten Realms 3.5) Il destino del FAERUN


Kelemvor

Recommended Posts

1372 Anno della magia selvaggia

3° giorno del mese di Eleasis (la nostra estate)

Clima: caldo umido

Le vostre vite andavano avanti come di consueto sino aquando un giorno non vi siete visti recapitare un invito dalle guardie della città degli Splendori,

l'invito riportava sostanzialmente il vostro volto disegnato ad arte.

Stando a quando detto dalle guardie l'invito viene da parte di un certo Piergeiron Paladinson ,scoprirete in seguito che si tratta del custode della città ,

l'unico lord svelato di una gilda composta da 16 membri . Giunti a Waterdeep non potete far altro che restare stupiti della magnificenza della città ,

ogni oggetto strano ed introvabile si trova in questo luogo, le architetture cosi' diverse tra loro riescono a creare un pessaggio cittadino diverso da qualsiasi altra città , il ritmo è frenetico e potete notare tra viandanti, mercanti ecc. ogni genere di razza e livello sociale , la vigilanza è alta e notate guardia e vigilanza cittadina un pò ovunque , il mercato centrale è una vera è propria bolgia di confusione, i mercanti esaltano la propria merce e mettono in mostra i pezzi migliori mentre nella zona est la città dei morti (cimitero sorvegliato) sembra avere quella pace che non si può trovare in nessun altro posto di Waterdeep. Il porto è in continuo movimento , le navi arrivano e partono con una velocità sconvolgente . In alto , nella zona est notate un maestoso castello sopra un monte , chiedendo in giro venite a conoscenza che il castello è la vostra meta , senza perder tempo vi incamminate su er il monte sino ad arrivare alla possente costruzione. Mostrato l'invito le guardie del cancello non vi creano nessun problema e vi scortano all'ingresso della struttura. Una grande scalinata a ferro di cavallo porta ai piani superiori mentre non potete far altro che restare stupiti guardando gli arazzi dell'ingresso , mentre attendete di essere portati al cospetto del lord vi date un occhiata in giro e non potete far a meno di notare che quadri , arazzi e persino le mura hanno un qualcosa come di mistico ed antico .

Spoiler:  
siete in attesa all'ingresso , fate la descrizione del vostro pg (con immagine)e se volete ruolate , quando tutte le descrizioni saranno presenti verrete scortati di sopra e la campagna avrà inizio , buon game ;)

inizio campagna:

lostemma sui tabarri delle guardie e bandiera della città:

 

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 48
  • Created
  • Last Reply

post-16960-14347051905162_thumb.jpg

Beoful si guardó intorno quasi meravigliato. Quasi perché nessuna costruzione umana poteva reggere il confronto con l'arte nanica. Muscoloso per le battaglie di anni alle spalle, tarchiato come ogni nano che si rispetti, Beoful si era tolto l'elmo e i suoi capelli rossi legati in una grossa treccia gli cadevano sulle spalle protette dall'arma tura. Una barba altrettanto rossa gli ricadeva ordinata fin sul petto, coprendo in parte il suo sacro medaglione di Moradin. Gli occhi rivelavano una tristezza quasi cronica, ma anche una determinazione fuori dal comune. Una cicatrice bianca gli andava dalla sopracciglia all'orecchio destro, ricordo di un goblin particolarmente fortunato...era incuriosito da quel l'invito. La pista di Neverwinter si era rivelata infruttuosa, quindi ora aveva tempo per vedere di cosa si trattava tutto questo! Si accomodò su una panca al lato della sala, posando a fianco il suo fido martello da guerra, arma sacra di Moradin. E attese...

Link to comment
Share on other sites

@Tutti - Descrizione

Spoiler:  
Un piccolo halfling di 15 anni, di bassa statura, magro tendente al denutrito; vestito con una lucertola, la testa dell'animale avvolge la sua testa come un cappuccio, le zampe gli fanno da maniche ed il resto da pantalone.

Sopra il cappuccio, un "cappello" di piume nere (simile come forma a quello dei capi indiani d'america diciamo) apparentemente malconce e sporche.

Legato dietro la schiena, un bastone scolpito da facce di bestie (una rettile, un volatile, un beholder).

Il piccolo essere è accompagnato da un coccodrillo, di taglia media, di colore verde.

Mi guardo attorno irrequieto, cercando di capire a cosa servono quegli enormi stracci appesi al soffitto; con le nocche faccio "toc toc" sulle cornici dei quadri, curioso.

...???...

Annuso l'aria, come a cercare di orientarmi

Link to comment
Share on other sites

Mentre mi dirigo verso il castello osservo tutte le vie e tutte le persone che vedo per strada in modo guardingo

come avranno fatto a farmi un ritratto senza che me ne rendessi conto??? Eppure sto sempre attenta....

Il mio istinto mi dice che non dovrei accettare ma non posso farmi scappare l'occasione di una informazione.... Nonno....

Arrivata al castello mostro il mio invito e mi faccio scortare fino all'ingresso del palazzo. Aspettando di essere introdotta all'interno mi metto a suonare qualcosa con la mia cetra cercando di ingannare l'attesa.

@tutti

Spoiler:  

qui è in piano ma io uso la cetra, una specie di lira dal suono più dolce

La canzone è malinconica e con qualche tocco di tristezza. Mi ricorda del mio passato e delle persone a me care

@descrizione

Spoiler:  
la ragazza che si presenta davanti a voi è quella che viene definita "carina": bassa, quasi senza seno, ma con lunghi capelli biondi, lasciati lisci e sciolti e occhi azzurri incorniciati da un viso sbarazzìno.

Veste un abito ampio, di color verde scuro, stretto in vita e provvisto di numerose tasche, adorne di merletti di colore viola.

Link to comment
Share on other sites

Non fai in tempo a entrare in città, che già le guardie ti circondano.

L'inizio proprio non promette bene!

Mi parrebbe sgradito non presentarmi al castello...

anche perchè se questo Paladinson conosce il mio volto e richiede la presenza di un marinaio qualunque, vuol dire guai!

E quanto mi piacciono i guai!

Questo fu il primo pensiero di Anam, appena giunto in città.

Waterdeep, la celeberima città degli splendori.

Ma come ogni città, per quanto grande e ben tenuta, una taverna lercia vicino al porto la si trova sempre.

Anam entrò nella prima che vide, prese una birra al bancone e come al solito non fu difficile farsi un'idea della situazione dalle chiacchiere aleggianti nell'aria.

Paladinson, il custode della città...

la situazione si fa sempre più interessante!

Senza pensarci troppo, si diresse verso il castello, la propria meta.

Nel frattempo vide la frenesia dei mercati e della gente... quella c'è sempre in ogni città degna di questo nome!

Mostrò l'invito alle guardie e venne scortato all'ingresso della struttura.

Un nano, un halfling e una ragazza... per quanto gli sembri acerba, non gli dispiacerebbe farci un discorsetto!

se la smettesse di suonare quella nenia...

ma ora son più importanti altre questioni...

Si mise così ad aspettare in piedi composto non badando troppo agli altri.

Spoiler:  
Anam è un umano molto giovane, non particolarmente alto nè grosso.

La caratteristica principale che si nota è la carnagione molto scura (tipo quella degli indiani).

Indossa abiti neri, semplici pantaloni, maglietta maniche corte con chiazze di sale, stivali e una specie di piccola daga/coltello dalla strana fattura appesa alla cintura.

Strana, ma chiaramente poco pericolosa come arma.

(il resto dell'equipaggiamento è in nave)

Link to comment
Share on other sites

Spoiler:  
http://images.alphacoders.com/271/271873.jpg

Kahor è un nano che non sembra portato per la mischia confrontato ad altri nani, non ha un'armatura ma solo degli abiti da lavoro con qualche bruciatura qui e la, con un simbolo sulla spalla destra raffigurante un libro sopra un'ascia.

porta con se in bella vista quattro pugnali e un'ascia nanica, tutti questi oggeti hanno lo stesso simbolo, ma sembrano prendere spunto da culture diverse.

L'ascia ha un qualche cosa di orchesco, mentre due dei pugnali hanno la grazia tipica degli elfi.

Sono arrivato a Waterdeep da non più di qualche mese, lavoro come assistente da un'umano che non sarebbe capace di forgiare nemmeno un cucchiaio senza il mio aiuto, per questo quando ricevo un invito da parte di un certo Piergeiron Paladinson sono sollevato, un'opportunità per allontanarmi da quel pattume che chiama fucina, lo avviso velocemente prima di prendere tutta la mia roba per poi dirigermi verso il grosso palazzo che ho visto tutti i giorni dalla bottega.

Ripenso alle parole comparse giusto qualche giorno fà nel diario, probabilmente si riferiscono a questo, non posso lasciarmi perdere l'occasione.

Arrivato al castello mostro "l'invito" e mi fanno accomodare assieme a delle altre persone.

Un'altro nano che squadro bene, sembra il tipico nano, uno di quelli che si rendono facilmente insopportabili, c'è pure un piccolo halfling, decisamente mal ridotto e denutrito, e una ragazza che stà suonando qualche cosa con il suo strumento.

Senza ne presentarmi ne dire nulla su di me dico:

​Qualcuno sà a cosa devo questa convocazione? Hanno forse bisogno di un grosso quantitativo di armi?

Link to comment
Share on other sites

Girovago per la stanza, quando ad un tratto mi fermo e mi getto a terra, appoggiandovi l'orecchio sinistro

@DM

Spoiler:  
Cerco di ascoltare per capire se qualcosa si avvicina

(Nota: il nome nel post lo metto quando il nome è conosciuto.. al momento non lo è u.u)

...Uhm...è freddo.

Mi alzo nuovamente in piedi, mi avvicino ad un arazzo, lo tasto con le dita, dopodiché lo lecco per sentirne il sapore

Bleurgh...

Molto fastidioso!

Dopo averne constatato l'orrendo sapore, più fastidioso che orrendo, mi accuccio di fianco al mio animale, accarezzandogli la testa.

Link to comment
Share on other sites

dopo qualche istante sentite del rumore metallico provenire dall' alto delle scale , guardando notate una guardia in armatura completa, al centro dell'armatura il simbolo della città, la guardia regge con familiarità un alabarda ed al fianco sinistro notate una spada lunga dall'elsa ben lucidata.

Arrivando vicino a voi la guardia vi dice queste parole:

I signori sono attesi al piano superiore , se vogliono seguirmi

senza aspettare risposta torna su per le scale. Per restare al passo non vi reta che starle dietro.

La guardia vi fa strada attraverso la porta centrale a doppio battente ed insieme a lei percorrete una sala ,

6 possenti colonne a forma di giganti che reggono il soffitto vi lasciano a bocca aperta per la precisione dei dettagli,

tutt' intorno a voi potete notare quadri di quelli che probabilmente dovevano essere a capo della città nelle ere passate,

superate 4 porte laterali (2 x lato ) per essere indirizzati verso la porta centrale (anch'essa a doppio battente) .

La guardia bussa ed attende risposta da chi si trova dall'altra parte , risposta che non tarda ad arrivare , in poco tempo la guardia apre la porta ed entra ,

annunciando la vostra presenza a chi si trova dentro la stanza vi concede il passo mettendosi da parte.

I signori si possono accomodare

una volta dentro la guardia esce richiudendo la porta alle vostre spalle.

La grande stanza in muratura sembra molto semplice , un camino spento sulla parete nord ed una sorta di armadio in legno nella parete sud,

al centro della stanza un enorme tavolo in granito lascia spazio ad almeno venti posti a sedere, le sedie sembrano dei veri e propri troni in legno ,

notate che la stanza è piena di persone (19 in tutto) e 15 di loro indossano delle maschere raffiguranti animali .

Non appena entrate i presenti sembrano stupiti nel vedervi e molti di loro parlano sottovoce con la persona accanto, non ci vuole molto a capire

che sono sostanzialmente commenti nei vostri riguardi.

Delle 19 persone presenti solo due sono in piedi , un umano che indossa una tunica verde ed un bastone nero come la pece

http://images1.wikia.nocookie.net/__cb20101207233346/forgottenrealms/images/7/76/Khelben.jpg

ed un tizio con un armatura in argento sulla trentina

http://cdn.obsidianportal.com/images/729486/Lord_Piergeiron.jpg

ed è proprio lui a prendere la parola e calmare il brusio suscitato dalla vostra entrate:

Benvenuti, vi stavamo aspettando, comprendo che vi chiederete il perchè di questo invito

e sarà compito del nostro consigliere illuminarvi al riguardo

indicando il tizio con il bastone nero

Ma prima lasciate che vi presenti i partecipanti a questa riunione, io sono lord Piergeiron Paladinson, custode di Waterdeep e membro dei 16, questi signori

indicando le persone mascherate

sono i restanti lord di Waterdeep, per ragioni di sicurezza la loro identità viene tenuta segreta da quelle maschere

indicando verso la sinistra del tavolo un altro umano continua

Lui è lord Eltan dredmore dalla meridionale Baldurs'Gate

http://img709.imageshack.us/img709/315/priestsofemoenbythegryp.jpg

indicando poi verso destra un ennesimo umano in armatura dorata continua :

Alla mia destra Lord Nasher Alagondar dalla ridente Neverwinter

http://media.giantbomb.com/uploads/0/1468/358620-nasher.jpg.

Noi siamo a capo di 3 città che sono il perno della costa della spada , noi siamo.......l'alleanza dei lord

Bene, se volete presentarvi e fare delle domande prima di cominciare potete farle, altrimenti lascerei la parola al nostro consigliere, Kelbhen Arunsun, meglio noto come bastone nero

(l'umano in tunica verde per capirci)

Link to comment
Share on other sites

@Lamadanzante

Spoiler:  
nessun simbolo evidente , no , non si tratta di un sacerdote ma sai che è stato definito come consigliere ed in genere i consiglieri sono degli incantatori, non hai la certezza ma la probabilità ti sembra alta visto che comunque il fisico asciutto non è assolutamente adatto per un combattente
Link to comment
Share on other sites

un pò sorpreso dal fatto che tutti ci abbiano rivolto attenzione, mi sposto vicino ad un tizio in maschera, ed esamino i dettagli di essa da vicino, per capire quanto può essere fedele all'animale raffigurato, e cerco di capirne il materiale di costruzione.

...???... perchè proprio a forma d'animale?

Finito di esaminarla, mi dirigo verso il tavolo e controllo le sedie con un "toc toc", mentre ne ascolto il suono.

Dopo il mio rapido giro, torno a fianco del mio fedele compagno, incrocio le braccia ed attendo con aria fiera.

Link to comment
Share on other sites

Rimango in silenzio tutto il tempo, osservando l'ambiente circostante. Quando veniamo presentati agli altri uomini presenti nella stanza arrossisco leggermente e cerco di non incontrare il volto di nessuno.

Quando ci viene data la parola faccio una profonda riverenza e con gli occhi bassi comincio a parlare

il mio nome è Mana, e sono estremamente onorata di essere al vostro cospetto, ma se mi permettete l'ardire vorrei sapere come mi avete rintracciato e a cosa può esservi utile una abiuratrice dilettante come me quando ci sono fior fior di avventurieri indefinitamente più capaci di me?

Link to comment
Share on other sites

quell'halfling non mi pare tutto a posto... chissà da dove viene...

Il pensiero di Anam fu interrotto dall'arrivo di una guardia.

Lasciò da parte ogni pensiero sui presenti e lo seguì.

La scena che gli si presentò davanti era alquanto inaspettata.

Che i lord governanti debbano coprirsi il volto indica che in questa città non son presenti solo splendori.

E ci son anche i lord di altre città.

Tutto questo è preoccupante...

La ragazza prese la parola.

Diretta al punto principale.

Anam si mise leggermente defilato agli altri e sempre stando in silenzio, aspettò che parlassero.

SOn loro che devono dare spiegazioni... le domande a dopo fu l'ultimo pensiero di Anam.

Link to comment
Share on other sites

L'altro nano si avvicina a me presentandosi come un chierico di Moradin.

Non sembra essere di quel tipo di nani....

Il mio nome è Kahor, fa...

Vengo interrotto dalle guardie, che ci dicono che siamo attesi di sopra.

Vengono presentate diverse persone "importanti" ma sono per lo più nomi che mi dicono poco, non sono mai stato interessato alle figure importanti.

La ragazza si presenta davanti a tutti come Mana, sembra essere in imbarazzo, per poi dire:

Se avete convocato pure me devo presumere che tra le altre cose vi serve un buon quantitativo di armi, sbaglio?

Dico, in tono abbastanza burbero.

Link to comment
Share on other sites

alle parole della ragazza tutti i presenti ad esclusione di Khelben scoppiano a ridere.

Con un gesto delle mani Paladinson placa i presenti richiamandoli al silenzio e rivolto a voi:

Vi prego di perdonarci non volevamo essere offensivi nei vostri confronti ma la domanda posta dalla nostra giovane Mana è la stessa che ci siamo posti in questo consiglio.

Per dissipare ogni dubbio lascio la parola a bastone nero

e facendosi da parte lascia il posto al consigliere di Waterdeep.

Ponendosi al posto di Paladinson l'arcigno Khelben inizia a parlare mantenendo la stessa serietà che avete potuto notare sin dall'inizio,

il suo tono sembra calmo ma severo:

Il mio nome già lo conoscete ma ciò che è più importante e che oltre ad essere arcimago e consigliere di Waterdeep sono anche un eletto della dea Mystra, signora dei misteri.

Volevo puntualizzare che se fosse dipeso da me non vi avrei scelti neanche se voi foste gli ultimi avventurieri rimasti sulla faccia di questa terra

Khelben , mantendo lo stesso cipiglio continua dopo pochi secondi

Sicuramente il Faerun può annoverare avventurieri e persino eroi che sono di gran lunga migliori di voi, ma nessuno di questi è stato scelto. Per ragioni che vanno oltre la mia umana comprensione siete stati scelti voi ed io accetto tale decisione, siete stati preferiti a persone che più di un occasione hanno rischiato la vita per il bene del nostro mondo cercate di essere degni di tale onore

Link to comment
Share on other sites

Un mago, dovevo immaginarlo...mi faccio avanti, stringendo il medaglione raffigurante il sacro simbolo del mio dio e esclamo: Messere mago, io sono un eletto del Sacro Forgiatore e ho combattuto per anni contro il male, sia nei tunnel intorno alla mia patria, sia in superficie tra quelli della tua razza! Puoi stare tranquillo che io e la mia fede saremo all'altezza!

Link to comment
Share on other sites

Un brontolio del mio stomaco mi fa notare che ho una certa fame; guardo sul tavolo per vedere se c'è qualcosa.

Fameeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee...

Notando Bastone Nero, mi avvicino a lui, guardandolo ansioso, con un sorriso a trentadue denti gialli e rotti e gli occhi curiosi. Guado un pò lui, un pò il suo bastone.

Toc-toc, toc-toc, toc-toc?

Link to comment
Share on other sites

l'altro nano sembra che voglia mostrarsi rispetto agli altri, decantando le sue lodi in battaglie nelle sue terre.

Personalmente, non mi sarei nemmeno scelto io...

Borbotto tra me e me, cercando di non disturbare il parlare dell'uomo, al contrario di come sembra voler fare altra gente.

Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.