Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Curse of Strahd: la Beadle & Grimm pubblicherà la Legendary Edition

Se la Revamped Edition recentemente annunciata dalla WotC non dovesse bastarvi, potrebbe essere vostro interesse sapere che la Beadle & Grimms ha deciso di pubblicare la Legendary Edition di Curse of Strahd, l'Avventura dark fantasy per D&D 5e ambientata a Ravenloft (qui potete trovare la recensione pubblicata su DL'). Per chi tra voi non lo sapesse, le Legendary Edition della Beadle & Grimm sono versioni extra-lusso delle avventure pubblicate dalla WotC per D&D, contenenti oltre all'avventura tutta una serie di accessori pensati per rendere l'esperienza dei giocatori più immersiva e divertente.
Al costo di 359 dollari, dunque, all'interno della Legendary Edition di Curse of Strahd potrete trovare:
l'Avventura per D&D 5e Curse of Strahd suddivisa in libri più piccoli, in modo da aiutare DM e giocatori a orientarsi più facilmente nel suo ampio contenuto. Come aggiunta, sono stati inseriti alcuni PG pre-generati per i giocatori e una serie di incontri di combattimento bonus. 17 mappe per il combattimento che coprono ogni angolo di Castle Ravenloft, la dimora di Strahd. Una mappa dell'intera Barovia disegnata su tela. 60 Carte di Scontro, che permetteranno ai giocatori di farsi un'idea dei PNG e dei mostri che si troveranno di fronte grazie alle loro illustrazioni. Una serie di supporti di gioco per i giocatori, quali lettere, atti relativi a misteriose proprietà, note scritte dal proprio "gentile" ospite, monete del Regno di Barovia, ecc., utili per dare ai vostri giocatori elementi concreti con cui sentirsi più immersi nella campagna. Uno Schermo del DM con illustrazioni originali sul fronte e le informazioni utili a gestire la campagna sul retro. Una serie di pupazzi per le dita, con cui divertirsi a interpretare i mostri e i PNG dell'Avventura. La Legendary Edition di Curse of Strahd uscirà a Novembre 2020.
Grazie a @Muso per la segnalazione.


Fonte: https://www.enworld.org/threads/beadle-grimms-legendary-edition-curse-of-strahd.673629/
Link alla pagina ufficiale di Beadle & Grimm: https://beadleandgrimms.com/legendary/curse-of-strahd
Read more...
By aza

D&D 3a Edizione compie 20 anni!

Nel mese di Agosto, di 20 anni fa, veniva rilasciato il Manuale del Giocatore di Dungeons & Dragons 3a edizione.
Sicuramente la 3a edizione rappresenta uno spartiacque per quel che riguarda D&D e segna l’inizio dell’epoca moderna del gioco per diversi motivi:
Innanzitutto, per la prima volta D&D aveva un sistema coerente di regole. Precedentemente erano presenti svariati sottosistemi che non si integravano tra di loro. C’era ben poca coerenza. Ci ha donato l’OGL, che ha rappresentato una svolta enorme nel mondo dei giochi di ruolo. L'OGL infatti ha permesso a chiunque di poter produrre materiale compatibile o derivato dal regolamento di D&D. La quantità di materiale pubblicata per d20 negli anni 2000 è, e probabilmente lo sarà per sempre, ineguagliabile. Ha revitalizzato D&D in un modo che non si vedeva da moltissimo tempo. Negli anni ’90 con il boom dei videogiochi, la nascita dei giochi di carte collezionabili e regolamenti ben più evoluti di AD&D (si può pensare alla White Wolf che all’epoca era il nome più importante) D&D soffriva e non poco. Ha visto il ritorno di Diavoli, Demoni, Assassini, Barbari, Mezzorchi e Monaci. La seconda edizione nacque con ancora fresco il ricordo delle polemiche riguardanti il “satanic panic” degli anni ’80. Quindi tutto ciò che poteva essere considerato “moralmente offensivo” come diavoli/demoni, assassini o mezzorchi venne rimosso. I barbari vennero ritenuti ridondanti rispetto ai guerrieri e i monaci  poco adatti ad ambientazioni basate sull’Europa occidentale medievale. Queste le prime cose che mi vengono in mente, ma vi invito a condividere con noi i vostri ricordi, le esperienze e i pensieri per questo 20° anniversario di D&D 3E.
Read more...

Fuga dall'Abisso è uscito in lingua italiana

A partire da ieri, 30 Luglio 2020, l'Avventura Fuga dall'Abisso per D&D 5e è finalmente uscita in lingua italiana. Pensata per PG di livello 1-15, quest'avventura è ambientata nel Sottosuolo dei Forgotten Realms ed è caratterizzata dalla presenza dei mostruosi Signori dei Demoni.
Qui di seguito potrete trovare la descrizione ufficiale dell'Avventura, la copertina del manuale e la recensione da noi pubblicata su DL'.
Fuga dall'Abisso
Dungeons & Dragons è un gioco per veri eroi che amano vivere intense e adrenaliniche avventure, e Fuga dall’Abisso è il manuale giusto per chi sente il bisogno di passare la serata a salvare il mondo!
A causa di un piccolo errore di calcolo, l'arcimago drow Gromph Baenre, di Menzoberranzan, si pente di aver iniziato la sua carriera arcana…
Che cosa succede quando i cancelli dell’Underdark si aprono per far entrare i demoni dell’Abisso? Una quantità di orrori inimmaginabile si riversa nel sottosuolo, creature d’ombra che rendono ancora più claustrofobici i cunicoli di pietra…i personaggi saranno in grado di sopravvivere alla follia?
Dedicata agli amanti dei dungeons labirintici, Fuga dall’Abisso è un’avventura adatta a personaggi dal livello dal 1° al 15°, che dovranno riuscire a sopravvivere e a tornare in superficie prima di abbandonarsi alla disperazione, ma non solo: dovranno fermare una catastrofe imminente, che potrebbe distruggere non solo le antiche città naniche, duergar e drow, ma raggiungere persino i Reami Dimenticati!
Avranno molte scelte importanti da compiere, e la possibilità di unirsi a molti compagni di viaggio. Un’esperienza di gioco tra le più appassionanti e tra le più riuscite della saga di “Furia dei Demoni”.
Lingua: italiano
Formato: Copertina rigida
Prezzo: 49,99 euro
Articoli di Dragons' Lair:
❚ Recensione di Fuori dall'Abisso

Link alla pagina ufficiale del sito Asmodee Italia: https://www.asmodee.it/news.php?id=722
Read more...
By senhull

Intervista a Keith Baker riguardo Exploring Eberron

Questo è il link all’evento andato in onda ieri.
Qui sotto trovate una breve sintesi per chi non avesse voglia/tempo di guardarsi tutta la registrazione.
Exploring Eberron
Il libro sarà pubblicato su DMs Guild sia come PDF sia in un'edizione cartacea su copertina rigida (ad oggi ancora senza data ufficiale), ma Keith ha detto più volte in tutto lo stream che ciò potrebbe avvenire in qualsiasi momento. Stanno aspettando che le copie stampate ottengano il via libera poiché credo che il precedente processo di stampa fosse disallineato/con errori. Quindi dita incrociate per questo fine settimana e Keith ha ribadito che è ciò che spera. Il prezzo del libro non è stato menzionato nello stream. Si tratta di 248 pagine e ci saranno più parole che in Rising from the Last War.
Il libro mira a coprire temi che sono stati ignorati o solo brevemente menzionati nei precedenti libri canonici, tra i quali la cosmologia planare, gli oceani e i regni dei mostri (goblinoidi in primis).
C'è un intero capitolo dedicato alla cosmologia planare, che include una mappa splendidamente illustrata dei piani e ogni piano avrà tra 4-6 pagine che descrivono in dettaglio i concetti (per esempio come funziona Fernia, e quindi far passare il messaggio che non è solo il piano di fuoco). L’obiettivo è quello di permettere ai DM di predisporre con serenità e completezza tutto quel che necessario per sviluppare un'avventura planare, nonché definire come i piani potrebbero influenzare un'avventura anche se di viaggi planari non ne vuoi sentir parlare: praticamente come funzionano le zone di manifestazione. C'è anche una grande sezione dedicata ai goblinoidi Dhakaan in cui probabilmente verranno dati molti dettagli sulla storia del loro impero e di ciò che ci si deve aspettare esplorando le loro rovine.
Sottoclassi
Ci sono sei nuove sottoclassi. Due di loro sono "solo" per personaggi di razza goblinoide, anche se non è detto che siano vincoli razziali, ma trattandosi di Dhakaan…
Adepto della Forgia (Artefice) (Goblinoide)
Keith descrive questa classe come la tradizione di artefice Dhakaan (OT: su questo potrei aprire una bella discussione…), ed è una sorta di spin-off della sottoclasse del Battle Smith da Rising from the Last War. Laddove il Battle Smith si concentra sul costrutto/famiglio, l’Adepto della Forgia cercherà di creare un'arma perfetta e quindi migliorarla. Usa l'idea che i Dhakaani siano, per tradizione marziale, principalmente dediti alla forgiatura di armi e armature, quindi l’Adepto della Forgia è un esperto nella creazione di armi e armature e cerca di creare "l'arma perfetta". Questa è un'altra sottoclasse di artefici melee. Ovviamente l’arma perfetta ha anche un nome specifico in goblin che non vedo l’ora di leggere!
Collegio dei Cantori Funebri (Bardo) (Goblinoide)
Basandosi sul fatto che i Dhakaani tendenzialmente non amano la magia arcana e divina, molti dei loro leader spirituali erano Bardi (clan Kech Volaar, in primis). Lo descriverei come una sorta di comandante del campo di battaglia che ispira costantemente le truppe. Keith lo descrive dicendo "sto interpretando il mio ruolo attraverso i miei compagni, non ho bisogno di combattere; sto guidando gli altri". Sembra una sorta di sottoclasse.
Maverick (Artefice)
Questa sottoclasse si rifà all'infusione dell’artefice della 3.5 " Spell Storing Item” (Accumulatore di incantesimi). Keith la spiega così: "Farò la cosa di cui abbiamo bisogno, datemi un minuto". L'artefice è in grado di immagazzinare incantesimi negli oggetti (cura ferite portatili? Torrette fulminanti? Mine fireball?). Il Maverick è in grado di scegliere incantesimi destinati ad altre classi anche se in misura limitata, e con il consueto incremento man mano che si sale di livello. Sono anche in grado di cambiare i cantrip con un breve riposo.
Via dell’Arma Vivente (Monaco)
Questo attinge ad alcune classi di prestigio descritte nei manuali Eberron 3.5 come il Quori Nightmare e il Were-touch Master, e si concentra sul trasformare il tuo corpo in un'arma. Sebbene non siano bloccati dal punto di vista razziale, esistono apparentemente "percorsi" diversi che si amalgamano bene con razze come Forgiati, Morfici o Cangianti.
Circolo della Forgia (Druido) (Questo potrebbe essere razzialmente vincolato ai forgiati)
Parte di questa classe è in realtà frutto di una discussione che chi ha giocato ad Eberron un druido forgiato (in qualsiasi edizione) si sarà PER FORZA posto: "Ma un forgiato si trasforma in un animale in carne e ossa o in un Animale forgiato/costrutto? ". La risposta ufficiale è sempre stata quella di trasformarsi in un animale in carne e ossa. Questa sottoclasse ora ti consente di trasformarti in un animale forgiato (OT: ma quanto bella è questa idea…???). Apparentemente è simile al Cerchio della Luna in quanto è un druido guidato da una forma selvaggia, ma si concentra maggiormente sull'essere un costrutto. Todd ha anche menzionato cose come "Adamantine Hide", "Skin of Steel", "Elemental Fury", ma queste non sono state ampliate durante i discorsi, accendendo in me un interesse ancora più forte…
Dominio della Mente (Chierico)
Questa sembra essere la cosa più vicina ai poteri psionici, direi che è assolutamente perfetto per i Kalashtar visto che sfrutta per bene i poteri psionici, ma che devono essere per forza di allineamento buono. Si ottengono quindi incantesimi come Comando, Confusione, Dominare Persone e Telecinesi. Quando lanci un incantesimo che infligge danno radiante, puoi invece fargli infliggere danno psichico, quindi cose come la fiamma sacra ora possono avere il flavour di un'esplosione mentale.
Sottorazze
Rune Bound / Rune Born / Ruin Blood (?)
C'è una sottorazza (accennata, ma potrei aver inteso male) che il libro aggiunge, questa è la sottorazza di Rune Bound per il Nano e si rivolge ai Nani delle Rocche di Mror e più specificamente a coloro che giocano lo stregone. Mentre i nani “standard” combattono senza sosta contro i Daelkyr, il Rune Bound Dwarf nasce con un simbionte dentro di sé e con la capacità di usarlo. Il nano (figherrimo) sulla copertina di Exploring Eberron è uno di questi.
Marchi del Drago
Gli oggetti Focus dei Marchi del Drago hanno una nuova sezione, con molte più opzioni da esplorare.
I marchi del drago sono stati ampliati per includere ora i Marchi Siberys (finalmente!!!). Questa non è un talento, né un'aggiunta di sottorazza, un Marchio Siberys può essere acquisito solo tramite il DM che permette ad un giocatore di ottenerne uno, e dovrebbe richiedere una grande ragione narrativa dietro a tale concessione. Keith li definisce Doni Soprannaturali.
La classificazione è: se hai un marchio del drago (talento di Rising from the Last War) potete migliorarlo a Marchio Superiore. Se non avete un marchio e lo ottieni, ora avete un Marchio Siberys. Questo è stato fatto per provare a combinare i le due opzioni, semplificando. In definitiva, se non si desidera utilizzare i marchi Siberys, dipende dal DM.
Oggetti magici
C'è un bel pacchetto di nuovi oggetti magici.
Oggetti simbiotici come
Crawling Gauntlet (Guanto strisciante?) Hungry Weapon (Arma Affamata) Coat of Many Eyes (Manto dei molti occhi) Tongue Worm (Verme lingua?) Wandering Eye (occhio errante) Sono stati inseriti oggetti focus dei Marchi del Drago, per risolvere il problema di chi possiede il marchio ma non è un incantatore e quindi avrebbe delle difficoltà oggettive a lanciare il proprio incantesimo. Questi elementi dovrebbero risolverlo.
Varie ed Eventuali
Si parla poi di:
Oggetti magici Dhakaani Armi magiche d’assedio Altre cose C'è un capitolo chiamato Friends & Foes (Amici e Nemici), che dovrebbe contenere blocchi di statistiche sia per gli amici che per i nemici. Parte di questo capitolo parla di Valaara, la Regina Strisciante, una delle Sei Piaghe Daelkyr (fra l’altro tra gli spoiler che trovate sul blog di Keith). Un altro Quori e poi altre informazioni sulle razze acquatiche.
Non ci sono nuove informazioni sul Marchio della Morte, ma viene trattata la storia di Erandis, nonché una sezione sul Sangue di Vol e le altre fedi. Keith chiarisce alcune informazioni contrastanti di diversi autori, e ha specificato che tutte le informazioni nel libro rappresentano la SUA visione e di come aveva originariamente creato Eberron.
Si discute poi sul flavour dei personaggi psionici.
Ci sono alcuni nuovi talenti.
C'è una sezione sull'Ultima Guerra, su come è stata effettivamente combattuta e sui metodi usati, questo probabilmente includerà le armi magiche d'assedio.
Read more...

Curse of Strahd: è in arrivo la Revamped Edition

La Wizards of the Coast ha annunciato l'uscita per il 20 Ottobre 2020 di Curse of Strahd Revamped, una boxed edition della già pubblicata Avventura per D&D 5e Curse of Strahd (di cui potete trovare qua la recensione pubblicata su DL') ambientata nel tenebroso semipiano di Ravenloft. Questa Boxed Set, in arrivo al prezzo di 99,99 dollari, conterrà all'interno di una scatola a forma di bara:
Una versione aggiornata dell'Avventura, che integrerà gli Errata e molto probabilmente una revisione delle sezioni dedicate ai Vistani (come già preannunciato qualche tempo fa). Un breve manuale dei mostri chiamato Creatures of Horror (Creature dell'Orrore). Un poster contenente su un lato la mappa di Barovia e sull'altro quella di Castle Ravenloft. Un mazzo dei tarocchi e un opuscolo di 8 pagine. Una dozzina di "cartoline" da Barovia. Uno Schermo del DM IL sito IGN ha pubblicato un video in cui, insieme a Chris Perkins, viene mostrato il contenuto di questa boxed edtion:

Fonte: https://www.enworld.org/threads/curse-of-strahd-revamped-boxed-collectors-edition.673545/

Link alla pagina ufficiale del prodotto: https://dnd.wizards.com/products/tabletop-games/rpg-products/curse-strahd-revamped
Read more...

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

Urizen- Obsidian Lord

Oxithia 5° Edizione - Nel Nome Della Carne

Recommended Posts

@Tutti

Spoiler:  
Solite regole:

Descrizione senza formattazioni di testo particolari

Pensieri in blu corsivo

Parole in grassetto

Usate il presente.

Nel primo post la descrizione fisica del personaggio.

Urvalla sta cambiando. Negli ultimi mesi oscure presenze appesantiscono le vite dei cittadini del borgo. Cosa abbia scatenato l’irrequietezza generale è un mistero, ma di fatto ogni settimana, puntualmente, una persona scompare. Un vecchio, una bambina, un contadino in forze e nel fiore degli anni, non fa differenza.

L’ultimo è stato il piccolo Joppe, un bambino, il secondo da quando le sparizioni sono iniziate.

Questo ha fatto traboccare il vaso degli animi dei cittadini, che iniziarono a manifestare sotto la torre del borgomastro per chiedergli di fare qualcosa, e di farlo emergere dal silenzio sulla questione.

La superstizione degli abitanti li ha portati a tessere storie di demoni provenienti dall’ombra e rispondenti a una qualche forza soprannaturale, che assaltano gli ignari e incauti cittadini che sfidano la sorte camminando nei vicoli bui e deserti del paese. Qualcuno giura anche di averli visti con i propri occhi e li dipinge come esseri sfuggenti di pura ombra.

Dall’interno della sua torre, Gus Urval decise alla fine di indire un’assemblea pubblica in un dato giorno, per permettere ai cittadini di proporre le proprie idee al consiglio dei funzionari e al borgomastro stesso. Quel giorno è arrivato.

La piazza di Urvalla è gremita. Sono presenti all’appello quasi tutti gli abitanti del paese. Dal grande terrazzo al terzo piano della torre, Gus è in piedi, vestito con abiti sfarzosi da cerimonia pubblica, mentre i tre funzionari gli siedono poco dietro, su tre grosse sedie di legno nero.

I funzionari sono tra le personalità più di spicco nel borgo. Sono persone conosciute e rispettate da tutti, la cui aria severa va di pari passo con la loro lealtà verso la comunità e il loro senso del dovere civico. Frederik Von Tremere è anche il capo della guardia cittadina, che si preoccupa della sicurezza del borgo e dell’ordine al suo interno; Julius Vastaine è la figura che fa funzionare la macchina della giustizia a Urvalla, e si preoccupa di giudicare le persone che vengono accusate dei vari crimini e portati alla sua corte; Whaj Thareau si occupa invece del sistema burocratico, e che ogni procedura si attenga al codice dei protocolli di Urvalla.

@Tutti

Spoiler:  
Vi trovate nella piazza anche voi. Scegliete la vostra posizione e iniziamo.

Il chiasso nella piazza si rompe improvvisamente per piombare nel silenzio.

L’assemblea presieduta dal sottoscritto Gus Urval, e coadiuvata dai funzionari Frederik Von Tremere, Julius Vastaine e Whaj Thareau ha inizio. annuncia prendendo la parola Gus Urval.

Cittadini e fratelli! Sono dispiaciuto se il mio silenzio è stato percepito dai vostri cuori come una riluttanza all’azione. La verità è che i funzionari ed io abbiamo già mosso i primi passi per la risoluzione di questa faccenda delle sparizioni e posso garantirvi che non c’è nessun demone là fuori pronto a sbranarci e nessuna ombra in agguato ad inghiottirci, la faccenda è anche peggiore! Il pericolo è umano fratelli.

Detto questo, Frederik si alza dalla sua sedia e prende posto sul terrazzo mentre Gus si siede al suo posto. Abbiamo visto qualcosa introdursi tra le mura della città quando sono venuti a prendersi il piccolo Joppe, che noi tutti abbiamo amato. Sono individui armati, pericolosi e sfuggenti. La guardia non è riuscita a stare loro dietro per molto. Sono agili e si volatilizzano in un istante di distrazione, come mosche che attraversano un’ombra. Temiamo che si tratti di una banda di razziatori.

Il silenzio è rotto dalle grida dei cittadini. Infami!, Perché se la prendono con noi?, Dovete fare qualcosa!, Maledetti!, La guardia cos’ha fatto finora? E’ rimasta solo a guardare?, La guardia dovrebbe salvaguardare, non solo guardare!, Cosa vogliono dai nostri cari?

Gus si alza e riprende la parola. La piazza ripiomba nel silenzio.

La guardia è stata impegnata a difendervi tutto questo tempo! Avremmo avuto molte più sparizioni se la nostra eroica forza armata non fosse stata così efficiente. So che siete amareggiati, cittadini e fratelli! Ma abbiate fede nella comunità!

Alzando le braccia alla folla, il borgomastro tuona una domanda:

Fratelli! Come membri e struttura portante della comunità intera, qual è il vostro pensiero? Le proposte verranno raccolte e discusse da me e dal consiglio. A voi la parola!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seduta in prima fila, in una delle sedie della fila sinistra, ascolto con attenzione le parole del borgomastro nonostante apparentemente abbia quel consueto sguardo che pare perso nel vuoto. Senza partecipare al coro di grida dei miei concittadini, cambio posizione, divenuta scomoda, accavallando le gambe magre. Per l'occasione non ho con me le armi e l'armatura donatemi poco tempo fa, e ho indossato un lungo abito semplice, color panna, su cui ricadono i lunghi ricci biondo cenere e che lascia appena intravedere al di sotto le forme ancora acerbe del mio corpo. Una sottile cintura in cuoio ricamato e dei sandali dello stesso materiale completano l'abbigliamento.

Approfitto dell'istante di silenzio che si è creato dopo l'appello del nostro primo cittadino, e sollevando una mano dalla pelle rosea intervengo

Perdonatemi, Borgomastro. Avete detto che il pericolo di questi mesi ci è stato portato da umani... forse razziatori... che prove abbiamo a sostegno di questo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come pochi altri, mi è stato concesso di assistere all’evento dall’interno della torre.

In fondo mio padre ha bisogno di qualcuno che gli guardi le spalle, in questo momento..

Un’espressione vagamente corrucciata mi si dipinge sulle labbra al pensiero di ciò che sta accadendo a Urvalla, mentre fisso gli schienali delle sedie sul terrazzo senza però rivelare altro, se non decisione, nel mio sguardo. Rimango all’interno della torre, statuario nella mia armatura opaca che sembra scolpita da roccia vulcanica, l’elmo finemente forgiato tenuto sotto al braccio destro. Le parole del Borgomastro e quelle del mio vecchio mi giungono ben chiare, e benché io già sia al corrente di buona parte delle cose ascolto attentamente, in religioso silenzio e con gli occhi sul legno di quegli schienali. Non sono visibile alla massa di cittadini che si è riunita, stando quasi aderente alla parete del salone interno alla torre che finisce in un arco che dà sulla terrazza.

L’atmosfera è più tesa del previsto..

Riavviandomi il lungo mantello viola, ricamato di bordi dorati, cerco di concentrarmi meglio sulle voci dei popolani andando a porgere impercettibilmente l’orecchio destro verso la terrazza vista la maggior difficoltà nel coglierle data la mia posizione. Mi giungono le preoccupazioni, i commenti di gente rozza che ovviamente dà sfogo alle paure cercando aiuto nell’autorità di Gus, e con una smorfia di disappunto assottiglio lo sguardo verso un punto indefinito del terrazzo trovandomi a pensare alla semplicità di alcune persone.

Poi, finalmente, una domanda di qualcuno che –seppur nella sua ignoranza- dimostra almeno di avere un po’ di sale in zucca. Cerco di intuire chi abbia parlato, mentre mi sciolgo i muscoli delle gambe spostando il peso dalla destra alla sinistra e con un piccolo clangore metallico cambio il fianco sotto il quale tengo la mia testa di Drago, in ascolto.

@descrizione

Spoiler:  
Alto, moro e con gli occhi di un colore violetto, Lachelot è uno splendido giovane dal fisico possente. I capelli sono mossi, lunghi fino alle spalle. Il tratto decisamente più caratteristico è il particolare colore dell’iride, che ricorda a tratti quello dei gas di Oxithia. Come in ogni occasione ufficiale o degna di nota, indossa una corazza di scaglie di un colore quasi nero, completamente ricoperta di uncini e punte, che gli fanno assumere un’aria ancor più prestante, pur se inquietante. Lo scudo che porta legato alla schiena ha il simbolo della casata ben in vista, e l’elmo della corazza richiama le forme di una testa di drago.

@dm

Spoiler:  
Per caso riconosco la voce di chi ha rivolto la domanda?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Conosco bene la piazza. Forse anche melgio delle mie tasche quindi prima che la folla ci si riversasse mi sono trovato l'angolino perfetto, arrampicato sopra un muretto (in realtà la facciata di una bassa casa) mi poso godere la vista della terrazza senza teste in mezzo. Inoltre sono abbastanza defilato da non dare troppo nell'occhio. Almeno dal basso della piazza.

I quattro funzionari infatti non possono non notare la figura scura avvolta di pelle appollaiata sul muro chiaro. Ma cosa importa? I vestiti in pelle di buona fattura che indosso sono d'altronde un buon richiamo per i clienti della bottega.

Durante il discorso faccio vagare i miei occhi castani sulla folla cercando di valutarne le reazioni. Il mio sguardo malizioso si posa infine su una mano alzata della prima fila e mi gratto preplesso il mento ombreggiato da un accenno di pizzo quando sento la domanda che pone.

La gente sotto di me, ancora distratta dalle parole di Urval, non è riuscita a cogliere la cosa quindi ne approfitto per gettare qualche seme.

perchè fare una domanda quando una folla la può fare al posto tuo?

"forse la solerte guardia cittadina è a corto di uomini per fronteggiare un simile problema?"

ora vediamo la piccola scintilla che ho lanciato a questi pochi concittadini ci mette a diventare un fuoco.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Frederik torna in piedi e si affianca a Gus per rispondere alla domanda di Elihanna.

Chi altri potrebbe essere così pazzo da sfidare un'intera città? E poi l'intero gruppo di guardie che ha avuto il coraggio di inseguire, anche se per poco, i colpevoli delle sparizioni e i cui nomi non posso rivelare per ragioni di sicurezza, sostengono di avere visto un simbolo cucito sui loro sfuggenti mantelli. Chiaramente è un simbolo di una delle bande di Stroxia.

Alcuni tra la folla all'udire il nome della città maledetta non riescono a contenere insulti di vario genere verso quel luogo e chi vi abita.

La guardia cittadina non è a corto di uomini per la difesa di Urvalla, continua Frederik, ma chiaramente, come ben sapete nessuno è folle abbastanza da avventurarsi a Stroxia.

Julius Vastaine si sente di aggiungere qualche parola.

Ricordo ai fratelli cittadini che il compito della GUARDIA cittadina è quello di VEGLIARE sulla città. Non stiamo parlando di un gruppetto di squallidi mercenari, parliamo di un corpo armato intrepido ma fedele al codice, che proibisce ogni azione al di fuori delle mura. Per questi compiti sono chiamati gli Scudi di Turithia, che l'illustre Thareau ha provveduto a informare inviando loro un corvo messaggero. Whaj Thareau, chiamato in causa si alza silenziosamente e solennemente per fare un inchino alla folla e tornare a sedersi subito dopo.

@ Lachelot

Spoiler:  
Si, riconosci quella voce. Si tratta di Elihanna soprannominata "delle Nebbie" poichè non molto tempo fa era nato un caso intorno alla sua scomparsa, prima che ella tornasse spontaneamente in città profondamente cambiata. Elihanna è ancora una ragazzina, ma sembra aver perduto la sua giovinezza e spensieratezza dopo il suo ritorno a Urvalla.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Di sicuro non riesce a vegliare come tutti noi vorremmo...

E le indagini cosa suggeriscono a proposito del nascondiglio di questi razziatori? Si ritiene sia proprio qui in città, o che essi la abbandonino dopo ogni rapimento?

Sono state notate ricorrenze o coincidenze che riguardino la cadenza delle sparizioni?

Anche tra me e me cerco di ricordare se possa esserci qualche strano incastro nella sequenza dei rapimenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rimango in religioso silenzio, impeccabile nella posa elegante di giovane cavaliere quale sono. Sento le risposte di mio padre e delle altre autorità di Urvalla, e poi ancora una volta quella voce..

La ragazza delle nebbie..sembra essere più espansiva del solito, oggi... rimugino, andando ad immaginarmi la ragazzina contornata dalla folla radunata piazza.

Le labbra rosee serrate e gli occhi violetti rivolti ancora in un punto indefinito sul legno lavorato sul quale siede mio padre, una striatura dai contorni incerti nella levigazione.

Ma il mio interesse nei confronti di Elihanna dura ben poco quando sento nominare Stroxia..e nelle mie iridi si può scorgere un bagliore nel percepire due precise parole di Vastaine.

Gli Scudi di Turithia.. sussurro in un filo di voce, con un' increspatura acida nel tono di voce..E dovrebbero esser loro a occuparsi di questa cosa..? Tsk..

Inspirando profondamente, vado a far oscillare il mio mantello nel muovermi ulteriormente verso l'arcata che dà sull'esterno della terrazza, così da poter finalmente riuscire a vedere uno scorcio della piazza della città.

E, tuttavia, ancora rimango in ascolto, più interessato di quanto non potessi prevedere.

Se ci hanno qui riuniti non è solo per spiegare alla gente comune cosa sta accadendo..vediamo cos'altro ha in mente Urval..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Inarco le spracciglia accigliato per la piega che stanno prendendo gli avvenimenti

Non ci si può appellare a degli estranei per fare proteggere la propria città...

... oltretutto potrebbero ficcare il naso in affari che con questa faccenda non centrano nulla...

Mi alzo quindi in piedi sul muretto in modo che la mia voce possa arrivare il più lontano possibile:

"Chiedo scusa Mastro Thareau. Avete forse ricevuto una risposta dagli Scudi? Pensate che muoveranno in forze contro gli occupanti delle rovine portando finalmente un po' di quiete? Oppure è più probabile che mandino solo un paio di uomini? Giusto per far vedere che fanno qualcosa ma lasciando di fatto il compito di difenderci alla nostra guardia. Come possiamo sperare che degli stranieri abbiano a cuore le sorti del nostro popolo?"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Frederik è molto incuriosito dall'acume della domanda di Elihanna, che ora è riuscito ad individuare tra la folla. Fissandola dritta negli occhi, risponde a gran voce:

Non ci sono particolari coincidenze che legano le sparizioni, questo significa sicuramente che è opera di sbandati. Forse addirittura di gruppi diversi tra loro, poichè solo una volta le nostre guardie sono state capaci di scoprire i malfattori. Il loro nascondiglio potrebbe essere anche qui in città, ma non c'è dubbio che si tratti di razziatori provenienti da Stroxia.

Thareau, rimanendo seduto, si schiarisce sommessamente la voce per attirare l'attenzione di Frederik, che si gira verso di lui ricevendo un gesto che sembra intimargli di seguitare a parlare.

Abbiamo ricevuto, in effetti, la risposta degli Scudi. Dicono che si occuperanno della questione nonappena le missioni prioritarie che occupano attualmente il loro tempo, non saranno state portate a compimento.

Gus riprende la parola:

Avete sentito, fratelli? Gli Scudi se ne occuperanno quanto prima. Non avete di che preoccuparvi. Tuttavia, temo che prima della cattura dei rapitori, saremo ragionevolmente costretti a subire altri attacchi da parte loro, con altre sparizioni. Anche in questo caso, abbiamo già intensificato l'addestramento dei nostri stoici protettori armati, per prepararli ad affrontare anche il nemico più sfuggente. Il nostro obiettivo è portare il numero di sparizioni a zero, prima dell'intervento definitivo degli Scudi.

Queste ultime parole, hanno causato un brusio generale nella folla, che si fa progressivamene più alto, fino a sfociare in una moltitudine di discussioni private, senza alcuna domanda ulteriore per il borgomastro e i suoi funzionari.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non appena le missioni prioritarie...?!?!

Il fuoco nei miei occhi sembra accendersi in un bagliore violaceo, nel sentire il mio stesso padre pronunciare quelle parole cariche di menzogna.

Istintivamente la mano sinistra va a stringere l'elsa finemente lavorata della spada, mentre deglutisco cercando di trattenermi..ma i miei passi sembrano muoversi da soli.

Conscio della particolare situazione in cui mi trovo, e di spuntare impudentemente proprio sul terrazzo della torre, vado a fare la mia comparsa di fronte ai cittadini di Urvalla con un portamento elegante quanto risoluto e imponente.

Devo parlare..

Vado a camminare facendo sì che il clangore metallico della mia armatura mi porti a non rubare la scena al Borgomastro e agli altri tre consiglieri, bensì ad un'estremità della terrazza dalla quale sono però ben visibile a tutti, rivolto comunque verso Gus.

Borgomastro Urval! vado ad appellarlo, facendo seguire un breve inchino in segno di rispetto prima di continuare, la voce evidentemente alterata dall'indignazione.

Borgomastro Urval..e voi, cittadini di Urvalla..comprendete la viltà e la menzogna nelle parole degli Scudi? E' evidente che..non ci aiuteranno. Siamo soli, come lo siamo sempre stati..e da soli dobbiamo risolvere i nostri problemi. Ma quello che Voi, Borgomastro, avete appena proposto..no, non è una soluzione...è un temporeggiare aspettando un aiuto che, probabilmente, neanche arriverà!

Inspiro lentamente, cercando di raccogliere le forze per far vibrare intensamente la mia voce, ancora. E stavolta, con un ampio gesto, vado a guardare uno ad uno i cittadini riuniti in piazza.

Io dico..io propongo di riunire in una squadra gli uomini più valorosi di cui la nostra amata città disponga..persone che veramente vogliono il bene di Urvalla. Io dico..io propongo di riunirli, e dargli il compito di investigare su ciò che sta accadendo e risolvere il problema..se necessario giungere fino a Stroxia!

Gli occhi fieri e il viso appena rosato per via dell'alto tono di voce durante la declamazione, mi fermo ancora un poco, prima di concludere il mio intervento, il mantello viola che viene sferzato dal vento mentre la mia mani sinistra si alza, stretta in un pugno.

Io, Lachelot Von Tremere, figlio di Frederik ed erede dei Draghi, offro la mia spada al servizio di questa causa..la offro a Voi, Borgomastro. E a voi, cittadini di Urvalla.

@dm

Spoiler:  
Se serve...è diplomazia: +1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bene, bene, bene... dunque non sono l'unico a pensarla così.

Vediamo ora di dare un seguito alla cosa...

Scendo dal muretto mischiandomi con la folla e lanciando un grido di incitamento:

"Sir Lancelot ha ragione. Dobbiamo cavarcela noi. Viva Urvalla. Viva i Von Tremere nostri protettori".

Mentre parlo comincio ad applaudire cercando di coinvolgere la folla.

@DM

Spoiler:  
dimmi tu se devo fare un qualche tiro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Frederik assume un'espressione terrorizzata nel sentire le parole del figlio.

Nello stesso momento, il borgomastro Urval si avvicina a Lachelot e gli mette una mano sulla spalla, dicendogli:

Il tuo coraggio è quello di un Van Tremere. Discuterò privatamente con i funzionari la tua proposta.

Intanto la folla si è divisa tra i sostenitori di questa idea e gli scettici, che borbottano stupiti di come una proposta simile possa essere stata concepita.

Siamo per lo più contadini e artigiani! Come possiamo avere la meglio su degli uomini che nemmeno la guardia di Urvalla riesce a fermare completamente?, dice a gran voce uno di loro.

Sono sicuro che se la comunità si stringesse insieme intorno a questo problema, sostenendosi e appoggiandosi l'un l'altro, i rapitori non avrebbero più scampo.

Se non ci sono altre domande o altre coraggiose proposte, la riunione è conclusa.

Nel pronunciare queste ultime parole, il borgomastro appoggia entrambe le mani sul muretto che circonda il terrazzo, lanciando rapidi sguardi sulla piazza in direzioni diverse.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Accolgo le grida di acclamazione con una compostezza impeccabile, la stessa che sembro avere nei confronti dei popolani più scettici. I miei occhi violetti sembrano scrutare, uno ad uno, i cittadini di Urvalla..incontrando prima il giovane Agarth, poi seguendo una linea immaginaria che mi porta fino alla ragazza delle nebbie, dunque al Borgomastro e ai tre consiglieri.

Padre...cos'è quello sguardo? Forse non credi nelle mie capacità..?

E' con un piccolo cenno col capo, un mezzo inchino del busto, che vado ad accogliere le parole di Gus, prima di rimanere l'ultimo ad essere presente sul grande terrazzo, in compagnia solo degli scranni di legno scuro.

Come pensieroso, rimango bene in vista cosicchè tutti mi possano vedere. Quindi, arricciando le labbra, mi volto per rientrare all'interno della torre e cercare di accostarmi a Frederik Von Tremere.

Spoiler:  

Se, rientrando, riesco a raggiungere mio padre, parlerei quasi in un sussurro, privatamente.Padre..posso permettermi una parola? Non ho potuto fare a meno di notare la vostra espressione, alla mia proposta..per caso c'è altro che sapete..e non avete detto al popolo? O..semplicemente non vi fidate davvero delle mie capacità

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sebbene abbia dato il via alle acclamazioni non ne sono troppo partecipe. Preferisco rimanere concentrato su quanto avviene nella piazza. Cerco di farmi un'idea di quanti sono a favore e quanto contro, di come sono ripartite le preferenze, se sono più i ricchi ad appoggiare l'idea o se è la gente di poco conto. Mentre faccio questo il mio sguardo corre naturalmente alla balconata. La distanza è troppa e non posso vederli bene in faccia ma sono sicuro che almeno uno dei presenti mi stia guardando. La sensazione dura solo un momento, anche se è molto forte, poi tutti si muovono per ritirarsi all'interno della torre.

Chissà cosa si diranno adesso? Ho scalato la torre mille volte solo per vedere il panorama. Forse potrei avvicinarmi per ascoltare qualcosa...

Mi muovo perso nei miei pensieri fino a che, senza rendermene quasi conto, mi ritrovo ai piedi della torre.

Maledetta curiosità...

Mi accuccio fingendo di mettermi a posto uno stivale.

Ma non posso farlo in pieno giorno, non con tutta questa gente e soprattutto non senza una corda.... Però se non lo faccio ora corro il rischio di non scoprire più nulla...

forse però esiste anche un'altro modo.

@DM

Spoiler:  
direi che faccio una serie di tiri:

Quando mi accucio Perception (+4) per valutare quanto è sorvegliata la torre;

a seguire da un ulteriore Perception (+4) per valutare un posto adeguato dove poter attandere "nascosto" l'uscita di Lancelot;

infine uno Stealth (+7) per "nascondermi" effettivamente.

In realtà questo nascondermi è più un rimanere nei pressi dell'uscita senza farmi notare troppo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

@ Mattias

Spoiler:  
Ci sono quattro guardie armate fuori dal portone della torre, non servivano tiri di dado per individuarle. Non riesci tuttavia a identificare se ce ne siano altre nei paraggi. La zona ti sembra pulita. Gli ingressi della torre sono solo due: uno al pian terreno, costituito dal portone che dà direttamente sulla piazza, e uno all'ultimo piano, ma solo i veicoli aerei possono avvicinarvisi (a meno che qualcuno non scali la torre). Nessuno si accorge che stai puntando l'ingresso e studiando la situazione, ad eccezione forse di Elihanna e di Lachelot.

Vedendo che nessuno risponde al suo appello, Gus fa un cenno come a benedire la piazza e torna dentro, seguito dai funzionari e dalla guardia che insieme a Lachelot stava sul terrazzamento. Prima di chiudere il portone, proprio questa guardia fa cenno a Lachelot di entrare.

Intanto la folla inizia a disperdersi, e in breve tempo non rimangono che una diverse manciate di cittadini in posizioni casuali, che commentano l'assemblea appena conclusa.

@Elihanna

Spoiler:  
I tuoi genitori non hanno detto una parola per l'intera durata dell'assemblea, ma li hai visti comunque molto attenti. Non ti sembrano nè troppo favorevoli nè contrari all'idea di una milizia cittadina straordinaria.

Sta venendo sera Dice tua madre. Andiamo a casa ora?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le parole dei nostri capi non mi hanno certo soddisfatta, con le loro vuote promesse e le loro ingiustificate supposizioni.

Ma questo poco importa: è la stringente sensazione nel petto, quella che da giorni affatica ogni mio respiro, a concentrare i miei pensieri.

C'è del pericolo nell'aria...

Ascolto i discorsi infervorati e ambiziosi di coloro che non accettano l'attesa passiva: pur senza condividere quei sentimenti di ingenuo ardore, sento che la loro urgenza è la mia, sento che nel loro desiderio di azione posso annichilire la tremenda sensazione che mi avvolge negli ultimi tempi. E' la via d'uscita a questa invisibile prigione soffocante.

Vengo risvegliata dai miei pensieri dalla voce di mia madre.

Come risvegliata da un incanto, torno a concentrare il mio sguardo su di lei

Spoiler:  
Madre adorata... consentitemi qualche tempo per conferire con Lachelot Von Tremere, prometto che tornerò a casa presto
.

Con gesto delicato la bacio sulla guancia e la saluto, e senza attendere risposta mi dirigo con passo leggero verso il giovane Van Tremere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo un ultimo, fugace, sguardo alla piazza sottostante, al cenno dell'uomo della guardia vado ad abbandonare la terrazza.

Una volta rientrato, muovo i miei passi sicuri ancora verso mio padre, la sua espressione che ha lasciato nella mia mente una fastidiosa sensazione.

Era davvero..paura?

Con un portamento straordinariamente agile nonostante l'ingombrante armatura, cerco di far sì che solo a lui possano giungere le mie parole. Il tono è formale, distaccato.

Spoiler:  
Padre...rispondetemi. C'è qualcosa che..avete preferito non dire? O, semplicemente, non vi fidate delle capacità di vostro figlio?

Parlo, mentre le dita della mano destra vanno a stringersi attorno all'elmo di Drago quasi aggrappandovisi, in tensione, e una ciocca dei capelli neri mi ricade sulla fronte dall'espressione severa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Lachelot

Spoiler:  
Siete all'interno della torre ora, e il portone della terrazza si chiude alle vostre spalle. La grande sala è così pulita da potersi specchiare nel pavimento a scacchi. Una decina di porte sono tutte intorno alla sala, decorata con drappi e arazzi finemente decorati.

Gus sente le tue parole ed esclama con aria serena:

Non ti preoccupare, giovane Lachelot. Tuo padre non può che essere orgoglioso di te.

Il borgomastro e tuo padre incrociano lo sguardo per un momento, poi tuo padre si gira verso di te e sorridendoti ti risponde:

Sono orgoglioso di te, Lachelot.

Una guardia apre la porta di una di quelle stanze. Gus e tutti i funzionari entrano, invitandoti a fare lo stesso.

La stanza si presenta come una specie di ufficio, con un grande tavolo e pesanti sedie tutte intorno, tutto di legno nero. Diverse librerie tappezzano quasi per intero le pareti, tranne che per quattro nicchie che ospitano ognuna un lungo candelabro acceso.

I funzionari e il borgomastro si siedono intorno al tavolo, lasciandoti un posto libero accanto a tuo padre.

Faremo così, ti propone, Domattina le nostre guardie affiggeranno dei manifesti per tutta la città. Su questi manifesti inviteremo dei volontari a reclutarsi in questo corpo speciale. Desidero che sia tu a selezionare i cittadini che ti sembrano più meritevoli.

Il funzionario Vastaine interviene subito:

Ci metteremo tutta la mattina ad affiggere manifesti per tutta la città! Basterebbe mettere quattro strilloni con un corno e una voce potente e il gioco è fatto.

Cosa più importante, prosegue il funzionario Thareau, dove pensate sarebbe meglio reclutare tutti? Qui nella torre? In una taverna? In piazza? Avremo dei seppur minimi preparativi da fare, delle liberatorie da firmare e dei permessi da registrare.

Il borgomastro si massaggia il mento, e poi aggiunge:

Cosa ne pensi, giovane Von Tremere?

Passano alcuni minuti, e la piazza inizia lentamente a svuotarsi.

@ Mattias

Spoiler:  
La gente se ne sta andando e presto perderai la copertura che ti fornivano i gruppetti di gente all'interno della piazza. Ancora nessuno è uscito dalla torre, ma presto potresti essere notato dalle guardie fuori dal portone, e potrebbero interpretare i tuoi movimenti come sospetti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

@DM

Spoiler:  
Come è strutturata la piazza? Ci sono vicoli, zone d'ombra o cose simili?

Se la riposta è no mi appoggio alla parete di un edificio nei pressi del portone principale (aguzzando le orecchie per sentire se si apre quello secondario). Dopotutto non sto facendo nulla di male o di illegale.

Se la risposta è si faccio la stessa cosa ma cercando un minimo di riparo, una cosa del tipo ci sono ma non attiro troppo l'attenzione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

@dm

Spoiler:  
Mi muovo all’interno della torre evidentemente a mio agio. Il mio nobile sangue e la mia fama a farmi essere più che degno di partecipare alle questioni come quella di cui si sta discutendo.

Nell’aspettare una risposta di mio padre rimango ancora accigliato, espressione che mi si cancella dal viso solo quando è Gus ad avvicinarsi. Mi volto verso il borgomastro e, accennando ad un piccolo inchino ed abbassando lo sguardo come si confà, vado a replicare con tono più che cordiale Vi ringrazio, Borgomastro, ma siete troppo gentile. Le mie parole sono solamente quelle di un cittadino di Urvalla, e mirano al bene della nostra comunità.. rialzo quindi gli occhi, particolarmente vivi, andando ora volutamente a cercare quelli di Gus.

Senza aggiungere altro, seguo gli altri nella stanza, al seguito di Frederik, per poi sedermi e posare delicatamente sul tavolo l’elmo, di fianco e in modo che non intralci la visuale a nessuno degli altri presenti. Cerco di rilassarmi, ben conscio dell’onore che mi è stato già fatto nel farmi sedere al tavolo con il Borgomastro e i funzionari..e tuttavia quando sento di esser stato scelto per selezionare il corpo speciale devo ben trattenermi per non esprimere alcuna emozione. Io? Pensavo di richiedere l’onore di guidare la missione, magari..ma addirittura selezionare..

Ancora, Borgomastro..mi fate onore nel dimostrarmi tale fiducia. E ve ne ringrazio..non vi pentirete di avermi dato questa opportunità. un sorriso sincero verso Gus, poi uno sguardo agli altri seduti al tavolo, con l’arricciamento sulle mie labbra rosse che scompare per lasciar posto ad una più fredda e pragmatica espressione Io penso che uno strillone, come proposto da messer Vastaine, faccia più al nostro caso. I cittadini potranno così interagire meglio con la proposta, invece che leggerla su un pezzo muto di pergamena..e potremmo avere più successo nel reclutamento. Cercherei le migliori voci di Urvalla e affiderei loro il compito, dopo aver dato indicazioni su come invogliare i volenterosi ad essere dei nostri..

Faccio una piccola pausa, resomi conto di aver iniziato a parlare di getto, prima di continuare.

Quanto al luogo del reclutamento, la torre mi sembra adeguata a tenere i colloqui..una stanza di media grandezza, e dotata di un tavolo e una sedia andranno benissimo. La piazza, invece, la utilizzerei come posto per registrarsi al colloquio e dove aspettare, prima d’esser fatto entrare e salire ai piani superiori. Si potrebbe allestire un banchetto, con dei chierici addetti alla funzione e due araldi di Lord Urval ai loro lati. Stiamo parlando di una missione onorevole, e di fondamentale importanza per il futuro della nostra comunità..penso quindi che sia giusto procedere dando la giusta importanza e solennità al reclutamento, anche per farlo capire a chi si vorrà candidare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.