Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Avventure Investigative #8: Un Tocco di Spoiler

D&D può essere usato per creare delle avventure investigative interessanti? Eccovi l'ottavo articolo di una serie in cui espongo le mie idee in merito.

Read more...

Sondaggio sugli Incantesimi

I giocatori di D&D 5E sono chiamati a fornire la loro opinione sugli incantesimi del Manuale del Giocatore.

Read more...

West Marches: Creare la Vostra Campagna

Dopo una lunga pausa torniamo a parlare di West Marches: dopo aver visto come era organizzata la campagna di Ben Robbins, creatore originale di questo stile di gioco, vedremo come poterne creare una nostra ed imparare a gestirla.

Read more...

Operazione YANKEE IREM

In questo nuovo articolo Gareth Ryder-Hanrahan fornisce un nuovo spunto di avventure a tema lovecraftiano, unendo l'ambientazione di due GdR basati su GUMSHOE

Read more...

La Scatola Bianca: Regole Avanzate è disponibile in italiano

Ecco un nuovo supplemento per La Scatola Bianca, il retroclone basato su OD&D, che aggiunge tante nuove regole, molte delle quali ispirate a AD&D Prima Edizione.

Read more...

Interpretare la Saggezza


Thrain
 Share

Recommended Posts

Dare un senso alle fredde caratteristiche presenti sulla scheda è uno dei punti focali del gioco di ruolo. Interpretare un personaggio significa rendere reali le caratteristiche che il personaggio ha. Indubbiamente le tre caratteristiche mentali (Carisma, Intelligenza e Saggezza) sono quelle che riguardano pi? da vicino l'interpretazione.

Cosa fa un personaggio saggio? E uno poco saggio? L'istinto è saggezza?

Sapevatelo su Rieducational Channel! :wink:

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 34
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Mmmh...la Saggezza è un po' la percezione del mondo circostante.

Un personaggio Saggio sarà cauto quando la situazione lo permette, e disposto a correre rischi quando sarà obbligato dalle circostanze. Viceversa, un personaggio poco Saggio potrebbe essere troppo flemmatico in situazioni pericolose, e/o troppo avventato nella vita quotidiana.

Link to comment
Share on other sites

Io adoro interpretare personaggi con Saggezza molto bassa, e Intelligenza nella norma o superiore.

Di solito, li gioco come molto impulsivi e avventati, che si lasciano guidare dall'istinto e non riflettono.

E in un gruppo un Pg di questo tipo spesso è pi? temuto degli incontri casuali... :twisted::twisted::twisted:

Link to comment
Share on other sites

Per quanto riguarda la saggezza, il manuale dice: "la saggezza indica la forza di volontà, il buon senso, la perspicacia e l'intuito di un personaggio."

Di conseguenza, un personaggio molto saggio dovrebbe essere il primo ad accorgersi che "qualcosa non va", ma potrebbe non essere abbastanza intelligente per capire cosa.

Ad esempio, un personaggio con saggezza alta si accorge facilmente quando sta per essere truffato su una vendita di pietre preziose se capisce che il mercante è stranamente nervoso e vuole concludere l'affare in fretta (magari perchè le pietre sono rubate), mentre un personaggio intelligente potrebbe solamente riconoscere eventuali pietre false da quelle vere.

Come detto da Gilga, la saggezza rappresenta anche il buon senso e la capacità di mantenere i nervi saldi, quindi un personaggio impulsivo può essere ben caratterizzato da una saggezza bassa (anche se a mio giudizio un personaggio con saggezza alta potrebbe ugualmente essere impulsivo, ad esempio i chierici di divinità Caotiche tipo Talos o Malar dei FR).

Link to comment
Share on other sites

Che questioni interessanti hai messo in campo Thrain! Certo di non facile risposta.

Di conseguenza, un personaggio molto saggio dovrebbe essere il primo ad accorgersi che "qualcosa non va", ma potrebbe non essere abbastanza intelligente per capire cosa.

Questo commento di PalladiaMors è sicuramente giusto, ma mi pare che non dia un suggerimento su come giocare un PG, quanto piuttosto su quello che dovrebbe essere un suo punto di forza.

A me viene in mente che un PG molto saggio e poco intelligente può essere visto come non troppo sveglio ma pieno di buon senso, magari un dispensatore di massime popolari. Un PG del genere potrebbe dire che si fa così perchè è giusto, e potrebbe non sapere il motivo reale per cui un comportamento è corretto o meno.

Link to comment
Share on other sites

Delle tre caratteristiche mentali, la Saggezza è la pi? complessa; non tanto da interpretare, ma perchè essa comprende vari aspetti diversi che non sempre c'entrano l'uno con l'altro.

In particolare, la Saggezza è, assieme, percezione fisica (usata in Osservare, Ascoltare...) percezione del comportamento delle persone (Percepire Intenzioni), forza di Volontà (TS su volontà) e Saggezza nel senso pi? comune del termine, buon senso.

Può quindi essere difficile assommare tutte queste cose (personaggi percettivi e sensibili, ma codardi, per esempio), e per me difatti la vera sfida è metterle d'accordo nella creazione del personaggio. (Perchè un guerriero impulsivo o un ladro scavezzacollo dovrebbero non percepire con chiarezza l'ambiente fisico o sociale in cui si trovano o essere colpiti pi? facilmente dal terrore?)

Al di là di questi aspetti "meccanici" (che nella creazione di un personaggio pensano vengano tutti presi in considerazione, e ne vengano poi accentuati alcuni piuttosto che altri) secondo me il "buon senso" è l'aspetto pi? importante della Saggezza; io lo vedo come la capacità di aspettare il momento giusto per agire e quoto Solkanar.

"Un personaggio Saggio sarà cauto quando la situazione lo permette, e disposto a correre rischi quando sarà obbligato dalle circostanze".

Non prudenza quindi, ma consapevolezza. Un personaggio saggio me lo vedo come uno che, alle prese con una decisione difficile, fa la sua scelta che poi, a posteriori, si rivela giusta, sia per istinto, riflessione o quant'altro.

C'è anche da dire che questo è un aspetto che si può accentuare se il giocatore sa qual'è la cosa giusta da fare: ossia, è pi? facile giocare un personaggio con saggezza bassa "in negativo", ossia agendo d'impulso (non necessariamente facendo cose sbagliate, ma anche, ad esempio, facendo la prima cosa che verrebbe in mente ad uno con una mentalità diretta), pi? difficile è giocare uno con Saggezza alta, bisognerebbe che anche il giocatore l'avesse. Ma questo è un altro problema di tutte le statistiche mentali.

Link to comment
Share on other sites

In effetti una caratteristica che unisce percettività e volontà non è semplice da giocare...

Un punteggio basso indicherebbe che il personaggio è distratto e arrendevole, mentre un punteggio alto indicherebbe che è sveglio, accorto e difficilmente influenzabile, cose che non sempre vanno a braccetto...

Se poi aggiungiamo anche la capacità psicologica insita nel percepire le condizioni altrui, la cosa si complica ulteriormente...

Link to comment
Share on other sites

  • 3 months later...

dato che questo topic langue un attimo vorrei ravvivarlo:

è correto permettere di giocare un personaggio con alta saggezza come se fosse uno privo di discernimento, solo perchè il giocatore non vuole perdere i bonus derivanti dall'avere un punteggio alto, ma desidera interpretare un personaggio originale?

nella fattispecie doveva essere un chierico convinto di essere la morte

Link to comment
Share on other sites

dato che questo topic langue un attimo vorrei ravvivarlo:

è correto permettere di giocare un personaggio con alta saggezza come se fosse uno privo di discernimento, solo perchè il giocatore non vuole perdere i bonus derivanti dall'avere un punteggio alto, ma desidera interpretare un personaggio originale?

nella fattispecie doveva essere un chierico convinto di essere la morte

Bè lo vedo abbastanza infoiato, perché no? io a questo darei dei px in pi? per l'interpretazione (sempre che abbia dominio della morte). :lol:

In realtà non so, si potrebbe parlare di scarsa intelligenza :?

A mio avviso una bassa saggezza e alta intelligenza può portare a capire che lì c'è una trappola ma farla scatatre lo stesso per veder che succede o ammirare il meccanismo che scatta

Link to comment
Share on other sites

anche su mondo disco dichiarare di essere la morte non è segno di equilibrio mentale... questa però non è una disquisizione su Discworld [se volete parlarne per me va bene, ma in Off Topic! non qui] e per favore evitiamo le continue citazioni a cascata di frasi scritte 2 righe pi? sopra, grazie!

Link to comment
Share on other sites

il fatto che sia folle indica una scarsa percezione di sé... ma ciò potrebbe non influire sulla percezione che ha del mondo...

secondo me dovresti giudicarlo dal modo in cui il PG in questione si relazione col mondo circostante... potrebbe essere completamente pazzo, ma al tempo stesso lucido.

Link to comment
Share on other sites

il problema è a monte... anche perchè una volta che il PG è fatto e se dici al giocatore che la sua interpretazione è plausibile non è corretto fare marcia indietro...

io gli ho detto che se voleva fare un personaggio schizzofrenico avrebbe dovuto avere quantomeno sag 6 o inferirore... anche perchè se uno si crede la morte deve avere una visione distorta della realtà: è impensabile che la morte possa morire dunque non esiste nessun pericolo al mondo che lo spaventi...

Link to comment
Share on other sites

anche perchè se uno si crede la morte deve avere una visione distorta della realtà: è impensabile che la morte possa morire dunque non esiste nessun pericolo al mondo che lo spaventi...

Non è detto, non potrà morire, ma può soffrire, potrebbe avere paura di questo, ma qui si stà a cavillare
Link to comment
Share on other sites

se uno si crede la morte deve avere una visione distorta della realtà: è impensabile che la morte possa morire dunque non esiste nessun pericolo al mondo che lo spaventi...

Non è necessariamente vero, chi ha saggezza alta deve avere la capacità di fare ragionamenti coerenti, anche se sbagliati. Credersi la morte è un ragionamento che porta ad una conclusione sbagliata, ma se fatto in un certo modo può essere perfettamente coerente... certo, è difficile che questa convinzione duri molto... però si può fare!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By Aldo1313
      Ciao a tutti cerco party per D&D 3.5 zona Verona e limitrofe !!! 
    • By Alonewolf87
      Cerco 2/3 giocatori per il mio PbF Nuove Reclute. Livello 4, regolamento 3.5, manuali concessi tutti di base (ma con eventuali singole limitazioni ad esempio no difetti da Arcani Rivelati). Al momento sono rimasti 2 giocatori (con un umano barbaro/paladino della libertà e un nano ranger con cane da galoppo come compagno animale).
      Il gruppo (appartenente ad un ordine di persone dedite ad aiutare la povera gente) è sulle tracce di un paio di necromanti/contrabbandieri di componenti derivanti da bestie e creature magiche. Dopo aver investigato sui loro traffici in una città li hanno stanati e sono ora in fuga.
      Se avete domande o curiosità sul PbF chiedete pure.
       
    • By Comicshunter
      Buongiorno a tutti,
      Come si evince dal titolo sono un nuovo iscritto, ma semplicemente perchè non trovo più le credenziali del vecchio account.
      Sono qui perché vorrei tornare a giocare e far giocare un po'.
      Quindi cerco qualche giocatore per far partire una nuova campagna qui sul forum.
      sarà una campagna 3.5 ambientata nel forgotten.
      Livello 8 di partenza.
      Manuali concessi:
      quelli base più i vari perfetti (avventuriero, sacerdote, arcanista ecc..)
      quando vi proponete, provate a pensare a un ipotetico personaggio, entro fine settimana verrà stabilito il gruppo di partenza.
      per qualsiasi altra domanda, sono a disposizione.
      Non fatevi ingannare dai pochi messaggi che ho postato, purtroppo il mio vecchio account è andato perso.
      Vi aspetto
    • By supremenerd88
      Ciao a tutti!
      Qualcuno di voi che gioca su Roll20 come ha risolto la questione di come gestire le varie forme selvatiche del druido? La soluzione di creare una scheda per ogni forma selvatica mi sembra improponibile (finchè si è sotto la decina è anche proponibile ma poi?)
      Grazie di cuore.
    • By MadLuke
      Ciao,
      sono il master della campagna D&D 3.5 Il destino dei guerrieri già avviata con ambientazione artigianale ispirata a Gengis Khan e alla Mongolia del XII sec. I personaggi sono tutti barbari (nel senso culturale del termine) appartenenti a una tribù di nomadi.
      Sono ammesse tutte le classi e varianti di qualunque pubblicazione ufficiale WotC (del ToB solo il Warblade però) ma non esistono gli incantesimi, per cui di fatto tutte le classi incantatrici non sono giocabili (ma ci sono PnG druidi e sciamani) mentre abbondano barbari (in senso regolistico), guerrieri, ranger, ladri selvaggi, ecc.
      Nella campagna sono in uso le regole opzionali descritte in Unearthed Arcane: Punti Riserva, Armature con riduzione del danno e Punti danno.
      Infine: chi volesse unirsi alla campagna deve avere ben chiaro che per me il PbF non consiste semplicemente nel mettere per iscritto le frasi che si sarebbero dette se si fosse giocato normalmente al tavolo, bensì richiede la volontà (nonché il tempo e anche la capacità) di partecipare alla stesura di un "romanzo", un romanzo senza dubbio dilettantistico, ma pur sempre un romanzo, perciò nei post ci saranno non solo le mere azioni meccaniche dei personaggi bensì descrizione dei luoghi, le atmosfere, gli stati d'animo e le suggestioni che ne possono derivare.
      Per chi ha parimenti voglia di giocare a D&D così come di scrivere, questa è la campagna giusta, diversamente non si può fare parte del gruppo.
      Essendo rimasti solo 3 PG sto cercando almeno un paio di nuovi giocatori, chi volesse proporsi dovrà giocare solo poche settimane con un personaggio elfo selvaggio già mezzo creato (l'altra metà si può personalizzare), così da consentire la conoscenza reciproca tra tutti i giocatori e poi potrà creare un personaggio interamente proprio per contribuire liberamente alla campagna.
      Ciao, MadLuke.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.