Jump to content

Problema giocatore indisciplinato


Zhoul
 Share

Recommended Posts

premessa numero uno: non possiamo cacciarlo.

questo giocatore non sempre si comporta così, premetto.

è un barbaro goliath.

ogni volta che qualcosa non gli piace nella storia, agisce in modo molto avventato. come quando il gruppo doveva difendere un villaggio dall'attacco di alcuni ogre. è andato da solo nella tana, li ha raggirati dicendo di essere un loro amico e ha attaccato il loro capo, un png morfico sciamano-druido. ovviamente è stato smebrato pezzo per pezzo.

il bello è che si è lamentato che il png era troppo forte, e che era colpa mia se è stato massacrato, perchè le mie storie sono tutte già stabilite, e che dovevo prevedere che lui avrebbe fatto così, e quindi fare un incotro più abbordabile....

devo frenarlo, ma purtroppo il gruppo è affiatato, e spesso lo segue. a volte fare come fa lui è utile, ma spesso mi rende il lavoro di master impossibile. a volte prima dell'inizio vero e proprio della storia attacca i datori di lavoro, o scatena risse...atira su di sè l'attenzione

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 64
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Di solito con queste persone devi avere carisma, dialettica e autorità.

Tanta dialettica.

Se sei bravo a parlare e a spiegare le tue ragioni, facendogli capire che le tue scelte sono rivolte a migliorare l'esperienza di gioco e dimostrando come siano migliori delle sue per raggiungere tale obiettivo e perché, alla fine si fiderà di te e smetterà di rompere le palle.

E' importante che tu riesca a sopraffarlo con diplomazia e tranquillità in un confronto faccia a faccia in cui ci sono anche gli altri giocatori, se necessario più volte.

Altrimenti continuerà con i suoi tentativi di insubordinazione fino al punto critico in cui potresti non essere più considerato un buon master da nessuno (indipendentemente da quello che fai in realtà).

E' triste ma funziona così. Ho visto scene peggiori, e non è mai bello.

Link to comment
Share on other sites

eh avevo pensato o a quello o ad un drago antico rosso nella prossima stanza che decide di esplorare di testa sua.

gli altri lo seguono, ma sanno che sono un buon master, non è questo il punto. è che nell'esempio citato, loro lo hanno seguito dopo un po', lasciando il villaggio abbandonato e quindi sotto l'attacco dei mostri, che lo hanno raso al suolo...così non finiranno più un dungeon decentemente...

Link to comment
Share on other sites

Draghi rossi, fulimini del master e semidivintà travestite da barboni non sono mai buone scelte e non fanno una buona impressione sui giocatori, facendoli sentire costretti e presi in giro da un DM che forza la coerenza del mondo per far andare le cose come dice lui.

Le soluzioni "in game", se applicate dovrebbero essere sempre facili da giustificare. Tanto a quanto ho capito è appurato che dopo lui si metterà a protestare, e se non hai un buon motivo da presentargli non farai altro che aizzarlo ancora di più contro di te, e a quel punto avrà pure ragione.

Evita se possibile.

Link to comment
Share on other sites

come ai detto tu lui è uno che attirà su di se l'attenzione e se leggi nel manuale del DM ci sono dei comportamenti che assumono alcuni giocatori e lui è il tipo di giocatore chiamato prima donna.

per non fargli fare cosi devi cercare di spostare l'attenzione su altri giocatori.

Link to comment
Share on other sites

come quando il gruppo doveva difendere un villaggio dall'attacco di alcuni ogre. è andato da solo nella tana, li ha raggirati dicendo di essere un loro amico e ha attaccato il loro capo, un png morfico sciamano-druido. ovviamente è stato smebrato pezzo per pezzo.

il bello è che si è lamentato che il png era troppo forte, e che era colpa mia se è stato massacrato, perchè le mie storie sono tutte già stabilite, e che dovevo prevedere che lui avrebbe fatto così, e quindi fare un incotro più abbordabile....

A me non sembra una mossa particolarmente intelligente quella di fare tutto da solo, quando il gioco è concepito per essere giocato in "party"

Poi se crepa certamente la colpa non è del DM ma magari è proprio la sua ^__^

Cyaz

Link to comment
Share on other sites

Hai mai visto Die Hard? Obbliga il giocatore (non il PG) a fare in un campo Rom l'equivalente quello che Bruce Willis fa ad Harlem. Una volta uscito dall'ospedale capirà che in D&D, come nella vita, occorre usare la testa.

Alternativa: caccialo. Dici di non poterlo (o volerlo?) fare, ma forse potresti almeno minacciare e/o fare una finta.

Link to comment
Share on other sites

Metti il personaggio davanti ad un problema morale. Crea una situazione narrativa dove l'avventatezza degli avventurieri si paga cara. Non so, c'è un ostaggio, c'è in pericolo la salute di bambini... crea un contesto entro il quale il giocatore non possa fare metagame (vedi il: la sfida doveva essere più abbordabile... la sfida? QUALE sfida? stai ragionando da giocatore o da pg?) ma si trovi nei panni del personaggio. Impediscigli di ragionare sulla fattibilità o meno della scelta "out game", ma sull'importanza della scelta in termini di conseguenze sul mondo di gioco.

Mettilo davanti a una scelta morale. Li, se saprai guidare bene l'interpretazione, o lui si mostrerà allineato con il resto del gruppo, oppure ci sarà il primo eclatante caso in cui l'affiatamento va a farsi benedire e lui capirà che gli altri potrebbero cacciarlo a calci.

Gli eroi seguno in barbaro nel dungeon perché non temono di mettere in gioco la propria vita... e quando invece la vita è quella di un innocente?

tutto ovviamente dev'essere compatibile con la tua campagna, non infilarci forzatamente la prima cosa che ti capita.

Link to comment
Share on other sites

Secondo me dovresti fargli un discorso diretto del tipo: "Senti, questo è un gioco che, come nella vita reale, bisogna usare la testa. Come fai tu innanzi tutto mi rende impossibile farvi da master e poi fa schifo l'avventura (citi un po' di esempi) mettiti al mio posto e poi vediamo"

O così funziona oppure prova a fargli masterizzare a lui e tu fai come lui se non si mette la testa a posto molla il tuo ruolo di master per un po' digli che non ce la fai più e che fai il giocatore e ti sei rotto allora, o lo fa un altro e avrà lo stesso problema e farà la stessa cosa e lo passarà ad un'altro che rifarà la stessa cosa a sua volta finché non ne beccate uno che riesce a tenerlo buono oppure continuate così fino a quando tutti saranno dalla tua parte e toccherà a lui e allora farete voi come lui ha fatto con te e allora capirà (ci potrebbero volere settimane o addirittura mesi ma al 90% funziona) oppure un'alta conseguenza potrebbe essere che non trovate il master e allora ti daranno ascolto.

Cmq

quanti anni hai tu e quanti anni ha lui?
Link to comment
Share on other sites

Secondo me dovresti fargli un discorso diretto del tipo: "Senti, questo è un gioco che, come nella vita reale, bisogna usare la testa. Come fai tu innanzi tutto mi rende impossibile farvi da master e poi fa schifo l'avventura (citi un po' di esempi) mettiti al mio posto e poi vediamo"

O così funziona oppure prova a fargli masterizzare a lui e tu fai come lui se non si mette la testa a posto molla il tuo ruolo di master per un po' digli che non ce la fai più e che fai il giocatore e ti sei rotto allora, o lo fa un altro e avrà lo stesso problema e farà la stessa cosa e lo passarà ad un'altro che rifarà la stessa cosa a sua volta finché non ne beccate uno che riesce a tenerlo buono oppure continuate così fino a quando tutti saranno dalla tua parte e toccherà a lui e allora farete voi come lui ha fatto con te e allora capirà (ci potrebbero volere settimane o addirittura mesi ma al 90% funziona) oppure un'alta conseguenza potrebbe essere che non trovate il master e allora ti daranno ascolto.

Cmq

io ho 17 anni, lui 16. nn posso cacciarlo perchè il gioco, libri, tavolo, casa sono suoi e di suo fratello, che invece è più sensato.

il discorso gliel'ho fatto. per un po' non faccio il master, questo è ovvio. gliel'ho detto, ora fai tu il master. vediamo come fai tu. e noi altri siamo d'accordo per fare tutti come lui ha fatto. quindi, dopo aver disintegrato il suo dungeon probabilmente si darà una calmata. o sennò lo obblighiamo a fare l'invocatore, così non può più girare dove gli pare restando impunito, quando a livello 8 ha 50 pf

Link to comment
Share on other sites

Mi sa che non stiamo parlando esattamente di un giocatore su cui si possa fare leva con una questione morale.

Per quello la questione morale la poni al personaggio. Se il giocatore non se la fa, e il personaggio non se la fa, e ci va di mezzo ad esempio la vita di un bambino, poi il personaggio (e il giocatore) se la vedrà con il resto del gruppo, che magari la questione morale se l'era fatta.

Il giocatore non è sensibile? Metti il personaggio in una condizione di responsabilità.

Link to comment
Share on other sites

io ho 17 anni, lui 16. nn posso cacciarlo perchè il gioco, libri, tavolo, casa sono suoi e di suo fratello, che invece è più sensato.

il discorso gliel'ho fatto. per un po' non faccio il master, questo è ovvio. gliel'ho detto, ora fai tu il master. vediamo come fai tu. e noi altri siamo d'accordo per fare tutti come lui ha fatto. quindi, dopo aver disintegrato il suo dungeon probabilmente si darà una calmata. o sennò lo obblighiamo a fare l'invocatore, così non può più girare dove gli pare restando impunito, quando a livello 8 ha 50 pf

Sei un grande. Se non riuscite nemmeno così fatelo veramente impazzire.

Link to comment
Share on other sites

A parte che se giocate 4 ed lui non può far da solo, se c'è da smembrargli un PG al giorno perchè si ostina a fare la capra con la testa bassa a tirar cozzate contro un muro pensando che sia una porta, bhè lasciaglielo fare , semmai cattura il suo PG e crea una controtrama sul lo "liberate o no ?" dopo che avrà perso un pò di verve e sarà schernito da tutti perchè fa sempre la fine del salame appeso al muro forse capirà che strategicamente non può tirare capate ad un boss da solo^^''

D&D 4 non è per le primedonne ^^

IMO ovviamente

Comunque questo atteggiamento non dovrebbe renderti la vita difficile , ci son tanti modi di bloccarlo senza per questo uccidergli il PG, uno l'ho detto sopra bye^^

PS , già che ci sei i Quest Giver falli tutti di livello 15 /20 vedrai che non farà + lo smargiasso quando si troverà senza un braccio -____-

Link to comment
Share on other sites

3

A parte che se giocate 4 ed lui non può far da solo,

Bravo....mi sento di quotare in pieno.

Nella 4 è pressochè impossibile riuscire a far tutto da soli, anche se un PG come un Barbaro (specie il sanguefurioso che è Assalitore ma anche in parte tank) può dare filo da torcere.

Dovreti IMHO spiegarglielo (con taaaanta pazienza) vis a vis (non in gioco, ma fuori, magari davanti al classico birrozzo) e sperare che capisca.

Se non ne vuole sapere, allora meglio che (lui) cambi gioco, con buona pace dei soldi spesi per i manuali.

Cyaz

Link to comment
Share on other sites

Cedi il testimone da DM e fallo fare a qualcun altro . Non mi sembra leale che tu ti debba sobbarvare le idiosincrasie del tuo giocatore solo perchè lui fornisce i mezzi materiale per giocare .

Ma ha un non so che di retrogusto infantile da "la palla è mia e decido io" uhmmmmm

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.