Jump to content

TdG - Prologo


Hugin

Recommended Posts

Vedo un'ombra ingoiare l'Altopiano. Vedo ia notte divorare il giorno. Vedo la carne mangiare altra carne. E quando la lepre sbranerà il lupo, quando l'agnello ucciderà la lince, allora quello sarà l'inzio della Fine. 

Tribù del Cielo Aperto - Zara La veggente.

 

 

 

Neldor Illiyadar @Ian Morgenvelt

Spoiler

Le fiamme del piccolo falò guizzano nei suoi occhi d'ambra, privi di pupilla. E' silenzioso, non parla, sembra assorto nei suoi pensieri.
Era da tempo che non lo incontravi, da quando gli hai salvato la vita un anno fa, caduto in quel burrone profondo almeno cinquanta metri. Quel salto nel vuoto avrebbe ammazzato un umano, un elfo, un nano, persino un cavallo...ma non lui, non Kura.
Nella lingua degli orchi significa Bestia. L'ispido pelo che ricopre il suo corpo, in effetti, lo fa rassomiglaire più ad un grosso scimmione che ad un pelleverde. L'incarnato, inusuale per quelli della sua razza, è di un grigio scuro, che mal si sposa al colore dei suoi occhi d'ambra. Non ha zanne, e pure questo è strano, mancanza che compensa con innumerevoli cicatrici, simboli di vanto nella sua tribù. Insomma, di tutti gli orchi, Kura è di certo il più diverso. Nonostante l'espressione torva e lo sguardo severo, il suo animo non è malvagio. Avete passato parecchio tempo insieme, è rimasto per mesi a Brentora e ha svolto diversi lavori per la tua famiglia, per sdebitarsi dell'aiuto che gli avete dato. Un giorno, semplicemente, se ne è andato, tornando nelle sue terre. Non ti ha mai detto che cosa stesse facendo, quella volta che l'hai trovato, né tu lo hai mai chiesto. A dire il vero, credevi di non rivederlo mai più, fino a quando non te lo sei rivisto comparire davanti la tua porta, come uno spettro randagio nella notte.
Ti ha detto, in un comune stentato, che doveva recarsi a Ventrisa, che doveva cercare qualcosa di importante, di molto prezioso.
Una gemma.
L'ha descritta come una pietra di modeste dimensioni, rossa come il sangue, calda come il fuoco. "Ur'Grak Lashar", l'ha chiamata lui. La Fiamma di Grak.
Kura non è tipo da sprecare troppe parole nelle descrizioni, ma hai trovato parecchie similitudini tra quello che ti ha raccontato e quello che hai letto in uno dei documenti che sei riuscito a decifrare, quelli rinvenuti nella spedizione in cui hai perso Aramil. In una di quelle scartoffie, si parlava di un'antica gemma, una pietra preziosa dal potere sconfinato: si credeva addirittura potesse controllare il fuoco stesso. Nella lingua comune viene chiamata "l'Occhio del Diavolo".
E' stato molto vago il racconto di Kura, non ti ha lasciato molto tempo per indagare. Tuttavia, hai deciso di accompagnarlo e da quando siete partiti questa sosta è il primo vero momento che avete per parlare, dopo così tanto tempo.
 
Kura forse non ne è a conoscenza, ma Ventrisa in questi giorni è in fermento. Si terrà l'annuale Festa della Conciliazione, che avviene quando le foglie degli alberi iniziano a cadere e cambiano il loro colore. Durante questa giornata vengono risolti conflitti e diatribe tra le varie comunità, e si creano nuovi accordi e nuovi legami per tentare di mantenere la pace. Per l'occasione, la città diventa un connubio di genti provenienti da ogni parte del continente, e le strade brulicano di mercanti con le loro bancarelle pronti a vendere le proprie merci ad eventuali clienti.
Non sarà facile cercare informazioni in un marasma simile...ma chi glielo dice, al tuo amico?

 

Code "Lenny" Ashtrayer @simo.bob

Spoiler

Finnan Greenleaf è uno degli halfling più importanti tra tutti i mezziuomini della città di Ventrisa.
Ed ovviamente è proprio quel nobilotto al quale hai...emh...deflorato la figlia.
E' stato un grave errore o un colpo di genio da parte tua? Già, perché la figlia, Gynna, è una delle halfling più belle che tu abbia mai visto! L'hai ingannata, certo, lei voleva una relazione stabile e dei piccoli marmocchi, ma tu non sei ancora pronto per certe cose. Diciamocelo: nessun artista è migliore di te, in città (o per lo meno è ciò che credi!): avere una famiglia ora sarebbe come impedire ad un'aquila di volare.
Ad ogni modo, i tentativi di Finnan di fartela pagare si stanno facendo particolarmente insistenti: vorrebbe vederti marcire dietro le sbarre, nella migliore delle ipotesi. O infilzato su una picca, nella peggiore.
Tuttavia, c'è una cosa che ti fa infervorare: sei sicuro che Finnan non ce l'abbia con te perché gli hai...emh...deflorato la figlia, piuttosto perché hai fatto saltare le sue nozze con quel ricco mercante, cosa che gli avrebbe fatto guadagnare ancora più denaro, ancora più prestigio.
Ti sei detto che non potrai vivere per sempre con il fiato sul collo, perciò se è denaro ciò che vuole, allora proverai pure ad accontentarlo. E non si tratta di racimolare monete con i tuoi spettacoli, no...ci vorrebbe una vita intera, probabilmente! La soluzione, per quanto difficile da digerire, è quella di affidarti a lei...

Khitra sobbalza quasi dalla sedia quando apri la porta del suo ufficio. Ha una stanza alla taverna del Drago Purpureo, dove svolge indisturbata i suoi affari. Ha le mani in pasta un pò ovunque, ma non è cattiva, fino a quando non le vengono pestati i piedi.
Hai avuto dei trascorsi con lei, un'altra sola notte di passione: sono stati i suoi occhi chiari a rapirti, il suo taglio di capelli alla maschietta, forse, o le sue forme a dir poco generose.
-Lenny!- si mette in piedi allargando le braccia e muove un passo verso di te. -Mio caro, vecchio, amico Lenny!- il suo tono è vagamente canzonatorio, lo intuisci pure dal sorriso beffardo che ti rifila.
-Allora, qual buon vento ti porta qui da me?- si rimette seduta, poggiando i gomiti sulla scrivania. -Ti serve un prestito per caso? Ho buoni tassi d'interesse, in questo periodo. E potrei abbassare il prezzo in cambio di una...serenata.- ride divertita. -In memoria dei tempi andati...- ti fa l'occhiolino.
Khitra è l'ultima persona a cui vorresti chiedere aiuto, ma non hai moltre altre possibilità: devi ripagare il debito con Finnan, in qualche modo, se non vuoi che la tua testa ruzzoli giù da una scarpata...

 

Roxy @Faputa

Spoiler

Farhid ibn Amhad guida con maestria la carovana tra le dune e le rocce del deserto. I suoi occhi scuri raramente ti cercano, piuttosto è come se riuscisse a percepire la tua presenza. Il volto dalla pelle bruciata da sole, solcato da profonde rughe, è molto più austero di quanto non sia il suo animo: ti ha accolto senza particolari problemi e ti consente di viaggiare con lui e sua figlia verso il regno di Zephyra.
Già, perché è proprio lì che sei diretta. A Ventrisa, la capitale, si terrà a breve la festa della Conciliazione, una manifestazione a cui partecipano praticamente tutti, nel continente. Non sai di cosa si tratti, né perché devi andarci: è stato Sakr a "chiederti" di recarti lì. A dire il vero te lo ha ordinato, come solito, e non ha ammesso repliche.
Non hai la più pallida idea di che cosa stia tramando, stavolta. E ti spaventa il fatto che ti dica le cose a metà: non che tu abbia la possibilità di scegliere, ma preferiresti sapere le cose in anticipo, almeno per cercare di prepararti a quello a cui stai andando incontro. Sei quasi certa lui lo faccia di proposito, non perché lui riesca a trarre qualche vantaggio dalle tue preoccupazioni, piuttosto per un suo sadico diletto. Sei la sua marionetta, dopotutto...e non passa giorno in cui lui non te lo ricordi.

Al morire del quarto giorno, quando iniziate ad intravedere l'altopiano in lontananza, Farhid e sua figlia consigliano di rifugiarsi in una grotta poco lontano, così da far riposare i grossi cammelli. Consumate rapidi un frugale pasto prima di riposarvi al tepore di un piccolo falò.
Najar, il tuo pseuodrago, è sul tuo grembo. Il carovaniere siede di fronte a te e sua figlia, Amal, è proprio lì di fianco.
Al guizzare delle fiamme riesci ad osservare finalmente il suo volto: raramente hai potuto vedere, in vita tua, una ragazza più bella di lei. Gli occhi chiari sono nemesi invincibile del suo incarnato olivastro, ma la vera particolarità sono i segni apparentemente senza senso che compaiono sul suo volto. Sembrano schizzi di vernice marrone, o qualcosa di simile, che le donano un'aria tanto misteriosa quanto affascinante.
Farhid, d'altro canto, sembra aver perso la possanza dei tempi migliori: ora non è nient'altro che un vecchio, sebbene il suo sguardo tradisca una forza vitale senza eguali. E' proprio quello sguardo che, inaspettatamente, si posa su di te, forse per la prima volta da quando siete partiti.
-Allora, ragazza...- la sua voce è calda, quieta, con un forte accento esotico (accento arabo.) -Perché vai a Ventrisa?- ti domanda infine. Ora anche la figlia si volta verso di te ed attende una tua risposta.

 

 

Azalea @Albedo

Spoiler


Rudryk Bellabarba è seduto sul suo carretto di legno, trainato da due cavalli neri come la notte. Gli occhi vispi sono fissi sulla strada, ma l'hai visto frugare spesso con lo sguardo tra le pieghe del tuo volto, come se volesse saperne di più di te.
In silenzio, le sue occhiate domandano più di quanto non faccia la sua lingua, che invero sembra pure abbastanza sciolta. In effetti, quando inizia a parlare, sembra non volerne sapere di smettere.
Ti ha ingaggiato tre giorni fa nella regione di Veltoria, e ti ha chiesto di fargli da scorta per il suo carico. Ha delle pietre preziose, nel carretto, e pare sia diretto a Ventrisa, la capitale del regno di Zephyria. Da quello che ti ha raccontato, tra tre giorni la vostra meta si trasformerà in un fiume di persone: la festa della Conciliazione, così l'ha chiamata lui, si terrà come tutti gli anni all'inizio dell'autunno, quando le foglie degli alberi inizieranno ad imbrunire e a cadere.
Il tuo compito è piuttosto semplice: devi proteggerlo da eventuali attacchi di briganti durante il tragitto e devi controllare che nessuno allunghi le mani per la durata della manifestazione. Il fatto che ti abbia già pagato metà della somma pattuita, ti fa credere che Rudryk sia abbastanza sicuro di poter piazzare tutta la sua merce. Non solo: la sua offerta comprende addirittura le spese di vitto e alloggio, qualora decidiate di rimanere un giorno in più nella capitale. La missione, in effetti, ti frutterà in tutto 50 denari, per niente male per un ingaggio da guardia del corpo.

Sono passati cinque giorni da quando siete partiti. Il viaggio è stato lungo, ma tutto sommato per niente faticoso. Siete già entrati nel regno di Zephyria, siete a circa un giorno di cammino dalla capitale. Le condizioni atmosferiche sono stabili, vi hanno assistito: alla sesta ora di un tiepido pomeriggio ammirata l'infuocata morte del sole e decidete così di accamparvi in una piccola radura, protetti dalla foresta circostante ma non troppo lontani dalla strada maestra.
Dopo un pasto frugale, Rudryk si accascia al suolo, sopra una specie di brandina. Continua a guardarti, nei suoi occhi il bagliore delle piccole fiamme del falò.
Non passa molto prima che il nano inizi a parlare.
-E' da un pò che voglio chiedertelo.- la sua voce particolarmente acuta è ingrassata dall'alcool.
-Da dove vieni tu?- ti domanda continuando a guardarti. Non è pericoloso, questo lo hai capito, piuttosto diresti sia curiosità quella che lo fa parlare.

 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites


Code "Lenny" Ashtrayer

Spoiler

Code, anche se ormai tutti lo chiamano Lenny, è un halfling abbastanza alto per la sua specie, magro, tutto nervi, con i capelli lunghi e mossi e una rada barbetta incolta. Indossa un pesante kilt verdone, un gilet di pelle e la sua immancabile sciarpa di famiglia. Non si separa mai dalla sua cornamusa legata alla schiena che utilizza per raccontare storie, cantare serenate o recitare poesie, ma anche per incitare e sostenere i suoi compagni di avventura. Stanco per aver girato per locali tutte le notti della settimana cercando di raccimolare denari e sfuggire dalle attenzioni del povero Finnan, è comunque più che presentabile e cerca di apparire al massimo della forma prima di entrare da Khitra, aggiustandosi le vesti, passandosi la mano tra i capelli per metterli un po' in ordine e masticando una foglia di salvia così  da donare all'alito un piacevole aroma.

Allarga le braccia e osserva la sua ospite dalla testa ai piedi e viceversa, con uno sguardo compiaciuto e ammirato molto teatrale. "Khitra, cara mia. Ogni vento è carico del tuo dolce profumo." Le si avvicina e prende posto di fronte a lei, continuando a guardarla. "Ogni momento lontano da te è stato per me una tortura, lo sai. E torno oggi convinto che tu possa ancora concedermi il tuo favore, come una dea al suo umile e devoto servitore."

Detto ciò Lenny si guarda intorno, valutando lo stato dell'ufficio ed esprimendo il suo apprezzamento:"Vedo che sei ancora in affari, e ottimi a quanto sembra. Immagino tu abbia sempre la necessità di affidarti a gente di fiducia, soprattutto per certi lavoretti; si dà il caso che io sia proprio in cerca di... un impiego. Non una serata all'Occhio del Tiefling a suonare per qualche mercante ubriaco. Qualcosa di più......remunerativo, che mi possa fare svincolare da qualcuno il quale, davvero non so come né perché, ha a cuore la mia disfatta."

 

Link to comment
Share on other sites

Azalea

Spoiler

Nonostante le preoccupazioni iniziali il cliente si dimostra comunque una brava persona anche se a volte fin troppo chiacchierone, ma in fondo meglio uno così che uno silenzioso.

La sua domanda giunge inaspettata. Poso la ciotola a terra e guardo il fuoco.

Da dove vengo? Immagino da qualche parte nel continente. Purtroppo non ricordo molto del mio passato, e credo che non ci sia nulla di degno da ricordare. 

Riprendo la ciotola e sto per magiare quando riprendo

E non mi dispiacerebbe essere guardata un po' meno. Passando ad altro ci sarà molta gente alla festa della concilliazione?

 

 

Link to comment
Share on other sites

Neldor Iliyadar

Master

Spoiler

Sono stato sorpreso dal ritorno di Kura: non pensavo che avrei più rivisto quell'orco trovato sul fondo di un burrone, vivo per miracolo. E sono stato ancora più sorpreso dalle sue parole sulla "Fiamma di Grak": sembra proprio essere la gemme di cui parlavano quei famosi scritti, quelli per cui Aramil ha perso la vita. Il fatto che sia venuto proprio da me è quello che alcuni definirebbero un segno del destino (e altri qualcosa di estremamente sospetto). In ogni caso, l'esito non cambia: devo accompagnarlo in questa spedizione. Avviso i miei superiori nella Società e raccolgo le mie cose, mettendomi quindi in viaggio verso Ventrisia. 

Non sarà facile trovare informazioni, amico mio: a Ventrisia troveremo un'enorme festa, con persone da ogni dove. Non senza una traccia, per lo meno. Dico in orchesco a Kura: questa è l'occasione giusta per ottenere qualche risposta. Cosa sai su Ur'Grak Lashar? E, soprattutto, cosa ti ha condotto a Ventrisia?

 

Link to comment
Share on other sites

Roxy
Warlock Umana
 

Spoiler

Il viaggio è particolarmente lungo e più volte Roxy si è messa ad osservare lo spettacolo naturale che quel carro le offre durante il viaggio. Pare una ragazza ricca di curiosità e voglia di scoprire, nonostante non abbia mai conosciuto la reale libertà. Prima tra le mani di una famiglia di nobili e adesso tra quelle di un Efreeti che pare decidere i suoi prossimi movimenti.
Per lo meno mi è capitato un ottimo e carinissimo compagno di viaggio, non è vero Naj??
E lo tiene proprio sulle sue gambe, non potendo far altro che coccolarlo e punzecchiarlo con le dita tutte le volte che lo desidera e lo ritiene opportuno per testare la "carineria" del proprio famiglio. Se ne sta seduta sul retro di quel carro, con le gambe che penzolano al di fuori e lo sguardo che non si vuole perdere ogni centimetro di quel panorama, seppur monotono.
... Chissà come starà il signorino Niketas, ma Sakr mi sembra un Efreeti di parola. Credo...?
Certo è una delle creature più spaventose che abbia mai visto e l'idea di essere passata sotto le sue attenzioni non è uno dei miei sogni più allettanti, ma.. Adesso ho anche del potere!!

E un sorrisetto orgoglioso spunta sulle labbra dell'umana. Insomma ci sono diversi pro e contro nella situazione in cui si trova, ma la giovane pare cercare di vedere solamente i primi per vedere un mondo molto più colorato e una prospettiva futura molto più rosea. Ne parla con il proprio famiglio, ovviamente, giusto per non pensare che sia una pazza che parla da sola (?).

Gli altri due suoi compagni umani invece hanno tutt'altro temperamento. Sono rimasti abbastanza silenziosi e guardinghi nei suoi confronti, sebbene li debba ringraziare per il passaggio che le hanno offerto. L'uomo appare come una figura che può intimorire e, difatti, Roxy ha evitato di parlarci se non per rispondere cortesemente alle sue domande. Per quanto riguarda la figlia... Beh... Si può dire che Roxy l'ha osservata MOLTO bene. E' una bella ragazza, sicuramente ha suscitato più di qualche pensiero nella warlock che non ha mai sperimentato nulla nell'ambito intimo e sessuale. Particolarmente curiosa, non pare ancora aver compreso appieno il suo orientamento sessuale. Sicuramente le piacciono i ragazzi, ma dopo aver visto Amal... Qualche piccolo dubbio le è venuto.

Uh?
Se ne esce quando le viene chiesto il motivo del suo viaggio, facendosi leggermente rossa in volto quando vede anche gli occhi di Amal puntati su di lei. Lei si gratterebbe un poco la guancia destra, distogliendo lo sguardo e iniziando a rispondere.
Beh per la festa della Conciliazione... E' un evento molto importante e tante persone si riuniscono per assistere. Mi è sembrata un'ottima occasione da non perdere. Essendo una persona molto curiosa, mi piacerebbe apprendere di più su ciò che accade, conoscere le persone del posto, la fauna, la flora, insomma... Non che voglia fare la ficcanaso eh?? Non sono proprio la tipa che fa la ficcanaso... Insomma.. I segreti con me nascono e muiono! Non direi niente assolutamente a nessuno!
Un fiume di parole dato dall'imbarazzo e dalla possibilità di cercare di apparire piuttosto "interessante" agli occhi di Amal, con il rischio invece di apparire semplicemente buffa e goffa. Si schiarisce un poco la voce per cercare di darsi una calmata e ripetersi un "Basta Roxy, stai ZITTA!"
E voi...? Anche voi andate lì per la festa?

 

Link to comment
Share on other sites

Code "Lenny" Ashtrayer

Spoiler

Khitra ti ascolta in silenzio per un istante, per poi scoppiare a ridere sonoramente. Batte la mano sul tavolo più volte, sembra quasi volersi asciugare le lacrime. -Tu...tu non sai come né perché?- impiega un bel pò prima di riprendere il controllo.
-Fammi indovinare...questo qualcuno ha una moglie? UNa sorella? Una figlia?- scuote il capo. -Sei sempre il solito dongiovanni, Lenny. E finirai per farti ammazzare prima o poi.- la femmina sembra aver ritrovato un pò di autocontrollo, si sistema sulla sedia ed inizia a sfogliare qualche scartoffia.
-Io non so se tu sia stupido, sfacciato, o semplicemente fortunato...- ha un blocco di fogli in mano che inizia ad osservare uno ad uno, finché non sembra trovare ciò che cerca. Sul volto una smorfia compiaciuta.
-...quello che so è che capiti nel momento più opportuno. In effetti...ho giusto un lavoretto caldo, per le mani.- con un gesto secco della mano fa volare il foglio di carta verso di te, che come guidato da una forza invisibile ti si appiccica in faccia, oscurandoti la vista per un istante.
-Domani ci sarà la festa della Conciliazione*. Hai poco tempo per prepararti. E mi sembra di capire che tu sia disposto a tutto pur di aver salva la pelle...- Khitra fa una breve pausa prima di riprendere il discorso.
-Oh, e non preoccuparti. Non ci sarà da far fuori nessuno, se è ciò che ti turba. Anzi...diciamo che sarebbe opprtuno non farsi scoprire...-


*Tu conosci questa particolare manifestazione. Una volta l'anno, all'inizio dell'autunnno, la capitale del regno diventa il luogo di raduno di intere comunità, di famiglie, di semplici persone che hanno conti in sospeso con qualcuno. Diatribe, conflitti, litigi vengono risolti in maniera diplomatica, un modo per non far esplodere guerre e battaglie inutili. Si creano nuovi accordi, nuovi legami che possano essere utili a tutte le parti. Per l'occasione, la città pullula di persone, di mercanti e bancarelle, ed accoglie praticamente gente di ogni dove.

 

Azalea

Spoiler

Rudryk arrossisce alla tua ultima richiesta. -Oh, perdonami ragazza! Vorrei consolarti dicendo che non sei il mio tipo...la verità è che io tendo ad osservare un pò tutti.- ti confida. -Sai, è dai dettagli che si capiscono molte cose. Ad esempio, tutte le persone hanno un prezzo, a questo mondo.- scuote il capo prima che tu possa fraintendere. -Intendo...che tutte le persone sono disposte a qualcosa, per la giusta somma.- le sue parole non sembrano migliorare la situazione. -Dannazione...- con uno sforzo notevole si rimette seduto, vincendo la forza di gravità del suo grosso pancione. -l'ho letto dai tuoi occhi la tua voglia di avventura. Avrei potuto persino offrirti meno, ma...- sospira. -Non lo so. Mi sembri una donna che ha sofferto, in qualche modo...non voglio dire che tu sia una stracciona e che voglia farti la carità, no no...- scuote le mani grassocce a mezz'aria. -Voglio dire, piuttosto, che non avrei avuto motivo di fregarti. Credo che la mia proposta sia stata più che congrua.-
Il nano è un fiume in piena e l'alcool di certo non aiuta. Con le mani afferra una fiasca di liquore, prende due bicchieri e li riempie entrambi. Uno te lo porge gentilmente.
-devi aver battuto forte la testa per non sapere nulla della Festa della Conciliazione!- afferma ridendo.
-Una volta l'anno, Ventrisa si popola di gente venuta da ogni dove. E si chiama festa della COnciliazione perché concilia le persone...si sistemano faide, diatribe, litigi, conflitti, il più delle volte in maniera diplomatica.- Annuisce soddisfatto delle sue parole. -Per l'occasione le strade della città brulicano di mercanti, pronti a vendere le loro ricchezze- con un cenno del capo indica il carretto. -Perciò, per rispondere alla tua iniziale domanda...sì, ci saranno molte persone alla festa. Ed io sono già emozionato all'idea eheh!-

Neldor Illiyadar

Spoiler

L'orco immobile nella sua posizione rassomiglia ad una statua di un antico guardiano. E' il crepitio delle fiamme, lo scoppiettare del falò a scandire il tempo che passa. Il fuoco si riflette negli occhi della Bestia, donandogli un aspetto ancor più terrificante: sul volto, infatti, è presente una vistosa cicatrice, una delle tante che risale al giorno in cui ha quasi perso la vita.
Il tuo orchesco è fluente e arriva alle orecchie del tuo interlocutore. Kura, senza guardarti, respira a fondo prima di aprir bocca.
La sua voce è l'unione di una fragorosa cascata e il rollìo lontano del tuono.
-Korgul il Saggio.- pronuncia nella sua lingua madre. -E' stato lui a farmi sapere. Così.- con la grossa mano afferra un pugno di terra, che poi getta nel fuoco davanti a voi. Innumerevoli scintille danzano nell'aria all'impatto, le fiamme ondeggiano per un istante e un ciocco di legno si sposta di un minimo, prima che l'effetto svanisca. -Quando Korgul lo fa, la Terra gli parla, la terra gli fa vedere cose.- Un rito, probabilmente, di chi ha una forte connessione con la natura. E Korgul il saggio lo conosci di fama: te ne ha parlato proprio Kura, una volta. Sembra sia il Gran Capo di tutte le tribù dei pelleverde. -Non so perché Korgul fa questo rito.- nonostante sia la sua lingua madre, il suo modo di parlare è semplice, fatto di brevi frasi e parole piuttosto corte. Kura non è stupido, tutt'altro, ma non ha la pazienza di spiegare le cose a voce: è il classico tipo che vuole agire.
-Korgul ha detto: Ur'Grak Lashar è importante per gli orchi. Le immagini mostrano la grande città sull'altopiano. Molta gente, Korgul lo ha detto.- Kura prende una pausa, come se fosse difficile per lui parlare così tanto. -Ur'Grak Lashar è insieme a feusachg-shrouk e boun.-
Boun lo sai cosa significa. E' il termine orchesco per indicare una donna. L'altro, invece, pare un nome composto, qualcosa che non riesci proprio ad identificare: letteralmente, da ciò che sai, dovrebbe essere..."Piccola Barba."


Roxy

Spoiler

I tuoi due intelorucotri ti guardano sorpresi per il fiume di parole che regali loro. Alla fine, Farhid accenna un debole sorriso, mentre Amal continua ad osservarti incuriosita dai tuoi modi di fare. Nel frattempo Najar si appallottola sul tuo grembo e si accoccola a te, come se volesse parte delle attenzioni che stai riservando agli altri due.
-La curiosità è un bene, ragazza.- fa il vecchio. -Cibo per le anime.- conclude.
-Padre...- fa la donna, è la prima volta che la senti parlare. Il suo tono di voce è caldo, profondo per essere quello di una femmina, ma non disdicevole. Piuttosto, si sposa perfettamente con quella che ha tutta l'aria di essere una personalità decisamente forte.
-Padre, ma davvero?- ripete sorridendo. Il suo accento è molto diverso da quello dell'uomo: sicuramente è più avvezza ai viaggi, motivo per cui il suo comune è più fluente e comprensibile. -Cibo per le anime?- scuote il capo, tornando a fissarti. -Non farci caso, lui è fatto così: a volte parla per enigmi.-
Farhid rimane in silenzio, le labbra nascoste dai baffi canuti lievemente increspate in una smorfia divertita.
-La festa, per molti, è un modo per riconciliarsi ai loro nemici: far cessare le diatribe, i litigi, le faide è un bene per la prosperità delle terre.- ti spiega Amal. -Per noi, invece, nomadi e beduini del deserto, ha tutto un altro significato.- indica il carretto e i grossi cammelli, caricati come muli da soma: dalle borse e dai sacchi fuoriescono tessuti di qualsivoglia colore e foggia. -Vendiamo ciò che possiamo e stringiamo accordi sulle rotte commerciali.- con le mani fruga sul piatto di terracotta che ha di fronte, offrendoti parte del suo contenuto.
-Ne vuoi un pò?- è pane particolarmente soffice, insieme a datteri e formaggio di capra.

 

Link to comment
Share on other sites

Code "Lenny" Ashtrayer

Spoiler

L'halfling afferra il foglio e, prima di guardarlo, osserva di nuovo Khitra e le sorride sornione. "Sapevo che avresti saputo come usarmi al meglio." 

Quindi legge la missiva tutta d'un fiato, curioso di sapere in quale nuovo guaio si è cacciato.

 

Link to comment
Share on other sites

Azalea

Spoiler

Sorrido alle parole del nano e lo lascio parlare, ammetto che il suo imbarazzo e il suo cercare di non essere frainteso e non offendere mi divertono un po'.

Prendo volentieri il bicchiere che mi offre e scuoto la testa.

So bene che non faresti nulla contro di me. Ma so anche che il mio corpo è quello che è, e gli sguardi troppo insistenti bhè... mi mettono un po' a disagio. C'è che fa pace col proprio corpo, io ancora non ci sono riuscita, e le cicatrice che si vedono... bhè vorrei tanto che non ci fossero... passando ad altro direi che l'offerta che mi avete fatto è stata anche fin troppo generosa. Ed è vero, amo l'avventura e l'ignoto, d'altronde è nello spirito e nell'animo degli umani, no? Sorvolo intenzionalmente sulla sofferenza patita.

Conciliarsi, eh? Perdonare faide, diatribe e quant'altro... sorrido amaramente. Decisamente non è la festa per me. Forse va bene per piccoli battibecchi, litigi d'amore o fra vicini. O usarla come scusa quando entrambe le parti si rendono conto che non possono proseguire, ma per onore non possono mollare il colpo. Mi sembra più una festa dell'ipocrisia e del salva faccia. E gli ipocriti sono più propensi a spender soldi per mostrare a tutti di non esserlo. Quindi Rudryk, sono convinta che venderai tutto, persino il carretto! Alla tua e ai tuoi affari! Sollevo il bicchiere in segno di brindisi prima di berlo.

 

 

Link to comment
Share on other sites

Neldor Iliyadar

Master

Spoiler

Riconosco ciò di cui parla Kura: sembra proprio un rito di comunione con la natura. E Korlug il Saggio dovrebbe essere il leader delle tribù orchesche: una persona che sa il fatto suo, insomma. La fonte è affidabile, ma è comunque criptica. Una donna e un piccolo uomo barbuto... questo restringe la nostra ricerca. Probabilmente dovremo provare a cercare tra le locande: se sono viaggiatori come noi, dovranno trovare un alloggio. Dico all'orco, senza però parlare di quanto sarà difficile trovare la nostra coppia: il numero di persone presenti a Ventrisia per la Festa li proteggerà meglio di qualsiasi trucco. Korgul ti ha detto perché hanno Ur'Grak Lashar? Conosco anch'io quest'artefatto, Kura, e non è qualcosa che due persone portano tranquillamente nelle loro tasche. 

 

Link to comment
Share on other sites

Roxy
Warlock Umana
 

Spoiler

Un sorrisetto imbarazzato di fronte agli sguardi dell'uomo e della figlia, mostrandosi chiaramente impacciata di fronte ad una libertà sociale che raramente le è stata concessa.. Specialmente di fronte ad una bella ragazza come Amal. Ascolta quindi la spiegazione di quest'ultima, andando a coccolare Najar che richiede le sue attenzioni più del dovuto, dato che gli occhi di Roxy si soffermano a lungo sul volto di Amal.
T-tranquilla! Cibo per l'anima. Credo di capire. Insomma è come dire che potrei arricchire le conoscenze di questo mondo e quindi la mia anima...
Spiega quindi all'altra ragazza per poi inclinare leggermente la testa di lato.
Riconciliarsi con i propri nemici e mettere fine alle diatribe? Non pensavo che una festa simile avesse tale significato. Sembra qualcosa di molto positivo.
Gli occhi di lei si spostano quindi sulle merci in vendita dei due.
Se avete bisogno di una mano per vendere la vostra merce, mi farebbe davvero piacere aiutarvi. Non sono proprio la migliore delle venditrici, ma so rendermi piacevole, servile e in grado di soddisfare i bisogni delle persone se necessario...
Un sorriso leggermente tirato che va a morire con un gran rossore quando capisce perfettamente le parole che le sono uscite dalla sua bocca.
C-cioè! Nel senso... Ero una servitrice di una famiglia di nobili! Niente di strano e perverso... Non sono mai stata una donna di malaffare, lo prometto!
E le mani si allungano e si agitano in avanti per far capire ai due di non aver a che fare con una ragazza che ha gettato il proprio fiore più volte in cambio di denaro. Un sospiro nel cercare di riprendersi, prima di notare l'offerta di cibo e sollevare nuovamente lo sguardo su Amal.
Grazie... Ma non posso accettare senza dare qualcosa in cambio.
Borbotta un po' impacciata, sebbene le sue mani si allunghino proprio in direzione del cibo. In effetti lo stomaco brontola un poco.

 

Link to comment
Share on other sites

Code "Lenny" Ashtrayer

Spoiler

Ti aspetti di trovare una scritta su quel foglio, una nota, un messaggio, ma tutto ciò che vedi è un disegno in bianco e nero, fatto con un carboncino scuro. Linee sfumate in alcuni punti, decise e ferme negli altri, un'opera degna di nota, propria solo dei grandi artisti. Che sia stata Khitra a disegnarlo? -Hai mai sentito parlare de "L'Occhio del Diavolo?"- la sua voce ti distoglie dai tuoi pensieri, quel tanto che basta per farti focalizzare proprio sul pezzo di carta che stringi in mano: l'immagine rappresenta chiaramente una pietra preziosa, una specie di gemma. -Secondo antiche leggende si tratta di un artefatto di smisurata potenza, che permette di controllare il fuoco stesso.- La femmina scuote le spalle e distoglie per un istante lo sguardo da te. -Se devo essere sincera, non mi importa un fico secco delle dicerie della gente. Mi importa soltanto del suo...valore.- quando torna a fissarti noti uno strano scintillio nei suoi occhi. Quello dell'avarizia...-Aiutami a prenderlo ed estinguerò personalmente il tuo debito con questo...questo qualcuno.- cita le tue stesse parole. Non ti ha dato dettagli, per ora: probabilmente vuole che tu accetti senza riserve...

large.Khitra.png.1bbb58580e51a7b752b2ec36c448d943.png

 

Azalea

Spoiler

Quando bevi il liquore ti sembra di ingoiare una lingua di fuoco. E' qualcosa che non hai mai provato prima e ti ci vuole più di un attimo per abituarti a quel dannato sapore. Rudryk, invece, non fa una piega: è chiaro, ormai, la sua predisposizione ad alzare il gomito. -Accettare il proprio corpo, dici?- fa il nano lisciandosi la barba. -Credo sia piuttosto semplice, in realtà.- Si prende una pausa per sciogliere la lingua, chiaramente impastata dall'alcool. -Prendi me, per esempio..- inizia a tastare il suo grosso ventre: l'abito è talmente teso che pare volersi strappare da un momento all'altro. Hai paura che un bottone salti, prima o poi, finendoti in un occhio. -Questo pancione può sembrare poco affascinante tra gli uomini, ma per il mio popolo è un motivo di vanto e di benessere. La pancia è gonfia quando la tavola è imbandita, se capisci cosa intendo...-ora ti indica con la mano grassoccia. -Le tue cicatrici possono essere segni e sfregi dai quali distogliere lo sguardo, ma se mai incontrassi un orco potrebbe persino venerarti come una dea...e sarebbe ironico pensare che proprio quelle cicatrici ti eviterebbero un'ascia conficcata nel cranio!- conclude con una profonda risata che fa tremare nuovamente il suo pancione.

-Per quanto riguarda la festa della conciliazione...beh, non avrei mai saputo descrivere la situazione meglio di quanto l'abbia fatto tu, ragazza.- annuisce compiaciuto. -Io voglio soltanto conciliarmi con il denaro. E dove c'è gente ci sono scarselle piene, gonfie e sonanti...- un mezzo sorriso, uno di quelli beffardi, accompagnato da uno strano barlume negli occhi...il barlume dell'avarizia.

large.RudrykBarbarossa.jpg.e0201c62e0f8544506b956736f60fe7b.jpg

 

Neldor Iliyadar

Spoiler

Kura ti guarda mentre parli e alla fine scuote la testa in segno di diniego. -No.- dice secco. -Korgul ha detto che feusachg-shrouk è un...è un...- stringe i denti meditabondo. -mer...can...te.- quella parola te la sputa in comune, cerca di scandirla al meglio delle sue possibilità. Tu sai che nella lingua degli orchi non esiste un modo per tradurre "mercante". Per i pelleverde che vivono nelle loro terre il concetto di scambiare qualcosa per denaro è assolutamente inutile. Solo gli orchi integrati negli altri regni hanno idea di cosa significhi commerciare, per tutti gli altri una moneta d'oro è poco diversa da un ciottolo. -No, no.- continua a scuotere la testa. -feusachg-shrouk non è acghkosh-bonn.- di nuovo un nome composto: letteralmente, questo si può tradurre come "viso di latte". Kura ha mezzo intuito che tu non hai ben chiaro di cosa stia parlando, ma evidentemente non sa come tradurti la parola in comune. -Feusachg-shrouk ha gambe corte, grossa pancia. E barbe lunghe, ma piccole. Piccole come loro.- cerca di spiegarti come può, aiutandosi con i gesti. -Korgul ha detto che feusachg-shrouk ha un carro. Non sa perché ha Ur'Grak Lashar: Korgul sa solo quello che la terra gli mostra.- per un attimo, il grosso orco rimane a fissarti con gli occhi d'ambra, rimanendo in silenzio. Alla fine abbozza un mezzo sorriso, un evento più unico che raro. Quando apre la bocca lo fa in comune, la cosa ti sorprende. -Lingua di orchi di Neldor è ferro rosso.- quel debole sorriso, sul suo volto sfregiato, si trasforma ben presto in una smorfia, tipica di chi non è avvezzo a tali gesti. Quello, viste le tue incomprensioni (ai suoi occhi!), è il suo modo per dirti che il tuo orchesco è...arrugginito.

large_Kura.jpg.effef5a9ca06d7c1f8bdabba374a5f52.jpg

Roxy

Spoiler

Farhid annuisce compiaciuto della tua spiegazione. Il fatto che tu abbia capito le sue parole lo rende di buon umore e lascia che le labbra si schiudano in una smorfia che rassomiglia ad un sorriso. Con un bastone attizza il fuoco, che di rimando crepita, e per il momento rimane in silenzio, lasciando che sia Amal a guidare la conversazione.
-Tranquilla, prendi pure.- ti fa la femmina, con la mano sposta la ciotola verso di te. -Per noi beduini l'ospitalità è sacra. Sarebbe un'offesa se qualcuno rifiutasse il nostro cibo.- ti spiega cordialmente. Infine si volta verso il falò, lasciandosi illuminare dalle lingue cremisi che danzano nell'aria. -In tutta sincerità, non saprei giudicare una tale festa. Nel nostro popolo la maggior parte delle diatribe ginisce con una testa mozzata o un matrimonio. O con entrambi.- sospira pensierosa. -ad ogni modo, manifestazioni di questo tipo sono una manna dal cielo per i nostri affari.-
-Mia figlia dice il vero!- Farhid si intromette nel dialogo, il suo accento stona terribilmente con quello di Amal. -Anche lei è una promessa sposa.-
-Padre!- protesta lei.
-Che c'è? Avresti voluto vedermi con la testa mozzata?-
Stavolta la donna non risponde: capisci che non vuole proprio parlare di quell'argomento. Si limita a guardare il fuoco, come se quelle fiamme riuscissero a scaldarle l'anima. -Non preoccuparti.- ti dice infine dopo lunghi attimi di malinconico silenzio. -Intendo dire...per le merci. Siamo abituati a lavorare in due.-

-E tu non hai tempo da perdere con questi mentecatti, ragazzina.-
La voce di Sakr, chesolo tuo puoi sentire, ti fa trasalire. Risuona nella tua testa, rimbomba nella tua mente. E' profonda, metallica, sembra provenire da un altro mondo, un mondo che tu, povera ragazza senza patria, non sei ancora riuscita a comprendere del tutto...

large.FarhidIbnAmhad.jpg.9ee31c0df305b21b62102001905931f8.jpglarge.0afed8d2a4f44275a21f136f9385fdc7.jpeg.39ec15c22e1373221378c21791532261.jpeg

 

Edited by Hugin
aggiunta immagini
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Azalea

Spoiler

Sorrido alle parole di Rudryk.

Effettivamente non ci avevo mai pensato! Rispondo con un ampio sorriso.

Poi sollevo nuovamente il bicchiere.

Alle pance, ai nani e agli orchi! E ai soldi che guadagnerai!

Sarà anche strano, sarà anche ubriaco, sarà attaccato ai soldi, ma è un nano che sa il fatto suo. Fossero sempre così i clienti che chiedono protezione ci metterei la firma!

Sì, decisamente questo sarà un incarico tutto sommato piacevole.

Ora sarà bene riposare, se domani vogliamo partire presto.

 

Link to comment
Share on other sites

Code "Lenny" Ashtrayer 

Spoiler

L'halfling ascolta interessato tenendo l'opera davanti agli occhi. Quando Khitra termina, Lenny guarda il foglio, poi la sua ospite, quindi di nuovo il foglio, esprimendo teatralmente la sua curiosità. Resta in attesa di altre parole qualche secondo, ma queste non arrivano. 

"Un furto dunque. Un semplice furto... Ma con te niente è mai semplice, mio splendido fiore corazzato."

Sospira, osservando ancora un po' sconsolato il meraviglioso disegno della gemma: "Sarei felice di accettare, appianare i miei debiti sembra un'ottima paga. Vorrei però sapere qualcosa in più su questa pietra o, almeno, su chi ti aspetti che io rapini durante la festa."

Lenny quindi passa nuovamente gli occhi su Khitra, scivolando dal volto ai seni, dal ventre alle gambe e tornando a fissare i suoi occhi in quelli di lei:

"Poi sai che sono un sentimentale..... e commettere un torto nella festa della Conciliazione è cosa grave. Ci vuole una giustificazione più che valida."

Spoiler

Vedi tu se fare qualche prova per convincerla a svelarmi qualcosa di più, magari persuasione (+3) 

 

 

Edited by simo.bob
Link to comment
Share on other sites

Roxy
Warlock Umana

Spoiler

Oh.. Allora accetto molto volentieri
E un sorriso si protende sulle labbra della giovane warlock, prendendo il cibo dalle mani di Amal e iniziando a gustare il proprio pasto. Ascolta le usanze di quei beduini ed è anche lei a dover replicare.
Dalle mie parti i litigi sono solitamente molto più nascosti. Le antipatie si rivelano dietro falsi sorrisi e si tende a non mostrare mai le reali apparenze quando sono negative...
Riflette a quel mondo nobiliare di cui lei non ha mai fatto parte e ne ha solo sentito parlare. Dicerie, chiacchiericci vari e rivalità che si concludevano con omicidi commissionati o avvelenamenti vari... Non si conosce mai la verità di quei fatti, ma rimangono solo voci, ipotesi e difficilmente atti che si possono portare sotto processo.
... Non so effettivamente quale sia meglio delle due situazioni, ma almeno voi siete sinceri da quello che mi sembra di capire. Anche io tendo ad esserlo ovviamente! Non scambiatemi per quelle persone pompose e nobiliari che gironzolano per i castelli... Eheheh...
Una risatina un po' innervosita all'idea di poter dare una cattiva impressione, specialmente ad Amal.
Non sono mai stata una nobile, anche se l'ho osservata da molto vicino. Ero una sc..
Si morde la lingua all'idea di gettare così al vento il suo status umiliante di schiava. Cosa potrebbero pensare quei due beduini di lei, specialmente ora che le piacerebbe far colpo proprio su quella ragazza... Ma perchè poi? Avrebbe effettivamente una chance? Neanche si conoscono, neanche sa se potrà rincrociare il suo cammino... Ah... L'adolescenza!
Cioè ero una domestica! Sì, una domestica al servizio di una famiglia nobile. Mi occupavo di alcune mansioni... Non era il massimo della vita, ma almeno il nostro mondo era più sincero...
Ed in effetti ad una schiava è facile dire la verità, visto che non ha modo di ribattere, di difendersi e di vendicarsi.
Continua a mangiare fino a sentire le parole del padre che parlano di promessa sposa e...
!!! *Coff coff coff* !!!
A Roxy va di traverso quel pane per la notizia che la prende totalmente di sorpresa.
Oh... OH! Una promessa sposa! M-meraviglioso!
Un sorrisetto tirato, un poco imbarazzato all'idea effettiva di ciò che stava pensando di Amal... Come se tutti fossero stati in grado di leggerle la mente. In effetti qualcuno lo ha fatto e le sue parole si fanno sentire.
Ehm..
Le dita percorrono un poco il pane mangiucchiato, guardandolo con aria un poco pensierosa, intimorita pure per le parole dell'Efreeti.
C-credo che sia meglio che riposi un poco, sì!
Torna a guardare Amal e il padre con un nuovo sorrisetto che cerca di nascondere il fatto che non è minimamente stanca, ma ha semplicemente bisogno di riordinare la mente.

 

Link to comment
Share on other sites

Neldor Iliyadar

Master

Spoiler

Un nano? Dalla descrizione sembrerebbe proprio quello. Devi scusarmi, amico mio: ho imparato la tua lingua dai libri e non la uso molto spesso. Dico con un sorriso all'orco per scusarmi della mia scarsa padronanza, aggiungendo Allora proveremo a cercare un mercante e una donna. Il fatto che abbia un carro potrebbe aiutarci: deve trovare un posto dove lasciarlo, cosa che diminuisce le locande adatte. E sarà lui a spiegarci di persona il motivo per cui abbia questa gemma: dovremmo riuscire a farlo ragionare. 

 

Link to comment
Share on other sites

Code "Lenny" Ashtrayer

Spoiler

Khitra sorride beffarda alle tue parole.
-Stavolta ti sbagli, mio caro. Sarà un gioco da ragazzi. Anche perché...- si alza in piedi e ti si avvicina camminando sinuosa. Quando ti sta praticamente appiccicata allunga una mano verso il tuo volto, accarezzandoti la pelle con il dito indice. -...anche perché sarà un compito che svolgeremo in due. Non crederai io ti lasci da solo.- una risatina acuta, prima di sorpassarti e darti le spalle.
-Ad ogni modo...- il suo tono cambia, ora sembra particolarmente seria. -Ho le mie fonti, Lenny, tu lo sai. Dicono che questa pietra, questa gemma, sia nelle mani di un nano. Un mercante, ne è entrato in possesso a Mariscala, nel regno di Veltoria.- torna verso la scrivania e si siede sullo sgabello.
-Dicono che abbia assoldato una donna come guardia del corpo, ho perciò due ipotesi che mi frullano nella mente. La prima...- ti mostra il pollice. -...è che sia così furbo da nascondere l'Occhio del Diavolo tra gli altri suoi beni tanto da assoldare una sola donna per non attirare l'attenzione su di sé. La seconda...- e ti mostra l'indice. -...non ha la più pallida idea di cosa abbia per le mani. In effetti, non è chiaro come sia riuscito ad entrare in possesso dell'artefatto. Che sia stata una coincidenza fortuita?- scrolla le spalle. -in ogni caso dovremo agire in maniera discreta. Non voglio che le guardie ci stiano alle calcagna, così come non voglio spargimenti di sangue inutili. Deve essere un lavoro pulito, rapido, senza intoppi.- ti fissa con quegli occhi chiari, quasi di vetro. -Domani mattina partiremo da qui, perciò puoi tranquillamente riposare in una delle stanze di questo piano.- ti fa capire che lì è praticamente tutta roba sua: probabilmente avrà una sorta di accordo con il locandiere.
-ed ora...- ti fa un cenno con la mano. -ti pregherei di lasciarmi da sola. Non immagini quante faccende io abbia da sbrigare.- ti guarda per un ultimo istante, la malizia nel suo volto. -Oh, e non faccende in cui tu possa renderti utile, se te lo stavi domandando!- conclude strizzandoti l'occhio, prima di rituffarsi sulle sue infinite scartoffie.

 


Azalea

Spoiler

-E chi ha detto che dovremo partire presto domattina?- bofonchia il nano divertito. -Dicono che il mattino abbia l'oro in bocca, ma per me l'oro è in quel carretto, solo in un'altra forma. Per ora.- sorride beffardo. -In ogni caso, ragazza, se vuoi riposare potrai pure farlo. Sembra un luogo tranquillo questo...io...-a fatica il mercante si alza, emettendo dei versi gutturali per lo sforzo. Una volta in piedi si avvicina ai cavalli. -Mi assicurerò che questi due...- batte le due mani sul collo delle bestie, che di rimando scrollano la testa in segno d'apprezzamento. -...abbiano la loro buona dose di compagnia. Mi piace parlare con loro prima di dormire.- Il mercante si mette in bezzo ai ronzini ed inizia una sorta di dialogo nella sua lingua natale. L'idioma lo conosci e comprendi ciò che il nano sussurra ai due animali: è una sorta di "poesia" di gratitudine, come se il barbuto volesse rendere omaggio al lavoro di traino dei due quadrupedi. Tra le frasi che capisci, ti rendi conto che Rudryk sta chiedendo loro un altro piccolo sforzo prima di essere liberi per sempre. Di rimando, i due animali sembrano apprezzare: battono una zampa a terra e abbassano la loro testa, strofinando il muso sul volto del mercante. -Oh, piano piano!- sorride Rudryk. -Fate sempre così, voi due eh? Ahhh!- batte di nuovo la mano grassoccia sui manti grigi. -Non avrei mai potuto chiedere compagni migliori!-


Roxy

Spoiler

Nonostante la tua correzione sul tuo precedente status, Farhid sembra aver compreso ciò che inconsapevolmente stavi per dire.
L'uomo scuote la testa e sembra regalarti l'ennesimo sorriso. I suoi, che paiono così sinceri, hai ormai compreso che valgono come oro colato.
-Non devi vergognarti della tua vita, ragazza.- commenta con il suo solito accento. -ognuno ha i propri demoni. Non permettere mai a nessuno di rivangare il tuo passato.- ti dice. L'ennesimo enigma, forse, al quale stavolta Amal non aggiunge nient'altro. Se ne sta in silenzio, la figlia, come se avesse dei tarli a divorarle la testa.
Il vecchio, alla fine, annuisce.
-Sì, credo sia meglio che voi riposiate. Il viaggio è ancora lungo.- continua ad attizzare il fuoco, probabilmente sarà lui a vegliare su di voi.

-Già, ragazzina. Sarà meglio che la smetti di parlare con questi due. Dobbiamo fare un discorsetto, io e te...-
di nuovo Sakr, di nuovo la sua dannatissima voce.
-E tieni quel mostriciattolo lontano da me!-
allude a Najar. Per qualche motivo Sakr lo odia, il che è anche strano visto che lo pseudodrago non è nient'altro che un'estensione dei poteri che lui stesso ti ha conferito.
Non devi comunque da stupirti troppo della questione, visto che non c'è praticamente nessuno che vada...a genio...al genio.


Neldor Iliyadar

Spoiler

La smorfia divertita di Kura rimane per alcuni istanti sul suo tremendo faccione, prima di svanire del tutto. L'orco annuisce alle tue parole, quindi si alza in piedi ed afferra un enorme falcione dalle sue cose. L'arma è rozza, l'elsa fatta di osso intagliato, su cui sono intrecciati pezzi di pelle di animale tagliati alla meglio. La lama è pesante, affilata probabilmente con pietre, e presenta delle dentature sulla punta, probabilmente con lo scopo di strappare le carni di qualche malcapitato. Hai visto di certo strumenti migliori di quello, ma non hai dubbio alcuno che nelle mani del tuo amico possa essere comunque letale.
-Neldor va in mondo sogni.- continua a parlare in comune, forse per stupirti dei suoi progressi: non parlava così fluentemente, in passato. -Kura guarda spalle di Neldor.- con il grosso piede inizia a spegnere il fuoco, incurante del calore e delle scintille. Sembra immune al dolore, in un certo senso, e non c'è da stupirsi visto quello che ha dovuto sopportare in passato. In un lasso di tempo particolarmente breve rimanete al buio, non che la cosa sia un problema per la vostra vista. -Luce no bene. Uomo vede luce, uomo attacca. No luce, no attacca.- c'è della logica nei suoi pensieri elementari. La Bestia si volta a guardarti: nella penombra della notte, con quell'arma in mano, assomiglia ad un mostro orribile in procinto di squartare la sua preda. -Neldor va in mondo sogni.- pronuncia di nuovo quelle parole. E stavolta non sembra ammettere repliche...

 

Link to comment
Share on other sites

Azalea

Spoiler

Mi corico rimanendo sveglia per osservare cosa fa il mio cliente. Ascolto quello che dice ai cavalli e ammetto che ne rimango colpita E' così raro vedere qualcuno aver cura e amore per le proprie bestie.

Sì, decisamente non poteva capitarmi cliente migliore.

Lascio che la stanchezza del viaggio prenda lentamente il sopravvento fino ad addormentarmi ben conscia però che dovrò svegliarmi spesso per controllare la zona e soprattutto dovrò essere sveglia quando lui si sveglierà per riprendere il viaggio.

Chissà, magari potrei anche offrirmi come sua guardia del corpo fissa... se gli affari gli andranno bene, penso che fare un tentativo ne varrà la pena.

 

Link to comment
Share on other sites

Code "Lenny" Ashtrayer

Spoiler

Dopo aver ascoltata il piano dilla ragazza, Lenny decide di accettarlo senza fare altre domande. Dopotutto averla al proprio fianco potrebbe essere positivo. "Allora buonanotte Khitra, fai la brava questa notte. Se avessi bisogno di qualsiasi cosa, sai dove trovarmi."

Lenny esce e si va ad accomodare in una delle stanze del piano. Pensa di essere al sicuro nelle proprietà della sua ospite, quindi decide di approfittare di una notte di riposo e si butta sul letto, tamburellando con le dita fino ad addormentarsi. 

 

Link to comment
Share on other sites

Roxy
Warlock Umana

 

Spoiler

B-beh.. Non è che mi vergogno di ciò che ero, ma.. Insomma...
Gli indici che iniziano a toccarsi tra di loro mentre cerca di snocciolare una chiara menzogna, visto che effettivamente si vergogna e non vuole fare una così brutta figura nei confronti dei beduini e, specialmente, nei confronti di Amal. Un'occhiata veloce viene proprio donata a quest'ultima con i suoi occhi rossi, ma la vede molto presa nei suoi pensieri e quindi decide di lasciar perdere quel sentimento pressante nella propria anima.
Un sospiro che fuoriesce dalle proprie labbra per poi annuire in direzione del padre di Amal, così come alla stessa voce che sente nella propria mente e appartenente all'Efreeti che è intento a impartirle altri ordini. Si allontana così dal duo per accomodarsi in un posto più riparato e sdraiarsi in compagnia del proprio pseudodrago.
Afferrerebbe quest'ultimo per sollevarlo con entrambe le braccia e guardarlo con un'espressione addolcita e bonaria, prima di rispondere a voce al proprio patrono.
Ma è un'estensione del tuo potere... Come mai ti rimane così antipatico? E' carino e un ottimo compagno di viaggio, mi fa sentire meno sola. Almeno so che c'è qualcuno che mi capisce e con cui posso confidarmi... Non è vero Najar?
Un'ultima domanda rivolta verso il draghetto, sorridendo divertita nei suoi confronti.
Che poi... Vorrei proprio capire chi mai potrebbe starti vicino con questo caratteraccio...
Un pensiero che passa per la sua testa, sgranando gli occhi nel comprendere che forse l'Efreeti può chiaramente sentire anche quella voce della sua mente e deglutendo con estrema calma nella speranza che non sia così o che, per lo meno, abbia lasciato correre quel commentino.
C-comunque.. Ecco.. Di cosa volevi parlare?

 

Link to comment
Share on other sites

Neldor Iliyadar

Master

Spoiler

L'immagine dell'orco armato nella penombra mi ricorda perché normalmente la gente tema il suo popolo. Kura è particolarmente impressionante, con la sua stazza e le sue cicatrici, ma non credo che i suoi simili siano molto diversi. È una buona idea, Kura. Dico dopo qualche istante, approvando la sua scelta di spegnere il fuoco. E ti ringrazio, ma insisto per fare dei turni di guardia. Non puoi passare tutta la notte in piedi: svegliami tra qualche ora, ti darò il cambio. Aggiungo, senza farmi intimidire dal suo comando: non intendo essere inerme per tutta la notte, senza avere modo di proteggere il mio compagno di viaggio in caso di necessità. 

 

Edited by Ian Morgenvelt
Link to comment
Share on other sites

×
×
  • Create New...