Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Avventure Investigative #2: L'Avventura in Giallo

D&D può essere usato per creare delle avventure investigative interessanti? Eccovi il secondo articolo di una serie in cui espongo le mie idee in merito.

Read more...

Sage Advice - Evoluzioni delle Creature

Jeremy Crawford ci parla dell'evoluzione futura dei blocchi delle statistiche e delle nuove razze giocabili introdotte in The Wild Beyond the Witchlight.

Read more...

Eccellenti Esempi di Design: Emberwind

Proseguiamo con l'analisi degli "eccellenti esempi di design" presentandovi Emberwind, un GdR pensato per poter essere giocato anche senza un master.

Read more...

La terra di Noth

Andiamo ad esplorare un altro angolo di Centerra, la bizzarra ambientazione ideata da GoblinPunch. In particolare oggi parleremo della Terra di Noth, un impero in forte ascesa.

Read more...
By Lucane

I Mondi del Design #2: "Tutto ruota intorno a me" - Parte 1

Questo articolo prosegue la traduzione della rubrica dedicata al Game Design scritta da Lewis Pulsipher ed è il secondo di una lunga serie.

Read more...

Ranger: nemico prescelto vs. ambiente prescelto


MadLuke
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti,
    ho alcuni dubbi riguardo le due abilità speciali in oggetto. Personalmente trovo che la meccanica dell'ambiente prescelto sia più sensato e soprattutto sia più accattivante del nemico prescelto, però:
1) l'ambiente prescelto è meno forte del nemico prescelto, o quanto meno favorisce le build di ranger più ladresche mentre con lo standard sono più combattivi;
2) nel caso concordaste sul punto 1), secondo voi con ambiente prescelto è fattibile conservare anche i bonus garantiti da nemico prescelto, però limitatamente a tutti e solo gli Animali (e Bestie magiche?) il cui ambiente naturale sia quello selezionato? Sarebbe bilanciato oppure si rischierebbe di sbracare dall'altro lato?
3) come si concilia la variante di classe Solitary Hunter con la variante di abilità Ambiente prescelto?

Ciao e grazie, MadLuke.

Link to comment
Share on other sites


Dipende, in un parte con diversi incantatore il ranger è di base una spanna sotto, quindi dargli i bonus come per il nemico prescelto (o addirittura ANCHE il terreno prescelto, tipo pathfinder), non sbilancia il gioco.
Se invece parliamo di un gruppo molto low magic (come mi pare siano le tue campagne), con guerrieri, monaci e paladini, di base il ranger è già una buona classe e potenziarlo può rischiare di sbilanciarlo.

Diciamo che come dici anche tu di base il terreno prescelto è meno forte perché priva il ranger della sua principale fonte di danno (e lui è un damage dealer). Sostituire in toto in bonus ci può anche stare: si possono già scegliere organizzazione o "arcanisti" come nemico prescelto, non vedo perché non anche un certo terreno.
Dal punto di vista della coerenza non fila però molto: con una creatura il ranger impara anatomicamente com'è fatta per fargli più male, conoscere meglio un pianura come può fare lo stesso?

Link to comment
Share on other sites

12 ore fa, KlunK ha scritto:

Dal punto di vista della coerenza non fila però molto: con una creatura il ranger impara anatomicamente com'è fatta per fargli più male, conoscere meglio un pianura come può fare lo stesso?

Conoscendo bene le pianure impari inevitabilmente anche a riconoscere le tracce degli animali (che portano all'acqua per esempio), e impari come cacciare i bisonti, ecc.

Però effettivamente le bestie magiche sarebbero troppo. In realtà sono troppo anche con l'abilità standard: quanti lupi invernali o pantere distorcenti può aver mai incontrato un ranger rispetto a un altro combattente per aver maturato bonus ai danni & co.? (Anche per questo penso sia meglio l'ambiente prescelto).

Conclusione: ambiente prescelto con solo Animali dell'ambiente nemici prescelti (contro lupi e tigri crudeli sarà sempre apprezzabile).

Grazie.

Edited by MadLuke
Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, MadLuke ha scritto:

Conoscendo bene le pianure impari inevitabilmente anche a riconoscere le tracce degli animali (che portano all'acqua per esempio), e impari come cacciare i bisonti, ecc.

Ma in una pianura ci può essere un bisonte come un allip, come fai ad avere gli stessi bonus solo perché stanno nello stesso posto?
E limitarli agli animali lascia il tempo che trova, in quel caso sicuramente non è sbilanciante.
Ma dovresti abbandonare l'idea ranger=cacciatore (di animali). Esistono ennemila ranger che potrebbero non avere mai cacciato un animale in vita propria.

Link to comment
Share on other sites

31 minuti fa, KlunK ha scritto:

Ma in una pianura ci può essere un bisonte come un allip

No. Non "come" bensì "molto raramente anche".
Per carità: le ambientazioni sono varie, e altrettante un master se ne può creare a suo piacimento, ma in un "ecosistema" per essere credibile gli erbivori devono essere mille volte più numerosi dei carnivori, gli animali mille volte più numerosi dei non-morti.
In secondo luogo: anche se in un'ambientazione fosse coerente che i draghi siano numerosi quanto i cavalli e quindi altrettanto facilmente incontrabili, un ranger non farebbe esperienza e quindi maturerebbe bonus (come succede coi cavalli o anche coi lupi), bensì entro il secondo sarebbe un ranger morto.

36 minuti fa, KlunK ha scritto:

Esistono ennemila ranger che potrebbero non avere mai cacciato un animale in vita propria.

Mai letto di ranger vegani in manuali o narrativa fantasy. 😄
E anche non li avesse uccisi, gli animali s'incontrano frequentemente in natura, per cui impari a seguirne le tracce, non farti vedere, ecc. (fin da quando sono ragazzini), i basilischi verosimilmente non li trovi manco se vai a cercarli, e perciò non li conoscerai mai.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, MadLuke ha scritto:

Per carità: le ambientazioni sono varie, e altrettante un master se ne può creare a suo piacimento, ma in un "ecosistema" per essere credibile gli erbivori devono essere mille volte più numerosi dei carnivori, gli animali mille volte più numerosi dei non-morti.

Opinabile, ma è per questo che quindi dovrebbe applicarsi solo agli animali?

1 ora fa, MadLuke ha scritto:

Mai letto di ranger vegani in manuali o narrativa fantasy. 😄
E anche non li avesse uccisi, gli animali s'incontrano frequentemente in natura, per cui impari a seguirne le tracce, non farti vedere, ecc. (fin da quando sono ragazzini), i basilischi verosimilmente non li trovi manco se vai a cercarli, e perciò non li conoscerai mai.

E quindi come spieghi un ranger che ha nemico prescelto aberrazioni e non morti, ma non animali?

Link to comment
Share on other sites

10 minuti fa, KlunK ha scritto:

Opinabile, ma è per questo che quindi dovrebbe applicarsi solo agli animali?

Certo... Per maturare quei bonus devi aver maturato diverse esperienze di pedinamento, di fuga, di ammansire, e infine di ucciderli, e solo dei comuni animali garantiscono 1) di incorrere in simili incontri che siano sufficientemente numerosi e 2) di non schiattare al primo "tiro di dado sfortunato". Se poi tu vuoi dirmi che invece nella tua ambientazione/campagna 1) s'incontrano basilischi, lupi invernali, ecc. con la stessa facilità con cui s'incontrano cervi in Germania, e 2) che per giunta pure i ranger al primo livello sono usi a cavarsi agevolmente d'impiccio in quelle situazioni...

 

10 minuti fa, KlunK ha scritto:

E quindi come spieghi un ranger che ha nemico prescelto aberrazioni e non morti, ma non animali?

Non me lo sono mai spiegato. Per questo, dicevo, ho fatto fuori questa possibilità.

Link to comment
Share on other sites

8 ore fa, MadLuke ha scritto:

Certo... Per maturare quei bonus devi aver maturato diverse esperienze di pedinamento, di fuga, di ammansire, e infine di ucciderli, e solo dei comuni animali garantiscono 1) di incorrere in simili incontri che siano sufficientemente numerosi e 2) di non schiattare al primo "tiro di dado sfortunato". Se poi tu vuoi dirmi che invece nella tua ambientazione/campagna 1) s'incontrano basilischi, lupi invernali, ecc. con la stessa facilità con cui s'incontrano cervi in Germania, e 2) che per giunta pure i ranger al primo livello sono usi a cavarsi agevolmente d'impiccio in quelle situazioni...

Ma chi ha detto che il ranger al 1° livello deve andare da solo ad affrontare un drago enorme per avere nemico prescelto draghi?
Evidentemente il ranger o viene addestrato da un gruppo di "cacciatori di draghi" che gli fanno imparare prima "la teoria" con dei manichini, poi nel concreto magari con dei draghi "minori" come viverne, comunque sempre in gruppo (ed è così che acquisisce l'esperienza che gli vale quel +2), oppure da autodidatta allo stesso modo. Certo la cosa deve essere in linea teorica sempre sensata, ha poco senso un ranger con nemico prescelto giganti se è sempre vissuto in una città di umani. Questo però dovrebbe valere per tutte le cose.

8 ore fa, MadLuke ha scritto:

Non me lo sono mai spiegato. Per questo, dicevo, ho fatto fuori questa possibilità.

Ok, ma a questo punto ti ritrovi il problema di avere una capacità che rimane generalmente meno forte del nemico prescelto.
Inoltre ci sarebbe da discutere sul fatto di "sono bravo a muovermi nella pianura dove sono nato" = "sono bravo a muovermi in TUTTE le pianure del mondo"

Link to comment
Share on other sites

39 minuti fa, KlunK ha scritto:

Evidentemente il ranger o viene addestrato da un gruppo di "cacciatori di draghi" che gli fanno imparare prima "la teoria" con dei manichini, poi nel concreto magari con dei draghi "minori" come viverne,

Ma in quale ambientazione "seria" (FR non sono affatto seri) ci sono personaggi mentore che hanno affrontato tanti draghi così da poter istituire una scuola, con degli studenti che si preparano per un incontro che verosimilmente non succederà mai in tutta la loro vita (a meno che siano personaggi GIOCANTI, ovviamente)? Per non parlare di quelli che a un certo punto cominciano a incontrare non-morti, magari 2 o 3... E prendono nemico prescelto non-morti (vampiri, scheletri, spettri e lich... dentro tutti!). E perché i loro compagni di altre classi no allora?
L'ambiente invece è una cosa che "studi" anche nelle parti non giocate: il gruppo in 10 minuti reali attraversa 100 km di foresta e il ranger si addestra (mentre il guerriero badava solo a oliare le armi e il mago a studiare).

44 minuti fa, KlunK ha scritto:

Inoltre ci sarebbe da discutere sul fatto di "sono bravo a muovermi nella pianura dove sono nato" = "sono bravo a muovermi in TUTTE le pianure del mondo"

Bear Grylls conosce tutte le pianure del mondo. :-)

Comunque abbiamo idee diverse, è inutile insistere. Mi hai aiutato a raffinare la mia "variante di mezzo" e tanto mi basta, grazie.

Link to comment
Share on other sites

10 minuti fa, MadLuke ha scritto:

Ma in quale ambientazione "seria" (FR non sono affatto seri) ci sono personaggi mentore che hanno affrontato tanti draghi così da poter istituire una scuola, con degli studenti che si preparano per un incontro che verosimilmente non succederà mai in tutta la loro vita (a meno che siano personaggi GIOCANTI, ovviamente)? Per non parlare di quelli che a un certo punto cominciano a incontrare non-morti, magari 2 o 3... E prendono nemico prescelto non-morti (vampiri, scheletri, spettri e lich... dentro tutti!). E perché i loro compagni di altre classi no allora?

Esistono i libri, le accademie, la teoria. 
Prendiamo un ranger con nemico favorito "non morto". Può essere stato istruito da uomini di fede, e può aver letto tomi di religione, esorcismi e simili. Può aver appreso delle competenze basilari in materia di magia divina. Magari cosparge le sue armi di un particolare olio santificato, oppure benedice le sue frecce ogni mattina. 

Il ranger è un personaggio focalizzato sul conoscere la preda e ucciderla con metodi appropriati. Può essere, per fare un esempio relativamente attuale, un witcher. 

Link to comment
Share on other sites

2 minuti fa, Pippomaster92 ha scritto:

Esistono i libri, le accademie, la teoria. 

E passi per il nemico prescelto del 1° liv. (ha cominciato da ragazzino, ecc.), tutto il resto è finta giustificazione cui non crede nessuno, così come non è possibile che un guerriero puro al 5° liv. passi mago mentre tutti hanno visto nella sua carriera ha solo menato la spada.
Ma se a voi piace, cioè non interessa, preferite consentire tutte le forzature/combinazioni di abilità possibili per i PG al realismo, fate pure, io no, io se una roba del genere la leggessi in un romanzo chiuderei il libro e su Amazon gli metto voto 1.

Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, MadLuke ha scritto:

Ma se a voi piace, cioè non interessa, preferite consentire tutte le forzature/combinazioni di abilità possibili per i PG al realismo, fate pure, io no, io se una roba del genere la leggessi in un romanzo chiuderei il libro e su Amazon gli metto voto 1.

Una cosa non esclude l'altra, puoi creare un personaggio realistico con quasi qualsiasi combinazione di capacità. 
Per esempio esiste il buon vecchio downtime, che può anche durare per molti mesi. In secondo luogo stiamo deviando dal discorso principale.
Un conto è la build del personaggio (realistica o meno) fatta dal giocatore.
Un'altra cosa sono le capacità intrinseche della classe. 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, Pippomaster92 ha scritto:

Un conto è la build del personaggio (realistica o meno) fatta dal giocatore.
Un'altra cosa sono le capacità intrinseche della classe. 

Un ranger che aveva nemico prescelto bestie magiche, e al 5° liv., dopo aver incontrato giusto un paio di scheletri, intuendo che il master gliene piazzerà ancora, prende nemico prescelto non-morti è come un guerriero puro che passa mago. Nessuna deviazione dal discorso principale.

Link to comment
Share on other sites

No, è come un ranger che a quel livello riceve un secondo nemico favorito. La scelta del nemico è fatta dal giocatore (e può essere determinata o meno dal metagame). Ma la capacità è insita nella classe, non è parte di chissà quale build multiclasse.

Sta al DM e al giocatore trovare una giustificazione valida (come per mille altre cose, tra le quali l'aumento delle cerchie per tutti gli incantatori non spontanei). 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Se uno vuole estendere il bonus ai danni contro tutti quelli che abitano in un certo ambiente la spiegazione via fuffa può essere che il ranger ha studiato tutte le creature di un certo ambiente invece che di un certo tipo.

 

Altre alternative possono essere:

1) Prendere spunto dal viandante dell'orizzonte per condere delle capacità legate all'ambiente ma potenzialmente utili anche in altri casi, puoi pure copiare pari pari tanto non dovrebbe rompere il gioco.

2) Prendere spunto da knowledge devotion e permettere al ranger di fare una prova di conoscenza per ottenere dei bonus contro le creature. A seconda di quanto ami il bookkeeping puoi decidere di tenere il bonus fisso per gli incontri successivi fino a che non spende dei punti abilità nella rispettiva conoscenza per cercare di dare un idea di realismo.

3) Compensi la perdida di potere dando dei talenti extra o l'accesso ai talenti specifici del guerriero come se fosse un guerriero di metà livello. Se non sbaglio c'erano in AD&D delle regole opzionali per dare al ranger la specializzazione nelle armi. In questo modo potenzi il lato mondano  del ranger.

 

Sulla questione apprendimento mi sembra che tu ti immagini il ranger come uno che impara a memoria la lezione sul singolo mostro, invece potrebbe imparare un metodo da adattare di volta in volta alle creature di un certo tipo che incontra. Che è un pò tipo quello che dovrebbe succedere con un livello di educazione avanzato, non impari solo nozioni ma anche il modo di risolvere i problemi che poi ti danno modo di produrre nuove nozioni mano a mano che incontri situaizoni nuove.

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By Grappa
      Salve a tutti. Buildando un artefice mi è venuto un dubbio sull'abilità artigianato. Tra le abilità di classe, ovviamente, l'artefice ha artigianato. Il mio dubbio è questo: posso sceglierne solamente uno o posso sceglierne un numero illimitato? (ovviamente sapendo che facendo questo saranno tutti con pochissimi gradi).
      Vi ringrazio molto per la vostra disponibilità 
    • By Pau_wolf
      Ho creato una one shot per un gruppo novizio di dnd. Inizieranno non dal livello 1, ma attorno al 5, così da vedere qualche "meccanica figa" della classe che si scelgono. Inoltre, pensavo di farli livellare almeno una volta durante la sessione, magari senza usare gli XP, ma premiarli con un livello bonus se faranno qualcosa di intelligente o ruoleranno bene, così imparano anche a livellare. Ma veniamo al dunque... il boss che ho scelto è un drago nero, perchè la one shot è ambientata in una palude. Per esigenze di trama, tuttavia (pianificavo inizialmente di usare un drago rosso) questo drago nero deve avere qualche capacità di fuoco, ed un GS attorno a quello dei PG. Come ottengo tutto ciò? C'è qualche talento od archetipo? O magari un livello da stregone con mani brucianti è sufficiente?
    • By MadLuke
      Ciao a tutti,
           c'è una cosa relativamente all'abilità speciale in oggetto che mi manda il cervello in cortocircuito.
      Chi possiede l'abilità in questione, solitamente s'intende che s'incendia le mani per colpire i nemici. Bene.
      Però eventualmente anche i piedi che sono coperti da calzature, o sempre le mani anche se coperte da guanti. Ma allora il fuoco brucia dalla pelle, attraverso gl'indumenti, ferisce i nemici ma senza danneggiare i propri indumenti? Va be'... Dopotutto neanche una Palla di Fuoco hanno mai danneggiato un foglio di carta o un oggetto di legno tenuto in mano da un nemico.
      Supponiamo poi che il personaggio in questione venga legato a un palo con una corda, che gli cinge fianchi, gambe e petto. Ancora lui potrebbe scatenare la fiamma in qualsiasi parte del corpo (perché le mani sono solo una convenzione) e bruciare la corda, e ancora non si brucerebbero gl'indumenti che indossa?
      Io non mi raccapezzo più.
      Ciao e grazie a chi potrà chiarirmi le idee, MadLuke.
       
    • By federico1976berton@yahoo.i
      Ciao a tutti, se è assodato che l'attacco furtivo funziona inseme all'ira se si soddisfano i requisiti, mi chiedo se posso usare il passo fantasma mentre sono in ira oppure l'ira mi impedisce di usarlo
    • By Azog il Profanatore
      Salve a tutti, 
      Sto giocando un personaggio Goblin da... due giorni. Ho letto che può effettuare un attacco senz'armi con il morso. Ma questo vuol dire che se io ho due pugnali posso effettuare tre attacchi? Uno con ogni coltello e uno con il morso, visto che il pugnale non lo tengo in bocca?
      Grazie a tutti
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.