Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Cosa c'è Di Nuovo su Kickstarter: Ptolus

Benvenuti a Ptolus, un città di misteri, segreti e storie oscure. Ptolus giace da sempre all'ombra di una gigantesca spirale di roccia che sale ad altezze impossibile nel cielo, al tempo stesso un enigma e un memento di mali passati. Sotto a Ptolus si estende un dedalo apparentemente infinito di antichi dungeon che attirano avventurieri da ogni angolo dell'Impero.

Introduzione
A Ptolus il sovrannaturale è la norma e i tradimenti si nascondono dietro ogni angolo. Oppure la norma sono i tradimenti e il sovrannaturale si nasconde dietro ogni angolo? In ogni caso la città di Ptolus è piena di pericoli, magie, intrighi e soprattutto avventure.
E il segreto più grande ed importante della città altro non è che ciò che incombe sulla testa di tutti coloro che vi abitano, ovvero l'antica fortezza di Jabel Shammar. Questo luogo leggendario non è stato costruito in cima alla spirale di roccia che si staglia sopra la città, ma è nata prima la fortezza. La guglia rocciosa è semplicemente la manifestazione della volontà della terra stessa di allontanarsi il più possibile da sè stessa il male terrificante nascosto in questo luogo sinistro.

Ptolus è un'ambientazione urbana, ma è anche adatta ad essere usata per l'esplorazione di dungeon e sotterrani. Le vostre campagne a Ptolus possono passare da spedizioni nei dungeon alle avventure urbane come meglio preferite. Per la parte urbana ci sono tantissime organizzazioni e personaggi che danno vita e spessore a questa città fantasy fuori dagli schemi.
Il Prodotto
Ptolus: Monte Cook's City by the Spire è qualcosa di incredibile. Non solo è fisicamente enorme (672 pagine di manuali più svariate centinaia di elementi e documenti extra), ma ha ridefinito gli standard per la produzione fisica di un manuale. Dalla sua copertina a rilievo agli svariati segnalibri in raso, tutto quello che riguarda Ptolus è di grande qualità. Illustrazioni eccellenti e numerose mappe riempiono le pagine e in varie buste sono raccolti indizi per i PG, mappe per i giocatori e poster di varie dimensioni. La rilegatura è eccellente e supera gli standard di ogni altro prodotto per GdR esistente.

E tutto questo si riferisce all'edizione originale del manuale del 2006. Questo è lo standard da cui vogliamo partire e chissà quali migliorie riusciremo ad apportare sulla base degli obiettivi raggiunti da questo Kickstarter.
E nonostante le dimensioni titaniche Ptolus non è un tomo indecifrabile, ma è stato progettato appositamente per i DM. Svariati indici e glossari vi aiutano a gestire tutti i contenuti. Ai margini delle pagine trovate riferimenti alle mappe relative. Per ogni distretto sono presenti tabelle riassuntive e sommari per sapere cosa vi succede, chi vi abita e l'atmosfera generale del luogo.
In aggiunta alle due nuovi versioni (per D&D 5E e Cypher System) di Ptolus: Monte Cook's City by the Spire, questa campagna Kickstarter vuole sovvenzionare anche una versione in stampa o PDF della Ptolus Player's Guide. Si tratta di un volume di 32 pagine che fornisce una visione generale dell'ambientazione ai nuovi giocatori e li aiuta a pensare ai personaggi che potrebbero volerci giocare. Come ogni altro prodotto legato a Ptolus è ricco di dettagli che danno vita all'ambientazione, trasmettendo ai giocatori non solo un senso della geografia, degli eventi e delle fazioni della città, ma anche l'atmosfera dell'ambientazione.
Potete trovare qui una versione preliminare in PDF della suddetta Player's Guide.
Storia del Prodotto
Il prodotto originale Ptolus: Monte Cook's City by the Spire fu pubblicato nel 2006 per D&D 3E. All'epoca (e quasi sicuramente ancora oggi) era il singolo prodotto per GdR più grande mai realizzato. Una visione unica e di insieme permea l'intero manuale e si manifesta in ogni pagina.

Questa ambientazione è stata costruita sulla base della storica campagna personale di Monte Cook in persona, da lui gestita mentre, assieme ai suoi giocatori, stava sviluppando D&D 3E. I giocatori (tra cui Bruce Cordell e Sean Reynolds) erano tutti sviluppatori, editori e manager facenti parte del team di sviluppo di tale gioco e la loro influenza si rispecchia in ogni angolo di Ptolus. E possiamo tranquillamente dire che la campagna di Ptolus ha influenzato lo sviluppo della 3E.
L'edizione originale di Ptolus: Monte Cook's City by the Spire è uno dei prodotti del nostro hobby ad oggi ancora più ricercati. Dopo la pubblicazione il prodotto venne praticamente subito esaurito ed è da allora diventato un pezzo da collezione. Al momento è disponibile (nella sua versione originale) sia come PDF che come print-on-demand su DriveThruRPG, ma ciò che vi vogliamo offrire è una nuova versione adattata ai sistemi di gioco del giorno d'oggi e magari, con il vostro aiuto, degli elementi aggiuntivi mai visti prima.
Link alla pagina del Kickstarter: https://www.kickstarter.com/projects/montecookgames/ptolus-monte-cooks-city-by-the-spire/description
Read more...

Aggiornamento sui Talenti Più Popolari per la 5E

Articolo di Morrus del 15 Febbraio
I ragazzi di D&D Beyond hanno pubblicato sulla loro piattaforma le nuove statistiche sui talenti più popolari a livello di uso.
Sembra che la percentuale di personaggi che usa i talenti sia aumentata leggermente dal 2018 ad oggi:


 
Ecco i talenti più popolari nel 2018 e oggi.


Ed eccoli infine divisi per classi.


Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/threads/d-d-beyond-revisits-popular-feats.670311/
Read more...

Cosa fare quando non si riesce ad aprire una porta

Articolo di J.R. Zambrano del 04 Febbraio
Lo so, ci siamo passati tutti. Tutto sta andando perfettamente, non solo sono venuti tutti quanti a giocare, ma non si stanno neppure facendo distrarre dal video sul cagnolino carino. I telefoni e i laptop sono lontani e, sorpresa delle sorprese, i PG vogliono davvero andare avanti nell'avventura che avete creato per loro invece che spendere metà del tempo facendo spese, mentre l'altra metà sta litigando su quale sia il modo migliore per arrivare al dungeon. Infatti, sono già nel bel mezzo del dungeon quando arrivano di fronte a lei...la temibile porta chiusa a chiave.

E certo, volevate che fosse un po' impegnativa. Perciò la CD per aprirla è un po' più alta, ma dovrebbe essere abbastanza facile per il ladro da apr...ops, come non detto, non riesce a fare un tiro al di sopra del 3. Okay. Bene, adesso la serratura è rotta, ma il resto del dungeon sta chiamando gli avventurieri all'esplorazione. OPPURE, il gruppo potrebbe solamente starsene lì impalato per le successive tre ore cercando di capire come "hackerare la porta" in modo da attraversarla.
Sapete, vero, quale di queste due opzioni sceglierà il gruppo, nove volte su dieci? Ecco perché oggi parleremo di come riprendersi dopo un fallimento, e di cosa fare quanto il gruppo sembra non riuscire ad andare oltre una determinata porta.

Adesso, giusto per intenderci, questa non deve essere necessariamente una porta reale, potrebbe essere una porta metaforica. Per alcuni, la porta che non riescono ad aprire potrebbe essere la timidezza, per altri una mancanza di educazione...ma per noi la porta che non possiamo aprire è una porta reale. E stiamo per parlare di di come riuscire ad attraversarla.
Un fallimento solo da un certo punto di vista

La prima cosa di cui dobbiamo parlare è cosa rappresenti quel tiro abilità. D&D funziona come un sistema binario. Avete due situazioni quando fate un tiro in scassinare per aprire la porta: o ce la fate o fallite. Se ce la fate, la porta si apre. Se fallite, non si apre. Se fallite alla grande non potete più riprovarci, mi dispiace ragazzi, vi hanno bucato il pallone.
Altri giochi di ruolo fantasy non hanno questo problema. Che sia il metodo del D20 System di avere successo ad un costo o l'idea del successo parziale delle regole di Apocalypse World, non c'è un aut aut. Non c'è una gamma che misuri successi o fallimenti. Il che non è necessariamente una brutta cosa, ma pone alcune limitazioni nel vostro modo di pensare. Dopo tutto, se la porta si apre o non si apre, quel tipo di struttura Successo/Fallimento inquadra la situazione in una questione di sì o no.
Ma la questione è che, come DM, voi potreste volere che i giocatori entrino nella stanza. Specialmente se ne hanno bisogno per avanzare nell'avventura. La stessa cosa accade nel caso debbano assolutamente acchiappare un ladro o trovare una certa reliquia. Cosa fare allora? Riformulare l'intero concetto.

Invece di guardare alla porta come un tiro in arnesi da scasso, o come qualcosa che i giocatori devono sfondare, pensate a cosa quel tiro rappresenti. Invece di fallire ad aprire la porta, pensatela come un fallire ad aprire la porta nel modo che sia più conveniente per loro. Ci dovrebbe comunque essere un modo per aprire la porta, ma magari adesso significa trovare la persona o mostro che ne possiede la chiave. O trovare una pergamena di Scassinare in un laboratorio da Mago da qualche parte nel dungeon.
Nessuna conseguenza

Ora che avere riformulato il dilemma, pensate a quali potrebbero essere le conseguenze di un fallimento. Se scassinare la serratura vuol essere un modo facile e silenzioso per entrare, magari adesso quell'approccio non è più disponibile per i personaggi e tutti gli altri modi di entrare dentro la stanza comportano fare rumore o attirare attenzioni indesiderate.
O magari potrebbe costargli qualche risorsa extra. In pratica pensate a quali costi/risorse i giocatori potrebbero avere, in modo da spenderli per aprire la porta. Potrebbero essere oggetti magici, potrebbero essere punti ferita, se stanno combattendo un nemico che custodisce la chiave. Potrebbe persino essere l'elemento sorpresa: adesso che le persone nel dungeon sanno dei PG prenderanno delle precauzioni extra. Potete rendere un tiro fallito portatore di conseguenze indesiderate senza interrompere il flusso di gioco.
Un altro punto di svolta, una biforcazione della strada

Un altro modo di considerare come entrare nella stanza potrebbe essere trovare un'entrata alternativa. C'è una consuetudine che si trova in certi giochi come Skyrim e Fallout quando una porta è bloccata da un lato, di solito c'è un altro modo per entrare. Bisogna solo trovarlo. Se non riescono ad aprire la porta dal lato in cui si trovano, magari buttate lì qualche indizio su un'altra entrata. Magari una porta segreta o, meglio ancora, se riuscite a farli proseguire all'interno del dungeon preparate un percorso che torni indietro fino a un passaggio segreto che porta all'interno della stanza.
Circolare prego

Questo è l'altro grande trucco. Cercate modi per incoraggiare il gruppo a proseguire quando non riescono ad oltrepassare la porta. Potete indicare dettagli come l'ornamentazione della serratura e del buco di quest'ultima, o parlare di come potrebbe esserci un'entrata segreta più avanti nel dungeon. Se questo non funziona, potete sempre fare affidamento sulla vostra fidata tabella degli incontri casuali per avere qualcosa che vagherà proprio dove si trovano i PG. Qualunque cosa serva per evitare che finiscano impantanati su un particolare ostacolo.
Dategli degli amici dall'altro lato

Naturalmente, parlando di conseguenze e mostri erranti, se i giocatori sono veramente bloccati, è probabile che faranno rumore. L'attenzione può sempre arrivare dall'altro lato della porta invece che da un mostro errante. Io userei questo trucco con parsimonia però, o i giocatori si abitueranno al fatto che le cose siano facili e tutto vada liscio, e questa è l'ultima cosa che volete. Idealmente, stanno facendo una partita a un gioco che è organizzato interamente per loro, ma che deve sembrare non lo sia.
Buone Avventure! Cosa fate quando il vostro gruppo è bloccato in un impasse? Fatecelo sapere nei commenti!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/02/dd-what-to-do-when-you-cant-get-through-that-door.html
Read more...

Old School Essentials sarà pubblicato in Italia da Need Games

Old School Essentials è basato sulla versione B/X (Base/Expert) di Dungeons&Dragons a cura di Tom Moldvay (Base) e David Cook (Expert) rilasciata nel 1981 dalla TSR. Per chi non lo sapesse la B/X è la versione di Basic D&D precedente al BECMI (quella con la famosa Scatola Rossa, anche se sarebbe più corretto parlare di BECM visto che l'Immortal Set non fu mai tradotto in Italia), il quale fu la prima versione ad arrivare in Italia.

Le differenze tra le due versioni sono minime e ciò permette a Old School Essentials di essere compatibile anche col materiale che fu pubblicato in Italia all'epoca dalla Editrice Giochi.

Old School Essentials, nella sua versione originale, è un gioco modulare composto da 7 supplementi:
Core rules: con le regole base del gioco. Genre Rules: dove si trovano le classi giocabili (Guerriero, Mago, Chierico, Ladro) assieme ad Elfo, Nano ed Halfling (che sono classi e non razze in questo regolamento). Treasures: con la descrizione di tesori ed oggetti magici. Monsters: il Manuale dei Mostri. Advanced Fantasy Genre Rules: con le regole per emulare la prima edizione di Advanced Dungeons&Dragons, scindendo le razze dalle classi ed aggiungendo classi come il Paladino, l'Assassino, il Bardo, il Ranger, l'Illusionista e il Barbaro. Cleric and Magic User Spells: il libro degli incantesimi di Maghi e Chierici. Druid and Illusionist Spells: il libro degli incantesimi di Druidi ed Illusionisti. Oltre alla versione in 7 supplementi esiste anche la versione in tomo unico, al momento non si sa quale delle due versioni verrà pubblicata dalla Need Games.

Per celebrare l'evento, Gavin Norman, il creatore di Old School Essentials, sarà presente alla NeedCon (ribattezzata quest'anno NeedPunk) la convention organizzata dalla Need Games per presentare i suoi prodotti e le sue novità. L'evento si terrà il 22 Febbraio 2020 presso la Casa dei Giochi a Milano, in Via Sant’Uguzzone 8 con il seguente programma:
Ore 10:00, apertura porte Ore 15:00, presentazione di Old School Essentials Ore 15:30 -19:00, partita a Old School Essentials con Gavin Norman come DM. Old School Essentials sarà disponibile in Italia a partire da Settembre 2020.

Annuncio ufficiale del NeedPunk sul sito della Need Games: https://www.needgames.it/eventi/needpunk2020/
Read more...

5 Cose che Fortunatamente D&D si è Lasciato alle Spalle

Articolo di J.R. Zambrano del 08 Febbraio
Al giorno d'oggi se entrate in un negozio di giochi potete godervi l'enorme gamma ed evoluzione dei giochi moderni. Volete darvi alle avventure fantasy? Potete scegliere quello che volete, con Pathfinder e D&D presenti praticamente ovunque, ma con svariati altri sistemi disponibili. Non vi ispira il fantasy? Ci sono una gran varietà di giochi sci-fi. Non siete ancora soddisfatti? Perché non provare un gioco dove siete dei punk che distruggono dei centri commerciali? O magari dove interpretate un lavoratore part-time? O ancora potreste esplorare le stranezze degli anni '80 di una linea temporale alternativa.
A qualunque cosa decidiate di giocare, non ci sono dubbi che l'hobby in generale abbia fatto passi da gigante. E perché possiate meglio apprezzare cosa abbiamo a disposizione al giorno d'oggi, diamo uno sguardo alle cose che fortunatamente ci siamo lasciati alle spalle.
Doversi Colorare i Propri Dadi

Questa categoria potrebbe anche chiamarsi set incompleti, alternative cartacee ai dadi o in generale scarsità di prodotti. Nel momento in cui erano arrivati alla quarta ristampa, se volevate comprarvi un set di OD&D era probabile che sareste diventati gli orgogliosi possessori di un sacchetto con sei dadi non colorati e una matita di cera bianca o nera da usare per delineare voi stessi i numeri.
Già questa cosa non era il massimo. Ma man mano che gli anni passarono le cose non migliorarono certamente e, anzi, la cosa divenne ancora più comune. Si poteva praticamente vedere la scorta di dadi della TSR diminuire a vista d'occhio. Nel 1979 le scorte finirono e dovettero includere dei cartoncini con dei "dadi da ritagliare", dei foglietti di cartone con quadratini con sopra vari numeri da ritagliare e pescare casualmente

Al giorno d'oggi o prendete un set completo della Chessex o li ordinate a peso. Si possono comprare dadi di ogni forma e dimensioni, con simboli speciali di ogni genere. Io stesso possiedo un set di dadi con simboli di ossa per quando gioco un necromante o per generiche cose da cattivo. Viviamo davvero in un'epoca di abbondanza.
Requisiti Differenziati per Salire di Livello

Qui sopra ne ho inclusi solo due di esempio, ma 'c'è stato un tempo (AD&D) durante il quale ogni classe cresceva di livello ad un ritmo differente. Quindi anche se riuscivate a fare sì che tutti i giocatori si presentassero ad ogni sessione finivate comunque ad avere delle discrepanze di livello. Perché niente è così divertente come rimanere uno o due livelli indietro rispetto al resto del gruppo e rischiare di morire ancora più facilmente.
Vale lo stesso discorso con i limiti massimi di classe/razza. Certo le prime edizioni del gioco erano volutamente umanocentriche, ma questo limitava anche in parte il divertimento. Al giorno d'oggi si può scegliere una qualsiasi combinazione di razze e classi, e si sale di livello tutti allo stesso ritmo. Il che implica doversi preoccupare solo di assegnare al meglio le caratteristiche.
THAC0

Parlando di matematica prendiamo la cosa "preferita" di tutti riguardo a D&D, ovvero il determinare quali numeri sommare tra di loro. Assicuriamoci, quindi, che i giocatori debbano fare un ulteriore passaggio di calcolo da poi confrontare con un altro valore.
Siamo sinceri, la questione è ancora presente (anche se non così terribile alla fine, solo noiosa). Semplicemente quel passaggio di calcolo ulteriore viene saltato visto che la CA è presentata come numero bersaglio invece che calcolata a livello astratto da uno 0. Questo ha anche il bonus aggiunto di fare sì che tutti i bonus che ottenete salendo di livello siano ad incrementare. E d'altronde ottenere dei numeri sempre più grandi non è forse da sempre alla base del voler salire di livello?
Miniature di Piombo

Le miniature sono molto migliorate con gli anni. Certo c'è comunque un certo fascino nostalgico nelle miniature "vecchia scuola" di piombo. Forse è il peso o il chiedersi se potrebbe essere il caso di farsi un richiamo del tetano se ci si graffia sopra un dito cercando di montare le ali ad un gargoyle.
Per il resto di noi ci sono tantissime miniature di plastica leggere, dettagliate e soprattutto (relativamente) economiche a disposizione sul mercato al giorno d'oggi. Che si tratti di miniature già dipinte (che è sicuramente l'andazzo del futuro) o dei prodotti della Reaper's Bones, le miniature moderne sono molto più variegate e particolari e sono più semplici da gestire.
Satana

Nessuno oggi pensa che il nostro hobby sia satanico, ma c'è stato un periodo in cui c'era chi lo pensava Che si tratti della volta in cui D&D ha traumatizzato Tom Hanks...

O di quella volta che i giornali hanno deciso che D&D era roba da stregoni...

C'è stato un periodo in cui giocare a D&D implicava essere un adoratore del diavolo e un membro degli Illuminati. Come per ogni altro franchise che è stato travolto da un panico moralista, tutto quello che queste notizie fecero fu rendere miserabile la vita di molte persone per un lungo tempo e non aiutarono certo chi pretendevano di voler aiutare.
Ad ogni modo al giorno d'oggi il futuro del nostro hobby appare radioso.
Ci sono altri aspetti del nostro hobby che siete contenti siano caduti in disuso? Pensate che ci siamo sbagliati e che la THAC0 fosse in realtà una gran cosa? Fatecelo sapere nei commenti!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/02/dd-five-trends-gaming-left-behind-for-good-reason.html
Read more...
GipsyGyps

[LCI] Cap. I - Il Bazaar della vita

Recommended Posts

14 di Alzamuro, 591 Anno Comune

21aa52e.jpg

Una sottile e insistente cappa di pioggia cala dalle nubi scure sopra la Città Libera di Cauldron, più simile all'umidità che dai cieli ricade verso il basso che a un vero e proprio piovasco, non abbastanza forte da infradiciare l'occasionale passante ma sufficiente a rendere scivolose i ciottoli che compongono le vie della città. Una specie di pesante, impalpabile cortina che rende ancor più tetre le mura già scure delle case e dei palazzi.

Non tira un alito di vento, ma l'autunno ha già incominciato a fare capolino sulle Fornaci e la gente difficilmente esce la sera senza un pesante mantello a ripararla. Non che Cauldron sia una città dal clima rigido, tutt'altro, ma l'altitudine è tale da far dimenticare la perenne afa della giungla sottostante, almeno nei mesi più freddi.

E' ormai passata un'ora dal tramonto e i comignoli sbuffano pennacchi di fumo che si innalzano verso l'alto. Le vie si riempiono di aromi mentre le famiglie si riuniscono attorno al tavolo della cena: accostandosi accanto a una finestra qualsiasi, si può udire chiaro il tintinnio delle posate e le voci che parlano, ridono o litigano nella loro routine quotidiana.

Tuor

Spoiler

E' tardi e hai fame.

Hai dovuto presenziare all'apertura del testamento della vedova Rhomus. La vecchia ha tirato il calzino meno di due giorni fa, e i figli non hanno neanche lasciato raffreddarne il corpo prima di scannarsi a vicenda per i soldi e la sontuosa villa che ha lasciato. Hai passato le ultime tre ore a sentir rivangare torti vecchi di anni, ad ascoltare urla isteriche e ad assistere a dei pianti talmente falsi da far accapponare la pelle. La donna ha ovviamente lasciato la villa allo stalliere, cinquant'anni più giovane di lei e con un fisico scolpito nella pietra. Nella bara sorrideva.

Ahimè i doveri son sempre doveri, e come sacerdote di Wee Jas non è la prima ne l'ultima volta che ti sei ritrovato in situazioni del genere. Fortunatamente però la tortura è finita, e cammini velocemente per le strade della città con l'obiettivo di raggiungere il refettorio della cattedrale.

Sembra in effetti una sera come tante altre, come tutte quelle che hai passato a Cauldron fino ad ora, quando all'improvviso la tranquillità delle vie viene interrotta da un grido…

Rozeil

Spoiler

Sei appena arrivato a Cauldron. E quando dico "appena" significa che stavi per essere letteralmente chiuso al di fuori delle mura. Sei sbarcato una settimana fa a Sasserine, rimanendoci per qualche giorno prima di dirigerti verso l'entroterra. Nonostante il viaggio in nave non sia stato dei più confortevoli, sei molto eccitato: mai in vita tua sei stato così lontano da casa, e la regione dell'Amedio è famosa per le sue antiche civiltà, i suoi misteri e le conoscenze perdute. Lo senti fin dentro alle ossa: questa è la tua occasione per far fruttare tutto ciò che hai studiato all'Università, senza contare la fama e i riconoscimenti accademici che otterrai. Kendel si è senza dubbio affidato alla persona giusta!

AAAAAH!

Un grido interrompe improvvisamente i tuoi pensieri. Non sembra provenga da lontano...

Kolvar

Spoiler

Ormai è un mese che ti trovi a Cauldron. La vita qua ti sembra piuttosto piatta, con gli umani affaccendati in tutte quelle cose a cui sembrano dare tanta importanza, ma che in fondo non contano nulla. Come può, una razza dalla vita così breve, lasciarsela bruciare in simili facezie? Ogni tanto ci rifletti, mentre dall'alto della montagna osservi da lontano gli alberi della giungla. Non sai dove si trovasse il tuo villaggio rispetto a qua, ma sai che, comunque, l'enorme foresta che vi ha cresciuti è sempre quella, prima che assistesse alla vostra scomparsa.

Adesso stai camminando per le vie della città, con la sola compagnia di te stesso: non hai legato con nessuno in città, ma in fondo questo non è mai stato un problema. L'unico peccato è che stanotte le nubi coprano le stelle, ma è comunque un piacere non dover restare rinchiuso tra le quattro mura della locanda.

Tutto scorre tranquillo, come da un mese a questa parte, quando, improvvisamente, l'aria viene rotta da un urlo...

Tripitaka

Spoiler

Hai fame. Hai freddo. Tutto intorno a te è buio. Sei solo.

Senti lacrime di fuoco bruciarti gli occhi. Piangi. Non sai dove sei, non sai perché ti hanno portato via dal tuo letto. Ti manca Bobby, il tuo orsacchiotto, rimasto nel letto vuoto. Ti manca Patch, ti manca la signora Tashykk. Cosa staranno facendo? Perché non ti vengono a prendere? Lo sguardo si posa sui tuoi piedi. Uno indossa una vecchia scarpa, mentre l'altra no, rivelando un piedino sporco. Dove sarà finita? La signora Tashykk te l'aveva regalate per il tuo compleanno, se l'hai persa si arrabbierà molto, ma non è colpa tua - pensi - non è colpa tua… e le lacrime sgorgano ancora più copiose.

Alzi lo sguardo. L'oscurità è tale da non farti vedere niente, ma sai che LUI è lì. Ti sta osservando. E' lì per te. Vorresti urlare, ma la voce ti muore in gola.

 

Ti svegli sudato nel letto della locanda che ti ha accolto a Cauldron. Qualcuno ti sta osservando? No, sei solo. Tiri un sospiro di sollievo.

Sei arrivato in giornata e devi esserti appisolato a causa della stanchezza del viaggio. I sogni si fanno sempre più chiari e insistenti: anche se il significato ti resta oscuro., DEVE essercene uno. Rimanere lì rinchiuso ti dà adesso un senso claustrofobico, devi uscire.

L'aria fuori è umida e il sole è calato. La leggera pioggerellina è fastidiosa, ma ti da un senso di liberazione, come se bagnandoti lavasse via il disagio che ti ha attanagliato nel sonno. Non conosci le strade, ma ti lasci guidare dagli odori e dall'istinto. Ti senti meglio e decidi di rientrare quando, all'improvviso, senti qualcuno urlare...

Ken

Spoiler

Ormai è un paio di giorni che sei a Cauldron, ma, come negli altri posti in cui sei stato, hai notato subito gli sguardi delle persone su di te, mentre ti celi sotto al tuo mantello. Almeno la sera le strade sono più libere, con la gente chiusa in casa, nel calore del focolare domestico, quindi è quello il momento che preferisci per uscire.

Hai fame, ma l'odore di stufato che ti arriva dalle case non fa altro che stomacarti: sai che tipo di fame è la tua e sai che non può essere saziata. Scuoti la testa, frustrato da quei pensieri.  

AAAAAAAH!

Vieni improvvisamente sorpreso da un urlo. Non sai chi sia a gridare, ma capisci che non può essere distante... 

 

Edited by GipsyGyps

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tripitaka, Vanara

Svegliandomi di soprassalto ansimante la prima cosa che faccio è toccarmi la faccia, un attimo prima avevo la pelle chiara e morbida come quella di un umano, ma la sensazione del mio pelo che di infiltra tra le dita è molto rassicurante, così rassicurante da farmi dimenticare se effettivamente nel sogno avevo la faccia senza peli oppure se questo è tutto uno scherzo della mia mente che ha ingigantito gli ormai troppo frequenti incubi.

<<E poi io non ho mai avuto un orsacchiotto di peluche, la mia bambola di cuoio era a forma di uomo>>

Un sorriso nonostante tutto porta alla galla il ricordo di quando per la prima volta, dopo aver intrapreso il mio pellegrinaggio, ho visto un peluche a forma di scimmia in un villaggio umano e confrontato mentalmente con il mio a forma di uomo.

<<Che ironia>>

Prima che la mia mente ricominci a divagare e affogare in altri ricordi molto meno piacevoli, esco dalla locanda e chiudendo gli occhi assaporo l'umidità circostante

<<quanto mi manca casa. Questa umidità mi ricorda il periodo che precedeva le grandi piogge, l'aria era umida ancora prima di vedere ed era piuttosto chiara su cosa stava portando.>>

Poi apro gli occhi e la mia mente ritorna ancora una volta sul presente, in questa cittadina desolata. Conto nel borsello le monete rimaste, molto poche

<<chissà come ho fatto a spenderle quasi tutte, devo trovare qualcosa da fare altrimenti va a finire che mi toccherà chiedere la carità!>>

AAAAAAAH!

Mi giro di scatto all'urlo che ho sentito e prima ancora di capire chi o cosa possa aver provocato il grido, sento il mio corpo che corre all'impazzata verso la fonte del rumore. Non posso che fidarmi del mio istinto

Edited by Halaster Blackcloack

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tuor 

per mia fortuna, ed anche per quella dei giovani rampolli, tutta la faccenda del testamento si conclude molto prima della mia pazienza. Sentire degli adulti lamentarsi per quando da bambini si rubavano i giocattoli mi ha sempre infastidito, ma l’unica cosa che ho potuto fare, come sempre, è stata rimanere impassibile e dare lettura delle ultime volontà, aspettando che un qualche notaio ne prendesse atto. E adesso l’unica cosa che voglio è tornare al refettorio e mangiare qualcosa, prima di recitare i miei salmi e definire conclusa la giornata 

Che poi è quello che faccio da anni... prego e mangio. Quasi quasi mi piacerebbe vedere un’altra epidemia di qualcosa, chissà se sono migliorato da quando ero giovane... 

i miei pensieri vengono interrotti da un urlo, probabilmente il solito scippatore o magari qualche ubriacone che cerca di portarsi a letto una passante. Sbuffando, allento la mazza che mi prende al fianco e mi incammino a passo svelto verso la fonte del rumore, con un sorriso sghembo che mi si dipinge in faccia Speriamo sia uno stupratore. Chi di mazza ferisce...  

Share this post


Link to post
Share on other sites

Kolvar, Mezzelfo

Questi esseri umani sono delle creature troppo strane. Alcuni sono spregevoli, altri sono sin troppo buoni e innocenti. Pur condividendo parte della loro natura, mi sento più elfo che umano. Spesso affaccendati per cose inutili e di poca importanza piuttosto che imparare come sopravvivere... Vorrei vedere come se la sarebbero cavata se avessero subito lo stesso destino dei miei amici.

 

Alzo gli occhi lucenti al cielo

 

Chissà che fine ha fatto Kendal. Voglio pensare che stia bene, anche se dubito abbia avuto la mia stessa fortuna.

 

Rimembro la mai amata foresta natale

 

Quanto vorrei tornare a vivere lì ma rischierei di essere nuovamente schiavizzato.

 

Improvvisamente ho una stranissima sensazione. Sento un brivido percorrere la mia schiena.

 

Oggi nell'aria c'è qualcosa di strano

 

Dopo aver detto tali parole, come se tutto fosse stato orchestrato ad hoc, sento delle urla ed istintivamente corro verso la fonte con la mano sull'arco, pronto ad essere estratto.

 

 

 

Edited by Laurence

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ken

Sembrava una buona idea uscire a fare una passeggiata. Inutile dire che così non è stato. L'odore degli stufati alleggia nell'aria facendomi venire il voltastomaco mentre rimando i giorni passati in cui potevo contare su una scodella di zuppa preparata da mia madre per cena. Ora invece... Mi costringo a pensare ad altro mentre continuo a camminare. Del resto ormai ci sono passato molte volte e in parte mi ci sono abituato. Anche se dubito mi abituerò mai all'Odore. Quello che ho sentito la prima volta su mia sorella. Sorellona... Sto quasi per abbandonarmi ai ricordi quando un urlo squarcia la quiete delle sera. Una volta non avrei neppure pensato di andare a vedere, ma oggi è diverso. Con passo calmo, ma deciso mi avvio nella direzione dal quale ho sentito che proveniva. 

Spoiler

Il mio intento è andare nel luogo da dove proveniva l'urlo e vedere come si mette la situazione. Quindi mi avvicino con cautela e di nascosto e non intervengo subito se noto altre persone oltre alla persona che ha urlato e a possibili assalitori.

furtività +5 e quando sono vicino mi muovo del massimo consentito per non avere malus ( mi sembra 2 quadretti)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tuor

Spoiler

Ti muovi a passo svelto per quei vicoli che conosci piuttosto bene. Svolti l'angolo che ti conduce a una scalinata in pietra, la quale scende ripida fino a raggiungere una via parallela a viale del Magma.

Ed ecco che, giunto in fondo, ti si presenta di fronte una scena non ti saresti aspettato. Un ragazzo dalle lunghe vesti sacerdotali, probabilmente neanche vent'enne, si trova riverso a terra, gemente, con tre uomini a sovrastarlo. I loro volti sono dipinti: una metà di nero, l'altra di bianco

Sarà meglio che stai lontano dall'orfanotrofio! Ci hai capito?!

Gli intimano, mentre lo prendono a calci, strappando gemiti di dolore alla giovane vittima. Il ragazzo sembra biascicare qualcosa che non riesci a comprendere, ma per tutta risposta un nuovo colpo gli viene sferrato dritto allo stomaco

Ci hai capito?!

Vedi però il ciondolo che pende dal suo collo: il simbolo sacro di S. Cuthbert.

282p5dk.jpg

 

Spoiler

La scena avviene a circa 5 metri da te. Per il momento non mi è sembrata necessaria la griglia. Se la preferisci, aggiorno il post.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tuor

Spoiler

Sospiro al vedere il ragazzo preso a calci, avevo già in mente molti modi per farmi ricompensare dalla fanciulla di turno. Ad ogni modo, non posso e non voglio lasciare un Adepto della Mazza nei guai, almeno non in balia di tre pagliacci. Esco nel vicolo, mazza pesante e simbolo sacro bene in vista Non lo ripeterò una seconda volta. Allontanatevi dal ragazzo e sparite dalla mia vista, o vedrete la Signora del Dolore prima del dovuto... 

mi tengo pronto a reagire come di dovere, quando i tre stolti passeranno alle vie di fatto 

Spoiler

Intimidire +3 verso i briganti 

Azione preparata: infliggi ferite, converto Evoca Mostri,  sul più vicino a me; 1d8+1

 

 

 

Edited by Voignar

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tripitaka

Spoiler

Ti muovi velocemente sulle pietre bagnata della via. Ti infili in una stradina, seguendo la direzione da cui hai sentito l'urlo. Incurante di coloro a cui potresti tagliare la strada, attraversi una via e risali lungo una ripida scalinata posta tra due palazzi scuri, aiutandoti con le tue lunghe braccia che ti fanno fare i gradini a quattro a quattro.

E infine giungi alla fonte del grido: tre uomini, dal volto dipinto per metà di bianco e per metà di nero, sovrastano un ragazzo umano vestito con abiti sacerdotali. Il giovane è riverso a terra, palesemente aggredito.

282p5dk.jpg

Al di là del gruppetto si trova invece un altro umano, anch'esso vestito da sacerdote anche se con abiti diversi dal primo.

Non lo ripeterò una seconda volta. Allontanatevi dal ragazzo e sparite dalla mia vista, o vedrete la Signora del Dolore prima del dovuto... 

E' quest'ultimo a parlare, rivolto ai banditi. In una mano tiene una mazza, mentre guarda i tre con aria minacciosa...

Spoiler

Il gruppetto è a una decina di metri da te. Se vuoi puoi fare un'azione standard o una di movimento

 

 

Edited by GipsyGyps

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cerco di rimanere nascosto dietro il muro, estraggo l'arco e lo incocco.

Spoiler

Se ho ancora "tempo" in questo round:

Wukong  diceva sempre di essere accomodanti verso una soluzione pacifica e rispettosa, ma anche pronti a non subire ingiurie.

Non appena la situazione degenera scocco.

Spoiler

Se serve furtività +10 e percezione +8

Se posso preparo l'azione e aspetto

 

Edited by Halaster Blackcloack

Share this post


Link to post
Share on other sites

Kolvar

Spoiler

Capisci immediatamente che il grido deve provenire da qualche parte dietro di te. Percorri quindi la strada a ritroso fino a incontrare un uomo vestito di lunghe vesti nere: un sacerdote di Wee Jas

Non lo ripeterò una seconda volta. Allontanatevi dal ragazzo e sparite dalla mia vista, o vedrete la Signora del Dolore prima del dovuto... 

La sua minaccia è rivolta a tre uomini dal volto dipinto: una metà è nera, l'altra è bianca. Non sai chi quei tre possano essere, ma appare subito chiaro che siano intenti a malmenare un ragazzo neanche ventenne, anch'esso sacerdote, che adesso è riverso a terra, dolorante e gemente. Al collo del giovane pende il simbolo sacro di S. Cuthbert

282p5dk.jpg

Spoiler

Hai a disposizione un'azione standard oppure una di movimento. Considerando che sei arrivato dalla stessa strada in cui si svolge l'azione e che avevi la mano pronta sull'arco, puoi averlo estratto mentre arrivavi. Gli uomini con la faccia dipinta sono a una decina di metri da te

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ken

Spoiler

Ti dirigi verso la direzione da cui hai sentito il grido. A un certo punto, però, la strada ti viene improvvisamente tagliata da un umanoide, una specie di scimmia antropomorfa che velocemente si infila lungo una ripida scalinata posta tra due palazzi. Non ci vuole certo un genio a capire che, con molta probabilità, i due eventi possono essere collegati. Sbirci quindi verso dove hai visto correre la creatura: si trova in cima alle scale, arco in mano, spalle contro al muro. Il suo sguardo è preso da qualcosa che sta accadendo dietro l'angolo oltre cui sta guardando e, almeno apparentemente, sembra del tutto ignara della tua presenza

Spoiler

Furtività 25. Lol.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Kolvar, Mezzelfo

A quanto pare qualcun altro ha avuto la mia stessa idea. Le vesti di Wee Jas in una situazione diversa mi avrebbero tenuto alla larga ma in questo momento sta venendo picchiato un ragazzo.

I tipi indossano degli indumenti sospetti e la loro faccia non è rassicurante, probabilmente sono armati e non farebbero a meno di puntare qualche coltello alla gola del ragazzo per farci calmare.

Non devo né voglio perdere tempo.

Tento il tutto per tutto e provo ad attirare l'attenzione su di me nella speranza che la mia freccia colpisca qualcuno. Quindi distendo le gambe, mi metto in parallelo al terreno e scocco la freccia ad uno di loro.

Quel sacerdote è fin troppo buono, non dovrebbe tirare minacce a vuoto ma passare all'azione.

 

Spoiler

Arco Corto +4 colpire

1d6 (aggiungere 1d6 di furtivo se entro 9 metri per un totale di 2d6 danni). Critico 20/x3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rozeil

 

Spoiler

Dannate barche, il viaggio è stato una noia mortale! Persone blande, imbarcazione blanda, mostri blandi.... Tutto... Blando! Speriamo che qua riesca a trovare qualcuno o qualcosa di interessante, sennò potrei morire di noia! 

Nel tragitto da Sasserine fino a Cauldron, fortunatamente, qualche persona più interessante era presente, e non ho perso tempo nel far vedere i miei trucchetti magici più famosi come la mia bellissima Scintilla e il cambio di colore dei miei vestiti, per la gioia di alcuni bambini e mercanti che ho incontrato lungo la strada. Ma dentro di me, aspettavo con fermento l'arrivo a Cauldron. 

Peccato che quelle dannate guardie hanno tentato di chiudermi fuori! Riesco fortunatamente ad entrare, e noto come le guardie osservano i miei capelli rosa con un minimo sospetto per poi tornare alla chiusura del cancello. Sbuffo rumorosamente, mentre riprendo fiato per lo scatto che ho dovuto fare. Quando mi riprendo, stanco dal viaggio e desideroso di farmi una bevuta e trovare un giaciglio, mi guardo attorno alla ricerca di qualche insegna interessante quando un grido mi prende alla sprovvista e sussulto. 

Ovviamente, un'occasione per un gentiluomo come me di fare un ingresso in città che rimarrà sulla bocca di tutti per GIORNI! Penso sorridendo, dirigendomi verso la fonte del grido. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ken

Spoiler

Ho visto cose molto strane nella mia vita, ma quando una scimmia mi taglia la strada impugnando un arco pure io rimango basito. Ma che diavolo?!? Proseguo lentamente e vedo che non si tratta di una scimmia, ma di un umanoide con tratti scimmieschi. Vedendolo puntare l'arco verso la direzione dell'urlo proseguo lentamente lungo la strada per capirne le intenzioni e verificare la situazione. 

Spoiler

Uso guida e poi furtivita +6 e mi muovo sempre del massimo consentito per non avere malus. Intendo svoltare l'angolo per vedere com'è la situazione e a chi sta montando la scimmia. In ogni caso sto sempre nascosto e cerco di nascondermi il meglio possibile magari dietro un ostacolo o simile 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rozeil

Spoiler

Ti dirigi velocemente verso la direzione in cui hai sentito urlare, accompagnato dal suono delle tue scarpe sul ciottolato umido, finché non ti si para dinnanzi una scena inaspettata: tre uomini, di nero vestiti e dal volto dipinto per metà di nero e per metà di bianco, stanno aggredendo un ragazzo, un sacerdote che porta al collo il sacro simbolo di S. Cuthbert, riverso a terra a causa delle percosse subite.

Ma non sono soli. Altre tre persone, oltre a te, sembrano essere accorse in aiuto del giovane...

Spoiler

Continua nello spoiler sotto

 

Tuor, Tripitaka, Kolvar, Rozeil

Spoiler

I tre uomini si voltano verso il sacerdote di Wee Jas, occhi torvi, interrompendo il loro pestaggio.

Faresti bene a farti gli affari tuoi, se vuoi tornare a casa tutto intero...

Grugnisce uno, mentre gli altri sottolineano quelle parole con degli sguardi che non promettono niente di buono. Tuor sembra pronto a reagire quando improvvisamente il suono sordo di una freccia gli sibila vicino all'orecchio. Alle sue spalle un mezzelfo, arco in mano, guarda contrariato il suo colpo mancare quei tre aggressori.

Ma non è la sola freccia a fendere l'aria

AH!

Uno dei tre si porta istintivamente la mano al braccio ferito. Dietro l'angolo di un vicolo, un umanoide rassomigliante una grossa scimmia si prepara a incoccare un nuovo colpo, sguardo calmo e concentrato sui suoi obiettivi.

Spoiler

Kolvar: tpc 6

Tripitaka: tpc 20, 4 danni su N1

A postare sta di nuovo a @Zenelly23. Hai un'azione standard OPPURE una di movimento

 

 

Mappa

Spoiler

Gone in the night 03.jpg

 

Edited by GipsyGyps

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un'occasione per mettermi in mostra, finalmente! Mi tiro indietro con la mano i lunghi capelli rosa, e osservo Co. Interesse l'umanoide a forma di scimmia. Cavolo, bel colpo! Però... Posso fare di meglio! 

Sorrido e punto la mano a mo' di pistola, lanciando dardo incantato verso l'uomo già ferito dalla freccia. 

Bang! 

@GipsyGyps

Spoiler

Lancio dardo incantato verso n1, 1d4+1. Mi rimangono 2 incantesimi giornalieri. 

 

Edited by Zenelly23

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tuor, Tripitaka, Kolvar, Rozeil

Spoiler

Ecco giungere e immediatamente unirsi al combattimento uno strano ragazzo dai capelli rosa. 

Dalle sue dita parte un dardo di pura energia luminosa, che va a colpire l'uomo già ferito. 

 

Spoiler

Rozeil: 2 danni a NQ

 

Ordine di iniziativa:

-> Tuor

Kolvar

Tripitaka

Rozeil

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tuor

non ho ben chiaro cosa stia succedendo, ma di sicuro questo è l’ultimo momento per mettere ordine nella confusione attorno a me. C’è gente che sta tirando frecce e magie contro questi pagliacci, e non contro di me, tanto mi basta 

mi muovo verso il buffone più vicino, calandogli sulla faccia la mazza pesante 

Spoiler

Attacco N3; TpC +1 1d8+1

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Kolvar, Mezzelfo

Spoiler

N3 è adiacente a Tuor

 

Mi avvicino di un passo (usa la no action) a sinistra e scaglio di nuovo una freccia a N2 (adesso non è più soggetto a furtivo perché non ha il bonus di destrezza negato alla CA. Se non conosci questa meccanica, ti invito a leggere qui paragrafo "Impreparato" https://golarion.altervista.org/wiki/Iniziativa )

 

Dopodiché butto l'arco a terra ed estraggo la sciabola elfica con l'azione di movimento

 

Tiro una freccia dunque a N2

Arco Corto +4 colpire 1d6 danni. Critico 20/x3.

 

Edited by Laurence

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tripitaka, scimmia

Sento i molti sguardi sbigottiti su di me: <<Insomma, di umanoidi hanno visto gatti, lucertole, iene, topi, formiche...ma è la scimmia ad essere strana. Da dove provengo io quando vedi uno straniero gli offri una tazza di te per lo meno!>>

Scaccio questi pensieri e mi focalizzo sui miei bersagli come mi hanno insegnato. Incocco le frecce inspirando e scocco espirando.

Spoiler

arco corto + raffica: txc +3 (2 attacchi) danni 1d6

Prediligo quelli più feriti e che hanno il nome che inizia per "N", cioè N1, N2 e N3...

Il tipo pestato ("V") è ancora prono?

Spoiler
Cita

Insomma, di umanoidi hanno visto gatti, lucertole, iene, topi, formiche...ma è la scimmia ad essere strana

😂🙊

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.