Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Una Nuova Illustrazione di Larry Elmore per Dragonlance

L'iconico artista di Dragolance, Larry Elmore, ha finito una nuova illustrazione tutta al femminile legata alla celebre ambientazione.

Read more...

Uno sguardo a Dune 2d20

Diamo un'occhiata al nuovo GdR di Dune con questa recensione di Rob Weiland. 

Read more...

Cosa c'è di nuovo su Kickstarter: Fantasy World

Oggi andremo ad approfondire questo nuovo progetto lanciato su Kickstarter, sviluppato da un gruppo di game designer italiani pronti a reclamare il proprio posto nel mondo dei PbtA.

Read more...

In arrivo gli adattamenti televisi di Scion e del Mondo di Tenebra

La settimana scorsa sono stati rilasciati due annunci su dei futuri adattamenti per il piccolo e grande schermo di alcuni prodotti della fu White Wolf.

Read more...

Altri d20 Artefatti Magici

Goblin Punch ci propone altri 20 peculiari artefatti da introdurre nelle nostre campagne.

Read more...

Recommended Posts

10 ore fa, Thorgar ha scritto:

Comunque sì, tutto è iniziato con il rock 'n' roll... Se gente come Elvis non avesse shakerato il bacino, non saremmo arrivati sicuramente al metal, visto che tra le due cose c'è un filo invisibile molto forte..

Dissento fortemente

Ascolta il minuto 0:13.

E poi..

Non devo aggiungere niente

Link to post
Share on other sites

  • Replies 26
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

@Thorgar @Fezza @The Machine [MOD] Ho diviso la discussione, che stava andando off topic. Continuate pure qui. [MOD]

Io invece ho iniziato con Led Zeppelin, Pink Floyd, Dire Straits e Deep Purple. Successivamente sono passato ad AC/DC e Iron Maiden, poi da lì un miliardo di gruppi diversificati ! Concordo Thorg

Era un altro cantante, altri tempi.. altri mezzi.. in effetti sforzava

Io parlavo di un filo concettuale, non  musicale.. ;) Parlavo del concetto di ribellarsi contro qualcosa, che lo si faccia shakerando il bacino o inneggiando al demonio.. La ribellione era il filo invisibile, non che la band x è stata influenzata dalla musica y o viceversa.. Lo so anch'io che Elvis non ha influenzato il metal, musicalmente parlando.. :) 

Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Thorgar ha scritto:

Io parlavo di un filo concettuale, non  musicale.. ;) Parlavo del concetto di ribellarsi contro qualcosa, che lo si faccia shakerando il bacino o inneggiando al demonio.. La ribellione era il filo invisibile, non che la band x è stata influenzata dalla musica y o viceversa.. Lo so anch'io che Elvis non ha influenzato il metal, musicalmente parlando.. :) 

Yep sono d'accordo, considera che  Beethoven (giusto per fare uno dei nomi più mainstream) era un ribelle o alternativo della sua epoca. E' stato considerato un personaggio alquanto bizzarro e particolare considerando gli usi e costumi dell'epoca.

Link to post
Share on other sites
30 minuti fa, Nerelyn ha scritto:

Yep sono d'accordo, considera che  Beethoven (giusto per fare uno dei nomi più mainstream) era un ribelle o alternativo della sua epoca. E' stato considerato un personaggio alquanto bizzarro e particolare considerando gli usi e costumi dell'epoca.

Ho letto anch'io notizie di questo tipo sul buon vecchio Ludwig. Però trovo un po' eccessivo, vederlo come una figura che ha portato allo sdoganamento di certi modi di pensare e di fare. E non riesco a vederlo come qualcuno, che sia stato il simbolo di una rivoluzione.. Anche i poeti maledetti per fare un altro esempio, come stile di vita sono stati gli antenati dei rockers (sesso, droga e poesia, perché il rock n roll non c'era ancora.. :D ). Ma non li vedo di nuovo, come un punto di rottura.. Purtroppo o per fortuna Elvis è riuscito a diventare un simbolo, perché era già stata inventata quella scatola chiamata televisione e con essa si è espansa a macchia d'olio, quella cosa comunemente definita cultura di massa. O forse è proprio la tv che l'ha inventata. Elvis è stato un simbolo della cultura di massa. Per questo ha rotto gli argini. E per questo penso che nella storia della musica, sia da lui in poi che certi atteggiamenti hanno un filo conduttore piuttosto forte, ma faccio fatica a considerare Beethoven, uno che ha cambiato le regole della società. Poi se vogliamo dire che Beethoven artisticamente parlando, gioca in un campionato che Elvis può solo guardare con il binocolo, sono d'accordo. Ma le masse sono cambiate, in seguito alle icone della cultura di massa, per l'appunto. :D 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Credo che Elvis non abbia fatto nulla di che se non essere ciò che il tempo voleva che fosse

Credo inoltre che chi ha "rotto" gli argini non possa essere stato scoperto nel periodo di rottura. Piuttosto invece si riconosce postumo, con l'evoluzione della cultura e la caduta dei preconcetti legati a quel particolare periodo storico.

Nel secondo dopoguerra (dal primo voglio astenermi) e a partire da esso, c'è stata una velocizzazione di ciò che ho scritto prima, con la conseguenza che bastano ormai qualche decina d'anni per definire qualcuno come "artista di rottura".
Ciò può essere vero ma è anche forzato nei termini di definizione per svariati motivi, tipo la mancanza di testimonianze dirette che ai giorni nostri invece abbiamo con le varie interviste e registrazioni.

I Pink Floyd li considero di rottura, ma anche no. Il "flow" di quel tempo era quello, hanno preso tutto ciò che potevano "calarsi" e han fatto della psichedelìa un'arte sonora. C'è però da dire che sono stati i precursori più conosciuti dai quali in tantissimi hanno preso spunto, quindi tornando al "ma anche no" direi che sono sì di rottura perchè effettivamente maestri summi di una particolare branca musicale ma anche in sincrono con l'evoluzione dei tempi

Non so se sono riuscito a spiegarmi, la mia analisi sugli elementi di "rottura" è un'analisi che lega a doppio filo l'artista e la cultura del tempo nel quale è vissuto l'artista stesso

Link to post
Share on other sites

@Fezza scusa se ti rispondo solo oggi, ma ho avuto una settimana piena e il poco tempo che avevo, l'ho usato per non sparire dai pbf dove gioco..

Anche io penso, che Elvis non abbia fatto nulla di che e come te, penso che fosse solo l'incarnazione di quello, che il suo tempo voleva che fosse. Io stavo parlando di Elvis come di un fenomeno di cultura di massa, come ho detto prima. Dal punto di vista musicale quasi faccio fatica a calcolarlo, se devo essere sincero..

Anche io reputo, che chi rompe davvero gli argini, sia riconoscibile solo a posteriori. Però su Elvis, mi sembra di poter dire a posteriori, che qualcosa abbia rotto. Ma è solo il mio punto di vista. Poi che lo abbia fatto volontariamente,  o come un prodotto da vendere, è un altro discorso. Anche il punk noi lo percepiamo come un moto di ribellione verso la società, ma per paradosso è stato quasi inventato a tavolino da Vivienne Westwood, che era una stilista. Nel senso che la moda del punk, legata al modo di vestire, inizialmente venne elaborata quasi totalmente da una stilista. Che ai miei occhi, è la cosa meno punk che possa esserci. Ma poi il fenomeno ha preso piede e il punk è diventato anche altro.

Il ‎03‎/‎04‎/‎2018 alle 10:27, Fezza ha scritto:

Nel secondo dopoguerra (dal primo voglio astenermi) e a partire da esso, c'è stata una velocizzazione di ciò che ho scritto prima, con la conseguenza che bastano ormai qualche decina d'anni per definire qualcuno come "artista di rottura".
Ciò può essere vero ma è anche forzato nei termini di definizione per svariati motivi, tipo la mancanza di testimonianze dirette che ai giorni nostri invece abbiamo con le varie interviste e registrazioni.

Qua concordo su tutta la linea. Ma penso che abbiamo comunque abbastanza dati, da poter farci un'idea, di come fossero le cose e capire se comunque determinati atteggiamenti fossero in controtendenza o no. Fotografia, televisione etc stavano già prendendo largamente piede, quindi come fonti non brancoliamo totalmente nel buio.. Concordo però con te, che oggi le cose vanno fin troppo in fretta e penso personalmente che più ci si avvicina ai giorni nostri, più il concetto di artista e di punto di rottura siano semplicemente abusate.

Il ‎03‎/‎04‎/‎2018 alle 10:27, Fezza ha scritto:

I Pink Floyd li considero di rottura, ma anche no. Il "flow" di quel tempo era quello, hanno preso tutto ciò che potevano "calarsi" e han fatto della psichedelìa un'arte sonora. C'è però da dire che sono stati i precursori più conosciuti dai quali in tantissimi hanno preso spunto, quindi tornando al "ma anche no" direi che sono sì di rottura perchè effettivamente maestri summi di una particolare branca musicale ma anche in sincrono con l'evoluzione dei tempi

Qui però reputo che stiamo tornando a parlare solo di musica e non di impatto sulla cultura di massa, giusto?? Comunque concordo con quello che stai dicendo, totalmente.

Il ‎03‎/‎04‎/‎2018 alle 10:27, Fezza ha scritto:

Non so se sono riuscito a spiegarmi, la mia analisi sugli elementi di "rottura" è un'analisi che lega a doppio filo l'artista e la cultura del tempo nel quale è vissuto l'artista stesso

In realtà si, penso e spero di averti capito abbastanza. E come ho detto prima, penso che secondo me si dovrebbe tenere conto dei due fattori: il campo musicale e quello di cosa ha simboleggiato il musicista in questione. Alcuni hanno innovato in entrambi i campi, alcuni in solo in uno dei due, alcuni in nessuno.

 

 

 

 

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Similar Content

    • By Graham_89
      Evengard: 150 tracce musicali Fantasy, completamente Gratuite e senza alcun Copyright!
      Cosa succede quando mettiamo insieme la passione per la Musica e quella per i Giochi di Ruolo? A questa domanda potrà sicuramente rispondere Marco Cutini, compositore Romano - anno '99 - che con il suo grande talento e passione per Dungeons & Dragons ha deciso di fare un'enorme regalo a tutti i Giocatore di Ruolo!
      Il 17 Gennaio di quest'anno viene pubblicato un nuovo video sul suo canale YouTube (che a oggi conta più di dodicimila iscritti) intitolato "Evengard - Trailer (Original Music for Dungeons and Dragons)". In quei 51 secondi, con un sottofondo musicale da far accapponare la pelle, viene annunciato l'inizio di un nuovo e ambizioso progetto: Evengard!
      Evengard in breve: Una raccolta musicale Fantasy ENORME e completamente GRATUITA, senza alcun Copyright e utilizzabile liberamente su YouTube o Twitch. Nel momento in cui sto scrivendo queste righe l'album contiene già ben 44 tracce, ma l'autore ci ha promesso che arriverà a oltre 150 e saranno rilasciate con il tempo direttamente sul suo canale YouTube!
      Siete streamer alla ricerca di colonne sonore da usare per le vostre sessioni?
      Siete master che si sono stancati di far ascoltare la solita colonna sonora ai propri giocatori?
      O forse siete solo degli amanti del Fantasy che hanno voglia di rilassarsi ascoltare bella musica?
      In ogni caso Evengard, "dove magia e creatività si trasformano in musica", è ciò che fa per voi!
      Tutto questo lavoro e l'autore non chiede alcun pagamento? Ma com'è possibile?
      Certo che è così! Basta solo che gli vengano riconosciuti i giusti crediti!
      Di seguito tutti i Link utili per tenersi sempre aggiornati sul progetto!
      Link alla Playlist: https://bit.ly/3sBLKzQ
      Link al Canale YouTube: https://www.youtube.com/c/MarcoCutini/featured
      Link alla Pagina FB: https://www.facebook.com/evengardmusic/
      Visualizza articolo completo
    • By Graham_89
      Cosa succede quando mettiamo insieme la passione per la Musica e quella per i Giochi di Ruolo? A questa domanda potrà sicuramente rispondere Marco Cutini, compositore Romano - anno '99 - che con il suo grande talento e passione per Dungeons & Dragons ha deciso di fare un'enorme regalo a tutti i Giocatore di Ruolo!
      Il 17 Gennaio di quest'anno viene pubblicato un nuovo video sul suo canale YouTube (che a oggi conta più di dodicimila iscritti) intitolato "Evengard - Trailer (Original Music for Dungeons and Dragons)". In quei 51 secondi, con un sottofondo musicale da far accapponare la pelle, viene annunciato l'inizio di un nuovo e ambizioso progetto: Evengard!
      Evengard in breve: Una raccolta musicale Fantasy ENORME e completamente GRATUITA, senza alcun Copyright e utilizzabile liberamente su YouTube o Twitch. Nel momento in cui sto scrivendo queste righe l'album contiene già ben 44 tracce, ma l'autore ci ha promesso che arriverà a oltre 150 e saranno rilasciate con il tempo direttamente sul suo canale YouTube!
      Siete streamer alla ricerca di colonne sonore da usare per le vostre sessioni?
      Siete master che si sono stancati di far ascoltare la solita colonna sonora ai propri giocatori?
      O forse siete solo degli amanti del Fantasy che hanno voglia di rilassarsi ascoltare bella musica?
      In ogni caso Evengard, "dove magia e creatività si trasformano in musica", è ciò che fa per voi!
      Tutto questo lavoro e l'autore non chiede alcun pagamento? Ma com'è possibile?
      Certo che è così! Basta solo che gli vengano riconosciuti i giusti crediti!
      Di seguito tutti i Link utili per tenersi sempre aggiornati sul progetto!
      Link alla Playlist: https://bit.ly/3sBLKzQ
      Link al Canale YouTube: https://www.youtube.com/c/MarcoCutini/featured
      Link alla Pagina FB: https://www.facebook.com/evengardmusic/
    • By Nyxator
      Girovagando nel magico tubo delle meraviglie in cerca di musiche per gdr mi sono ritrovato in quel di Barovia.
      No, davvero, non scherzo. All'inizio ho pure pensato fosse qualcosa di ufficiale, alla chessò "levo la scatola bara kitsch e ci schiaffo il cd audio."
      Invece è una playlist fanmade con 13 (più una contenitore) musiche per Curse of Strahd.
      Siccome imho è assai azzeccata e magari torna utile, ve la segnalo. 
       
       
      (Nota: i titoli potrebbero contenere piccoli spoiler su nomi di png e location)
       
       
      P.S: sul canale ho visto che in questo periodo l'autore sta postando quelle per Rime of the Frostmaiden. 
    • By Alonewolf87
      La musica può essere un incredibile strumento per migliorare l'atmosfera di immersione in un gioco e oggi vi parleremo di una compagnia italiana che si prefigge di creare musiche apposite per i GdR.
      La Sonor Village è una compagnia di Roma che si occupa di sonorizzazioni e di creazione di colonne sonore, che lavora alla creazione di materiale per vari GdR.   Sentiamo cosa ha da dirci @Antonio Affrunti, il direttore di questa compagnia, in merito ai loro progetti legati al mondo del gioco di ruolo:   In questi anni Sonor Village ha lavorato per i seguenti editori: Upper Comics, Verbavolant, Fallvision, Acchiappasogni, Minos Game, Hyper Comix, I.D.E.A., A.P.S., Scuola di GdR, Dicegames Italia  e altri.

      Visualizza articolo completo
    • By Alonewolf87
      La Sonor Village è una compagnia di Roma che si occupa di sonorizzazioni e di creazione di colonne sonore, che lavora alla creazione di materiale per vari GdR.   Sentiamo cosa ha da dirci @Antonio Affrunti, il direttore di questa compagnia, in merito ai loro progetti legati al mondo del gioco di ruolo:   In questi anni Sonor Village ha lavorato per i seguenti editori: Upper Comics, Verbavolant, Fallvision, Acchiappasogni, Minos Game, Hyper Comix, I.D.E.A., A.P.S., Scuola di GdR, Dicegames Italia  e altri.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.