Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Il Futuro di D&D

Ci sono in ballo grandi piani per D&D 5E nei prossimi anni e in particolare in vista del 50° anniversario del gioco di ruolo più celebre del mondo.

Read more...

In Arrivo il Rules Expansion Gift Set

A inizio anno prossimo la WotC farà uscire un set di tre manuali per coloro che sono interessati alle espansioni regolistiche per D&D 5E.

Read more...
By Lucane

L'Arte della Legenda: Parte 4 - La Lista degli Avversari

Volete aggiungere spessore e profondità ai vostri scenari senza per questo complicarvi la vita a tener traccia degli spostamenti di ogni singolo mostro o nemico? The Alexandrian ci offre uno strumento formidabile per la gestione in tempo reale di scenari complessi e di moltitudini di avversari. 

Read more...

Anteprime di Fizban's Treasury of Dragons #2

Andiamo a scoprire delle novità legate a classi, razze e mostri che saranno presenti nella Fizban's Treasury of Dragons.

Read more...

La Free League ha annunciato il GdR ufficiale di Blade Runner

Andiamo ad immergerci nell'iconico universo di Blade Runner con questo nuovo prodotto della Free League in arrivo l'anno prossimo.

Read more...

Momenti di calma tra una quest e l'altra


Anomandaris
 Share

Recommended Posts

Ho da poco iniziato a fare il DM con dei miei amici ( non avevamo mai giocato) e dopo aver buttato a capofitto i PG in 4 avventure molto serrate vorrei concedergli un momenti di tregua sia per fargli fare rifornimenti che per interagire con altri PNG (sono in una piccola città), per sviluppare caratterialmente i loro personaggi e magari fargli "sbloccare" qualche quest secondaria, ma non so proprio come fare, sono bloccato. Avreste qualche consiglio pratico su come fare? Grazie

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 30
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Di quale edizione parliamo?

Te lo chiedo, perché in quinta edizione esistono proprio delle procedure ad hoc, progettate per la gestione dei “tempi morti”.

Inoltre: hai sviluppato la città in qualche modo?

Potresti provare a coinvolgere i personaggi negli intrighi politici che serpeggiano tra le fazioni cittadine o lasciare che si “perdano” tra i profumi e la folla del bazaar, dove potranno stringere conoscenze preziose (o pericolose…) o, perché no, scoprire qualcosa di inaspettato (un oggetto legato al passato o che forse potrebbe essere importante per il futuro?).

O ancora: in città, c’è magari un’arena per gladiatori? Ma certo che c’è…è gestita da quel mago pazzo che si diverte a ficcarci le esotiche creature che tiene ammassate nei sotterranei della sua torre…! Ma i personaggi avranno il fegato di combattere nell’arena e di conquistare l’ambito premio per la vittoria?

O preferiscono partecipare al torneo organizzato dal Conte? Sono tante le specialità in calendario: la prestigiosa giostra, il tiro con l’arco, la lotta e perfino delle gare di indovinelli….!

Insomma, puoi inventari davvero di tutto!

Io farei partire i personaggi da una banalissima taverna e quindi li lascerei liberi di muoversi in città come meglio credano…insomma, gestirei la cosa per lo più improvvisando.

Link to comment
Share on other sites

gioco la 3.5, ancora non ho predisposto la città ma ho intenzione di farlo a breve. Vorrei provare a fare una sessione "senza quest", molto libera che però c'entri con la trama principale: sono stati assoldati da un misterioso collezionista riccone ( un cattivo negromante ma loro non lo sanno) che li spedisce in giro a fargli recuperare oggetti magici che poi userà per uno scopo malvagio (ancora da decidere). Tra i giocatori c'è anche una talpa: uno dei pg è un servo del negromante, ma gli altri giocatori non lo sanno. Vorrei che in questa sessione i giocatori si sntino più liberi di fare ciò che vogliono e andare dove vogliono, senza le restrizioni che il classico dungeon possiede.Vorrei inoltre che i giocatori trovini alcune informazioni che inizini a fargli storcere il naso riguardo a questo collezionista, ma non ho idee troppo originali ne sul come fargliele trovare (un venditore di informazioni?) ne sulle informazioni stesse

Link to comment
Share on other sites

La prima cosa che mi viene in mente è decidere questi oggetti cosa sono e di chi sono in possesso.

Magari alcuni di essi sono nelle mani di gente per bene, oppure in una chiesa di un Dio buono. Questo già potrebbe dare dei dubbi ai PG che potrebbero cominciare a chiedere in giro del loro datore di lavoro e scoprire di come si sappia poco di lui e/o sia improvvisamente diventato ricco. Oppure ancora ultimamente sembra diverso da prima (perché in realtà il necromante ha ucciso il vero collezionista e ha preso la sua identità.

Se prepari già per bene gli oggetti e le varie vie per recuperarli, i PG potranno avere libera scelta su come procedere e con cosa cominciare.

Link to comment
Share on other sites

Gli oggetti che sono stati ritrovati per ora sono il mazzo delle meraviglie , la maschera del demone  e un'ampolla di acqua sacra, mai giocatori ovviamente non conoscono i loro utilizzi e poteri, quindi li vendono tranqjillamente al "ricco collezionista", per ora hanno solo scoperto che usa nomi diversi,ma vorrei iniziare a farli insospettire senz<a calcare troppo la mano

Link to comment
Share on other sites

Come ho detto gli indizi forse dovrebbero provenire da dove gli viene chiesto di prelevare questi oggetti. Poi sono loro che dovrebbero farsi due domande e cominciare a chiedere in giro del collezionista. Se obbediscono senza fare domande o non gliene frega niente o sono troppo sciocchi per porsi dei dubbi. In entrambi i casi non forzerei la mano e li lascerei farsi abbindolare.

Link to comment
Share on other sites

su questo sono d'accordo con te, ma una piccola spintarella che inizi a fargli fare qualche domanda mi servirebbe..loro hanno appena finito la quest: la fontana di luce, quindi saranno premiati dal tempio e verranno riconosciuti per strada quasi come eroi, considerando che nella prossima sessione voglio lasciarli estremamente liberi di girettare per la città, e sapendo che andarnno sicuramente a fare shopping ho pensato di inserire un venditore di informazioni, ma come posso dargli qualche informazione sul collezionista senza fargli capire subito che è il cattivo?

Link to comment
Share on other sites

10 minuti fa, Anomandaris ha scritto:

sapendo che andarnno sicuramente a fare shopping

E se poi non ci vanno?

Dici di volerli lasciare estremamente liberi e allora, secondo me, dovresti farlo per davvero!

Non pianificare nulla di specifico: raccogli delle idee se ciò ti è d'aiuto e poi dissemina gli indizi lungo il cammino dei personaggi, sforzandoti di farlo in maniera coerente.

Per esempio: non stabilire a priori che l'informatore sia un "venditore di informazioni" ma pensa prima di tutto a quale possa essere l'informazione in sé e inseriscila in gioco senza snaturare la libertà che intendi dare ai giocatori.

Magari l'informatore è un umile e onesto domestisco del collezionista che avvicina per strada i personaggi dicendo loro che una sera ha inavvertitamente scorto il suo "padrone" spargere una strana polvere nera sugli oggetti della sua collezione: sembrava parlasse in una lingua gutturale e aveva come delle braci al posto degli occhi....il domestico ha paura...ha paura e cerca nei personaggi un appoggio: loro ne sanno qualcosa? Cosa sono quegli oggetti? Stanno forse facendo del male al suo "padrone"? Ecc. ecc.

Link to comment
Share on other sites

32 minuti fa, Anomandaris ha scritto:

su questo sono d'accordo con te, ma una piccola spintarella che inizi a fargli fare qualche domanda mi servirebbe

Nuovamente, secondo me devono capire da soli di iniziare a fare domande dal contesto, come dagli esempi sopra riportati.
Se sono tranquilli e non si preoccupano di fare domande finché sono pagati, non darei nessuna spintarella. Semmai è lo spunto per dopo per far loro capire di avere sbagliato.

Link to comment
Share on other sites

me l'hanno detto loro più volte che vogliono andare a fare shopping, e li conosco da talmente tanto tempo che so che lo faranno come prima cosa, non li sto costringendo a farlo, il mio dubbio primario infatti è proprio sulle informazioni da dargli, e in secondo piano sul come fargliele ricevere, è proprio questo che sto chiedendo a voi giocatori più esperti.

Klunk: la questione non è se si preoccupano loro o no, la questione è che vorrei dargli io degli spunti su cui muoversi, e se non gli do indizi perchè dovrebbero provare a salvare il mondo da un tizio che gli chiede solamente di recuperargli oggetti? Perchè dovrebbero insospettirsi se non gli do elementi ambigui?

Una stupidaggine come esempio: quando seppero che il collezionista usava nomi diversi a seconda delle città in cui si trovava un po si sono insospettiti, ma essendo una cosa non pericolosa non gli hanno dato un peso eccessivo, è proprio di questi espedienti che ho bisogno, vorrei farli insospettire un po alla volta, tassello dopo tassello

Link to comment
Share on other sites

7 ore fa, Anomandaris ha scritto:

Klunk: la questione non è se si preoccupano loro o no, la questione è che vorrei dargli io degli spunti su cui muoversi, e se non gli do indizi perchè dovrebbero provare a salvare il mondo da un tizio che gli chiede solamente di recuperargli oggetti? Perchè dovrebbero insospettirsi se non gli do elementi ambigui?

Una stupidaggine come esempio: quando seppero che il collezionista usava nomi diversi a seconda delle città in cui si trovava un po si sono insospettiti, ma essendo una cosa non pericolosa non gli hanno dato un peso eccessivo, è proprio di questi espedienti che ho bisogno, vorrei farli insospettire un po alla volta, tassello dopo tassello

Come già ho scritto nella prima risposta:

Il 19/1/2018 alle 21:30, KlunK ha scritto:

Magari alcuni di essi sono nelle mani di gente per bene, oppure in una chiesa di un Dio buono. Questo già potrebbe dare dei dubbi ai PG che potrebbero cominciare a chiedere in giro del loro datore di lavoro e scoprire di come si sappia poco di lui e/o sia improvvisamente diventato ricco. Oppure ancora ultimamente sembra diverso da prima (perché in realtà il necromante ha ucciso il vero collezionista e ha preso la sua identità).

Se poi per loro è normale che uno usi nomi diversi in ogni città e non si fanno scrupoli a lavorare per lui, nuovamente a mio avviso non devi forzare la mano per fargli scoprire a tutti i costi la verità. La scopriranno poi quando sarà tardi.

Link to comment
Share on other sites

Quoto in toto KlunK e a questo punto non capisco la tua insistenza nel voler dare loro degli indizi a tutti i costi...

8 ore fa, Anomandaris ha scritto:

me l'hanno detto loro più volte che vogliono andare a fare shopping, e li conosco da talmente tanto tempo che so che lo faranno come prima cosa

Hai esordito nel tuo primo post scrivendo che hai iniziato da poco a giocare, beh, spero allora tu possa accettare un consiglio da chi ha un po' più esperienza di gioco giocato rispetto a te: i personaggi dei giocatori magari faranno esattamente come ti aspetti, ma non darlo mai per scontato...fidati.

Edited by Checco
refuso
Link to comment
Share on other sites

Mentre sono al bazar a fare "shopping", o mentre sono in taverna, o in giro per la città, se proprio muori dalla voglia di dare loro informazioni fai semplicemente:

"Fate un tiro su percezione" se usi la 5e, oppure "Fate un tiro su ascoltare" se invece usi la 3.5, e fornisci le informazioni che meglio credi. 

Oppure ancora:

Fai assistere ai PG ad un furto da parte di un ladruncolo, e se lo prendono, con qualche domanda scopriranno che è al servizio del collezionista.

L'idea del "venditore di informazioni" meh... a me proprio non piace.

Link to comment
Share on other sites

Checco ma infatti io apprezzo il vostro aiuto e vi ringrazio per le risposte e il tempo dedicato, mi sono iscritto per farmi aiutare da gente come voi, non pensare che mi stia intestardendo perchè non ricevo i consigli che volevo sentirmi dire! Allo stesso tempo credo anche che questo è un gioco talmente soggettivo che magari per voi più esperti i consigli che mi avete dato sono i più ovvi e giusti, per me, che mi trovo a masterare per le prime volte invece servirebbero idee più "precise" e meno concetti teorici, non è facile seguire i vostri consigli per uno alle prime aarmi, anche se sono sicuramente giustissimi! Spero di aver chiarito il mio concetto!

Altra cosa, voglio dargli qualche indizio perchè voglio che la trama subisca quella svolta, perchè credo e spero che sia la cosa più divertente per i miei amici che giocano, e anche perchè (come detto sopra) essendo la prima volta che giochiamo è più difficile lasciarli totalmente liberi e improvvisare, per questo avrei bisogno di idee più precise!

Poi magari acquisendo esperienza nel gioco riuscirò a sfruttare appieno i preziosi consigli che mi state dando oggi!

Link to comment
Share on other sites

Potresti inserire un evento inaspettato in un contesto di calma e tranquillità, così da creare un ottimo contrasto. Esempio... stanno facendo shopping e sentono un popolano urlare perchè c'è stato un omicidio, e sulla scena del crimine è presente un qualcosa legato al collezionista. O come detto prima, semplicemente con un tiro di ascoltare/percezione sentono che due persone stanno parlando in merito a questo collezionista..

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Anomandaris ha scritto:

Altra cosa, voglio dargli qualche indizio perchè voglio che la trama subisca quella svolta, perchè credo e spero che sia la cosa più divertente per i miei amici che giocano, e anche perchè (come detto sopra) essendo la prima volta che giochiamo è più difficile lasciarli totalmente liberi e improvvisare, per questo avrei bisogno di idee più precise!

Beh in realtà dovresti evitare di forzare i giocatori a fare andare le cose come vuoi...
Non dico che tu non debba preferire una certa dinamica e ipotizzare delle conseguenze a quella, però se così poi non è rielabora le cose in conseguenza alle azioni dei PG. Così crei un mondo vivo e non un'avventura railroad dove tutto è già prefissato.

Idee più precise e a mio avviso eleganti te le ho date: dovrebbero insospettirsi in base al lavoro che viene affidato loro dal collezionista. Il fatto che poi sappiano che usa nomi diversi è un altro indizio. Se vuoi dare un ulteriore indizio non lo darei comunque troppo palese, quindi eviterei venditori di informazioni o di origliare per caso la verità sul collezionista. Ricollegandomi a quanto detto prima magari mentre tornano dal collezionista incontrano un vecchio amico del vero collezionista (ucciso dal necromante e a cui è stata rubata l'identità) e assistono ad una conversazione un po' disagevole tra i due (perché il necromante non sa chi sia). Così la cosa risulta sospetta, ma ambigua e non evidente: i PG potranno sospettare del collezionista (che non riconosce il suo amico) o dell'ospite (che magari penseranno essere un ladro). Ovviamente il collezionista inventerà una scusa e potrebbero sbugiardarlo con delle prove di percepire intenzioni (o mangiare la foglia e cominciare ad indagare).

Link to comment
Share on other sites

Vorrei ora chiedervi altro: questo collezionista ( un negromante in realtà) ha fatto recuperare dei manufatti ai PG, il suo piano è quello di assoggettare Nerull al suo potere e portarlo fisicamente sul piano materiale grazie ad un potente rituale e ai manufatti recuperati dai PG. Vorrei chiedervi come potrei gestire la creazione di Nerull come nemico dei PG considerando che lo incontreranno che staranno più o meno al 5 livello

Link to comment
Share on other sites

6 minuti fa, Anomandaris ha scritto:

Vorrei ora chiedervi altro: questo collezionista ( un negromante in realtà) ha fatto recuperare dei manufatti ai PG, il suo piano è quello di assoggettare Nerull al suo potere e portarlo fisicamente sul piano materiale grazie ad un potente rituale e ai manufatti recuperati dai PG. Vorrei chiedervi come potrei gestire la creazione di Nerull come nemico dei PG considerando che lo incontreranno che staranno più o meno al 5 livello

Mi sembra oltremodo esagerato scomodare una divinità.
Intanto non si capisce come un mortale qualunque possa assoggettare una divinità e chi o cosa avrebbe creato questi oggetti per farlo. Piuttosto sarebbe molto più sensato il contrario: gli oggetti sono richiesti per stringere un patto con Nerull (o meglio un suo araldo) per acquisire maggiore potere. Magari Nerull esige una prova di fedeltà e per tanto vuole corrompere questi oggetti sacri, o viceversa sono oggetti malvagi che vuole utilizzare per i suoi scopi.

Quanto allo scontro coi PG, ovviamente uno scontro contro una divinità, al 5° livello poi, è un'assurdità. Piuttosto il necromante potrebbe evocare un non morto o un'altra creatura inviata da Nerull che lo aiuto con i suoi scopi. Visto il livello dei PG potrebbe essere un mastino d'ombra: anche se non fortissimo nella mischia affrontato nelle ombra diventa invisibile e molto difficile da colpire.

Link to comment
Share on other sites

beh, essendo un gdr fantasy non vedo il problema di far scontrare dei giocatori con delle divinità, mi sembra molto limitante il concetto da te espresso: sono al 5 livello, troppo scarsi per affrontare un dio, non possono combatterci. Allora tutti i PG a livelli bassi dovrebbero combattere solo con scheletri,gnoll, bugbear etc etc? Mi sembra di ricordare di un' avventura ufficiale in cui giocatori al 1 livello dovevano uccidere un drago giovane, non è altrettano ridicolo o inverosimile?

Comunque l'idea che il necromante stipuli un patto con Nerull è interessante, mi piace, a questo punto però dovrei cambiare i piani e le ambizioni del cattivo: invece di voler rendere il piano materiale un ricettacolo di non morti da lui controllati, potrebbe voler lasciare questo onere a Nerull,guadagnandosi magari il suo favore

Link to comment
Share on other sites

24 minuti fa, Anomandaris ha scritto:

beh, essendo un gdr fantasy non vedo il problema di far scontrare dei giocatori con delle divinità, mi sembra molto limitante il concetto da te espresso: sono al 5 livello, troppo scarsi per affrontare un dio, non possono combatterci. Allora tutti i PG a livelli bassi dovrebbero combattere solo con scheletri,gnoll, bugbear etc etc? Mi sembra di ricordare di un' avventura ufficiale in cui giocatori al 1 livello dovevano uccidere un drago giovane, non è altrettano ridicolo o inverosimile?

Comunque l'idea che il necromante stipuli un patto con Nerull è interessante, mi piace, a questo punto però dovrei cambiare i piani e le ambizioni del cattivo: invece di voler rendere il piano materiale un ricettacolo di non morti da lui controllati, potrebbe voler lasciare questo onere a Nerull,guadagnandosi magari il suo favore

Io prenderei i consigli di @KlunK e ne farei tesoro, specie se come dici sei DM da poco. E' giusto, anzi giustissimo avere dubbi, sia sei da poco DM, sia che sei più stagionato. Però non mi sembra stai esprimendo i tuoi dubbi nel modo giusto, o comunque nel modo più rispettoso.

Ad ogni modo. Se ritieni che siccome è un mondo fantasy può accadere di tutto, tanto valefarli trasformare tutti in draghi volanti, o semidei al 5° livello e chi si è visto si è visto. Secondo me, uno scontro con una divinità, al livello 5, è semplicemente una barzelletta (credo che chiunque l'abbia pensato, suvvia). Mi spiace smontarti tutti i tuoi piani sulla quest epica, ma credimi, tutto sarebbe meno che epica. 

Prima di tutto, per giocatori di livello intorno al 5° penso che oltre a scheletri e gnoll, ci siano circa una 30ina di creature diverse da mandargli contro, SOLO PRESENTI SUL MANUALE DEI MOSTRI, SENZA MODIFICHE. In aggiunta puoi buffare/nerfare a piacimento qualsivoglia creatura ti stuzzica, sistemando i punti ferita, i danni che fa, ecc.. O ancora, potresti creare tu da 0 un mostro a piacimento tuo, perchè no. Solo... CONTESTUALIZZA. Se questi a livello 5 tengono testa (per non dire sconfiggono) una divinità, ma cosa faranno al livello 20? Creano universi? Come consiglio ti direi di tornare come persona, e come DM, con i piedi per terra, e accettare i consigli di tutti (specie chi è più esperto di te, ma non solo). Se poi non li ritieni adeguati dillo, ma con rispetto. IMHO

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By Renis
      Da questo link potete scaricare gratuitamente la Quick Start Guide 2.0 La Notte Eterna per download gratuito.

      Questa piccola guida vi fornirà gli elementi essenziali per iniziare le vostre avventure ne "La Notte Eterna", ambientazione epic-fantasy per 5e. All'interno della QSG troverai il link per scaricare: Scheda del Giocatore 1 Battle Map a colori. Segui la pagina Facebook della Notte Eterna per scoprire le ultime novità e partecipare al Kickstarter. Vuoi giocare in anteprima alla Notte Eterna? Stiamo cercando beta tester per delle sessioni live sui nostri canali social. Se ti interessa invia pure la tua candidatura, clicca qui.
    • By supremenerd88
      Un saluto a tutti.
      Ho letto diversi anni fa (più di quanti vorrei ammettere), alcuni libri legati alle ambientazioni di D&D Dragonlance e Forgotten Realms. Chiedendomi "avranno mai fatto dei libri ambientati a Golarion?" mi sono imbattuto in una collana chiamata "Pathfinder Tales" che credo appunto risponda alla mia domanda.
      https://paizo.com/store/pathfinder/fiction/tales/novels
      Questi libri però non li trovo tradotti in lingua italiana e da qui la domanda: sono stati tradotti? Se si, dove si possono acquistare?
      In italiano ho trovato solo:
      https://www.amazon.it/Signore-delle-Rune-Pathfinder-Tales/dp/8867023217/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=pathfinder+tales&qid=1628533327&sr=8-1
      https://www.amazon.it/Lisola-del-traditore-Pathfinder-tales/dp/8867023306/ref=sr_1_2?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=pathfinder+tales&qid=1628533327&sr=8-2
      Grazie.
    • By Renis
      Sono trascorsi 161 anni dal giorno in cui la Guerra Celeste ebbe inizio. Un conflitto che vede schierate le divinità e le loro immense armate in una lotta di supremazia che finora non ha decretato né vincitori né vinti.
      Quando nel cielo si levò il primo grido di battaglia, potente e terribile come un tuono, le tenebre di un cosmo avido e crudele inghiottirono il sole. Esso si perse in un manto di gelide stelle senza lasciar traccia; rubato, si dice, da un dio cieco e crudele.
      Consultate l’erudito, parlate pure con il volgo, chiedete loro il nome di questo buio perenne che ha ottenebrato il cielo ed i cuori degli uomini: “Quest’epoca oscura, di sangue e di lacrime" vi risponderanno, "è la Notte Eterna”.    
      Le genti di questo mondo affranto, di Neir, hanno dimenticato la calda carezza del sole, che nella loro stoltezza relegano al mito di una religione morente. Essi non possono sapere che il dio della luce, straziato ma ancora vivo, ha donato parte della sua essenza alla Luna come ultimo sacrificio agli ingrati mortali.
      Astro beffardo, enigmatico, libero da ogni giogo divino e infine vivo di luce propria, la Luna. I giorni e le stagioni sono scanditi dalle sue fasi e le vite di milioni ne seguono il corso "luna dopo luna".
      Neir è un mondo freddo e inospitale, dove la vita resiste solo grazie agli influssi benefici della magia. Senza di essa, il gelo sarebbe insopportabile e ogni cosa viva morrebbe.
      Le specie animali e vegetali di un tempo si sono estinte o perlopiù ridotte drasticamente di numero. Esse sono state soppiantate da nuove specie, provenienti dai vastissimi territori sotterranei, in grado di vivere e prosperare a temperature più basse e senza luce solare.
      Allo stesso modo, nuove razze di conquistatori hanno compiuto la loro ascesa al mondo di superficie: gli Oscuri, popolo di mercanti e schiavisti, governato da un imperatore spietato e fedele di un dio crudele; e gli Hjilaki, vampiri di sangue puro, che all’avvento della Notte Eterna sorsero dalle loro cripte per mettere a ferro e fuoco le nazioni mortali.
      Durante questi 161 anni, lunghissime pagine di dolore sono state scritte, spesso con il sangue. In questo caos imperituro vigono nuovi ordini e laddove gli antichi regni sono caduti altri lottano quotidianamente per sopravvivere alla marea di morte che ogni cosa vuole travolgere.
      A Neir, il pericolo si annida ovunque: in templi dedicati a dei innominabili, in antiche rovine infestate da creature blasfeme, in territori selvaggi abitati da mostri, persino nella nostra deliziosa città, nel languido sorriso di una cortigiana, nel rassicurante cipiglio di una guardia…
      Chi oserà incamminarsi per questo sentiero di desolazione? Chi è l’eroe che brandirà la sua spada in aiuto degli indifesi?
      Dopo aver instillato la paura nei vostri giovani cuori, a coloro fra voi che nonostante tutto desiderano affrontare le insidie del mondo pur di acquisire fama come cantori, io dico: seguite le orme dell’eroe e cantate le sue gesta, perché tale è il sentiero che conduce all'immortalità.   - Daris Rylan, Gran Musico della Casa dei Musici e delle Belle Arti di Azkabel nel suo discorso inaugurale ai nuovi iscritti   La Notte Eterna è un'ambientazione epic-fantasy per Dungeons&Dragons 5ED. A novembre lanceremo il Kickstarter esclusivo al pubblico italiano: una scommessa su cui stiamo puntando stretch goal, manuali e oggettistica che vanno dal classico schermo del Dungeon Master a vere e proprie chicche... Se ti va di saperne di più visita il nostro blog, pagina facebook e canale twitch (o scrivi qui, se l'ambientazione ti incuriosisce).  
    • By Republic
      Salve, non sapevo dove mettere questa discussione.
      Ho cercato a lungo su internet e su questo forum ma non ho trovato quello che cercavo.
      Cè qualcuno che ha una mappa del mulhorand in cui magari viene indicato (ad esempio) dovè la valle fertile? 
       
       
    • By Pippomaster92
      Long story short: da un annetto sto procedendo con la creazione di un'ambientazione. Non è la prima volta che lo faccio, non sarà l'ultima (temo). 
      Ho cominciato dal medio-piccolo: un continente un po' più piccolo dell'Europa. Clima mitteleuropeo con un nord gelido e un sud mediterraneo. Tutto tranquillo. 
      Ora però sto espandendomi oltre al continente conosciuto per cominciare a tirare le fila del resto del mondo. Ho stabilito che
      Si tratta di un pianeta-geoide pressappoco della stessa dimensione della Terra. Orbita attorno ad una stella molto simile al nostro sole. Impiega 360 giorni esatti a compiere una rivoluzione attorno al sole. La durata del giorno è di 24 ore esatte.  Ha una luna un poco più grande della nostra ma un poco più distante (cifre irrisorie). Il mese lunare è esattamente di 36 giorni, e dunque ci sono 10 mesi. Le esamane sono appunto di sei giorni.  La luna è abitata e ha una sua atmosfera, ma per ora non ci riguarda. 
      Stavo passando oltre e cominciando a disegnare una bozza di mappa del globo, quando sono stato fulminato da questo video.
      E mi sono detto... Perché no? Perché il nostro bel mondo non dovrebbe avere un'inclinazione dell'asse superiore ai 54°?
      Dato che la sanità mentale mi è uscita dalle orecchie molto tempo fa, invece di accantonare l'idea come una cavolata ho deciso di fare un tentativo. 
      Ora, la mia idea è che il continente che per ora ho tratteggiato (e dove giocano i miei giocatori, tra l'altro, da sei mesi) non sia effettivamente "al posto dell'Europa" sopra l'equivalente del tropico di quel mondo. No, si trova sotto l'equatore, ed è per questo che il freddo è comunque al nord: perché l'asse, inclinato di 54°, fa sì che l'equatore sia congelata per buona parte dell'anno, e che un polo sia un deserto torrido per metà anno e un deserto gelido per l'altro. Nel mezzo, però, c'è sicuramente abbastanza spazio per metterci delle terre temperate.
      Specialmente se con un oculata gestione delle correnti oceaniche riesco a smorzare il contrasto di temperature. 
      Ovviamente ci sono dei problemi, che devo capire come risolvere. Ho molto più interessi che competenze nel campo scientifico...
      Per ora ho alcuni dubbi:
      Per avere una zona abitabile non polare (e per polare intendo a livello di irradiamento solare, non temperature), quanto deve essere inclinato l'asse, e quanto deve essere grande il pianeta? Le stagioni come vengono stravolte? Per ora ho gestito il passaggio delle stagioni come qualcosa di molto preciso, e vorrei mantenerlo. Posso sempre dire che sono gli dei a mantenere tutto in ordine, e perché no: è il loro ruolo. Ma vorrei restare abbastanza verosimile. Vorrei evitare di chiamare in causa la magia per giustificare ogni cosa.  A livello di alba e tramonto, come vengono percepiti da chi si trova su un pianeta così inclinato? Sostanzialmente ho difficoltà a figurarmi in senso pratico tutte queste caratteristiche quotidiane. Se poi il tutto diventa assolutamente inconciliabile con un mondo simil-terra abbandonerò l'idea. Ma se mi dovesse riuscire di incastrare questa peculiarità nel mio mondo... sarebbe fantastico. 
      C'è qualche anima pia che conosce abbastanza l'astronomia da darmi una mano?
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.