Jump to content

Le cripte di Strahd [TDG]


DarkSight
 Share

Recommended Posts

 

1.jpg

Dopo una lunga giornata di viaggio, stanchi vi accampate. Attorno al fuoco, la fatica e il freddo si stemperano e si sciolgono, rendendovi più gioviali. 

Condividete questo momento, dopotutto il viaggio per la vostra meta è ancora lungo.

Qualche chiacchiera prima di dormire e cominciate i vostri turni di guardia per mantenere anche il fuoco acceso.Le ore trascorrono mentre qualcosa di strano sopraggiunge. 

La foresta è quieta questa notte, e nell'aria aumenta il freddo. Il fuoco scoppietta mentre una nebbia si addensa attorno ai bordi del tuo campo, crescendo mano mano che la notte avanza.

 

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

1936843-bigthumbnail.jpg

Al mattino la nebbia è spessa quasi da poterla letteralmente tagliare con un coltello.

La notte è stata ristoratrice.

Gli alberi attorno sembrano grigi fantasmi.

Vi accorgete che non sono gli stessi alberi che avevate attorno la notte precedente.

Il fuoco sembra lentamente spegnersi come esausto.

Vi preparate per ripartire, consumate una parca colazione e riprendete a camminare.. Davanti a voi si dipana uno sentiero di ciottolato in buono stato. 

Spoiler

Si comincia :D

 

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 59
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Albam Disarter
@Tutti - Descrizione e immagine

Spoiler

Albam Disarter è un ragazzo di 26 anni. Pesa 70 kg ed è alto circa 1,76 m ed ha occhi azzurri e capelli neri e giusto un filo di barba sul mento. Indossa un'armatura in cuio borchiato alla cui cintola porta uno stocco e sulla quale ha un mantello con cappuccio color marrone chiaro. Porta con sé sempre uno zaino nella quale ha vari strumenti alchemici e in una delle tasche laterali è presente una borsa con vari arnesi da scasso che utilizza per occuparsi di eventuali trappole. Devoto all'Eroe Ubriaco ama investigare, imparare cose nuove e ogni tanto non disdegna bere un po' di birra o liquore in compagnia magari durante una conversazione di buon livello.
39bbd4032584b561ab74f010e880407e--fantas

La notte tutto sommato è passata abbastanza tranquilla nonostante sia stata molto nebbiosa. Anche il mio turno di guardia non ha rivelato minacce, al più ho visto addensarsi la nebbia sempre di più ma null'altro... Al nostro risveglio però qualcosa sembra cambiato, gli alberi infatti sembrano diversi rispetto a quelli del luogo in cui ci siamo accampati, ma non sono certo del se sia effettivamente così oppure sia soltanto una mia impressione. Dopo aver fatto colazione ed essermi risistemato il cappuccio del manello sopra la testa, poiché mi piace indossarlo mentre non sono in zone urbane, anche perché protegge abbastanza bene dal vento, prima di cominciare a marciare verso il sentiero di ciottoli che ci si presenta davanti inizio a toccarmi il mento pensieroso e dico agli altri "Da quando mi sono risvegliato questa mattina ho il sentore che gli alberi siano cambiati rispetto a quelli presenti nel luogo nel quale ieri sera ci eravamo accampati. Si tratta solamente di una mia impressione dovuta alla presenza di questa fitta nebbia oppure anche a voi sembra che le cose siano cambiate e ci sia effettivamente qualcosa di diverso?"

Link to comment
Share on other sites

Lelei La Lelena

Spoiler

Lelei è una giovane mezz'elfa poco più che ventenne, cadetta delle guardie è abbastanza alta, 1.75, e i continui allenamenti a cui si è sottoposta per poter entrare nelle guardie le hanno dato un corpo tutt'altro che esile, pur rimanendo notevolmente agile. Ha capelli color argento corti sulla fronte ma terminanti in una lunga coda, gli occhi le derivano dal padre elfo e sono verdi come la foresta. Indossa un'armatura a scaglie al fianco porta una spada lunga, mentre sulla schiena ha sistemato il suo brandistocco e lo scudo.

Lelei La Lelena

Notte tranquilla, viaggio tranquillo. Ed ora la nebbia. Ci siamo accampati per la notte in una sera quasi limpida ed ora ci risvegliamo immersi nella nebbia, senza quasi nemmeno capire dove ci troviamo. E la nebbia rende tutto così diverso.

Albam ha l'impressione che sia addirittura un posto diverso.

In effetti. Però la nebbia come la notte possono rendere estranei paesaggi noti. Forse è solo un'effetto della nebbia così fitta.

Sono ancora assonnata, e non riesco molto a concentrarmi, inoltre quando ci siamo fermati ero stanco e non ho dato molta importanza né attenzione all'ambiente circostante

 

Link to comment
Share on other sites

Rugris Redsun

Spoiler

Rugris è un giovane uomo alto e ben piazzato, con capelli castani e occhi blu. Ha una cicatrice verticale sull'occhio destro, come se fosse stato artigliato da qualcosa, e trasuda un'aria severa e marziale. Indossa una corazza di scaglie con i simboli di Iomedae, e porta alla cintura una spada lunga dorata, che custodisce gelosamente.

Rugris Redsun

"Anch'io noto qualcosa di diverso." dico, stringendo l'elsa della mia spada. 

Il viaggio fin'ora è stato tranquillo, ma il pericolo attende sempre i viaggiatori incauti : sempre meglio muoversi con attenzione e non incappare in problemi, che correre dritti verso la propria morte, o almeno così mi avevano insegnato i miei maestri. 

"Ho un brutto presentimento, state in guardia."

Edited by Slamurai2
Link to comment
Share on other sites

Falkas Gellantara

@ Tutti - Descrizione

Spoiler

Falkas è un mezz'elfo di 25 anni, alto 1,80 metri. Figlio di un noto mercante umano caduto in disgrazia, ha passato gran parte della sua gioventù insieme a un gruppo di artisti circensi dopo essere scappato di casa. Presso di loro ha imparato le arti magiche insieme a quelle del combattimento non tanto per inscenare spettacoli, quanto più per lavorare come guardia e tuttofare. Non possiede molti tratti distintivi del sangue elfico, le orecchie leggermente appuntite e il fisico asciutto sono le uniche caratteristiche subito evidenti.

Indossa un'armatura di pelle borchiata con sopra un cappotto pesante di colore bianco. Va sempre in giro con uno zaino molto grande coi cui trasporta tutti i suoi averi e un bastone che usa anche in combattimento.

Falkas Gellantara

Mi sveglio un po' indolenzito per il freddo umido mattutino, la nebbia è ancora molto fitta e i ceppi del fuoco si stanno spegnendo ormai inumiditi. Mi stiracchio e faccio qualche esercizio ginnico prima di sedermi con la schiena contro un albero. Mangio una colazione frugale, insaporita con un incantesimo di Prestidigitazione mentre studio il mio libro di incantesimi per incanalare al meglio il mio potere magico.

"Ho sentito molte storie dagli uomini del nord mentre ero in viaggio con il circo. Molti di loro sostenevano che la nebbia potesse modificare i paesaggi e nascondere percorsi prima visibili. Secondo me davano troppo peso alla loro immaginazione. Questa nebbia tuttavia ha un qualcosa di soprannaturale, non mi piace."

Il mio normale buon umore questa mattina cede il posto alla prudenza.

 

Link to comment
Share on other sites

Lelei La Lelena

Le parole dei miei compagni mi mettono un po' di ansia e agitazione.

Rapidamente preparo lo zaino e lo metto in spalla.

Seguendo il consiglio di Rugris invece di mettermi lo scudo in spalla per il viaggio preferisco metterlo al braccio, assicurando allo zaino solo il brandistocco. La mano libera la posiziono sull'elsa della spada pronta a sguainarla.

Per prudenza faccio un piccolo giro del nostro perimetro per osservare meglio le piante e questa strada acciottolata.

Spoiler

Percezione +3

Survival +10

 

Link to comment
Share on other sites

Spoiler

questa era l'immagine del post precedente che non so perchè non ha recepito
 1936843-bigthumbnail.jpg.b6e0e7a473ce8e2dd3b55976d257505a.jpg

city.thumb.jpg.f9c2098a3e55bdaa20e523a72b3e09b7.jpg

 

 

 

 

La strada di ghiaia conduce ad un villaggio dalle case alte e nere simile pietre tombali. Attorno a queste dimore solenni sono presenti una manciata di negozi chiusi. Anche la taverna è serrata. Un leggerissimo piagnisteo vi attirai verso una coppia di bambini in piedi in mezzo ad un'altra strada inanimata.

 

Link to comment
Share on other sites

Tutti - immagine di Albam

Spoiler

Poiché non l'ha fatta vedere nel post precedente, ecco l'immagine di Albam in forma di link
Albam Disarter

Alla fine della strada ci ritroviamo in un villaggio dall'aspetto abbastanza tetro. Il fatto che i negozi siano chiusi, o forse addirittura barricati poiché la taverna stessa sembra serrata non mi lascia ben presagire, come sul tutto aleggiasse un'aura di minaccia e terrore... "Certo che questo luogo è decisamente tetro... E l'architettura sicuramente non è delle più amene poiché ricorda delle pietre tombali. Per quanto riguarda gli edifici, mi chiedo se siano chiusi o proprio barricati come per tutelarsi da qualche minaccia... In genere è decisamente insolito trovare una taverna chiusa poiché accolgono viandanti desiderosi di pernottare a quasi qualsiasi ora del giorno..." Non faccio in tempo a finire di parlare che comincio a sentire il pianto di due bambini, forse spaventati, al centro di una strada e, sebbene il luogo in cui troviamo mi induca alla prudenza, non riesco a resistere al vederli piangere in quanto, anche per via della mia educazione da caydenita e del fatto dell'essere stato un orfano ho sempre avuto molto a cuore i bambini, pertanto prendo l'iniziativa e cerco di avvicinarmi agli stessi, non prima però di essermi abbassato il cappuccio poiché vedendo una figura incappucciata avvicinarsi a loro potrebbero spaventarsi ancora di più...
Una volta che mi sono abbassato il cappuccio così che il mio viso risulti di nuovo ben visibile, mi avvicino a loro rimanendo vigile per vedere se percepisco eventuali pericoli. Poi dopo essermi avvicinato abbastanza, cerco di fare mio un tono quanto più rasserenante possibile e dico loro, cercando di non spaventarli, per cercare di ottenere qualche informazione che mi sia utile per qualche investigazione futura e qualche utile indizio per sapere in quale misteriosa meta siamo giunti "Cosa fate qui da soli a quest'ora? Queste strade non lasciano ben presagire e sarebbe decisamente meglio se tornaste a casa al sicuro dai vostri genitori... Ma soprattutto cosa vi ha indotto al pianto? Vi è forse accaduto qualcosa? Non temete, se così fosse cercherò di dare una mano poiché davvero non mi piace vedere dei bambini tristi. Asciugatevi le lacrime e se volete, raccontate e vedrò come posso aiutarvi. Inoltre sapreste dirmi che città è questa? Sono appena arrivato e non ho ancora avuto modo di informarmi bene..." e nel mentre cerco almeno di abbozzare un sorriso sperando almeno in una risposta mentre provo a valutare anche il loro stato emozionale.

Dungeon Master

Spoiler

Mentre mi avvicino ai bambini rimango in allerta per vedere se percepisco tracce di pericoli (Percezione +4)
Se rispondono alle mie domande, da bravo investigatore analizzo i loro atteggiamenti mentre lo fanno per vedere se il loro corpo, il loro tono di voce o qualche altro segnale mi lascia intendere che dietro le loro parole ci sia qualcosa di più oltre ciò che vogliono far lasciare intendere, magari anche non consciamente e volontariamente nascosto (Intuizione +4) Inoltre non so se sia possibile farlo, da cui qui mi affido al tuo giudizio, ma provo anche a valutarne lo stato emozionale (magari sempre utilizzando Intuizione +4) sebbene, come già detto, per questa specifica parte della richiesta mi affido al tuo giudizio perché non so se rientri nei limiti delle possibilità della skill o vada oltre ciò che essa permette di discernere.
Se rispondono alla mia domanda sulla città rivelandomi il nome della stessa provo a passare in rassegna le mie conoscenze per vedere se ne so qualcosa in più o, almeno, ne ho sentito parlare (Conoscenze(locali) +8)


 

Link to comment
Share on other sites

Lelei La Lelena

Giungiamo infine in un luogo ancora più tetro del bosco in cui c'eravamo fermati.

L'aria immobile, le case chiuse, forse abbandonate, i colori predominanti, tutta ha un che di cupo e triste. Non malvagio, ma tetro, come se ci fosse una maledizione o una qualche sciagura fosse appena passata.

Il silenzio è rotto dal pianto di alcuni bambini. Albam gli va subito incontro cercando d'essere gentile, forse gli posso essere d'aiuto. Dal mio zaino prendo una razione di cibo. E tenendola bene incartata mi affianco ad Albam lasciandogli finire le sue domande. Poi porgo il pacchetto ai bambini.

Non abbiate paura. Tenete, se avete fame potete mangiare questo. Poi, se volete ne ho dell'altro, ho anche un po' d'acqua al caso. Dico rivolgendomi ai bambini e sorridendo loro.

Link to comment
Share on other sites

Rugris Redsun

Vedendo in lontananza i bambini, mi avvicino con cautela : dopotutto siamo circondati da case abbandonate, e tutto sembra tetro e inquietante, e sembra il luogo perfetto per un'imboscata.

Arrivato dai bambini però mi prodigo per soccorerli al meglio delle mie possibilità. "Bambini, cosa ci fate qui fuori? Avete bisogno di assistenza? Dove sono i vostri genitori?"

Link to comment
Share on other sites

Falkas Gellantara

Mi fermo in mezzo alla strada ad osservare le case e gli altri edifici in cerca di una qualche attività. L'atmosfera tetra e l'aria umida del mattino fanno sembrare il posto ancora più freddo di quanto non sia già.

Quando i miei compagni decidono di avvicinarsi ai bambini io resto invece qualche istante ancora sulla strada per poi seguirli. Mi fermo all'inizio del vicolo per guardare le spalle al gruppo e stringo la presa sul bastone che uso normalmente anche per camminare.

Spoiler

Perception +6 per trovare segni di attività nelle strade oltre al pianto dei bambini.

@tutti

Spoiler

Mi dispiace per l'attesa, mi sono accorto solo oggi del fatto che il sito non abbia salvato per nulla la mia risposta di giovedì scorso. Mi stavo infatti chiedendo come mai non stessimo andando avanti. :cry:

 

Link to comment
Share on other sites

272rosethorn.jpg.14173f74497357eeae2670869d9465da.jpg 

 

 

 

Due bambini, fra i sei e i dieci anni, il viso è pallido, come se non vedesse il sole da anni. Gli abiti sono particolari, diversi dalla moda alla quale siete abituati a vedere, hanno un aspetto ordinato e pregiato, quasi nobiliare. 

 

 

 

 

La ragazzina, dopo aver rassicurato il piccolo ometto singhiozzante, si gira verso di voi e dice preoccupata:

"C'è un mostro nella nostra casa!".

Quindi punta il dito ad un'alta casa di mattoni che ha visto giorni migliori. Le sue finestre sono scure.
Ha un ingresso ad arco al piano terra e il cancello arrugginito è leggermente aperto.
Le case su entrambi i lati sono abbandonate e le loro porte e finestre inchiodate da assi di legno.

Sembrano un pò sconvolti e non rispondono alla tempesta di domande alla quale li avete sottoposti. Si stringono l'un l'altro impauriti.

@Falkas

Non vedi nulla per la strada, tutto sembra silenzioso, immobile, come vittima di qualche sortilegio che ferma il tempo.
Link to comment
Share on other sites

Lelei La Lelena

I bambini si calmano ed ora che li vedo bene c'è qualcosa nel loro aspetto complessivo che mi disturba, come se ci fosse qualcosa di sbagliato, qualcosa che non dovrebbe esserci ma che in loro pare ovvio e normale. Pur cercando di mantenere il sorriso sul viso faccio un passo indietro.

Alla parola "mostro" volto di scatto la testa verso quella che indicano come la loro casa.

Una casa di mattoni con le finestre buie, un cancello dismesso, e le case attorno visibilmente abbandonate. 

Voi abitate li? Domando incredula riportando la mia attenzione sui due bambini. I vostri genitori sono dentro?

 

Link to comment
Share on other sites

Albam Disarter
I bambini alla fine aggirano le mie domande ma replicano dicendo che un mostro ha invaso la loro casa. Mi rivolgo ai miei compagni e dico "Bene, molto bene. A quanto pare ci si è parato dinanzi un mistero da risolvere e in me si è accesa forte la scintilla della curiosità. L'aspetto del luogo non è dei migliori, certamente se rapportato al fatto che le due case adiacenti sono abbandonate, però questo non fa altro che amplificare il mio interesse nel visitarlo. Almeno per quanto mi riguarda, sarei per investigare, se a voi non dispiace e proprio per questa ragione inizio a preparare qualcosa che potrebbe tornarmi utile."
Mentre attendo che i miei compagni decidano sul da farsi, estraggo dallo zaino i miei strumenti per preparare gli estratti e il mio libro delle formule. Dopo aver aperto il libro alla pagina che mi interessa, leggo la formula scritta sopra di essa, prendo gli strumenti e comincio a mescolare i reagenti necessari per creare l'estratto che si può ricavare dalla stessa.

Dungeon Master

Spoiler

Mentre attendo che i miei compagni scelgano se esplorare o meno, io impiego questo tempo per preparare uno dei miei estratti. In questo caso preparo una dose dell'estratto Consapevolezza Intensificata. Tuttavia, non la consumo immediatamente e la tengo pronta per l'uso qualora inizieremo ad esplorare la casa. L'operazione di preparazione dell'estratto richiede un minuto di lavoro, anche se non penso che in questa specifica situazione il tempo necessario per svolgere la stessa sia un problema.

 

Link to comment
Share on other sites

Rugris Redsun

Alla risposta dei bambini il mio cuore si riempie dapprima di tristezza : quale vile bestia potrebbe mai attaccare una famiglia di poveri innocenti nella loro stessa casa? Ma subito dopo si accende dentro di me un giusto furore, e il mio obiettivo torna chiaro : a prescindere da dove mi trovi, devo portare la luce dell'Erede, e sgominare il male ovunque si nasconda.

Rispondo quindi infervorato ai bambini "Non temete! Vi proteggeró e sgomineró il mostro. Ma mi serve il vostro aiuto : dovete dirmi dive si nasconde, e se c'è qualcun altro in casa."

Link to comment
Share on other sites

Falkas

Non vedo segni di vita da nessuna parte, il silenzio è interrotto solo dalle parole dei bambini e dei compagni. Li raggiungo e mi avvicino all'entrata indicata dai bambini.

"È questa? So che siete impauriti, ma sapreste descriverci il mostro?" Chiedo con tono gentile ai bambini, mentre creo un piccolo giocattolo di legno con un incantesimo di Prestidigitazione.

Link to comment
Share on other sites

Lelei La Lelena

Rugris non si smentisce e parte già all'assalto.

Sguaino la spada con fare teatrale.

La mia spada è al vostro servizio.

Mi avvicino al cancello della casa per osservare meglio il giardino, le finestre e tutto l'insieme della struttura per capire quanto possa essere grande l'interno, se possa avere dei sotterranei o se c'è qualcosa di anomalo.

Spoiler

Percezione  +3,  ingegneria +3

 

Link to comment
Share on other sites

Il bimbo più piccolo fa spallucce  e si stringe al fianco della ragazza, ignorando il giocattolo. Lei invece annuisce, "Non sappiamo che aspetto abbia... abbiamo sentito soltanto gli ululati terrificanti.." 

poi respira e continua, " I nostri genitori han detto di non scendere nello scantinato.. che è lì il mostro." 

Si stringono l'un l'altro tremando come se avessero appena udito qualcosa che li ha scossi. Non sembrano intenzionati a muoversi dal di lì. 59fb35de87ff6_casa(2).jpg.332aabe35b4fff6f7a66ef1cbab51714.jpg

Albam rimane qualche minuto in disparte per poi raggiungervi.

Rugris e LeLei si avviano alla casa mentre Falkas rimane accanto ai bambini. Avvicinandovi alla casa, notate la sua imponenza, in pietra scura e con almeno 3 piani. Un cancello in ferro con i cardini da una parte ed una serratura dall'altra occupa interamente l'arcata di ingresso. E' leggermente scostato.

@Lelei

Spoiler

Visto l'imponenza è probabile ci siano cantine di accesso interno, ma dalla struttura non hai alcun indizio della loro effettiva esistenza

 

Mentre incedete e vi guardate attorno, una fitta nebbia si addensa alla vostre spalle, come a chiudersi attorno a voi..lentamente.

Edited by DarkSight
Link to comment
Share on other sites

Albam Disarter
Dopo aver terminato la preparazione del mio estratto mi ricongiungo agli altri nei pressi della struttura, la quale si rivela estremamente imponente. Dinanzi a noi è presente un cancello in ferro in parte scostato, vedendolo non posso che dire "Beh, il fatto che sia aperto ci semplificherà le cose, ma se così non fosse stato, avrei potuto comunque aprirlo a modo mio... Difficilmente un bravo investigatore si lascia tagliare fuori da una scena che deve analizzare." e nel dirlo tocco la tasca dello zaino che contiene l'astuccio con i miei attrezzi da scasso... Mentre parlo la nebbia all'improvviso comincia a chiudersi attorno a noi celando tutto ciò che si cela alle nostre spalle. "Che questo strano fenomeno e il fatto che il cancello sia aperto siano un palese invito ad entrare in casa a cercare la creatura? Forse sarebbe meglio non lasciarsi attendere, ma meglio mostrare cautela... Non vorrei che tutto questo fosse solo l'inizio di un'accorta trappola... E a proposito di trappole, data la bizzarria che si è appena verificata, prima di aprire del tutto cancello il cancello per varcarne la soglia preferirei dare un'occhiata, non si sa mai... Meglio mostrare prudenza e penso che su questo converrete con me." Rimanendo in allerta per eventuali pericoli comincio a scandagliare il cancello e i dintorni poiché non vorrei nascondossero sorprese inaspettate.

Dungeon Master

Spoiler

Passo in rassegna il cancello e gli immediati intorni in cerca di dettagli rilevanti e di trappole (Percezione +4; +5 invece per notare la presenza di eventuali trappole per via di Scoprire Trappole)
Se individuo eventuali trappole estraggo l'astuccio con gli strumenti dalla tasca del mio zaino e comincio ad armeggiarci per disinnescarle (Disattivare Congegni +8)

 

Link to comment
Share on other sites

Lelei La Lelena

Io e Rugris ci avviciniamo alla casa, pur avendo visto giorni migliori è comunque imponente.

Appena ci avviciniamo una fitta nebbia inizia a levarsi alle nostre spalle.

La mia mano si stringe sull'elsa della spada, involontariamente deglutisco, lo strano silenzio che per un attimo si crea nel momento in cui Albam smette di armeggiare con la sua attrezzatura viene poi rotto dalle sue parole.

Più che un invita a entrare commento mi sembra che ci obblighi a farlo chiudendoci ogni altra via.

Mi avvicino al cancello e lo tocco leggermente. Non voglio entrare, ma solo avvicinarmi ad esso, nel frattempo continuo ad osservare il vialetto che porta alla casa e il giardino circostante.

Come ci disponiamo?

Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.