Vai al contenuto

DarkSight

Circolo degli Antichi
  • Conteggio contenuto

    2.821
  • Registrato

  • Ultima attività

  • Giorni vinti

    1

DarkSight ha vinto il 8 Febbraio 2012

I contenuti di DarkSight hanno ricevuto più mi piace di tutti!

Informazioni su DarkSight

  • Rango
    Maestro
  • Compleanno 17/06/1985

Informazioni Profilo

  • Località
    Bologna
  • GdR preferiti
    D&D. Pathfinder. Mage

Visitatori recenti del profilo

Il blocco visitatori recenti è disabilitato e non viene visualizzato dagli altri utenti.

  1. Nicolas Flamel. Annuisco al piano di Thali, benchè mi sembra di non avere molte possibilità di rifiutare.. ...Questo ci porterà sventura... Rimando alla mente le parole per la magia.. ripeto mentalmente come un mantra, le parole arcane che con fatica e sudore sono state apprese; mi appoggio pesantemente al bastone, che illumina l'area circostante. Resto in guardia, vigile, sperando di non attrarre nulla ne dolore. L'azione di Thali è troppo veloce per essere interrotta, non appena quella creatura orribile compare stringo ancora più saldamente il bastone e lascio fluire le parole magiche, i movimenti delle mani e concludo con, Diffindo, ad alta voce. ..Non moriremo oggi..
  2. Nicolas Flamel Aiuto con cautela Thali a liberarsi..utilizzando una delle asce. Una volta libero mi guardo attorno. Sembra troppo complicato far cadere la tela... "Celeborn come possiam evitare che il nano diventi la mosca di questo ragno?"
  3. Nicolas Flamel Mantenendo calma e sangue freddo.. tremante e con il viso che sembra una maschera di terrore, pallido e sudato. Recupero una delle asce degli orchi che ho raccolto e cerco di aiutare Thali a liberarsi.. "Una lama dovrebbe tagliare facilmente una tela.." dico fra me e me. Poi guardando avanti, fin dove la luce illumina.. Vedo il nano cacciarsi in mezzo ai guai.. sembra proprio dentro la tela di un ragno.. il che non mi stupisce visto quello che è successo prima... con lo sguardo cerco i punti in cui la tela è fissata, l'idea è di usare qualcosa di tagliente... o eventualmente un dardo di luce.
  4. Nicolas Flamel Mi appoggio su Thali, e annuisco. "Fate attenzione! Possiamo procedere ma con cautela... noi restiamo nelle retrovie.. voi andate avanti." La luce tremula del bastone, illumina come una torcia avanti a noi senza però fare fumo o particolari odori. Non faccio tempo a finire la frase che già un nemico si para davanti. Sicuramente il nano non vedeva l'ora.. spero che la sua sete di sangue non lo porti alla rovina. Mi appoggio sul bastone, lasciando Thali libero di agire. "Vai se devi.." e osservo la scena del combattimento in disparte. Respiro profondamente e lascio che l'aria, il fresco e la natura mi penetrino profondamente e rilassino la mia mente.. preda della paura del non riuscire a sopravvivere. Qualora vedessi i miei compagni in difficoltà, sono pronto a riutilizzare la magia.. Ogni causa crea un effetto, e una conseguenza.. e io sono pronto ad accettarla per il bene più grande. Guardo il lupo.. sembra veramente a suo agio in questo ambiente. Chissà quale è il suo passato.. sarebbe bello approfondire le nostre conoscenze reciproche.. solo se riusciremo a creare un rapporto di fiducia.. riusciremo a non morire... il mio sguardo si sofferma qualche attimo, come se il suo pelo in qualche maniera mi desse la sensazione di calma, pace e di casa. Il pensiero torna un attimo a Gellert, mio fratello.. Chissà come sta a casa.. Ricaccio i pensieri e svuoto la mente, cercando di rimanere concentrato sul presente e non sul passato o sul futuro! ...Non morirò oggi..
  5. scusate ho avuto qualche giorno di trambusto e non sono riuscito ad avvisare.. leggo il topic e ci sono!
  6. Nicolas Flamel Mi appoggio e respiro profondamente, "Grazie." riuscire ad avere un pò di supporto mi permette di proseguire, magari ce l'avrei fatta anche da solo.. ma almeno ho compreso su chi posso contare. Sorrido, un sorriso un pò ebete sulla faccia, mentre cammino cercando di evitare di mettere peso sulla gamba ferita. ... non morirò oggi.. "Dove pensiamo di fermarci? o Vogliamo inseguire qualcosa in mezzo al bosco? Il sole sta solcando il cielo verso la fine del suo viaggio..." concludo un pò preoccupato.
  7. Nicolas Flamel Debole, mi siedo al suolo, "Ragazzi non so se ve ne siete accorti.. ma non posso continuare nella caccia, ho bisogno di un pò di riposo. Un ragno o un serpente mi ha morso..." il volto sudato, è una smorfia di dolore. Con un fazzoletto cerco di fare una benda attorno al morso. non morirò oggi.. Cerco con lo sguardo, gli occhi degli altri. Non si sono accorti di nulla.. Fortuna che avevo con me l'antitossina, guardo nella borsa, solo altre due. sospiro. Ringrazio il mio maestro, e le sue nozioni su veleni e su come sopravvivere. Il pensiero poi va ad Amelia, l'erborista. E' lei che mi ha regalato queste tre fiale. Che dolce Amelia.. forse.. avrei potuto anche amarla.. ma non credo che lei avrebbe potuto amare me. Una lacrima mi scorre mentre chiudo la borsa. Cerco di mandare a mente quello che conosco su veleni e simili..e su come agisce l'antitossina.. forse se almeno sapessi che animale mi ha morso..
  8. Nicolas Flamel “no..” con voce secca decisa ferma mentre debolmente cerco di resistere dallo svenire.. “qualsiasi cosa mi abbia morso.. ha morso anche gli orchi.. e non vorrei fare la stessa fine...” mentre gocce di sudore imperlano la fronte del giovane. con occhi sbarrati guardo gli altri miei compagni ... non ho molto tempo.. potrebbe essere un veleno.. estraggo un antitossina dalla borsa e la trangugio.
  9. Nicolas Flamel nemmeno il tempo per esultare del risultato che ... "Ah la mia gamba!" mentre mi accascio istintivamente per preservarmi. Non guardo verso il bosco, la mia attenzione è verso la gamba ferita. Stringo i denti, e attendo.. scopro con coraggio la gamba, è arrossata e pulsante. ...non morirò oggi..
  10. mi potete definire cos'è sta fiction .. perchè sul manuale sta parola non viene usata/ definita
  11. Nicolas Flamel. ...Non morirò oggi.. Soddisfatto scaglio l'incantesimo appena completato, centrando l'orso e dando qualche secondo a Thali di reagire nella posizione di svantaggio... ma forse non è andato tutto come pensavo. L'adrenalina è ancora pulsante, sono pronto.. pronto a reagire a qualsiasi cosa!
  12. Nicolas Flamel "Che ca.." esclamo mentre soffio sulla mano arroventata dopo aver fatto cadere il ciondolo trovato nel corpo di uno degli orchi... e mentre mi appresto a seguire l'oggetto per recuperarlo, questa volta facendo più attenzione utilizzando un fazzoletto.. un orso appare dal bosco. Aggressivo, pronto a difendersi... Questa giornata sembra che dovrà concludersi in qualche maniera... con il sangue... un pensiero amaro, mi scorre nella mente, e si palesa negli occhi cerulei e nel viso con una smorfia di tristezza, con il ricordo degli ultimi istanti di mia madre. Ricaccio questi pensieri, decido che non è tempo di stare a pensare, ne di lasciare i miei compagni in difficoltà, prima che la difficoltà mi sovrasti. L'adrenalina mi pulsa, forte come se dovessi preservare la mia stessa vita, tutti i sensi sono pronti, tutti muscoli reattivi. Decido di sfruttare la posizione lontana per agire indisturbato. Meticolosamente formo con le dita un triangolo, poi un quadrato ed infine il gesto di scagliare qualcosa come un sasso dalle mani, pronunciando le parole, Diffindo.
  13. Nicolas Flamel, incantatore mago umano Le parole dell'elfo mi scuotono. Bonfonchio, un pò indispettito, una leggera rabbia più verso me che verso la persona, "Ho un nome, elfo." annuisco poi alla richiesta. Sospirando e mestamente mi avvicino, facendo luce con il bastone da passeggio, davanti a me. Mi avvicino ai corpi, facendomi forza, e ripetendomi ..Non morirò oggi.. Li esamino, raccolgo ogni oggetto utile, che siano armi o altro e utilizzo il mio zaino come contenitore. Colgo l'occasione anche per esaminare i corpi, il loro stato, e ciò che possa eventualmente averli uccisi. ripenso ancora alle impressioni del nano, c'è qualcosa che non è chiaro, che è sospeso, che lo riguarda direttamente e che mi inquieta. Il suo impeto sarà da controllare anche perchè... non posso rimetterci le penne al posto suo!
  14. DarkSight

    L'Isola - Gioco

    Caino Cerco con lo sguardo qualcosa di simile ad un arco o ad una balestra... o ancora meglio una ballista. Bastoni o cose del genere? Olio? Sono a corto di idee e di materiale! Mi fermo un attimo e cerco di ritrovare la connessione con la mia divinità. La invoco, chiedo la sua protezione e la sua guida, "Erastil divino! guidami in questo momento di pericolo, dammi un segno, forniscimi la tua saggezza e perizia ineguagliabile. "
  15. Nicolas Flamel Ma che fortuna, pensai, non appena arrivato in città ebbi già la possibilità di aggiungermi ad un mercante e altri avventurieri, Avrei viaggiato, protetto, avrei avuto modo di conoscere altre persone, magari altri maghi, scoprire nuovi artefatti... e il tutto anche con un compenso! Con occhi sognanti, e armato di ogni buon proposito, ho seguito il carro del mercante. Mi aveva accennato al fatto di recuperare un medaglione e che ci sarebbe stato un po' da camminare. Non avrei mai immaginato una marcia estenuante, bagnato, e in mezzo a tutta questa foresta. Quando avevo pensato ad avventure eroiche e la scoperta di grandi tesori e potenti artefatti.. non avevo propriamente considerato che fosse necessario fare una marcia cosi faticosa. Per proteggermi dall'acqua, ho tirato su la cappa.. ma è servita a ben poco, ben presto ero zuppo, tremante e infreddolito. Ripetevo come un mantra, per farmi coraggio, le formule che avevo appreso, sia mai che servissero, di tanto in tanto anche a voce sussurrata, servus, lumus, detecto, desilludus, percellis. Durante il viaggio, ho osservato con cura e dovizia ogni compagno, cercando di capire che armi, che armature, e quali specifiche abilità abbiano. Mi soffermo in particolare modo sul nano. Quando la marcia si interrompe, attendo, rimanendo in ascolto dell'ambiente circostante. Quando noto che si tratta di corpi, inizialmente fremo, la paura.. qualcosa di forte, profondo, viscerale.. Respira.. non sei tu quello morto.. non morirai oggi.. resto per qualche momento quasi paralizzato, mentre in testa mi ripeto le parole, non morirai oggi..
×

Informazioni Importanti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Ulteriori Informazioni.