Jump to content

Campagna epica in costruzione


Guest Aurelio90
 Share

Recommended Posts

Guest Aurelio90

Salve salvino vicini :D

L'estate sta arrivando (non l'inverno), e sono riuscito a liberarmi dai miei impegni universitari. Io e il gruppo di D&D con cui gioco come PG.

Il GM del mio gruppo, dopo più di un anno di campagna, ha deciso quest'estate di inserirsi nel gruppo come PG. Io mi sono quindi proposto di fare da master: inizialmente per una campagna di Pathfinder (per provare Rise of the Runelords), ma poi ho cambiato idea e metà del gruppo è concorde nel farmi fare una campagna epica.

Ora: MAI fatto PG o campagne epiche, nè sul tavolo nè sui forum. La cosa mi stuzzica molto ma, per contro, sto andando un pò nel panico: sono abituato ad avventure toste e png powerissimi, ma sempre nell'ambito da 1°-20°. Ovviamente sto consultando i vari manuali da D&D, e sto avendo qualche idea in merito...

La campagna dovrebbe partire a metà giugno, quindi ho tipo un mese di tempo per regolarmi. Queste sono le condizioni del party:

  • Partono a livello 24
  • Budget 2 milioni di mo
  • Disponibilità manuali: qualsiasi per D&D 3.5 (e di cui, ovviamente, ne avrò l'ultima parola)
  • Applicazione di regole varianti per rendere più gestibile la campagna eccelsa prese da AR, ovvero; uso di 3d6 anzichè del d20, guarigione "lenta" (converte danni letali in danni non letali anzichè guarire del tutto), metamagia giornaliera. La soglia del danno massiccio in questa mia campagna è [Cos + (DVx2) + 10 per ogni DV superiore a 20]. Pensavo anche di applicare i modificatori variabili anzichè statici

Per quanto riguarda la campagna; anzitutto devo ancora scegliere se prendere una ambientazione ufficiale (Forgotten Realms, Plotus, Freeport ecc.) o farne una "casereccia", ma sto avendo già qualche idea per la campagna epica...

  • Una divinità nel mondo di gioco muore, devastando l'ordine sia nel mondo materiale che fra le varie divinità (e per questo userei Requiem di Monte Cook);
  • I PG vanno ad affrontare una "classica" missione (come salvare una principessa rinchiusa nella torre del drago), ma si ritrovano poi catapultati 1000 anni nel futuro, ritrovando il mondo terribilmente distordo e devastato;
  • Vecna (png eccelso e con il template dread lich) prende in antipatia i PG e vuole farli uccidere;
  • Zarus (divinità malvagia degli umani, Races of Destiny) viene sul Piano Materiale, diffondendo araldi e predicatori che inneggiano alla supremazia umana e scatenando guerre di sterminio fra i non-umani e le altre chiese;
  • Preso ispirazione da "La crociata dell'infinito" (serie Marvel): quasi tutte le creature malvagie nel Piano Materiale, improvvisamente, diventano buone, i chierici perdono i contatti con le loro divinità e alcuni PNG (epici e non) spariscono. Indagando, i PG scoprono una entità di nome Taiia (Dei e Semidei) che esercita un controllo mentale su varie creature (i PNG scomparsi, draghi, e perfino degli angeli) e che ha imprigionato le divinità in una "zona morta" dello spazio tempo. Il suo intento è l'avvento della "epifania" per purgare il male nel multivers... che è in realtà un rituale il cui compimento comporterebbe la distruzione dell'intero multiverso, dove rimarrebbe solo Taiita, l'unica che si reputa buona.
  • I PG, ebbri del loro potenziale epico, accettano l'ingaggio di uccidere un drago nella caverna. Il drago in questione, però, è un bestione con GS 34 (ben al di là della loro portata): questi, non contento di trovarsi il territorio invaso, prima li mazzola per un pò (senza ucciderli) e poi, per ripicca, va a devastare la regione spargendo morte e distruzione. Vuoi per senso di colpa, vuoi perchè magari possono essere obbligati, i PG devono cercare di far rinascere la regione.
  • Il Piano Materiale sta morendo: incendi, tempeste, inondazioni e terremoti squarciano e devastano i regni e alla fine il mondo collasserà su se stesso, almeno che non si riesca a trovare un incantesimo epico in grado di "ringiovanire" il mondo.
  • Un imperatore non-morto del Piano dell'Energia Negativa dichiara guerra al Piano Materiale, con l'intenzione di conquistare il mondo e distruggere o sottomettere tutte le creature viventi
  • Roba da "the faculty" o "invasione degli ultracorpi": ho infatti un archetipo che funge da alieno invasore, impossessandosi dei corpi altrui e moltiplicarsi in tal modo. A mano a mano, l'invasione aliena va da una città a un'altra, infettando anche i mostri... finchè l'intero mondo non verrà abitato da una singola creatura dalle molte facce.
  • Appaiono i Quattro Cavalieri dell'Apocallise (Advance Bestiary), i quali intendono portare la fine del mondo distruggendo dei sigilli che reggono la realtà e le leggi del mondo stesso.
  • Un arci-immondo riesce a imprigionare una divinità e a carpirne i poteri, divenendo lui stesso un dio e causando gravi conseguenze sul mondo

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 9
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Sugli spunti per la trama non intervengo, ma, dopo aver giocato agli epici fino al 40° livello, posso farti presenti alcuni problemi che ho incontrato.

Innanzitutto, conviene far aumentare il BABcome di norma, e non di 1/2 livelli. I TS, tuttavia, è meglio farli salire col ritmo "ufficiale", ovvero di 1/2 livelli epici; se vuoi creare distinzione, ogni 10 livelli epici in una classe con un TS alto, quel TS prende un +2.

Consiglio anche l'utilizzo dei valori frazionari di AR, soprattutto se le build comprendono molte classi.

È quasi indispensabile aumentare la cD delle capacità di 1 ogni 2 livelli nella classe che le concede (o ogni 2 LI per gli incantesimi.

Potresti considerare di aggiungere il doppio del BAB sopra il 20 come bonus ai danni da arma.

Aumenterei la soglia del danno massiccio considerando l'imtera costituzione e non solo il modificatore.

Se intendi concedere la magia epica, concedila anche ai personaggi non magici, giustificandola in qualche modo. Magari usa Sapienza marziale, oppure calcola un valore da usare per i poteri epici al posto della Sapienza pari a 20 + il modificatore di caratteristica più alto + 2 per ogni livello epico + 6 con apposito talento.

Link to comment
Share on other sites

Ciao,

non intervengo sugli aspetti tecnici poiché non mi piacciono, per quanto mi riguarda lascerei ai pg meno manuali possibili e li indirizzerei a conoscere un linguaggio in più o padroneggiare un'abilità in più piuttosto che altro, questo per evitare derive PP.

Invece direi di puntare alla costruzione della verosimiglianza del mondo che circonda i PG.

Prima di tutto li farei influenti, importanti, meglio se tutti lord o regnanti, con molti servitori, tasse, problemi vari.

Tra di loro dovrebbe esserci un legame, anche solo un interesse comune (il commercio tra i loro regni per esempio) che li induca a collaborare e qualche gatta da pelare minore non per questo comune a tutti.

Potrebbero conoscersi ma non essere per forza amici tranne un paio.

Però il pericolo che andranno ad affrontare strisciante sarà qualcosa che crescerà un pò alla volta e metterà in pericolo il loro regno.

Come regnanti dovrebbero dapprima dare ordini e mandare avanti gli altri.

Però ben presto capiranno che sono gli unici che possono intervenire, poiché non c'è nessuno migliore di loro, anche se non detto all'altezza degli eventi.

Essendo anni che governano il regno impartendo ordini, potrebbero anche essere un pò arruginiti nell'arte del combattimento, non dico vecchi, ma certamente un pò panzuti e flaccidi.

Cosa potrebbero affrontare di così terribile?

Per esempio vi potrebbe essere una fusione del piano materiale con il piano delle ombre (idea non originalissima già esposta in passato), oppure se hai i tre libri di dragon lance (la guerra delle anime) le anime dei morti non andrebbero più nell'aldilà e rimangono di quà creando non pochi problemi, oppure vinee scoperto che il mondo è cavo e che al suo interno vivono gli antichi e si preparano ad invadere il mondo.

Ecco, prova un pò a lavorarci su

ciao ;)

Link to comment
Share on other sites

Salve salvino vicini :D [...]

  • Applicazione di regole varianti per rendere più gestibile la campagna eccelsa prese da AR, ovvero; uso di 3d6 anzichè del d20, guarigione "lenta" (converte danni letali in danni non letali anzichè guarire del tutto), metamagia giornaliera. La soglia del danno massiccio in questa mia campagna è [Cos + (DVx2) + 10 per ogni DV superiore a 20]. Pensavo anche di applicare i modificatori variabili anzichè statici

Ciao! :)

Allora, da dove iniziare? Il primo consiglio che ti lascio è di ritornare un attimo sulla questione della campagna prefabbricata, ve ne sono di ottime in giro, come Age of Worms e Savage Tide, risparmieresti molto tempo usandole (e difficilmente resterai deluso). Se però vuoi provare i livelli epici, continua a leggere. Ho citato una piccola parte del tuo post perché la ritengo significativa, più precisamente:

1. Anziché il 3d6, dato che sei disposto ad abbandonare il d20, perché non provare il 3d6 spread? Non per fare pubblicità a MadLuke, ma è una sua creazione, quindi va a lui il merito. Ti ho linkato una pagina contenente tabelle e grafici: se non hai un'infarinatura di probabilità, non ti aiuterà granché. Per una spiegazione semplificata al massimo, puoi leggere il mio post situato verso la fine di questo topic. In sostanza, si tratta di un 3d6 "spalmato" da 1 a 20, in modo da superare il "piccolo problema" del 3d6, ovvero l'avere minimo 3 e massimo 18. Sottolineo che io sono un "fan" del 3d6: tutto considerato, è probabilmente quanto di meglio si possa tirar fuori dalle somme di dadi. Se non ritieni minimamente problematico l'avere minimo 3 e massimo 18 (ai livelli epici, dubito lo sia), passa avanti.

2. Perché non eliminare direttamente la regola sul danno massiccio? Eviteresti una meccanica che, già di suo, non era proprio delle migliori, e risparmieresti un tiro di dado (che non è poco). Oltre a cambiare la soglia, devi necessariamente cambiare la CD del TS su Tempra collegato, da manuale è CD 15, troppo bassa. Mi pare che su Pathfinder vi sia una buona formula in tal senso, ma IMHO il gioco non vale la candela, non è una meccanica fondamentale.

La Magia Epica è il vero tasto dolente dei livelli epici. Esistono diverse soluzioni al problema, più o meno buone, però è bene sapere che ti stai imbarcando in acque pericolose. Una soluzione può essere quella suggerita da The Stroy, un'altra che ho visto adottare è stata quella di convertire tutta la Magia Epica in rituali, un'altra ancora è il ban quasi totale. In un modo o nell'altro, bisogna staccarsi dalle logiche del manuale e rendersi conto che la Magia Epica, così com'è, è troppo sbilanciata: a ciò, è necessario porre rimedio. A livello di trama, credo sia doveroso citare Nephandum: oltre a darti una buona base di partenza, contiene delle ottime idee, sfruttabili anche senza dover usare tutto il materiale correlato (mostri, oggetti magici, CdP...). Se i tuoi giocatori non ne hanno mai sentito parlare, bhè, non è una cattiva occasione per tirarlo fuori dal cappello. :)

P.S. Il tutto IMHO.

Link to comment
Share on other sites

Guest Aurelio90

@The Story: la statistica della soglia del danno massiccio comprende appunto il punteggio di Cos, non il suo midificatore :P Grazie pèer le dritte comunque

@Black Lotus: Ho dato uno sguardo alla tabella... ma non ci ho capito una cippa lippa ^^"

La soglia del danno massiccio intendo mantenerla... sia i PG che i PNG (mostri inclusi) si ritroveranno a fare battaglie epiche (grazie tante, è una campagna epica xD).

Per farti comprendere: con la mia formula matematica, un drago rosso grande dragone ha SDM 311, mentre i suoi pf totali sono 660: in sostanza, con questo sistema, la SDM equivale a quasi la metà dei pf totali.. e con un attacco con le armi in grado di infliggere 311 danni con una botta sola, beh, dovrebbe far temere un drago. Ma la stessa cosa si applica per i PG.

Per il TS collegato, poi, metto questo valore: CD 20 + 5 per ogni 10 danni in eccesso della SDM. Per tornare all'esempio di prima: se il drago di prima subisce 337 danni deve effettuare un TS Temp con CD 30. Mi pare equilibrato per una campagna epica :)

La magia epica.. a dire il vero non avevo ancora cominciato a considerarla xD La sto giusto leggendo, ma mi pare troppo complesso come sistema. Non penso di inserirla (o forse sì, ma solo per momenti di campagna).

Ho pensato a questo:

Spoiler:  
633636917916939350-FlyingTarrasque.jpg

No, non sto scherzando U_U

Spiego l'idea: prendo il mostro base e applico il template miniature (Advance bestiary), e poi winged (savage species). In totale, esce fuori un mostro con GS 11.

Ora: di questo mostro non esiste un sono esemplare... uno stormo di queste creature di taglia Media che invadono una città e cominciano a divorare palazzi e persone. Ora, per i PG epici potrebbe forse non sembrare una sfida "epica", ma considerando che ne sono una moltitudine e alquanto prolifici risulterà un problema alquanto grave.

Ovviamente, lo stormo non è che sbuca dal nulla perché sì: c'è un incantatore epico dietro tutto questo, che è riuscito a catturare il tarrasque e crea diversi cloni del bestio per creare creature più disparate....

Link to comment
Share on other sites

Per la SDM potresti direttamente usare la metà dei pf, a questo punto: semplifichi il calcolo e sei sempre sicuro che sia una soglia sensata.

Per la CD, potrebbe essere ragionevole 10 +1/2 Lvl + Mod, dove Lvl è il livello di colui che infligge il danno e Mod è il modificatore di caratteristica con cui si sta portando l'attacco: For se attacca con un attacco in mischia, Des, se usa un'arma a distanza o Arma Accurata, Int se è l'incantesimo di un mago, e così via.

Per il tarrasque volante, potrebbero andar bene a due condizioni:

- il combattimento con i piccoletti da GS 11 dev'essere più strategico che tattico

- i piccoletti devono essere l'avanguardia di qualcosa di più grosso

I PG sono in grado di far fuori in un attacco un mostro così debole e non ne verranno mai colpiti, soprattutto se usi la regola "20 naturale = 30, 1 naturale = -10" (oppure "666 e 111", nel tuo caso), che fra l'altro trovo estremamente sensata ai livelli epici, molto più del "colpito/mancato automatico", e che mi sembra in linea con l'uso dei 3d6 (che personalmente approvo).

Il risultato è che i PG si troveranno a fare tiri automatici e non essere mai realmente in pericolo, per cui giocare "quadretto per quadretto" sarebbe poco coinvolgente.

Se, invece, giocaste con una mappa cittadina anche approssimativa, su cui indicare i punti in cui i piccoli mostri stanno facendo i danni peggiori, con "round" in cui semplicemente ogni PG dice dove si reca e come elimina i mostri, il combattimento potrebbe diventare interessante. Non sarebbe tanto l'andamento azione-per-azione a contare, quanto la capacità di utilizzare gli attacchi migliori nei posti migliori.

Spoiler:  
A questo proposito, scoprirai che nelle battaglie su larga scala, come al solito, gli incantatori mettono in ombra completamente i combattenti: a questo proposito, ti consiglierei uno stratagemma made in Drimos ©.

Ogni classe con BAB alto o che non fornisca incantesimi, fornisce un bonus pari al proprio livello alle prove di For o Des, a scelta al 1° livello: un ranger 10°/ ladro 10°/ druido 4° aggiungerebbe 10 (ranger, BAB alto) + 10 (ladro, nessun incantesimo) + 0 (druido, BAB medio e incantesimi) alle prove di For o Des, come scelto al 1° livello. In questo modo, i personaggi non magici potrebbero facilmente scagliare edifici, rivoltare placche tettoniche, sparire dalla vista correndo o altre simili azioni, rendendoli, almeno in campo di interpretazione, pari agli incantatori. Naturalmente, la soluzione si presta a uno stile di gioco hi-power.

Se i piccoli tarrasque, poi, fossero anziché l'arma finale dell'incantatore, le proli dell'arma finale, un tarrasque volante grande quanto la Sicilia, lo scontro sarebbe ben più emozionante, e ti permetterebbe anche di giocare uno combattimento più classico round-per-round.

Come consiglio generale, piuttosto che puntare sulla sbragonata più clamorosa, che rischia di scadere nel grottesco, fai le stesse cose che faresti in un'avventura normale, ma su scala più grande.

E punta sul fascino e sulla caratterizzazione dei PNG.

Link to comment
Share on other sites

@Black Lotus: Ho dato uno sguardo alla tabella... ma non ci ho capito una cippa lippa ^^"

Tranquillo! ^^

Avevo specificato di proposito che serve capirne di probabilità, altrimenti è inutile, lascia stare e usa il 3d6. Il problema della magia epica non è la complessità, ma il fatto che sia barata, avvantaggia troppo gli incantatori, dalla in mano ai tuoi giocatori e ti tireranno fuori incantesimi potentissimi con CD di Sapienza Magica bassissime. Diventa facilmente roba da Power Play. Con la magia epica, un singolo incantesimo risolve un combattimento (o disintegra il mondo, se ti piace di più). E i combattenti (i non-incantatori) possono anche sedersi in disparte e godersi lo spettacolo, mentre il PG mago epico vince con sforzo minimo. Questo è assolutamente da evitare, quindi pondera bene qualsiasi scelta, perché ogni dettaglio conta. La storia dei "mini-Tarrasque volanti" è quantomeno curiosa, se ti piace, sviluppala ed elaborala meglio, l'importante IMHO è che piaccia ai tuoi giocatori. Magari, inizia a fare la scheda di questo incantatore epico, tracciandone il profilo (sia regolistico che psicologico), così avrai tu stesso le idee più chiare sulle sue capacità e saprai gestire meglio il tutto. :)

EDIT: Ho appena letto il commento di The Stroy e rinforzo il suo punto: punta sul fascino e sulla caratterizzazione dei PNG.

Link to comment
Share on other sites

Guest Aurelio90

Okay, rieccomi qui... sto avendo una idea non folle. Aberrante

Ambientazione FR. Livello 24-40 o 45. Il nemico principale della campagna epica sarà Zarus, il dio malvagio degli umani. GS divino: 20.

E già questo è una mazzata, ma continuate a leggere:

Spoiler:  
La storia, secondo Races of Destiny, è che Zarus fu il primo essere umano su Toril, generato dal mondo stesso anziché dalle divinità. La perferzione incarnata, Zarus sapeva fare di tutto e meglio degli altri (quindi un Gary Sue con i controfiocchi); le altre razze cominciarono ad odiarlo e a invidiarlo, finchè egli non decise di unirsi in matrimonio con una donna umana. Per timore che da tale unione venissero generati altri umani, le altre razze decisero di ucciderlo ma Zarus era talmente perfetto che non morì e ascese al divino.

Ora, Zarus risultò essere troppo potente perfino fra gli dei, ed egli intendeva portare la razza umana al suo stesso grado di perfezione e di fargli dominare il Piano Materiale schiavizzando o sterminando tutti i non-umani: vedendo ciò come una grave minaccia le altre divinità, di comune accordo, rinchiusero Zarus in una sorta di zona fantasma.

Ovviamente il Dio Dorato non ha gradito questo scherzo; rimasto confinato in una prigione spazio-temporale in un angolo remoto del multiverso, Zarus ha passato qualche millennio per elaborare la sua vendetta... e infatti, quando riesce ad evadere dalla sua prigione, la mette in atto: facendo uso di un incantesimo epico riesce a rinchiudere tutte le divinità non maggiori (quindi 0-15) in una zona fantasma da lui creata; da qui appare sul PIano Materiale e annuncia l'ascesa della razza umana e s'insedia sul Thay: di fatto si allea con i Maghi Rossi reputandoli quelli che più si avvicinano al modello dell'essere umano da lui.

Da qui il caos: la sparizione di massa e improvvisa della maggior parte delle divinità (compresi i pantheon razziali) comporta ovviamente uno squilibrio nel multiverso, sia nel mondo che fra le divinità stesse; il Thay, con il sostegno diretto di una divinità, comincia ad ampliare i suoi confini e quasi tutti gli umani (non solo i thayan) aderiscono a questa fede, attuando guerre di sterminio e di religione (considerando le antre divinità false e impostori). E anche fra le poche divinità rimaste ci sono delle discrepanze: se le divinità buone e neutrali cercano di liberare le altre divinità (amici o rivali che siano) e affrontare Zarus, quelle malvagie pensano di trarre profitto da questa situazione andando a colmare i vuoti lasciati dai loro colleghi (amici o rivali che siano).

Ovviamente, questo accadrà dopo il prologo della campagna (prima farò sbizzarrire per bene i PG in quanto epici xD): questo mutamento così improvviso e radicale tenderà a sconvolgere l'intero multiverso e non solo il Piano Materiale. Ovviamente, a seconda di come andranno le cose i PG potrebbero pure allearsi con Zarus, ma principalmente vedo di scrivermi una campagna con l'intento di contrastarlo e farlo affrontare da loro. Zarus è un GS divino 20 con il template paragon... una bella mazzata direi. È ovvio che non potranno azzardarsi di affrontarlo direttamente, ma magari dapprima contrastando i suoi servitori e cercando di salvare quanto è rimasto sul Toril.

Ecco come sarà lo schema della campagna:

*Prologo (ca******o libero)

*Inizio vero e proprio con il crollo della società che loro conoscono

*Disordini sociali, tensioni razziali e spedizioni contro i non-umani in atto

*Incontro-scontro con servitori umani di Zarus

*Le divinità, notando i sforzi dei PG, li convocano e richiedono il loro aiuto (ovviamente ogni dio ha il suo scopo e in base all'alleanza che faranno i PG la trama tenderà a sbilancarsi)

*I PG faranno una cerca per trovare un artefatto unico (Gotistot), il quale è in grado di uccidere un dio e, con quello, affrontare Zarus.

*Ovviamente, potrebbero decidere di allearsi con Zarus e uccidere gli altri dei. O magari di ucciderli tutti, buoni e cattivi (Zarus compreso). Chi lo sa? ;)

Che ve ne pare?

Link to comment
Share on other sites

A questo punto per rendere il tutto meno facile potresti spezzare l'arma in frammenta: elsa, guardia e lama.

In modo da creare varie quest (ricerca di informazioni più dungeon per ogni frammento) e di aiutare i pg a livellare, come discutevano qui: http://www.dragonslair.it/forum/threads/64958-Creare-artefatto-maggiore-epico temo anche io (ammettendo però di non conoscere le potenzialità di un GS Divino 20) che lo scontro si limiterà a: pg con gotistot VS Zarus, con gli altri che pop-corn alla mano assistono impotenti.

Riguardo ai frammenti potrebbe uscire una bella cosa (anche a livello interpretativo), quest'arma è stata creata da un gruppo di divinità maggiori che hanno concentrato i loro poteri all'interno di essa proprio per una situazione del genere. Ma per evitare che l'arma finisse nella mani di un solo dio (sbilanciando gli equilibri di potere) l'hanno divisa, tenendo e nascondendo un frammento a testa. Con questo potresti sbizzarrirti creando dungeon su altri piani ed altre cose del genere (in base ai domini\tipologia della divinità che ha nascosto quel determinato frammento).

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.