Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Sottoclassi, Parte 4

Articolo di Ben Petrisor, con Jeremy Crawford, Dan Dillon e Taymoor Rehman - 5 Agosto 2020
Due spettrali Sottoclassi si manifestano negli Arcani Rivelati di oggi: il College degli Spiriti (College of Spirits) per il Bardo e il Patrono Non Morto (Undead Patron) per il Warlock. Potete trovare questi talenti nel PDF disponibile più in basso, mentre rilasceremo presto un sondaggio per sapere cosa ne pensate di loro.
Questo è Materiale da Playtest
Il materiale degli Arcani Rivelati è presentato allo scopo di effettuarne il playtesting e di stimolare la vostra immaginazione. Queste meccaniche di gioco sono ancora delle bozze, usabili nelle vostre campagne ma non ancora forgiate tramite playtest e iterazioni ripetute. Non sono ufficialmente parte del gioco. Per queste ragioni, il materiale presentato in questa rubrica non è legale per gli eventi del D&D Adventurers League.
arcani rivelati: sottoclassi, parte 4
Link all'articolo originale: https://dnd.wizards.com/articles/unearthed-arcana/subclasses-part-4
Read more...

Curse of Strahd: la Beadle & Grimm pubblicherà la Legendary Edition

Se la Revamped Edition recentemente annunciata dalla WotC non dovesse bastarvi, potrebbe essere vostro interesse sapere che la Beadle & Grimms ha deciso di pubblicare la Legendary Edition di Curse of Strahd, l'Avventura dark fantasy per D&D 5e ambientata a Ravenloft (qui potete trovare la recensione pubblicata su DL'). Per chi tra voi non lo sapesse, le Legendary Edition della Beadle & Grimm sono versioni extra-lusso delle avventure pubblicate dalla WotC per D&D, contenenti oltre all'avventura tutta una serie di accessori pensati per rendere l'esperienza dei giocatori più immersiva e divertente.
Al costo di 359 dollari, dunque, all'interno della Legendary Edition di Curse of Strahd potrete trovare:
l'Avventura per D&D 5e Curse of Strahd suddivisa in libri più piccoli, in modo da aiutare DM e giocatori a orientarsi più facilmente nel suo ampio contenuto. Come aggiunta, sono stati inseriti alcuni PG pre-generati per i giocatori e una serie di incontri di combattimento bonus. 17 mappe per il combattimento che coprono ogni angolo di Castle Ravenloft, la dimora di Strahd. Una mappa dell'intera Barovia disegnata su tela. 60 Carte di Scontro, che permetteranno ai giocatori di farsi un'idea dei PNG e dei mostri che si troveranno di fronte grazie alle loro illustrazioni. Una serie di supporti di gioco per i giocatori, quali lettere, atti relativi a misteriose proprietà, note scritte dal proprio "gentile" ospite, monete del Regno di Barovia, ecc., utili per dare ai vostri giocatori elementi concreti con cui sentirsi più immersi nella campagna. Uno Schermo del DM con illustrazioni originali sul fronte e le informazioni utili a gestire la campagna sul retro. Una serie di pupazzi per le dita, con cui divertirsi a interpretare i mostri e i PNG dell'Avventura. La Legendary Edition di Curse of Strahd uscirà a Novembre 2020.
Grazie a @Muso per la segnalazione.


Fonte: https://www.enworld.org/threads/beadle-grimms-legendary-edition-curse-of-strahd.673629/
Link alla pagina ufficiale di Beadle & Grimm: https://beadleandgrimms.com/legendary/curse-of-strahd
Read more...
By aza

D&D 3a Edizione compie 20 anni!

Nel mese di Agosto, di 20 anni fa, veniva rilasciato il Manuale del Giocatore di Dungeons & Dragons 3a edizione.
Sicuramente la 3a edizione rappresenta uno spartiacque per quel che riguarda D&D e segna l’inizio dell’epoca moderna del gioco per diversi motivi:
Innanzitutto, per la prima volta D&D aveva un sistema coerente di regole. Precedentemente erano presenti svariati sottosistemi che non si integravano tra di loro. C’era ben poca coerenza. Ci ha donato l’OGL, che ha rappresentato una svolta enorme nel mondo dei giochi di ruolo. L'OGL infatti ha permesso a chiunque di poter produrre materiale compatibile o derivato dal regolamento di D&D. La quantità di materiale pubblicata per d20 negli anni 2000 è, e probabilmente lo sarà per sempre, ineguagliabile. Ha revitalizzato D&D in un modo che non si vedeva da moltissimo tempo. Negli anni ’90 con il boom dei videogiochi, la nascita dei giochi di carte collezionabili e regolamenti ben più evoluti di AD&D (si può pensare alla White Wolf che all’epoca era il nome più importante) D&D soffriva e non poco. Ha visto il ritorno di Diavoli, Demoni, Assassini, Barbari, Mezzorchi e Monaci. La seconda edizione nacque con ancora fresco il ricordo delle polemiche riguardanti il “satanic panic” degli anni ’80. Quindi tutto ciò che poteva essere considerato “moralmente offensivo” come diavoli/demoni, assassini o mezzorchi venne rimosso. I barbari vennero ritenuti ridondanti rispetto ai guerrieri e i monaci  poco adatti ad ambientazioni basate sull’Europa occidentale medievale. Queste le prime cose che mi vengono in mente, ma vi invito a condividere con noi i vostri ricordi, le esperienze e i pensieri per questo 20° anniversario di D&D 3E.
Read more...

Fuga dall'Abisso è uscito in lingua italiana

A partire da ieri, 30 Luglio 2020, l'Avventura Fuga dall'Abisso per D&D 5e è finalmente uscita in lingua italiana. Pensata per PG di livello 1-15, quest'avventura è ambientata nel Sottosuolo dei Forgotten Realms ed è caratterizzata dalla presenza dei mostruosi Signori dei Demoni.
Qui di seguito potrete trovare la descrizione ufficiale dell'Avventura, la copertina del manuale e la recensione da noi pubblicata su DL'.
Fuga dall'Abisso
Dungeons & Dragons è un gioco per veri eroi che amano vivere intense e adrenaliniche avventure, e Fuga dall’Abisso è il manuale giusto per chi sente il bisogno di passare la serata a salvare il mondo!
A causa di un piccolo errore di calcolo, l'arcimago drow Gromph Baenre, di Menzoberranzan, si pente di aver iniziato la sua carriera arcana…
Che cosa succede quando i cancelli dell’Underdark si aprono per far entrare i demoni dell’Abisso? Una quantità di orrori inimmaginabile si riversa nel sottosuolo, creature d’ombra che rendono ancora più claustrofobici i cunicoli di pietra…i personaggi saranno in grado di sopravvivere alla follia?
Dedicata agli amanti dei dungeons labirintici, Fuga dall’Abisso è un’avventura adatta a personaggi dal livello dal 1° al 15°, che dovranno riuscire a sopravvivere e a tornare in superficie prima di abbandonarsi alla disperazione, ma non solo: dovranno fermare una catastrofe imminente, che potrebbe distruggere non solo le antiche città naniche, duergar e drow, ma raggiungere persino i Reami Dimenticati!
Avranno molte scelte importanti da compiere, e la possibilità di unirsi a molti compagni di viaggio. Un’esperienza di gioco tra le più appassionanti e tra le più riuscite della saga di “Furia dei Demoni”.
Lingua: italiano
Formato: Copertina rigida
Prezzo: 49,99 euro
Articoli di Dragons' Lair:
❚ Recensione di Fuori dall'Abisso

Link alla pagina ufficiale del sito Asmodee Italia: https://www.asmodee.it/news.php?id=722
Read more...
By senhull

Intervista a Keith Baker riguardo Exploring Eberron

Questo è il link all’evento andato in onda ieri.
Qui sotto trovate una breve sintesi per chi non avesse voglia/tempo di guardarsi tutta la registrazione.
Exploring Eberron
Il libro sarà pubblicato su DMs Guild sia come PDF sia in un'edizione cartacea su copertina rigida (ad oggi ancora senza data ufficiale), ma Keith ha detto più volte in tutto lo stream che ciò potrebbe avvenire in qualsiasi momento. Stanno aspettando che le copie stampate ottengano il via libera poiché credo che il precedente processo di stampa fosse disallineato/con errori. Quindi dita incrociate per questo fine settimana e Keith ha ribadito che è ciò che spera. Il prezzo del libro non è stato menzionato nello stream. Si tratta di 248 pagine e ci saranno più parole che in Rising from the Last War.
Il libro mira a coprire temi che sono stati ignorati o solo brevemente menzionati nei precedenti libri canonici, tra i quali la cosmologia planare, gli oceani e i regni dei mostri (goblinoidi in primis).
C'è un intero capitolo dedicato alla cosmologia planare, che include una mappa splendidamente illustrata dei piani e ogni piano avrà tra 4-6 pagine che descrivono in dettaglio i concetti (per esempio come funziona Fernia, e quindi far passare il messaggio che non è solo il piano di fuoco). L’obiettivo è quello di permettere ai DM di predisporre con serenità e completezza tutto quel che necessario per sviluppare un'avventura planare, nonché definire come i piani potrebbero influenzare un'avventura anche se di viaggi planari non ne vuoi sentir parlare: praticamente come funzionano le zone di manifestazione. C'è anche una grande sezione dedicata ai goblinoidi Dhakaan in cui probabilmente verranno dati molti dettagli sulla storia del loro impero e di ciò che ci si deve aspettare esplorando le loro rovine.
Sottoclassi
Ci sono sei nuove sottoclassi. Due di loro sono "solo" per personaggi di razza goblinoide, anche se non è detto che siano vincoli razziali, ma trattandosi di Dhakaan…
Adepto della Forgia (Artefice) (Goblinoide)
Keith descrive questa classe come la tradizione di artefice Dhakaan (OT: su questo potrei aprire una bella discussione…), ed è una sorta di spin-off della sottoclasse del Battle Smith da Rising from the Last War. Laddove il Battle Smith si concentra sul costrutto/famiglio, l’Adepto della Forgia cercherà di creare un'arma perfetta e quindi migliorarla. Usa l'idea che i Dhakaani siano, per tradizione marziale, principalmente dediti alla forgiatura di armi e armature, quindi l’Adepto della Forgia è un esperto nella creazione di armi e armature e cerca di creare "l'arma perfetta". Questa è un'altra sottoclasse di artefici melee. Ovviamente l’arma perfetta ha anche un nome specifico in goblin che non vedo l’ora di leggere!
Collegio dei Cantori Funebri (Bardo) (Goblinoide)
Basandosi sul fatto che i Dhakaani tendenzialmente non amano la magia arcana e divina, molti dei loro leader spirituali erano Bardi (clan Kech Volaar, in primis). Lo descriverei come una sorta di comandante del campo di battaglia che ispira costantemente le truppe. Keith lo descrive dicendo "sto interpretando il mio ruolo attraverso i miei compagni, non ho bisogno di combattere; sto guidando gli altri". Sembra una sorta di sottoclasse.
Maverick (Artefice)
Questa sottoclasse si rifà all'infusione dell’artefice della 3.5 " Spell Storing Item” (Accumulatore di incantesimi). Keith la spiega così: "Farò la cosa di cui abbiamo bisogno, datemi un minuto". L'artefice è in grado di immagazzinare incantesimi negli oggetti (cura ferite portatili? Torrette fulminanti? Mine fireball?). Il Maverick è in grado di scegliere incantesimi destinati ad altre classi anche se in misura limitata, e con il consueto incremento man mano che si sale di livello. Sono anche in grado di cambiare i cantrip con un breve riposo.
Via dell’Arma Vivente (Monaco)
Questo attinge ad alcune classi di prestigio descritte nei manuali Eberron 3.5 come il Quori Nightmare e il Were-touch Master, e si concentra sul trasformare il tuo corpo in un'arma. Sebbene non siano bloccati dal punto di vista razziale, esistono apparentemente "percorsi" diversi che si amalgamano bene con razze come Forgiati, Morfici o Cangianti.
Circolo della Forgia (Druido) (Questo potrebbe essere razzialmente vincolato ai forgiati)
Parte di questa classe è in realtà frutto di una discussione che chi ha giocato ad Eberron un druido forgiato (in qualsiasi edizione) si sarà PER FORZA posto: "Ma un forgiato si trasforma in un animale in carne e ossa o in un Animale forgiato/costrutto? ". La risposta ufficiale è sempre stata quella di trasformarsi in un animale in carne e ossa. Questa sottoclasse ora ti consente di trasformarti in un animale forgiato (OT: ma quanto bella è questa idea…???). Apparentemente è simile al Cerchio della Luna in quanto è un druido guidato da una forma selvaggia, ma si concentra maggiormente sull'essere un costrutto. Todd ha anche menzionato cose come "Adamantine Hide", "Skin of Steel", "Elemental Fury", ma queste non sono state ampliate durante i discorsi, accendendo in me un interesse ancora più forte…
Dominio della Mente (Chierico)
Questa sembra essere la cosa più vicina ai poteri psionici, direi che è assolutamente perfetto per i Kalashtar visto che sfrutta per bene i poteri psionici, ma che devono essere per forza di allineamento buono. Si ottengono quindi incantesimi come Comando, Confusione, Dominare Persone e Telecinesi. Quando lanci un incantesimo che infligge danno radiante, puoi invece fargli infliggere danno psichico, quindi cose come la fiamma sacra ora possono avere il flavour di un'esplosione mentale.
Sottorazze
Rune Bound / Rune Born / Ruin Blood (?)
C'è una sottorazza (accennata, ma potrei aver inteso male) che il libro aggiunge, questa è la sottorazza di Rune Bound per il Nano e si rivolge ai Nani delle Rocche di Mror e più specificamente a coloro che giocano lo stregone. Mentre i nani “standard” combattono senza sosta contro i Daelkyr, il Rune Bound Dwarf nasce con un simbionte dentro di sé e con la capacità di usarlo. Il nano (figherrimo) sulla copertina di Exploring Eberron è uno di questi.
Marchi del Drago
Gli oggetti Focus dei Marchi del Drago hanno una nuova sezione, con molte più opzioni da esplorare.
I marchi del drago sono stati ampliati per includere ora i Marchi Siberys (finalmente!!!). Questa non è un talento, né un'aggiunta di sottorazza, un Marchio Siberys può essere acquisito solo tramite il DM che permette ad un giocatore di ottenerne uno, e dovrebbe richiedere una grande ragione narrativa dietro a tale concessione. Keith li definisce Doni Soprannaturali.
La classificazione è: se hai un marchio del drago (talento di Rising from the Last War) potete migliorarlo a Marchio Superiore. Se non avete un marchio e lo ottieni, ora avete un Marchio Siberys. Questo è stato fatto per provare a combinare i le due opzioni, semplificando. In definitiva, se non si desidera utilizzare i marchi Siberys, dipende dal DM.
Oggetti magici
C'è un bel pacchetto di nuovi oggetti magici.
Oggetti simbiotici come
Crawling Gauntlet (Guanto strisciante?) Hungry Weapon (Arma Affamata) Coat of Many Eyes (Manto dei molti occhi) Tongue Worm (Verme lingua?) Wandering Eye (occhio errante) Sono stati inseriti oggetti focus dei Marchi del Drago, per risolvere il problema di chi possiede il marchio ma non è un incantatore e quindi avrebbe delle difficoltà oggettive a lanciare il proprio incantesimo. Questi elementi dovrebbero risolverlo.
Varie ed Eventuali
Si parla poi di:
Oggetti magici Dhakaani Armi magiche d’assedio Altre cose C'è un capitolo chiamato Friends & Foes (Amici e Nemici), che dovrebbe contenere blocchi di statistiche sia per gli amici che per i nemici. Parte di questo capitolo parla di Valaara, la Regina Strisciante, una delle Sei Piaghe Daelkyr (fra l’altro tra gli spoiler che trovate sul blog di Keith). Un altro Quori e poi altre informazioni sulle razze acquatiche.
Non ci sono nuove informazioni sul Marchio della Morte, ma viene trattata la storia di Erandis, nonché una sezione sul Sangue di Vol e le altre fedi. Keith chiarisce alcune informazioni contrastanti di diversi autori, e ha specificato che tutte le informazioni nel libro rappresentano la SUA visione e di come aveva originariamente creato Eberron.
Si discute poi sul flavour dei personaggi psionici.
Ci sono alcuni nuovi talenti.
C'è una sezione sull'Ultima Guerra, su come è stata effettivamente combattuta e sui metodi usati, questo probabilmente includerà le armi magiche d'assedio.
Read more...
Sign in to follow this  
Codan il bardo

Recensioni

Recommended Posts

Non ho trovato nessun topic a riguardo e mi sembra piuttosto strano.

Qui potrete postare le vostre osservazioni e valutazioni sui libri letti. Non vorrei consigliare uno schema preciso (tipo: voto autore, lunghezza, scorrevolezza etc), ovviamente se qualcuno ha intenzione di farlo, niente in contrario.

Cercherei di tenere il topic ordinato, in quanto sarebbe molto utile aprirlo e effettuando una ricerca all'interno trovare il libro desiderato (ovviamente se recensito).

Ovviamente: evitate di postare una recensione e dire... "XlibroX: bello, mi è piaciuto" ... abbastanza inutile :-D .

IMHO

Share this post


Link to post
Share on other sites

Decisamente una lettura molto complicata e introspettiva.

Direi quasi un viaggio all'interno della psiche umana e delle variazioni che essa può subire quando interagisce con il sentimento che più di tutti condiziona la vita umana: l'amore.

Non aspettatevi una smielata romantica, tutt'altro. Il libro ha grande pienezza e non scade mai nell'ovvio. Non esiste un attimo di pausa (carattere a mio avviso voluto dall'autore) e questa frenesia è esattamente parte fondamentale del racconto.

Lo scritto scorre molto velocemente ed è assai povero di descrizioni (che a mio avviso l'autore ha decretato inutili a riguardo e sono pienamente daccordo), inoltre il protagonista e la storia vengono visti da punti di vista differenti e questo rende la lettura assai più appassionante.

Unica pecca è che data la grandiosa velocità del racconto, queste 260 pagine finiscono in pochissimi giorni, lasciando un brivido nel sangue e la chiara sensazione di aver letto un libro che "valeva la pena".

Voto complessivo: 9

Share this post


Link to post
Share on other sites

Premetto che non era mia intenzione far chiudere gli altri topic, ma crearne uno diverso, se i mod hanno deciso così... non mi oppongo.

Tornando IT... riporto alcune mie recensioni fatte in precedenza... solo per tenere più ordinato il topic.

Recensioni (By Codan il bardo):

Faccio una piccola anticipazione: non crediate che leggere questo libro sia per forza come leggere la classica "favoletta", ma l'autore come ha ben specificato... "se un libro è degno di essere letto a 8 anni, è degno di essere letto anche a 50"... e grazie a questa ottica, devo dire che la scrittura è molto più piacevole

...Il nipote del mago (introduzione e creazione di Narnia):

Non male, nonostante il tono "fiabesco" riesce a rendere bene l'idea di un mondo fantastico e di come si possa essere protagonisti nonostante si sia bambini (non aggiungo troppi altri particolari dato che a mio avviso potrebbe essere riinserito nel prossimo film)

...La strega, il leone e l'armadio (avventura del primo film):

In alcuni punti il regista ha dovuto fare delle modifiche di pura esigenza cinematografica per rendere il film più "appetibile" da un pubblico esigente come quello degli ultimi anni (nel senso che phatos e azione non possono mancare).

Per quanto riguarda le incoerenze sceniche (come... il piccolo cavaliere prodigio), non vengono molto approfondite e ne molto trattate nel testo, questo da una maggiore "vaghezza" di ciò che succede lasciando quindi il lettore senza questo "senso dell'assurdo" (scusate l'assonanza).

Il ragazzo e il cavallo:

Discreto lo stile, ovviamente il tono fiabesco non può mancare, ma la narrazione è meno ovvia di come può apparire.

Pathos e colpi di scena sono centellesinati, ma nonostante tutto rimane un racconto abbastanza avvincente e scorrevole.

Il finale potrebbe lasciare un po' a desiderare, ma credo che ad alcuni possa piacere.

Il re Caspian:

Fino ad adeso è il racconto che mi è piaciuto di più (non solo perchè è il più lungo), riesce bene a spostare la scena in molte direzioni, non facendo però ma perdere il filone centrale. I vari protagonisti sono inseriti con molta accuratezza e alcuni sono caratterizzati in modo eccezionale.

Unica piccola pecca è sempre il finale che secondo me preme troppo nello stile fiabesco, ma come dico sempre, ad alcuni può piacere.

Il Viaggio del Veliero:

Il più lungo dei libri fino ad adesso, si presenta molto coinvolgente e avvincente. L'ambiente fantasy è ben amalgamato al resto del mondo e ci sono alcune chicche niente male riguardanti le avventure.

Non molto pesante come lettura (anche se il tono fiabesco viene molto limato), con i giusti picchi di tensione e le descrizioni mai troppo pesanti.

Credo che questo possa essere probabilmente uno dei film più riusciti, qualora il regista volesse girarlo... ci sono molte situazioni che sul grande schermo avrebbero il loro effetto.

La sedia d'argento:

Decisamente molte novità in questo libro ricco di avventure. I personaggi sono delineati in maniera molto precisa ed è molto forte il collegamento con il precedente libro (il viaggio del veliero). Grande note positiva è l'ambientazione che si sposta in un territorio ancora inesplorato dall'autore e riesce a farlo con un buono stile dando quel tocco di fantasy che ultimamente si stava perdendo.

Unica pecca abbastanza dolorosa è la prevedibilità delle scene che risultano alquanto ovvie e povere di colpi di scena. Nonostante questo la lettura è molto scorrevole e piacevole e penso che sarebbe anche un ottimo film da dirigere soprattutto in alcune parti veramente eccezionali.

L'ultima battaglia

Il migliore inizio che si possa immaginare. I primi capitoli hanno caratteristiche completamente diverse dai precedenti e anche il lettore si sente molto più partecipe di un'avventura che di una fiaba.

Infatti la nota fiabesca è completamente abbandonata, lasciando spazio ad azioni e intrghi. La parte centrale del racconto sembra anticipare un finale epico introducendo alcuni fattori inaspettati... ma qui arriva la nota dolente.

Il finale purtroppo torna alle origini del libro e (a parer mio) si perde ancora una volta nelle infinite sfaccettature della fiaba. La lettura è molto scorrevole, degna dei più bei libri di avventura, non ci sono pause o situazione di smarrimento. L'autore tiene sempre alto il livello di tensione fino ad un finale al quanto discutibile. In fin dei conti però era prevedibile una decisione del genere e forse anche più giusta.

Nota dell'autore

A parte la fissa che Lewis ha per gli elenchi credo che sia una ottima nota personale (anche se credo che non avesse alcun bisogno di scriverla). Qui l'autore spiega le sua motivazioni della scelta di uno stile fiabesco dedicato a ragazzi. Io l'avrei messa all'inizio del raccondo come introduzione e non alla fine... ma si sa... questo è solo una mia umile opinione.

In conclusione è stato un librone non molto impegnativo, ma piuttosto piacevole, lo consiglio a coloro volessero leggere un po' di fantasy con alcune sfaccettature rosa delle fiabe (ovviamente non troppo esagerate).

Leggere questo libro con un ovvio occhio critico non ha senso... se lo si deve fare, leggetevi prima la nota finale e poi abbandonate la scelta.

-Codan-

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi scuso in anticipo per le mie recensioni con la certezza che non potranno nemmeno essere paragonate a quelle di utenti più esperti.

A soli quindici anni grazie alla sua incredibile passione per i fantasy Christopher Paolini scrive Eragon,un libro eccezionale per fantasia e allo stesso tempo semplicità nel complicato intreccio di trame;non bisogna farsi ingannare dalla somiglianza con altri libri in quanto di differenze ce ne sono molte.

Eragon è un ragazzo di quindici anni,la sua vita scorre tranquilla nella fattoria di suo padre finche un giorno cacciando una strana pietra compare sulla sua strada...da quel giorno tutto cambiò...

Pur essendo un libro di oltre 400 pagine Eragon non risulta ne pesante ne infantile,adatto a tute le età riesce a far passare ore ed ore con il fiato sospeso senza mai annoiare.

Voto complessivo:9.5

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un giallo tra i più famosi di Agatha Christie, che narra di

10 persone con uno scheletro nell'armadio in vacanza

su di un'isola deserta.

10 vittime, 1 solo assassino che si scopre solo alla fine,

un giallo molto ben riuscito ed appassionante che vi

terrà col fiato sospeso fino all'ultimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non certo un libro per tutti. Uno dei libri che più ha suscitato clamore in America per le sconvolgenti vicessitudini di un bambino strappato alla sua famiglia adottiva che tornato dalla madre naturale scopre una realtà a lui totalmente inaspettata e nuova. L'autore parla in tono autobiografico e evitando un parere del tutto inutile sulla veridicità della cosa possiamo esaminare come la crudeltà di una realtà di strada possono essere visti dagli occhi innocenti di un bambino. La scrittura è straordinariamente coinvolgenti e l'autore riesce a riportare il lettore a quegli anni di innocenza e ingenuità dove ogni cosa poteva apparire ancora confusa e poco chiara. Scene molto crude si alternano in una serie di sfortunate vicende che sballottano il protagonista da un ambiente all'altro e da questi continui cambiamenti ne sovviene un finale shck.

Il mio consiglio è di leggere questo libro (non affatto lungo o pesante) in breve tempo per poter meglio comprendere in simultanea le immediate sensazioni che l'autore vuole trasmettere.

Voto finale: 7,5

Share this post


Link to post
Share on other sites

proporrei la trilogia fantasy di R.A. Salvatore le lande di ghiaccio, le lande d' argento, le lande di fuoco...forse non sono molto recenti ma li ho letti un po' di tempo fa e sono veramente fantastici...non per niente c'è drizzt;-)

ve li consiglio caldamente...buona lettura

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sapete cos'è il Grande Fratello?

No, non parlo di quello televisivo, parlo del "vero" Grande Fratello...

Il Grande Fratello potrebbe essere la realtà che ci circonda, che condiziona le vite e le menti, i desideri e le aspirazioni...

1984 descrive una società in cui il Grande Fratello è l'unico specchio della realtà ed al tempo stesso un occhio scrutatore puntato a controllare la vita di tutte le persone. Winston Smith è uno dei tanti revisori delle imprecisioni presenti nelle pubblicazioni presenti o passate finché un giorno compra un diario da un rigattiere in una delle tante zone depresse di Londra...

1984 è un libro che colpisce (o almeno con me l'ha fatto) per l'attualità delle tematiche che tratta pur essendo stato scritto nel 1949, il problema della forza e della pervasività delle informazioni e del modo o della forma con cui vengono trasmesse è sempre più attuale ed importante nella società moderna, che molti chiamano la società dell'informazione: chi controlla l'informazione controlla il pensiero delle persone a cui viene fornita l'informazione...

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Decisamente uno dei più discussi libri degli ultimi 50 anni (se non di più). Premettendo di non avere alcuna intenzione di scendere sul dibattito di veridicità del testo, posso ammettere con estrema sicurezza che l'autore del libro non è di certo uno sprovveduto scrittore da 4 soldi.

Molto ben nota dal testo è la capacità introduttiva dell'autore nel delineare con estrema precisione l'ambiente in cui stanno per svolgersi i fatti, portando date ed eventi realmente accaduti... questa tecnica introduttiva è molto utile per rendere più chiara l'iconografia che il luogo "dovrebbe" ottenere, ma in alcune occasione risulta decisamente pesante.

Il libro è senza dubbio ben strutturato, sia dal punto di vista di caratterizzazione dei personaggi, sia da quello della storia e degli avvenimenti. Non esistono pause descrittive o momenti di stallo, il tutto si svolge con grande frenesia.

Unica pecca (a mio avviso) del libro è il continuo ed a volte forzato senso di mistero che l'autore cela spostando la scena da un personaggio all'altro... questo continuo ripetersi di "suspance" è gradito in alcune parti (dove è netta ed ovvia), ma in alcune occasioni appare proprio come una sorta di "...non te lo dico, devi finire il libro prima!...".

In conclusione, il testo è decisamente avvincente e molto stimolante, i lettori più intransigenti potrebbero snobbare di certo il mio voto finale, ma a mio parere il libro merita.

VOTO: 8

-Codan-

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo romanzo è un triller...

Parla di un caso...

una morte di un giovane sembrerebbe un caso facile da risolvere...infatti egli ha ancora piantonata nel braccio uuna siringa...

tuttavia qualcosa non convince il detective della squadra...la posizione del corpo e il graffito lasciato incompiuto...ma una su tutte...un tatuaggio che rappresentava un topo con una pistola...stemma di coloro che stava nei tunnel sottoterra nel vietnam come del resto lui..

il dectective avanza in questa fitta nebbia e combatte contro tutti quelli che vorebbero archiviare il caso come una semplice overdose...ma sin dagli albori il caso si riconduce con una rapina che avrebbe coinvolto anche l'FBI,con una fitta rete di vendetta e corruzione....

il detective è costretto ad avanzare anche su tracce e piste che lo riportano verso le sue pure e verso una verità che non avrebbe voluto conoscere...

quello che colpisce di questo romanzo è la fitta trama e il fatto che la storia nn ha pause e ti trasporta e coinvolge fino alla fine...pare di vivere in prima persona gli eventi...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Premetto che ho letto il libro piu' di un anno fa, e molti altri nel mezzo, quindi non lo ricordo particolarmente.

"L'apprendista assassino" e' il primo libro di una trilogia (il cui titolo inglese e' "The Farseer Trilogy", non so quello italiano). I tre libri sono scritti veramente bene (spero valga lo stesso anche per la traduzione) e la trama e' originale e coinvolgente, tendente un po' verso il "noir". Nel complesso mi sento di raccomandarlo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un libro che negli Usa ha venduto oltre mezzo milione di copie, incentrato sulla figura di Charlie, sedicenne timido e riflessivo, con un oscuro aspetto del suo passato che gli impedisce di relazionarsi completamente con gli altri, che cerca di "tuffarsi nella vita" al momento del suo ingresso alle superiori. Trova nuovi amici e si innamora di una ragazza bellissima e più grande di lui, dai bellissimi occhi verdi, che gli dice che è troppo piccolo e lo bacia. Charlie, come ogni adolescnete, fa le sue esperienze anche nel campo delle droghe, e viene particolarmente segnato dall'uso di LSD.

Un bel libro, scritto in forma di lettera-diario a un amico sconosciuto, che emozione coomuove, trasmettendo tutto il sapore dolce e amaro dell'adolescenza.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per chi non lo sapesse è uscito il nuovo libro della serie del commissario Montalbano. Camilleri, una volta superato l'ostico ostacolo del linguaggio frammisto siciliano italiano, si dimostra sempre gradevolissimo da leggere, brillante nelle storie e nella costruzione dei personaggi. Forse quest'ultimo libro è un po' più amaro e rassegnato di tanti altri, sicuramente molto riflessivo e spaventosamente bello nella prima parte. Se non sapete cosa leggere vi consiglio di passare in libreria ed affrontare la lettura. Ne vale la pena...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Andeli e Demoni (Dan Brawn)

Libro sullo stile del precedente, stavolta non c'è nulla che provochi grandi polemiche anche se viene coinvolta nuovamente la chiesa. La storia è molto fluida come per il resto tutto il libro, ancora una volta l'autore con il suo stile dal ritmo elevato tiene incollato il lettore che segue i protagonisti in un affascinante caccia al tesoro per le vie di roma; un miscuglio tra storia dell'arte, un giallo e la pura fantasia (che è molto più facile da intuire a differenza del Codice da Vinci) fanno si che ne esca fuori un buon prodotto. A parte qualche forzatura nell'effetto sorpresa in cui a parer mio ce n'è fin troppo, sono convinto che renderebbe molto più questo libro come film che il suo predecessore.

Voto: 7,5

Share this post


Link to post
Share on other sites

un libro bellissimo scritto da un medico(silvana de mari).il secondo di quattro libri,di cui due devono ancora uscire,racconta la fine delle specie magiche(draghi,elfi,fenici...),consiglio vivvamente di leggerlo perchè io lo finito in pochissimin giorni!:wizard:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giorgio Faletti, Io Uccido...

Il piu' bel giallo che abbia mai letto, delle descrizioni eccellenti, un avventura spettacolare, un serial-killer che e' un genio ed un giustiziere. Un ambientazione realistica e ben particolareggiata, cambi di ritmo e sentenze da mozzare il fiato. Alla fine ci si innamora sia del protagonista che dell'antagonista.

Share this post


Link to post
Share on other sites

di Almeyra e Santarelli

questo libro tratta l'evoluzione nel pensiero del Che,dagli albori fino alla fine...

La descrizione degli eventi risulta molto interessante,partendo dal metodo del che che prende prima spunto dall'esperienza e poi passa alla teoria,il suo approdo al Marxismo che appunto è empirico(dettato dalla scuola della vita),la contestualizazione mondiale del movimento sudamericano,la differenza con il trojskismo,la sua concezione di rivoluzione e la sua concezione di guerriglia,e anche altri punti che non sto a scrivere...

il limite di questo libro è che è comunque scritto in maniera complessa e solo avendo delle buone basi storiche è possibile collocare il tutto e comprenderlo appieno...

Voto:7

Don Merry...

Share this post


Link to post
Share on other sites

La spada del druido

Raccasi

Bel libro, ambientato nel nord europa nel periodo celtico, un viaggio nel magico mondo degli antichi druidi. La magia esiste?leggete e vi verranno svelati alcuni aneddoti. La narrazzione è particolare con scene di phatos di magia ed in seguito svelate per ciò che in realta sono . A tratti presenta scene violente,ma realistiche. Un romanzo fatto con cura da un esperto di cultura celtica.

Da leggere!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le ali della sfinge (Ed. Sellerio) Camilleri

Nuovissimo libro su un'altra delle innumerevoli indagini di Montalbano. Rispetto al precedente un libro meno crepuscolare ed intimista... ma anche un libro godibile e molto bello nelle "scenette" di Catarella e nelle vecchie abitudini del commissario siciliano. Due giorni per leggerlo tutto, ma dato il costo (limitato) è un piacere rileggerselo... uno di quei libri da collezionare.

La storia tratta di una giovane donna che viene ritrovata in una discarica cn la faccia spappolata da un colpo di pistola. Unico elemento di identificazione un tatuaggio di una farfalla (la Sfinge del titolo appunto). Montalbano intraprende l'indagine... ma non sarà banale: tra associazioni di beneficienza, mangiatine da Enzo e passiatine al molo all'indagine viene a sovrapporsi Livia...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.