Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Avventure Investigative #8: Un Tocco di Spoiler

D&D può essere usato per creare delle avventure investigative interessanti? Eccovi l'ottavo articolo di una serie in cui espongo le mie idee in merito.

Read more...

Sondaggio sugli Incantesimi

I giocatori di D&D 5E sono chiamati a fornire la loro opinione sugli incantesimi del Manuale del Giocatore.

Read more...

West Marches: Creare la Vostra Campagna

Dopo una lunga pausa torniamo a parlare di West Marches: dopo aver visto come era organizzata la campagna di Ben Robbins, creatore originale di questo stile di gioco, vedremo come poterne creare una nostra ed imparare a gestirla.

Read more...

Operazione YANKEE IREM

In questo nuovo articolo Gareth Ryder-Hanrahan fornisce un nuovo spunto di avventure a tema lovecraftiano, unendo l'ambientazione di due GdR basati su GUMSHOE

Read more...

La Scatola Bianca: Regole Avanzate è disponibile in italiano

Ecco un nuovo supplemento per La Scatola Bianca, il retroclone basato su OD&D, che aggiunge tante nuove regole, molte delle quali ispirate a AD&D Prima Edizione.

Read more...

Stile narrativo horror


Recommended Posts

Salve a tutti! Premetto che ho iniziato a fare il master per un gruppo di 4 giocatori. 3 di loro sono tranquilli, ma 1 (mio cugino) rompe le scatole da morire, sbuffa quando descrivo le situazioni, e ha difficoltà a capire che se non descrivo prima io qualcosa, lui non ha lo spazio di interazione.

Dopo 5-6 anni da giocatore, ho deciso di "regalare" l'opportunità al nostro ex-master fiso di fare il giocatore; pertanto, con l'uscita della 4a, e dopo un bel periodo di pausa di riflessione, ho deciso di prendere le redini della questione e fare io da master. Ho scelto un gruppo di 4 persone, hanno tutti ruoli diversi, sono tutti giocatori abbastanza abili e conoscitori delle regole, ma hanno qualche problema con l'aprirsi nell'interpretare.

Così ho creato un bonus interpretazione, ossia una somma di PE, da 0 a 1/10 dei PE necessari per salire al livello successivo, che sproni i miei giocatori ad aprirsi di più, a sentirsi meno "scemi", e sopratutto a non assecondare mio cugino. Che è molto simpatico ed è bravo con le build e le tattiche, ma ha i problemi che vi ho già riportato su.

Detto questo, devo dire che il sistema sta avendo abbastanza frutti! Il premio è collettivo, così il solo comportamento di uno pregiudica il salire di livello di tutti.

Ora vengo alla questione: la mia campagna (che è già più o meno prevista fino alla sua fine) vuole essere un "esempio di scuola". Ossia, non voglio fare robe sperimentali o particolarmente strane, ma, essendo un master alle prime armi, ho pensato di dare ad ogni avventura della campagna un "sapore" diverso.

Ora in teoria toccherebbe al sapore horror, ed effettivamente sto incontrando molti ostacoli. Non ho ancora presentato nulla ai giocatori, perchè la sto ancora organizzando bene, comunque l'avventura parte dal 4° livello, e li deve portare all'8°. Il che va bene per i mostri e la parte regolistica, perchè si sa che in quei livelli si rischia di più, e più si rischia più si teme che le cose possano andare per il peggio, e questo gioca a favore dello stile narrativo prefissato.

Però mi manca proprio la capacità di dare sapore all'avventura, sapete, quei particolari che aggiungono spessore e cambiano radicalmente l'esperienza di gioco. Credo molto nella mia storia, non la posto solo perchè ho timore che nel forum ci siano i miei giocatori... però ho paura di avere nelle mani ottime idee che non riesco a sfruttare bene a causa dell'inesperienza. Per lo sforzo che faccio ogni settimana nel progettare, vorrei che la mia avventura fosse "****".

Come fare?

P.S. L'ambientazione è di mia creazione

Link to comment
Share on other sites


Stai avendo problemi perchè Ded 4 è un gioco che non supporta la concezione horror nè a livello morale, nè a livello puro di regole.

Come fai a trasmettere horror, tensione, vero terrore, in un gioco dove interpreti eroi estremamente superiori alle altre persone?

come fai a trasmettere paura a persone del genere, che si possono curare da sole e picchiano come fabbri?

E' difficile.

Per quanto mi riguarda, e per come concepisco io un gdr horror e una sessione horror, è impossibile.

Altra cosa da tenere in considerazione è che non morti, spettri,fantasmi, demoni e creature del soprannaturale in un mondo Fantasy sono non dico all'ordine del giorno ma conosciute e ben "radicate" nella cultura popolare; quindi sarà anche difficile dare un senso di mistero alla faccenda.

Per quello che ti posso dire, l'unico modo è cercare di intromettere delle House rule per rendere il gioco piu' alla cthulhu, con personaggi meno eroici e conseguentemente sbruffoni, ma piu' nerchie e con grossi difetti ( vedi magari regole per la follia): nell'horror piu' il pg che si usa è comunque "debole" e piu' indifeso di fronte alle avversità piu' è semplice trasmettere un senso di inquietitudine e, se sei bravo, questo senso puo' diventare paura...

però davvero, è complicato. Stai usando secondo me un sistema sbagliato; già ded in genere punta a tutt'altro ( combattimento eroico bene vs male in primis)... nella 4 dove tutto è esasperato e il potere dei pg è ulteriormente cresciuto, trasmettere un senso di angoscia diventa estremamente difficile, anche perchè non c'è supporto nelle regole ( impulsi? naaaaaaa. punti ferita? naaaaaa. ) con mancanze che rendono difficile anche trasmettere orrore e tensione ( impossibilità di colpi di morte istantanea, impossibilità di colpi mirati magia malvagia tipo necromanzia e simili... bassa mortalità)...

Per giocare horror devi usare sine requie, kult, Cthulhu...

Link to comment
Share on other sites

D&D in generale è un GdR poco incline all'horror, la 4^ edizione ancor di più.

L'esempio "da manuale" di tono horror è, sostanzialmente, "combatti vampiri e lupi mannari anziché perfidi maghi e orchetti".

Per le modalità regolistiche stesse della 4^ edizione poi (assenza di penalità, rischio di morte ridotto, potere bilanciato) viene difficile applicare quelle tecniche da master che permettono in altre edizioni di rendere D&D un po' horror (penalità dovute a situazioni e luoghi, pericolo concreto di morire, "ricompense" ai malvagi alla Ravenloft).

Effettivamente, non saprei che suggerirti dal punto di vista regolistico: narrativamente parlando, puoi dare libero sfogo alla tua più perversa fantasia horrorifica, ma purtroppo il regolamento non offre nessun riscontro a tutto questo, se non a un horror molto splatter coi PG al posto degli inarrestabili mostri.

E questa potrebbe essere anche una bella idea, eh: i PG sono i "mostri", i nemici le vittime. Ma non è proprio l'horror canonico, mi sa.

Link to comment
Share on other sites

Io aggiungo anche due considerazioni personali meno il linea con l'argomento principale.

1) Se un giocatore si comporta come tuo cugino semplicemente lo si allontana dal tavolo. Ma lo state obbligando a giocare? Semplicemente non gli piace... RIDICOLA l'idea di premiare l'intepretazione con i PE. L'interpretazione si "premia" con il centrare la trama (evitare un combattimento mortale, sventare una trapppola, capire le trame del nemico) ed è questa la vera difficoltà di fare il master (ed il suo bello).

2) Invece di fare pause religiose, di dare respiro al master, di meditare tipo zen per mesi sotto una cascata prima di passare alla 4 non potevate giocare alla 4 ed normalmente e magari (tutti insieme) comprarvi pure un gioco horror o più giochi di sapore diverso da alternare a D&D (che resterebbe il principale) alternandovi anche al masteraggio? Così avete tutti più respiro, provate sistemi diversi e vi ispirate l'uno con l'altro. Più o meno è quello che fanno tutti senza complicarsi tanto l'esistenza e senza sfinire un povero (e solo) master. ^^

Link to comment
Share on other sites

Il sistema regolistico dei combattimenti non ti aiuta, e magari D&D non è il sistema più adatto per l'horror (specialmente per alcuni tipi di horror), però creare un'avventura dai toni horror non è impossibile...tanto è vero che per varie edizioni di D&D esiste un'intera quasi-ambientazione chiamata Ravenloft che si basa proprio su toni di questo tipo.

Semplicemente dovrai sfruttare descrizioni e situazioni fuori dal combattimento per creare tensione. Esiste un manuale 3.5 chiamato "Heroes of Horror", molto ben fatto, che da un sacco di consigli utili in questo senso.

E' vero che le meccaniche 4.0 non sono molto adatte all'horror, ma puoi ovviamente piegarle a tuo piacimento: tanto per dirne una, potresti ambientare l'avventura in una zona carica di energia negativa (adiacente allo Shadowfell?) e quindi in essa i PG non possono recuperare punti vita. Con questo artificio potresti creare una situazione da survival horror in cui i PG si sentano davvero continuamente in pericolo di vita, però attento a non esagerare nei combattimenti :-)

Link to comment
Share on other sites

In realtà Ravenloft 3.X era stato sviluppato dalla S&S, ma i risultati non sono stati dei migliori... per pietà, migliori dell'avventura WotC, ma comunque scarsi.

Buona l'idea di rendere impossibili le cure, cosa che in effetti dona più mortalità, ma ho il terrore che un'alterazione così possa essere deleteria per la 4^: è basata sul bilanciamento, e togliere un ingrediente dall'alchimia potrebbe provocare gravi danni al tutto.

Poi, come sempre, può anche accadere il contrario.

Link to comment
Share on other sites

Premetto che mi fanno piacere le vostre risposte, mi hanno "rasserenato". A questo punto non sono io un totale inetto! XD

Per quanto riguarda mio cugino, vuole giocare eccome, solo che a suo modo: il problema (peraltro grandemente risolto) era che non "staccava" dal suo personaggio, e si comportava come se fossi contro di lui. Al che io l'ho messo fuori da un combattimento, e gli ho fatto vedere come funzionano certe meccaniche da master, come possono agire i mostri al di fuori delle potenzialità dei giocatori, ha capito, e ora il mio cugino S. Tommaso è tranquillo. XD

Tornando alla questione sull'horror, premetto che secondo me la questione può essere risolta. Ho abituato i miei pg ad essere circondati da gente più forte di loro (ovviamente in modo non brutale, moltissimi erano d'aiuto).

La questione è gestire lo stile narrativo. Ovviamente non pretendo che i pg abbiano paura o urlino, quello è impossibile. Semplicemente vorrei gestire un'avventura "classicamente horror"

Link to comment
Share on other sites

Moltissimo è dato dall'atmosfera.

Se giocate di sera, provate a fare una sessione al buio, alla sola luce di candela.

Se giocate di giorno...bèh, potete chiudere le tende/tapparelle/quello che avete e provare lo stesso. :-D

Cerca di prepararti alcune introduzioni descrittive che sappiano catturare; il tuo non sarà un lavoro da poco.

I giocatori dovranno immergersi nella storia; certamente dovranno metterci il loro impegno per non rompere "l'incanto".

E poi...partono dal 4° livello.

Non so come funzioni in 4ED, ma penso che ci siano MOLTI pericoli per i personaggi.

Più dell'incontro in se, ciò che terrorizza è l'idea che, prima o poi, si possa incontrare qualcosa.

Ricama questa "attesa" senza esagerare.

Gioca sulle dicerie, sulle ombre.

E sorprendili, quando meno se lo aspettano.

L'inesperienza non conta niente se c'è un interesse di base.

Buona fortuna

Link to comment
Share on other sites

D&D e' un gioco di stampo Eroico-Omerico.

I PG sono superiori a tutti gli altri esseri viventi, sono coraggiosi e le loro azioni finiscono per modificare l'assetto dell'intero cosmo.

Nè la versione 3.5 né la 4.0 sono capaci di supportare adeguatamente l'horror.

Per carità, nelle descrizioni puoi anche essere macabro e creare un ambientazione dark, ma non otterrai mai che i tuoi giocatori se la faranno addosso, a meno di non voler metttere un Mostro con grado di sfida oltremodo superiore al livello del gruppo.

Io masterando 4.0 infatti ho notato che per mettere SOLO in difficoltà i giocatori dovevo mettere un mostro 4-5 livelli superiori. E se il gruppo è ben fatto e i PG sono costruiti bene non basta neanche.

Io da qualche mese ho scoperto Sine Requie. Sono totalmente impazzito per quel gioco :-D

Oltre all'ambientazione assolutamente terrorizzante, parlando solo di regole, in questo gioco dall'inizio alla fine rimane il rischio di morire dai Simplex (dei "gregari" per trasferirli nela concezione di D&D)

Il PG ha 8 di vita, fino ad un massimo di 10 per individui molto robusti. E il danno medio è 3-4 a colpo. Quindi in Sine Requie anche solo i comportamenti da D&D (spacconeria dei PG etc.) viene pagata tranquillamente con la vita.

Se vuoi un buon horror giocati questo ;-) Oppure Vampires a cui ancora non gioco ma sto per iniziare la giocata nazionale

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Invece è possibilissimo rendere horror la narrazione e quoto in tutto e per tutto lascar dhemel: l'atmosfera è la parte determinante in un racconto del genere.

Non dimenticare che se i giocatori sono forti lo sono anche i mostri e poi vedi come se la fanno addosso se sono in situazioni più o meno critiche.

Link to comment
Share on other sites

Ma viste le tendenze del design della 4^, in sostanza, per mettere un gruppo di PG contro dei mostri "più forti" bisognerebbe andar contro tali tendenze. -.-'

La 4^ fa bene combattimenti linear-sboroni, non combattimenti alla "io piccolo umano contro il Grande e Temibile Mostro".

Link to comment
Share on other sites

Invece è possibilissimo rendere horror la narrazione e quoto in tutto e per tutto lascar dhemel: l'atmosfera è la parte determinante in un racconto del genere .

Mi spieghi com'è possibile raccontare una storia dell'orrore in quarta edizione, dove anche la piu' profonda delle ferite ( che alla fine non sono davvero ferite... i colpi nella 4 stancano!!! non sono danni letali...:banghead:) può essere risanata da un condottiero che ti tira una pacca sulla spalla?

Tipica narrazione horror della 4:

" Il terribile mostro affonda i suoi artigli nella sua carne; la bestia ride divertita nel vedere il sangue del guerriero colare, mentre quest'ultimo è ormai cosciente della vita che lo sta lasciando... ma il condottiero da dietro gli urla " vai!! ce la puoi fare!" e, come per magia, il guerriero si riprende istantaneamente dalle ferite e scassa di botte il mostro...:lol:"

Questo per dire che non concordo assolutamente con quello che dici; se le meccaniche vanno in una direzione ben precisa, è difficile evocare atmosfere totalmente opposte. Ded 4 è un gioco di azione epico-eroica: o rivedi il regolamento oppure la vedo tragica.

Prova a leggerti il regolamento di Cthulhu, per esempio: quello è horror. Tu sei un m*******e normale che si ritrova ad affrontare creature disperse nei secoli, estremamente piu' forti di te. Sei sempre sotto angoscia, perchè sai di essere perennemente in pericolo...è questo il punto.

Nella 4 sei piu' forte della gente normale, sei un eroe, un figo. Scassi i mostri a martellate. Noterai che c'è una buona differenza d'approccio, non credi?

Link to comment
Share on other sites

Ma no orcus, basta giocare una sezione al buio con le candele e scassare i mostri a martellate "con atmosfera" per fare un gioco horror. Magari puoi immaginare il tuo PG con un'espressione spaventata mentre uccide il mostro. LOL

Scusate ma, vabbé la crisi ma un manuale in più non costa poi tanto ed evitiamo di botto di scivolare nel ridicolo. Poi, e son serio, un'avventura demenziale dove le povere vittime massacrano i mostri magari è pure divertente ma pretendere di più di questo da D&D non si può. Non è semplicemente stato pensato per poter fare 'ste robe.

Link to comment
Share on other sites

Scusate ma, vabbé la crisi ma un manuale in più non costa poi tanto ed evitiamo di botto di scivolare nel ridicolo. Poi, e son serio, un'avventura demenziale dove le povere vittime massacrano i mostri magari è pure divertente ma pretendere di più di questo da D&D non si può. Non è semplicemente stato pensato per poter fare 'ste robe.

Quoto IN PIENO.;-)

Link to comment
Share on other sites

Quoto IN PIENO.;-)

Ecco, io invece sono in profondo disaccordo.

E' vero che D&D non ha un sistema regolistico studiato apposta per fare avventure horror...ma le avventure horror in D&D si possono fare. Io ho giocato alcune avventure 3.5 su Ravenloft, e mi sono piaciute: il DM era bravo a creare atmosfera e le trame erano intriganti.

Parecchi anni fa, ho fatto da DM per un'avventura horror con AD&D, e non era riuscita male: almeno, a me è parso che i giocatori si fossero divertiti, e ci siamo anche presi tutti un colpo perché, mentre stavo descrivendo una stanza buia, la madre di un nostro amico ha bussato alla porta :-D

Tanto per dire, qualcuno di voi ha già provato a fare un'avventura horror in D&D? 3.5 o 4.0 non ha importanza.

Avete letto Heroes of Horror? Avete provato a mettere in pratica i consigli che il manuale dà?

Mi sembra che anche in Resident Evil i vari protagonisti siano in grado di fare ben più di una persona normale e curarsi mangiando piantine verdi/rosse/blu, ma ciò nonostante il gioco fa paura. E quindi?

Poi la mia impressione (totalmente personale) è che gli ultimi messaggi siano il solito sparare alzo zero sull'ultima edizione di D&D...ma vabbe', questo è OT.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By Lyt
      Ciao a tutti, qualche giorno fa mentre parlavo con un amico mi è venuta in mente una strana idea per una ambientazione. Ora, io sto gia creando una ambientazione, per una lunga campagna futura con i miei amici, quindi credo che questa idea non vedrà mai la luce, ma ho pensato di buttare giù due righe, per chiedervi cosa ne pensate
      L'idea è semplice, si tratta di una versione alternativa del nostro mondo ambientata metà del 1400, magari con una mappa un pò rimodellata, riempita però con le razze e i mostri di D&D, basata sugli stereotipi che l'Europa medievale aveva riguardo al resto del mondo
      Il tutto ruota e nasce praticamente attorno al idea di usare una stampante di Gutenberg per creare pergamene magiche, il resto viene dopo per contestualizzare la cosa:
      Quindi gli altezzosi europei sarebbero umani e elfi, l'asia sarebbe piena di Hafling, l'America sarebbe abitata da gnomi druidi, la Russia e il nord Europa da nani, l'africa abitata da dragonidi, i paesi tra india e Arabia sarebbero invece costituiti da tefling (si, mi rendo conto che sembra che alcune razze le ho buttate li un pò a caso, ma nella mia testa hanno un senso ahahah)
      Con ovviamente alcune peculiarità: in Egitto la sfinge avrebbe la testa di un drago, il papato sarebbe costituito da chierici (con il papa come chierico livello 20), in Giappone ci sarebbero Hafling samurai, e in Cina si parlerebbe di un Gengis Khan Hafling che a cavallo di un poni aveva unificato l'asia
      Si trattano di idee assurde, ma che personalmente mi strappano un sorriso
      La storia sarebbe andata come nel nostro mondo: Carlo magno, Roma, le crociate (di paladini), e la Guerra dei cent'anni tuttora in corso, se non per queste differenze di razze e magia. L'unica vera differenza è che qui le leggende e le favole sarebbero realtà: mago merlino, i draghi, cenerentola, Sun Wukong ecc
      Sarebbe un mondo comunque più basato sul "fisico" piuttosto che sul "magico", magari anche per colpa della chiesa cristiana, che potrebbe condannare per eresia alcuni incantesimi 
       
       
      La avventura (di cui non ho ne ancora pensato ne la storia ne la trama😅) sarebbe strutturata cosi:
      (1440) Una one shot o per ogni pg o per coppie di pg, per far ambientare i giocatori, e permetterli di avere dei segreti da nascondere a gli altri (magari i pg più giovani potrebbero addirittura essere bambini)
      (1450) Una breve avventura da due o tre sessioni, con il party al completo, per farli conoscere tra di loro e darli un vero assaggio del mondo, con fight, intrighi e mostri
      (1455) PANICO, Johannes Gutenberg (umano artefice) negli anni 1453-55 ha introdotto/inventato in Europa la stampa a caratteri mobili, che però in questo mondo consente anche di creare pergamene contenenti incantesimo in breve tempo ed ad un costo ridotto (per complicare le cose permetterò a chiunque di usare le pergamene, anche se l’incantesimo non è contenuto nella lista degli incantesimi di classe del personaggio). Quindi adesso l'Europa è sconvolta da questa nuova scoperta, nascono bande criminali, rivolte, chiunque adesso può permettersi armi e incantesimi potentissimi. Al party ora riunito sarà data una missione importante, per provare a ristabilire la situazione
       
      Questo è quanto, giusto una bozza del mondo e della quest principale... il tutto senza una quest principale e senza aver approfondito nulla😅
      Che ne pensate?
    • By Le Fantome
      Anche senza scomodare Planescape e il suo immenso multiverso planare, le varie ambientazioni di D&D possono coesistere come vari pianeti di sistemi solari distanti nel tempo e nello spazio. E' una visione poetica, che personalmente prediligo e condivido.
      Ora, mi sono sempre chiesto: la Terra esiste nell'universo di D&D? Come lontano pianeta nel sistema Solare intendo.
      So che in Pathfinder non solo la Terra esiste ma, anzi, è un luogo ben noto agli abitanti di Golarion per numerosi motivi: è la patria di Baba Yaga (una delle più potenti fattucchiere del gioco), sotto l'Antartide, nella città-cadavere di R'lyeh, dimora in un sonno simile alla morte Cthulhu (una delle entità più potenti con una scheda nel gioco; vi consiglio di leggerla, fa sorridere da quanto il Grande Antico sia virtualmente invincibile), l'Egitto condivide numerose e misteriose similitudini con il regno golariano di Osirion e vi è qualche strano legame con la Francia, nella città di Parigi (ma non mi è chiaro quale).
      Anzi, addirittura secondo la cronologia di Pathfinder, la Terra non si trova attualmente nella nostra contemporaneità, ma dovrebbe essere da poco uscita dalla prima guerra mondiale, quindi si tratterebbe della Terra del primo dopoguerra.
      Adoro questa cosa, e mi chiedevo se in D&D vi siano mai stati accenni alla Terra, dato che non ricordo di aver mai letto qualcosa in merito.

      (Magia terrestre in pathfinder, un po' teatrale)
       
    • By Hero81
      Mi date idee per un siffatto dungeon?
      Avevo pensato ad un antico complesso di caverne coperto da una strato 'organico' più recente....viscido muco per la maggior parte ma, in alcuni punti, dura chitina, con porte simili a valvole cardiache e 3 Illithid più i loro minion.
      I PG non sono ancora ad un livello adatto agli Illithid: devono prendere almeno due livelli per cui mi serve un parte del complesso più vicina alla superficie bella lunga e difficile da esplorare .... posso metterci qualunque cosa ma vorrei lasci presagire qualcosa delle parte finale e dei suoi occupanti.
      Se vi vengono idee per tale parte di superficie o link anche a prodotti commerciali dite.
    • By Rotax91
      Ciao a tutti, 
      Sto cercando se esiste una summae o un riassunto di tutto cioè che c'è da sapere per sviluppare un'avventura nei forgotten realm, senza dover recuperare per forza tutti i manuali singolarmente; Ciò che cerco è in pratica un'infarinatura di base di tutte le varie razze, gilde, organizzazioni e luoghi principali dei forgotten realms. 
      Premetto che mi serve come linea guida per cominciare ad approfondire dagli argomenti che più mi interessano per poi continuare con tutto il resto. 
      Esiste qualcosa di simile, magari anche italiano?
    • By DahliaSunglare
      Ciao a tutti!
      Spero di aver scelto il topic giusto.
      Sto masterando una quest e vorrei che i pg possano viaggiare nel passato (ma solo come spettatori).
      Pensavo di usare un incantesimo lanciato da un mago.
      Esistono incantesimi di questo tipo?
      Grazie a chi risponderà!
      Dahlia
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.