Jump to content

Nephandum - La Profezia Oscura


Max_23
 Share

Recommended Posts


  • Replies 36
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Beh le recensioni di FM sono assolutamente inattendibili (questo non vuol dire che il libro sia consequenzialmente brutto). Ovviamente per cercare di legerla su un Netbook ho aperto tre finestre di spam cercando di chiudere la prima che nonostante le protezioni del volpacchiotto è sbucata "da sotto" XD

Il "caso" Nephandum fu un vero e proprio "caso" in quanto fu un prodotto ben confezionato che, a mio avviso, fu senza dubbio sopravvalutato. Il successivo e rapidissimo dimenticatoio però sembran darmi ragione.

Sicuramente non era scritto da una "grande penna" anche se l'italiano era gradevole e quindi sono piuttosto scettico su questa uscita "senza gioco".

Attendo recensioni più attendibili...

Link to comment
Share on other sites

Interessante; io a Nephandum ci sto giocando ancora.

Magari non era Virgilio fatto a GdR, ma è comunque un ottimo supplemento.

La domanda ora però non è D&D ma P&P: pagine e prezzo? Edizione cartonata o brossurata? Illustrazioni interne o no? Sono avido di informazioni come un alieno nudista (dai che ora è facile cogliere la citazione).:lol:

Link to comment
Share on other sites

Beh le recensioni di FM sono assolutamente inattendibili (questo non vuol dire che il libro sia consequenzialmente brutto). Ovviamente per cercare di legerla su un Netbook ho aperto tre finestre di spam cercando di chiudere la prima che nonostante le protezioni del volpacchiotto è sbucata "da sotto" XD

Il "caso" Nephandum fu un vero e proprio "caso" in quanto fu un prodotto ben confezionato che, a mio avviso, fu senza dubbio sopravvalutato. Il successivo e rapidissimo dimenticatoio però sembran darmi ragione.

Sicuramente non era scritto da una "grande penna" anche se l'italiano era gradevole e quindi sono piuttosto scettico su questa uscita "senza gioco".

Attendo recensioni più attendibili...

Non è una recensione: è una presentazione.

Nephandum vinse il Best of Show 2005 nella categoria GdR, passando davanti anche ai titoli americani dell'epoca. Nel 2007 è uscita la versione anglofona in tutto il mondo (sono state vendute copie anche in Australia e in Sud Africa), è il gioco di ruolo italiano che ha venduto più copie di sempre, e ANCORA OGGI vende nonostante da un anno e mezzo si sia passati alla nuova edizione.

Su tutto il resto ti do ragione. :-p

Max

Link to comment
Share on other sites

Penso che Feanpi abbia espresso meglio di me il problema: era un ottimo supplemento ma da li a farci un romanzo diventa dura.

Però sicuramente in questi anni l'autore (che era valido) sarà maturato non poco quindi c'è tutta e comoda la possibilità che il libro sia un bel prodotto.

A me interessava soltanto una recensione (o presentazione) un po' più attendibile. Ed anche i dati richiesti come il prezzo ecc. non guasterebbero.

Link to comment
Share on other sites

Aspe' Cyrano, in questo campo non ho detto parola anche perché se solo la 4^ edizione fosse uscita un paio di annetti più tardi... sigh, vabbè, niente rimpianti.

Quel che volevo e voglio dire io è che Nephandum è un supplemento valido per D&D. Se cerco la grande letteratura e apro un manuale di GdR, evidentemente, sto sbagliando qualcosa: salvo casi non rarissimi, direttamente rarerrimi (:lol:) non la troverò lì. E con "casi rarerrimi"TM intendo cose come "Leopardi reincarnato in un autore di GdR mantenendo tutte le sue competenze passate".

Teniamo presente che questo non è il medioevo: un libro non è una cosa costosa, difficile da produrre e da acquistare.

I libri costano "poco", sono facili da produrre e da smerciare.

Praticamente, pubblicano tutti. Pubblica la Troisi e viene salutata come un fenomeno (da baraccone?) del fantasy.

E tutte le maggiori ambientazioni di D&D hanno il loro ciclo di romanzi "celebranti"; non sono grande letteratura, e probabilmente i migliori sono quelli meno "di presentazione" dell'ambientazione (prendi Dragonlance: la prima trilogia è sicuramente inferiore a quanto è venuto dopo), ma comunque si lasciano leggere, divertono e danno un'idea di quel che intende l'autore con la sua ambientazione.

Quindi ben venga un romanzo di Nephandum, buona ambientazione (dinamica) per D&D targata "Italia".

Non sarà Dante, non sarà Pirandello, ma sarà comunque bello.

Link to comment
Share on other sites

Riassumo: io lo comprerò sicuarmane volevo solo una recensione un po' meno "di parte".

Non vorrei sembrare insistente, ma è una presentazione, non una recensione. Da nessuna parte si commenta il romanzo, semplicemente lo annunciano.

Max

Link to comment
Share on other sites

A me interessava soltanto una recensione (o presentazione) un po' più attendibile. Ed anche i dati richiesti come il prezzo ecc. non guasterebbero.

Anche le presentazioni hanno tono e timbro che portano a creare un giudizio... Tono e timbro che spesso distinguono un buon italiano da uno mediocre. Non vorrei sembrare insistente. :lol:

Link to comment
Share on other sites

Anche le presentazioni hanno tono e timbro che portano a creare un giudizio... Tono e timbro che spesso distinguono un buon italiano da uno mediocre. Non vorrei sembrare insistente. :lol:

Rileggiamo e analizziamo:

Massimo Bianchini presenterà il primo romanzo di una trilogia basata sul suo gioco di ruolo Nephandum a Lucca Games 2009.

Informazione sterile.

Il volume s'intitola Nephandum, La Profezia Oscura ed è pubblicato da Armando Curcio Editore.

Informazione sterile.

Sempre a Lucca, nel 2005 il gioco è stato premiato come migliore gioco di ruolo italiano, con la seguente motivazione (omissis):

Qui riporta che il romanzo è tratto da un manuale di GdR che ha vinto un premio, ma il MANUALE, non il romanzo. Potevano anche non metterlo, ma sarebbe stata l'assenza di un'informazione fondamentale (ovvero, perché è stato scritto un romanzo di Nephandum e non quello di Sticavoli).

Seguono sinossi e informazioni sull'autore (ovvero, la copertina).

Non vedo alcun giudizio in assoluto: mi sembra una presentazione del tutto normale.

Max

Link to comment
Share on other sites

Dai... Il libro io lo comprerò sicuramente perchè il genere lo adoro ma se ti leggi tutta la pappardella che c'è li sembra che si debbano buttare tutti gli altri fantasy. è un filo inneggiante ^^

Più di analizzare RIGA PER RIGA (e anche tra le righe) la "pappardella" non posso fare. Se vuoi ti do ragione, ma a me sembra una normalissima presentazione.

Max

Link to comment
Share on other sites

Io non voglio nessuna ragione, scusa se ho espresso un'idea. Se sei l'autore della famosa "pappardella" o sei così legato (per motivi tuoi) al libro ed all'autore evita di postare nei forum per farti pubblicità. Il libro non lo ho letto, lo farò ed esprimerò un giudizio. Il sito invece lo conosco e non mi piace e la "presentazione" non mi ha fatto cambiare idea perché la ho trovata inneggiante. Se non si possono esprimere opinioni sui forum perché gli autori si "arrabbiano" dove possiamo farlo scusa?

Link to comment
Share on other sites

No, no, io sono proprio l'autore del libro, ma ho già postato su questo sito diverse volte visto che mi occupo di gdr.

Secondo me l'annuncio non era di parte, ma se hai delle rimostranze pregresse nei confronti di fantasymagazine (con cui non ho NULLA a che fare) sei liberissimo di farlo notare e io, eventualmente, di replicare.

Mi sfugge la ragione per cui tu possa "esprimere opinioni sui forum" mentre io debba "evitare di postare per farmi pubblicità". E' un romanzo legato a Nephandum, che è un'ambientazione per un gdr fantasy, questo è un sito di gdr, e questa è la sezione "Libri".

Max

Link to comment
Share on other sites

Semplicemente Max_23, dal momento che sei l'autore del libro, sarebbe stato forse opportuno chiedere a qualcuno dello staff prima di aprire il topic (se lo hai fatto errore mio e chiedo venia). E comunque avvisare quando apri la discussione che sei l'autore del libro, in modo che chi ti risponde sa con chi ha a che fare. Per il resto ognuno è libero di commentare e dire ciò che vuole, purchè non si infranga il regolamento e si generino inutili flame.

Link to comment
Share on other sites

Tra l'altro, spm, io non capisco tutta 'sta paura. Penso sia una fortuna per noi aver l'autore del libro che ci parla. Ma cavolo due parole sul libro in sé, sui seguiti, sui personaggi, sulle idee... Un bel commento dell'autore in modo che non sia più un "farsi pubblicità" ma un bel dialogo coi lettori.

Invece no. Un link ad un sito dove bisogna essere un personaggio di Gibson per evitare spam e pubblicità...

Ma non è triste?

Perché non ricominciamo daccapo visto che a me il fantasy-horror piace un sacco ed il libro mi interessa pure tanto?

Link to comment
Share on other sites

Semplicemente Max_23, dal momento che sei l'autore del libro, sarebbe stato forse opportuno chiedere a qualcuno dello staff prima di aprire il topic (se lo hai fatto errore mio e chiedo venia).

Perdonami, per aprire un topic bisogna chiedere allo staff?

E comunque avvisare quando apri la discussione che sei l'autore del libro, in modo che chi ti risponde sa con chi ha a che fare.

Questo è già più comprensibile, ma anche in questo caso poteva anche darsi che il sottoscritto preferisse mantenere l'anonimato. Bazzico forum e newsgroup dal 1996 e non credo di avere violato alcuna regola di netiquette.

Comunque sia, per ma la questione è chiusa.

E... nessuna tristezza, né paura! Sono abbastanza umile dal non dovermi pavoneggiare su un forum ("Ehi, guardate, sono Massimo Bianchini, scrivo romanzi e sono direttore editoriale di D&D da dodici anni a questa parte e sono anche l'editore di Sine Requie e altro..."), e ho preferito semplicemente pubblicare la news.

Detto questo, sono d'accordissimo a chiudere su il discorso e a parlare del romanzo: disponibile per qualsiasi domanda :)

Max

Link to comment
Share on other sites

Comunque non era per fare polemiche eh, era giusto per interrompere il discorso su fantasy magazine, che è abbastanza ot.

Qui si è liberi naturalmente di aprire i topic, però per esempio, se io avessi un forum di modellismo e volessi linkarlo qui su dl, dovrei chiedere il permesso. Allo stesso modo è plausibile se volessi aprire una discussione su qualcosa che ho prodotto io, dovrei chiedere il permesso agli amministratori, se non altro per evitare i dubbi di carattere "pubblicitario". Detto questo, immagino che l'equivoco sia palese, quindi non posso dire altro che siamo felici di poter chiacchiarare con l'autore di un libro che sicuramente avrà una certa rilevanza nel panorama fantasy italiano contemporaneo :-)

Se poi posso aggiungere una cosa off topic, devo dire che sono un ammiratore sia di nephandum che di sine requie. (tra l'altro penso che ci siamo conosciuti lo scorso anno a lucca :P)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.