Jump to content

[warlock infernale] Salviamo il mondo(1)- D&D4ed


warlock infernale

Recommended Posts

Ora si inizia a giocare.

Inizio avventura!

Spoiler:  
Siete tornati da qualche giorno dall'ultima avventura nel vostro paese sperduto nelle campagne, lontano da ogni città e da ogni alltro paese lì dove dove abitate e avete i vosri amici e famigliari (per chi ce li ha).

Alcuni direbbro che è un villaggio monotono, altri tranquillo, altri ancora ne ignorano l'esistenza a causa della piccolezza e della mancanza di ricchi in quel paese.

Già. Nel paese dove tutti sono ricchi allo stesso modo, dicono alcuni, altri direbbero dove tutti sono poveri allo stesso modo.

Già. In quel paese dove la lite più grande che c'è mai stata tra gli abitanti fu il confine non rispettato dei campi di due vicini.

La vita degli abitanti è sostanzialmente lavorare per vivere. Chi nei campi, chi nelle sue stalle, chi nei piccoli negozi situati nel centro abitao e in qualce piccola via.

Ma c'è qulcosa che gli altri villaggi non hanno, o meglio, qualcuno. Qualcuno che si è già fatto una piccola fama alla corte del re molto lontano da lì. Dove gli abitanti ne ignorano addirittura l'esistenza, o meglio, non interessa loro sapere gli affari del re o cosa succede lontano da lì. è solo inportante le minime tasse che arrivano e, a volte non arrivano dalla corte del re.

Ma gli abitanti vanno orgogliosi che il re in persona sappia del loro piccolo paese garzie alla pochissima fama, quasi insignificante che cinque loro compaesani si sono fatti portando a termine alcune missioni per il re.

Già proprio voi. In quel paese dove tutti si conoscono voi siete l'orgoglio del paese (e i protagonisti delle storie ingigantite a dismisura dagli abitanti e dai bambini quando qualche avventuriero si smarrisce e trova il piccolo vostro villaggio.

Già. Quel piccolo pease che al vostro ritorno vi ha infuso a voi come in tutti quelli che lo guardano dalla collinetta lì vicino, un senso di pace e serenità, come se tutti i problemi del mondo non potessero varcare una barriera inviolabile che circonda il villaggio...

...ma potrbbe non essere sempre così...

Infatti quel giorno di inizio primavera siete stati chiamati dal vecchio saggio del paese, nella sua casa dal suo messaggero più veloce ed abile. Siete infatti vicini di casa.

Cosa fate? Andate? è tutto in mano a voi ora.

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 67
  • Created
  • Last Reply

Karash era seduto nel retro di una locanda in meditazione, gli piaceva starsene a braccia scoperte, in quei giorni in cui l'inverno si attardava, a godersi la calma che il suo animo tempestoso trovava di rado.

Quel giorno si ritrovo a pensare a quando arrivò al villaggio la prima volta. Era stato 8 anni fa, si ritrovo ai confini delle fattorie dopo aver vagato per le terre desolate per 2 mesi in pelligrinaggio. Ricordava ancora il morso della fame e la stanchezza di quel giorno e di come inizialmente i contadini si terrorizzarono a vederlo, poi il terrore divenne sospetto quando cadde stremato a terra e in accoglienza quando notarono il simbolo di Kord sulla sua armatura. Gli venne in mente lo sparuto gruppo di avventurieri che dopo la sua guarigione gli proposero di ripagare il villaggio per le cure e l'accoglienza, e della loro prima avventura per conto del saggio...e in una serie di flash gli passarono davanti agli occhi tutte le avventure passate con i suoi compagni fino a quel momento, e tutte le volte che aveva sfogato la sua rabbia anche su di loro con urla e sbraiti, ma di come questi erano rimasti fedeli a se stessi e all'unità del gruppo, anche quando tutto sembrava perso.

Proprio in quel momento, quando un ombra di nostalgia passava sul suo volto, Karash venne richiamato alla realtà dal messaggero del saggio.

Per i fulmini, cosa diamine vuoi cosi di fretta?

Sapeva che, qualunque fosse la risposta, avrebbe dovuto alzare una preghiera a Kord e imbracciare la sua spada.

Link to comment
Share on other sites

come ogni mattina riunk era in una locanda a berre una birra nanica quando un messaggero gli tocco le spalle,lui si girò di scatto e gridando disse chi sei tu?che mi disturbi mentre sto bevendo il mio boccale!lui capi che era un messaggero del vecchio saggio del paese.riunk pavoneggiandosi davanti al barista,disse bè,come sempre sarà una missione.metre pensava a tutti i dopo missioni,ai festeggiamenti dove la birra non finiva più.

Link to comment
Share on other sites

Il messaggero vi consegna una lettera, con il sigillo del clan del vecchio saggio.

sulla lettera c'è scritto che

Spoiler:  
l'anziano saggio vi vuole al suo cospetto più urgentemente possibile. è molto importante

Infatti, davanti alla casa del saggio vi incontrate di nuovo, increduli.

Ma le guardie vi sbarrano la strada dicendo

Guardie tutte all'unisono: Il vecchio saggio non può ricevere nessuno! Andatevene!

erano infatti nuove del paese e non conoscevano la vostra fama

Link to comment
Share on other sites

Dopo aver ascoltato le guardie Karash prese la lettera consegnatagli e la mostro alle guardie.

Adesso la smetterete di farmi perdere tempo spero!

Detto questo sposto una delle guardie che aveva d'avanti e si appresto a superarle. "Buoni a nulla" penso tra se e se "non sanno nemmeno eseguire un ordine cosi semplice"

Link to comment
Share on other sites

@ Marcus & Karash ma sentono anche gli altri

Guardia1: Eh? Una lettera? D'accordo. Passate pure.

Guardia2:Sì, allora siete voi! L'anziano saggio vi aspettava

Quando entrate, il saggio si alza in piedi, si avvicina a voi e vi dice, a bassa voce, chiudendo la porta:

Anziano Saggio:Benvenuti, amici. Ho saputo che l'ultima missione si è conclusa con successo, a quanto vedo...-l'Anziano saggio fa una breve pausa e poi riprende, dicendo-...ma i vostri incarichi, temo, non siano finiti...

credo sappiate già cosa intendo... ho una missione per voi... sareste così gentili da accettarla? Sarebbe vitale per il villaggio... ma non sono il re e non posso costringervi... e non lo farei neanche in quel caso...

Dunque, farete la missione che vi darò...?

Link to comment
Share on other sites

riunk sorridendo disse dimmi pure vecchio!cosa dovremmo uccidere coboldi o hogoblin?riunk prese una pausa e chiese ma le guardie quando le ai reclutate.perche mi sebra strano che non ci conoscono.concluse ridendo.

Vecchio Saggio: CHE SFACCIATO! HO MOLTI PIù ANNI DI CUI NE DIMOSTRO! PORTA RISPETTO PER UN VECCHIO!! TI RICORDO CHE SONO L'UNICO ELFO DI QUESTO VILLAGIO E PIUTTOSTO ANZIANO!! PIù ANZIANO DI TE!!

Va bene. La missione sarà la seguente:

Dunque, voi siete tornati in città da circa quattro-cinque giorni, giusto?

Beh, voi non l'avrete notato, è sicuro ma... i viveri scarseggiano da quattro giorni dal vostro arrivo. Non avete notato i cambiamenti per la vostra lunga assenza e perché abbiamo rimesso a posto tutto ma... il problema c'è.

Infatti, come voi ben sapete il villaggio è sempre stato autosufficiente ma in questi tempi i problemi del mondo infatti dei... razziatori hanno bruciato i nostri campi e rubato e depredato il nostro bestiame ma, non contenti, hanno dato fuoco alle nostre case e soprattutto alle nostre riserve alimentari. Non abbiamo potuto fermarli a causa della vostra assenza e non avevamo un condottiero per guidarci contro di loro e non abbiamo potuto respingerli. Il villaggio, temo che non potrebbe resistere per più di una settimana ancora... non vi ho avvisato subito pensando che i nostri uomini avrebbero pensato loro a ciò ma non ci sono riusciti... quindi... questa è la vostra missione, rispondendo a riunk, dovete andare ad acquistare cibo nella città più vicino. Quella a sud. Accetterete questa missione?

Le guardie sono nuove ma sono capacissime di fare il loro dovere: difendermi!

Link to comment
Share on other sites

riunk tirò fuori la sua ascia e levigo la lama col dito dicendobè cosa aspettiamo andiamo.,guardando l'ascia e i suoi rittochi disseè da qualche giorno che la mia ascia non assagia un pò di sangue malvagio.alzo lo sguardo e disse ai suoi compagniforza andaimo!riunk esce dalla casa saltellando dalla gioia di fare un'altra missione.

Link to comment
Share on other sites

Karash alzo le braccia al cielo come esasperato.

Siamo stati chiamati qui per questo?! E dopo cosa? dovremmo anche tosare le pecore?!

Detto questo si allontano in varie imprecazioni, sapeva che il saggio era abituato alle sue reazioni, e sapeva che era suo dovere aiutare il villaggio anche stavolta.

Fai preparare le carovane o quel che è! disse d'improvviso. Voi altri ci incontreremo domani alla piazza prima del mezzodì d'accordo?

Che mi prendano i fulmini!! disse infine dirigendosi verso la sua abitazione per prepararsi.

Link to comment
Share on other sites

Ma, le guardie, rincorrendovi vi fermano e vi dicono

Guardie all'unisono: Il saggio vi vuole ancora

Le guardie si aprono e mostrano il saggio

Vecchio saggio: Sapevo della vostra reazione. La missione, ho sentito dire che non vi sembra molto eroica ma... lo è. E alquanto. Infatti da un po' di tempo i predoni assaltano gli incauti viaggiatori che si aggirano tra le strade fuori città sono aumentati a dismisura da quando ve ne siete andati quindi... voi sarete in pericolo ogni istante del giorno e della notte dopo aver sorpassato il secondo chilometro dal villaggio. La città più vicina che puo' fornire viveri ad un villaggio intero dista circa 80-85 chilometri da qui. Preparatevi al meglio e... questi sono i soldi.

Il Vecchio saggio dà a ciascuno di voi 3000 mo.

Vecchio Saggio: Non è la ricompensa della missione ma i soldi per comprare tutto il cibo che serve ad un villaggio. Non perdeteli: sono tutti i risparmi che abbiamo. Non abbiamo mai avuto un problema simile e perciò non ne abbiamo molti.

Ognuno di voi avrà un carro. Prendetelo da Ramund, lo stalliere qui vicino. L'ho già pagato io. Una volta giunti in città dovrete andare da Volgratan. é il mercante che vende i prodotti con il rapporto qualità/prezzo migliore. Comprate un po' di tutto, riempite i carri e poi tornate qui. Marciate il più che potete ma i cavalli non possono tenere più di quindici ore di marcia con il carro vuoto e non più di dieci con il carro pieno. Inoltre hanno bisogno di mangiare. Si accontentano di erba e il bere... questo è a carico vostro dato che non ci sono fiumi nelle vicinanze della via. State pure sui carri e fermatevi il meno possibile. Detto questo, buona fortuna. Se avete bisogno di qualcosa, sapete dove trovarmi

Detto questo il Vecchio Saggio e le guardie se ne vanno.

Come vi preparate? Cosa fate nel frattempo?

Link to comment
Share on other sites

Karash si diresse da Ramund per vedere in che condizioni erano i carri e scegliere un cavallo. Lo stalliere lo trattene per 10 minuti esponendo prima le qualità di questo e poi di quel cavallo, anche sapendo che Karash non era li per comprare. "Deformazione professionale" penso il mezz'orco.

Quando si congedò dalla stalla si diresse verso il mercato per fare provviste. Fece un rapido calcolo e penso che il viaggio avrebbe richiesto 2 giorni per l'andata e altrettanti per il ritorno, comprò acqua e vivere per se e il suo cavallo per 3 giorni.

Durante la giornata più di un paesano si era avvicinato a lui per ringraziarlo dell'aiuto che stavano dando, e ad ognuno aveva risposto con un "Non è niente" borbottato a bassa voce.

Dopo cenato si isolò nella sua stanza a preparare l'equipaggiamento necessario, prego Kord per avere la forza di affrontare anche l'imprevedibile e si corico.

Spoiler:  
Sottrarre dalle mie monete i soldi delle provviste.
Link to comment
Share on other sites

Marcus si diresse dallo stalliere, poi tornò alla propria abitazione, dove fece un breve inventario di ciò che gli serviva per affrontare un viaggio. Aveva provviste per sè, ma nulla per un cavallo.

Quindi uscì di casa e comperò granaglie per una settimana.

Spoiler:  
Detrarre dalle monete
Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

Guest
This topic is now closed to further replies.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.