Jump to content

Masquerade o Requiem?


Gilgamesh Selfeiron

Recommended Posts

Allora sono circa 2 anni che ho i manuali di Requiem ed ancora non so decidermi se impararlo o comprare quelli di masquarade che tutti dicono sia superiore.

QUalcuno mi puo illuminare?No perche girà ritagliarmi il tempo per imparare un nuovo gioco è difficile,almeno vorrei imprarare le regole del gioco giusto...

Grazie!

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 39
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • Administrators

Allora sono circa 2 anni che ho i manuali di Requiem ed ancora non so decidermi se impararlo o comprare quelli di masquarade che tutti dicono sia superiore.

QUalcuno mi puo illuminare?No perche girà ritagliarmi il tempo per imparare un nuovo gioco è difficile,almeno vorrei imprarare le regole del gioco giusto...

Grazie!

Io ritengo che Requiem sia un gioco validissimo, e se hai già i manuali non vedo perché non iniziare a giocarci ;-)

E soprattutto, non c'è un gioco "giusto". Prova, vedi come va, e decidi tu se va bene o no.

Link to comment
Share on other sites

guarda, se hai già i manuali di requiem, e quindi ci hai speso i soldi, buttaci un pò di tempo e impara il regolamento: sicuramente è fatto meglio rispetto a masquerade, molti bug sono stati sistemati e in linea generale il gioco è migliore.

A me non piace per niente perchè ha perso tutta l'atmosfera che aveva masquerade; ma d'altronde si sa, i tempi cambiano... ti conviene giocare col requiem: è nuovo e puoi trovare il materiale. Ormai per masquerade trovare qualcosa è davvero dura.

Link to comment
Share on other sites

Concordo con chi ti dice che, dato che hai già i manuali, e che la linea del nuovo WoD è molto più facilmente recuperabile, sarebbe quantomeno più conveniente imparare il regolamento di Requiem. Non mi esprimo su quale dei due sia migliore, anche perchè è un discorso legato a differenti bg e a differenti opinioni personali, anche se alcune meccaniche ci mettono lo zampino a far propendere per l'una o per l'altra. Per approfondire questi ultimi punti sono comunque già stati aperti dei topic in questa sezione.

Link to comment
Share on other sites

guarda, se hai già i manuali di requiem, e quindi ci hai speso i soldi, buttaci un pò di tempo e impara il regolamento: sicuramente è fatto meglio rispetto a masquerade, molti bug sono stati sistemati e in linea generale il gioco è migliore.

A me non piace per niente perchè ha perso tutta l'atmosfera che aveva masquerade; ma d'altronde si sa, i tempi cambiano... ti conviene giocare col requiem: è nuovo e puoi trovare il materiale. Ormai per masquerade trovare qualcosa è davvero dura.

Si ma io comprerei al massimo i manuali essenziali!

A proposito quelli di masquerade quali sono?Perche mi hanno detto il manuale base,un 'altro che ora non ricordo,e i vari manuali per i clan..

EDITO: Di Requiem ho solo il manuale base e mondo di tenebra...ce ne sono di altri di essenziali?No perchè ho visto che c'è un manuale chiamato "antagonisti" e penso sia utile dato che di nemici oltre i vampiri non ci sono...

Link to comment
Share on other sites

Si ma io comprerei al massimo i manuali essenziali!

A proposito quelli di masquerade quali sono?Perche mi hanno detto il manuale base,un 'altro che ora non ricordo,e i vari manuali per i clan..

EDITO: Di Requiem ho solo il manuale base e mondo di tenebra...ce ne sono di altri di essenziali?No perchè ho visto che c'è un manuale chiamato "antagonisti" e penso sia utile dato che di nemici oltre i vampiri non ci sono...

di essenziale in Requiem c'è solo quello........tutto il resto è in più per dare + gusto e background a un gioco che IMHO di Background ne ha proprio pochino......

In Masquerade di Essenziale c'è solo il manuale base........i Clanbook sono perdipiù a puro scopo illustrativo il 90% del manuale è descrittivo con la storia del Clan e la sua organizzazione interna stesso discorso per i libri delle Fazioni Cammarilla e Sabbat(anche se questi 2 introducono varianti interessanti come le abilità secondarie e la Vicissitudine Tzimische come Malattia......)

Link to comment
Share on other sites

Allora... Cercando di essere più neutrale possibile.

Entrambi i sistemi di gioco sono narrativi, se guardiamo alle meccaniche pure Requiem è senza dubbio superiore a Masquerade e quindi (di fatto) è più facile da giocare...

La domanda che ti devi porre è cosa vuoi fare con i tuoi vampiri... Masquerade è MERAVIGLIOSO ma presenta un trama molto solida che (entro certi limiti) ti "imprigiona". Questo, bada bene, non è un difetto perché è quello che lo ha reso grande. Il meraviglioso gioco sociopolitico dei vampiri con la fine di tutto (Ghenna) sempre più incombente.

Al contrario Requiem è molto più leggero e meno psicologico. Questo gli da un po' il sapore annacquato ma in compenso allarga notevolmente gli orrizzonti narrativi proponendo dei vampiri meno inquadrati in società e quindi più gestibili anche in avventure più "classiche" magari ispirate ai vari clan (spaziando tra le leggende di Dracula e Longino).

Quindi il mio consiglio è leggerti sul web il background di masquerade: se ti piace compra quello senza pensarci perché ti ci divertirai. Se invece la tua idea di vampiro è diversa usa Requiem che è più versatile.

Link to comment
Share on other sites

Allora... Cercando di essere più neutrale possibile.

Entrambi i sistemi di gioco sono narrativi, se guardiamo alle meccaniche pure Requiem è senza dubbio superiore a Masquerade e quindi (di fatto) è più facile da giocare...

La domanda che ti devi porre è cosa vuoi fare con i tuoi vampiri... Masquerade è MERAVIGLIOSO ma presenta un trama molto solida che (entro certi limiti) ti "imprigiona". Questo, bada bene, non è un difetto perché è quello che lo ha reso grande. Il meraviglioso gioco sociopolitico dei vampiri con la fine di tutto (Ghenna) sempre più incombente.

Al contrario Requiem è molto più leggero e meno psicologico. Questo gli da un po' il sapore annacquato ma in compenso allarga notevolmente gli orrizzonti narrativi proponendo dei vampiri meno inquadrati in società e quindi più gestibili anche in avventure più "classiche" magari ispirate ai vari clan (spaziando tra le leggende di Dracula e Longino).

Quindi il mio consiglio è leggerti sul web il background di masquerade: se ti piace compra quello senza pensarci perché ti ci divertirai. Se invece la tua idea di vampiro è diversa usa Requiem che è più versatile.

non potevi spiegarglielo meglio.:cool::bye:

Link to comment
Share on other sites

Allora sono circa 2 anni che ho i manuali di Requiem ed ancora non so decidermi se impararlo o comprare quelli di masquarade che tutti dicono sia superiore.

QUalcuno mi puo illuminare?No perche girà ritagliarmi il tempo per imparare un nuovo gioco è difficile,almeno vorrei imprarare le regole del gioco giusto...

Grazie!

Innanzitutto se già l'hai comprato, quantomeno leggitelo, altrimenti che l'hai comprato a fare? (questi manuali di Mondo di Tenebra sono molto scorrevoli e, a mio avviso, piacevoli da leggere, quindi penso non ti annoierai)

Per rispondere alla tua domanda: a livello di meccaniche di gioco credo sia migliore il nuovo sistema di Mondo di Tenebra e Vampiri - Il Requiem, molto più scorrevole. Come già detto da orcus molti bug "pesanti" sono stati sistemati e, nonstante se ne siano creati di nuovi (non esista un gioco perfetto che non ne abbia), si possono accomodare con un po' di buonsenso sensa gravare sulla struttura stessa del sistema.

Per quanto riguarda l'ambientazione, secondo me Vampiri - Il Requiem risulta meno vincolante della Masquerade, come già accennato da qualcun altro.

Io preferisco il Requiem e credo possa offrire maggiori spunti di gioco, soprattutto se si vuole giocare una campagna più politica. Inoltre l'ambientazione di Vampiri - Il Requiem è facilmente integrabile con altri giochi Mondo di Tenebra in maniera da poter arricchire le campagne con elementi nuovi (come Lupi Mannari, Maghi, Prometeani o Changeling).

Il manuale da te citato, "Antagonisti", per esempio è fatto in modo da poter essere utilizzato sia giocando "Vampiri - Il Requiem" che quasiasi altro gioco di narrazione MdT, quale "Maghi - Il Rsiveglio" o "Lupi Mannari - I Rinnegati".

Quindi ti consiglio di leggere i due manuali essenziali per poter giocare una campagna a vampiri, "Mondo di Tenebra" e "Vampiri - Il Requiem". Dato che sei alle prime armi, questi due manuali saranno più che sufficienti per imparare le meccaniche di gioco e sviluppare una tipologia di narrazione che più soddisfa e diverte te e/o i tuoi giocatori: in seguito, potrai integrare le tue campagne con nuovi moduli per arricchire o particolareggiare il gioco.

Se, invece, scopri che il gioco non ti piace, sarai sempre libero di provare la Masquerade. ;-)

P&L

Link to comment
Share on other sites

Freppi. Veramente Gilgamesh ha detto che non lo ha imparato il requiem non che non lo ha letto. Alcuni rarissimi giocatori infatti non considerano la semplice lettura del manuale come l'atto assoluto dell'impadronirsi del gioco e lui, penso, chiedeva semplicemente se è il caso di iniziare una campagna con i manuali che ha oppure se si perde qualcosa trascurando Masquerade. Questo tenendo conto che alcuni giocatori altrettanto rari (ok sono ironico ;P) non hanno intere giornate per giocare ma si trovano un paio d'ore dopo il lavoro e lo studio e quindi per loro il "cambiare gioco" è affare di mesi e non di giornate, di conseguenza la scelta diviene importantissima perché hanno meno tempo di provare.

Per il resto sono d'accordissimo con quanto hai scritto tranne sul fatto che Requiem si presta ad una campagna più politica... Non che non si possa fare ma su questo fronte Masquerade è un miglio più avanti... Se sei interessato a trame ed intrighi molto profondi Requiem non fa per te proprio perché propone troppe "scappatoie" che con un po' di esperienza un giocatorie impara a sfruttare. La rigidità sociale di Masquerade invece è sempre sia un aiuto per il master sie una sfida memorabile per i giocatori che amano gli intrighi...

Link to comment
Share on other sites

Allora... Cercando di essere più neutrale possibile.

Entrambi i sistemi di gioco sono narrativi, se guardiamo alle meccaniche pure Requiem è senza dubbio superiore a Masquerade e quindi (di fatto) è più facile da giocare...

La domanda che ti devi porre è cosa vuoi fare con i tuoi vampiri... Masquerade è MERAVIGLIOSO ma presenta un trama molto solida che (entro certi limiti) ti "imprigiona". Questo, bada bene, non è un difetto perché è quello che lo ha reso grande. Il meraviglioso gioco sociopolitico dei vampiri con la fine di tutto (Ghenna) sempre più incombente.

Al contrario Requiem è molto più leggero e meno psicologico. Questo gli da un po' il sapore annacquato ma in compenso allarga notevolmente gli orrizzonti narrativi proponendo dei vampiri meno inquadrati in società e quindi più gestibili anche in avventure più "classiche" magari ispirate ai vari clan (spaziando tra le leggende di Dracula e Longino).

Quindi il mio consiglio è leggerti sul web il background di masquerade: se ti piace compra quello senza pensarci perché ti ci divertirai. Se invece la tua idea di vampiro è diversa usa Requiem che è più versatile.

Me lo puoi fare piu semplice che non c'ho capito molto :D

EDITO: Comunque vedo che hai afferrato il discorso.Il problema è proprio il fatto è che non ho tanto tempo libero per assimilare le regole di un nuovo gioco e per questo non vorrei "sprecare tempo":

Voi mi parlate di diverso background però penso che non riuscirò mai a capire in fondo cio che mi dite senza giocarli entrambi...una cosa però posso dire di avere chiara:preferisco la distinzione Camarilla/Sabbath che quella delle concreghe religiose del requiem (che in questo modo accumune anche vampiri di clan diversi)

Link to comment
Share on other sites

Me lo puoi fare piu semplice che non c'ho capito molto :D

provo a tradurla io sebbene io sia un pò di parte.....

Vampiri The Masquerade ha un background molto completo che affonda le sue radici direttamente nella Bibbia e nella figura mitica di Caino(si proprio lui il figlio di Adamo fratello e uccisore di Caino....)

Per tre volte Dio diede a Caino la possibilità di redimere il proprio peccato, per tre volte caino bestemmiò il cielo e per tre volte Dio maledi Caino con i tratti distintivi della specie vampirica(immortalità,sete di sangue e debolezza alla luce) questo unito agli insegnamenti di un antica Megera hanno creato il vampiro moderno

Caino generò degli infanti che a loro volta generarono i 13 capostipiti degli attuali Clan Maggiori.

Da quel momento la storia di tutti i 13 clan si snoda attraverso i loro Clanbook in un eterna lotta fra clan in attesa(ma molto spesso cercando di evitare)dell'ultimo giorno:Gheenna. segnata da tre grandi eventi la nascita della Camarilla(1435) del Sabbath e l'invasione Cathiana

Il BG di Requiem invece è molto + spannometrico(IMHO) poco o nulla si sa dell'origine dei clan o dei vampiri stessi:due le tesi accreditate Longinoo colui che trafisse il costato di Gesù e ne bevve il sangue e fondatore della Lancia Santa e Dracula(al secolo Vlad Tapez) che fondò l'ordo Dracul.....

Per quanto riguarda la storia del politico vanno fatte due distinzioni:

A parte la Macro distinzione fra Sabbatici e Cammarillici la politica in Masquerade è fatta a liv di Clan e nn di Congreghe......avendo aumentato il numero di Congreghe ma diminuito il numero di clan l'ottica si è invertita andando a porre l'attenzione fra gli equilibri fra le congreghe.

Link to comment
Share on other sites

Me lo puoi fare piu semplice che non c'ho capito molto :D

EDITO: Comunque vedo che hai afferrato il discorso.Il problema è proprio il fatto è che non ho tanto tempo libero per assimilare le regole di un nuovo gioco e per questo non vorrei "sprecare tempo":

Voi mi parlate di diverso background però penso che non riuscirò mai a capire in fondo cio che mi dite senza giocarli entrambi...una cosa però posso dire di avere chiara:preferisco la distinzione Camarilla/Sabbath che quella delle concreghe religiose del requiem (che in questo modo accumune anche vampiri di clan diversi)

Anche la Camarilla ed il Sabbath accomunano clan diversi, però hai afferrato il concetto in pieno: Masquerade è nettamente diviso tra le due fazioni. Ci potranno essere lotte intestine e traditori ma questa divisione è di norma netta ed irrevocabile. Requiem invece è più libero, nulla ti vieta di ricreare in esso questa atmosfera ma tendenzialmente con la scusa delle "religioni" le distinzioni diventano labili...

Per fartela semplicissima: Masquerade=Anne Rice... Requiem=Dampir della Bonelli...;-)

Link to comment
Share on other sites

Anche la Camarilla ed il Sabbath accomunano clan diversi, però hai afferrato il concetto in pieno: Masquerade è nettamente diviso tra le due fazioni. Ci potranno essere lotte intestine e traditori ma questa divisione è di norma netta ed irrevocabile. Requiem invece è più libero, nulla ti vieta di ricreare in esso questa atmosfera ma tendenzialmente con la scusa delle "religioni" le distinzioni diventano labili...

Per fartela semplicissima: Masquerade=Anne Rice... Requiem=Dampir della Bonelli...;-)

Masquerade=Anna Rice mi sembrà molto forzata........

Link to comment
Share on other sites

Per il resto sono d'accordissimo con quanto hai scritto tranne sul fatto che Requiem si presta ad una campagna più politica... Non che non si possa fare ma su questo fronte Masquerade è un miglio più avanti... Se sei interessato a trame ed intrighi molto profondi Requiem non fa per te proprio perché propone troppe "scappatoie" che con un po' di esperienza un giocatorie impara a sfruttare. La rigidità sociale di Masquerade invece è sempre sia un aiuto per il master sie una sfida memorabile per i giocatori che amano gli intrighi...

Queste sono parole al vento: posso accettare il fatto che sia una tua opinione personale e non un dato di fatto, visto che concretamente non hai specificato cosa siano queste "scappatoie", adducendo solo che facciano parte di una meccanica di gioco che un giocatore possa sfruttare a suo vantaggio.

Invece il concetto che "la rigidità sociale possa rappresentare una sfida memorabile per i giocatori che amano gli intrighi" non l'ho capito, ma, indipendentemente da ciò, anche "Vampiri: Il Requiem" ha una struttura sociale vampirica ben definita, con regole ferree: il fatto che la situazione politica possa cambiare a seconda delle congreghe (che, tendo a sottolineare per Gilgamesh, non sono tutte religiose), della loro potenza e del loro ruolo di città in città, rende il gioco più versatile e permette al master di gestire in ogni campagna una struttura sociale (trame ed intrighi annessi) diversificata e originale. Non vedo come questa cosa possa rendere Requiem "inferiore di un miglio" rispetto alla Masquerade.

P&L

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...