Jump to content

Daniele Di Rubbo

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    232
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

Daniele Di Rubbo last won the day on December 8 2015

Daniele Di Rubbo had the most liked content!

Community Reputation

72 Ogre

1 Follower

About Daniele Di Rubbo

  • Rank
    Apprendista
  • Birthday 05/08/1986

Contact Methods

Profile Information

  • Gender
    Maschio
  • Location
    Persico Dosimo (CR)
  • GdR preferiti
    Sono appassionato di molti giochi di ruolo indie.
  • Occupazione
    Studente universitario

Recent Profile Visitors

981 profile views
  1. Mai dire mai. Per ora io non so niente a riguardo.
  2. L’ho preso anche io (dal Kickstarter) e devo dire che sembra davvero carino. Per la traduzione italiana, non so… ha altri due bei giochi pubblicati e pare che nessuno ci si sia avvicinato, finora. Speriamo…
  3. Grazie per la recensione in poche parole!
  4. Se so leggere bene, con la Season Pass ti prendi tutto il materiale che rilascerà in formato digitale.
  5. Visto e finanziato! Per ora sto sul Season Pass, perché 42 £ sono tantine.
  6. Sì, ci siamo già cerchiati. Ottimo, allora direi che ne parlo con Luca per quando esce il Kickstarter.
  7. Si potrebbe farci sopra una o più puntate di Giù lo Schermo, magari con Luca, che voleva provarlo e col quale attualmente stiamo giocando a Lovecraftesque. Tu saresti interessato a partecipare come facilitatore?
  8. Ma che belle! Credo anche che siano molto utili. Tenere tutto a mente va bene ed è facile, ma anche io preferisco la mia bella scheda sotto mano.
  9. Lo conosco di fama e ho bazzicato su alcuni suoi supplementi, ma non ci ho mai giocato.
  10. Io ci ho giocato con l’autore, Graham Walmsley, alla EtrusCon Estate 2015. Era ospite della convention e gli chiesi di facilitare il suo gioco. Ho trovato le regole molto semplici, ma completamente in linea col genere di riferimento. L’avventura, poi, è stata molto bella: era ambientata in una Londra vittoriana davvero molto inquietante. non c’era nulla che fosse veramente parte dei Miti di Cthulhu, ma era tutto così lovecraftiano… Recentemente è stato pubblicato anche Lovecraftesque (Joshua Fox e Becky Annison, 2016), che si basa completamente sul libro di Graham Stealing Cthulhu, che spiega come giocare storie di orrore weird senza scimmiottare goffamente Lovecraft e senza finire a giocare avventure di stile pulp senza arte né parte. Lo sto leggendo e credo che sia la cosa più entusiasmante che abbia mai letto per giocare avventure che si ispirano davvero ai racconti e ai romanzi di Lovecraft.
  11. @greymatter ti ha già risposto correttamente. Volevo solo aggiungere che a me, invece, è capitato abbastanza stesso, anche se non spessissimo, di avere dei giocatori che abbiano assegnato due o più legami a uno stesso personaggio nel corso della prima sessione. Io stesso lo faccio, quando vedo che è interessante o ha particolarmente senso.
  12. L’idea della pausa non è male. Potete intervallare gli archi narrativi con gioco da one shot oppure da 2–3 sessioni.
  13. Con Dungeon World credo di non essere mai andato oltre le 16 sessioni in una singola campagna, ma so di gente che ha giocato più di 20 sessioni (sempre in una singola campagna). Quanto a me, a me importa poco di giocare fino al livello 10; preferisco che l’arco narrativo sia chiuso in maniera che mi soddisfi, per cui non sto mai a guardare il numero di sessioni: non lo faccio da un pezzo. Gioco finché ha tutto un senso e tutti ci stiamo divertendo.
  14. Giusto! Mi ero dimenticato di rispondere a quella domanda. Allora, Dungeon World rende abbastanza bene anche in one shot, ossia partite da una sola sessione. Tende a rendere bene sulle distanze brevi – 2–3 sessioni – il tempo necessario a portare a compimento un’avventura. Sulle lunghe distanze, può durare tra le 10 e le 20 sessioni, con i PG che tendono a raggiungere il livello 10 attorno alla decima sessione. Tuttavia, va detto che il 10° livello non è il capolinea della storia dei PG: puoi tranquillamente andare avanti a giocare. Il gioco spiega cosa fare con i PG di livello superiore al 10°.
  15. Allora, cercherò di fare un discorso completo, tenendo conto di quanto detto da tutti. Questo è un errore. Cerca di non farlo più. Il fatto che l’MC chiami i personaggi per nome serve per cercare di farli calare nella parte: è un piccolo stratagemma per cercare di aiutare i giocatori a trattare i propri personaggi come se fossero delle persone vere. Siccome è una richiesta semplice da assolvere, cerca di farlo. @greymatter e @fenna cercano già di darti delle risposte. Se vuoi sapere come faccio io, puoi tranquillamente leggere i due link sottostanti: http://giochidalnuraghe.blogspot.it/2014/05/dungeon-world-guida-di-sopravvivenza.html https://evilcarrionetteshoppe.blogspot.it/2014/02/dungeon-world-consigli-su-come-prepararsi-alla-prima-sessione.html Il secondo link verrà migrato (a breve, spero) al seguente indirizzo: https://www.geeckoonthewall.eu/2014/02/dungeon-world-consigli-su-come-prepararsi-alla-prima-sessione.html (ora non funziona ancora: provatene uno dei due e dovreste arrivarci). Ma qui non stiamo parlando di come fa ciascuno di noi, secondo me; qui stiamo parlando di come va bene da manuale. E da manuale cosa si fa? Si creano i PG. Creare i PG è un atto solitario, ma partecipato. Vale a dire che tutte le decisioni fino ai legami sono virtualmente prese indipendentemente, ma di fatto il gruppo parla, ride, si scambia idee, chiede consigli, fa domande, ecc. mentre crea i personaggi. Tutto questo va benissimo ed è sano. Pensare di fare i personaggi “in stanze diverse” è fuori dallo spirito del gioco: non fatelo. Quando si arriva ai legami, @greymatter dice il vero: prima si fanno le presentazioni e solo dopo si passa ad assegnare almeno un legame per personaggio. Il manuale non dice manco se devi prima far dare dare tutti i legami da parte di un PG e poi passare ad un altro, oppure se devi far dare un legame alla volta a rotazione fino a che qualcuno vuole assegnarne. Tuttavia, è pratica consolidata che si vada a rotazione; questo perché dà a tutti la possibilità di costruire sulle idee degli altri e non fa partire un solo giocatore, lasciandogli dare un grande input e costringendo gli altri a seguirlo. Da regolamento le domande le puoi fare subito, quando vuoi, quando emergono. Fai domande che interessino a te, come GM, e costruiscici sopra. @greymatter dice come fa con le domande. Io, come scrivo anche nell’articolo, preferisco farle tutte alla fine, dopo i legami. Perché? Perché ho visto che, facendo nell’altro modo, rispondendo si mettono troppi paletti su delle scelte da fare a valle e poi si possono avere di problemi a far tornare il tutto (insomma, ci si autoesclude delle opzioni su scelte che di devono ancora fare). Invece, mettendo le domande a valle, le risposte tengono necessariamente conto dei paletti che sono usciti naturalmente dalla creazione dei PG. Ecco perché faccio così, ma non è sbagliato fare anche nell’altro modo. Il manuale non lo dice esplicitamente, ma D. Vincent Baker ha precisato, già dal 2010, che in Apocalypse World le St (i legami di Apocalypse World) non sono mai imposti, ma si trova un accordo. Da allora è prassi comune che i legami non siano imposti anche in altri Powered by the Apocalypse che non precisano la cosa espressamente, specie se toccano la sensibilità del giocatore in maniera particolare. Detto questo, ci sono delle precisazioni da fare: @fenna dice il vero quando fa notare che solitamente questo non è un problema: prendi quello che ti arriva dall’altro giocatore e ci costruisci sopra; @greymatter dice il vero quando dice che questo è raramente problematico perché i legami sono più che altro opinioni e tocca solo dire come il proprio personaggio ha agito di conseguenza. Eppure può essere problematico: se tu mi dai il legame e dici cosa fa il mio PG, non va bene. Non fatelo. Tu mi dai il legame e poi sta a noi, assieme, riempire i dettagli rimasti vuoti. Sta a me dire cosa ha fatto il mio PG. Sta al GM farci, quando e se lo riterrà opportuno, farci domande a riguardo. Invece, spesso noto che si tende a dire cosa fa un altro PG, ma io per primo non voglio dire cosa fa, dice, pensa un altro PG. A volte noto che anche i GM lo fanno, oppure che non si accorgono che qualcuno lo sta facendo a qualcun altro: questo non va mai bene. Non fatelo. Può succedere che un giocatore sia incontentabile: e questo legame no e quell’altro no, e il mio PG non lo farebbe mai, ecc. In questo caso il mio consiglio è di non giocare con questa persona. Non è lì davvero per giocare con voi: è un prepotente mascherato. P.S. Se volete vedere come si svolge una prima sessione di Dungeon World, sto registrando delle partite in hangout in diretta con Simone Micucci. Potete vedere la prima qui (https://plus.google.com/events/cenq7rpmk75ct9i0uikhgpmpgd8) mentre con la seconda saremo in onda stasera. Potrete vederci in diretta o quando lo vorrete qui (https://plus.google.com/events/ctnh4689ko1sl7ce5ahgcfs0nss).
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.