Jump to content

Ori Daniele

Members
  • Content Count

    9
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

3 Coboldo

About Ori Daniele

  • Rank
    Apprendista
  • Birthday 05/16/1977

Profile Information

  • Gender
    Maschio

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Salve gente! La riflessione sulla questione del baratto va avanti. Ecco una sintesi : Il baratto é il modo più diffuso per attenere beni/servizi, ma raramente é formalizzato o regolato (forse in qualche enclave? perché?). Per ora focaliziamo sulla questione beni, la nozione servizio é da sviluppare... A conti fatti (é il caso di dirlo...) e per puro piacere contabile (si, esiste...), siamo tentati dall'orientare il baratto di AWII verso un sistema di scambio più formalizzato, in soldoni, é un po' come se ci fosse una moneta... Ci sono quindi due opzioni che valutiamo : 1) Basarsi su una nozione di beni "generici" che al fine di un baratto sono considerati : "Cosaddapoco", equivalente a un pasto (modesto), +/- una dozzina di pallottole, +/- un bicchiere di una bevanda elaborata (alcool vari, tisana…)... "Cosammodo" - Ci vogliono diverse “Cosine” per fare una “Cosa”, intorno a dieci… "Tantarobba" - Ci vogliono diverse “Cose” per fare “Tanta roba”, intorno a dieci… Equivale +/- al valore Baratto di AWII. Dietro queste nozioni vaghe, di volta in volta decideremo se dettagliare (soprattutto per "Tantaroba"), o se restare sul generico. Comunque sia restiamo +/- sul concetto di "baratto" di AWII, solo che é suddiviso in 3 gruppi di valore. 2) Ci sono beni “universali” (relativamente....), molto richiesti o più riconosciuti che in generale non hanno bisogno di una vera contrattazione : rotoli tabacco, funghi/bacche/semi medicinali, vitaminici... allucinogeni (ahhh, facili da quantificare in unità!), cubetti, più meno regolari e puri, di sale, ma anché dolciumi/barrette energetiche, stecche di carne salata, pallottole, pomate e creme, semi di piante utili... tutta roba funzionale, concretamente. Potremmo integrare anché roba non funzionale alla sopravvivenza, ma indispensabili alla salvezza dell'anima... vedremo. Anché qui potremmo (dovremmo?) immaginare delle equivalenze in termini di valore : 1 cubetto sale / 10 pallottole / 10 stecche di carne = 1 pasto, +/- un bicchiere di una bevanda elaborata... 1 puffbacca = 1 fucile d'assalto... Abbiamo paura che tutto cio' sia una tentazione "mera e pericolosa", ma ci si prova! Fateci sapere cosa ne pensate! Suggerimenti/critiche! Grazie Daniele
  2. Prossima partita scateno una sanguinosa guerra per testare le diverse opzioni... 🤣🙂
  3. Vero 😁, ma mi domandavo se ci fosse un'altra alternativa prevista dal manuale che mi fosse sfuggita (mi è successo già di saltare certi paragrafi perché mi sembravano ripetizioni... sicuramente a torto). O magari mi chiedevo se c'era un'altra mossa da applicare tipo "agire sotto il fuoco", dove fattibile chiaramente, non per operazioni altamente tecniche ma per cose più semplici come bloccare una piccola emorragia... Ma forse sono pessimi e arcaici riflessi da vecchio ruolista, perché son tutte cose che non richiedono per forza una mossa e che forse dovrei risolvere in altro modo. Lunga strada davanti a me (per fortuna!)
  4. Salve à tutti! Cerco qualche idea o consiglio sulla possibilità di sviluppare, ampliare o specificare il concetto di baratto : Lasciarlo come qualcosa di vago Vs vago a momenti e specificare in certi casi, contesti Vs sostituirlo con oggetti di scambio specifici (ex. Carne salata, bilie, falangi, barre di cioccolato...). Grazie gente!
  5. Buongiorno. La mossa dell arsenale "preparato all'inevitabile" gli permette di avere un kit come quello dell angelo. Ma quindi accede anche alle 3 mosse correlate? Altra questione, nel caso di un PG che vuole curate un personaggio ma non ha accesso al kit dell angelo, come si procede? Grazie mille!
  6. Grazie Daniele! Le cose sono un po' più chiare. DW, per un vecchio rugginoso come me, é l'occasione di disimparare tante cose... ed é questo il bello! 🤣
  7. Buongiorno, ho appena iniziato a leggere il manuale di DW seconda edizione italiana. Dopo una prima lettura, non riesco a capire come si gestisce la differenza che puo esistere in termini di difficolta tra due azioni simili. Esempio, mossa tirare, lo stesso pg che deve colpire prima un bersaglio relativamente vicino (non abbastanza da essere automatico) e poi più lontano. Possibile applicare un modificatore di difficolta? Grazie per l aiuto. Daniele
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.