Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Tasha's Cauldron of Everything è uscito anche in Europa

E' ora disponibile in tutti i negozi il supplemento dedicato alla maga Tasha, pensato per espandere il regolamento con diverse nuove meccaniche di gioco.

Read more...

Idra Bizzarre

Oggi Goblin Punch, nella sua rubrica di rivisitazione dei mostri classici, ci propone delle varianti peculiari dell'Idra.

Read more...

Viaggio nella DM's Guild VI - L'isola della Tregua

Questa settimana vi parliamo de L'isola della Tregua, un'avventura uscita dalle menti di Andrea Maffia, Massimo Tartaro, Matteo Galassi e Simone Rossi Tisbeni!

Read more...

Cosa c'è di Nuovo su Kickstarter: Death of Divinity, Dreadful Realms, Heroes of the Cypher System

Vediamo assieme le ultime novità su Kickstarter relative al mondo dei GdR.

Read more...

Per Jeremy Crawford modificare razze e allineamenti in D&D richiederà anni

In un'intervista, il Lead Desiger della WotC ha parlato di Razze, Allineamenti e dei piani futuri della WotC in merito.

Read more...

Giocare senza griglia da battaglia


Recommended Posts

Prendendo spunto da questo articolo ho provato il combattimento senza griglia in 5a e mi è piaciuto. 

Oggi ho letto quest'altro articolo e mi è venuta voglia di provarlo anche nella 3.5. 

Secondo voi è possibile senza operare modifiche al regolamento? Gli stessi consigli e considerazioni dei due articoli possono apllicarsi anche alla 3.5? 

Preciso che non consiero giocare senza griglia un modo migliore di giocare e nemmeno il contrario. Vorrei quindi evitare le diatribe su questo punto. 

Grazie!

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites

  • Replies 13
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Prendendo spunto da questo articolo ho provato il combattimento senza griglia in 5a e mi è piaciuto.  Oggi ho letto quest'altro articolo e mi è venuta voglia di provarlo anche nella 3.5.  Se

Sì a entrambe le domande. Per come è strutturata, però, la 3.5 dà il meglio di sé con griglia. In ogni caso, buon gioco!

Sempre giocato senza griglia con il "teatro della mente" o facendo mappe spannometriche su carta, solo in rari casi abbiamo abbozzato una mappa quadrettata. Inutile dire che ci siamo sempre trovati be

39 minuti fa, Lucane ha scritto:

Secondo voi è possibile senza operare modifiche al regolamento? Gli stessi consigli e considerazioni dei due articoli possono apllicarsi anche alla 3.5?

Sì a entrambe le domande.

Per come è strutturata, però, la 3.5 dà il meglio di sé con griglia.

In ogni caso, buon gioco!

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Lucane ha scritto:

Secondo voi è possibile senza operare modifiche al regolamento? Gli stessi consigli e considerazioni dei due articoli possono apllicarsi anche alla 3.5? 

Sempre giocato senza griglia con il "teatro della mente" o facendo mappe spannometriche su carta, solo in rari casi abbiamo abbozzato una mappa quadrettata. Inutile dire che ci siamo sempre trovati bene senza.
Personalmente ho sempre trovato la griglia limitante e una giustificazione a quelle (per me) odiose mosse come "lancio la palla di fuoco in questo quadretto così colpisco i nemici, ma non il mio alleato che è 1,5m più indietro".  A me sembra paradossale che nel mezzo della battaglia riesca a misurare con precisione i metri di distanza per colpire solo chi vuole lui.

Ovviamente, e non mi pare di averlo visto sottolineare dall'articolo, giocare in questo modo vuol dire affidarsi più al DM e non poterlo contraddire sulle distanze. È anche vero che il bravo DM non è avversario dei giocatori, bensì loro alleato nel creare uno scontro entusiasmante.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
1 hour ago, Lucane said:

Secondo voi è possibile senza operare modifiche al regolamento? Gli stessi consigli e considerazioni dei due articoli possono apllicarsi anche alla 3.5? 

Senz'altro è possibile giocare senza griglia in 3.5, come in qualunque versione di D&D.

C'è da dire che nella 3.5 ci sono, rispetto alla 5, molti più fattori "posizionali" (fiancheggiamento, più occasioni per attacchi di opportunità...) che, se si gioca senza griglia, verrebbero di fatto affidati al DM. Niente di male, ma il DM si troverebbe con più variabili da gestire.

Link to post
Share on other sites

Grazie per le risposte! 

Mi pare di capire che sia una cosa fattibile, ma che richiede un certo impegno in più da parte del master per tenere sotto controllo la complessità del combattimento. 

@Maxwell Monster in che senso rallenta un pò il ritmo? Avrei pensato il contrario, non trovandosi nelle situazioni tipo quella descritta da @KlunK riguardo ai calcoli millimetrici per gli incantesimi. 

Uno dei vari dubbi che mi vengono in mente riguarda la velocità dei personaggi. 

Nel mio party ho un nano barbaro che muove a 9m, un'esploratrice che muove a 15m e una druida che muove a 12m . 

In particolare la giocatrice dell'esploratrice ama molto sfruttare la sua velocità notevole e la mobilità del suo personaggio per avantaggiarsi rispetto ai nemici. Come faccio a gestire questa situazione mantenendo la giusta proporzione tra le velocità dei personaggi? 

Link to post
Share on other sites
17 ore fa, Lucane ha scritto:

Uno dei vari dubbi che mi vengono in mente riguarda la velocità dei personaggi. 

Nel mio party ho un nano barbaro che muove a 9m, un'esploratrice che muove a 15m e una druida che muove a 12m . 

In particolare la giocatrice dell'esploratrice ama molto sfruttare la sua velocità notevole e la mobilità del suo personaggio per avantaggiarsi rispetto ai nemici. Come faccio a gestire questa situazione mantenendo la giusta proporzione tra le velocità dei personaggi?

Le distanze sono comunque definite.
Es. il nemico è 20m, quindi il barbaro anche se carica non ci arriva, l'esploratrice può muoversi abbastanza vicino da avere i bonus di tiro ravvicinato nell'attacco che fa con la schermaglia, mentre la druida può caricare oppure muoversi e lanciare un incantesimo con raggio vicino.

16 ore fa, Maxwell Monster ha scritto:

continuamente ci si doveva spiegare su chi fosse dove ,

e se facesse scattare att. opp. .

anche scrivendolo , si perdeva tempo .

Noi non abbiamo avuto questi problemi, forse non siamo così fiscali su quel metro in più o in meno.

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
2 ore fa, KlunK ha scritto:

 

Noi non abbiamo avuto questi problemi, forse non siamo così fiscali su quel metro in più o in meno.

è il pregio\difetto della 3°\3.5 , è tecnica ,

se inizi a smontar la meccanica , sembra traballare sempre di più .

la 5° per dire , è più grossolana , ma si presta meglio a queste cose .

Link to post
Share on other sites
14 minuti fa, Maxwell Monster ha scritto:

è il pregio\difetto della 3°\3.5 , è tecnica ,

se inizi a smontar la meccanica , sembra traballare sempre di più

Nessuno parla di smontare la meccanica, semplicemente di non stare a fare calcoli trigonometrici per giocare.
A meno poi di campi di battaglia incredibilmente complessi il 90% degli AdO si ha muovendosi vicino a un nemico con portata maggiore dell'attaccante. E qui la precisione della distanza conta poco. Se si parla di girare intorno ad un nemico con grande portata, basta solo considerare la distanza dal nemico e si ha abbastanza movimento per aggirarlo: sei a 9m dal gigante con portata 6m? Se ti muovi di 9m per arrivare dall'altra parte non ci arrivi con un movimento, devi farne almeno due.
Se parliamo invece di attaccare sui fianchi, basta essere elastici in entrambi i sensi: se si ha abbastanza movimento ci si può posizionare per fiancheggiare senza stare a contare quel metro in più o meno. Viceversa se il movimento è ridotto non si arriva a fiancheggiare anche se mettendo le cose su una griglia si arriverebbe giusto nel quadretto necessario.

Link to post
Share on other sites
50 minuti fa, KlunK ha scritto:

Nessuno parla di smontare la meccanica, semplicemente di non stare a fare calcoli trigonometrici per giocare.
A meno poi di campi di battaglia incredibilmente complessi il 90% degli AdO si ha muovendosi vicino a un nemico con portata maggiore dell'attaccante. E qui la precisione della distanza conta poco. Se si parla di girare intorno ad un nemico con grande portata, basta solo considerare la distanza dal nemico e si ha abbastanza movimento per aggirarlo: sei a 9m dal gigante con portata 6m? Se ti muovi di 9m per arrivare dall'altra parte non ci arrivi con un movimento, devi farne almeno due.
Se parliamo invece di attaccare sui fianchi, basta essere elastici in entrambi i sensi: se si ha abbastanza movimento ci si può posizionare per fiancheggiare senza stare a contare quel metro in più o meno. Viceversa se il movimento è ridotto non si arriva a fiancheggiare anche se mettendo le cose su una griglia si arriverebbe giusto nel quadretto necessario.

non ci si riusciva ad accordarsi al tavolo , troppe regole e numeri ,

se si faceva come dici tu ,

altri stavano a fiscalizzare su elementi terzi ( come ostacoli , oggetti) ,

spazi effettivi (non tutte le stanze erano grandi)

ed altre sgrossature numeriche ("se qui ignori\modifichi questo , allora perchè non quello?") .

con la 5° abbiamo risolto (perno di tutto , meno cavilli , specie su att.opp.) .

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Maxwell Monster ha scritto:

non ci si riusciva ad accordarsi al tavolo , troppe regole e numeri ,

se si faceva come dici tu ,

altri stavano a fiscalizzare su elementi terzi ( come ostacoli , oggetti) ,

spazi effettivi (non tutte le stanze erano grandi)

ed altre sgrossature numeriche ("se qui ignori\modifichi questo , allora perchè non quello?") .

Certamente come ho detto bisogna avere una certa elasticità ed affidarsi al DM ciecamente.
Certo che se i giocatori ci tengono alle misure millimetriche e ritengono che possano lanciare la palla di fuoco esattamente in quel quadretto perché non ci sono regole che lo impediscono, non è applicabile questo stile di gioco.
Però trovo che sia indice di non fidarsi del DM pensando che ti voglia fregare, oppure ritenere di dovere applicare tutte le regole alla lettera a discapito anche del gioco stesso. Che poi si divertano così non lo metto in dubbio, non so se poi tutti al tavolo si divertano allo stesso modo.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
1 ora fa, KlunK ha scritto:

Certamente come ho detto bisogna avere una certa elasticità ed affidarsi al DM ciecamente.
Certo che se i giocatori ci tengono alle misure millimetriche e ritengono che possano lanciare la palla di fuoco esattamente in quel quadretto perché non ci sono regole che lo impediscono, non è applicabile questo stile di gioco.
Però trovo che sia indice di non fidarsi del DM pensando che ti voglia fregare, oppure ritenere di dovere applicare tutte le regole alla lettera a discapito anche del gioco stesso. Che poi si divertano così non lo metto in dubbio, non so se poi tutti al tavolo si divertano allo stesso modo.

fregare no , ma la 3° era piuttosto precisa , e non ci metteva d ' accordo .

e non ci divertivamo .

con la 5° questi problemi non li abbiamo .

ma è questione di stili di gioco ,

entrambe le edizioni hanno pro e contro .

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Grazie ancora per le risposte esaurienti.

SIamo un gruppo che gioca insieme da dieci anni, siamo molto affiatati e i giocatori hanno sempre gradito le mie proposte o quelle di altri giocatori impegnandosi per metterle in pratica.

Appena potremo incontrarci di nuovo proverò il metodo di KlunK, con una certa astrazione dei movimenti. Credo che all'inizio sarà un pochino complicato il passaggio, sia per l'esploratrice che per la druida con gli incantesimi di controllo del terreno di scontro, ma lo posso scoprire solo provando. 

Per quel che mi riguarda avete risposto alla mia domanda più che bene, grazie!

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Similar Content

    • By Hero81
      Ciao a tutti,
      ho scritto questo piccolo file per giocare a Rolemaster senza le tabelle: ispirato alle Express Addenda Issue 3. (Un'espansione di Rolemaster Express)
      Provai a pubblicarlo sul forum ICE ma non mi hanno dato l'imprimatur.
      Un comportamento strano: all'inizio si erano detti interessati.....poi non si sono fatti più sentire.
      Forse è stata colpa dell'inglese... mmmh...imperfetto ma tant'è: mi sembra un peccato che marcisca sul mio hard disk per cui lo condivido qua.
      Chissà che qualche appassionato di questo antico regolamento non mi dia un parere.
      Ho aggiornato il file causa errore nella versione precedente.
       
       
      Rolemaster Hack (3).pdf
    • By Keyn
      Salve è da un pò che sto lavorando a questo contenuto homebrew, si tratta di un Giuramento sacro per la classe del Paladino per D&D 5° edizione.
      Inizialmente l'idea era quella di creare un archetipo che si concentrasse sul combattere draghi e creature simili (il nome iniziale era giuramento dell'Ammazzadraghi). Ho bocciato quest'idea quasi subito poiché portava l'archetipo ad essere nulla di più che un paladino Giuramento di vendetta incrociato con un ranger. Di questa idea l'unica cosa che rimane è il collegamento con i draghi ma il flavour è estremamente diverso rendendolo più simile a quello che potrebbe essere un paladino di bahamut o di Tiamat (o qualsiasi altra divinità di natura draconica) I dettami infatti sono molto liberi e non favoriscono un particolare allineamento rispetto ad un altro.
      L'archetipo è quasi completo e per come si presenta ora credo possa tranquillamente essere utilizzato in una campagna, tuttavia sono convinto che possano essere apportati ancora alcuni aggiustamenti per renderlo meglio equilibrato
      Di seguito il pdf del giuramento, se avete qualche suggerimento fatemi sapere
      Giuramento del Dragone.pdf
    • By Hero81
      Ciao,
      ogni master ha le sue varianti sui riposi, il manuale ne suggerisce alcune.
      Per la mia prossima campagna stavo valutando le seguenti.
      Tre categorie in vece delle solite due:
      Breve (30 min): non si recuperano punti ferita, nessuna modifica alle abilità che consentono di recuperare slot ogni riposo breve.
      Lungo (8 ore): si tirano i dadi vita, si recuperano tutti gli slot.
      Esteso (1 settimana): si recuperano tutti i punti ferita, i dadi vita e gli slot.
       
      Che ne pensate?
    • By Hero81
      Ciao,
      questa variante non ha niente a che fare con i miniciccioli: si tratta invece, quando un dado di danno ottiene il risultato massimo, di ritirarlo e sommare.
      Se si ottiene di nuovo il massimo continuare a ritirare e sommare finché non si ottiene un punteggio diverso dal massimo.
      Esempio: danno da ascia a due mani = 1d12.
      Si ottiene 12...si ritira...si ottiene un altro 12...si ritira....si ottiene 5 risultato: 12 + 12 + 5 = 29 danni.
      La variante è simmetrica: impatta PG e PNG allo stesso modo ma, in generale, rende il gioco più letale e  più pericolosi i gruppi numerosi di nemici inferiori.
    • By Arkoss
      Salve a tutti, ho già masterato una campagna e una oneshot e adesso sto mostrando un'altra campagna ma ho sempre riscontrato il problema di come gestire i tempi e le sessioni di viaggio. Se i PG devono percorrere una lunga distanza per arrivare al punto o al luogo in cui la storia continua, come fate voi a gestire ciò? Fate giocare tutta la sessione e se serve continuare anche nella prossima  in cui i PG viaggiano e quindi inserite qualche incontro nelle terre selvagge o saltate buona parte del viaggio per non perdere il flusso della storia? Grazie in anticipo 🙂

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.