Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Rivers of London GdR: Un'Intervista

Charles Dunwoody ha intervistato Lynne Hardy, una delle designer che si sta occupando del GdR ispirato a I Fiumi di Londra, la serie di romanzi urban fantasy di Ben Aaronovitch.

Read more...

Jabberwocky

Oggi Goblin Punch, nella sua rubrica di rivisitazione dei mostri classici, ci parla del Jabberwocky, una bizzarra creatura nata dalla penna di Lewis Carroll.

Read more...

Need Games: le novità di Natale 2020 e del primo semestre 2021

Riempite la letterina a Babbo Natale con le novità Need Games in uscita a Dicembre e nei primi mesi dell'anno prossimo!

Read more...

Recensione: Mythic Odysseys of Theros

Dopo Ravnica, l'altra ambientazione per i set di Magic the Gathering che è stata convertita a D&D 5E è stata Theros, con il manuale Mythic Odyssesys of Theros.

Read more...

Humble Bundle: Cyberpunk 2020

R Talsorian e Humble Bundle lanciano una nuova offerta, permettendoci di fare un salto nel 2020 delle megacorporazioni e della Matrice.

Read more...

Il Silmarillion: il prima e il dopo...


Recommended Posts

3 giorni fa è morto Christopher, il bambino a cui veniva raccontato il Silmarillion e il Signore degli Anelli. 

 

Il Prima:

Volevo un attimo dire qualcosa su Tolkien. Da dove viene la grandezza di Tolkien? 

  • 1891 (vedi tre)
  • Gli muore il padre a 4 anni, poi ha un periodo in cui si sposta da un posto all'altro con la famiglia (questo è un evento stressorio molto maggiore per un bambino di quanto pensate), e a 12 anni gli muore la madre. Bach, Dante, Dostoevsky, Orson Welles un sacco di tier 1 condividono la perdita di entrambi i genitori entro l'adolescenza (ma non orfani dalla nascita: si sentirebbe di meno perché si è abituati)
  • Viene istruito dalla madre sin da piccolo alla linguistica e alla favolistica
  • La mia teoria è che la qualità del "Signore degli Anelli" e del "Silmarillion" è la qualità di quella generazione estremamente creativa un po' in tutta europa e specie in alcune zone, come Vienna. [Virginia Woolf: 1882; Joyce: 1882; Kafka: 1883; Ezra Pund: 1885; Pessoa: 1888; Ungaretti: 1888; Stearns Eliot: 1888; Lovecraft: 1890; Pasternak: 1890; Bulgakov: 1891; Huxley: 1894; Scott-Fitzgerald: 1896; Montale: 1896; Bretch: 1898; Garcia Lorca: 1898; Borges:1899, Nabokov: 1899; etc.]; Insomma chi ha vissuto la gioventù durante la Belle Epòque e la seconda rivoluzione industriale, e che aveva 25 anni più o meno all'inizio del 1900 con tutto il clima delle Avanguardie (durante quegli anni nascono il fantasy (Gods of Pegana 1897), i Supereroi (Hugo Hercules 1903), la fantascienza ha una storia più spalmata ma esattamente in quegli anni H.G. Wells inventava sei o sette generi tra cui le Invasioni Aliene pari pari ai film che fanno oggi (War of Words, 1987, lo stesso anno di Pegana). 

Tre bombe, ed ecco come nasce un classico: Tolkien.

Quello che è stato poco chiarificato fino ad oggi: Tolkien ha inventato la fonoestetica la bellezza delle parole. Il fatto che abbia inventato una cosa totalmente nuova, forse una nuova (per quanto marginale) arte, è equipollente al fatto che nei Four Quartets, Eliot concepì l'opera come una sinfonia, o che Fitzgerald riuscì ad essere un raffinato (e Great) europeo-dostoevkyano pur essendo statunitense. È (che YouMath mi dice basta fare Alt + 0200 per avere la è grande accentata, ma non funziona quindi ogni volta la devo copiaincollare per non fare la figura dell'ignorante; e per fare questa digressione mi sono scordato cosa doveva seguire la è, ma lascio così). Ah ecco che dovevo dire, è (la È di prima xD) un caso che Lovecraft - che personalmente ritengo una persona che di suo non sarebbe stata né creativa, né niente - siano praticamente coetanei?

Per quanto riguarda la parte puramente letteraria (per me Tolkien non è letteratura seria, le lingue sono praticamente un'arte a parte). Anche il corpus di legende dal nulla è una cosa abbastanza originale, ma meno delle creazioni linguistiche. Il Signore Oscuro e la guerra medioevale tra le Forze del Bene e le Forze del Male seppure una cosa da bambini (rispetto al Fitzgerald di This Side of Paradise, per esempio) in qualche modo è un meme con un potere virale per chi scrive fantasy addirittura superiore al Marxismo o alla linguistica Hegeliana per chi fa filosofia, così come gli Elfinanihalflingorchi, tanto è vero che romanzi fantasy che sono copie di LoTR si contano sulle dita di una mano. Di ogni cinese vivente.

In qualche modo ci sono altre cose che non riesco a decifrare del perché mi piace Tolkien (non a livello letterario e psicologico, per carità, a livello di gdr), e ripeto che credo che sia perché è stato comunque un prodotto dei tre punti che ho elencato (più forse un quarto, che le scriveva per suo figlio Christopher come sua madre gli raccontava le fiabe prima che morisse; più forse un quinto, Reuel è un nome in perfetta estetica tolkeniana della lingua e il suffisso sia celtico che ebreo -el è il suo suffisso più usato (e quello più bello, dai..), così come -ien; non so quanti nomi elfici terminano in -el o -ien; è paragonabile solo al nominativo/accusativo greco e comunque ancora presente nel celtico -os/-on, questi quattro sono forse i più usati nel fantasy in assoluto, tanto che purtroppo se ne sono accorti anche i fantatrash...)

Inoltre, il fatto che fosse un conservatore un po' bigotto, conservatore e classicista, forse l'ha reso impermeabile al modernismo: ma la pressione artistica del suo tempo, oltre che le sue esperienze di vita, hanno premuto ed è venuto fuori qualcosa di non solo originale, ma diverso da tutto il resto (proprio perché non contaminato). 

La prosa di Tolkien è di serie tra la M e la N, le storyline tra la O e la P (trasporta Frodo su un Aquila e butta l'anello; i Morti al Pelennor vince il premio Peggior Deus Ex Machina della storia della letteratura occidentale), ma nessuno prima di lui aveva mai dato così importanza a quanto fossero belle le parole.

La qualità, l'attenzione e l'intelligenza del Quenya e di tutte le altre invenzioni lunguistiche di Tolkien, dei nomi così belli che ogni volta ti stupisci quanto cavolo siano belli, e ogni volta che ne scopri uno nuovo ti sembra di averlo già sentito per quanto è bello, è una invenzione meravigliosa e di per se non meno intelligente di alcune idee della "Letteratura Alta" di Eliot&Co.

 

(ps. e per carità, basta con le razze tolkeniane; quella è un miscuglio tra le leggende nordiche e la cultura razzista del tempo anche di chi non lo era, ma oggi è veramente come cercare di estrarre del latte dalla polvere delle ossa di una mucca; solo in D&D 4 ho visto un tentativo di ripristinarne il sense of wonder negli elfi: si è scorporata la componente dell'estetica fatata dei gas ionizzati (aurore, gas luminosi, stelle, etc. che peraltro nel fantatrash statunitense stava diventando praticamente glam) da quella puramente silvana, perché con gli anni il sense of wonder calava e si cercava di come dire migliorarli, ma le due estetiche tiravano una da una parte una dall'altra: separarli è stato un colpo da maestro che aveva già avviato quello di Planescape con gli Eladrin (nome degno di Tolkien)

 

Il Dopo: ...?

 

Namárië 🙂 

Edited by The Dungeon Master
Link to post
Share on other sites

  • Replies 5
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Di cosa vuole parlare, esattamente, questa discussione? Domandato questo, passo alla mia opinione di Tolken: riassumendola in una parola, "sopravvalutato" (imho). Il suo modo di scrivere è cos

Se intendi il fatto di aver creato da zero le lingue della Terra di Mezzo (vocabolario, grammatica, sintassi, eccetera), concordo al 200% che Tolkien fosse un filologo coi fiocchi, questo non lo può n

Di cosa vuole parlare, esattamente, questa discussione? :mmm2-old:

Domandato questo, passo alla mia opinione di Tolken: riassumendola in una parola, "sopravvalutato" (imho).
Il suo modo di scrivere è così prolisso da essere noioso (il Silmarillion è il primo libro che ho abbandonato -più di una volta- dopo averlo iniziato, nonostante abbia letto con piacere e senza difficoltà la Bibbia fin da bambino); io sono uno che preferisce leggere cose buone scritte con un linguaggio terra-terra, piuttosto che cose mediocri scritte con linguaggio colto ed aulico... insomma, sono uno che guarda più alla sostanza che all'apparenza, e secondo me Tolkien è -sfortunatamente- per il 90% apparenza.
Non voglio dire che la narrativa riguardante la Terra di Mezzo (Silmarillion, Hobbit, e Signore degli Anelli) sia "una cagata pazzesca", ma se la osserviamo attentamente ci renderemo conto che si tratta semplicemente di un mix -molto ben riuscito, a livello di idee, molto meno per come è scritto- tra mitologia celtico-norrena (nani, elfi, orchi, draghi, oggetti magici, il tema del viaggio) e cristianesimo (bene contro male, la seduzione del potere che corrompe).

Senza Tolkien probabilmente non avremo molto del fantasy moderno, D&D compreso (che, anche se fosse uscito, probabilmente sarebbe stato molto diverso, e non sò quanto successo avrebbe avuto); su questo non si discute, e infatti gli sono molto grato per la sua parte -seppur involontaria- nella creazione dei gdr... ma ciò non toglie che, come ho scritto all'inizio, secondo me la sua opera è molto sopravvalutata.

 

4 ore fa, The Dungeon Master ha scritto:

3 giorni fa è morto Christopher, il bambino a cui veniva raccontato il Silmarillion e il Signore degli Anelli.

Ora speriamo solo che non si avveri questa fosca previsione:

EL2lFoe.png

  • Haha 1
Link to post
Share on other sites

@MattoMatteo il Silmarillion non è un'opera completa, sono le bozze di Tolkien riunite insieme che lui non aveva sistemato per un'eventuale pubblicazione, fu il figlio a farle pubblicare comunque per dare più completezza all'opera del padre.

Poi vorrei davvero sapere a quali autori che scrivono "cose buone" ti riferisci.

Link to post
Share on other sites

La discussione voleva parlare di come ha fatto Tolkien a diventare Tolkien e a raggiungere quella qualità.

3 ore fa, MattoMatteo ha scritto:

nonostante abbia letto con piacere e senza difficoltà la Bibbia fin da bambino

Complimentoni, io sono arrivato al massimo a qualche mezz'ora di Finnegans Wake! Scherzo, proprio una paio di mesi fa la leggiucchiai, ce l'avevo in casa. 

 

Sopravvalutato come scrittore, sottovalutatissimo per il fatto di avere creato una piccola arte a se stante. Sarà sopravvalutato da chi non ha mai preso in mano un libro di un autore, chi vive di letteratura sa bene che non è un autore. 

 

17 ore fa, Grimorio ha scritto:

Poi vorrei davvero sapere a quali autori che scrivono "cose buone" ti riferisci.

Fantasy e Fantascienza? Veramente pochi. Gaiman, quello di Neuromancer, quello di Solaris, Moore e pochi altri. Gente che poteva scrivere altro ma ha scelto di scrivere fantastico. Ma è solo una copertina, rimangono libri seri adattati al fantastico... Robert Jordan e Terry Brooks non avrebbero mai potuto scrivere un romanzo serio, e neanche Tolkien.

 

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, The Dungeon Master ha scritto:

sottovalutatissimo per il fatto di avere creato una piccola arte a se stante

Se intendi il fatto di aver creato da zero le lingue della Terra di Mezzo (vocabolario, grammatica, sintassi, eccetera), concordo al 200% che Tolkien fosse un filologo coi fiocchi, questo non lo può negare nessuno; credo che nessun autore di racconti fantasy o di fantascienza, abbia mai fatto niente di anche solo lontanamente paragonabile!
Tanto per fare un'esempio: persino Christopher Paolini, a quanto ho capito, in "Eragon" si è limitato ad usare lingue antiche per l'eflico e il nanico... quindi non sò nemmeno se il suo "lavoro" vada conteggiato (e credo sia l'unico che abbia fatto anche un minimo sforzo in tal senso)!

 

1 ora fa, The Dungeon Master ha scritto:

Robert Jordan e Terry Brooks non avrebbero mai potuto scrivere un romanzo serio, e neanche Tolkien.

Mah, "La Spada di Shannara" e "Le Pietre Magiche di Shannara" non sono affatto male; imho, dire che "La Spada di Shannara" è la brutta copia de "Il Signore degli Anelli", solo perchè in entrambe le storie c'è un gruppo di eroi (di cui alcuni costretti per forza), un'oggetto magico, e un signore del male da sconfiggere, è come dire che "I tre porcellini" è la brutta copia di "Cappuccetto rosso" (o viceversa) solo perchè in entrambe le storie il cattivo è un lupo.
Che però poi Brooks si sia adagiato sugli allori, scrivendo storie sempre uguali (oramai, sono arrivato al punto che riesco a capire dove andrà a parare uno dei suoi libri, dopo averne letto appena un quarto!), sono il primo ad ammetterlo. 😁

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
23 ore fa, MattoMatteo ha scritto:

Se intendi il fatto di aver creato da zero le lingue della Terra di Mezzo (vocabolario, grammatica, sintassi, eccetera), concordo al 200% che Tolkien fosse un filologo coi fiocchi, questo non lo può negare nessuno; credo che nessun autore di racconti fantasy o di fantascienza, abbia mai fatto niente di anche solo lontanamente paragonabile!

 

Esatto, volevo dire che la sua attenzione per l'estetica delle parole, che sembra nata dal nulla, in realtà è nata in un contesto molto più importante di quello che uno può immaginare, il contesto in cui sono nate la Relatività, le prime squadre di calcio, la radio e la maggior parte degli elettrodomestici, le Banche centrali, il rumorismo musicale, il Fantasy e i Supereroi, la Fantascienza almeno sugli attacchi alieni, i kaiju etc.

 

Avere 15-20 anni e degli interessi letterari, se vedere il mondo schizzare così in avanti mentre stai recuperando dalla perdita di entrambi i genitori è proprio il motivo dell'eleganza irriducibile del Quenya (ma anche della viralità così potente del meme ridicolo del Signore Oscuro). Ripeto che per me scrivere una lingua elegante e anzi di più, pensare al concetto di una parola e di una lingua fonologicamente elegante, è un'arte non meno dignitosa e intelligente che dipingere un quadro d'avanguardia o scrivere una fuga.

Ricordiamocelo quando leggiamo di nuovo Tolkien, deus ex e monodimensionalità dei personaggi a parte.

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Similar Content

    • By MadLuke
      Le descrizioni dei paesaggi sono parecchio minuziose, ma la prosa non è affatto coinvolgente o emozionante, tanto che sembra più di leggere una guida turistica che un romanzo. La prosa incredibilmente pedante, ritorna anche nei combattimenti (che in un romanzo fantasy dovrebbero avere un certo rilievo), invece sono sempre resi da descrizioni brevi e ripetitive. Lo stesso paradigma è applicato poi alla battaglia che si annuncia campale, ma si risolve in pochi brevi paragrafi, come durasse mezzora. Le parti di "corteggiamento" tra i due protagonisti poi, sembrano scritte da un adolescente (ma maschio, non femmina come invece e l'autrice): "lui era bellissimo, lei era splendida, a lui batteva il cuore..." e altre melense banalità. Più in generale tutta la storia è una noiosissima sequela di scene senza spessore. Anche nella parte finale dove mi appare evidente il concitamento della scena, il libro non mi ha coinvolto. Ci sono elementi dell'ambientazione e della vita della protagonista che ho trovato parecchio interessanti, ma rimangono unicamente una promessa, in quanto l'autrice li tradisce abbondandentemente, da una parte con eccessivi sofismi, dall'altra con mancanza di espressioni concrete.
      Voto: 1/5
    • By Estraneo
      Cari amici di Dragons’ Lair,
      come qualche anno addietro passo di qui per riunire il popolo dei nerd, così che possa darmi una mano in un mio progetto.
      Qualcuno si ricorderà che nel 2016 ho pubblicato un romanzo con Bookabook, un editore milanese che richiede come primo step una campagna di crowdfunding.
      Si tratta di un romanzo fantasy, intitolato Verso le Nebbie.
      Volevo scrivere una storia con un'ambientazione classica, ma con qualche punto originale: un fantasy senza un oscuro signore o un regno del male, niente profezie e prescelti, ma una storia eroica con un'anima appena un po' gritty. Giuro che non c'è nessuna protagonista mezzelfa con i capelli blu e gli occhi drammaticamente troppo grandi!
      Insomma: l'obiettivo era una via di mezzo che potesse portare Il Signore degli Anelli in un'orbita più vicina a Martin o Abercrombie (sia chiaro: penso di aver scritto un bel romanzo, ma ne devo mangiare di cereali sottomarca prima di ritenermi al loro livello #mettolemaniavanti ).
      Il libro è stato un buon successo, chi lo ha letto è rimasto piacevolmente sorpreso e io ho avuto la mia dose di nutrimento per l'ego. Per essere un editore minuscolo, devo dire che Bookabook mi ha permesso di essere un minimo riconosciuto per il mio lavoro.
      Venerdì scorso è partita la campagna per il seguito, intitolato Oltre il Velo. L'obiettivo è di arrivare a 200 preordini, non importa se di copie digitali o cartacee. Una volta raggiunto il traguardo, il romanzo passa all'editing, viene impaginato, si realizza la copertina e viene distribuito nei canali delle librerie.
      Se volete darmi una mano, ecco il link alla campagna:
      https://bookabook.it/libri/oltre-il-velo/
      Se non avete letto il primo libro, lo trovate a meno di 1€ in formato elettronico qui:
      https://bookabook.it/libri/verso-le-nebbie/
      Oppure in formato cartaceo qui:
      https://www.amazon.it/Verso-nebbie-Lorenzo-Zampieri

      Per chi è a Milano, offro naturalmente un autografo sulla vostra copia (anche in forma di post.it da appiccicare al Kindle, nel caso)
      Se oltre a partecipare alla campagna avete dei consigli di marketing, sono tutto orecchie. Contrariamente a quanto ci si aspetta, io sono un disastro nella promozione!
       
       
    • By Aranar
      Buongiorno a tutti, nella wikipedia c'è un elenco dei romanzi ambientati nei Forgotten Realms che corrisponde a quelli in mio possesso ma temo di non essere più aggiornato. O sbaglio?
    • By ARRY
      Buongiorno, vi scrivo per un'informazione, sono un grandissimo appassionato di Tolkien e credo di aver letto praticamente tutti i suoi romanzi tradotti in italiano. Ora vorrei leggere una sua biografia ma ho visto che ne sono state pubblicate e tradotte in italiano varie edizioni e non so quale scegliere. Personalmente cerco un'opera che non sia solo il racconto di una successione di eventi ma un'opera che mi dia anche un punto di vista critico sull'opera del grande scrittore. Come esempio di una biografica "critica" molto ben riuscita personalmente citerei "Io sono vivo, voi siete morti" di Emmanuel Carrèr.   Sapreste consigliarmi qualcosa di simile sulla vita di Tolkien?  
    • By Ian Morgenvelt
      Ho recentemente finito "Shadow of Self", il secondo libro della seconda era di Mistborn, dove sono presenti i primi riferimenti al "Cosmere". Chiedo quindi un consiglio agli altri appassionati: è sensato concludere la trilogia? Oppure sarebbe più opportuno leggere qualche altro libro di Sanderson, dato che la mia conoscenza del Cosmere si ferma a Scadrial?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.