Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Sottoclassi, Parte 4

Articolo di Ben Petrisor, con Jeremy Crawford, Dan Dillon e Taymoor Rehman - 5 Agosto 2020
Due spettrali Sottoclassi si manifestano negli Arcani Rivelati di oggi: il College degli Spiriti (College of Spirits) per il Bardo e il Patrono Non Morto (Undead Patron) per il Warlock. Potete trovare questi talenti nel PDF disponibile più in basso, mentre rilasceremo presto un sondaggio per sapere cosa ne pensate di loro.
Questo è Materiale da Playtest
Il materiale degli Arcani Rivelati è presentato allo scopo di effettuarne il playtesting e di stimolare la vostra immaginazione. Queste meccaniche di gioco sono ancora delle bozze, usabili nelle vostre campagne ma non ancora forgiate tramite playtest e iterazioni ripetute. Non sono ufficialmente parte del gioco. Per queste ragioni, il materiale presentato in questa rubrica non è legale per gli eventi del D&D Adventurers League.
arcani rivelati: sottoclassi, parte 4
Link all'articolo originale: https://dnd.wizards.com/articles/unearthed-arcana/subclasses-part-4
Read more...

Curse of Strahd: la Beadle & Grimm pubblicherà la Legendary Edition

Se la Revamped Edition recentemente annunciata dalla WotC non dovesse bastarvi, potrebbe essere vostro interesse sapere che la Beadle & Grimms ha deciso di pubblicare la Legendary Edition di Curse of Strahd, l'Avventura dark fantasy per D&D 5e ambientata a Ravenloft (qui potete trovare la recensione pubblicata su DL'). Per chi tra voi non lo sapesse, le Legendary Edition della Beadle & Grimm sono versioni extra-lusso delle avventure pubblicate dalla WotC per D&D, contenenti oltre all'avventura tutta una serie di accessori pensati per rendere l'esperienza dei giocatori più immersiva e divertente.
Al costo di 359 dollari, dunque, all'interno della Legendary Edition di Curse of Strahd potrete trovare:
l'Avventura per D&D 5e Curse of Strahd suddivisa in libri più piccoli, in modo da aiutare DM e giocatori a orientarsi più facilmente nel suo ampio contenuto. Come aggiunta, sono stati inseriti alcuni PG pre-generati per i giocatori e una serie di incontri di combattimento bonus. 17 mappe per il combattimento che coprono ogni angolo di Castle Ravenloft, la dimora di Strahd. Una mappa dell'intera Barovia disegnata su tela. 60 Carte di Scontro, che permetteranno ai giocatori di farsi un'idea dei PNG e dei mostri che si troveranno di fronte grazie alle loro illustrazioni. Una serie di supporti di gioco per i giocatori, quali lettere, atti relativi a misteriose proprietà, note scritte dal proprio "gentile" ospite, monete del Regno di Barovia, ecc., utili per dare ai vostri giocatori elementi concreti con cui sentirsi più immersi nella campagna. Uno Schermo del DM con illustrazioni originali sul fronte e le informazioni utili a gestire la campagna sul retro. Una serie di pupazzi per le dita, con cui divertirsi a interpretare i mostri e i PNG dell'Avventura. La Legendary Edition di Curse of Strahd uscirà a Novembre 2020.
Grazie a @Muso per la segnalazione.


Fonte: https://www.enworld.org/threads/beadle-grimms-legendary-edition-curse-of-strahd.673629/
Link alla pagina ufficiale di Beadle & Grimm: https://beadleandgrimms.com/legendary/curse-of-strahd
Read more...
By aza

D&D 3a Edizione compie 20 anni!

Nel mese di Agosto, di 20 anni fa, veniva rilasciato il Manuale del Giocatore di Dungeons & Dragons 3a edizione.
Sicuramente la 3a edizione rappresenta uno spartiacque per quel che riguarda D&D e segna l’inizio dell’epoca moderna del gioco per diversi motivi:
Innanzitutto, per la prima volta D&D aveva un sistema coerente di regole. Precedentemente erano presenti svariati sottosistemi che non si integravano tra di loro. C’era ben poca coerenza. Ci ha donato l’OGL, che ha rappresentato una svolta enorme nel mondo dei giochi di ruolo. L'OGL infatti ha permesso a chiunque di poter produrre materiale compatibile o derivato dal regolamento di D&D. La quantità di materiale pubblicata per d20 negli anni 2000 è, e probabilmente lo sarà per sempre, ineguagliabile. Ha revitalizzato D&D in un modo che non si vedeva da moltissimo tempo. Negli anni ’90 con il boom dei videogiochi, la nascita dei giochi di carte collezionabili e regolamenti ben più evoluti di AD&D (si può pensare alla White Wolf che all’epoca era il nome più importante) D&D soffriva e non poco. Ha visto il ritorno di Diavoli, Demoni, Assassini, Barbari, Mezzorchi e Monaci. La seconda edizione nacque con ancora fresco il ricordo delle polemiche riguardanti il “satanic panic” degli anni ’80. Quindi tutto ciò che poteva essere considerato “moralmente offensivo” come diavoli/demoni, assassini o mezzorchi venne rimosso. I barbari vennero ritenuti ridondanti rispetto ai guerrieri e i monaci  poco adatti ad ambientazioni basate sull’Europa occidentale medievale. Queste le prime cose che mi vengono in mente, ma vi invito a condividere con noi i vostri ricordi, le esperienze e i pensieri per questo 20° anniversario di D&D 3E.
Read more...

Fuga dall'Abisso è uscito in lingua italiana

A partire da ieri, 30 Luglio 2020, l'Avventura Fuga dall'Abisso per D&D 5e è finalmente uscita in lingua italiana. Pensata per PG di livello 1-15, quest'avventura è ambientata nel Sottosuolo dei Forgotten Realms ed è caratterizzata dalla presenza dei mostruosi Signori dei Demoni.
Qui di seguito potrete trovare la descrizione ufficiale dell'Avventura, la copertina del manuale e la recensione da noi pubblicata su DL'.
Fuga dall'Abisso
Dungeons & Dragons è un gioco per veri eroi che amano vivere intense e adrenaliniche avventure, e Fuga dall’Abisso è il manuale giusto per chi sente il bisogno di passare la serata a salvare il mondo!
A causa di un piccolo errore di calcolo, l'arcimago drow Gromph Baenre, di Menzoberranzan, si pente di aver iniziato la sua carriera arcana…
Che cosa succede quando i cancelli dell’Underdark si aprono per far entrare i demoni dell’Abisso? Una quantità di orrori inimmaginabile si riversa nel sottosuolo, creature d’ombra che rendono ancora più claustrofobici i cunicoli di pietra…i personaggi saranno in grado di sopravvivere alla follia?
Dedicata agli amanti dei dungeons labirintici, Fuga dall’Abisso è un’avventura adatta a personaggi dal livello dal 1° al 15°, che dovranno riuscire a sopravvivere e a tornare in superficie prima di abbandonarsi alla disperazione, ma non solo: dovranno fermare una catastrofe imminente, che potrebbe distruggere non solo le antiche città naniche, duergar e drow, ma raggiungere persino i Reami Dimenticati!
Avranno molte scelte importanti da compiere, e la possibilità di unirsi a molti compagni di viaggio. Un’esperienza di gioco tra le più appassionanti e tra le più riuscite della saga di “Furia dei Demoni”.
Lingua: italiano
Formato: Copertina rigida
Prezzo: 49,99 euro
Articoli di Dragons' Lair:
❚ Recensione di Fuori dall'Abisso

Link alla pagina ufficiale del sito Asmodee Italia: https://www.asmodee.it/news.php?id=722
Read more...
By senhull

Intervista a Keith Baker riguardo Exploring Eberron

Questo è il link all’evento andato in onda ieri.
Qui sotto trovate una breve sintesi per chi non avesse voglia/tempo di guardarsi tutta la registrazione.
Exploring Eberron
Il libro sarà pubblicato su DMs Guild sia come PDF sia in un'edizione cartacea su copertina rigida (ad oggi ancora senza data ufficiale), ma Keith ha detto più volte in tutto lo stream che ciò potrebbe avvenire in qualsiasi momento. Stanno aspettando che le copie stampate ottengano il via libera poiché credo che il precedente processo di stampa fosse disallineato/con errori. Quindi dita incrociate per questo fine settimana e Keith ha ribadito che è ciò che spera. Il prezzo del libro non è stato menzionato nello stream. Si tratta di 248 pagine e ci saranno più parole che in Rising from the Last War.
Il libro mira a coprire temi che sono stati ignorati o solo brevemente menzionati nei precedenti libri canonici, tra i quali la cosmologia planare, gli oceani e i regni dei mostri (goblinoidi in primis).
C'è un intero capitolo dedicato alla cosmologia planare, che include una mappa splendidamente illustrata dei piani e ogni piano avrà tra 4-6 pagine che descrivono in dettaglio i concetti (per esempio come funziona Fernia, e quindi far passare il messaggio che non è solo il piano di fuoco). L’obiettivo è quello di permettere ai DM di predisporre con serenità e completezza tutto quel che necessario per sviluppare un'avventura planare, nonché definire come i piani potrebbero influenzare un'avventura anche se di viaggi planari non ne vuoi sentir parlare: praticamente come funzionano le zone di manifestazione. C'è anche una grande sezione dedicata ai goblinoidi Dhakaan in cui probabilmente verranno dati molti dettagli sulla storia del loro impero e di ciò che ci si deve aspettare esplorando le loro rovine.
Sottoclassi
Ci sono sei nuove sottoclassi. Due di loro sono "solo" per personaggi di razza goblinoide, anche se non è detto che siano vincoli razziali, ma trattandosi di Dhakaan…
Adepto della Forgia (Artefice) (Goblinoide)
Keith descrive questa classe come la tradizione di artefice Dhakaan (OT: su questo potrei aprire una bella discussione…), ed è una sorta di spin-off della sottoclasse del Battle Smith da Rising from the Last War. Laddove il Battle Smith si concentra sul costrutto/famiglio, l’Adepto della Forgia cercherà di creare un'arma perfetta e quindi migliorarla. Usa l'idea che i Dhakaani siano, per tradizione marziale, principalmente dediti alla forgiatura di armi e armature, quindi l’Adepto della Forgia è un esperto nella creazione di armi e armature e cerca di creare "l'arma perfetta". Questa è un'altra sottoclasse di artefici melee. Ovviamente l’arma perfetta ha anche un nome specifico in goblin che non vedo l’ora di leggere!
Collegio dei Cantori Funebri (Bardo) (Goblinoide)
Basandosi sul fatto che i Dhakaani tendenzialmente non amano la magia arcana e divina, molti dei loro leader spirituali erano Bardi (clan Kech Volaar, in primis). Lo descriverei come una sorta di comandante del campo di battaglia che ispira costantemente le truppe. Keith lo descrive dicendo "sto interpretando il mio ruolo attraverso i miei compagni, non ho bisogno di combattere; sto guidando gli altri". Sembra una sorta di sottoclasse.
Maverick (Artefice)
Questa sottoclasse si rifà all'infusione dell’artefice della 3.5 " Spell Storing Item” (Accumulatore di incantesimi). Keith la spiega così: "Farò la cosa di cui abbiamo bisogno, datemi un minuto". L'artefice è in grado di immagazzinare incantesimi negli oggetti (cura ferite portatili? Torrette fulminanti? Mine fireball?). Il Maverick è in grado di scegliere incantesimi destinati ad altre classi anche se in misura limitata, e con il consueto incremento man mano che si sale di livello. Sono anche in grado di cambiare i cantrip con un breve riposo.
Via dell’Arma Vivente (Monaco)
Questo attinge ad alcune classi di prestigio descritte nei manuali Eberron 3.5 come il Quori Nightmare e il Were-touch Master, e si concentra sul trasformare il tuo corpo in un'arma. Sebbene non siano bloccati dal punto di vista razziale, esistono apparentemente "percorsi" diversi che si amalgamano bene con razze come Forgiati, Morfici o Cangianti.
Circolo della Forgia (Druido) (Questo potrebbe essere razzialmente vincolato ai forgiati)
Parte di questa classe è in realtà frutto di una discussione che chi ha giocato ad Eberron un druido forgiato (in qualsiasi edizione) si sarà PER FORZA posto: "Ma un forgiato si trasforma in un animale in carne e ossa o in un Animale forgiato/costrutto? ". La risposta ufficiale è sempre stata quella di trasformarsi in un animale in carne e ossa. Questa sottoclasse ora ti consente di trasformarti in un animale forgiato (OT: ma quanto bella è questa idea…???). Apparentemente è simile al Cerchio della Luna in quanto è un druido guidato da una forma selvaggia, ma si concentra maggiormente sull'essere un costrutto. Todd ha anche menzionato cose come "Adamantine Hide", "Skin of Steel", "Elemental Fury", ma queste non sono state ampliate durante i discorsi, accendendo in me un interesse ancora più forte…
Dominio della Mente (Chierico)
Questa sembra essere la cosa più vicina ai poteri psionici, direi che è assolutamente perfetto per i Kalashtar visto che sfrutta per bene i poteri psionici, ma che devono essere per forza di allineamento buono. Si ottengono quindi incantesimi come Comando, Confusione, Dominare Persone e Telecinesi. Quando lanci un incantesimo che infligge danno radiante, puoi invece fargli infliggere danno psichico, quindi cose come la fiamma sacra ora possono avere il flavour di un'esplosione mentale.
Sottorazze
Rune Bound / Rune Born / Ruin Blood (?)
C'è una sottorazza (accennata, ma potrei aver inteso male) che il libro aggiunge, questa è la sottorazza di Rune Bound per il Nano e si rivolge ai Nani delle Rocche di Mror e più specificamente a coloro che giocano lo stregone. Mentre i nani “standard” combattono senza sosta contro i Daelkyr, il Rune Bound Dwarf nasce con un simbionte dentro di sé e con la capacità di usarlo. Il nano (figherrimo) sulla copertina di Exploring Eberron è uno di questi.
Marchi del Drago
Gli oggetti Focus dei Marchi del Drago hanno una nuova sezione, con molte più opzioni da esplorare.
I marchi del drago sono stati ampliati per includere ora i Marchi Siberys (finalmente!!!). Questa non è un talento, né un'aggiunta di sottorazza, un Marchio Siberys può essere acquisito solo tramite il DM che permette ad un giocatore di ottenerne uno, e dovrebbe richiedere una grande ragione narrativa dietro a tale concessione. Keith li definisce Doni Soprannaturali.
La classificazione è: se hai un marchio del drago (talento di Rising from the Last War) potete migliorarlo a Marchio Superiore. Se non avete un marchio e lo ottieni, ora avete un Marchio Siberys. Questo è stato fatto per provare a combinare i le due opzioni, semplificando. In definitiva, se non si desidera utilizzare i marchi Siberys, dipende dal DM.
Oggetti magici
C'è un bel pacchetto di nuovi oggetti magici.
Oggetti simbiotici come
Crawling Gauntlet (Guanto strisciante?) Hungry Weapon (Arma Affamata) Coat of Many Eyes (Manto dei molti occhi) Tongue Worm (Verme lingua?) Wandering Eye (occhio errante) Sono stati inseriti oggetti focus dei Marchi del Drago, per risolvere il problema di chi possiede il marchio ma non è un incantatore e quindi avrebbe delle difficoltà oggettive a lanciare il proprio incantesimo. Questi elementi dovrebbero risolverlo.
Varie ed Eventuali
Si parla poi di:
Oggetti magici Dhakaani Armi magiche d’assedio Altre cose C'è un capitolo chiamato Friends & Foes (Amici e Nemici), che dovrebbe contenere blocchi di statistiche sia per gli amici che per i nemici. Parte di questo capitolo parla di Valaara, la Regina Strisciante, una delle Sei Piaghe Daelkyr (fra l’altro tra gli spoiler che trovate sul blog di Keith). Un altro Quori e poi altre informazioni sulle razze acquatiche.
Non ci sono nuove informazioni sul Marchio della Morte, ma viene trattata la storia di Erandis, nonché una sezione sul Sangue di Vol e le altre fedi. Keith chiarisce alcune informazioni contrastanti di diversi autori, e ha specificato che tutte le informazioni nel libro rappresentano la SUA visione e di come aveva originariamente creato Eberron.
Si discute poi sul flavour dei personaggi psionici.
Ci sono alcuni nuovi talenti.
C'è una sezione sull'Ultima Guerra, su come è stata effettivamente combattuta e sui metodi usati, questo probabilmente includerà le armi magiche d'assedio.
Read more...
Bellerofonte

Capitolo Zero: Incubo

Recommended Posts

13 ore fa, Bellerofonte ha scritto:

Sedicesimo giorno del IV mese, anno 1492, ore 18:15 || +364 giorni dalla partenza della Eurus Septima

12km a sud di Capo Ventura || Brezza leggera da Est, cielo terso || Cibo per due giorni || @aykman

Fumo e scorci di fiamme si estendono al di sopra dell'orizzonte orientale. E' quasi il tramonto, e il cielo rosso e ocra si tinge ancora di più dei colori del fuoco da quella direzione, come se l'intera volta celeste fosse stata a sua volta dipinta dai lapilli e dai fumi emanati dalla Cintura d'Onice. Che spettacolo terrificante eppure maestoso, epico. La natura non si risparmia in luoghi come quello, dando fondo a tutta la sua ecletticità.

8ktCCav.jpg

Ne sei a debita distanza; ci vorrebbero forse due giorni di viaggio per arrivare fin lì con la Incubo - idea che non ti passa nemmeno per l'anticamera del cervello; se come diceva il capitano della Folgore, l'orco Marbalus, nessuna delle sette spedizioni partite finora era mai tornata - e si trattava di navi una più incredibile dell'altra, a star sentire la ciurma - figuriamoci la tua piccola imbarcazione che, manco a dirlo, a malapena si regge in piedi.

Sei in viaggio da qualche mese e se continui a seguire il profilo della costa a ovest, Capo Ventura dovrebbe spuntare da un braccio del promontorio allo scoccare del nuovo giorno. Riguardi le carte un'ultima volta: per ora ti sembra di star andando bene; certo, ne hai fatta di strada da Solyst: hai superato il golfo di Nuova Minos qualche giorno fa, e ti manca davvero poco per raggiungere la tanto agognata destinazione.

0otirHC.jpg

La tua borsa da viaggio è lì di fronte a te; all'interno possiedi il documento che ti servirà per iniziare la tua nuova vita, magari da mercenaria, magari da Pioniere o chissà che altro...! Capo Ventura è il punto di partenza per le più grandi avventure sulla bocca di tutti i marinai...chissà se un giorno finirai anche tu ad essere uno dei personaggi di quelle fantastiche storie.

La brezza da est porta un lieve odore di fumo con sé, ed il mare è relativamente calmo; procedi spedita verso nord, aggiustando di tanto in tanto la rotta della tua unica vela triangolare.

Spoiler

//Sei nell'esagono immediatamente a sud di Capo Ventura; visto che la Incubo va a 2,25km/h e sei a circa 12km da Capo Ventura, a mezzanotte arriverai a destinazione.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guardo il cielo pensierosa, la mente che vaga senza riuscire a fissarsi su nulla. Un'altro tramonto, un'altra notte, un'altro giorno; avanti e sempre avanti, cocciuta e testarda peggio di un mulo. L'eccitazione è sfumata oramai, persa tra sudore, acqua di mare, fame, sete e stanchezza. Che stupido azzardo, mettersi in mare con una scialuppa vecchia e decrepita, da sola e senza nulla più di una speranza, un sogno. Sospiro, uno sbuffo stanco e piuttosto pacato portato via dalla brezza di terra. Arriccio appena il naso quando percepisco l'odore di vegetazione e roccia calda insinuarsi sotto le onnipresenti note di mare. Guardo verso terra, l'affascinante profilo delle colline dietro la spiaggia, quella terra immobile e immutabile così diversa da Solyst. Un crampo di nostalgia mi assale e istintivamente quanto stupidamente mi volto a ovest, guardando la scia di Incubo allungarsi fino a quell'orizzonte lontano che nasconde la mia casa. Rimugino sulla casetta scalcinata, l'eremo di famiglia aggrappato a viva forza alla roccia, ma così vicino al mare da non dover fare 20 passi per arrivarci; e mentre ci penso, mi arrampico sulle sartie fino alle crocette, per avere una visuale migliore. Solo quando ci arrivo asciugo con rabbia una lacrima, con un veemente gesto del braccio e un secco  Ma ti pare? La voce esce bassa e roca di bocca: sono settimane che non ho nessun interlocutore, a parte qualche raro pescatore con cui mi sono intrattenuta brevemente solo per scambiare cibo e posizione. Ancora seccata con me stessa, rivolgo l'attenzione alla prua, puntata a una quarta a nord di est, cercando di discernere le forme di un abitato sulla costa, sperando con tutto il cuore che sia questo il giorno in cui finalmente toccherò terra: nonostante abbia passato più tempo in mare, agogno sinceramente a fermarmi finalmente, avere un pasto caldo e un bagno dove lavare via il sale dalla pelle. Indugio ancora a lungo sull'albero, fin quando le speranze si fondono con le certezze di luci, luci lontane che bucano l'oscurità che arriva da est. Il cuore comincia a bussare forte e lo stomaco a contrarsi, l'eccitazione dei primi giorni torna a gran voce a farsi sentire, in coro con le speranze, le aspettative e il timore della vita che l'aspetta in quella città da favola di cui ho tanto sentito parlare. Scivolo giù da un paterazzo, bevo un sorso e con fare deciso libero la scotta dalla galloccia, cazzandola mentre porto il vento al traverso e la prua un pò più a nord, verso il faro. Tengo a bada la tensione mangiando freneticamente un boccone  dietro l'altro di pesce sotto sale, innaffiandolo di tanto in tanto con l'acqua, sapendo benissimo che non devo più razionarla: la città che man mano va crescendo nel buio incombente è la più grande che ho visto, e le numerose luci che me la indicano  semplici da seguire. Non mi prendo nemmeno la briga di terzarolare la vela, sono smaniosa di arrivare. Perdo tempo unicamente per accendere i fanali, concessione alla sicurezza  strappata con difficoltà all'ardente fiamma dell'eccitazione che mi abbaglia. Un sorriso orgoglioso mi illumina il viso quando finalmente viro per entrare nel porto scarsamente trafficato, visto il tardo orario. Ringrazio il nervosismo che mi tiene sveglia mentre porto Incubo verso un gruppo di pescherecci ormeggiati ad un piccolo molo, l'unico che ho notato ancora trafficato a quest'ora: forse uno di loro che ha tardato, obbligando i portuali a rinunciare ad un paio di pinte per scaricare. Spero che qualcuno sia ancora sveglio sussurro piano, le labbra meno screpolate e la voce più fluida, ora che mi sono idratata a dovere, rivolgendo il pensiero agli ufficiali del porto e pregando in cuor mio che le mie parole siano profetiche. L'idea di dormire anche stanotte in barca mi sembra intollerabile tutto ad un tratto. Accarezzo piano il legno della fiancata, mentre con tono di scusa aggiungo piano Ti voglio bene, lo sai, sei la mia piccolina, ma per una notte puoi anche dormir sola. Sei cresciuta adesso. Sei una signorina, non una mocciosa. Sei grande e forte. Ti prometto che domani sarò qui a darti il buongiorno. Ripenso fugacemente alla quantità stupidamente elevata di problemi, avarie e sfortune che hanno costellato la traversata sul mio piccolo guscio di noce, e alla fortuna che mi ha accompagnata sana e salva fino a qui. Senza, non so proprio come avrei potuto tenere unito quell'ammasso di legno, pece, tela e corde che mi ha fatto attraversare l'intero continente da una parte all'altra. Calo la vela, lasciando che l'abbrivio mi porti verso la banchina, e nel frattempo preparo le cime per l'ormeggio: un paio di portuali mi hanno finalmente notato e tra grida e gesti mi stanno guidando a terra. Di nuovo, la stanchezza scivola via mentre l'eccitazione cresce, il sorriso si allarga mentre lo stomaco si stringe. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 2/8/2019 alle 12:40, Bellerofonte ha scritto:

Sedicesimo giorno del IV mese, anno 1492, ore 18:30 || +364 giorni dalla partenza della Eurus Septima

12km a sud di Capo Ventura || Brezza leggera da Est, cielo terso || Cibo per due giorni

Gli uomini che vengono ad aiutarti hanno un'aria familiare: una donna e un uomo dalla carnagione scura con in mano fiocine grondanti sangue di balena. Klaus e Sylis ti guardano fieri e ti dicono: "Bentornata a casa! Hai già fallito?" ti guardi attorno e delle luci di Capo Ventura non rimane che la fioca illuminazione serale di Solyst, con pescherecci al posto delle fregate ormeggiate nel porto e una dozzina di casupole invece dei palazzi in muratura sulle strade che pullulano di gente a quell'ora della sera. Ti guardi indietro e la tua Incubo affonda miseramente a pochi metri da riva come se fatta di carta, colando a picco senza che tu possa farci nulla.

Poi, ti svegli. Ti eri appisolata in preda al troppo sforzo e ti accorgi che non ti sei mossa tantissimo da dov'eri quando hai iniziato a darti da fare con le vele; il sole non è ancora tramontato e l'odore di fumo che porta il vento dell'est ha impregnato i tuoi vestiti.

Ti rimetti in sesto in fretta e dai una sistemata alla randa perché l'imbarcazione riprenda la sua direzione originale, spostatasi di qualche grado a ovest mentre eri nel mondo dei sogni; anche se lievemente stordita dal tuo risveglio improvviso, la tua attenzione per i dettagli resta sempre formidabile: qualcosa brilla sul fondale, una luce lieve e pulsante che illumina l'acqua limpida esattamente sotto di te.

N0HAHEQ.png

Spoiler

//Percezione passiva: 21

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

La rabbia mia assale, quasi sopraffacendo la mia capacità di giudizio. Come di riflesso, svento la vela, perdendo immediatamente abbrivio, viro e mi metto in panne col vento in prua. Prendo un pò d'acqua e mi sciacquo la faccia, mentre la tristezza sostituisce la rabbia. Una minuscola parte del cervello registra l'evento come rarità: è arduo farmi adirare, ma una volta surriscaldata, è anche peggio farmi sbollire; altro dato degno di nota, sono davvero stanca se un tramonto e un pò di nostalgia bastano a mettermi ko. Sospiro, prendendo un'altra bracciata d'acqua e lasciandola scorrere dal volto al collo, bagnandomi le spalle e il petto, cercando di risvegliarmi. Mi guardo attorno, giudicando la posizione non troppo sbagliata: mi chino a dare un bacio alla falchetta di Incubo, aggiungendo un roco Brava piccolina mentre rifletto sulla buona stella  che ha fatto di questa bagnarola un'essere sgraziato e lento, ma resistente tanto al mare quanto alla voglia di cambiar rotta. Prendo la fiasca, ripensando alla sete che avevo così felicemente placato durante il sonno e che ora torna prepotente a farsi sentire, mentre calcolo quanto ancora manca. Dopo un paio di sorsi la fronte si distende e così pure la rigidità delle spalle. Solo un paio d'ore in più. Forse è il caso che ci mettiamo in panne e aspettiamo l'alba, tesoruccio. Chino lo  sguardo sul profilo della vela. Sono troppo stanca, e lo sei anche tu. Ma se ci facciamo un'altro viaggetto come quest'ultimo, rischiamo di non arrivare altro che sul fondo. Rabbrividisco appena mentre una folata di vento di terra porta una zaffata dell'odore di roccia e vegetazione fino a me. Mi aggrappo automaticamente ad un paterazzo per evitare che il rollio mi mandi gambe all'aria, pensando ai preparativi per la notte, quando la luce pulsante sotto di me si impone finalmente ai miei occhi. La guardo con un misto di timore ed eccitazione, un qualcosa tanto inatteso quanto bello e affascinante. Rimango imbambolata a fissarla attraverso i  flutti, combattuta tra la tentazione e la paura. Tanto non arrivo comunque prima di notte fonda esclamo scrollando le spalle. Giudico la profondità con occhio critico, consapevole di essere una nuotatrice capace ma poco resistente, quindi raccolgo una bracciata di corde e le annodo insieme. Dopo averne stretto due assieme ed aver fissato alla galloccia un'estremità, mi do da fare a cercare qualcosa da usare come peso. Mi spazientisco un poco notando che la luce si affievolisce pian piano, ed urlo un Vuoi collaborare per favore rivolgendomi ad Incubo con tono di rimprovero, fino a che lo sguardo non si posa sul secchio degli attrezzi. Sono di ferro urlo giubilante. Mentre li ficco rapidamente in un barilotto vuoto e lo chiudo battendoci contro i pugni, continuo con tono più pacato Lo so che non è la mossa più furba del repertorio, grazie tanto. Adesso stai tranquilla e fai la guardia. Torno in un momento....Spero Mi slaccio il busto con movimenti frenetici e levo il top, buttandoli sul fondo della barca, la gonna li segue un attimo dopo. Fisso ancora la luce sul fondo stringendo il barile, cercando dentro di me il coraggio per tuffarmi. Guardo un'ultima volta attorno, il vasto mare infinito, interrotto solo dalla costa a nord. Lascio cadere il barile, facendo scorrere un paio di braccia di cavo prima di tuffarmi e farmi tirare giù. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, Bellerofonte ha scritto:

Sedicesimo giorno del IV mese, anno 1492, ore 18:31 || +364 giorni dalla partenza della Eurus Septima

120m di profondità, 12km a sud di Capo Ventura || Brezza leggera da Est, cielo terso || Cibo per due giorni || 60 secondi di ossigeno

Cali rapidamente verso il fondo, con la luce che pian piano ti lascia alle tenebre dei fondali. Solo quel bagliore ti guida nell'oscurità, dove cadi via via più giù grazie al peso degli attrezzi che nell'arco di un minuto ti portano al centinaio di metri di profondità: e lì la vedi. Una donna dalle vesti candide che ti chiama con un canto meraviglioso nelle profondità.

yEkQJT1.jpg

La sua pelle emana una luce pulsante ed un nonsoché di angelico; ti guarda e ti allunga una mano, che ti basterebbe scendere di altri quattro o cinque metri per coglierla.

Spoiler

//Sott'acqua nuoti a 6m/rnd, e puoi starci fino a un massimo di 1+COS (quindi 2) minuti senza respirare.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guardo stupefatta la visione luminosa, mentre il terrore e la meraviglia mi assalgono in egual misura. So di non avere molto tempo a disposizione per decidere cosa fare, quindi pondero affrettatamente le mie possibilità: aspettare potrebbe essere peggio. Raccolgo il coraggio e fisso la corda con intensità per un momento fugace, riponendo in lei la mia speranza di riguadagnare la superficie in tempo. Mi volto e mi spingo sotto, verso la figura luminosa in candide vesti. Una sola bracciata e sono li ad un palmo dalla figura, combattuta sul toccarla oppure no. Il terrore mi assale, irrazionale e immenso: il terrore di non fare a tempo a risalire; l'attrazione per l'abisso, oscuro ed enorme; la figura fluttuante a portata di mano, luminosa e così...così... reale. Non so come comunicare, non so nemmeno se comunicare, non so cosa sto facendo. Mi limito ad ascoltare quella voce angelica e impossibile, resistendo all'idea di allungare la mano e toccare quell'essere, una tentazione enorme mentre riecheggiano nella mia mente leggende di sirene tentatrici che col loro canto hanno portato alla rovina i marinai.

 

Spoiler

Mi concedo di contare fino a dieci mentre ascolto le parole dell'essere: se capisco cosa dice o riesco in qualche modo a comunicare, avvio una conversazione per capire le sue intenzioni. Diversamente, allungo il braccio e lentamente tento di sfiorare le dita dell'essere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 ore fa, Bellerofonte ha scritto:

Sedicesimo giorno del IV mese, anno 1492, ore 18:31 || +364 giorni dalla partenza della Eurus Septima

134,5m di profondità, 12km a sud di Capo Ventura || Brezza leggera da Est, cielo terso || Cibo per due giorni || 30 secondi di ossigeno

La figura emana un debole tepore ma non pronuncia alcuna parola. Tiene l'avambraccio allungato verso di te, le dita affusolate in cerca della tua pelle per stringerti e avvicinarti ancora di più alla misteriosa figura.

50 secondi.

Non puoi più aspettare: le dai la mano e questa ti trascina ancora più in profondità, giù verso l'abisso. Anche se il suo volto ti è oscuro a causa della luce dietro di lei, hai l'impressione che ti sorrida.

40 secondi.

Senti il fiato iniziare a diventare pesante nei tuoi polmoni, tu che non sei un pesce né un elfo d'acqua, ma la donna continua a portarti giù nell'abisso verso acque sempre più fredde e oscure; la luce che la precedeva si affievolisce man mano finché non resta nient'altro che oscurità.

30 secondi.

E quando ormai è chiaro che non avrai il tempo né la forza di risalire, la stretta al tuo braccio diventa più forte e un paio di occhi gialli appaiono nella semi-oscurità. Ciò che resta della donna bellissima evanesce come una goccia d'acqua su una balaustra di ferro bollente ed al posto della sua mano un tentacolo continua a trascinarti giù, quest'ultimo attaccato a una strana forma di pesce mostruoso dagli occhi ferini e zanne acuminate.

vKumkvx.jpg

Edited by Bellerofonte

Share this post


Link to post
Share on other sites

Panico. Stiamo andando giù, troppo in fretta, troppo sotto. Sono una stupida. Solo un marinaio d'acqua dolce si lascia abbindolare così, e quello sono, altrimenti non avrei fatto una cosa tanto stupida. Mentre lacrime roventi si perdono in un mare di altre lacrime, sempre più ghiacciate, la paura si fa più piccola nella mente e monta la rabbia: un cocente desiderio di rivedere ancora i miei, di non lasciarli così presto, infonde vigore e volontà alle mie membra.  Tento di forzare la presa, sfruttando quel poco che posso la mia agilità per sfuggire al tentacolo, per difendermi, per non lasciarmi morire  inerme come un cucciolo di foca, ma lottando come un'otaria anche se la lotta non può condurre alla vittoria.

Spoiler

Non ho ancora capito bene le meccaniche della lotta in 5.0, quindi non so esattamente che prova fare per sfuggire alla presa, ma ci tento subito. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
43 minuti fa, Bellerofonte ha scritto:

Sedicesimo giorno del IV mese, anno 1492, ore 18:31 || +364 giorni dalla partenza della Eurus Septima

129m di profondità, 12km a sud di Capo Ventura || Brezza leggera da Est, cielo terso || Cibo per due giorni || 24 secondi di ossigeno

Altri due tentacoli cercano di tirarti giù ma tu non ti fai mettere sotto: la tua volontà di fuggire è abbastanza da permetterti di sgusciare via da quella morsa come un'anguilla tra le mani di un pescatore; inizi a nuotare su senza guardarti indietro, lasciando il mostro ammaliatore dietro di te.

Spoiler

//Per sfuggire a una lotta puoi usare Forza (Atletica) oppure Destrezza (Acrobazia) in contrapposizione a Forza (atletica) del tuo avversario.

// Destrezza (acrobazia): 22, 24, 22 porca zozza che tiri

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sguscio via per miracolo alla presa, e senza pensare anche solo un momento alla vendetta, mi lancio disperata in avanti, in cerca di luce e aria. Muovo freneticamente le gambe, le braccia due macchie confuse che aprono la strada, in mente solo l'obbiettivo di risalire. Senza la luce della donna pesce il mare sembra scuro e vuoto, ma i miei occhi fissano in alto, cercando di percepire il cambio di luminosità che contraddistingue la superficie; non spreco nemmeno un secondo a controllare indietro se l'essere mi segue ancora; non spreco nemmeno un briciolo di energia mentale a darmi della stupida, tutto il mio essere è nelle bracciate e nel trattenere il fiato un attimo in più. Prego di trovare al più presto la corda, il barilotto potrebbe salvarmi la vita: una volta stappato, potrei recuperare ossigeno e affrontare la salita con una guida sicura. Una volta a bordo, recuperarlo sarà faticoso, ma non impossibile, anche se certamente più pesante; il rischio di perdere gli attrezzi, tutti o in parte, trascurabile: l'unica cosa da non perdere ora è la vita. 

Spoiler

Nuoto verso l'alto, guardandomi intorno alla ricerca del barilotto: se lo vedo, punto decisa su di lui, lo stappo con i denti e respiro attraverso il buco quanto posso.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
54 minuti fa, Bellerofonte ha scritto:

Sedicesimo giorno del IV mese, anno 1492, ore 18:32 || +364 giorni dalla partenza della Eurus Septima

129m di profondità, 12km a sud di Capo Ventura || Brezza leggera da Est, cielo terso || Cibo per due giorni || 0 secondi di ossigeno

Raggiungi il secchio in alcune bracciate disperate, fai un po' di casino nel cercare di stapparlo mentre l'anidride carbonica di risale in gola e con tutto ciò che hai in corpo e un po' d'aiuto da parte del tuo strumento improvvisato inizi a risalire, su verso la superficie. La luce e le bolle d'aria ti circondano e ti sembra che il cielo tremolante che vedi da lì sotto sia sempre più vicino...ma mai abbastanza. Rilasci quel poco di aria che avevi in corpo e ti senti soffocare mentre perdi la presa alla corda. La luce diventa intensissima, la forma delle cose perde di senso e poi, il buio. L'oscurità cala sopra di te, ma il tuo cervello poco ossigenato inizia a farti vedere strane illusioni...sogni, se volessimo dipingerli così.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le gambe si fanno rigide, le braccia pesanti. Una sensazione di caldo diametralmente opposta al freddo dell'abisso mi avvolge, una luminosità in aumento, inspiegabile con le mie bracciante sempre più stanche, un colore caldo, di sole, completamente opposto dalla luce fredda, bluastra, aliena della creatura tentacolare. Mi affanno, ma sento perdere la presa con la realtà. Non capisco cosa succede. Mi aggrappo alle ultime forze, cercando disperatamente l'aria, e ottengo solo acqua. Mi brucia in gola come fuoco ma quasi non me ne accorgo. Il poco di realtà a cui sono legata scivola via. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 4/8/2019 alle 14:21, Bellerofonte ha scritto:

Sedicesimo giorno del IV mese, anno 1492, ore 23:00 || +364 giorni dalla partenza della Eurus Septima

Nuova Minos || Brezza leggera da Est, cielo terso || Cibo per due giorni

La sabbia si annida nei tuoi capelli bagnati, mentre il sale pizzica sulla pelle asciutta ormai da un po'. Ti viene da tossire, da sputare ancora qualche sorso d'acqua salata che hai ancora in corpo. Ti accasci da un lato, e poi finalmente riapri gli occhi: di fronte a te c'è il viso orripilante della creatura che ti ha attaccato; sobbalzi ma questa è ormai inerme, poiché la testa gli è stata rimossa chirurgicamente dal corpo.

Ti trovi su una spiaggetta non lontana da poche casupole di legno costruite su di un terreno roccioso a tratti "bucato" da cavità naturali che dal terreno sprofondano nell'oscurità. Un paio di torce illuminano debolmente la zona fino al sentiero che porta a nord e almeno per ora sembri essere l'unica sopravvissuta, se escludiamo la Incubo trascinata sulla spiaggia a qualche metro da te.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi muovo cauta, tastandomi qua e là alla ricerca di ferite e altri danni palesi: la pelle nuda tira dove il sale si è asciugato, brucia appena dove la creatura che mi fissa con occhi vitrei mi ha afferrato e tirato. Dopo essermi assicurata di essere viva e intera, cedo l'attenzione al paesaggio attorno. Tossisco un poco, la gola e i polmoni ancora in fiamme. L'essere mi restituisce un'occhiata vuota quando mi soffermo un volta ancora a fissarlo: è sgraziato ora, fuori dall'acqua e con la testa recisa, ma ancora in un certo modo affascinante, tentatore e più alieno che sott'acqua; il gioco di luci delle torce, liquide e guizzanti sul corpo lucido, gli conferisce ancora un che di vivo. Rabbrividisco un'altra volta, conscia della fortuna sfacciata che mi ha assistito. Mi sollevo lentamente, insicura sulle gambe, e lo sguardo mi cade su Incubo. La mia piccolina è lì, a pochi passi, illuminata appena dalle torce sullo sfondo. Lacrime di gioia spuntano agli angoli degli occhi arrossati, il petto pieno di un fiotto d'amore per quel catorcio testardo e fedele, spiaggiato indifferentemente e con aria svagata, quasi fosse normale atterrare così. Registro appena la presenza delle casupole in fondo al sentiero mentre mi avvicino alla barca, incurante che qualcuno possa venir fuori e vedermi lì, nuda come mamma mi ha fatto, e invece accarezzo e faccio le moine ad Incubo, controllando che stia bene come me. I miei abiti sembrano ancora lì, e così pure la fiasca. Bevo in abbondanza, anche se l'acqua brucia più dell'aria nella gola e nei polmoni. Solo dopo che ho svuotato la fiasca e mi sono riposata un poco mi decido a dare un'occhiata in più in giro. Mi rivesto e spazzolo via la sabbia dai capelli e dalla pelle, poi mi sciacquo il viso e le braccia, rinfrescando la pelle bollente e ridandomi vigore. Cerco i sandali, nascosti  chissà dove nella barca, finché non rinuncio: al buio è un impresa trovarli, e così pure valutare oggettivamente i danni di  Incubo. Mi avvicino alla prima torcia del sentiero, guardando in direzione delle capanne: casette di pescatori, mi sembrano ad un occhiata superficiale. Prendo la torcia e ispeziono rapidamente la barca, recuperando altresì i sandali. Con un senso di vergogna e ribrezzo, mi avvicino ancora all'essere mutilato, a verificare che sia morto. Solo dopo essermi persa in contemplazione di quel corpo sinuoso e alieno per dei lunghi minuti, accetto il fatto che non può più farmi del male. Assicuro Incubo con un bel traversino, così che la marea  non me la possa portar via, e mi avvio lungo il sentiero alla volta del villaggio. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 ore fa, Bellerofonte ha scritto:

Sedicesimo giorno del IV mese, anno 1492, ore 23:05 || +364 giorni dalla partenza della Eurus Septima

Nuova Minos || Brezza leggera da Est, cielo terso || Cibo per due giorni

Di una cosa sei sicura: non sono capanne di pescatori. Ognuno di questi piccoli edifici è un riparo costruito sopra uno di questi buchi nel terreno che oltre un certo punto sono pieni d'acqua salata - forse gallerie che conducono in qualche luogo sottomarino? Certo ci vorrebbe una bella dose d'incoscienza a ributtarti lì in mezzo dopo la tua ultima brutta esperienza.

Le torce sono poste nei pressi di tutte queste capanne disposte quasi a casaccio ma non lontane più di sei metri l'una dall'altra. Attraversate da una sorta di sentiero scavato nella roccia, terminano quando il terriccio diventa predominante sulla sabbia e sulla roccia, a circa venti metri a nord da dove ti trovi adesso. Non c'è nessun segnale, nessuna indicazione sul posto, nemmeno una pietra miliare che indichi la strada. Quegli edifici, le cui entrate sono adornate di amuleti marini - denti di squalo, alghe, conchiglie, stelle marine - sono l'unica parvenza di civiltà lì intorno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prendo tempo, fissando le casupole che danno accesso a reconditi abissi, per nulla tentata di fargli visita a così breve dall’ultimo, disastroso viaggio nelle profondità marine. Mi guardo attorno, gironzolando furtivamente alla ricerca di qualche indizio che possa illuminare in qualche modo le tenebre della mia ignoranza a proposito dei possibili abitanti. Un angolo della mente ragiona sul fatto che, viva e col cadavere dell’ultimo predatore che ha cercato di mangiarmi steso in bella vista di fianco a me, chiunque mi ha salvata non mi avrebbe messo dalla padella alla brace, almeno  consapevolmente. Un altro angolo, mi suggerisce senza pietà di camminare ben lontano dai buchi, mandandomi visioni di tentacoli viscidi che spuntano fuori dall’acqua a caccia della mia carcassa. Rabbrividisco, mentre ricomincio un altro giro di ispezione degli edifici senza prender una decisione. Troppe emozioni tutte in una volta, troppa tensione accumulata e non sfogata, troppa stanchezza a pesare sull’anima oltre che sulle spalle. Un vago senso di disagio per la mia mancanza di decisione mi sconvolge: mi ritrovo a pensare che quando sono partita ero molto più decisa anche se inconsapevole di cosa aspettarmi dal mondo oltre l’orizzonte, ed ora invece, al primo ostacolo e quasi fallimento, mi sento come se avessi perso tutto il coraggio e l’ardore che mi hanno portato a voltare le spalle ad una vita tranquilla in famiglia per l’avventura. Torno a passi strascicati da Incubo, mi accascio sui talloni, fissando la linea di prua dolcemente sprofondata nella sabbia. Con mano ferma accarezzo il dritto di prua e la bella stellatura panciuta della barca, canticchiando tra i denti la ninna nanna preferita di mia madre. Come un balsamo, la nenia mi riporta indietro nel tempo, quando ancora per guardare in viso mia madre dovevo rovesciare il capo all’indietro; e lei, quel suo sguardo profondo e saggio, fiducioso e impavido di chi è pronto a lottare per te contro qualunque cosa, senza la minima esitazione o paura, mi riportano la voglia di farmi avanti, di non mollare. Do un paio di pacche alla barca, sorridendo, e le sussurro Siamo testarde entrambe, quindi non lamentarti.  Prendo un paio di corde dalla barca e, dopo un momento di  riflessione, anche la spada. Mentre torno verso la prima casupola, mi lego in vita la corda e assicuro la spada al fianco, quindi avvolgo l’altra estremità ad una roccia vicino alle torce, prima di volgermi decisa verso la pozza. Bè, speriamo bene aggiungo a nessuno in particolare, avvicinandomi furtivamente al baratro per guardarci dentro, la sinistra sull’elsa della spada, la destra a reggere bene in alto la torcia; la parte più cinica del mio cervello replica alle mie parole con un lapidario “niente barili pieni d’aria qui, cara mia”.

Spoiler

Farei tutte le prove del caso se possibile: sopravvivenza per riconoscere a che razza associare tracce e accampamento simile a questo ; percezione per cogliere particolari e furtività mentre mi avvicino alla capanna alla fine. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 6/8/2019 alle 13:53, Bellerofonte ha scritto:

Sedicesimo giorno del IV mese, anno 1492, ore 23:05 || +364 giorni dalla partenza della Eurus Septima

Nuova Minos || Brezza leggera da Est, cielo terso || Cibo per due giorni

Le capanne non sono abitazioni, di questo ne sei certa. Probabilmente appartengono a qualche razza marina umanoide che li usa come adornamenti sacri per le "entrate" alla loro colonia sotterranea. Ti muovi non troppo silenziosa, ma non hai timore di guardare nell'abisso: e sai cosa si dice, no? Che se guardi dentro l'abisso...questo guarderà dentro di te. Ti accorgi di una presenza alle tue spalle apparsa dal nulla.

OTEgD38.jpg

Un elfo dalla pelle bluastra ti sta osservando con fare curioso, in silenzio. Non sai come non hai fatto a vederlo prima: forse si stava nascondendo?

Spoiler

Percezione: 16

Furtività: 7

Sopravvivenza: 12

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Deglutisco anche se sento la gola secca. Fisso l'essere bluastro senza muovere un muscolo, cercando di intuire le sue intenzioni. Non sembra minaccioso, ma anche l'essere negli abissi non sembrava ciò che era in realtà. Ehm, salve spezzo infine il ghiaccio, incapace di sostenere ancora la tensione. Mi muovo appena di lato, in maniera da non dare le spalle alla casupola, senza distogliere lo sguardo dal nuovo arrivato, la torcia ancora alta ad illuminare perfettamente la scena, la sinistra poggiata ancora sulla spada. Ciò mi da da pensare: farsi beccare a gironzolare furtivamente e con la mano su un arma in un posto in cui magari neanche dovrei stare non è il massimo della diplomazia. Mi schiarisco la voce e levo la mano dall'elsa, imbarazzata dal mio essere così tesa. Salve. Non ho intenzioni ostili. Mi spiace averla disturbata. M..mi chiamo Elle. La voce, partita spavalda si affievolisce man mano  che le parole escono fuori, accavallandosi l'una sull'altra. Muovo nervosamente le gambe, avvicinandole e accarezzando l'una con l'altra, tentando di non avere una faccia colpevole. Una parte della mente ribadisce il fatto che non ci sia nulla di cui essere colpevole. Siete stati voi a ..... chiedo accennando col capo alla barca e alla creatura decapitata al limite della portata della luce, cercando di mantenere un saldo controllo sulla voce stavolta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 7/8/2019 alle 15:24, Bellerofonte ha scritto:

Sedicesimo giorno del IV mese, anno 1492, ore 23:10 || +364 giorni dalla partenza della Eurus Septima

Nuova Minos || Brezza leggera da Est, cielo terso || Cibo per due giorni

"Io" ti risponde in lingua comune. "Non c'è nessun noi. Ci sono solo io."

L'elfo acquatico non sembra aver paura di te, ed anzi ti ignora, andando verso la carcassa del mostro che ti aveva attaccata e cercando di trascinarla sulla spiaggia in prossimità di un grosso scoglio dalla forma alquanto singolare che spunta dal bagnasciuga e pare quasi una rupe che si erge sopra le onde del mare che muoiono increspandosi sotto di esso.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

La mancanza di attenzioni non mi offende, ma è palese che la comunicazione sia stentata, nonostante la mancanza di barriere linguistiche. Seguo i movimenti dell'elfo senza avvicinarmi troppo né interferire coi suoi gesti, anche se non riesco a dargli un significato preciso. Mentre comincia ad armeggiare attorno alla carcassa dell'essere subacqueo, tento di riprendere il discorso Grazie per avermi salvato. E grazie per aver salvato la mia piccolina, aggiungo avvicinandomi ad Incubo Non vorrei sembrarvi importuna, ma ci terrei tanto a conoscere il nome del mio salvatore. Sarebbe un ben magro gesto ringraziare gli dei del mare per un'altro giorno passato tra i flutti dimenticando di menzionargli il nome di chi ha permesso che così fosse. Vi devo la vita  aggiungo con trasporto, aggirando l'imbarcazione e avvicinandomi ancora di più allo scoglio. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

  • Similar Content

    • By SamPey
      In questo Topic inserirò le schede PG.
      Alabaster: Nicodemo Amarillis ->  https://www.myth-weavers.com/sheet.html#id=2271715  Bobon123: Wumama Steeltoe -> https://www.myth-weavers.com/sheet.html#id=2270959 Casa: Frà Fortunato -> https://www.myth-weavers.com/sheet.html#id=2271171 Cuppo: Elaethan Erashooke -> https://www.myth-weavers.com/sheet.html#id=2271164 Voignar:??? ???  https://www.myth-weavers.com/sheet.html#id=2271209
    • By SamPey
      Ciao a tutti, con questo messaggio (e con non poche difficoltà) apro il TdS. Per qualunque dubbio o altro potete scrivere qui. Usiamo questo Topic anche per avvisare qualora qualcuno dovesse assentarsi per qualche giorno. Più siamo organizzati, meglio si riesce a gestire il Game.
      Qualche dettaglio in più sul PbF:
      - Più postiamo, più ci divertiamo. Quindi se riusciamo a tenere il ritmo prestabilito di un post al giorno sarebbe perfetto. Io posterò appena ognuno di voi ha finito il giro, oppure entro 24/48 ore dall'ultimo post (cercherò di non far aspettare due giorni, diciamo che è il tempo massimo che per postare e dire la propria tra un mio intervento e l'altro. Se non si posta entro 2 giorni (salvo casi eccezionali) considero come se "passiate" il turno. Difatti, se qualcuno non posta nel tempo stabilito durante i combattimenti lo considererò in SCHIVATA, mentre nelle interazioni come se non avesse nulla da dire. 
      - Vi chiedo di iniziare ogni vostro post con il nome del PG scritto in grassetto sottolineato, se volete potete usare la formula: "Nome" (razza, classe). Così ci ricordiamo meglio chi è chi ed è più facile anche per voi riconoscere i vari PG. 
      - Scrivete SEMPRE i messaggi al presente, differenziando i dialoghi mettendoli in grassetto. Ricordate, più le vostre azioni sono dettagliate, più sarà facile per me capirle e non fraintenderle. 
      - Col primo post inserite anche una descrizione del vostro personaggio (in spoiler).
      - Mandatemi la scheda facendola su Myth-Weavers e inserite un minimo di Background (poi penserò io a spostarle in una discussione apposita). Man mano che mi consegnate le schede valutiamo insieme (in privato? decidete voi) il gancio narrativo, in modo da rendere più convincenti le motivazioni dei personaggi e da rendere il tutto più interessante.
      - I personaggi, seppur mossi da ideali e ambizioni diversi, si conoscono (da poco in realtà -salvo vostre scelte-, nel gancio narativo e nel primo post vi verrà comunque spiegata questa cosa).
      -Preferite dividere l'avventura in vari capitoli (quindi aprire più discussioni nel corso del tempo, TdG: capitolo 1, ecc) o avere una singola discussione generica (TdG: La Tirannia dei Draghi) ?
      Se avete domande chiedete pure 🙂
    • By Ian Morgenvelt
      Il gufo
      Sky Hauler C9 modificato
      Il Gufo era una vecchia nave da cargo di classe Sky Hauler, modello C9. Cyrus l'ha acquistata in seguito alla sua decisione di mettersi in proprio e da allora è stata pesantemente modificata da lui e da Kale. Ha una piccola zona cargo e quattro cuccette per i passeggeri nello spazio comune. Ha anche dei comparti nascosti sparsi lungo tutta la superficie, utili per contrabbandare oggetti.
      Il Gufo è una vecchia nave, ma può comunque dire la sua contro modelli più recenti grazie ai suoi motori su misura, le sue turbine superconduttrici a vapore e la sua caldaia, un vero miracolo dell'ingegneria (soprattutto contando come riesca a reggere nonostante gli anni di fedele servizio). Snargle ha fatto inoltre numerose modifiche ai controlli per fornire a questa nave di una certa stazza la manovrabilità di un veicolo più leggero. Sfortunatamente, tutte queste nuove opzioni hanno reso la struttura della nave molto meno stabile: Kale è in grado di farla funzionare senza problemi, ma quando viene messa sotto stress (situazione tutt'altro che anomala) le cose possono andare storte. Tubi rotti, ventole su di giri, perdite di fluido e peggio ancora: queste parole non sono certo estranee alla ciurma del Gufo.
      Nonostante tutto, il Gufo non è solamente una nave spaziale: è una casa per i contrabbandieri. Si radunano ogni sera attorno al vecchio tavolaccio di legno e ringraziano i quattro venti di avere una nave tanto bella.
      Statistiche
      Lunghezza: 48 metri
      Ciurma: 2-3
      Cuccette: 6 (2 per la ciurma, 4 per i passeggeri)
      Capacità del cargo: 13600 kg (6 magazzini di carico)
      Impianti energetici
      Motore a vapore con triple valvola reciproca Due propulsori a induzione con turbina doppia Velocità di crociera: 160 nodi
      Velocità di affiancamento: 310 nodi con il turbo
      Armi: Torretta mitragliatrice esterna sul tetto con sistema di mira automatica
      Wireless: Multi banda a medio raggio con distorsore di frequenze imperiale
      Sensori
      Sonar a corto raggio imperiale Analizzatore dell'atmosfera/pressione Scafo: Trattato per resistere alle profondità inferiori fino a 4 ore.
      Modifiche
      Se una prova può beneficiare di una delle modifiche potrete tirare un dado extra.
      Sonar: è possibile emettere un impulso elettromagnetico del sonar per far saltare alcune parti del motore delle navi più piccole. Sistema di mira: con il primo colpo 'manuale' dell'artiglieria, il dispositivo acquisisce il bersaglio desiderato iniziando a seguirne i movimenti automaticamente, facilitando il puntamento del secondo colpo sullo stesso bersaglio. Condizioni
    • By Bellerofonte
      I PROTAGONISTI
      Raftal [Gnor Ladro NB] || Daimadoshi85 || XV - Il Diavolo |
      Tholin Kydar [Mezzelfo Warlock N] || MattoMatteo || XX - Il Giudizio |
      Occhio Bianco che Scruta la Notte [Tabaxi Ladro CN] || Redik || XXII - Il Matto |
      Elle "Pearl" Thorne [Umana Monaco LB] || Aykman || II - La Papessa |
      Ithil Mornen Estel [Elfa Acquatica Druido CB] || DarkValkyria || XVIII - La Luna |
       
       
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.