Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Il Futuro di D&D

Ci sono in ballo grandi piani per D&D 5E nei prossimi anni e in particolare in vista del 50° anniversario del gioco di ruolo più celebre del mondo.

Read more...

In Arrivo il Rules Expansion Gift Set

A inizio anno prossimo la WotC farà uscire un set di tre manuali per coloro che sono interessati alle espansioni regolistiche per D&D 5E.

Read more...
By Lucane

L'Arte della Legenda: Parte 4 - La Lista degli Avversari

Volete aggiungere spessore e profondità ai vostri scenari senza per questo complicarvi la vita a tener traccia degli spostamenti di ogni singolo mostro o nemico? The Alexandrian ci offre uno strumento formidabile per la gestione in tempo reale di scenari complessi e di moltitudini di avversari. 

Read more...

Anteprime di Fizban's Treasury of Dragons #2

Andiamo a scoprire delle novità legate a classi, razze e mostri che saranno presenti nella Fizban's Treasury of Dragons.

Read more...

La Free League ha annunciato il GdR ufficiale di Blade Runner

Andiamo ad immergerci nell'iconico universo di Blade Runner con questo nuovo prodotto della Free League in arrivo l'anno prossimo.

Read more...

Paladino che ha perso la fede


Scatush
 Share

Recommended Posts

Il mio paladino di livello 8 dopo alcuni gravi eventi ha iniziato a pensare di essere stato abbandonato da Tyr, la divinità a cui era devoto. Sotto sotto, ispirandomi brutalmente alla XGE, ha cominciato a credere che gli dei non siano onnipotenti e il caso abbia la sua fetta di responsabilità. Avendo perso il contatto con la divinità, definitivamente, pensavo di alterare il paladino privandolo di divine sense, divine smite e channel divinity e tutte le feature legate alla divinità. Potrebbe essere una buona idea? Lo renderebbe troppo underpowered? Idee per sostituirli o comunque compensare la perdita?

 

Link to comment
Share on other sites


La cosa più semplice in termini di meccaniche sarebbe farlo diventare un Oathbreaker (dalla guida del dungeon master), così da simboleggiare la spaccatura fra quello che era e quello che è adesso, e dare ai poteri un aspetto visivo che combaci con la tua idea attuale del personaggio. 

Levare poteri in maniera arbitraria senza sostituirli o sostituendoli con altri creati sul momento tende a dare risultati sbilanciati, per cui personalmente te lo sconsiglierei.

Link to comment
Share on other sites

Non so se sia la scelta migliore, ma mi rendo conto di aver omesso dei particolari importanti. Il setting della campagna è interamente incentrato sulla guerra tra divinità, su ordine di Tyr il paladino ha trovato un modo per uccidere la sua divinità rivale ma al prezzo di molte vite umane. Tyr per evitare che la morte del suo rivale sia ricondotta a lui ha interrotto ogni legame con il paladino che ha perso la fede. Detto questo, pensi ancora che l'oathbreaker sia la soluzione migliore? grazie in anticipo

Link to comment
Share on other sites

Il mio Dm mi ha fatto una proposta poco sensata secondo me. Mi ha proposto di perdere il channel divinity (cosa che secondo me ci sta), di perdere parte degli incantesimi massimi che posso preparare e di perdere il giuramento. Soltanto un paladino devoto può giurare e mantenere il proprio giuramento, il mio è un paladino a metà. Considerando che la divinità a cui era devoto l'ha usato come pedina e poi gettato via non mi sento di ignorare completamente il mio Dm. Sinceramente non saprei cosa fare e come gestire la cosa, gli altri ragazzi mi hanno suggerito di spulciare pathfinder e la 3.5 ma non so fino a quanto sia una buona idea.

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators - supermoderator

La cosa migliore sarebbe parlare direttamente con il tuo DM e fargli presente che per te potrebbe non essere divertente giocare un personaggio praticamente castrato a metà e se si può trovare una qualche soluzione che ti fornisca accesso a capacità o poteri alternativi, in tema con la situazione. Lui avrà magari già in mente tutta una sua bella storia in cui il paladino si redime per così dire, chissà, ma conta anche il tuo divertimento nel gestire il personaggio. Alla base del divertimento in questo gioco si trova una creazione condivisa di una storia, quindi confrontatevi apertamente e collaborando trovate una strada che soddisfi entrambi.

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

Ho parlato con il DM.

La sua idea è quella di trasformare lentamente il mio paladino in un cercatore della verità, simile a quelli di dragon age. Non so ancora se sia una buona idea ma sembra interessante visto la piega che hanno preso gli eventi. Rigrazio tutti quanti per le risposte.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By Alexandre
      Salve, stavo leggendo con curiosità il post circa il massimo numero di danni possibile in un singolo round e mi é sorta una domanda. Premesso che sono innamorato del Monaco e della via della Via dell'ombra, ci sono significative differenze in termini di output di danno tra le varie tradizioni o le differenze sono di flavour? Vi ringrazio
    • By Aramil619
      Salve volevo strutturare un guerriero maestro di battaglia umano variante (con talento cuoco)specializzato nelle armi da lancio , per le statistiche abbiamo via libera per usare il sistema dei 27 punti o prendere i seguenti punteggi  15, 14, 13, 12, 10, 8. Avete idee di come distribuire le caratteristiche ed eventuali talenti e manovre  ?mi piacerebbe usare una lancia/tridente o comunque un arma su asta per intenderci .Campagna fino livello 20
    • By darksaro1990
      ciao a tutti, dopo quasi un annetto in cui sono stato introdotto attraverso nuove amicizie alla 5e mi stavo divertendo a pensare a un futuro pg. attualmente sto masterando una campagna in conclusione ( non vuol dire che sia esperto in questa edizione comunque) e visto che finita la mia uno dei giocatori farà da master, per sfizio, ho iniziato a pensare a un pg
      tra le varie scelte possibili quella che mi da da pensare e' quella di un pg Shadar- kai che per ragioni attualmente non decise ( possiamo parlarne insieme se vi fa piacere ) , riesce o viene , tramite influenze esterne, liberato dal giogo imposto dalla Raven queen. La sua storia come PG dovrebbe iniziare nel piano materiale , probabilmente nel Faerun o in un mondo Custom ma comunque abbastanza standard.
      L'idea era giocare come classe il Ranger con le varianti offerte da tasha ( favored foe ecc..) La scelta del ranger era data dal fatto che immaginano questo shadar kai nella cui memoria ci sono scene di avvenimenti che non ricorda bene e per sopravvivere si da alla via del ramingo,arrangiandosi come può'.
      Non e' mia intenzione cercare di fare power playing ma mi farebbe piacere una build solida che abbia il suo senso in combattimento. sono molto indeciso se farlo ranged ( hand crossbow o arco lungo) o in corpo a corpo andando di stocco , due spade corte o magari in alternativa  con la doppia lama valenar ( adattata da eberron).
      le sottoclassi che mi sembrano più adatte sono gloom stalker ( uno shadar kai che si mimetizza nelle ombre e fa agguati ci sta), horizon walker ( stessa cosa, essendo fuggito da un altro piano ci starebbe benissimo un ranger planare) e anche il fey wander ( meno indicato tra i tre, ma magari puo essere da stimolo per il master per la "fantomatica motivazione narrativa" che ha permesso a questo shadar kai disgraziato di liberarsi dalla schiavitù della regina corvo e vivere libero.
      Sono aperto ad alternative, stravolgimenti cambi di razza o classe basta che si segua concettualmente il flavour di base.
      avevo valutato la Custom Lineage presente in tasha per creare un elfo  "shadar- kai " privo della benedizione della regina corvo ( e per essere elfo con il talento bonus , magari proprio per partire subito con il talento revenant blade per usare la doppia scimitarra valenar con "finesse" , si so che sono un po' paraculo  )
      sotto un' immagine di concept di partenza e ringrazio tanto chiunque mi dedichi qualche minuto del suo tempo. ( male che vada, goblin beastmaster che cavalca il compagno animale lupo o magari un coboldo barbaro !)
      Edit: manuali concessi tutti quelli in italiano, niente UA. niente ranger rivisitato, tasha consentito

       
      a voi ...

    • By MadLuke
      Ciao a tutti,
           il damage dealer del gruppo tra poco prenderà l'abilità speciale della CdP 3.0 in oggetto (Dragon Magazine #314).
      Personalmente trovo sia decisamente debole: spendere un'azione standard per fare 28 pf danno, che con TS Riflessi CD 20 si dimezzano, seppure ad area è davvero imbarazzante considerato che lui con un singolo attacco ne fa 35 di media. Pensavo quindi:
      - danni: d6 --> d8, così danno medio 36, cambia poco ma è una prima misura;
      - l'utilizzo dell'abilità comporta interruzione immediata dell'ira: questa è una delle tante fisime di tanti talenti e CdP 3.0, faccio come non l'avessi neanche letto;
      - usi: 1/giorno --> 3/giorno, in realtà considerato quanto pochissimo danno fa io la metterei anche at will;
      - area: cerchio diametro 9 m. incentrato su se stesso --> diametro 12 m. su se stesso modellabile su qualsiasi ampiezza di cono/semicerchio, così da colpirne almeno qualcuno in più e non mettere a rischio i propri alleati.
      Che ne pensate? Per dirla tutta io gli ho consigliato di lasciar perdere la CdP e riprendere piuttosto la classe base, ma lui dice una CdP così particolare non la farà più e allora giacché c'è vuole completarla (e lo capisco anche).
      Ciao e grazie, MadLuke.
    • By Qarisath
      Heilà ragazzi. Avrei un dubbio riguardo ad alcune meccaniche di una classe specifica, che come potete immaginare senza troppe difficoltà dato il titolo, è quella del cineta. Premettiamo che mi sembra una classe dannatamente fichissima e che non vedo l'ora di giocarla nella prossima campagna (ascesa, nello specifico). Per farla breve, mi chiedevo come workasse la questione BAB e ondate cinetiche: arrivato ad avere all'8°lv il doppio BAB +6/+1, posso lanciare due blast con i rispettivi BAB? Se si, conseguentemente potrei prendere "combattere con due armi" e fare un attacco aggiuntivo?
      Il mio dubbio quindi è se/quando l'ondata cinetica funziona come un cast classico (che in casi comuni è possibile lanciarne solo uno a round) o come un'arma (dato che "Le ondate cinetiche contano come un tipo di arma ai fini di talenti come Arma Focalizzata" ).
      Mi affido alla vostra immensa conoscenza regà. Grazie mille in anticipo!
       
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.