Jump to content

Chiarimento AdO


Edward Volth
 Share

Recommended Posts

Salve a tutti. Volevo dei chiarimenti sull'attacco di opportunità (AdO). Noi veniamo dalla 3.5, e abbiamo deciso di passare alla 5e, per svariati motivi che non sto qui a dirvi.

Nella 3.5, qualsiasi cosa (o quasi) generava AdO, come lanciare un incantesimo, raccogliere un oggetto da terra, quando lasci una CASELLA minacciata, ecc...

Nella 5e, correggetemi se sbaglio, gli attacchi di opportunità si generano SE E SOLO SE si lascia l'AREA minacciata (ovviamente con varie eccezioni come disimpegno, talenti o privilegi particolari).

Quindi, azioni come raccogliere un arma, lanciare un incantesimo, e così via, all'interno di una casella minacciata da un avversario, NON provoca AdO, giusto?

Il problema è che, purtroppo, abbiamo iniziato dalla 3.5, e molti (non io eh :D ) sono ancora ancorati alla mentalità di 3.5, e quindi al barbaro/guerriero sembra assurdo e troppo sbilanciato che un incantatore può lanciare un incantesimo in una casella minacciata senza beccarsi AdO (dicendo quindi che gli incantatori sono "buggati"), o che se ad un nemico cade l'arma (esempio incantesimo comando), nel momento in cui la raccoglie è assurdo che non si becca l'AdO.

Quindi due domande. 

  1. Le regole che ho scritto relative all'AdO, sono giuste o ho sbagliato qualcosa (in realzione anche all'esempio dell'incantatore o del nemico che raccoglie l'arma)
  2. Come far capire che se in questa edizione non sono presenti AdO in caso di incantesimi, o raccolta di oggetti, ecc, a coloro che vengono dalla 3.5? (io so bene che affinchè sia stata fatta questa regola dell'AdO, sono stati fatti migliaia di playtest, prove di bilanciamento, controlli statistici e quant'altro)
Link to comment
Share on other sites


  • Moderators - supermoderator
46 minuti fa, Edward Volth ha scritto:

Quindi, azioni come raccogliere un arma, lanciare un incantesimo, e così via, all'interno di una casella minacciata da un avversario, NON provoca AdO, giusto?

Corretto.

46 minuti fa, Edward Volth ha scritto:

Come far capire che se in questa edizione non sono presenti AdO in caso di incantesimi, o raccolta di oggetti, ecc, a coloro che vengono dalla 3.5? (io so bene che affinchè sia stata fatta questa regola dell'AdO, sono stati fatti migliaia di playtest, prove di bilanciamento, controlli statistici e quant'altro)

Intanto si può partire dal presupposto che gli incantatori sono decisamente meno potenti in questa edizione e quindi anche se hanno qualche vantaggio a lanciare incantesimi in mischia non è questo gran problema (e comunque nella 3.5 si andava di lanciare sulla difensiva o di passo da 1,5 metri alla bisogna quindi anche lì non era così problematico*. Per il fatto del raccogliere l'arma si può semplicemente giustificare che verrà fatto con attenzione e senza esporsi troppo al nemico come può esserlo l'allontanarsi dalla mischia senza particolari accorgimenti. Comunque una delle spinte principali nella creazione del regolamento è stata la semplificazione del sistema di gioco, senza doversi stare a ricordare quindi mille casi possibili in cui si effettua o meno l'AdO. Se però la cosa vi risulta particolarmente fastidiosa potete sempre reintrodurre l'AdO anche per altre situazioni, magari come capacità specifica sviluppata dal personaggio allenandosi proprio per sfruttare quell'attimo di apertura delle difese nemiche mentre raccolgono un oggetto, andando alla ricerca del vecchio spadaccino che si dice avesse creato per prima la tecnica per farsi addestrare (leggi talento Mage Slayer)

 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.