Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.
By Lucane

L'Arte della Legenda: Parte 4 - La Lista degli Avversari

Volete aggiungere spessore e profondità ai vostri scenari senza per questo complicarvi la vita a tener traccia degli spostamenti di ogni singolo mostro o nemico? The Alexandrian ci offre uno strumento formidabile per la gestione in tempo reale di scenari complessi e di moltitudini di avversari. 

Read more...

Anteprime di Fizban's Treasury of Dragons #2

Andiamo a scoprire delle novità legate a classi, razze e mostri che saranno presenti nella Fizban's Treasury of Dragons.

Read more...

La Free League ha annunciato il GdR ufficiale di Blade Runner

Andiamo ad immergerci nell'iconico universo di Blade Runner con questo nuovo prodotto della Free League in arrivo l'anno prossimo.

Read more...

Domains of Delight

La Wizards of the Coast ha pubblicato sulla DMs Guild un supplemento sulla Selva Fatata!

Read more...

Avventure a Rokugan

L'EDGE Studio ci porterà di nuovo a Rokugan, l'ambientazione de La Leggenda dei Cinque Anelli, con le regole di D&D 5E.

Read more...

Voglio iniziare a fare il master, consigliatemi!!


Barragan
 Share

Recommended Posts

Salve a tutti, sono Andrea, detto Barragan.

Voglio iniziare a fare il master. Ho sempre e solo giocato come mago (ho iniziato un anno fà circa).

Mi è venuta l'idea di provare a masterare una campagna più o meno lunga.

 

Vi espongo la mia idea di mondo dove giocare con i miei amici:

  1. Vorrei creare un mondo grande, molto grande;
  2. All'interno del mondo caratterizzerò l'importanza di avere soldi, dimora/e, attività, ecc.
  3. Per quanto riguarda le gilde e le compagnie volevo farle partire con un "capitale iniziale" e ogni settimana di gioco attraverso un tiro di d100 farle perdere o guadagnare una percentuale di soldi e beni. Esempio, gilda A ha 10'000 monete d'oro, faccio un bel tiro --> in quella settimana è arrivata a guadagnare 2000 monete con i suoi traffici.
  4. Voglio quindi dare molta importanza all'organizzazione del mondo: voglio usare un calendario, voglio che gli dei siano realmente venerati, ecc.
  5. Voglio creare relazioni tra le fazioni che seguono una dinamica legata alla main quest (o alle azioni dei pg).

Da qui, in sostanza, un mondo ben organizzato, voglio creare una campagna, dove sarà sia possibile seguire quest 2', che la main. 

Inizialmente, per imparare, volevo fare un mondo solo di 2'. Così da capire le dinamiche da Dm.

Accetto qualunque consiglio e opinione!! Siate numerosi!!

Link to comment
Share on other sites


Ciao Andrea,

premesso che l'argomento è molto complesso e che si finirebbe per andare per le lunghe, direi che per il momento il suggerimento più importante che mi sento di darti è di non iniziare in grande, ma in piccolo.

Se è la prima volta che fai il master, ti risulterebbe difficile tenere conto di tutte le variabili economiche e di crescita che esponi nel tuo post: invece, parti da un'area molto piccola e poi espandila man mano che prendi confidenza con il gioco e con l'attività di Dungeon Master. Allo stesso modo, non preoccuparti dello sviluppo del capitale delle gilde e roba simile, non all'inizio almeno: la tua campagna è principalmente un luogo dove vivere delle avventure e non una simulazione realistica di un sistema economico medievale-fantasy ! 

Se vuoi maggiori dettagli ti suggerisco di leggere due articoli che ho scritto sul mio blog dedicati per l'appunto alla creazione di campagne per gdr e alla struttura delle avventure (che è correlato al precedente).

 

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

22 minuti fa, Barragan ha scritto:

Vi espongo la mia idea di mondo dove giocare con i miei amici:

  1. Vorrei creare un mondo grande, molto grande;
  2. All'interno del mondo caratterizzerò l'importanza di avere soldi, dimora/e, attività, ecc.
  3. Per quanto riguarda le gilde e le compagnie volevo farle partire con un "capitale iniziale" e ogni settimana di gioco attraverso un tiro di d100 farle perdere o guadagnare una percentuale di soldi e beni. Esempio, gilda A ha 10'000 monete d'oro, faccio un bel tiro --> in quella settimana è arrivata a guadagnare 2000 monete con i suoi traffici.
  4. Voglio quindi dare molta importanza all'organizzazione del mondo: voglio usare un calendario, voglio che gli dei siano realmente venerati, ecc.
  5. Voglio creare relazioni tra le fazioni che seguono una dinamica legata alla main quest (o alle azioni dei pg).
  1. Ti sconsiglio di incominciare a fare il DM con un'ambientazione creata ex novo. Già fare il DM è difficile di per sé, figuriamo creare anche l'ambientazione. Per altro non ne hai reale bisogno dato che puoi applicare il tuo stile di "avventura economica" a molte ambientazioni già esistenti. Inoltre potresti anche solo prendere un'ambientazione e modificarla a necessità, ma avendo comunque una base da cui partire. Per finire, è una pessima idea partire con un'ambientazione enorme, per diversi motivi: sicuramente per un DM novizio controllare tutte le variabili di un mondo immenso, secondariamente perché ti neghi la possibilità di modellare l'ambientazione per le tue esigenze. Es. Un giocatore vuole fare un PG vichingo e tu non hai creato nella zona nord degli stati in stili norreno. Come fai? Se invece lasciassi le cose fumose, potresti crearla al momento.
  2. Non è un'avventura standard, ma se è quello che ti interessa ti incoraggio a creare un'avventura "economica". Ovviamente non deve diventare un gioco di monopoli, ma magari i contatti e le ricchezze hanno grande rilevanza nelle avventure cittadine. Magari lo stato è un'oligarchia o una plutarchia dove sono le famiglie mercantili a governare ed essere affiliate a loro vuol dire avere la strada spianata in tutto. È un ottimo spunto non banale per qualcosa di diverso che non sia la solita avventura EUMATE.
  3. Allo stesso tempo non mi focalizzerei troppo sulle cifre, non bisogna perdersi in calcoli. Per esempio potresti semplicemente fare che se i PG sono parte di una gilda/compagnia/corpo d'elite ricevono uno stipendio base che copre tutte le spese "base" (tipo locande, carrozze per muoversi, spese per vivere ecc...), più dei "premi" monetari per comparsi oggetti magici. Anche se uno di PG diventasse capo di qualche organizzazione, farei in modo che riceva semplicemente degli ammontare stabiliti di soldi, anche in base alle azioni a favore della sua società.
  4. Questa è un'ottima cosa (non lasciare le cose generiche), ed è il motivo per cui ti dicevo di partire da una base di ambientazione. Io per esempio ci aggiungerei le festività e fiere del calendario a seconda delle regione, e inventarsi tutto da zero è molto impegnativo.
  5. Questo si lega a quanto detto nel punto due. Magari dovresti partire solo con uno stato o una città, con tutte le avventure e intrighi che già ti possono offrire, e su cui più facilmente può creare un "sistema" di alleanze e rivalità che influiscono sull'avventura come già detto.
Link to comment
Share on other sites

Ti espongo in breve come la penso: la struttura e l'impostazione della campagna che delinei nel tuo post mi sembrano piu' adatte ad un videogame che ad una campagna di un gioco di ruolo cartaceo gestito da esseri umani invece che da un computer. Penso che il modo in cui ne parli tradisca un po' la tua inesperienza come DM. 

1 hour ago, Barragan said:

Vorrei creare un mondo grande, molto grande;

Quando farai il DM ti accorgerai che questo non e' un buon uso del tuo tempo, perche' passerai ore e ore a definire dettagli, territori, PNG, etc. che non userai mai in gioco. Poi ovviamente magari finirai per farlo lo stesso perche' ti piace, ma ai fini di un uso razionale del proprio tempo (che e' limitato) partire dicendo "voglio fare un mondo grandissimo" (magari pensando a Skyrim) e' tendenzialmente una cattiva idea. 

1 hour ago, Barragan said:

Voglio quindi dare molta importanza all'organizzazione del mondo: voglio usare un calendario, voglio che gli dei siano realmente venerati, ecc.

Ore e ore del tuo tempo per creare materiale dettagliato minuziosamente... di cui ai tuoi giocatori importera' poco o niente.

1 hour ago, Barragan said:

Voglio creare relazioni tra le fazioni che seguono una dinamica legata alla main quest (o alle azioni dei pg).

Di tutte le cose che hai scritto, questa e' quella probabilmente piu' importante.

Per il resto, qualche mese fa ho scritto un po' di consigli qui.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, KlunK ha scritto:
  1. Ti sconsiglio di incominciare a fare il DM con un'ambientazione creata ex novo. Già fare il DM è difficile di per sé, figuriamo creare anche l'ambientazione. Per altro non ne hai reale bisogno dato che puoi applicare il tuo stile di "avventura economica" a molte ambientazioni già esistenti. Inoltre potresti anche solo prendere un'ambientazione e modificarla a necessità, ma avendo comunque una base da cui partire. Per finire, è una pessima idea partire con un'ambientazione enorme, per diversi motivi: sicuramente per un DM novizio controllare tutte le variabili di un mondo immenso, secondariamente perché ti neghi la possibilità di modellare l'ambientazione per le tue esigenze. Es. Un giocatore vuole fare un PG vichingo e tu non hai creato nella zona nord degli stati in stili norreno. Come fai? Se invece lasciassi le cose fumose, potresti crearla al momento.
  2. Non è un'avventura standard, ma se è quello che ti interessa ti incoraggio a creare un'avventura "economica". Ovviamente non deve diventare un gioco di monopoli, ma magari i contatti e le ricchezze hanno grande rilevanza nelle avventure cittadine. Magari lo stato è un'oligarchia o una plutarchia dove sono le famiglie mercantili a governare ed essere affiliate a loro vuol dire avere la strada spianata in tutto. È un ottimo spunto non banale per qualcosa di diverso che non sia la solita avventura EUMATE.
  3. Allo stesso tempo non mi focalizzerei troppo sulle cifre, non bisogna perdersi in calcoli. Per esempio potresti semplicemente fare che se i PG sono parte di una gilda/compagnia/corpo d'elite ricevono uno stipendio base che copre tutte le spese "base" (tipo locande, carrozze per muoversi, spese per vivere ecc...), più dei "premi" monetari per comparsi oggetti magici. Anche se uno di PG diventasse capo di qualche organizzazione, farei in modo che riceva semplicemente degli ammontare stabiliti di soldi, anche in base alle azioni a favore della sua società.
  4. Questa è un'ottima cosa (non lasciare le cose generiche), ed è il motivo per cui ti dicevo di partire da una base di ambientazione. Io per esempio ci aggiungerei le festività e fiere del calendario a seconda delle regione, e inventarsi tutto da zero è molto impegnativo.
  5. Questo si lega a quanto detto nel punto due. Magari dovresti partire solo con uno stato o una città, con tutte le avventure e intrighi che già ti possono offrire, e su cui più facilmente può creare un "sistema" di alleanze e rivalità che influiscono sull'avventura come già detto.

Si ovviamente, non sto a creare una società economica, voglio solo dare una spinta in più ai giocatori (che conoscendoli) sarebbero più motivati a farsi due conti e a investire, creando dinamiche, se pur secondarie, divertenti e che possono far svagare anche il gioco. Non voglio ne essere troppo pignolo e ne troppo blando. Voglio dare il giusto a chi ruola bene.

 

Pensavo di dividere una mappa grande in piccole regioni, magari una già fatta come di te voi. Da lì, pian piano che prendo confidenza col ruolo, di aumentarla a tutto lo stato completo... Grazie a tutti comunque :)

Link to comment
Share on other sites

Ciao, 

se posso darti un consiglio molto personale io partirei dal dettaglio. Cosa significa, tu hai questa idea del mondo che piano piano si svilupperà, ma io partire creando una piccola ambientazione, un piccolo regno un po' isolato magari. Attenzione fa sempre parte del grande mondo che vuoi creare!

Definisci molto bene questa piccola porzione di territorio (seguendo tutti i principi che vuoi inglobare nel tuo mondo). Ora, con un lavoro ben fatto le avventure si scrivono da sole, cosa significa?

Se tu progetti bene la zona, i personaggi che ci vivono, le organizzazioni che ci sono (gilde, circoli, associazioni, eccetera) e quali sono gli interessi di tutti questi soggetti, ti ritrovi con un posto dove far vivere le prime avventure ai tuoi personaggi che non saranno fortemente indirizzati come nei casi delle main quest, ma saranno invece liberi di girare per il regno e in base alle loro azioni, agli interessi di PNG e organizzazioni e allo scorrere del tempo fai evolvere la situazione. 

I personaggi sono più liberi di fare un po' quello che vogliono, tu ti ritrovi con centinaia di tracce per avventure, se si recano in un villaggio hai un'idea di chi sono i buoni, chi i cattivi e quali interessi hanno e cosa cercano di ottenere, mischiando a tutto ciò le azioni dei personaggi ottieni un mondo vivo che si modifica in parte autonomamente al passare del tempo e in parte in base alle azioni dei giocatori, che così ricevono anche un più forte feedback di quello che è il loro impatto sul mondo circostante.

Poi piano piano espandi la regione "giocabile" aggiungendo le aree e i regni limitrofi, ragionando su interessi meno locali e più nazionali o continentali, questa evoluzione segue la crescita di livello e di potere dei personaggi che salendo di livello sono (o secondo me dovrebbero essere) sempre meno legati a interessi e accadimenti locali, passando a sventare trame che minacciano interi regni o addirittura continenti.

Una buona idea è cominciare ad abbozzare fin da subito una lontana e nascostissima trama di fondo,  alcuni nemici ricorrenti che i personaggi incontrano magari più volte sono sempre un bel tocco di pepe

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By Renis
      Da questo link potete scaricare gratuitamente la Quick Start Guide 2.0 La Notte Eterna per download gratuito.

      Questa piccola guida vi fornirà gli elementi essenziali per iniziare le vostre avventure ne "La Notte Eterna", ambientazione epic-fantasy per 5e. All'interno della QSG troverai il link per scaricare: Scheda del Giocatore 1 Battle Map a colori. Segui la pagina Facebook della Notte Eterna per scoprire le ultime novità e partecipare al Kickstarter. Vuoi giocare in anteprima alla Notte Eterna? Stiamo cercando beta tester per delle sessioni live sui nostri canali social. Se ti interessa invia pure la tua candidatura, clicca qui.
    • By supremenerd88
      Un saluto a tutti.
      Ho letto diversi anni fa (più di quanti vorrei ammettere), alcuni libri legati alle ambientazioni di D&D Dragonlance e Forgotten Realms. Chiedendomi "avranno mai fatto dei libri ambientati a Golarion?" mi sono imbattuto in una collana chiamata "Pathfinder Tales" che credo appunto risponda alla mia domanda.
      https://paizo.com/store/pathfinder/fiction/tales/novels
      Questi libri però non li trovo tradotti in lingua italiana e da qui la domanda: sono stati tradotti? Se si, dove si possono acquistare?
      In italiano ho trovato solo:
      https://www.amazon.it/Signore-delle-Rune-Pathfinder-Tales/dp/8867023217/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=pathfinder+tales&qid=1628533327&sr=8-1
      https://www.amazon.it/Lisola-del-traditore-Pathfinder-tales/dp/8867023306/ref=sr_1_2?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=pathfinder+tales&qid=1628533327&sr=8-2
      Grazie.
    • By Renis
      Sono trascorsi 161 anni dal giorno in cui la Guerra Celeste ebbe inizio. Un conflitto che vede schierate le divinità e le loro immense armate in una lotta di supremazia che finora non ha decretato né vincitori né vinti.
      Quando nel cielo si levò il primo grido di battaglia, potente e terribile come un tuono, le tenebre di un cosmo avido e crudele inghiottirono il sole. Esso si perse in un manto di gelide stelle senza lasciar traccia; rubato, si dice, da un dio cieco e crudele.
      Consultate l’erudito, parlate pure con il volgo, chiedete loro il nome di questo buio perenne che ha ottenebrato il cielo ed i cuori degli uomini: “Quest’epoca oscura, di sangue e di lacrime" vi risponderanno, "è la Notte Eterna”.    
      Le genti di questo mondo affranto, di Neir, hanno dimenticato la calda carezza del sole, che nella loro stoltezza relegano al mito di una religione morente. Essi non possono sapere che il dio della luce, straziato ma ancora vivo, ha donato parte della sua essenza alla Luna come ultimo sacrificio agli ingrati mortali.
      Astro beffardo, enigmatico, libero da ogni giogo divino e infine vivo di luce propria, la Luna. I giorni e le stagioni sono scanditi dalle sue fasi e le vite di milioni ne seguono il corso "luna dopo luna".
      Neir è un mondo freddo e inospitale, dove la vita resiste solo grazie agli influssi benefici della magia. Senza di essa, il gelo sarebbe insopportabile e ogni cosa viva morrebbe.
      Le specie animali e vegetali di un tempo si sono estinte o perlopiù ridotte drasticamente di numero. Esse sono state soppiantate da nuove specie, provenienti dai vastissimi territori sotterranei, in grado di vivere e prosperare a temperature più basse e senza luce solare.
      Allo stesso modo, nuove razze di conquistatori hanno compiuto la loro ascesa al mondo di superficie: gli Oscuri, popolo di mercanti e schiavisti, governato da un imperatore spietato e fedele di un dio crudele; e gli Hjilaki, vampiri di sangue puro, che all’avvento della Notte Eterna sorsero dalle loro cripte per mettere a ferro e fuoco le nazioni mortali.
      Durante questi 161 anni, lunghissime pagine di dolore sono state scritte, spesso con il sangue. In questo caos imperituro vigono nuovi ordini e laddove gli antichi regni sono caduti altri lottano quotidianamente per sopravvivere alla marea di morte che ogni cosa vuole travolgere.
      A Neir, il pericolo si annida ovunque: in templi dedicati a dei innominabili, in antiche rovine infestate da creature blasfeme, in territori selvaggi abitati da mostri, persino nella nostra deliziosa città, nel languido sorriso di una cortigiana, nel rassicurante cipiglio di una guardia…
      Chi oserà incamminarsi per questo sentiero di desolazione? Chi è l’eroe che brandirà la sua spada in aiuto degli indifesi?
      Dopo aver instillato la paura nei vostri giovani cuori, a coloro fra voi che nonostante tutto desiderano affrontare le insidie del mondo pur di acquisire fama come cantori, io dico: seguite le orme dell’eroe e cantate le sue gesta, perché tale è il sentiero che conduce all'immortalità.   - Daris Rylan, Gran Musico della Casa dei Musici e delle Belle Arti di Azkabel nel suo discorso inaugurale ai nuovi iscritti   La Notte Eterna è un'ambientazione epic-fantasy per Dungeons&Dragons 5ED. A novembre lanceremo il Kickstarter esclusivo al pubblico italiano: una scommessa su cui stiamo puntando stretch goal, manuali e oggettistica che vanno dal classico schermo del Dungeon Master a vere e proprie chicche... Se ti va di saperne di più visita il nostro blog, pagina facebook e canale twitch (o scrivi qui, se l'ambientazione ti incuriosisce).  
    • By Republic
      Salve, non sapevo dove mettere questa discussione.
      Ho cercato a lungo su internet e su questo forum ma non ho trovato quello che cercavo.
      Cè qualcuno che ha una mappa del mulhorand in cui magari viene indicato (ad esempio) dovè la valle fertile? 
       
       
    • By Pippomaster92
      Long story short: da un annetto sto procedendo con la creazione di un'ambientazione. Non è la prima volta che lo faccio, non sarà l'ultima (temo). 
      Ho cominciato dal medio-piccolo: un continente un po' più piccolo dell'Europa. Clima mitteleuropeo con un nord gelido e un sud mediterraneo. Tutto tranquillo. 
      Ora però sto espandendomi oltre al continente conosciuto per cominciare a tirare le fila del resto del mondo. Ho stabilito che
      Si tratta di un pianeta-geoide pressappoco della stessa dimensione della Terra. Orbita attorno ad una stella molto simile al nostro sole. Impiega 360 giorni esatti a compiere una rivoluzione attorno al sole. La durata del giorno è di 24 ore esatte.  Ha una luna un poco più grande della nostra ma un poco più distante (cifre irrisorie). Il mese lunare è esattamente di 36 giorni, e dunque ci sono 10 mesi. Le esamane sono appunto di sei giorni.  La luna è abitata e ha una sua atmosfera, ma per ora non ci riguarda. 
      Stavo passando oltre e cominciando a disegnare una bozza di mappa del globo, quando sono stato fulminato da questo video.
      E mi sono detto... Perché no? Perché il nostro bel mondo non dovrebbe avere un'inclinazione dell'asse superiore ai 54°?
      Dato che la sanità mentale mi è uscita dalle orecchie molto tempo fa, invece di accantonare l'idea come una cavolata ho deciso di fare un tentativo. 
      Ora, la mia idea è che il continente che per ora ho tratteggiato (e dove giocano i miei giocatori, tra l'altro, da sei mesi) non sia effettivamente "al posto dell'Europa" sopra l'equivalente del tropico di quel mondo. No, si trova sotto l'equatore, ed è per questo che il freddo è comunque al nord: perché l'asse, inclinato di 54°, fa sì che l'equatore sia congelata per buona parte dell'anno, e che un polo sia un deserto torrido per metà anno e un deserto gelido per l'altro. Nel mezzo, però, c'è sicuramente abbastanza spazio per metterci delle terre temperate.
      Specialmente se con un oculata gestione delle correnti oceaniche riesco a smorzare il contrasto di temperature. 
      Ovviamente ci sono dei problemi, che devo capire come risolvere. Ho molto più interessi che competenze nel campo scientifico...
      Per ora ho alcuni dubbi:
      Per avere una zona abitabile non polare (e per polare intendo a livello di irradiamento solare, non temperature), quanto deve essere inclinato l'asse, e quanto deve essere grande il pianeta? Le stagioni come vengono stravolte? Per ora ho gestito il passaggio delle stagioni come qualcosa di molto preciso, e vorrei mantenerlo. Posso sempre dire che sono gli dei a mantenere tutto in ordine, e perché no: è il loro ruolo. Ma vorrei restare abbastanza verosimile. Vorrei evitare di chiamare in causa la magia per giustificare ogni cosa.  A livello di alba e tramonto, come vengono percepiti da chi si trova su un pianeta così inclinato? Sostanzialmente ho difficoltà a figurarmi in senso pratico tutte queste caratteristiche quotidiane. Se poi il tutto diventa assolutamente inconciliabile con un mondo simil-terra abbandonerò l'idea. Ma se mi dovesse riuscire di incastrare questa peculiarità nel mio mondo... sarebbe fantastico. 
      C'è qualche anima pia che conosce abbastanza l'astronomia da darmi una mano?
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.