Jump to content

Il Gioco degli Schiavi - Gruppo II


Lamadanzante

Recommended Posts

Vi risvegliate dolorosamente da un sonno molto profondo, un sonno senza sogni, nero e silente. Un sole implacabile , esattamente sopra di voi, brucia le vostre carni e acceca i vostri occhi appena aperti. Il caldo e' opprimente, la vostra pelle suda copiosamente e si scotta con la sabbia fine sulla quale siete distesi. Un vento caldo e pesante, carico di profumi speziati, scende ululando dalle alte dune che avete intorno a voi. Mulinelli di sabbia rossiccia si formano e si perdono in continuazione, i granelli che flagellano i vostri gia' tormentati corpi. Chi piu' chi meno , tutti vi accorgete di avere delle scottature in diverse parti del corpo, soprattutto sulla schiena, dovuto probabilmente alla prolungata esposizione ai raggi solari. Il cielo sopra di voi e' di un azzurro che fa male agli occhi, nessuna nuvola lo solca e non si vedono uccelli. Il silenzio e' opprimente, rotto solo dai vostri gemiti e dal suono del vento tra le dune. Vi guardate straniti mentre faticosamente vi tirate in piedi...non riconoscete nessuno di quelli che stanno intorno a voi. Ma soprattutto non sapete come siete finiti li', in quel posto tanto inospitale. Concentrandovi vi accorgete, con orrore, di non ricordarvi niente degli ultimi giorni delle vostre vite. Ognuno di voi era occupato nelle sue cose...e poi il nulla, fino a questo doloroso risveglio in una specie di forno all'aperto. Le dune vi circondano da tutti i lati, grandi cumuli di sabbia alte per lo meno una quindicina di metri , in costante movimento, tanto da apparire come delle grandi onde marine...quando vi riprendete dallo stupore vi accorgete di un'altra sorpresa: a parte uno straccio bianco legato in vita con della semplice corda, siete completamente nudi, e del vostro solito equipaggiamento neanche l'ombra...

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 100
  • Created
  • Last Reply

Descrizione e bg

Spoiler:  
Fira è una ragazza umana, ha solo 15 anni. Ha la statura e corporatura tipiche delle ragazze umane, con lunghi capelli biondi e occhi azzurri cielo. È una discendente di un Clan di Druidi che è in sintonia con gli elementali e li usa come Guardiani

Che caldo...

Pensa appena apre gli occhi che cerca di ripararsi con una mano dal sole. Lentamente si alza dal suo letto di sabbia e cerca di capire chi sono le altre persone vicino a lei, non ricorda niente della sua vita, solo che si chiama Fira Redflower, discendente di un clan di Druidi e che il suo Guardiano è Igny, un elementale del fuoco. Appena guarda il suo corpo, nudo, con solo uno straccio alla vita, si getta a terra inorridita e cerca di coprirsi il seno con le mani.

Chi siete vuoi! E dove mi trovo?

Dice rivolgendosi agli altri, poi cerca di chiamare il suo Guardiano

[ignan]Igny! Igny! Dove sei?

Link to comment
Share on other sites

Descrizione

Spoiler:  
Immagine

Spoiler:  
i_said_the_white_dress_by_shabazik-d59ubum.png

Alta e estremamente forte e robusta, il fisico e in maniera anomala piu' simile alla controparte umanoide in quanto ben bilanciato e proporzionato. Una stranezza particolare sono le orecchie piu' lunghe del normale.

Mi sveglio con la feccia praticamente nella sabbia.

Mpgfff.... borbotto infastidita aprendo a fatica gli occhi e alzando lo sguardo. Elfetto...chiudi la finestra, entra la sabbia commento intontita...accorgendomi pero' da sola dell'insensatezza stessa delle mie parole. Ma che...?! Mearwen, che diavolo hai fatto?! dico chiamando una persona che evidentemente non c'è. Lesta mi alzo in in piedi guardandomi intorno con sguardo decisamente stupito notando 3 umanoidi vari di cui una ragazzina che strilla. Ma che diavolo ho bevuto per stare così male? Quell'elfo deve avermi fatto un brutto scherzo. Borbotto tra me e me grattandomi la testa piena di ispidi capelli neri tipici di una mezz'orca pieni di sabbia.

Mi giro a guardare la ragazzina che parla in una lingua strana.

Inì inì? chiedo non comprendendo la lingua e avvicinandomi grattandomi dietro la testa senza pudore minimo per il seno in vista e uno straccio in vita fin troppo sbrindellato. Senti ragazzina, tu sai dov'è questo posto? Comincio, visto che quando ha parlato la prima parte non l'ho proprio ascoltata persa nei miei pensieri. Io sono Quiabreos, Qui per gli amici. Un mio amico elfo mi deve aver fatto un brutto scherzo e abbandonata qua, lo hai visto?

Link to comment
Share on other sites

..Ma che ca**o... che ***** è successo...

Cerco di portare a pensiero gli ultimi giorni - ore - minuti, per capire dove mi trovo, perchè e cosa mi è successo.

Mi guardo poi attorno e scruto i miei compagni di sventura.

.. pare non sia il solo sfigato qua in mezzo..

" 'Giorno Cari Compagni di Sventura... sembra che dovremmo arrangiarci... anche se una bella orgia potrebbe essere altrettanto piacevole... prima di crepare di caldo e sete..."

Sopratutto ammicando verso le tette prosperose mezz'orca chiacchierona.

"Penso che una collaborazione per levarci dai casini potrebbe essere opportuna... piuttosto io sono Kiran, voi da dove venite?"

Cerco di orientarmi, per capire una possibile direzione da seguire, cerco di capire dove mi trovo in che regione e sopratutto come cercare di sopravvivere al sole e alla sete .

Ignoro bellamente il fatto di essere nudo, e le nudità altrui. Abituato alla vita agreste e selvaggia.. è una condizione abbastanza normale per me.

@dm

Spoiler:  
completo ora la scheda cosi hai i bonus per sopravvivenza cercare osservare e conoscenze geograf. per il talento del 3^ liv sto decidendo se fare l'arciere o il tiratore di pugnali posso prendere qualche momento per decider quale arma, e per il momento non applicarlo? mi servirebbe sapere fino a che liv tendenzialmente si potrebbe arrivare...
Link to comment
Share on other sites

Qui

Oh, uno pratico. Bene! commento rendendomi conto che un umano si e' alzato. Gli uomini di solito si lasciano andare al panico, pudore, angoscia, terrore in questi casi! Sono Qui e vengo dal mio clan nelle colline degli anziani. Approposito faccio, ripetendo la domanda anche a lui, seguendolo mentre prende a capirci qualcosa di dove siamo Hai visto un elfo? Basso, naso un po' piatto, gay come tutti gli elfi? Giuro che non li distinguo tra maschi e femmine!

Spoiler:  
per la cronaca la pelle e' vedrastra xD quindi e' indubbio che sia una mezz'orca, nonostante l'aspetto possa suggerire che sia una assai abomala mezza orchessa e mezza elfa xD
Link to comment
Share on other sites

Fira

Risponde, un po' impaurita alla figura femminile che gli si para davanti

Mi chiamo Fira, e come te non so minimamente dove mi trovo. E comunque non so chi sia quest'elfo di cui mi parli, mi dispiace

Poi si rialza, si sposta in avanti i capelli, si scrolla dalla sabbia e risponde al ragazzo

Sono Fira Redflower, e sono una Druida. Credo di potervi aiutare creando dell'acqua, da quanto vedo non siete messi meglio di me

Link to comment
Share on other sites

Rovendar, disteso supino sulla sabbia, sembra non accorgersi di ciò che sta accadendo intorno a lui. È sveglio, ma dopo aver aperto gli occhi per un momento e aver visto l'ambiente circostante, li ha richiusi subito, totalmente convinto della natura onirica di ciò che ha visto, coprendoseli con il braccio sinistro e sperando che quel sogno sgradevole durasse poco.

La sua posizione non permette di vedere il volto, ma è un giovane uomo dal fisico sottile ma robusto e proporzionato, i capelli lisci e castani dalla testa scendono fino a dietro le spalle

Inviato dal mio GT-S5570I con Tapatalk 2

Link to comment
Share on other sites

Uff... Evidentemente non e' qui borbotto Una druida? Ma e' vero che siete tutti vegetariani voi abbraccia-alberi? chiedo con curiosita'. Nella voce non c'e' scherno quando dico 'abbraccia-alberi', come se con ingenuita' fosse veramente il termine insegnatomi.

L'acqua e' utile, ma se restiamo fra queste dune di sabbia ci cuociamo come uova. Forza, muoviamoci in una direzione e cerchiamo qualcosa. comunico, accorgendomi che uno degli umani e' ancora svenuto.

Mi chino vicino alla sua testa, toccandogliela con un dito per scuoterlo.

Ehi, tizio! Svegliati o diventerai una bistecca a furia di cuocerti. Ti devo portare un spalla?

Link to comment
Share on other sites

[non posso usare spoiler o grassetto scrivendo dal telefono, solo per oggi userò virgolette per dialoghi e parentesi per pensieri, scusate]

Sentendo una voce rivolta a lui, Rovendar sposta svogliatamente il braccio rivelando il viso dai tratti gentili e schiude gli occhi guardando verso l'origine del suono. Una volta abituatosi alla luce nota l'imponente figura femminile seminuda (finalmente qualcosa di buono in questo sogno) "signorina, venga a sdraiarsi accanto a me" invita con fare disinvolto. Nel dire queste parole fa per mettersi seduto, ma il le ustioni sulla schiena gli provocano un dolore lancinante. Scosso dalle bruciature, comprende di non trovarsi in un sogno, e guarda la bella donna, il cui retaggio non riesce e non è interessato a comprendere, con sguardo perso e preoccupato "dove... cosa... chi..."

Inviato dal mio GT-S5570I con Tapatalk 2

Link to comment
Share on other sites

Magari all'ombra, non qua ironizzo alzandomi in piedi.

Riassunto rapido: io sono Qui, orca purosangue e quei due altri umani laggiu' sono uno uno Kiria..Kiran...Coso! E la piccoletta la' si chiama fira ed e' una mini-druida. Nessuno di noi ricorda come mai siamo qua. Ora che abbiamo finito di spiegare muoviamoci o c'e' da cuocersi fin troppo qua al sole. concludo

Link to comment
Share on other sites

Mi gratto la testa, poi passo la mano sulla barba inesistente nel volto glabro come il deserto in cui ci troviamo.

"..Peccato l'orgia l'avrei gradita di più..." commento secco. Poi continuo "Ma dove l'avevi l'acqua? ad ogni modo Qui non va bene... si fa confusione.. dovremmo darti un altro nome, tipo... BigT che ne dici? Suona bene.. un po come BigFut ... ma abbreviato" ridacchio da solo.

"Peccato.. mi manca l'elfo nella lista di persone che mi sono fatto.. non se ne trovano molti... vabbè se lo ritroviamo magari ne esce qualcosa di interessante "

poi mi faccio serio, "Muoviamoci, direi .. di là" indicando la direzione est. "Di notte sarà fin troppo freddo per quanto sia torrido ora... se non troviamo un riparo siamo spacciati."

e comincio a muovere qualche passo sperando che gli altri seguano l'esempio.

Link to comment
Share on other sites

"Oh... Io sono Rovendar, spero che andremo d'accordo data la situazione" poi rivolgendosi all'altro "non mi sembra un nome adeguato, Qui andrà benissimo" dice accennando un sorriso a Qui "se siamo tutti d'accordo andiamo a est, Kir... com'era? Sembri sapere il fatto tuo!" poi tornando a Qui "seguirei volentieri le tue indicazioni, ma di che acqua parli?"

Inviato dal mio GT-S5570I con Tapatalk 2

Link to comment
Share on other sites

Fira

No, noi abbraccia-alberi non siamo tutti vegetariani, signorina dalla pelle verde

Risponde sarcastica a Qui.

Credo che quel Kiran sappia il fatto suo, o almeno spero

Dopo questa piccola riflessione si porta in testa al gruppo di fianco a Kiran

Sicuro che questa direzione sia quella giusta?

Gli dice con uno sguardo un po' perplesso, ma di una persona che sa di quello che sta parlando

Come giustamente hai detto se non troviamo riparo rischieremo di morire di freddo questa notte... Sempre che riusciremo a sopravvivere al giorno

@DM

Spoiler:  
Sopravvivenza +7 per orientarsi nel deserto
Link to comment
Share on other sites

Adesso il gruppo e' tutto sveglio e si guarda intorno preoccupato. Orientarsi in quel mare di sabbia rossa e' molto difficile, anche perche' si trovano , in quel momento, in una piccola valle formata da quattro alte dune che si innalzano maestose intorno a loro. Saranno alte almeno una quindicina di metri, con la sabbia che cade e si muove come se fosse acqua corrente. Non ci sono rumori di sorta, a parte l'ululare del vento che scende dalla duna alla vostra destra. Il vento porta uno strano odore che sembra sia composto da rose e spezie e qualcosa di piu' indefinito, che vi ricorda un odore di morte. SUdate abbondantemente e la testa vi sembra esplodere dal caldo. Il sudore che scende sulle piaghe della schiena vi provoca piu' di un dolore. Da li' non riuscite a vedere niente, a parte le dune intorno a voi...

Fira

Spoiler:  
Orientarsi in questo momento e' praticamente impossibile. Il sole e' allo zenit sopra di voi, quindi non puoi capire al momento dove sia l'ovest o l'est. Allo stesso modo non ci sono piante, quindi fino a quando non ne trovate qualcuna o che il sole si muova un po' nel cielo, non potrai orientarti. Pero' mentre ti guardi intorno noti una cosa che prima non avevi visto...l'angolo di quella che sembra una pietra molto bianca , spunta dalla sabbia dove eravate distesi.

DarkSight

Spoiler:  
Va bene. Se la campagna arriva fino alla fine, potrete raggiungere il dodicesimo livello.

X tutti

Spoiler:  
Applichero' malus vari ogni ora che passate sotto il sole e senza acqua e riparo. Per darvi un'idea la temperatura si aggira intorno ai 45/50 gradi.
Link to comment
Share on other sites

Fira

Mentre guarda attentamente il paesaggio cercando di trovare una "strada" per fuggire da quell'inferno di sabbia e sole nota qualcosa di bianco spuntare dalla sabbia

Che diavolo è?

Pensa mentre si avvicina, guardando meglio sembra una pietra, una pietra bianca immersa nella sabbia

Ragazzi venite subito! Ho scoperto qualcosa di interessante!

Speriamo sia qualcosa che ci aiuti a sopravvivere... Obad-Hai ci protegga...

Pensa dopo aver chiamato gli altri componenti del gruppo. Mentre li aspetta cerca di estrarre quella pietra o quel "qualcosa" che ci assomiglia

Link to comment
Share on other sites

@Tutti

Spoiler:  
Ho fatto un errore: credevo fossimo su una spiaggia XD ora correggo ogni commento riguardante l'acqua. Mea culpa ^^''

BIGT? Sembra un nome da gnomo, che schifo! faccio infastidita al mio compagno. Il mio nome è Quiebrahuesos. Al massimo chiamatemi Quib, ma quel nome orribile proprio no! ... e che è un bigfut? chiedo senza realmente volerlo sapere per sentirmi poi rispondere dalla piccola umana. Ah no? Avevo sentito il contrario... borbotto quasi delusa dal vedere un mito sfatato.

Mentre faccio per salire su una duna la mini-druida trova qualcosa, e incuriosita nonostante il caldo schizzo lì vicino per sbirciare per prima. Noto che scava una specie di pietra e aiuto se ne ha ancora bisogno a tirare fuori con forza bruta quello che stà scavando se possibile o d'aiuto.

Link to comment
Share on other sites

Fira

Rimane allibita dai nomi scritti su quella specie di lapide

C... C... Ci sono scritti i nostri nomi... Che diavolo di scherzo è questo...

Dice a Qui appena si avvicina cercando poi di chiamare ancora il suo Guardiano come atto disperato

[ignan]Igny, per favore se mi senti dove sei...

Non sentendo nessuna risposta e non vedendo alcun segno della presenza di Igny inizia a recitare una sorta di preghiera

[Druidico]Spiriti della natura... Spiriti degli elementi... Grande Obad-Hai... Donatemi la forza per capire questo mistero e sopravvivere a questo scherzo del destino...

Dove sono finita...

Pensa ancora prima di svenire sulla sabbia

Link to comment
Share on other sites

Qui

Assisto con un sopracciglio sollevato alla reazione della piccola che pare allibita, cercare qualcuno in una lingua gracchiante e poi pregare in un altra ancora prima di svenire improvvisamente. Rimango in silenzio un paio di secondi cercando di capacitarmi di che diavolo le sia preso scrollando le spalle per poi girarmi verso gli altri mentre mi carico in spalla la ragazza con ignorante noncuranza degli eventi, come se fosse la ragazzina a reagire in maniera anomala.

Ragazzi, la mini-druida ha sbroccato ed è svenuta. Dice che su questa lapide di pietra ci sono i nostri nomi, ma io non so' leggere. Non ho capito che le è preso, i druidi sono pazzi a volte. borbotto mentre la poggio a terra vicino ai miei compagni. Mi tolgo il pezzo di stoffa malconcio intorno alla vita e lo lego alla fronte a mo' di cappello per coprirle la fronte.

Ed ecco qua! Così presto o tardi la piccola di riprende e non sviene di nuovo dal caldo! replico convinta rimettendomela così in spalla.

Forza, prendiamo una direzione e muoviamoci prima di morire di caldo e finire come un coniglio arrostito! La porto io la mini-druida non vegetariana

Link to comment
Share on other sites

Cominciate a risalire una delle dune che vi circonda, con Qui che trasporta Fira sulle spalle, sempre svenuta. La salita non e' ne' facile ne' agevole, perche' la sabbia offre un ben misero appiglio e continua a farvi scivolare in continuazione, provocando piccole frane di granelli rossi. Una volta in cima siete coperti di sudore, stanchi e assetati e la vista che vi si presenta abbatte ancora di piu' il vostro animo. Tutt'intorno a voi le dune sembrano estendersi all'infinito in tutte le direzioni, formando un immenso oceano di sabbia rossa con le dune che sembrano muoversi in continuazione come grandi onde marine. Non vedete nessun segno di civilizzazione o vegetazione. Il cielo continua a essere vuoto e silenzioso. Li' sopra il vento e' piu' forte e colpisce le vostre pelli esposte colpendoli in continuazione con piccoli granelli fastidiosi e dolorosi, quando colpiscono le scottature del vostro corpo. L'odore che trasporta e' anch'esso piu' intenso: rose, spezie e qualcosa di morto, forse putrefatto. A parte l'ululare leggero del vento tra le dune, il silenzio e' assoluto...

Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.