Jump to content

[Sir Daeltan Fernagdor] I Sette Scudi - Gruppo A


Sir Daeltan Fernagdor

Recommended Posts

Le donne, i cavallier, l'arme, gli amori,

le cortesie, l'audaci imprese io canto,

che furo al tempo che v'eran gli eroi.

Qui si parte l'avventura: che fama, e divizie, e grandi onori possino su voi cadere.

_____________________________________________________Campagna "I Sette Scudi" - Topic di Servizio: Ambientazione

_____________________________________________________Campagna "I Sette Scudi" - Topic di Servizio: Gruppo A

_____________________________________________________Campagna "I Sette Scudi" - Topic di Servizio: Gruppo B

_____________________________________________________Campagna "I Sette Scudi" - Topic di Gioco: Gruppo A

_____________________________________________________Campagna "I Sette Scudi" - Topic di Gioco: Gruppo B

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 50
  • Created
  • Last Reply

È una gelida giornata di inizio inverno, a Yerburg; il sole pallido tenta di farsi strada tra le grigie nubi, lontano, nel cupo cielo. È quasi il tramonto; il vento del nord entra nei vestiti e gela le ossa. Le strade sono quasi deserte, pochi passanti frettolosi si avviano verso le loro case. Il Castello Ducale sovrasta con la sua mole la città, in una foschia brumosa che di tanto in tanto lascia intravedere qualche guglia o qualche feritoia nella massa imponente delle mura e delle torri.

Per ripararvi dal freddo siete entrati nella Locanda dell'Arco di Ferro, che si affaccia su una via diritta, non molto larga; la porta non è enorme, ma permette di passare agevolmente anche agli uomini più robusti. Dentro, il locale è molto ampio, e un ciclopico camino lo riscalda vigorosamente. Il posto è tranquillo, non vi sono che alcuni studenti di magia con un paio di enormi tomi, due o tre guardie che si riposano dopo il turno e qualche avventore abituale, amico dell'anziano padre della locandiera, che al momento sta armeggiando col camino. Mharwa, che gestisce il locale, è una donna graziosa, sui venticinque anni, ben vestita, che non manca di sorridere agli avventori educati che la salutano con garbo. Ha appena "accidentalmente" rovesciato un boccale di birra sull'elegantissima tunica di un galante forestiero; questi borbotta insulti sottovoce, tra cui intelligibili appellativi poco gentili alla signorina in questione.

Un individuo misterioso con un ampio mantello di lana rossa è seduto in un angolo, e scartabella in una miriade di pergamene, aprendo un paio di volumi ogni tanto; ha un'aria seriamente preoccupata.

Link to comment
Share on other sites

Xeno

Entro nella locanda scrollandomi di dosso il freddo della sera e mi avvicino cortesemente alla cameriera

Buonasera, sono un umile viaggiatore che chiede solo di poter fruire del calore di questa stanza per ripararsi dal freddo. Non ho denaro con cui poter pagare, ma spero nella vostra grazia e gentilezza. Vi chiedo solo di potermi scaldare.

Link to comment
Share on other sites

mi avvicino al bancone, togliendomi il cappuccio, soffiando sulle le mani e sfregandole per riscaldarle. aspetto finchè qualcuno non si accorge di me:

'sera, vorrei un boccale di birra, più scura è meglio è. mentre la locandiera mi riempie il boccale ne approfitto per farle qualche domanda senta, mi scusi, sono appena arrivato a Yerburgh e non so proprio come orientarmi... anzi, a dire la verità non so proprio un bel nulla allargo le braccia, in segno di impotenza sa, sono uno studioso di antiche civiltà naniche, e vorrei chiederle se da qualche parte in città c'è una biblioteca ben fornita, una raccolta di cronache o comunque qualcuno che sappia qualcosa delle città naniche che si trovavano sotto i monti Zeogar...

Link to comment
Share on other sites

Avvolto in un ampio mantello e pellicciotto il giovane si avvicina alla porta della locanda sospirando appena Vai nelle città gli avevano detto i suoi tutori e trova la tua strada! gli avevano aggiunto. Come era possibile trovare una strada, in un tale ricettacolo di abomini, era stato il suo pensiero, abituato ad ampi spazi, natura alberi, fiori a volontà etc etc come fanno tutte queste persone a vivere in quelle case così soffocanti aveva continuato a pensare e chiedersi il giovane, mentre avanzava all'interno di quell'agglomerato urbano, fino a che sia i guaiti del suo lupo ed il freddo che stava iniziando a penetrare nelle sue ossa, non ebbe la meglio e quindi il ragazzo entrò, per trovare un pò di conforto, nella prima locanda che trovò sulla sua strada e con lui anche il suo compagno. Rimase nelle vicinanze dell'ingresso ad attendere che qualcuno degli astanti dicesse qualcosa riguardo al suo lupo, dato che aveva già avuto altre esperienze, non proprio positive al loro ingresso in altre locande, in altre città

Link to comment
Share on other sites

Brrr... si gela lì fuori.

Sedutomi ad un tavolo, chiamo la locandiera Potreste portarmi qualcosa di caldo da bere? Ve ne sarei molto grato. Mi guardo un po' attorno facendo caso a chi c'è nella locanda Sembra un posto abbastanza tranquillo, tralasciando il signore inzuppato. Magari qui potrei trovare qualche informazione interessante.

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Mharwa invita tutti ad entrare, sia il tizio col lupo che Xeno. All'uno raccomanda di fare attenzione al lupo, affinché non spaventi gli avventori; all'altro, dopo averlo fatto entrare, dice che può scaldarsi, ma che dovrebbe ordinare qualcosa, anche solo un boccale di birra.

Quindi si volta.

Biblioteca... Ve ne deve essere una molto grande, gestita da diversi sacerdoti... Naturalmente escludendo quella di Palazzo, che è la migliore. Dovrebbe trovarsi nella zona est della città.

Link to comment
Share on other sites

Di solito non è lui il problema... spostando lo sguardo tra il proprio compagno e la donna che li invita a prendere posto all'interno della locanda Una zuppa calda per me e se c'è qualche pezzo di carne o anche qualche osso da finire di spolpare per il mio compagno... facendo poi cenno al mio compagno di andare ad aspettarmi nelle vicinanze del camino acceso, mentre mi dirigo verso il bancone della sala comune

Spoiler:  
Spero di non aver esagerato troppo con la descrizione del locale in cui ci troviamo... altrimenti dimmi che modifico
Link to comment
Share on other sites

mah... che strana gente che si è radunata qui quest'oggi...chissà se è normale da queste parti? sorrido tra me e me a casa avrebbero già guadagnato una accoglienza all'ascia... sopratutto il tipo senza soldi. grazie tante di tutto. prendo la birra e vado a sedermi in un angolino caldo, osservando la scena e pensando alle prossime cose da fare domani

Link to comment
Share on other sites

Sentendo per caso il discorso tra la locandiera ed il nano penso Una biblioteca molto grande potrebbe essere interessante. Ma prima voglio sapere qualcos'altro...

Chiamo la locandiera e le chiedo Mi scusi, per caso mi sa dare qualche informazione sulle scuole di scherma presenti in città? Sarei molto interesato a sapere dove si trovano e quali voci circolano nei loro riguardi.

Dubito di potermi permettere delle lezioni al momento, ma è bene essere informati. Magari potrei guadagnare qualcosa con quello studioso, se la mia ipotesi è corretta.

Link to comment
Share on other sites

Mi spiace, ma non possiamo accettare dei lavori come pagamento. Se nessuno può pagare per lei, dovrò chiederle di andarsene. Non possiamo permettere che la nostra locanda diventi un ospizio.

In quanto alle scuole di scherma, non so proprio se ve ne siano. Dovrete domandare a qualcuno, domani... Mi spiace di non essere d'aiuto.

Deir: Accomodatevi... Mio padre porterà un po' di avanzi di carne, anche se temo che non sia più tanto fresca. Avrete subito la zuppa.

Link to comment
Share on other sites

se un uomo adulto e in perfetta salute, che per di più viaggia armato, non può pagare una locanda o è uno stolto o è un bugiardo o è un inetto. Nè la natura nè bharrai che ne incarna le qualità più dolci e miti sono clementi con questo genere di persone. Estraggo dallo zaino i miei appunti sulle mie ricerche e li poso sul tavolo. prima di iniziare a sfogliarli assaggio un sorso di birra mh... non male per essere umana...

Link to comment
Share on other sites

Capisco... la ringrazio comunque. rispondo con un sorriso alla locandiera. La fortuna non mi sorride. Spero che la qualità delle scuole di scherma in città non vada di pari passo con la loro fama.

Dopo aver riflettuto un attimo, mi alzo e mi dirigo verso il tavolo del nano che affermava di essere uno studioso.

Perdoni la mia intrusione, mi scuso in anticipo poiché non era mia intenzione origliare, ma il mio tavolo era proprio qui vicino e non ho potuto fare a meno di sentire che lei è uno studioso di storia nanica. Mi piacerebbe scambiare due parole con lei... se non le dispiace, s'intende. ed indicando una sedia al suo tavolo aggiungo Posso?

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Dopo essermi cibato ed aver riassaporato il caldo tepore del fuoco, lascio il mio peloso compagno a continuare a sgranocchiare i rimasugli portati dal padrone della locanda o dalla sua cameriera, alzandomi e recandomi verso il bancone dell'oste, e dopo averne richiamato l'attenzione gli chiedo Immagino che data la stagione in giro non vi sia molto da fare, guardandomi anche in giro e notando un po' la desolazione in cui versa la locanda ma per caso non avete notizia di qualcuno in cerca di braccia utili per qualche mansione?

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Mi accomodo al tavolo del nano e, con cortesia, gli porgo la mano Grazie. Il mio nome è Lars Antares Hollenrasse, molto piacere.

Ho sentito che sta cercando... scusami, che stai cercando informazioni sulle rovine naniche nei pressi dei monti Zeogar. Non sono uno studioso, anche se la materia mi affascina, ma per vari motivi anche io sono interessato a quelle rovine. Ci sei già stato?

Link to comment
Share on other sites

lo guardo, leggermente sorpreso chisssà che va cercando...no, nbon ci sono mai stato, purtroppo. Diciamo che ho avuto modo di studiare un po' l'argomento negli anni passati e finalmente ho deciso di venire in loco per approfondire un po' l'argomento. In realtà sono appena arrivato, non ho avuto ancora modo di fare ricerche più dettagliate, ne di andare a vedere le rovine. Dimmi piuttosto, come mai sei così interessato a delle antiche rovine?

Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

×
×
  • Create New...