Jump to content

Gevers

Circolo degli Antichi
  • Posts

    122
  • Joined

  • Last visited

About Gevers

  • Birthday 07/07/1994

Profile Information

  • Gender
    Maschio
  • Location
    Cave
  • GdR preferiti
    D&D, GRV
  • Occupazione
    Studente, barman

Recent Profile Visitors

1.5k profile views

Gevers's Achievements

Prescelto

Prescelto (7/15)

  • 10 years with us Rare
  • 5 years in Rare
  • First Post
  • Collaborator
  • Conversation Starter

Recent Badges

18

Reputation

  1. Grazie a tutti per le risposte, per ora ho deciso di racchiudere il tutto in un'unica sessione, 4 scenari di guerra da far giocare e 4 personaggi da far preparare ad ogni giocatore. Di scenari ne peparerò almeno altri 2/3 da avere come riserva se i giocatori vogliono continuare o se finiamo i primi 4 in troppo poco tempo. Nell'eventualità che tutti i pg di un giocatore muoiano, porterò qualche scheda in più 😅. Mi piacerebbe concludere la sessione 0 con i PG congedati appena usciti dalla loro caserma, così avranno tutto il tempo per decidere cosa fare tra una sessione e l'altra. Per quanto mi intrighi l'idea che i pg possano far parte di entrambi gli schieramenti, la vedo molto difficile da implementare in una campagna open world, cioè, senza un agente superiore che imponga la collaborazione tra i due gruppi, come posso spingerli a collaborare? Forse la via della guerra civile è l'unica papabile... Non voglio che i giocatori impersonino dei mercenari perchè si perderebbe il senso di essere trascinati nella guerra. Edit: Per quanto riguarda l'ambientazione invece, secondo voi è meglio una homebrew, oppure una preesistente? Ho familiarità con Forgotten Realms, Golarion, Dark Sun, Eberron e Grayhawk
  2. @Albedo Ti dispiacerebbe elaborare meglio la tua idea? Trovo molto interessante l'idea che i pg possano far parte di entrambi i regni ma la vedo poco pratica, come giustificheresti la loro collaborazione? Chi li obbliga ad operare insieme? Perchè dovrebbero stringere alleanze con i loro nemici?
  3. @Graham_89 Assolutamente no, non ho proprio parlato della campagna che andremo a giocare, che probabilmente sarà un open world. In questo post mi riferisco solamente al pre-campagna/sessione 0. Sicuramente stò facendo una bella scorpacciata di film di guerra in questo periodo 😁. @Albedo L'addestramento pensavo di tralasciarlo anche io, magari lo accenno durante l'introduzione della campagna. Grazie per i suggerimenti. Per quanto riguarda la lunghezza, pensavo di fare al massimo 2 sessioni pre campagna e far giocare 4/5 scene a sessione a seconda del tempo impiegato. Cerco di spiegare leggermente meglio l'idea. I giocatori prepareranno una decina(probabilmente meno) di pg e scriveranno due righe di personalità per ognuno di loro. Durante l'introduzione gli verrà spiegata la situazione del mondo di gioco, i due grandi regni in guerra, l'escalation della guerra e la successiva coscrizione forzata. Tutti i personaggi dei giocatori faranno parte dello stesso reggimento, anche se in reparti diversi, per poter giustificare la presenza di maghi, ladri, chierici, ecc... Descrizione sommaria dell'addestramento, magari faccio notare un sergente particolarmente rigido o sciocco, un compagno d'armi prepotente o bisognoso. Finito l'addestramento, i pg vengono spediti al fronte. Qui cominceranno a susseguirsi le varie scene, quali saranno e in quale ordine è ancora da definire. Esempio di scena: scontro tra muro di scudi, in questo scenario i personaggi parteciperanno ad una carica di fanteria e potranno apprezzare appieno il vero senso di uno scontro all'arma bianca tra due eserciti, aka bagno di sangue. Ma non dovranno pensare solo a difendersi dalle lame dei propri nemici, una costante pioggia di frecce oscurerà il cielo sopra le loro teste, ogni tanto una palla di fuoco o una nube mortale apriranno varchi spaventosi tra le fila dei combattenti, lasciando cadaveri carbonizzati o pieni di piaghe. Potrebbero incontrare anche una truppa d'assalto composta da giganti delle colline mentre combattono... Inutile dire che se anche solo uno dei pg sopravvive a questa scena sarà un miracolo. Ma è proprio questo il punto dell'idea, la guerra è dura e pericolosa. In questa scena srà il GM a scegliere quale dei pg i giocatori interpreteranno (per evitare semplicemente maghi in prima linea). In mancanza di personaggi marziali, ci si può inventare una scusa per la presenza di quel pg. Le scene si susseguiranno seguendo una storia abbastanza lineare che progredisce col proseguire della guerra. Alla fine la vittoria sarà del regno a cui appartengono i pg, con un imponente e epica battaglia finale tra le grandi superpotenze, che i pg non vivranno perchè stanziati a decine di chilometri di distanza a combattere su un'altro fronte. Qui verrà data la possibilità ad ogni giocatore di scegliere uno tra i propri pg sopravvissuti (se ad un giocatore muoiono tutti i pg, cosa possibile, ne potrebbe scegliere uno sopravvissuto di un'altro giocatore). I pg verranno congedati da veterani con nulla più se non una medaglia e un sacchetto d'oro a testa. Dal congedo comincia la campagna vera e propria, essendo open world i pg potrebbero decidere di ritornare dai propri cari, continuare a combattere per l'esercito, partire all'avventura o chiudersi in una taverna per dimenticare gli orrori della guerra. Spero di essere stato abbastanza esaustivo, grazie ancora per i consigli!
  4. Si comincia una nuova campagna e questa volta ho pensato qualcosa di veramente speciale per i miei giocatori. Avendo provato praticamente tutti i modi per cominciare una campagna e far conoscere i giocatori, sentivo che questa volta avevo bisogno di qualcosa di totalmente nuovo... L'idea mi è venuta leggendo il diario di una campagna di Dark Heresy (gdr ambientato in WH40K) dove il GM fece preparare una decina di personaggi ad ogni giocatore (in quel caso tutti facenti parte della guardia imperiale). Il pre campagna si divideva in numerosi scenari tipici di guerra e ogni giocatore sceglieva randomicamente quale dei 10 personaggi giocare. Gli scenari erano numerosi e tutti emotivamente devastanti... Per esempio la carica di fanteria e il susseguente bagno di sangue, subire un'imboscata, interpretare un team di artiglieri e osservare gli effetti di un tiro sbagliato sui propri compagni al fronte, guerra di trincea, e così via... Il punto è cercare di far vivere ad i giocatori gli orrori della guerra e subirli! La mortalità era altissima, tanto che gli scenari finivano tutti con un unico sopravvissuto o direttamente TPK... ecco perchè il gran numero di personaggi preparati. Alla fine della guerra, e degli scenari preparati dal GM, ad ogni giocatore veniva data la possibilità di scegliere chi tra i propri sopravvissuti interpretare... e lì cominciava la campagna! Ho trovato tutto questo semplicemente fantastico, e mi piacerebbe proporlo ad i miei giocatori come inizio di campagna. L'ambientazione è ancora da decidere, generalmente pensavo a due grandi regni impegnati in una devastante guerra da molto tempo, dopo un evento imprecisato (da decidere) la guerra si intensifica ulteriormente fino a diventare Guerra Totale, per giustificare la coscrizione forzata. I pg dei giocatori così vengono reclutati e fatti partecipare ad un addestramento sommario (non so quanto di questo addestramento far interpretare) e poi spediti dall'altra parte del mondo a combattere una guerra che poco gli appartiene. Qui si susseguiranno i vari scenari man mano che la guerra prosegue. La guerra si concluderà con la vittoria del regno a cui i pg appartengono. Ovviamente i pg non parteciperanno alle scene più salienti della guerra, che vivranno solo passivamente. Alla fine della guerra verranno congedati da veterani e poi dimenticati (come più o meno i reduci della guerra del Vietnam). Qui comincia la campagna vera e propria. In conclusione, mi piacerebbe sapere cosa ne pensate di questa idea, è fattibile? Quale ambientazione si adatterebbe meglio? Quali scenari tipici di una guerra proporre ai giocatori? Generalmente qualsiasi idea o critica è ben accetta. Buon gioco a tutti!
  5. Ciao a tutti, io ed il mio gruppo siamo alla ricerca di 2/3 giocatori/giocatrici per avviare una nuova campagna dal vivo con me come master. Siamo tutti di Roma sud o provincia e automuniti. Il sistema di gioco è ancora da decidere, tra D&D 3.5/ D&D 5 o Pathfinder 2 che sarei molto interessato a provare. Non è richiesta alcuna esperienza pregressa in materia di giochi di ruolo, è molto ben accetta un'attitudine propositiva e la voglia di sperimentare. Per informazioni contattatemi in privato o rispondete al post. Buon gioco a tutti!
  6. Salve a tutti, eccomi di nuovo con la mia periodica coscrizione a questo punto definibile quasi "matta e disperatissima" cit. Siamo un gruppo di 1 master e 2 giocatori e ne cerchiamo altri 2 massimo per iniziare una nuova campagna in 3.5 o 5, abitiamo tutti in zona Palestrina/Valmontone, siamo automuniti e disposti a spostarci. Noi siamo tutti di 25+ anni se a qualcuno potesse interessare... Per qualsiasi informazione contattatemi qui sul forum o su whatsapp al 3387887612.
  7. Per quanto mi piacerebbe provare a giocare con te, mi rendo conto che la distanza è tanta, non puoi raggiungerci con la metro e gli altri mezzi sono ancora peggio, anche con l'auto sono almeno 40/50 minuti, te la senti?
  8. Salve, io ed il mio gruppo siamo alla ricerca di massimo 2 giocatori, non importa se principianti o esperti, per la nuova campagna che comincerà a breve. (Edizione ancora da definire, 3.5 o 5) Siamo un gruppo misto di giocatori esperti e neofiti, appassionati di giochi di ruolo fin dall'infanzia, ci troviamo tutti in zona castelli romani, San Cesareo/Palestrina, ma siamo tutti automuniti e disposti a guidare un pò. Per maggiori informazioni potete rispondere a questo post o contattarmi su WhatsApp al numero 3387887612. Grazie a tutti, Gabriele.
  9. Perfetto, grazie ad entrambi per le celeri risposte.
  10. Buongiorno, desidererei chiarimenti su come funziona questo incantesimo, mi spiego con un esempio: Mario, Giovanni e Andrea combattono contro Nemico, l'iniziativa è questa: Mario Giovanni Nemico Andrea Tocca a Mario che lancia Blocca persone su Nemico, Nemico fallisce il suo TS su volontà. Tocca a Giovanni che probabilmente farebbe un colpo di grazia, ma diciamo che fà altro. Tocca a Nemico, ora, Nemico ha diritto al suo TS su volontà per terminare l'effetto dell'incantesimo? Nonostante l'incantesimo gli è stato lanciato in questo stesso round? Tocca ad Andrea, se il nemico di prima ha superato il TS su volontà non è più considerato paralizzato giusto? Quindi secondo questo ragionamento in questo round il Nemico è paralizzato nei turni di Mario e Giovanni, impiega un round completo per ritentare il TS, lo supera, quando poi tocca ad Andrea il nemico è al pieno delle sue funzionalità. Corretto? Grazie a tutti e scusate se il post può apparire stupido...
  11. Io ho pensato che un ufficiale corrotto, tratterrebbe il pg e al contempo informerebbe l'organizzazione di questa sua scoperta, attendendo poi istruzioni. Dando così ai pg il tempo di elaborare un piano e tentare di liberare il bardo, che sembra la via che gli altri 2 pg vorrebbero intraprendere.
  12. Probabilmente però ti stai dimenticando che l'ufficiale in questione è corrotto dall'organizzazione criminale e che il pg gli ha ammesso che sta indagando sulla suddetta organizzazione, cosa farebbe secondo te Cosa Nostra ad una persona del genere?
  13. Purtroppo escluderlo dalla campagna ne segnerebbe la sua fine visto che già sono 3 giocatori e di giocare 2+ master proprio non mi va... Comunque grazie a tutti per l'attenzione e i consigli, stò parlando col gruppo e si deciderà insieme cosa fare.
  14. Il giocatore in questione ha 40+ anni, a me sinceramente piacerebbe impartire una lezione al personaggio, seppur evitando di ucciderlo, appunto avevo pensato ad un esilio forzato dalla città, compagni compresi. L'esilio dalla città comporterebbe per loro una grave perdita in termini di informazioni sull'organizzazione a cui danno la caccia (non bloccando la campagna ovviamente, ma rendendo la sua progressione molto più difficile). Così lo lascerei in pasto ai suoi compagni, delegando l'amministrazione della giustizia divina a loro.
  15. Il bardo è stato picchiato perchè prendeva in giro l'ufficiale, gli altri del gruppo purtroppo uno era assente e l'altro era il picchione svenuto. Il ladruncolo in realtà era un ladro di pari livello dei PG (il borseggio era uno sviluppo di una sottotrama) ed è stato estremamente fortunato, mentre il picchione molto sfortunato. Forse la cosa più coerente è ucciderlo, ma dare ai PG la possibilità di salvarlo, anche se molto difficile, o bandirli tutti dalla città...
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.