Jump to content

Ella

Ordine del Drago
  • Content Count

    49
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

16 Goblin

1 Follower

About Ella

  • Rank
    Virtuoso
  • Birthday 10/17/1981

Profile Information

  • Location
    Sud
  • GdR preferiti
    Tutti
  • Occupazione
    Non si finisce mai di imparare
  • Interessi
    Vari

Recent Profile Visitors

354 profile views
  1. Il Comandante Hammerbeard vi guarda mentre vi avvicinate alla sua posizione ed ascolta le vostre parole e presentazioni "Bene.. finalmente qualcuno dalla città! E che avete qui" Notate come sia un umano piuttosto robusto, guarda con aria circospetta i manigoldi presenti sul carro e scrolla le spalle "Voi tre... prendete custodia del carro e portatelo alla fortezza" da l'ordine ad alcune guardie li presenti "noi.. abbiamo altro da fare" vi guarda tutti e fa cenno di avviarsi a piedi "La fortezza è vicina.. ma facciamo prima a piedi che portandoci il carro dietro" Nell'ascolta le parole di Nergui è un po' confuso ma poi comprende, verso di voi sussurra "cercate di non dar molto sfoggio della vostra magia... abbiamo già fin troppi guai a cui badare" e poi verso Necrolatry "Impossibile.. liberarle da li significherebbe far scoppiare un altro tumulto, più grosso del primo. Daremo loro da bere e da mangiare, inoltre" una pausa "questa non è la prima volta che il popolo tenta di linciarle e prima o poi, temo, ci riusciranno" un'altra pausa "quando non potrò più garantire la protezione dei miei uomini" precisa. Il comandante Hammerbeard osserva Necrolatry per lunghi istanti e poi verso tutti "Abbiamo abbastanza indizi per sapere che una delle tre è colpevole; Certo un'udienza è necessaria ma non con me. Nella fortezza avrete modo di parlare con chi, fino ad ora, si è occupato della vicenda. Siete pronti a muovervi?" Vi scruta. La fascia dorata del Gate Pass sul braccio del comandante spicca nelle tenebre della sera.
  2. Siete giunti, finalmente, nel villaggio. Procedete verso la piazza, poca gente cammina per le viottole ma un gran vociare sembra alzarsi proprio nei pressi della vostra meta. Un trambusto che diventa più forte man mano che la distanza tra voi e la zona centrale del villaggio si accorcia. Un groviglio di parole, urla e suoni che non distinguete di primo acchito. Tutto diventa più chiaro una volta giunti alla meta. BRUCIATE LA STREGHE! BRUCIATE LE STREGHE! BRUCIATE LE STREGHE! Una folla di persone inveisce ed urla verso un palco dove sono legate delle donne. Portano con sé attrezzi di lavoro che utilizzano, ora, a guisa di armi. Forconi e accette ma soprattutto torce, tante torce ad illuminare l'oscurità. Fanno risplendere la piazza. Su un palco potete notare tre donne, ciascuna legata ad un palo di legno. Indossano un abbigliamento piuttosto comune, sicuramente non ricercato. Tutte hanno il viso rivolto verso il basso, le chiome nascondo i lineamenti. A dividere la folla inferocita e le donne vi è un gruppo di guardie. Le distinguete per l'equipaggiamento che indossano e portano con sé. Una fascia raffigurante il simbolo di Gate Pass sul braccio. Notate come, nonostante la situazione, siano organizzate; una voce tonante urla loro incessantemente cosa fare e come disporsi. CITTADINI DI CAMOR! TROVO GIUSTO CHE I COLPEVOLI PAGHINO MA AD OGGI NON ABBIAMO PROVE CERTE PER CONDANNARE QUESTE DONNE QUI DISPOSTE DIETRO DI ME. VI CHIEDO SOLO DI DARMI QUALCHE ORA PER INDAGARE SUI FATTI. Chi parla verso la folla si distingue sicuramente dal resto delle truppe. Imponente e dal tono di voce basso e marziale indossa una fascia dorata sul braccio che lo distingue come il comandante della prigione di Camor. SAPETE CHE HO SEMPRE FATTO IL BENE DI QUESTA CITTADINA. CHIUNQUE SIA LA COLPEVOLE, VI GARANTISCO, SUBIRA' LE CONSEGUENZE DEI SUOI MISFATTI. Sentite come la folla si plachi, progressivamente, al discorso del Comandante e passato qualche minuto inizia, anche, a disperdersi. L'uomo che ha parlato rimane lì sul palco mentre osserva la folla diminuire sempre più di numero. A non troppa distanza voi riuscite, finalmente, a far riprendere il passo ai cavalli.
  3. Ascolto le parole della cara sorella attentamente e sorride "Capisco che il commercio sia complicato e che sicuramente la concorrenza è forte, mia stupenda Vissiol" un sorriso leggero, il capo si inclina "ma nessuno ci corre dietro.. con calma potremmo sistemare tutto" guardo attentamente l'altra "vedi, cara. Io trovo inopportuno che molte questioni passino da mani diverse dalle nostre... soprattutto dalle tue" la osserva "a differenza mia sei morigerata, lungimirante... capace di tenere le redini della Casata senza problemi" alzo un poco il mento "E avrai il tuo bel da fare quanto questo potere crescerà" Uno smorfia nel sentire il desiderio di Vissiol "Lussuriosa come non mai.. ad immagine e somiglianza di nostra madre da quello che sento" e me la rioe " magari cambierai idea.. quanti amanti hai cambiato, in fondo.. uno non si era, addirittura, suicidato?" domandando come se lo avessi sentito dire. Termino di mangiare e mi alzo "Bene cara sorella.. ti informerò quanto prima di qualcosa.. " e sto riflettendo tirando Adraalin in modo che mi segua. Mi dirigo già ora verso i bassifondi, c'è un po' di lavoro da svolgere.
  4. GM Tutti siete in apprensione per la tentata fuga dei manigoldi ma fortunatamente Idhad ha fatto presto a sventarla ed ora che siete tutti svegli nessun bandito sembra voler tentare qualcosa. "è ingiusto il fatto che non ci lasciate liberi..." parla uno dei ladri "noi stiamo, solo, cercando un modo di ritornare alle nostre famiglie" una pausa "ma è inutile dialogare con voi... siete sordi" e spunta a terra. Poi si volge verso Ralph "E tu vecchio citrullo smettila.. la guerra arriverà presto e allora saremo tutti liberi, in un modo o nell'altro.." Il resto delle ultime ore passano tranquille sebbene magari, ora, l'accortezza sia maggiore. Ben presto ripartite, è ormai l'alba. Le tenebre vengono meno alla luce del sole che inizia a fare capolino. Freddo, sempre, pungente Passano le ore, varie, ognuno tenta di distrarsi come può pur tenendo conto dei prigionieri sul carro. Pressi Camor - 20:40 Man mano che vi avvicinate verso il villaggio di Camor iniziate a notare come varie persone facciano la strada contraria alla vostra, verso Gate Pass. Molti portano con sé la loro roba sui carretti.. donne e uomini, per lo più giovani accompagnati da ragazzini e non. Tutti hanno un volto piuttosto sconsolato in viso, i vostri occhi non vi ingannano; solo le urla di qualche ragazzino spezzano di tanto intanto la monotonia. Quando state per entrare nel villaggio è ormai nuovamente buio... il vostro obiettivo è la piazza. Nonostante il freddo e gli imprevisti, dopotutto, siete quasi riusciti a portare a termine la vostra prima missione. E, non di meno conto, si avvicina anche un buon pasto caldo.
  5. Scusate ragazzi.. oggi come ieri purtroppo mi ritrovo ad aver poco tempo per postare! Lo farò domani, grazie per la pazienza.
  6. GM Ralph sembra innorvosirsi per gli insulti incantati che gli rivolge Idhad ma ben presto con la mano si tocca il capo. Intanto il manigoldo su cui il mezz'orco ha puntato la spada si ferma "N-non uccidermi.. " spaventato dall'avere il debole della lama cosi vicino. La voce di Idhad sveglia tutti, nessuno escluso. I prigionieri sono al momento tutti fermi. La voce di Ralph graffia ancora una volta il silenzio notturno "Maledetti Mezz'orchi.. ahh"
  7. Io preferire li tiraste voi per una questione di "oh guarda che sfiga che ho" ma probabilmente hai ragione che tirando io sarebbe tutto più veloce.. @Voignar @Blues @Axir @Cronos89 voi come preferite?
  8. Perfetto si... Ora modifico il post per dare l'esito e poi puoi postare.
  9. Trovate, così, un buon posto dove accamparvi e tutti, in un modo o nell'altro, vi date da fare. Il fuoco viene acceso dal Tiefling ed il calore vi da un immediato sollievo da quel gelo che inizia a farsi sempre più consistente, fortunatamente per voi non c'è vento. I detenuti, infreddoliti anch'essi, scendono con molta difficolta dal carro sotto i vostri sguardi attenti per andare a porsi nei pressi del focolare ed iniziare a mangiare qualcosa. Le ore passano ed i turni di guardia iniziano. Il primo turno di guardia, quello di Ashgrar passa piuttosto tranquillamente. I manigoldi adocchiano inizialmente il mezz'orco ma alla fine la stanchezza colpisce e, grazie anche ad alcune delle coperte che li ripara dal freddo, riescono ad assopirsi. Anche il turno di Nergui scorre tranquillo, nessun problema. Il turno di Lionel è altrettanto sereno, il piccolo grifone sveglio tiene compagnia alla guardia, beccandolo di tanto in tanto in modo giocoso. Nel turno di Idhad il vecchio Ralph si sveglia, parla verso il mezz'orco "Sai.." una pausa, digrigna i denti "Dovresti lasciarci andare.. tutti sanno che la guerra sta arrivando e noi non abbiamo fatto nulla di male.. solo qualche furtarello qui e lì " il tono, solitamente sicuro e ti osserva attentamente "inoltre non siamo codardi! Lì a Gate Pass ci sono le nostre famiglie.. e qui in mezzo ci sono padri di famiglia a cui sta venendo negata la possibilità di proteggere i propri figli in caso di necessità.. dimmi, mezz'orco" tossisce raucamente "ti sembra giusto? Lasciaci andare e nessuno di noi creerà problemi.. hai la mia parola" ti tende le mani legate dalla corda in segno di accordo. Questo accade mentre i compagni di Idhad riposano tra chi ha già terminato il proprio turno e chi invece lo aspetta (Necrolatry). Idhad Mentre Ralph ti parla ti accorgi che alcuni prigionieri stanno muovendo le mani in maniera sospetta; non ti ci vuole molto per capire che due tra i manigoldi stanno tagliando le corde con alcuni pezzi di vetro che avevano in qualche modo nascosto. Uno di loro, in particolare, ha quasi rimosso del tutto le corde che gli trattengono gli arti inferiori.
  10. Ascolto attentamente le parole della cara sorella e rispondo "bene... questa sera vedrò di farci una passeggiata" nei bassifondi ed è una smorfia nell'ascoltare la sorella "Dunque.. al solito.." una pausa "lasci il lavoro sporco a me ma è giusto..." guardo l'altra, inclino un poco il capo "sei tu la matrona" e poi un sussurro alzando appena il mento "chiunque non abbia scelta" un sospiro leggero "ma vedrò di muovermi con calma, non temere... per il bene della nostra casata" un sorriso disteso "e della nostra famiglia". Osservo per un attimo il mio servitore e poi riprendo "ad ogni modo vedrò di risolvere la faccenda con questi mercanti..." un poco di disgusto nel doversi occupare di una casa minore "altro di cui vorresti mettermi a conoscenza mia cara Vissiol?" mi mordo appena il labbro, un gesto spontaneo. Ho del lavoro da fare a quanto pare.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.