Jump to content

Immalphandomega

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    182
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

7 Coboldo

About Immalphandomega

  • Rank
    Iniziato
  • Birthday 02/27/1993

Profile Information

  • Location
    Ancona
  • GdR preferiti
    D&D 5e / 3.5 - Shadowrun - Star Wars

Recent Profile Visitors

762 profile views
  1. Ahahaah sì... non si è rivelato molto collaborativo - menzionando Ismal - per il momento ti basta sapere che Ismal, anche se in maniera poco ortodossa, ci ha confermato la veridicità degli avvenimenti all'interno dell'accademia, e come dici tu, qua potremmo tutti uscirne con qualcosa in più - mimando il gesto delle monete con le dita Se i tuoi contatti potrebbero procurarci un colloquio con qualcuno dell'accademia, sicuramente avremo la possibilità di indagare indisturbati e probabilmente con una ricompensa adeguata a tutti... - porto la mano al bicchiere e appoggiandomi allo schienale de
  2. Nero Coleman Beh, le tue acute orecchie ti hanno portato fino ai nostri discorsi, forse potresti dirci tu qualcosa di più... - commento, mentre mi sistemo sulla sedia, dando qualche sguardo attorno alla nuova seduta. Avvicino un paio di sedie per far accomodare anche Keth e Thane al tavolo, facendo loro un cenno con il capo. Ora sembro più serio, quasi irritrato dal fatto che venissimo origliati al tavolo.
  3. Nero Coleman Vengo anticipato dal mio compagno che quasi cerca di spodestare Ismal dal suo tavolo - lascialo perdere magari è solo l'alcool - rivolgendomi a Keth, mentre mi alzo dalla sedia. Sempre disponibile ad una chiacchierata - facendo un cenno col capo accompagnato da un sorriso - Seguitemi. Lascio il tavolo con un sorriso e mi dirigo al bancone, chiedendo gentilmente la disponibilità di una stanza privata per pochi minuti.
  4. Nero Coleman Capisco le tue perplessità Ismal, ma come ben sai quaggiù molte situazioni sono correlate tra loro e questi avvenimenti stanno causando non pochi problemi anche ad altri, oltre che all'accademia - guardandolo fisso negli occhi Immagino che entrambe vogliamo che la situazione si risolva, e non siamo i soli - lentamente allungo la mano nel borsello prendendo delle monete - queste per ripagarti le birre e per assicurarmi la tua collaborazione, che potrebbe continuare anche oltre - lasciando sopra il tavolo una sacchetta contenente 50 argenti sonanti Lascio passare qual
  5. Qua il link alla mia scheda https://www.myth-weavers.com/sheet.html#id=2158887
  6. Nero Coleman Andiamo al punto - guardando i miei compagni e poi di nuovo Ismal - Parlano di sparizioni tra gli apprendisti, diversi casi avvenuti di recente... Apprendisti come te che ora sono a rischio - calzando il tono sulle ultime parole.
  7. Nero Coleman Ringrazio Asvral, faccio un cenno col capo a Thane e Keth, per poi lentamente alzarmi e venir preceduto da dai miei compagni. Raggiungo il tavolo di Ismal e ci viene gentilmente offerto da bere. La discussione inizia anche senza il mio input, quindi rimango con le orecchie tese, soprattutto per vedere se qualche orecchio indiscreto si infila tra i nostri discorsi.
  8. Nero Coleman Ascolto Asvral e i miei compagni in silenzio, mentre tengo d'occhio il tavolo di Ismal. Mi volto verso il mio tavolo - Certo è inusuale riuscire ad entrare nell'accademia senza saperne magia, quindi o il nostro amico Ismal ha la lingua lunga o ha delle buone conoscenze.. in entrambe i casi saranno di nostro aiuto. Tastiamo il terreno e vediamo che ne viene fuori. - facendo cenno con la testa verso il tavolo di Ismal. Questo è un ottimo aggancio per risollevare la situazione attuale. Mi avvicino ad Asvral, sussurrando - la fonte d'informazioni è affidabile? Sai
  9. Nero Coleman Ignoro completamente lo gnomo ed il suo messaggio - Bah, al diavolo il circo, dove vanno portano sempre qualche malaugurata situazione - girandomi poi con un pelo di vergogna - Thane perdona la mia lingua, è abituata ad andare da sola - abbozzando un sorriso Mi stiro la schiena e faccio un sorso di birra, riportando il discorso al tavolo Dal suo volto sembrerebbe qualcosa di abbastanza serio - rivolgendomi a Keth - Cos'è, qualche banda di tagliagole li intercetta nella tratta fino a quì? Nel caso li spingerebbe ovviamente a venir sempre più di rado ed alzare i prezz
  10. Nero Coleman Il posto non è il massimo, ma è ciò che gli ultimi anni hanno avuto da offrire - mormoro mentre eseguo i primi passi all'interno della locanda. Porto lo sguardo al taverniere che per fortuna incrocia il mio, e alzo la mano facendo cenno per 3 birre. Nel girarmi a parlare con i miei compagni, scorgo un viso familiare in uno dei tavoli vicino al camino: Hey Keth, c'è Asvral al tavolo in fondo! Thane, vieni anche tu, ho già preso da bere! - avvicinandomi al tavolo di Asvral di gran passo e con il sorriso in volto. Asvral! Sempre più bello ogni giorno che passa, eh? - a
  11. Il fuoco si dirama di fianco a me, colpendomi di striscio ma facendomi tangere il pericolo. Che diavolo! Mi alzo e corro in direzione opposta alla roccia sopra elevata, sempre con il mio arco in mano, in maniera da far perdere le mie traccie, possibilmente entrando in un'area con della folta vegetazione. Immediatamente mi nascondo, ricalcolo il punto della situazione e con una freccia pronta, analizzo i dintorni per scovare il mio avversario che codardamente non si mostra.
  12. Seguo il suo corpo correre per poi perdersi tra la vegetazione. Il tutto sembra quasi surreale... io che mi ritrovo a cacciare me stesso.. rapidamente, e quasi in maniera paranoica, mi controllo le braccia, come se avessi anch'io subito le stesse ferite del mio avversario. Mi abbasso tra la vegetazione, come a voler rimanere sotto vento e lentamente mi sposto di pochi metri, come per far perdere la mia posizione. Occhi ed orecchie dunque sono come uno scanner, tesi ad individuare la mia preda. Automaticamente il braccio incocca un'altra freccia nell'arco, in attesa.
  13. Riconosco il suo viso nel mio, una rapida linea di freddo corre lungo tutta la mia schiena. Rimango per un attimo interdetto, disorientato dall'inaspettato. Forse quando accennavano al fatto di predominare sull'altra parte di me stesso, non era una cosa figurativa. Comincio a sudare, le gocce raggiungono il mio naso, cadendo sul mio corpo nascosto tra la vegetazione. Porto il braccio alla fronte per asciugare le emozioni in formato liquido e lentamente alzo l'arco in direzione del mio bersaglio. Non muoverti! Identificati. Le parole escono con tono deciso e secco. Il mi
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.