Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Curse of Strahd: la Beadle & Grimm pubblicherà la Legendary Edition

Se la Revamped Edition recentemente annunciata dalla WotC non dovesse bastarvi, potrebbe essere vostro interesse sapere che la Beadle & Grimms ha deciso di pubblicare la Legendary Edition di Curse of Strahd, l'Avventura dark fantasy per D&D 5e ambientata a Ravenloft (qui potete trovare la recensione pubblicata su DL'). Per chi tra voi non lo sapesse, le Legendary Edition della Beadle & Grimm sono versioni extra-lusso delle avventure pubblicate dalla WotC per D&D, contenenti oltre all'avventura tutta una serie di accessori pensati per rendere l'esperienza dei giocatori più immersiva e divertente.
Al costo di 359 dollari, dunque, all'interno della Legendary Edition di Curse of Strahd potrete trovare:
l'Avventura per D&D 5e Curse of Strahd suddivisa in libri più piccoli, in modo da aiutare DM e giocatori a orientarsi più facilmente nel suo ampio contenuto. Come aggiunta, sono stati inseriti alcuni PG pre-generati per i giocatori e una serie di incontri di combattimento bonus. 17 mappe per il combattimento che coprono ogni angolo di Castle Ravenloft, la dimora di Strahd. Una mappa dell'intera Barovia disegnata su tela. 60 Carte di Scontro, che permetteranno ai giocatori di farsi un'idea dei PNG e dei mostri che si troveranno di fronte grazie alle loro illustrazioni. Una serie di supporti di gioco per i giocatori, quali lettere, atti relativi a misteriose proprietà, note scritte dal proprio "gentile" ospite, monete del Regno di Barovia, ecc., utili per dare ai vostri giocatori elementi concreti con cui sentirsi più immersi nella campagna. Uno Schermo del DM con illustrazioni originali sul fronte e le informazioni utili a gestire la campagna sul retro. Una serie di pupazzi per le dita, con cui divertirsi a interpretare i mostri e i PNG dell'Avventura. La Legendary Edition di Curse of Strahd uscirà a Novembre 2020.
Grazie a @Muso per la segnalazione.


Fonte: https://www.enworld.org/threads/beadle-grimms-legendary-edition-curse-of-strahd.673629/
Link alla pagina ufficiale di Beadle & Grimm: https://beadleandgrimms.com/legendary/curse-of-strahd
Read more...
By aza

D&D 3a Edizione compie 20 anni!

Nel mese di Agosto, di 20 anni fa, veniva rilasciato il Manuale del Giocatore di Dungeons & Dragons 3a edizione.
Sicuramente la 3a edizione rappresenta uno spartiacque per quel che riguarda D&D e segna l’inizio dell’epoca moderna del gioco per diversi motivi:
Innanzitutto, per la prima volta D&D aveva un sistema coerente di regole. Precedentemente erano presenti svariati sottosistemi che non si integravano tra di loro. C’era ben poca coerenza. Ci ha donato l’OGL, che ha rappresentato una svolta enorme nel mondo dei giochi di ruolo. L'OGL infatti ha permesso a chiunque di poter produrre materiale compatibile o derivato dal regolamento di D&D. La quantità di materiale pubblicata per d20 negli anni 2000 è, e probabilmente lo sarà per sempre, ineguagliabile. Ha revitalizzato D&D in un modo che non si vedeva da moltissimo tempo. Negli anni ’90 con il boom dei videogiochi, la nascita dei giochi di carte collezionabili e regolamenti ben più evoluti di AD&D (si può pensare alla White Wolf che all’epoca era il nome più importante) D&D soffriva e non poco. Ha visto il ritorno di Diavoli, Demoni, Assassini, Barbari, Mezzorchi e Monaci. La seconda edizione nacque con ancora fresco il ricordo delle polemiche riguardanti il “satanic panic” degli anni ’80. Quindi tutto ciò che poteva essere considerato “moralmente offensivo” come diavoli/demoni, assassini o mezzorchi venne rimosso. I barbari vennero ritenuti ridondanti rispetto ai guerrieri e i monaci  poco adatti ad ambientazioni basate sull’Europa occidentale medievale. Queste le prime cose che mi vengono in mente, ma vi invito a condividere con noi i vostri ricordi, le esperienze e i pensieri per questo 20° anniversario di D&D 3E.
Read more...

Fuga dall'Abisso è uscito in lingua italiana

A partire da ieri, 30 Luglio 2020, l'Avventura Fuga dall'Abisso per D&D 5e è finalmente uscita in lingua italiana. Pensata per PG di livello 1-15, quest'avventura è ambientata nel Sottosuolo dei Forgotten Realms ed è caratterizzata dalla presenza dei mostruosi Signori dei Demoni.
Qui di seguito potrete trovare la descrizione ufficiale dell'Avventura, la copertina del manuale e la recensione da noi pubblicata su DL'.
Fuga dall'Abisso
Dungeons & Dragons è un gioco per veri eroi che amano vivere intense e adrenaliniche avventure, e Fuga dall’Abisso è il manuale giusto per chi sente il bisogno di passare la serata a salvare il mondo!
A causa di un piccolo errore di calcolo, l'arcimago drow Gromph Baenre, di Menzoberranzan, si pente di aver iniziato la sua carriera arcana…
Che cosa succede quando i cancelli dell’Underdark si aprono per far entrare i demoni dell’Abisso? Una quantità di orrori inimmaginabile si riversa nel sottosuolo, creature d’ombra che rendono ancora più claustrofobici i cunicoli di pietra…i personaggi saranno in grado di sopravvivere alla follia?
Dedicata agli amanti dei dungeons labirintici, Fuga dall’Abisso è un’avventura adatta a personaggi dal livello dal 1° al 15°, che dovranno riuscire a sopravvivere e a tornare in superficie prima di abbandonarsi alla disperazione, ma non solo: dovranno fermare una catastrofe imminente, che potrebbe distruggere non solo le antiche città naniche, duergar e drow, ma raggiungere persino i Reami Dimenticati!
Avranno molte scelte importanti da compiere, e la possibilità di unirsi a molti compagni di viaggio. Un’esperienza di gioco tra le più appassionanti e tra le più riuscite della saga di “Furia dei Demoni”.
Lingua: italiano
Formato: Copertina rigida
Prezzo: 49,99 euro
Articoli di Dragons' Lair:
❚ Recensione di Fuori dall'Abisso

Link alla pagina ufficiale del sito Asmodee Italia: https://www.asmodee.it/news.php?id=722
Read more...
By senhull

Intervista a Keith Baker riguardo Exploring Eberron

Questo è il link all’evento andato in onda ieri.
Qui sotto trovate una breve sintesi per chi non avesse voglia/tempo di guardarsi tutta la registrazione.
Exploring Eberron
Il libro sarà pubblicato su DMs Guild sia come PDF sia in un'edizione cartacea su copertina rigida (ad oggi ancora senza data ufficiale), ma Keith ha detto più volte in tutto lo stream che ciò potrebbe avvenire in qualsiasi momento. Stanno aspettando che le copie stampate ottengano il via libera poiché credo che il precedente processo di stampa fosse disallineato/con errori. Quindi dita incrociate per questo fine settimana e Keith ha ribadito che è ciò che spera. Il prezzo del libro non è stato menzionato nello stream. Si tratta di 248 pagine e ci saranno più parole che in Rising from the Last War.
Il libro mira a coprire temi che sono stati ignorati o solo brevemente menzionati nei precedenti libri canonici, tra i quali la cosmologia planare, gli oceani e i regni dei mostri (goblinoidi in primis).
C'è un intero capitolo dedicato alla cosmologia planare, che include una mappa splendidamente illustrata dei piani e ogni piano avrà tra 4-6 pagine che descrivono in dettaglio i concetti (per esempio come funziona Fernia, e quindi far passare il messaggio che non è solo il piano di fuoco). L’obiettivo è quello di permettere ai DM di predisporre con serenità e completezza tutto quel che necessario per sviluppare un'avventura planare, nonché definire come i piani potrebbero influenzare un'avventura anche se di viaggi planari non ne vuoi sentir parlare: praticamente come funzionano le zone di manifestazione. C'è anche una grande sezione dedicata ai goblinoidi Dhakaan in cui probabilmente verranno dati molti dettagli sulla storia del loro impero e di ciò che ci si deve aspettare esplorando le loro rovine.
Sottoclassi
Ci sono sei nuove sottoclassi. Due di loro sono "solo" per personaggi di razza goblinoide, anche se non è detto che siano vincoli razziali, ma trattandosi di Dhakaan…
Adepto della Forgia (Artefice) (Goblinoide)
Keith descrive questa classe come la tradizione di artefice Dhakaan (OT: su questo potrei aprire una bella discussione…), ed è una sorta di spin-off della sottoclasse del Battle Smith da Rising from the Last War. Laddove il Battle Smith si concentra sul costrutto/famiglio, l’Adepto della Forgia cercherà di creare un'arma perfetta e quindi migliorarla. Usa l'idea che i Dhakaani siano, per tradizione marziale, principalmente dediti alla forgiatura di armi e armature, quindi l’Adepto della Forgia è un esperto nella creazione di armi e armature e cerca di creare "l'arma perfetta". Questa è un'altra sottoclasse di artefici melee. Ovviamente l’arma perfetta ha anche un nome specifico in goblin che non vedo l’ora di leggere!
Collegio dei Cantori Funebri (Bardo) (Goblinoide)
Basandosi sul fatto che i Dhakaani tendenzialmente non amano la magia arcana e divina, molti dei loro leader spirituali erano Bardi (clan Kech Volaar, in primis). Lo descriverei come una sorta di comandante del campo di battaglia che ispira costantemente le truppe. Keith lo descrive dicendo "sto interpretando il mio ruolo attraverso i miei compagni, non ho bisogno di combattere; sto guidando gli altri". Sembra una sorta di sottoclasse.
Maverick (Artefice)
Questa sottoclasse si rifà all'infusione dell’artefice della 3.5 " Spell Storing Item” (Accumulatore di incantesimi). Keith la spiega così: "Farò la cosa di cui abbiamo bisogno, datemi un minuto". L'artefice è in grado di immagazzinare incantesimi negli oggetti (cura ferite portatili? Torrette fulminanti? Mine fireball?). Il Maverick è in grado di scegliere incantesimi destinati ad altre classi anche se in misura limitata, e con il consueto incremento man mano che si sale di livello. Sono anche in grado di cambiare i cantrip con un breve riposo.
Via dell’Arma Vivente (Monaco)
Questo attinge ad alcune classi di prestigio descritte nei manuali Eberron 3.5 come il Quori Nightmare e il Were-touch Master, e si concentra sul trasformare il tuo corpo in un'arma. Sebbene non siano bloccati dal punto di vista razziale, esistono apparentemente "percorsi" diversi che si amalgamano bene con razze come Forgiati, Morfici o Cangianti.
Circolo della Forgia (Druido) (Questo potrebbe essere razzialmente vincolato ai forgiati)
Parte di questa classe è in realtà frutto di una discussione che chi ha giocato ad Eberron un druido forgiato (in qualsiasi edizione) si sarà PER FORZA posto: "Ma un forgiato si trasforma in un animale in carne e ossa o in un Animale forgiato/costrutto? ". La risposta ufficiale è sempre stata quella di trasformarsi in un animale in carne e ossa. Questa sottoclasse ora ti consente di trasformarti in un animale forgiato (OT: ma quanto bella è questa idea…???). Apparentemente è simile al Cerchio della Luna in quanto è un druido guidato da una forma selvaggia, ma si concentra maggiormente sull'essere un costrutto. Todd ha anche menzionato cose come "Adamantine Hide", "Skin of Steel", "Elemental Fury", ma queste non sono state ampliate durante i discorsi, accendendo in me un interesse ancora più forte…
Dominio della Mente (Chierico)
Questa sembra essere la cosa più vicina ai poteri psionici, direi che è assolutamente perfetto per i Kalashtar visto che sfrutta per bene i poteri psionici, ma che devono essere per forza di allineamento buono. Si ottengono quindi incantesimi come Comando, Confusione, Dominare Persone e Telecinesi. Quando lanci un incantesimo che infligge danno radiante, puoi invece fargli infliggere danno psichico, quindi cose come la fiamma sacra ora possono avere il flavour di un'esplosione mentale.
Sottorazze
Rune Bound / Rune Born / Ruin Blood (?)
C'è una sottorazza (accennata, ma potrei aver inteso male) che il libro aggiunge, questa è la sottorazza di Rune Bound per il Nano e si rivolge ai Nani delle Rocche di Mror e più specificamente a coloro che giocano lo stregone. Mentre i nani “standard” combattono senza sosta contro i Daelkyr, il Rune Bound Dwarf nasce con un simbionte dentro di sé e con la capacità di usarlo. Il nano (figherrimo) sulla copertina di Exploring Eberron è uno di questi.
Marchi del Drago
Gli oggetti Focus dei Marchi del Drago hanno una nuova sezione, con molte più opzioni da esplorare.
I marchi del drago sono stati ampliati per includere ora i Marchi Siberys (finalmente!!!). Questa non è un talento, né un'aggiunta di sottorazza, un Marchio Siberys può essere acquisito solo tramite il DM che permette ad un giocatore di ottenerne uno, e dovrebbe richiedere una grande ragione narrativa dietro a tale concessione. Keith li definisce Doni Soprannaturali.
La classificazione è: se hai un marchio del drago (talento di Rising from the Last War) potete migliorarlo a Marchio Superiore. Se non avete un marchio e lo ottieni, ora avete un Marchio Siberys. Questo è stato fatto per provare a combinare i le due opzioni, semplificando. In definitiva, se non si desidera utilizzare i marchi Siberys, dipende dal DM.
Oggetti magici
C'è un bel pacchetto di nuovi oggetti magici.
Oggetti simbiotici come
Crawling Gauntlet (Guanto strisciante?) Hungry Weapon (Arma Affamata) Coat of Many Eyes (Manto dei molti occhi) Tongue Worm (Verme lingua?) Wandering Eye (occhio errante) Sono stati inseriti oggetti focus dei Marchi del Drago, per risolvere il problema di chi possiede il marchio ma non è un incantatore e quindi avrebbe delle difficoltà oggettive a lanciare il proprio incantesimo. Questi elementi dovrebbero risolverlo.
Varie ed Eventuali
Si parla poi di:
Oggetti magici Dhakaani Armi magiche d’assedio Altre cose C'è un capitolo chiamato Friends & Foes (Amici e Nemici), che dovrebbe contenere blocchi di statistiche sia per gli amici che per i nemici. Parte di questo capitolo parla di Valaara, la Regina Strisciante, una delle Sei Piaghe Daelkyr (fra l’altro tra gli spoiler che trovate sul blog di Keith). Un altro Quori e poi altre informazioni sulle razze acquatiche.
Non ci sono nuove informazioni sul Marchio della Morte, ma viene trattata la storia di Erandis, nonché una sezione sul Sangue di Vol e le altre fedi. Keith chiarisce alcune informazioni contrastanti di diversi autori, e ha specificato che tutte le informazioni nel libro rappresentano la SUA visione e di come aveva originariamente creato Eberron.
Si discute poi sul flavour dei personaggi psionici.
Ci sono alcuni nuovi talenti.
C'è una sezione sull'Ultima Guerra, su come è stata effettivamente combattuta e sui metodi usati, questo probabilmente includerà le armi magiche d'assedio.
Read more...

Curse of Strahd: è in arrivo la Revamped Edition

La Wizards of the Coast ha annunciato l'uscita per il 20 Ottobre 2020 di Curse of Strahd Revamped, una boxed edition della già pubblicata Avventura per D&D 5e Curse of Strahd (di cui potete trovare qua la recensione pubblicata su DL') ambientata nel tenebroso semipiano di Ravenloft. Questa Boxed Set, in arrivo al prezzo di 99,99 dollari, conterrà all'interno di una scatola a forma di bara:
Una versione aggiornata dell'Avventura, che integrerà gli Errata e molto probabilmente una revisione delle sezioni dedicate ai Vistani (come già preannunciato qualche tempo fa). Un breve manuale dei mostri chiamato Creatures of Horror (Creature dell'Orrore). Un poster contenente su un lato la mappa di Barovia e sull'altro quella di Castle Ravenloft. Un mazzo dei tarocchi e un opuscolo di 8 pagine. Una dozzina di "cartoline" da Barovia. Uno Schermo del DM IL sito IGN ha pubblicato un video in cui, insieme a Chris Perkins, viene mostrato il contenuto di questa boxed edtion:

Fonte: https://www.enworld.org/threads/curse-of-strahd-revamped-boxed-collectors-edition.673545/

Link alla pagina ufficiale del prodotto: https://dnd.wizards.com/products/tabletop-games/rpg-products/curse-strahd-revamped
Read more...
Sign in to follow this  
Krinn

[HR] Ribilanciamento (al ribasso) Classi Manuale del Giocatore [DnD 3e]

Recommended Posts

Ciao a tutti.

Ho in mente una modifica alle classi del manuale del giocatore per ribilanciare le classi ivi presenti, rallentando la progressione degli incantesimi per le classi di incantatore puro e trasformandole tutte in una sorta di incantatori "spontanei".

Maghi, Chierici, Druidi, Paladini e Ranger scelgono ogni giorno un numero limitato di incantesimi "preparati", che funzionano come una lista di incantesimi conosciuti dello stregone 3.5, con la differenza che possono cambiare la propria lista di incantesimi "preparati" quotidianamente, pregando o studiando sul libro degli incantesimi. Tutti gli incantesimi (e per riflesso, capacità magiche) con un tempo di lancio pari ad un'azione standard hanno un tempo di lancio allungato a un round (come l'incantesimo evoca mostri 1) per rendere un po' più difficile il lancio degli incantesimi. Gli slot di livello più basso però possono ricevere della "metamagia gratuita" ad indicare la maggior padronanza di questi incantesimi più semplici da parte dell'incantatore, per cui quando il mago potrà lanciare una palla di fuoco (come azione da 1 round), se ha a disposizione il talento "incantesimi veloci" (che ho aggiunto) si può ridurre il tempo di lancio di un dardo incantato ad azione standard. La scelta quindi è tra lanciare un incantesimo più potente ma rischioso oppure un incantesimo più semplice e sicuro. Ah, dimenticavo di dire che la metamagia non incrementerà il tempo di lancio degli incantesimi.

Alcune altre modifiche includono il compagno animale del ranger, portato da 1/2 livello da druido a livello da druido -3, il punire del paladino a incontro invece che al giorno, e altre cose di questo genere elencate nel foglio excel allegato.

Si tratta di una modifica limitata ai manuali base 3.5, fatta pensando di ridurre lo sbilanciamento tra le classi, soprattutto quelle di incantatori, cercando di arrivare a un livello di potere simile a quello di un barbaro, un guerriero o un ladro (che non sono state toccate dalla modifica).

E' tardi e mi scuso per non aver aggiunto altre informazioni se non il foglio excel nudo e crudo, ma se la cosa risultasse chiara abbastanza, per favore ditemi cosa ne pensate, vi sembra qualcosa di bilanciato?

Avete dei suggerimenti per migliorare il bilanciamento?

modifiche.zip

Share this post


Link to post
Share on other sites

Personalmente sono d'accordo quasi su tutti meno che:

-Mago specialista: +1 LI nella scuola specializzata [questo non mi sembra abbastanza per la perdita di due scuole, salvo questo sia un bonus aggiuntivo e non sostitutivo]

-Tempo di lancio incrementato incantesimi: questo IMHO è troppo penalizzante, di fatto un mago da solo prenderebbe PER FORZA delle mazzate prima di poter reagire...salvo usi il nuovo talento che abbassa il tempo di lancio... una seccatura... :-D

-Slot bonus per alto punteggio di caratteristica spostati a "sinistra" di 1 colonna: questo non ho capito cosa significa

-House Rule su Metamorfosi: sarà che sto per giocare un PG che si basa sulla transmutazione [e quindi anche sulle metamorfosi] ma non ho mai apprezzato neanche prima l'accanimento contro questo genere di spells... Ce ne sono tanto di spell abusabili, in ogni scuola... Che poi di fatto il concetto di "abusabile" sia il concetto di "forte" applicato da qualcuno che rosica è un altro discorso :-D Non capisco perchè accanirsi sempre su quelli... Tra l'altro l'unico che ha una durata che può essere considerevole è polymorph any object, gli altri a parte metamagia pesante dureranno quasi tutti rnd/LI

-Incantesimi di Evocazione (Guarigione) => Necromanzia (Guarigione): in realtà cambia relativamente poco... Personalmente stanno bene anche lì dove sono anche se effettivamente mi sono sempre chiesto il perchè... Di fatto credo che inizialmente il termine necromanzia in D&D non avesse un significato neutro ma tendenzialmente malvagio...e quindi non era adeguato alle guarigioni... inoltre di solito la guarigione è sempre stata correlata con la magia bianca, e quindi era bruttino inserirla nella "magia nera" ovvero la necromanzia...

-Preparazione Migliorata: questo non l'ho capito

Share this post


Link to post
Share on other sites

-Tempo di lancio incrementato incantesimi: questo IMHO è troppo penalizzante, di fatto un mago da solo prenderebbe PER FORZA delle mazzate prima di poter reagire...salvo usi il nuovo talento che abbassa il tempo di lancio... una seccatura... :-D

Non sempre un mago si fa attaccare e colpire in un round.

Non sempre, pure, il mago arriva in un combattimento "impreparato" e quindi "colpibile".

La regola di Krinn è una delle tante, imho, da testare.

Ha il vantaggio di non toccare il sistema dell'iniziativa. Ha delle pecche ovviamente.

In alternativa si può sempre usare quella di 2ed: aggiungi una penalità all'iniziativa pari a 2X, dove X è il livello della magia lanciata.

(in 2ed è X soltanto, ma si tira un D10, non un D20).

Certo, uno potrebbe dire che se casta di 9° è come se castasse a fine round.

(comunque nella tabella di Krinn non si casta di 9°)

Ma per esperienza, ti assicuro che non rende la magia di 9° inutile. Ci pensi solo 2 volte prima di usarla. (e i maghi sono sempre più potenti delle altre classi)

-House Rule su Metamorfosi: sarà che sto per giocare un PG che si basa sulla transmutazione [e quindi anche sulle metamorfosi] ma non ho mai apprezzato neanche prima l'accanimento contro questo genere di spells... Ce ne sono tanto di spell abusabili, in ogni scuola... Che poi di fatto il concetto di "abusabile" sia il concetto di "forte" applicato da qualcuno che rosica è un altro discorso :-D Non capisco perchè accanirsi sempre su quelli... Tra l'altro l'unico che ha una durata che può essere considerevole è polymorph any object, gli altri a parte metamagia pesante dureranno quasi tutti rnd/LI

Basta 1 round per decidere un incontro con la metamorfosi.

Ci sono certo altre magie, ma Metamorfosi è l'unica magia che APRE un ventaglio di possibilità sgravate (anche a livello di builds) che fanno rabbrividere chiunque, anche i boards WotC.

E' quindi chiaro che Metamorfosi è il primo bersaglio della lista delle magie. Non c'è mica da scandalizzarsi :mrgreen:

Share this post


Link to post
Share on other sites

per limitare gli incantatori io procederei in modo differente.

primo componenti materiali "costose" per tutte le spell. + la spell fa male + costa o è difficile procurarsi il materiale.

questo farebbe in modo che un mago utilizzi incantesimi in modo oculato e si renda conto che è inutile avere decine di spell da lanciare ma solo quelle che ritiene utili. Gli stregoni magari (i lanciatori spontanei insomma) visto il numero di spell minori potrebbero dimezzare il costo.

nuovi incantesimi:

i maghi devono trovare incantesimi su pergamena per trascriverli. non esiste il "sono passato di livello aggiungo due spell a piacere". questo fa si che il mago possa avanzare solo quando trova pergamena o quando trova un maestro di livello appropriato (questo comporterebbe un maggiore controllo degli incantesimi da parte del master)

non sono d'accordo sul tempo di lancio. aumentare tutte le spell a 1 round di lancio rende inutile il round di sorpresa e ingiocabili gli incantesimi (come si fa a lanciare una palla di fuoco? o un fulmine?).

infine gli ingredienti occupano un certo spazio per cui non è semplice portarsi millemila ingredienti appresso.

limitare il numero di spell in modo eccessivo porterebbe ad un effetto contrario: i maghi diverrebbero inutili

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bene, sono felice di vedere le prime risposte ;-)

E ora ho pure più tempo per rispondere con calma.

Dunque, in ordine.

* Il mago specialista non ha scuole proibite. Solo, è obbligato a "preparare" una buona fetta di incantesimi dalla sua scuola di specializzazione, dimezzando in pratica il suo ventaglio di "scelte". Diventa meno versatile a livello di magie (come è giusto che sia) ma più potente nella sua specialità (come è giusto che sia).

Ad esempio, un mago normale di 20simo potrebbe "preparare" 5 trucchetti di livello 0, 5 incantesimi di livello 1, 5 di livello 2, 4 di 3, 4 di 4, 4 di 5, 3 di 6 e 2 di 7. Presi da qualsiasi scuola.

Il mago specialista di 20simo avrà lo stesso numero di incantesimi preparati [5 5 5 4 4 4 3 2] ma buona parte di questi [2 2 2 2 2 2 1 1] *dovranno* essere della scuola di specializzazione, e solo i rimanenti [3 3 3 2 2 2 2 1] potranno essere scelti tra tutte le altre scuole. Inoltre, avrà uno slot in meno per livello di incantesimo per gli incantesimi "generali" e due slot in più per livello di incantesimo per quelli "specialisti", e un +1 al LI nella scuola di specializzazione.

Quel che cerco di ottenere è un mago specialista che non sia "troppo migliore" di un mago normale, anche se si tratta di un evocatore o un trasmutatore. Credo che la limitatezza degli incantesimi "preparabili" dalle altre scuole sia una buona contropartita ma potrei sbagliarmi.

Insomma, maghi puri *davvero* più versatili, e maghi specialisti *davvero* più potenti nella propria scuola ma con molti problemi con le altre.

* Lanciare magie *deve* essere rischioso. La magia resta più potente della spada, se si riesce a portarla ad avere effetto. In 2e mi pare che più l'incantesimo era potente, più ci si metteva tempo a lanciarlo e la gente poteva venire a mazzuolarti. Qui è lo stesso, solo che più l'incantatore diventa potente, più gli incantesimi di livello più basso diventano facili da lanciare (l'incantatore acquisisce maggiore padronanza con essi). Se vuole, può applicare gratis a incantesimi di 2 livelli in meno del più potente il talento incantesimi veloci, riducendo il tempo di lancio da 1 round a 1 standard.

Se sei un mago di livello 7, lanceresti un potente incantesimo di terzo o ti rifugeresti su un più facile incantesimo di primo? In questo modo, inoltre, la metamagia verrebbe usata più spesso e questo imho aumenta la spettacolarità degli incantesimi.

Elayne ha fatto una buona precisazione, anche se riferita alla 2e "Ci pensi solo 2 volte prima di usarla. (e i maghi sono sempre più potenti delle altre classi)"

* Lo slot bonus "a sinistra" significa che ora i vecchi slot bonus di 1 sono slot bonus di 0, gli slot bonus di 2 diventano quelli nuovi di 1 e così via... Più trucchetti per tutti insomma, e meno slot "di alto livello" :-)

* Gli incantesimi di questo tipo (alter self, polymorph, polymorph any object, shapechange) sono quelli che hanno ben tre (o più) faccine simili a questa :diavolof: nelle guide dei forum Wizards, e nessun altro tipo di incantesimo arriva così in alto nella lista di gradimento eccetto Planar Binding nella guida per l'evocazione, e solo per il suo possibile abuso specie per richiamare Efreeti... Per la mia esperienza da giocatore e da master, il cambiamento di forma è un vaso di pandora da cui tutto e il contrario di tutto esce fuori.

Forte e abusabile in questo ambito sono molto più vicini in significato che altrove. Si cerca infatti di depotenziare gli incantatori. A che pro fare un guerriero se il mago si può trasformare in idra a undici teste? Il concetto di cambiare forma è bellissimo, ma così com'è scritto porta a degli scompensi gravi nel gioco. Le modifiche fatte dal Gigante mi sembrano molto buone in questo senso, soprattutto per il fatto che gli incantesimi di metamorfosi sono variegati E si può memorizzare un limitato numero di incantesimi.

PS: Questo non ha molto a che vedere con il tuo trasmutatore nella mia campagna, l'unica HR che ho messo, infatti, è quella (sensata imho) che richiede di *conoscere* il mostro per potersi trasmutare in esso. Questo topic non avrà alcun effetto nella campagna di 20simo che sta per iniziare ;-)

* Per il discorso Necromanzia, la Necromanzia è solo la magia che manipola la vita. Se vuoi, la Necromanzia attinge dai piani dell'energia Positiva e Negativa, mentre Invocazione attinge dagli altri piani energetici. Se l'energia attinta è positiva, la Necromanzia è "magia bianca" come dici tu, mentre se l'energia attinta è negativa, allora si tratta di "magia nera". Se vuoi si può dividere la Necromanzia in descrittori [Positivo] e [Negativo] per rafforzare questa differenza.

* Preparazione migliorata. Il talento permette a chi lancia incantesimi preparandoli quotidianamente, di scambiare un singolo incantesimo preparato di livello inferiore almeno di 1 al livello massimo lanciabile, dopo 1 ora di "studio" (per i maghi) o di "preghiera" (druidi, chierici...). Questo concede molta versatilità a discapito del tempo. Un mago infatti non potrebbe più lasciare "slot" vuoti per memorizzarli in seguito, e allora dovrebbe ricorrere a questo talento per "scambiare" un singolo incantesimo se ne ha necessità. Stesso dicasi per il chierico e classi simili. Si può scambiare 1 solo incantesimo, per scambiarne di più bisogna spendere ulteriori ore.

* Componenti costose. E' un modo per limitare gli incantesimi, certo. Magari quelli più "abusati" potrebbero avere delle componenti costose, ma credo vada bene già così, soprattutto per la parte successiva del tuo discorso, che approverei quasi in pieno.

* I maghi devono trovare incantesimi su pergamena per trascriverli. non esiste il "sono passato di livello aggiungo due spell a piacere". questo fa si che il mago possa avanzare solo quando trova pergamena o quando trova un maestro di livello appropriato (questo comporterebbe un maggiore controllo degli incantesimi da parte del master). Questa è una buona cosa, ma a questo punto è il mago (e solo il mago) ad essere penalizzato rispetto a uno stregone o a un chierico (che ha accesso a tutti gli incantesimi). Diciamo che si potrebbe semplicemente rendere a discrezione del master permettere o meno i due incantesimi a livello che il giocatore sceglie. Alcuni incantesimi potrebbero essere rari.

* aumentare tutte le spell a 1 round di lancio rende inutile il round di sorpresa e ingiocabili gli incantesimi (come si fa a lanciare una palla di fuoco? o un fulmine?). Nel round di sorpresa lanci incantesimi veloci (con adeguato talento di metamagia) oppure cominci a lanciare un incantesimo normale sperando di vincere l'iniziativa. Una palla di fuoco veloce richiede uno slot di 4 (di 3 quando si è in grado di lanciare incantesimi di 5). Non vedo come la cosa possa rendere ingiocabili gli incantesimi. Perchè lo affermi?

* infine gli ingredienti occupano un certo spazio per cui non è semplice portarsi millemila ingredienti appresso. A meno di incantesimi come questo, le componenti solitamente non occupano poi tutto questo spazio. Certo, alcune possono essere rare (e magari costose).

* limitare il numero di spell in modo eccessivo porterebbe ad un effetto contrario: i maghi diverrebbero inutili . Al massimo diventano meno potenti, ma non userei la parola inutili per definirli. Anche se potessero lanciare un singolo incantesimo al giorno potrebbero fare cose che un guerriero può solo sognare ;-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

rispondo solo alle mie pero ora ;)

* Componenti costose. E' un modo per limitare gli incantesimi, certo. Magari quelli più "abusati" potrebbero avere delle componenti costose, ma credo vada bene già così, soprattutto per la parte successiva del tuo discorso, che approverei quasi in pieno.

su questo siamo più o meno d'accordo.... come componenti costose intendo che siano da un minimo di 1 moneta d'oro. anche componenti "semplici" come il mitico guano di pipistrello avrebbe un costo. insomma: incantesimi normalmente senza ingredienti costano 1 oro quelli con ingredienti "comuni" magari poco di più e poi gli altri li lasci come sono. non credo che un mago spenderebbe troppo in incantesimi e questo renderebbe la cosa più fattibile

* I maghi devono trovare incantesimi su pergamena per trascriverli. non esiste il "sono passato di livello aggiungo due spell a piacere". questo fa si che il mago possa avanzare solo quando trova pergamena o quando trova un maestro di livello appropriato (questo comporterebbe un maggiore controllo degli incantesimi da parte del master). Questa è una buona cosa, ma a questo punto è il mago (e solo il mago) ad essere penalizzato rispetto a uno stregone o a un chierico (che ha accesso a tutti gli incantesimi). Diciamo che si potrebbe semplicemente rendere a discrezione del master permettere o meno i due incantesimi a livello che il giocatore sceglie. Alcuni incantesimi potrebbero essere rari.

avevo già considerato il tuo commento.... ma in effetti non volevo avvantaggiare lo stregone, solo non avevo ancora ideato un sistema anche per lui. si potrebbe fare semplicemente che lo stregone impara l'incantesimo come i maghi ma non ha lo stesso libro degli incantesimi e continua con le stesse regole di lancio

* aumentare tutte le spell a 1 round di lancio rende inutile il round di sorpresa e ingiocabili gli incantesimi (come si fa a lanciare una palla di fuoco? o un fulmine?). Nel round di sorpresa lanci incantesimi veloci (con adeguato talento di metamagia) oppure cominci a lanciare un incantesimo normale sperando di vincere l'iniziativa. Una palla di fuoco veloce richiede uno slot di 4 (di 3 quando si è in grado di lanciare incantesimi di 5). Non vedo come la cosa possa rendere ingiocabili gli incantesimi. Perchè lo affermi?

ti spiego: uno degli incantesimi più utili secondo me per un mago di primo livello è il sonno. mi sono reso conto che lanciarlo è pero' difficoltoso, visto che all'inizio del round del mago la situazione sulla griglia è praticamente cambiata (potrebbe non colpire tutti i bersagli prefissati, avere ostacoli improvvisi che non danno la linea di effetto ecc ecc. almeno il sonno è una spell con una piccola area.... ora immagina un mago che vuole lanciare palla di fuoco.... non lo farà mai. i guerrieri saranno già in corpo a corpo, i nemici si saranno mossi verso di voi ecc ecc. anche il fulmine che portavo ad esempio.... non ci sarà mai il famoso "filotto". poi onestamente dal punto di vista logico: un nemico vede un mago che inizia a salmodiare, io come master se lo gioco bene gli faccio trovare un riparo in un round (tieni presente una media minima di 12 metri di movimento) per bloccare la linea di effetto.....

* infine gli ingredienti occupano un certo spazio per cui non è semplice portarsi millemila ingredienti appresso. A meno di incantesimi come questo, le componenti solitamente non occupano poi tutto questo spazio. Certo, alcune possono essere rare (e magari costose).;-)

è proprio questo che ritengo di dover cambiare. Che so..... ogni tot di ingredienti si usa uno slot della borsa degli incantesimi. del resto la borsa degli incantesimi se la vedi da figura non è enorme.....

* limitare il numero di spell in modo eccessivo porterebbe ad un effetto contrario: i maghi diverrebbero inutili . Al massimo diventano meno potenti, ma non userei la parola inutili per definirli. Anche se potessero lanciare un singolo incantesimo al giorno potrebbero fare cose che un guerriero può solo sognare ;-)

sto dicendo che renderlo troppo penalizzato non dà attrattive ai giocatori.

un sistema di magia molto limitato è quello del vecchio warhammer. ti assicuro che i maghi avevano pochi incantesimi ( ma buoni) titti con ingredienti difficili da procurare (una pinta di sangue di drago per dirne una) e spell difficili da reperire..... in effetti non mi dispiaceva ma ti assicuro che i combattimenti erano un po' noiosi.

in generale do' un'altro consiglio. immettere un sistema a punti magia.

i maghi memorizzano le spell come da norma (ovviamente non hanno bisogno di spell memorizzate due volte) e usano un tot di punti per ogni incantesimo (oltre le componenti) finii quelli stop. si limita il numero di unti magia (magari si introducono nuovi talenti che ne aumentano il numero) e sei sicuro che non ci sono maghi sbilancianti. magari se vuole continuare a castare oltre i punti magia usa PF temporanei al loro posto (del resto usa forza spirituale e fisica per logica no?) non recuperabili se non con 8 ore di riposo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

* Lo stregone, se vedi, conosce 1 incantesimo in più di quanti ne può preparare il mago per ogni livello, e ne lancia anche uno in più per ogni livello.

* Bisogna rendere la vita difficile agli incantatori ;-) Lanciare sonno è difficile, ma quando entra hai vinto il combattimento senza colpo ferire. Se vedo uno salmodiare, io per primo mi sposto il più in fretta possibile. Così com'è pare che l'incantesimo da "azione standard" sia pressochè istantaneo: non hai modo di sfuggire alla magia con le tue gambe o con le tue azioni, puoi solo sperare di avere un buon tiro salvezza. Inoltre ci sono sempre gli incantesimi "veloci" con metamagia appropriata, si tratta di scegliere se lanciare un incantesimo potente ma rischioso o un incantesimo meno potente ma di effetto più sicuro. La cosa mi pare avere senso, non ti pare?

* Mi sembra che la cosa delle componenti finirà per aggiungere problemi invece che risolverli, aumentando la complessità... la borsa non è grande ma non è nemmeno piccola. Io ho una borsa a tracolla di quelle dimensioni circa, e saresti sorpreso da quante cose riesco a farci star dentro! :lol:

* Come attrattiva possono lanciare incantesimi, già questo è un ottimo punto a favore degli incantatori. Per quanto possa essere difficoltoso. Ovviamente sono meno appetibili degli incantatori 3.5, ma è appunto questo il punto. Devono risultare appetibili quanto un guerriero, un barbaro, o un ladro, non estremamente di più come lo sono ora.

* Riguardo i punti magia, che sono la copia dei punti potere psionici, ci ho pensato su, e credo porterebbero a maghi che li sfruttano quasi tutti per incantesimi di più alto livello. Con questo sistema sono costretti a prendere in considerazione anche (se non soprattutto) i propri incantesimi di livello più basso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Innanzitutto approvo totalmente il bilanciamento di krinn. (chissà come mai xD)

Mi sembra che il problema principale sorto sia il tempo di lancio aumentato...a parer mio non mi sembra nulla di male anzi...basti pensare che per lanciare un palla di fuoco o un fulmine (per restare negli esempi citati) secondo un po' di "senso" non ci vuole uno schiocco di dita...quindi 1 round completo mi sembra più che adatto. Contando poi che più avanti si avrà metamagia gratuita sui livelli più bassi ( cosa da non sottovalutare per nulla); quindi come già detto da krinn la scelta sarà un incantesimo di più alto livello rischiando,o un incantesimo di più basso livello avendo la certezza che andrà a segno.

Riguardo le componenti...bhè a me sinceramente non sembra che ci sia questo gran problema, poi bhò.

Questo sistema a parer mio (dopo averlo giustamente testato) potrebbe essere una ottima soluzione per "ridimensionare" i caster e rendere il livello di gioco + bilanciato tra picchiatori/incantatori...senza che i secondi surclassino i primi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

* Lo stregone, se vedi, conosce 1 incantesimo in più di quanti ne può preparare il mago per ogni livello, e ne lancia anche uno in più per ogni livello.

si ma non capisco a cosa porta......

* Bisogna rendere la vita difficile agli incantatori ;-) Lanciare sonno è difficile, ma quando entra hai vinto il combattimento senza colpo ferire. Se vedo uno salmodiare, io per primo mi sposto il più in fretta possibile. Così com'è pare che l'incantesimo da "azione standard" sia pressochè istantaneo: non hai modo di sfuggire alla magia con le tue gambe o con le tue azioni, puoi solo sperare di avere un buon tiro salvezza. Inoltre ci sono sempre gli incantesimi "veloci" con metamagia appropriata, si tratta di scegliere se lanciare un incantesimo potente ma rischioso o un incantesimo meno potente ma di effetto più sicuro. La cosa mi pare avere senso, non ti pare?

che la magia si apotente e a volte esagerata è un discorso che accetto di base e che ho sempre sostenuto. in D&D gli incantesimi sono TROPPI.

il problema del lancio che tu dici in parte lo condivido ma ripeto: è secondo me, più producente immettere limiti al numero di incantesimi da lanciare piuttosto che renderli più lunghi come tempo di lancio. A parte che come dici si possono cmq applicare i talenti metamagici e si ovvia al problema, pero' resta sempre una cosa alla base: un mago diventa ingiocabile se deve necessariamente usare livelli di slot superiori per essere competitivo..... dal troppo lo riduci al troppo poco

* Mi sembra che la cosa delle componenti finirà per aggiungere problemi invece che risolverli, aumentando la complessità... la borsa non è grande ma non è nemmeno piccola. Io ho una borsa a tracolla di quelle dimensioni circa, e saresti sorpreso da quante cose riesco a farci star dentro! :lol:

questo è vero..... pero' dividerla in slot equivale a dire fare un mix di spazio/tentativi di trovarli. A questo proposito di pongo una questione su una cosa del tutto illogica: come facco a recuperare un componente in una borsa stracolma in un tempo praticamente nullo? se cerco un'oggetto nello zaino la cosa non è immediata e quindi per logica non dovrebbe esserlo nemmeno per gli ingredienti a maggior ragione se si conta il fatto che sono a volte minuscoli.

* Come attrattiva possono lanciare incantesimi, già questo è un ottimo punto a favore degli incantatori. Per quanto possa essere difficoltoso. Ovviamente sono meno appetibili degli incantatori 3.5, ma è appunto questo il punto. Devono risultare appetibili quanto un guerriero, un barbaro, o un ladro, non estremamente di più come lo sono ora.

e sul fatto in generale quoto in toto..... ma non dimenticare che un guerriero arriva a fare 4 attacchi se non di più in corpo a corpo, il che lo rende già appetibile di per se. intendo dire che limitarli va bene ma fare in modo che lancino incantesimi in 3 anni e mezzo non va visto che un guerriero in 6 secondi può portare da 4 attacchi in su, manco fosse ken di hokuto.

* Riguardo i punti magia, che sono la copia dei punti potere psionici, ci ho pensato su, e credo porterebbero a maghi che li sfruttano quasi tutti per incantesimi di più alto livello. Con questo sistema sono costretti a prendere in considerazione anche (se non soprattutto) i propri incantesimi di livello più basso.

questo dipende tutto da come costruisci il sistema a punti magia

non so come funzicano i punti potere psionici (detesto gli psionici perchè un mio ex compagno di D&D me li ha fatti letteralmente odiare:-D), ma forse con un'esempio mi spiego meglio:

ogni incantesimo costa 1 punto magia per livello di potere (aggiungendo 1 punto per ogni slot metamagico in più) quindi di base una spell di 9 costa 9 punti. Ora se come massimo di PM (Punti Magia) fai in modo che sia la somma di una percentuale di punti necessari per lanciare un tot di incantesimi giornalieri, i maghi sarebbero costretti a decidere se:

A) spendono i punti per incantesimi di livello alto ma ne lanciano pochi in un giorno

B) spendono i punti per incantesimi di livello basso ma ne lanciano molti

C) scelgono un bilanciamento tra le due cose

spero di essermi spiegato in proposito

Innanzitutto approvo totalmente il bilanciamento di krinn. (chissà come mai xD)

Mi sembra che il problema principale sorto sia il tempo di lancio aumentato...a parer mio non mi sembra nulla di male anzi...basti pensare che per lanciare un palla di fuoco o un fulmine (per restare negli esempi citati) secondo un po' di "senso" non ci vuole uno schiocco di dita...quindi 1 round completo mi sembra più che adatto. Contando poi che più avanti si avrà metamagia gratuita sui livelli più bassi ( cosa da non sottovalutare per nulla); quindi come già detto da krinn la scelta sarà un incantesimo di più alto livello rischiando,o un incantesimo di più basso livello avendo la certezza che andrà a segno.

Riguardo le componenti...bhè a me sinceramente non sembra che ci sia questo gran problema, poi bhò.

ripeto la questione del tempo di lancio.... vero che + avanti prenderebbero talenti di metamagia gratis ma nel frattempo non lancero' mai una palla di fuoco a meno che non dica ai miei compagni "lasciate agire prima me" e devo sperare che i nemici non mi vengano addosso......

cioè il master adotterebbe una miriade di tattiche (perchè ce ne sarebbero davvero una infinità possibili da adottare) per non far castare il mago

Share this post


Link to post
Share on other sites

* Vuol dire che lo stregone è diverso dal mago ma imho pari a livello di bilanciamento: conosce in maniera innata più incantesimi e li può lanciare più volte, ma non può cambiarli a parte un singolo incantesimo di livello fino a N-2 quando sblocca i livelli N (come accade in 3.5). La sua lista insomma è fissa, mentre il mago può modificarla ogni giorno, senza parlare del talento "preparazione migliorata".

* Il problema di trovare la componente materiale giusta è ben inserita nel contesto "1 round per castare" non trovi? Secondo me un mago non è che deve usare slot di livello più alto per essere competitivo, anzi. Sono quelli di livello basso che possono essere velocizzati gratis. E poi non stiamo parlando di competitivo, ma in grado di lanciare incantesimi come standard. Solo il fatto di lanciare incantesimi, anche in 1 round rende un incantatore estremamente competitivo.

* Un guerriero di 20 fa 4 attacchi a round (ma deve già essere in mischia con il nemico, cosa tutt'altro che scontata). Un mago di 20 lancia colpo accurato rapido (slot di 2, azione swift) e disintegrazione veloce (slot di 7, azione standard). Non so cosa sia peggio ma mi sembrano accettabili come confronti.

* Il tuo sistema di punti magia è fondamentalmente identico a quello di punti potere psionici (con la differenza che gli incantesimi di livello 9 costano 17 volte l'ammontare per quelli di livello 1). Il problema sono gli incantesimi di livello più alto, sempre. Poterli lanciare più spesso è comunque un problema... Non so, io sono patito per gli psion, e il loro sistema mi piace, ma non nell'ottica di depotenziamento degli incantatori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ripeto la questione del tempo di lancio.... vero che + avanti prenderebbero talenti di metamagia gratis ma nel frattempo non lancero' mai una palla di fuoco a meno che non dica ai miei compagni "lasciate agire prima me" e devo sperare che i nemici non mi vengano addosso......

cioè il master adotterebbe una miriade di tattiche (perchè ce ne sarebbero davvero una infinità possibili da adottare) per non far castare il mago

Bhè lì sarà compito dei compagni del mago riuscire a tenere i nemici distanti e fargli castar magie (nei limiti del possibile per i pg picchiatori),e il mago stesso prima di lanciare un incantesimo dovrebbe assicurarsi di avere una buona copertura/difesa; Alla fine il mago dovrebbe dipendere dal resto del gruppo ( come è giusto che sia) senza poter stare tranquillo perchè fra volare,muri,scudi e tutto il resto può starsene tranquillo e non essere toccato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ripeto la questione del tempo di lancio.... vero che + avanti prenderebbero talenti di metamagia gratis ma nel frattempo non lancero' mai una palla di fuoco a meno che non dica ai miei compagni "lasciate agire prima me" e devo sperare che i nemici non mi vengano addosso......

cioè il master adotterebbe una miriade di tattiche (perchè ce ne sarebbero davvero una infinità possibili da adottare) per non far castare il mago

Il problema si pone dal livello 7 al livello 9. Dal livello 10 puoi lanciare già la tua palla di fuoco veloce se vuoi usando slot di 4. Dal livello 13 puoi lanciarla veloce senza alzare lo slot.

Il fatto che il mago debba usare un po' di cervello invece di semplicemente schioccare le dita e far partire un incantesimo è una buona cosa secondo me.

Il mago è da temere. Anche solo far fuggire gli altri per trovare copertura significa che ha agito sulla battaglia. Tu faresti scappare il mostro davanti al guerriero? E davanti a un mago? Se la risposta è diversa, allora c'è sbilanciamento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

* Vuol dire che lo stregone è diverso dal mago ma imho pari a livello di bilanciamento: conosce in maniera innata più incantesimi e li può lanciare più volte, ma non può cambiarli a parte un singolo incantesimo di livello fino a N-2 quando sblocca i livelli N (come accade in 3.5). La sua lista insomma è fissa, mentre il mago può modificarla ogni giorno, senza parlare del talento "preparazione migliorata".

ah ok ora mi è chiaro...... mi perdoni l'ignoranza? lo trovo spesso..... ma sto imho che cavolo vuol dire?:banghead::banghead:

* Il problema di trovare la componente materiale giusta è ben inserita nel contesto "1 round per castare" non trovi? Secondo me un mago non è che deve usare slot di livello più alto per essere competitivo, anzi. Sono quelli di livello basso che possono essere velocizzati gratis. E poi non stiamo parlando di competitivo, ma in grado di lanciare incantesimi come standard. Solo il fatto di lanciare incantesimi, anche in 1 round rende un incantatore estremamente competitivo.

come logica ci sta tutta, a parte il tempo di lancio. come ho risposto a Dokai, il problema è che fino a che il mago non avrà i talenti metamagici io come master non lo faro' castare nemmeno una volta. il giocatore che usa il mago si scoccerà alla prima seduta quasi come nel vecchio D&D scatola rossa, dove il mago lanciava 1 DI al primo combattimento e poi sedeva a guardare quelli che facevano i combattimenti..... e lì era anche peggio visto che ci si metteva una vita a passare di livello;-)

* Un guerriero di 20 fa 4 attacchi a round (ma deve già essere in mischia con il nemico, cosa tutt'altro che scontata). Un mago di 20 lancia colpo accurato rapido (slot di 2, azione swift) e disintegrazione veloce (slot di 7, azione standard). Non so cosa sia peggio ma mi sembrano accettabili come confronti.

e su questo nulla da dire..... ma se ne potesse lanciare pochissimi si regolerebbe e non lo farebbe certo una volta al giorno. del resto anche mettendoci un round completo lo accoppa lo stesso...... ma qui il problema è che non arriverebbe mai a lanciarlo.... e il gioco diventerebbe molto di metagame dato che potrei approntare la mia azione successiva del mostro in base all'incantesimo lanciato

* Il tuo sistema di punti magia è fondamentalmente identico a quello di punti potere psionici (con la differenza che gli incantesimi di livello 9 costano 17 volte l'ammontare per quelli di livello 1). Il problema sono gli incantesimi di livello più alto, sempre. Poterli lanciare più spesso è comunque un problema... Non so, io sono patito per gli psion, e il loro sistema mi piace, ma non nell'ottica di depotenziamento degli incantatori.

con il mio sistema no ;-) come ti ho detto dipende da come bilanci il numero massimo di PM

Il problema si pone dal livello 7 al livello 9. Dal livello 10 puoi lanciare già la tua palla di fuoco veloce se vuoi usando slot di 4. Dal livello 13 puoi lanciarla veloce senza alzare lo slot.

Il fatto che il mago debba usare un po' di cervello invece di semplicemente schioccare le dita e far partire un incantesimo è una buona cosa secondo me.

Il mago è da temere. Anche solo far fuggire gli altri per trovare copertura significa che ha agito sulla battaglia. Tu faresti scappare il mostro davanti al guerriero? E davanti a un mago? Se la risposta è diversa, allora c'è sbilanciamento.

non parlo di fuga ma di tattica :)

mi nascondo dietro una roccia sperando che sia una spell a bersaglio oppure posso correre in corpo a corpo con i guerrieri in modo che se è una spell ad area farei colpire anche loro..... insomma troppe variabili. ok dal 10 livello già lo applichi ma corri il rischio di girarti i pollici per i precedenti 9

Share this post


Link to post
Share on other sites

* In My Humble Opinion (Secondo il mio umile parere)

* Al primo livello il mago potrà lanciare incantesimi per aiutare i suoi alleati, come "ingrandire persone" se proprio non vuole tentare con "sonno". Insomma, un mago ha accesso a molti incantesimi, e alcuni sono più adatti di altri in certe situazioni.

* Per evitare il metagame c'è un'abilità appropriata: sapienza magica. Permette di identificare gli incantesimi mentre stanno per essere lanciati. Se un mostro scappa alle prime salmodie, potrebbe darsi che sia scappato da una banale "resistenza" che il mago ha lanciato su di sè. Basta usare l'abilità adatta. Non tutti i mostri/png ne sono dotati, anzi.

* Il tuo sistema è uguale a quello psionico, l'ho capito il funzionamento. E' che mi piacerebbe dare enfasi agli incantesimi di più basso livello rispetto a quelli di livello più alto. Con il sistema a punti magia la cosa è completamente a discrezione del giocatore. Non so, altrove si è discusso di come il sistema psionico non sia fatto per la magia... questo soprattutto per il discorso degli incantesimi che "scalano" automaticamente di potenza col passare dei livelli, mantenendo lo stesso costo in punti magia.

* Nei precedenti livelli ci sono altre opzioni. Già al 4 puoi lanciare spell veloci di 1. Senza contare che a meno di casi particolari, si può dirigere la palla di fuoco in maniera tale da non colpire i propri alleati.

Share this post


Link to post
Share on other sites

* In My Humble Opinion (Secondo il mio umile parere)

grazie mi togli un peso:lol:

* Al primo livello il mago potrà lanciare incantesimi per aiutare i suoi alleati, come "ingrandire persone" se proprio non vuole tentare con "sonno". Insomma, un mago ha accesso a molti incantesimi, e alcuni sono più adatti di altri in certe situazioni.

quindi di fatto limiterai la scelta degli incantesimi a quelli utili e basta..... se io fossi un mago un po' di danno vorrei farlo invece.... anche questo è il bello del gioco

* Per evitare il metagame c'è un'abilità appropriata: sapienza magica. Permette di identificare gli incantesimi mentre stanno per essere lanciati. Se un mostro scappa alle prime salmodie, potrebbe darsi che sia scappato da una banale "resistenza" che il mago ha lanciato su di sè. Basta usare l'abilità adatta. Non tutti i mostri/png ne sono dotati, anzi.

questo è sicuro.... ma il punto è che un mostro con un minimo di esperienza potrebbe agire come ho detto in risposta a un post precedente, non scappando ma o fiondandosi sul mago (e i modi ci sono anche se gli altri del gruppo lo coprono) o andando in corpo a corpo con i compagni del mago (se almeno lancia una spell ad area potrebbe beccare anche loro) e così via.

ora se devo aspettare il 10 livello per lanciare incantesimi del genere non ha senso.... faccio un mago da buff per la metà dell a mia carriera? dopo un po' viene a noia

* Il tuo sistema è uguale a quello psionico, l'ho capito il funzionamento. E' che mi piacerebbe dare enfasi agli incantesimi di più basso livello rispetto a quelli di livello più alto. Con il sistema a punti magia la cosa è completamente a discrezione del giocatore. Non so, altrove si è discusso di come il sistema psionico non sia fatto per la magia... questo soprattutto per il discorso degli incantesimi che "scalano" automaticamente di potenza col passare dei livelli, mantenendo lo stesso costo in punti magia.

ripeto dipende da come lo intendi. fai in modo che un mago possa lanciare incantesimi di 9 per esempio, al max 5 volte al giorno (che è poi il massimo giornaliero delle normali regole contando una int con un bonus molto elevato)

ma a quel punto si è pappato tutti i pm giornalieri.

ora secondo te: tu mago spendi tutti i tuoi punti per lanciare solo 5 spell in un giorno o fai in modo da distribuire meglio le tue risorse? mi spiego.

un mago al 20esimo livello ha un massimo di 45 PM. un mago di 20 con il vecchio regolamento lancia 4/5 spell al giorno SOLO di quel livello e poi ha tutti gli altri. Con questo sistema invece per una spell di 9 spende 9PM è giocoforza che il mago ottimizzerà le sue risorse. nell'esempio che tu riportavi con disintegrazione e colpo accurato, il mago spenderebbe 9 PM ovvero l'equivalente di una spell di nono pari al 20% delle sue risorse. io a quel punto preferirei lanciare 3 incantesimi di 3 con quei punti.....

* Nei precedenti livelli ci sono altre opzioni. Già al 4 puoi lanciare spell veloci di 1. Senza contare che a meno di casi particolari, si può dirigere la palla di fuoco in maniera tale da non colpire i propri alleati.

solo se non incorri nei casi particolari.... ovvero hai abbastanza spazio, non hai compagni avanti (che quindi dovrebbero evitare di fraporsi fra te e i nemici dando la possibilità a questi ultimi di gettarsi addosso a te e farti il famoso "cappottone"), o non abbiamo messo il popo' al riparo in modo da avere bonus al TS. le variabili sono troppe. io come mago non mi arrischierei a lanciare una spell come questa in un round con il rischio di non sapere dove dirigerla

P.S.

dato che ormai discutiamo solo io e te sulla cosa scambiamo i cell che famo prima? :lol::lol::lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hehe...

Ai livelli bassi puoi lanciare il tuo dardo incantato, ha raggio 33 metri al livello 1. A meno di copertura totale (non sempre facile da ottenere) puoi beccare un nemico anche se questo scappa, se proprio vuoi far danno.

Se il mostro si fionda sul mago, il mago farà bene ad essere protetto, o con incantesimi protettivi o con guerrieri in grado di sbilanciare nelle vicinanze o in mille altri modi.

In ogni caso, non tutti i mostri si fionderanno sul mago. Questo perchè la magia è potente ma non troppo con questo sistema (gli incantesimi si prendono molto più lentamente), così com'è. Hai speso il tuo round per rovinare l'azione a 1 pg... ora tocca agli altri 3 pg. Comodo :lol:

Il problema è sempre quello. Non va giù il fatto di metterci 1 round a lanciare una magia (potente). Secondo me è proprio questo che porta gli incantatori al pari dei non incantatori. Il fatto che la magia non è più così gratuita e sicura al 100%.

Il metodo "psionico" è un metodo utilizzabile, solo che bisogna poi vedere quanti punti dare ad ogni livello. 45 punti magia mi sembrano davvero pochi al livello 20. Mi spiego meglio. La progressione di incantesimi al giorno è ispirata da quella dello sciamano degli spiriti (perfetto sacerdote), che arriva a lanciare 6 incantesimi al giorno per ogni livello per quanto riguarda i livelli più bassi.

Un mago di 20 avrebbe inoltre gli slot di uno sciamano di 14 circa (casta di settimo), questo per rallentare la progressione. Prendiamo ad esempio un costo in punti magia come il seguente:

Livello 0 = 1 PM

Livello 1 = 2 PM

Livello 2 = 4 PM

Livello 3 = 6 PM

Livello 4 = 8 PM

Livello 5 = 10 PM

Livello 6 = 12 PM

Livello 7 = 14 PM

...

Questo è simile al costo in punti potere psionici (che costano 1 punto in meno per ogni livello rispetto a questa tabella, ma non hanno poteri di livello zero) per cui guardiamo uno psion di livello 14: ha 170 punti potere, conosce 27 poteri e può manifestare al massimo poteri di livello 7.

Un mago di 20 secondo la mia progressione potrebbe preparare 32 incantesimi (di cui 5 di livello 0), ma ha la possibilità di cambiare lista ogni giorno. Uno psion ha però poteri più versatili dato il loro "aumento" e la variabilità degli effetti, anche a seconda degli aumenti, quindi a livello di "incantesimi preparati" ci siamo.

A livello di punti magia, lo psion ha 170 punti potere pensando che appunto avrà bisogno di spenderne un bel po' per gli aumenti. Se fosse un mago avrebbe bisogno di meno punti, dato che molti incantesimi migliorano con il livello dell'incantatore, non con i punti spesi. Per cui andando a spanne un mago di 20 potrebbe avere 100 punti magia. Vediamo cosa significa.

100 punti magia sono 7 incantesimi di livello 7 e un paio di trucchetti.

100 punti magia sono 50 incantesimi di livello 1.

100 punti magia sono 16 incantesimi di livello 3 e quattro trucchetti.

Questo di base. Direi che potrebbero essere abbastanza. Come distribuirli? Il modo più facile è darne 5 per ogni livello di esperienza.

Punti Magia per il Mago e il Druido = 5 * Livello

Al livello 1 si ha a disposizione magia per 2 incantesimi di livello 1 e un trucchetto.

Al livello 3 si potranno lanciare 7 incantesimi di livello 1 e un trucchetto.

Al livello 5 si potranno lanciare 6 incantesimi di livello 2 e un trucchetto.

Al livello 10 si potranno lanciare 6 incantesimi di livello 4 e due trucchetti.

Al livello 15 si potranno lanciare 7 incantesimi di livello 5 e cinque trucchetti.

Mi pare buono, considerato che sono i punti base. Bisognerebbe darne poi anche di bonus per caratteristica particolarmente alta.

Mi piace pensare che ogni +1 di modificatore riferito alla propria caratteristica principale equivalga a un 5% in più di punti magia (arrotondati per difetto) a disposizione:

Un mago di 20 con intelligenza 10 avrebbe 100 punti magia.

Un mago di 20 con intelligenza 20 avrebbe 125 punti magia.

Un mago di 20 con intelligenza 30 avrebbe 150 punti magia.

In questo modo, classi che hanno più o meno punti magia beneficeranno proporzionalmente allo stesso modo da un'alta caratteristica chiave.

La formula dei punti magia aggiuntivi è quindi: Punti magia attuali * Modificatore della caratteristica adeguata / 20

Mago generalista e Druido sono quindi a posto in questo modo.

Il Chierico ha accesso ai domini. Un modo semplice di gestire la cosa è dargli 1 punto magia per livello aggiuntivi da spendere però solo con incantesimi di dominio. Al primo livello non potrà lanciare alcun incantesimo di dominio (dovrà aspettare il livello 2 per farlo), mentre al livello 20 potrà lanciare un incantesimo di livello 7 e uno di livello 3 di dominio, oppure cinque incantesimi di livello 1. Si tratta di un incremento del 20% dei punti magia.

Punti magia per il Chierico: 5+1 per livello

Un chierico di 20 con saggezza 10 avrebbe 100+20 punti magia.

Un chierico di 20 con saggezza 20 avrebbe 125+25 punti magia.

Un chierico di 20 con saggezza 30 avrebbe 150+30 punti magia.

Il Mago specialista deve focalizzarsi sulla sua scuola di magia, avrà meno spazio per le altre scuole. Prenderà 6 punti magia per livello invece che 5, ma almeno 2 di questi 6 devono essere dedicati a incantesimi della sua scuola di specializzazione. Può usare punti magia "generali" per lanciare i suoi incantesimi "specialisti" se così desidera, ma non viceversa.

Punti magia per il Mago Specialista: 4+2 per livello

Un mago specialista di 20 con intelligenza 10 avrebbe 80+40 punti magia

Un mago specialista di 20 con intelligenza 20 avrebbe 100+50 punti magia

Un mago specialista di 20 con intelligenza 30 avrebbe 120+60 punti magia

Lo Stregone, per come l'ho fatto io, lancia lo stesso numero di incantesimi di un mago specialista, ma è più libero e vario nella scelta degli incantesimi conosciuti, anche se non può modificare la sua lista quotidianamente.

Punti magia per lo Stregone: 6 per livello

Uno stregone di 20 con carisma 10 avrebbe 120 punti magia

Uno stregone di 20 con carisma 20 avrebbe 150 punti magia

Uno stregone di 20 con carisma 30 avrebbe 180 punti magia

Il paladino e il ranger sono mezzi incantatori che hanno accesso a metà della lista. Credo che 1 punto magia per livello dovrebbe bastare. Al livello 1 può lanciare un incantesimo di livello 0, al livello 5 può lanciare 2 incantesimi di livello 1 e 1 di livello 0... al livello 20 può lanciare 2 incantesimi di livello 4 e 2 di livello 1.

Punti magia per il Paladino e il Ranger: 1 per livello

Un paladino di livello 20 con saggezza 10 avrebbe 20 punti magia

Un paladino di livello 20 con saggezza 20 avrebbe 25 punti magia

Un paladino di livello 20 con saggezza 30 avrebbe 30 punti magia

Il bardo è un incantatore migliore di paladino e ranger ma peggiore del mago, quindi potrebbe avere 3 punti magia per livello. Può così lanciare 3 trucchetti al livello 1 e 5 incantesimi di livello 6 al livello 20.

Punti magia per il Bardo: 3 per livello

Un bardo di livello 20 con carisma 10 avrebbe 60 punti magia

Un bardo di livello 20 con carisma 20 avrebbe 75 punti magia

Un bardo di livello 20 con carisma 30 avrebbe 90 punti magia

Ciascuno può spendere su un incantesimo un numero massimo di punti magia pari al costo in punti magia dell'incantesimo di livello più alto memorizzabile o conosciuto.

La metamagia funziona in maniera ovvia alzando il costo in punti magia di un incantesimo di 2 punti per "livello extra".

Quando si lancia un incantesimo di livello N-X, dove N è il livello massimo lanciabile, si riducono di X punti il costo dovuto alla metamagia.

Che ne pensi di questo metodo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

per quello che riguarda il mago come bersaglio ecc ecc.

l'esempio del dardo incantato è l'eccezzione che conferma la regola, nel senso che non puo' mancare il bersaglio a patto che lo si veda.... ma è solo una spell..... un po' poco considerando il grande numero possibile del 1 livello;-)

nelle mie campagne, il mago è il primo personaggio che si butta giù. mostri e o personaggi sanno che far castare un mago è pericoloso, il fatto di aumentare il tempo che ci mette a castare una spell da solo + tempo di bersagliarlo (se non in corpo a corpo diverrebbe un puntaspilli di frecce e dardi) metterlo "sotto scorta" è certo una buona idea ma terrebbe impegnati i guerrieri per un'intero round... ora già normalmente i guerrieri si fiondano a testa bassa visto che altro non fanno..... quante volte accettano di rimanere a guardare perchè il mago deve perdere tempo a lanciare una spell? per castarsi spell protettive il mago: o lo fa prima e non sempre è possibile o lo fa al momento.... ma perde sempre un round intero. insomma poi puo' darsi che mi sbaglio e cmq come tutte le cose è da testare, ma secondo me renderebbe la cosa troppo complessa e a lungo andare almeno io come gocatore se devo fare una tarantella allucinante per tirare una spell che fa 1d4+1 di danno....... (sto parlando dei primi livelli ovvio) buonanotte!

ilò sistema che hai descritto dei pm

premesso che gli ho dato occhiata molto veloce... ma non sono un po' troppi i punti magia? io ne darei di meno...... magari creo una tabella e la pubblico..... almeno riesci a capire che intendo :-D dammi solo un po' di tempo :-D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, tu hai detto 45 punti magia e 1 punto magia per livello di incantesimo.

Se ci fai caso, io ho messo 100 punti magia e 2 punti magia per livello di incantesimo. La proporzione è circa la stessa.

Per quanto riguarda il mago. L'obiettivo è rendere il mago equilibrato nei confronti delle altre classi. Se prima il mago era l'obiettivo principale, ora potrebbe non esserlo più perchè non è più così potente, appunto.

Se per riequilibrare il mago eri solito mandargli subito tutti contro per fargli fallire le spell, vuol dire che il mago era troppo potente. In un gioco dove il mago è invece meno potente e più alla pari con altri combattenti, il problema non si pone.

Lanciare incantesimi "istantaneamente" (1 azione) è troppo potente, non c'è difesa contro di essi, eccetto tiri salvezza e RI. Il punto del lancio in 1 round è un caposaldo di questo ribilanciamento, da testare ovvio. Non farà piacere agli incantatori. Ma loro possono pur sempre lanciare incantesimi variegati, i picchiatori no o comunque in maniera molto più limitata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, tu hai detto 45 punti magia e 1 punto magia per livello di incantesimo.

Se ci fai caso, io ho messo 100 punti magia e 2 punti magia per livello di incantesimo. La proporzione è circa la stessa.

Per quanto riguarda il mago. L'obiettivo è rendere il mago equilibrato nei confronti delle altre classi. Se prima il mago era l'obiettivo principale, ora potrebbe non esserlo più perchè non è più così potente, appunto.

Se per riequilibrare il mago eri solito mandargli subito tutti contro per fargli fallire le spell, vuol dire che il mago era troppo potente. In un gioco dove il mago è invece meno potente e più alla pari con altri combattenti, il problema non si pone.

Lanciare incantesimi "istantaneamente" (1 azione) è troppo potente, non c'è difesa contro di essi, eccetto tiri salvezza e RI. Il punto del lancio in 1 round è un caposaldo di questo ribilanciamento, da testare ovvio. Non farà piacere agli incantatori. Ma loro possono pur sempre lanciare incantesimi variegati, i picchiatori no o comunque in maniera molto più limitata.

il mio concetto era altro. il mago anche se lancia una spell dopo un round rimane lo stesso pericoloso se lo si lascia fare. se si ritarda l'unica cosa è che invece di bersagliarlo dopo aver lanciato una spell (ipotizzando che il mago agisca prima e se si è furbi nella costruzione di solito è quello che avviene)

lo si fa prima ancora che possa aver agito. questo lo rende + vulnerabile e i suoi compagni saranno costretti a perdere tempo per aiutarlo..... non solo: rimane il problema delle spell ad area: se già è complicato lanciare un sonno che ha una area di effetto piccolissima, visto che la situazione sulla griglia è cambiata in un round, con altri incantesimi è allucinante. riportavo l'esempio della fireball perchè oltre ad avere un'area non indifferente c'è il problema della linea di effetto. ma ci sono tante altre spell che possono avere tali problemi. il danno è quindi duplice: più tempo per bersagliarlo e più casini per gli incantesimi. io come mago non memorizzerei palla di fuoco se posso usarla 1 volta su 3 (tieni presente che gli scontri molto spesso sono in dungeon con spazi ristretti quindi non è nemmeno facile scagliare l'incantesimo in modo da poter beccare i nemici).

i punti magia in proporzione sono gli stessi ma resta il problema che poi ne potrebbe lanciare davvero troppi di basso livello. sto facendo quela famosa tabella appena pronta la pubblico e capirai che intendo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Doppio problema per gli incantatori quindi. Non è male, dato che un incantatore rispetto a un guerriero o a un ladro è ben più del doppio più potente e versatile con i suoi incantesimi. E' da testare, ma secondo me nella sua drasticità rende il mago più bilanciato e alla pari con ladro - guerriero - barbaro (che non sono toccati) a livello di potenza.

Se il mago avrà bisogno dell'aiuto e della collaborazione dei suoi compagni di viaggio, è un punto a favore di questo sistema, che incita appunto alla collaborazione, aspetto importante in un gruppo di avventurieri. In ogni caso il problema resta solo finchè il mago in questione non potrà permettersi di velocizzare i suoi incantesimi più potenti, e con il sistema metamagico che c'è la cosa non porta via troppe risorse.

Più incantesimi di basso livello è bello. Nel tuo sistema a 45 punti, si possono lanciare 45 incantesimi di livello 1. Nel mio sistema a 100 punti, si possono lanciare 50 incantesimi di livello 1. E si parla comunque di livello 20. E non penso che 100 trucchetti possano cambiare davvero la vita per cui considero direttamente dal livello 1 in su :lol:

Diciamo che è un incentivo a continuare a usare gli incantesimi di livello più basso (anche considerando i bonus di metamagia) in maniera creativa.

Uno psion di 14 in 3.5 ha 170 punti potere, teoricamente potrebbe lanciare 170 volte poteri di livello 1 non aumentati :-p oppure 12 poteri di livello 7 (contro i 6-7 del nuovo incantatore).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Similar Content

    • By aza
      In questo mese di agosto corre il 20° compleanno di D&D 3e.
      Nel mese di Agosto, di 20 anni fa, veniva rilasciato il Manuale del Giocatore di Dungeons & Dragons 3a edizione.
      Sicuramente la 3a edizione rappresenta uno spartiacque per quel che riguarda D&D e segna l’inizio dell’epoca moderna del gioco per diversi motivi:
      Innanzitutto, per la prima volta D&D aveva un sistema coerente di regole. Precedentemente erano presenti svariati sottosistemi che non si integravano tra di loro. C’era ben poca coerenza. Ci ha donato l’OGL, che ha rappresentato una svolta enorme nel mondo dei giochi di ruolo. L'OGL infatti ha permesso a chiunque di poter produrre materiale compatibile o derivato dal regolamento di D&D. La quantità di materiale pubblicata per d20 negli anni 2000 è, e probabilmente lo sarà per sempre, ineguagliabile. Ha revitalizzato D&D in un modo che non si vedeva da moltissimo tempo. Negli anni ’90 con il boom dei videogiochi, la nascita dei giochi di carte collezionabili e regolamenti ben più evoluti di AD&D (si può pensare alla White Wolf che all’epoca era il nome più importante) D&D soffriva e non poco. Ha visto il ritorno di Diavoli, Demoni, Assassini, Barbari, Mezzorchi e Monaci. La seconda edizione nacque con ancora fresco il ricordo delle polemiche riguardanti il “satanic panic” degli anni ’80. Quindi tutto ciò che poteva essere considerato “moralmente offensivo” come diavoli/demoni, assassini o mezzorchi venne rimosso. I barbari vennero ritenuti ridondanti rispetto ai guerrieri e i monaci  poco adatti ad ambientazioni basate sull’Europa occidentale medievale. Queste le prime cose che mi vengono in mente, ma vi invito a condividere con noi i vostri ricordi, le esperienze e i pensieri per questo 20° anniversario di D&D 3E.

      View full article
    • By aza
      Nel mese di Agosto, di 20 anni fa, veniva rilasciato il Manuale del Giocatore di Dungeons & Dragons 3a edizione.
      Sicuramente la 3a edizione rappresenta uno spartiacque per quel che riguarda D&D e segna l’inizio dell’epoca moderna del gioco per diversi motivi:
      Innanzitutto, per la prima volta D&D aveva un sistema coerente di regole. Precedentemente erano presenti svariati sottosistemi che non si integravano tra di loro. C’era ben poca coerenza. Ci ha donato l’OGL, che ha rappresentato una svolta enorme nel mondo dei giochi di ruolo. L'OGL infatti ha permesso a chiunque di poter produrre materiale compatibile o derivato dal regolamento di D&D. La quantità di materiale pubblicata per d20 negli anni 2000 è, e probabilmente lo sarà per sempre, ineguagliabile. Ha revitalizzato D&D in un modo che non si vedeva da moltissimo tempo. Negli anni ’90 con il boom dei videogiochi, la nascita dei giochi di carte collezionabili e regolamenti ben più evoluti di AD&D (si può pensare alla White Wolf che all’epoca era il nome più importante) D&D soffriva e non poco. Ha visto il ritorno di Diavoli, Demoni, Assassini, Barbari, Mezzorchi e Monaci. La seconda edizione nacque con ancora fresco il ricordo delle polemiche riguardanti il “satanic panic” degli anni ’80. Quindi tutto ciò che poteva essere considerato “moralmente offensivo” come diavoli/demoni, assassini o mezzorchi venne rimosso. I barbari vennero ritenuti ridondanti rispetto ai guerrieri e i monaci  poco adatti ad ambientazioni basate sull’Europa occidentale medievale. Queste le prime cose che mi vengono in mente, ma vi invito a condividere con noi i vostri ricordi, le esperienze e i pensieri per questo 20° anniversario di D&D 3E.
    • By mugiwaranofede
      Ciao, siamo 4 giocatori e stiamo cercando un master per fare una campagna online su roll 20
    • By Tensazanghetsu
      salve il nostro master per motivi personali ha deciso di non masterare piu siamo un gruppo di 5 giocatori (4 e il master che ora gioca e basta con noi) ci serve un master, in caso si riadattano i pg alla 5 edizione
    • By Tensazanghetsu
      salve il nostro master per motivi personali ha deciso di non masterare piu siamo un gruppo di 5 giocatori (4 e il master che ora gioca e basta con noi) ci serve un master 
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.