Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Avventure a Rokugan

L'EDGE Studio ci porterà di nuovo a Rokugan, l'ambientazione de La Leggenda dei Cinque Anelli, con le regole di D&D 5E.

Read more...

Progetta Le Tue Avventure #10: Un Esempio di Programmazione ad Incontri

Eccovi il decimo articolo della mia serie di consigli per progettare le avventure.

Read more...

Anteprime di Strixhaven: Curriculum of Chaos #1

Andiamo a scoprire alcune anteprime su Strixhaven: A Curriculum of Chaos, il prodotto cross-over tra D&D e MtG in uscita tra due mesi.

Read more...

Hexcrawl : Parte 8 - Esempio di Legenda per gli Esagoni

Nell'ottava parte di questa rubrica Justin Alexander ci illustrerà alcuni esempi di esagoni da lui creati all'interno della sua mappa.

Read more...

Anteprime di Fizban's Treasury of Dragons #1

Stanno circolando in questi giorni i primi frammenti di anteprima del contenuto del manuale sui draghi di D&D 5E: Fizban's Treasury of Dragons.

Read more...

La ricerca dei profeti


Recommended Posts

Ciao a tutti,
      questa è un'avventura che dovrei masterizzare al limite tra un paio d'anni (quando finirò l'attuale campagna), ma voglio iniziare a raccogliere quanti più spunti possibili.

Premessa (non indispensabile):
Nella mia ambientazione c'è un'area del continente geograficamente paragonabile all'Asia meridionale/Oceano Indiano orientale. Socialmente però le popolazioni barbariche che vi abitano, che si chiamano Chalachakra, sono tutt'altro che gandhiane, semmai è una roba tipo "The Green Inferno" (USA 2013, per i cultori del cinema d'essai). I popoli che  vi abitano sono divisi in centinaia di tribù che vivono nella giungla, ognuna di esse (per zone contigue) devota a uno dei dieci animali totem della giungla (giaguaro, lupo, aquila, caimano, scimmia, ecc.). Ogni tribù ha una matriarca/druida che decide la linea politica, sociale, ecc. gli uomini sono all'ordine del Kur (il figlio) e devono fare solo due cose: 1) combattere quando "la Madre" gli ordina di farlo, contro la tribù di un altro animale totem o addirittura di terre straniere e 2) inseminare le femmine (i bambini comunque sono collettivamente allevati solo dalle femmine). Inoltre per ogni animale totem c'è una druida "Grande Madre" che in casi eccezionali può decidere la linea di tutte le tribù/nazione del suo animale. Sia le "Madri" che la "Grande Madre" stabiliscono il daffare ovviamente solo dopo essere intercesse presso il loro spirito animale guida.

La genesi:
Sto cercando di ipotizzare una sorta di avventura (il nome non sono certo sia corretto) che dia fondamento a questa organizzazione attuale. Allora ho pensato che circa centomila anni fa queste popolazioni primitive vivevano nell'anarchia completa, senza uno straccio di visione per il domani. Poi però a un certo punto (non so da dove ma non mi sembra interessante) sono giunti appunto dieci grandi Spiriti: spirito dell'astuzia, dell'ordine sociale, della ferocia, dell'ingegno, ecc. alla ricerca di razze che li adorassero. Per questo si sono incarnati in grossi animali che già erano presenti nel mondo: uno in ragno, in lupo, in tigre, in scimmia, ecc. Questi animali avevano quindi le caratteristiche fisiche degli animali, ma quelle mentali di divinità (di basso livello). Una volta incarnate dovevano quindi trovare degli esseri umani dotati delle giuste qualità per recepire il loro messaggio "serviteci e adorateci e noi vi renderemo più forti" e iniziare una vasta campagna di proselitismo..

L'avventura che dovrebbe essere:
Questo che è un dato "storico" valutavo appunto di renderlo un'avventura, cioè i PG dovrebbero interpretare degli avatar animali di divinità, girare la corrispondente India o Malesia alla ricerca di un Abramo o Mosè a cui rivelarsi per fondare il loro culto. Dato che gli animali (neanche questi che sono straordinari) possono parlare bensì solo emettere i loro normali versi, sarebbero dotati di telepatia, sia tra di loro che con gli umani.
Domanda: assodato che un grosso caimano o una tigre o ragno si materializzano sulla riva di un fiume nella giungla, come potrei costruire una loro potenziale crescita sociale? Come potrebbero riuscire nel loro intento diversamente che girare a muzzo per la giungla, e alla prima fanciulla anima pia, avvicinarsi sperando che non fugga terrorizzata e dirle solo mentalmente "genuflettiti innanzi a me e io ti concederò il potere di trasformarti in uno come me 4/giorno ed essere immune al veleno"?

Ciao e grazie, MadLuke.

 

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 5
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Ciao, fammi vedere se ho capito bene.

Si tratterebbe di un'avventura di D&D in cui i PG sono creature non umanoidi, totalmente custom e con poteri custom.

Il loro obiettivo sarebbe quello di farsi adorare e di fare proseliti tra le tribù primitive.

E questa avventura costituisce la premessa di una situazione (etnica, sociale, religiosa) che già conosci e che è già consolidata nel tuo mondo. Quindi, in pratica, si sa già come "deve" andare a finire.

Giusto?

Link to comment
Share on other sites

9 ore fa, Bille Boo ha scritto:

Si tratterebbe di un'avventura di D&D in cui i PG sono creature non umanoidi, totalmente custom e con poteri custom.

I PG sarebbero degli spiriti/ideali/abitanti dell'iperuranio incarnati in forme animali. E i loro "poteri" sarebbero quelli degli animali in cui s'incarnano. A parte i DV gli darei anche le abilità speciali dei compagni animali dei druidi (anche se sarebbero compagni di loro stessi). Poi ogni 3 livelli prendono talenti, i PA, ecc. (nessuna classe).

 

9 ore fa, Bille Boo ha scritto:

E questa avventura costituisce la premessa di una situazione (etnica, sociale, religiosa) che già conosci e che è già consolidata nel tuo mondo. Quindi, in pratica, si sa già come "deve" andare a finire.

Si... Li chiamano "prequel".
Però ogni divinità può aquisire più o meno proseliti, subordinare le altre ecc. Ad esempio in un'avventura della campagna attuale (tempo presente) i PG dovettero aiutare una tribù del clan del Lupo contro una del clan della Lucertola cui da tempo ogni anno dovevano pagare un tributo di bambini. Le tribù del clan del Ragno invece sono le più numerose, possiedono il segreto del veleno e questo permette loro di vessare un poco le altre.
Questo in realtà pone anche un'altra difficoltà all'avventura che attualmente è puramente teorica: i PG non potrebbero essere in spirito di fraterna collaborazione bensì il feroce ma fiero lupo, potrebbe/dovrebbe essere ostile alla viscida lucertola, ecc.
...Non è facile.

Link to comment
Share on other sites

1 hour ago, MadLuke said:

Però ogni divinità può aquisire più o meno proseliti, subordinare le altre ecc. Ad esempio in un'avventura della campagna attuale (tempo presente) i PG dovettero aiutare una tribù del clan del Lupo contro una del clan della Lucertola cui da tempo ogni anno dovevano pagare un tributo di bambini. Le tribù del clan del Ragno invece sono le più numerose, possiedono il segreto del veleno e questo permette loro di vessare un poco le altre.

Quindi è già deciso anche chi acquisirà più proseliti e quale divinità subordinerà le altre?

 

1 hour ago, MadLuke said:

I PG sarebbero degli spiriti/ideali/abitanti dell'iperuranio incarnati in forme animali. E i loro "poteri" sarebbero quelli degli animali in cui s'incarnano. A parte i DV gli darei anche le abilità speciali dei compagni animali dei druidi (anche se sarebbero compagni di loro stessi). Poi ogni 3 livelli prendono talenti, i PA, ecc. (nessuna classe).

I compagni animali dei druidi mantengono Int animale, quindi credo che ci sarà da aggiungere ancora qualcosa.

Comunque, se non hanno nessun potere davvero divino (cioè, se il dio-lupo è solo un lupo come tutti gli altri, un po' potenziato, ok, ma sostanzialmente un lupo), non vedo perché degli umanoidi dovrebbero adorarlo.

 

Link to comment
Share on other sites

6 minuti fa, Bille Boo ha scritto:

Quindi è già deciso anche chi acquisirà più proseliti e quale divinità subordinerà le altre?

No. Quello che non corrisponde col presente semplicemente sarà cambiato nel tempo.

12 minuti fa, Bille Boo ha scritto:

ok, ma sostanzialmente un lupo), non vedo perché degli umanoidi dovrebbero adorarlo.

Se l'avessi saputo non scrivevo il post. Potrebbe darsi che una tigre interviene per una ragazza che stava per essere sbranata da un giaguaro. Oppure il ragno telepaticamente spiega come cavare il veleno dagli animali velenosi... Però sarebbero tutte opere aneddotiche, non riesco a concepire il corrispondente di "uccidi uno scagnozzo, individua il suo superiore, ruba al superiore l'anello magico, con l'anello impossessati della mappa, con la mappa naviga fino all'isola, ecc.".  Non c'è trama/sequenza.

Link to comment
Share on other sites

Per carità, sono tutte cose possibili.

Per come era messo il post originario, avevo immaginato delle creature con forma animale ma con enormi poteri magici.

La telepatia (come pure l'intelletto non animale) è già un potere aggiuntivo rispetto a quelli che hai detto, ed è qualcosa di consigliabilissimo secondo me.

La mia personale opinione è che se un lupo che è sostanzialmente un lupo interviene per salvare una ragazza da un altro animale ha tutte le carte in regola per diventare un amico suo e della tribù. Amico, alleato. Ma una divinità... boh, secondo me ci vuole ben altro. Ma potrei sbagliarmi.

Se invece punti sul fatto che hanno conoscenze avanzate e possono comunicarle telepaticamente, la cosa si fa molto più interessante a mio avviso.

 

Detto questo, sono sempre stato estremamente scettico nei confronti dell'uso di creature di forma non umanoide come personaggi giocanti. Il gioco secondo me non è progettato per sostenerle a dovere.

 

Auguri comunque a te e al tuo gruppo per questa nuova avventura!

Edited by Bille Boo
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By bobon123
      Allora, ho questa idea/espediente bizzarro che mi sta rimbalzando in testa da una mezza giornata, non mi piace per tanti motivi - non ultimo va contro tanti criteri che usualmente considero inamovibili - ma nel caso specifico vi trovo un perché. Quindi ve la propongo.
      Una campagna che sto ideando, inizierà con i personaggi reclute dell'esercito, in un mondo particolare di cui gli elementi base avranno molta rilevanza nell'avventura stessa. Le prime tre sessioni sono pensate per avere, tra le varie cose, allenamento e esami finali per diventare soldati effettivi (e insegnare in modo soft il sistema). Le prove non necessitano di essere superate, ma i PG avranno la possibilità di ottenere alcuni premi a seconda delle loro prestazioni individuali complessive alla fine delle prove. Tra le varie prove più dinamiche, volevo mettere una prova di int/sag per dare visibilità e bilanciare i voti anche ai personaggi con propensioni diverse dall'atletica.
      Ora, io odio gli indovinelli, perché è praticamente impossibile calibrarli perché siano interessanti: o i giocatori capiscono al volo la risposta, e risulta banale e non divertente, o non la capiscono, ed è solo frustrante, la sessione perde ritmo mentre i giocatori si arrovellano inutilmente fin quando il DM dà un indizio per uscire da questa agonia. Ma in questo caso, essendo qualcosa di completamente facoltativo, la trovo una soluzione ragionevole. Stavo però pensando ad un espediente aggiuntivo: undici domande a risposta multipla, cinque minuti di tempo, e tra queste alcune delle domande sono sul mondo di gioco che ho presentato.
      Ora, di base interrogare i giocatori sul mondo lo trovo un'espediente scarsissimo per attirarli verso l'ambientazione. Ma in questo caso non mi sembra così malvagio: è molto organico, e soprattutto i giocatori che sono interessati hanno un piccolo vantaggio, ma se non sono interessati non succede niente. Nel peggiore dei casi dopo cinque minuti la sessione va avanti comunque e il dente è tolto, non si rimane bloccati sull'indovinello inutilmente.
      Meccanicamente, per rendere il tutto più ludico e meno scolastico, vi sarebbero tre regole aggiuntive.
      I personaggi possono fare un test di knowledge prima del test per sapere la risposta ad un certo numero di domande a caso. Il master metterà direttamente una X sulle domande eliminate, e saranno considerate corrette. I giocatori possono decidere di lasciare all'intuizione del personaggio su una domanda di cui non sanno la risposta, segnando una R sul foglio oltre ad un certo numero di risposte (per esempio AC). Se lo fanno, tirano su saggezza e in caso di successo la risposta è corretta se era tra le risposte segnate. Il tiro è più difficile tante più risposte si sono lasciate. I giocatori possono decidere di provare a copiare su una domanda, segnando il nome del bersaglio da cui copiano sul foglio oltre alla risposta. Tirano su rapidità di mano vs la percezione del sergente, se passa prendono la stessa risposta del bersaglio, altrimenti tengono la loro. Il tiro è più difficile tante più volte viene provato. Alla fine, viene assegnato il punteggio come somma delle risposte corrette, e il punteggio andrà a influenzare il voto finale (a cui i personaggi dovrebbero tenere, ma se non passassero non succederebbe niente).
      Non mi sembra noioso, e avrebbe il vantaggio di far ripassare ai giocatori gli elementi base del mondo. Che ne dite? Sembra comunque forzato? Suggerimenti su tipologie di domande?
    • By Percio
      Vorrei realizzare un dungeon con delle porte che richiedano ai PG una prova di forza per essere aperte ma che si aprano facilmente per mostri umanoidi e che permettano anche ad altre creature (Ragni giganti ecc) di passare. Qualcuno ha delle idee?
      Nell'ultimo megadungeon avevo "risolto" il problema con delle porte scorrevoli molto pesanti che si aprivano da sole all'avvicinarsi dei mostri non umanoidi (i giocatori dopo un po' avevano anche capito la cosa ed erano stati in grado di sfruttarla a proprio vantaggio), ma non vorrei ripetermi troppo.
      Grazie a tutti
    • By Arcanomistero21
      After the End è la mia idea per un GDR basato su un gruppo di esploratori che devono distruggere la fonte di energia negativa di un isola sperduta in mezzo al cielo ( se volete vedere cose simili guardate il blog di @Lyt) e poi fuggire prima che l'isola esploda in modo da tornare a casa. Questa discussione la creo per ricevere consigli su quest e altro
    • By Asmodee
      Salve volevo chiedere aLa community  delle piccole idee per delle avventure di inizio per giocatori di 1 e 2 LV
      Grazie 
      Asmodee
    • By Lyt
      Allora piccola premessa al mio problema
      Tra qualche settimana partirò con degli amici per un viaggetto. Andremo in treno, e tra le varie idee per passare il tempo (viaggio di quasi 4 ore) abbiamo pensato ad una one-shot a dnd (di cinque persone tre giocano regolarmente, uno giocava molto e una è interessata ad imparare). Pensavo a qualcosa di un 1:30/2:00 ore e a tema treno
      Ho fatto una ricerca e ho trovato una avventura apparentemente perfetta che forse conoscerete: Assassinio sul Treno Folgore
      Ci sono un paio di problemi però (al quale ho provato a pensare a delle soluzioni)
      Di 5 player solo uno conosce l'ambientazione di eberron. Ma stavo pensando di adattare l'ambientazione al nostro viaggio, quindi chiamare le citta come le storpiature delle citta che visiteremo, e le nazioni col nome delle nazioni del Italia rinascimentale. Cosi da mettere tutti i player a loro agio è una avventura da D&D di una vecchia edizione, mentre tutti i player sono giocatori della 5e, e soprattutto mi sembra difficile imparare una vecchia edizzione per una sola one-shot, come posso modificarla? ho trovato questa versione adattata da un fan per la 5e, che dura un pochino di più ma sembra interessante, la prendo?  I pg sono gia fatti, mentre ai miei player piace crearseli di solito. Pensate sia un problema? è un grande problema se creassero da loro i pg? nel caso li dovrei indirizzare in una direzione o li do piana liberta? In generale quindi vorrei idee e pareri su questa piccola avventura che sto pianificando. E pareri se qualcuno la già giocata come one-shot
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.