Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Anteprime di Strixhaven: Curriculum of Chaos #1

Andiamo a scoprire alcune anteprime su Strixhaven: A Curriculum of Chaos, il prodotto cross-over tra D&D e MtG in uscita tra due mesi.

Read more...

Hexcrawl : Parte 8 - Esempio di Legenda per gli Esagoni

Nell'ottava parte di questa rubrica Justin Alexander ci illustrerà alcuni esempi di esagoni da lui creati all'interno della sua mappa.

Read more...

Anteprime di Fizban's Treasury of Dragons #1

Stanno circolando in questi giorni i primi frammenti di anteprima del contenuto del manuale sui draghi di D&D 5E: Fizban's Treasury of Dragons.

Read more...

Zone Jaune

Un nuovo articolo legato a Il Re in Giallo, in cui Gareth Ryder-Hanrahan prova ad inventare alcuni spunti per delle inquietanti avventure legate ad una misteriosa zona piagata dai poteri occulti. 

Read more...

Anteprime di The Wild Beyond the Witchlight #2 - Leproidi/Harengon

Andiamo a scoprire meglio le caratteristiche dei leproidi, la nuova razza giocabile di conigli antropomorfi.

Read more...

Jacqueline-Il sangue e i vicoli


Nightmarechild
 Share

Recommended Posts

Mentre correva sul tetto nella pioggia, Jaqueline ripercorreva i passi che l'avevano portata lì. Era iniziata come una buona giornata,  dopotutto: Una bella mattina di sole, una colazione rimediata per lei e sua madre e la conferma per un lavoretto in serata, assistenza  medica e di supporto per una certa "impresa". L'aveva contattata Ghaal'Durk, un mercante goblin della città bassa che sembrava avere mille  agganci a Sharn. Certo, i lavori che le aveva rimediato non erano sempre il massimo dal punto di vista della moralità, ma il pelleverde  l'aveva sempre aiutata, pur ignorando la sua vera natura. Certi giorni si chiedeva se fosse veramente necessario nascondere chi era  veramente: il Breland era la nazione più progressista e liberale del Khorvaire, e Sharn la sua perla cosmopolita, un luogo dove ognuno  poteva trovare quel che cercava, senza distinzione di razza, sesso o religione. Forse nella città delle torri poteva essere accettata  esattamente com'era: questo pensava ogni giorno al suo risveglio. Ma poi le tornavano in mente le risatine, le occhiate scettiche, la  sensazione di non fare mai abbastanza, di non essere mai presa sul serio. Così, ogni giorno fasciava il petto, ad ogni risveglio indossava i suoi vestiti larghi, di foggia maschile: così, ogni mattina, Jacqueline diventava ancora una volta Jack. Nei panni di Jack si era diretta alla Locanda Cane Nero, dove aveva incontrato i datori di lavoro: un hobgoblin che si faceva chiamare Zekd e un umano, Tobias. Insieme, aveva conosciuto anche un altro "impiegato", un tipo alto e taciturno, accompagnato da un piccolo sauro. Diceva di chiamarsi Gareth. La missione era semplice, secondo Zekd: Lui, Gareth e Tobias avrebbero dovuto infiltrarsi in un posto dove normalmente non si può entrare, per prendere un "qualcosa" che "qualcuno" voleva tanto da offrire una mezza fortuna a chi l'avesse recuperata, mentre Jack avrebbe fornito supporto da fuori, appostandosi vicino e controllando la zona in caso di allarmi magici o altre "sorprese", pronta ad entrare in azione solo nel caso di un'emergenza. Normalmente a Jack non sarebbe piaciuto stare in disparte, ma in questo caso meno aveva a che fare con l'azione, meglio era. Eppure, eccomi qui pensava, mentre correva tra gli edifici dell'Università di Morgrave, la pioggia che le sferzava il viso, nelle orecchie il suono dell'esplosione che l'aveva spinta a correre. Finalmente giunse vicina alla Torre ovest, della cui porta rimanevano solamente dei resti anneriti. A fianco, accasciato per terra stava Zekd, il respiro ridotto ad un rantolo, la parte sinistra del viso quasi del tutto bruciata. Dall'interno, suoni di uno scontro.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


Jacqueline "Jack" Magewright

É una giornata assolutamente positiva: son riuscita a fare una piú che dignitosa colazione con mia madre e ho ricevuto un'offerta di lavoro per la sera. Ghaal'durk non è propriamente quello che definirei un uomo attento alla legge, ma per lo meno è sempre stato onesto. E poi non sono nelle condizioni di rifiutare un lavoro. Preparo il mio equipaggiamento e prendo il mio mulo, dirigendomi verso il luogo scelto per l'incontro in cui mi verranno spiegate le caratteristiche precise del lavoro. Gli uomini che mi assegnano l'incarico si rivelano essere un hobgoblin di nome Zekd e un umano chiamato Tobias, o almeno cosí dichiarano. Dopo che mi viene introdotto il lavoro e presentato l'altro uomo assunto dai due, un uomo silenzioso accompagnato da un piccolo sauro, capisco che questa volta avrei fatto meglio a rifiutare. Non mi piace assolutamente... Ma rifiutare ora sarebbe ancora peggio. Accolgo con piacere, pur senza darlo a vedere, il mio ruolo, dirigendomi all'Università di Morgrave assieme al colorito gruppo. 

Nonostante la giornata fosse iniziata positivamente, mi trovo nella situazione che avrei voluto evitare: un combattimento, delle esplosioni e un ferito. Carico la balestra e corro verso Zekd, estraendo dalla bandoliere una lozione curativa. Lo sapevo che non avrei dovuto fidarmi.

Master

Spoiler

Tengo gli occhi aperti: Ascoltare e Osservare +0, Cercare +8.

 

Link to comment
Share on other sites

Avvicinandoti al goblin, vedi che le ferite da fiamme sono estese, e non sono le uniche: il sangue bagna l'armatura di cuoio in diversi punti e un rivolo rosso scuro riga il mento verdastro.

Spoiler

L'abilità Cercare è specifica, se la vuoi usare mi devi dire COSA cerchi! XD

 

Link to comment
Share on other sites

Jacqueline "Jack" Magewright

Avvicinandomi all'hobgoblin noto che si tratta di ferite diffuse: l'armatura è piena di sangue. L'esplosione deve essere stata il colpo di grazia. Metto una mano sul torace, per sentire se respiri ancora, prima di lanciare uno sguardo all'interno della biblioteca per trovare eventuali nemici in avvicinamento.

Master

Spoiler

Cerco di capire cos'abbia provocato l'esplosione. Continuo a rimanere in allerta.

 

Link to comment
Share on other sites

Rhhgg… un rantolo di dolore lascia il petto di Zekd, mentre ti vede. Non sprecare tempo bimbo, mi hanno preso per bene… coff! Quattro, in nero, un bastardo sputamagia davanti. Gli altri sono entrati da sopra. Aiutali. Va a prendere il pezzo. Vai. In tasca… ho un disegno… ho moglie a Malleon's gate. Zadda. Dalle la mia parte… ti prego… Con un ultimo rantolo la voce si spezza, gli occhi sbarrati che fissano il vuoto.

Link to comment
Share on other sites

Jacqueline "Jack" Magewright

L'unica cosa che riesco a fare per l'uomo è sentire i suoi ultimi desideri prima di abbandonare definitivamente la vita. Non è la prima volta che accade, ma in ogni occasione mi sento come se lo fosse. Annuisco, pur sapendo che ormai per lui non ha piú significato, e cerco il foglio sul suo corpo. Potrei fuggire e chiuderla con questo lavoro, ma condannerei gli uomini all'interno. E quelle persone non mi sembrano proprio delle guardie: se proprio questo oggetto deve cadere in mano a qualcuno, meglio che sia la sottoscritta.

Link to comment
Share on other sites

Frugando nella tasca del goblin trovi un foglio di pergamena con un disegno: una scatola cubica, decorata con simboli disposti in cerchio, simili a lettere di un alfabeto sconosciuto. sul retro del foglio c'è un indirizzo, probabilmente il luogo della consegna al committente.

Link to comment
Share on other sites

Jacqueline "Jack" Magewright

In tasca del goblinoide trovo un disegno, raffigurante ciò che dobbiamo recuperare. Sul retro si trova un indirizzo, probabilmente dove deve avvenire la consegna. Piego il foglio e lo metto in una tasca dei miei pantaloni, prima di imbracciare la balestra ed entrare nella biblioteca.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Mentre entri nel magazzino, il rumore di scontro termina con un lieve rantolo strozzato: qualcun altro ha trovato la morte stanotte. Gli unici rumori che si sentono sono passi che risuonano tra le casse accatastate fra le ombre e la pioggia all'esterno. Seguendo il suono, ti avventuri tra le corsie, pronta a qualunque cosa il fato ti riservi.

Fine prologo.

Link to comment
Share on other sites

 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.