Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Gli Ordini Ignobili

Goblin Punch oggi ci propone degli spunti ed idee per degli ordini di paladini davvero fuori dall'ordinario.

Read more...

Il Futuro di D&D

Ci sono in ballo grandi piani per D&D 5E nei prossimi anni e in particolare in vista del 50° anniversario del gioco di ruolo più celebre del mondo.

Read more...

In Arrivo il Rules Expansion Gift Set

A inizio anno prossimo la WotC farà uscire un set di tre manuali per coloro che sono interessati alle espansioni regolistiche per D&D 5E.

Read more...
By Lucane

L'Arte della Legenda: Parte 4 - La Lista degli Avversari

Volete aggiungere spessore e profondità ai vostri scenari senza per questo complicarvi la vita a tener traccia degli spostamenti di ogni singolo mostro o nemico? The Alexandrian ci offre uno strumento formidabile per la gestione in tempo reale di scenari complessi e di moltitudini di avversari. 

Read more...

Anteprime di Fizban's Treasury of Dragons #2

Andiamo a scoprire delle novità legate a classi, razze e mostri che saranno presenti nella Fizban's Treasury of Dragons.

Read more...

D&D 5E: cosa si potrebbe migliorare


Zaorn
 Share

Recommended Posts

Con rammarico dico che d&d 5 per ora è l'edizione del "potrei, ma posso accontentarmi"!

È un peccato perché sia a livello di nome che di sistema base non avrebbe rivali.

E ben vengano terze parti che vogliono salire in cattedra ampliandone la diversificazione con eventuali moduli (questi sconosciuti).

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites


  • Moderators - supermoderator
In questo momento, Zaorn ha scritto:

E ben vengano terze parti che vogliono salire in cattedra ampliandone la diversificazione con eventuali moduli (questi sconosciuti).

Guarda se vai sulla DMs Guild trovi già una valanga di materiale interessante su pressoché qualsiasi ambientazione e stile di gioco e su quella piattaforma per D&D ci stanno puntando parecchio.

2 minuti fa, Zaorn ha scritto:

Con rammarico dico che d&d 5 per ora è l'edizione del "potrei, ma posso accontentarmi"!

È un peccato perché sia a livello di nome che di sistema base non avrebbe rivali.

Sono rimasti troppo scottatti dalle esperienze della 3.X e della 4E per sbilanciarsi troppo e le rigide direttive imposte dall'alto pongono al team creativo di D&D dei limiti troppo pesanti pechè possano accontentare tutte le voglie di tutti i giocatori (specie se vogliono farlo con un minimo di criterio).

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

8 minuti fa, Alonewolf87 ha scritto:

Guarda se vai sulla DMs Guild trovi già una valanga di materiale interessante su pressoché qualsiasi ambientazione e stile di gioco e su quella piattaforma per D&D ci stanno puntando parecchio.

Sono rimasti troppo scottatti dalle esperienze della 3.X e della 4E per sbilanciarsi troppo e le rigide direttive imposte dall'alto pongono al team creativo di D&D dei limiti troppo pesanti pechè possano accontentare tutte le voglie di tutti i giocatori (specie se vogliono farlo con un minimo di criterio).

Si, concordo su cosa dici, appunto basterebbe controllarlo il materiale e ufficializzarlo. Solo che per loro pubblicarlo non è fare una srd, ma proprio il manuale con i suoi tempi ed il suo copyright. Insomma, dms guild e diritti riservati cozzano un po'.

Edited by Zaorn
Link to comment
Share on other sites

Un team creativo comunque non può nemmeno dedicarsi a grattare tutti i pruriti di tutti i giocatori! 
La 5e è un'edizione che possiamo definire (senza fare troppa partigianeria) decisamente buona. Ha dovuto prima di tutto risolvere valanghe di problemi delle scorse edizioni; e ha anche fatto un ottimo lavoro nel presentare un prodotto comunque dagli standard alti. 

Tra l'altro è poco sensato giudicare l'ipotetico lavoro di un team basandosi sui risultati da esso ottenuti su un altro prodotto.
Chi sta dietro a Magic non è detto che sappia gestire un gdr, che ha necessità completamente differenti. Un gioco di carte collezionabili spinge all'acquisto di sempre nuovo materiale, mentre il sopracitato gioco di ruolo cartaceo può ipoteticamente essere giocato con due manuali, carta, matite e dadi. Dunque non ci si può basare su introiti costanti e sul meccanismo di saturare il mercato con una linea di carte per poi presentare quella successiva...la Wizard con D&D deve evitare gli errori del passato e quelli del presente fatti da altre case (vedi path, che non sempre con i companion ha saputo tenere una qualità elevata).

Edited by Pippomaster92
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

  • Moderators - supermoderator
11 minuti fa, Zaorn ha scritto:

Si, concordo su cosa dici, appunto basterebbe controllarlo il materiale e ufficializzarlo. . Solo che per loro pubblicarlo non è fare una srd, ma proprio il manuale con i suoi tempi ed il suo copyright. Insomma, dms guild e diritti riservati cozzano un po'.

Appunto, mettersi il marchio ufficiale significa mettersi d'accordo con i creatori per creare un prodotto da poi vendere, mentre un sistema del genere in cui i soldi tramite la DMs Guild possono finire direttamente ai creatori senza intermedi non è affatto male a mio avviso, specie come stimolo alla creatività personale. In più non è che se non c'è il marchio ufficiale il materiale smette di essere automaticamente valido (anche se qualcuno che fa le pulci alla roba non Wizards ci sarà sempre).

Secondo me è una scelta voluta (e anche sensata) puntare ad una piattaforma di creazioni condivisa ma non ufficiale e potrebbe rivelarsi vincente per il futuro di D&D, anche per come invoglia la gente ad essere inventiva.

In ogni caso controllare il materiale e renderlo ufficiale magari pare lavoro da poco, ma sarebbe cosa assai impegnativa per cui il team D&D non ha assolutamente al momento le risorse (e non sarebbe economicamente vantaggioso investirne di più per mettere in piedi una linea ufficializzata di materiali 3rd party).

Link to comment
Share on other sites

30 minuti fa, Alonewolf87 ha scritto:

Appunto, mettersi il marchio ufficiale significa mettersi d'accordo con i creatori per creare un prodotto da poi vendere, mentre un sistema del genere in cui i soldi tramite la DMs Guild possono finire direttamente ai creatori senza intermedi non è affatto male a mio avviso, specie come stimolo alla creatività personale. In più non è che se non c'è il marchio ufficiale il materiale smette di essere automaticamente valido (anche se qualcuno che fa le pulci alla roba non Wizards ci sarà sempre).

Secondo me è una scelta voluta (e anche sensata) puntare ad una piattaforma di creazioni condivisa ma non ufficiale e potrebbe rivelarsi vincente per il futuro di D&D, anche per come invoglia la gente ad essere inventiva.

In ogni caso controllare il materiale e renderlo ufficiale magari pare lavoro da poco, ma sarebbe cosa assai impegnativa per cui il team D&D non ha assolutamente al momento le risorse (e non sarebbe economicamente vantaggioso investirne di più per mettere in piedi una linea ufficializzata di materiali 3rd party).

Dico solo che con qualche virgola alla base diversa, tutto sarebbe migliore e più sensato.

Link to comment
Share on other sites

4 minuti fa, Pippomaster92 ha scritto:

Del tipo? Sento spesso discorsi generici sulla 5e che suonano queste note. Però poi non sento mai esempi ragionevoli in merito.
Giusto per tagliare la testa al toro e poi tornare IT.

Rileggi sopra e se preferisci rispondi in privato.

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators - supermoderator
12 minuti fa, Zaorn ha scritto:

Dico solo che con qualche virgola alla base diversa, tutto sarebbe migliore e più sensato.

Io dico solo che quelli che a te paiono cambiamenti semplici e facili da attuare probabilmente non lo sono affatto.

Perchè per dire come dicevi te "basta controllare e mettere il marchio ufficiale" pare bello e semplice, ma hai idea della mole di lavoro che richiederebbe (senza entrare per ora nella questione diritti e vendite)?

Link to comment
Share on other sites

4 minuti fa, Alonewolf87 ha scritto:

Io dico solo che quelli che a te paiono cambiamenti semplici e facili da attuare probabilmente non lo sono affatto.

Perchè per dire come dicevi te "basta controllare e mettere il marchio ufficiale" pare bello e semplice, ma hai idea della mole di lavoro che richiederebbe (senza entrare per ora nella questione diritti e vendite)?

Ci rendiamo conto che stiamo discutendo su punti di vista? Inoltre ognuno dice la sua idea, ma nessuno di noi può davvero sapere cosa terze persone potrebbero o non potrebbero fare meglio in base al loro tempo e fondi a disposizione (salvo ciò che vogliono / possono fare trapelare)?

Anche perché solitamente i panni sporchi si lavano a casa.

Salvo incantesimi di divinazione...

5 minuti fa, Pippomaster92 ha scritto:

Ho letto tutto attentamente, e non trovo nulla che sia da considerare un difetto dell'edizione.

Si, per quello ti ho chiesto di rileggere, perché non hai capito il mio discorso e non essendo al PC non ho possibilità di rispiegare usando altre parole.

Edited by Zaorn
Link to comment
Share on other sites

  • Moderators - supermoderator
In questo momento, Zaorn ha scritto:

Ci rendiamo conto che stiamo discutendo su punti di vista basati sul fatto che nessuno di noi può davvero sapere cosa terze persone potrebbero o non potrebbero fare meglio?

Io basavo la mia affermazione sul fatto che il team di D&D alla WotC è composto da dieci persone circa e devono fare tutto loro essenzialmente. Se li metti pure a revisionare la roba 3rd party per decidere quale è meritevole (e correggerla laddove necessario) secondo me implodono :D

Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, Alonewolf87 ha scritto:

Io basavo la mia affermazione sul fatto che il team di D&D alla WotC è composto da dieci persone circa e devono fare tutto loro essenzialmente. Se li metti pure a revisionare la roba 3rd party per decidere quale è meritevole (e correggerla laddove necessario) secondo me implodono :D

Pensa noi 4 nerd sfigati che implodiamo senza lavorarci su...

:grimace:

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators - supermoderator
3 minuti fa, Zaorn ha scritto:

Pensa noi 4 nerd sfigati che implodiamo senza lavorarci su...

:grimace:

Giusta battuta a parte, qualche commento più concreto?Pensi davvero abbiano ora come ora le risorse per fare quello che dici tu e stiano solo sedendosi sugli allori?Pensi seriamente che se fosse stato così semplice e fattible per loro non l'avrebbero fatto, specie considerando quando è stata user-friendly per ora questa edizione?

Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, Alonewolf87 ha scritto:

Giusta battuta a parte, qualche commento più concreto?Pensi davvero abbiano ora come ora le risorse per fare quello che dici tu e stiano solo sedendosi sugli allori?Pensi seriamente che se fosse stato così semplice e fattible per loro non l'avrebbero fatto, specie considerando quando è stata user-friendly per ora questa edizione?

Tutto può essere, e non è unilaterale! Per chiunque scriva qui di questo.

Puoi essere sicuro del contrario?

Solo di ciò che vediamo e del nostro pensiero possiamo discutere.

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators - supermoderator
9 minuti fa, Zaorn ha scritto:

Tutto può essere, e non è unilaterale! Per chiunque scriva qui di questo.

Puoi essere sicuro del contrario?

Solo di ciò che vediamo e del nostro pensiero possiamo discutere.

Vabbè ok allora se la mettiamo sul relativismo pesante allora pressochè ogni discussione non ha alcun senso nè porta ad una risoluzione soddisfacente e allora tanto vale quasi non stare ad argomentare :D

Quello che voglio dire è, sulla base delle scarse risorse che sappiamo essere a disposizione del team di D&D, tu nello specifico cosa avresti fatto di diverso e come?Perchè è facile criticare, ma sarebbe cosa buona dare soluzioni alternative (che siano anche fattibili).

Per dire quel "prendiamo il materiale 3rd party, sistemiamolo e mettiamoci il marchio D&D" non sarebbe fattibile per una serie di ragioni (economiche, legali, di tempo e risorse disponibili). E d'accordo sarà solo una mia supposizione, non la Vera Verità, ma è un'opinione plausibile e basata su informazioni solide.

 

Link to comment
Share on other sites

4 minuti fa, Alonewolf87 ha scritto:

Vabbè ok allora se la mettiamo sul relativismo pesante allora pressochè ogni discussione non ha alcun senso nè porta ad una risoluzione soddisfacente e allora tanto vale quasi non stare ad argomentare :D

Quello che voglio dire è, sulla base delle scarse risorse che sappiamo essere a disposizione del team di D&D, tu nello specifico cosa avresti fatto di diverso e come?Perchè è facile criticare, ma sarebbe cosa buona dare soluzioni alternative (che siano anche fattibili).

Per dire quel "prendiamo il materiale 3rd party, sistemiamolo e mettiamoci il marchio D&D" non sarebbe fattibile per una serie di ragioni (economiche, legali, di tempo e risorse disponibili). E d'accordo sarà solo una mia supposizione, non la Vera Verità, ma è un'opinione plausibile e basata su informazioni solide.

 

Adesso ci capiamo.

Virgole, Lupo Solitario ottavo settimo, solo virgole.

Non sono al PC e quindi non millanto lunghe soluzioni (che in parte ho sparpagliato o accennato qua e là), ti lascio solo un esempio cui ognuno può aggiungere la sua tesi.

Se agli stessi nerd invece che dire che potevano essere terze parti a pagamento irrisorio, dicevi che potevano pubblicare regole che avrebbero ceduto a titolo gratuito alla wotc, ma che in cambio sarebbero potuti finire come autori citati in fondo ad un manuale ufficiale, come sarebbe potuta andare?

Il playtest lo fanno gli utenti eh...

Quindi pubblicazione su dms guild, playtest e feedback degli utenti, cernita tra "i meglio" del team con pubblicazione ufficiale online e/o su carta.

Link to comment
Share on other sites

44 minuti fa, Zaorn ha scritto:

Ci rendiamo conto che stiamo discutendo su punti di vista? Inoltre ognuno dice la sua idea, ma nessuno di noi può davvero sapere cosa terze persone potrebbero o non potrebbero fare meglio in base al loro tempo e fondi a disposizione (salvo ciò che vogliono / possono fare trapelare)?

Anche perché solitamente i panni sporchi si lavano a casa.

Salvo incantesimi di divinazione...

Si, per quello ti ho chiesto di rileggere, perché non hai capito il mio discorso e non essendo al PC non ho possibilità di rispiegare usando altre parole.

Non é proprio di punti di vista che stiamo discutendo, ma di opportunità e possibilità teoriche ma concrete. Ho capito il tuo discorso, ma non lo condivido specialmente perché, a parte quello già riportato da Alonewolf, non hai né temi né argomentazioni a sostegno della tua tesi. Io ti ho detto perché non si può emulare Magic.

1 minuto fa, Zaorn ha scritto:

Se agli stessi nerd invece che dire che potevano essere terze parti a pagamento irrisorio, dicevi che potevano pubblicare regole che avrebbero ceduto a titolo gratuito alla wotc, ma che in cambio sarebbero potuti finire come autori citati in fondo ad un manuale ufficiale, come sarebbe potuta andare?

Il playtest lo fanno gli utenti eh...

Quindi pubblicazione su dms guild, playtest e feedback degli utenti, cernita tra "i meglio" del team con pubblicazione ufficiale online e/o su carta.

Qualcuno della Wizard deve comunque controllare tutto e playteatare proprio perché ci si mette la faccia. 

Link to comment
Share on other sites

  • Moderators - supermoderator
7 minuti fa, Zaorn ha scritto:

Il playtest lo fanno gli utenti eh...

Quindi pubblicazione su dms guild, playtest e feedback degli utenti, cernita tra "i meglio" del team con pubblicazione ufficiale online e/o su carta.

No aspetta qui c'è una assunto errato di base, il processo peri pubblicare delle regole come ufficiali mica si può fare (né finora si è fatto) solo tramite il playtest pubblico degli utenti. Il team di D&D ci deve mettere personalmente e ripetutamente mano prima, durante e dopo il playtest pubblico e tale processo è tutto fuorchè breve e semplice (vedi come esempio recente le tempistiche intercorse tra certi UA e la pubblicazione ufficiale su Xanathar's Guide to Everything).

Certo il team di D&d avesse avuto molti molti più membri si sarebbe potuta fare una cosa del genere, ma di nuovo mancano le risorse.

 

Link to comment
Share on other sites

3 minuti fa, Pippomaster92 ha scritto:

Non é proprio di punti di vista che stiamo discutendo, ma di opportunità e possibilità teoriche ma concrete. Ho capito il tuo discorso, ma non lo condivido specialmente perché, a parte quello già riportato da Alonewolf, non hai né temi né argomentazioni a sostegno della tua tesi. Io ti ho detto perché non si può emulare Magic.

Sinceramente non ho parlato di Magic mai anche perché di quel gioco so che è fatto da carte divise in mazzi colorati e tappi.

4 minuti fa, Pippomaster92 ha scritto:

Qualcuno della Wizard deve comunque controllare tutto e playteatare proprio perché ci si mette la faccia.

Lavorano 60 ore a settimana, litigano e discutono tutto il giorno tenendosi il broncio tra loro, scioperano per gli scarsi fondi, sono eterni indecisi o vivono di rendita?

Chi lo sa?

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By Alonewolf87
      Ci sono in ballo grandi piani per D&D 5E nei prossimi anni e in particolare in vista del 50° anniversario del gioco di ruolo più celebre del mondo.
      Nel 2024 D&D compirà ufficialmente 50 anni e la Wizards of the Coast pare avere in serbo delle grosse novità per celebrare questa pietra miliare, sia per i prossimi anni che per il 2024. Nel corso dell'evento D&D Celebration 2021, svoltosi nei giorni scorsi, sono trapelate le prime notizie ed anteprime in merito.

      Nel corso di un panel intitolato The Future of D&D condotto da Elle Osili-Wood e in cui erano ospiti Ray Winninger, Liz Schuh, Chris Perkins, e Jeremy Crawford si è parlato di ciò che accadrà in D&D nei prossimi anni e sono state condivise molte informazioni interessanti:
      D&D Sta Esplorando il Multiverso
      Dopo che quest'anno è stato rilasciato un manuale su Ravenloft vedremo nel corso del 2022 il ritorno di grandi ambientazioni classiche di D&D, entrambe in nuovo formato di prodotto mai usato prima in D&D 5E. Sempre nel 2022 avremo anche un piccolo cameo di un'altra ambientazione classica. Inoltre nel 2023 vedremo il ritorno di una ulteriore ambientazione classica sotto forma di un altro prodotto.
      Stanno inoltre venendo create due ambientazioni completamente nuove, che al momento sono in fase di sviluppo e test, ma che non è detto verranno effettivamente pubblicate.
      Un Nuovo Approccio a D&D
      La WotC ha intenzione di mantenere un occhio di riguardo verso i nuovi giocatori e i nuovi stili di gioco (ad esempio in The WIld Beyond the Witchlight è possibile seguire un approccio che evita del tutto il combattimento) e cercherà di impostare un approccio che renda più facilmente fruibili i prodotti (come ad esempio il tracciato interno della storia per The Wild Beyond the Witchlight).
      Inoltre stanno sperimentando con nuovi formati fisici per i prodotti, qualcosa che vada oltre i manuali a copertina rigida e i boxed set. In futuro ci saranno sicuramente altre antologie di avventure. Prossimamente sarà pubblicato un post sul blog ufficiale di D&D che entrerà più nel dettaglio.
      Il 50° Anniversario
      Per il 2024 sarà rilasciata una nuova versione dei manuali base di D&D 5E, con tutta una serie di modifiche ed aggiornamenti. Saranno perfettamente compatibili con il regolamento attuale e si baseranno sui sondaggi passati e futuri.
      Mordenkainen Presents Monsters of the Multiverse sarà un'occasione per dare uno sguardo al nuovo approccio ai manuali che vedremo in questa nuova versione dei manuali base.
      Saranno inoltre disponibili delle nuove esperienze nell'arena digitale.

      Visualizza articolo completo
    • By Alonewolf87
      Nel 2024 D&D compirà ufficialmente 50 anni e la Wizards of the Coast pare avere in serbo delle grosse novità per celebrare questa pietra miliare, sia per i prossimi anni che per il 2024. Nel corso dell'evento D&D Celebration 2021, svoltosi nei giorni scorsi, sono trapelate le prime notizie ed anteprime in merito.

      Nel corso di un panel intitolato The Future of D&D condotto da Elle Osili-Wood e in cui erano ospiti Ray Winninger, Liz Schuh, Chris Perkins, e Jeremy Crawford si è parlato di ciò che accadrà in D&D nei prossimi anni e sono state condivise molte informazioni interessanti:
      D&D Sta Esplorando il Multiverso
      Dopo che quest'anno è stato rilasciato un manuale su Ravenloft vedremo nel corso del 2022 il ritorno di grandi ambientazioni classiche di D&D, entrambe in nuovo formato di prodotto mai usato prima in D&D 5E. Sempre nel 2022 avremo anche un piccolo cameo di un'altra ambientazione classica. Inoltre nel 2023 vedremo il ritorno di una ulteriore ambientazione classica sotto forma di un altro prodotto.
      Stanno inoltre venendo create due ambientazioni completamente nuove, che al momento sono in fase di sviluppo e test, ma che non è detto verranno effettivamente pubblicate.
      Un Nuovo Approccio a D&D
      La WotC ha intenzione di mantenere un occhio di riguardo verso i nuovi giocatori e i nuovi stili di gioco (ad esempio in The WIld Beyond the Witchlight è possibile seguire un approccio che evita del tutto il combattimento) e cercherà di impostare un approccio che renda più facilmente fruibili i prodotti (come ad esempio il tracciato interno della storia per The Wild Beyond the Witchlight).
      Inoltre stanno sperimentando con nuovi formati fisici per i prodotti, qualcosa che vada oltre i manuali a copertina rigida e i boxed set. In futuro ci saranno sicuramente altre antologie di avventure. Prossimamente sarà pubblicato un post sul blog ufficiale di D&D che entrerà più nel dettaglio.
      Il 50° Anniversario
      Per il 2024 sarà rilasciata una nuova versione dei manuali base di D&D 5E, con tutta una serie di modifiche ed aggiornamenti. Saranno perfettamente compatibili con il regolamento attuale e si baseranno sui sondaggi passati e futuri.
      Mordenkainen Presents Monsters of the Multiverse sarà un'occasione per dare uno sguardo al nuovo approccio ai manuali che vedremo in questa nuova versione dei manuali base.
      Saranno inoltre disponibili delle nuove esperienze nell'arena digitale.
    • By Alonewolf87
      Durante l'evento D&D Celebration 2021 degli scorsi giorni, la Wizards of the Coast ha annunciato che il 25 Gennaio 2022 uscirà un nuovo set regalo di manuali per D&D 5E, simile per certi versi al Set Regalo dei Manuali Base già esistente, dal nome Rules Expansion Gift Set.

      Questo nuovo set consisterà di 3 manuali e comprenderà più nello specifico dei manuali che espandono le regole e le opzioni per il gioco. I manuali in questione saranno la Xanathar's Guide to Everything, il Tasha's Cauldron of Everything e un nuovo manuale inedito intitolato Mordenkainen Presents Monsters of the Multiverse.

      Quest'ultimo è una raccolta e revisione dei mostri apparsi negli anni sui vari manuali ed avventure di D&D 5E, presentati con una nuova veste grafica per i blocchi delle statistiche, delle revisioni per rendere l'uso e la consultazione più facili, nonché delle nuove illustrazioni. I mostri saranno slegati dalle ambientazioni per renderli più facili da inserire in una qualsiasi campagna. Mordenkainen Presents Monsters of the Multiverse conterrà 250 mostri e 30 nuove razze giocabili e sarà disponibile in vendita separatamente più avanti nel corso del 2022.



      Il set regalo conterrà i 3 manuali (disponibili anche in una versione alt-cover, diversa da quella già esistente ne caso della Xanathar's Guide to Everything e del Tasha's Cauldron of Everything) e uno schermo del DM, il tutto racchiuso in un cofanetto.

    • By Alonewolf87
      A inizio anno prossimo la WotC farà uscire un set di tre manuali per coloro che sono interessati alle espansioni regolistiche per D&D 5E.
      Durante l'evento D&D Celebration 2021 degli scorsi giorni, la Wizards of the Coast ha annunciato che il 25 Gennaio 2022 uscirà un nuovo set regalo di manuali per D&D 5E, simile per certi versi al Set Regalo dei Manuali Base già esistente, dal nome Rules Expansion Gift Set.

      Questo nuovo set consisterà di 3 manuali e comprenderà più nello specifico dei manuali che espandono le regole e le opzioni per il gioco. I manuali in questione saranno la Xanathar's Guide to Everything, il Tasha's Cauldron of Everything e un nuovo manuale inedito intitolato Mordenkainen Presents Monsters of the Multiverse.

      Quest'ultimo è una raccolta e revisione dei mostri apparsi negli anni sui vari manuali ed avventure di D&D 5E, presentati con una nuova veste grafica per i blocchi delle statistiche, delle revisioni per rendere l'uso e la consultazione più facili, nonché delle nuove illustrazioni. I mostri saranno slegati dalle ambientazioni per renderli più facili da inserire in una qualsiasi campagna. Mordenkainen Presents Monsters of the Multiverse conterrà 250 mostri e 30 nuove razze giocabili e sarà disponibile in vendita separatamente più avanti nel corso del 2022.



      Il set regalo conterrà i 3 manuali (disponibili anche in una versione alt-cover, diversa da quella già esistente ne caso della Xanathar's Guide to Everything e del Tasha's Cauldron of Everything) e uno schermo del DM, il tutto racchiuso in un cofanetto.


      Visualizza articolo completo
    • By Alonewolf87
      Andiamo a scoprire delle novità legate a classi, razze e mostri che saranno presenti nella Fizban's Treasury of Dragons.
      Come parte dell'evento D&D Celebration 2021 che si sta svolgendo questo fine settimana la Wizards of the Coast ha reso disponibili sul proprio sito tre file PDF che mostrano dei contenuti in anteprima della Fizban's Treasury of Dragons, il manuale per D&D 5E previsto in uscita il 19 Ottobre di quest'anno.
      Nel primo file possiamo trovare le varianti legate ai draghi metallici dei dragonidi.
      Dragonidi Metallici
      Nel secondo file vediamo una nuova sottoclasse per il ranger, incentrata su uno stretto rapporto tra il ranger e le creature draconiche, che si manifesta sia sotto forma di un compagno draconico che di varie capacità che rispecchiano quelle dei draghi.
      Ranger Drakewarden
      Nel terzo file troviamo la descrizione dei draghi gemma di luna (Moonstone Dragon, traduzione non ufficiale), una tipologia di draghi legati al mondo dei sogni.
      Moonstone DRagons

      Visualizza articolo completo
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.