Jump to content

MM25 chiusa?


senhull

Recommended Posts


1 ora fa, senhull ha scritto:

Ma la società ha chiuso?

Non riesco più entrare nel loro sito e mi domandavo se era un problema mio o se magari questa società non esiste più.

Sì, ha chiuso nel 2015. Non so esattamente per quali motivi. Ipotizzo che il mercato dell'hobbistica non sia un mercato così semplice in Italia. A partire dal 2009, con la fusione tra 25 Edition e Magic Market, la nuova MM25 ha iniziato a disinteressarsi sempre più dei Gdr, cercando di puntare su giochi di carte collezionabili e board game. Da lì in poi non ho seguito più molto la sua storia. A quanto pare la scommessa non è riuscita.

Link to comment
Share on other sites

7 minuti fa, greymatter ha scritto:

Io penso che sia stata colpita pesantemente dal fallimento di D&D 4E. 

Può essere, anche se non credo. Già da diversi anni (per quel che mi è stato fatto notare anni fa dallo stesso Kal Woiner, Big Boss della ex MM 25, che ogni tanto scriveva sul forum Games Academy) l'azienda aveva iniziato a puntare molto meno sui Gdr e incentrarsi principalmente sugli altri prodotti dell'hobbistica. E' più che possibile che il mancato successo della 4a Edizione abbia inciso, ma credo che ai tempi si fossero già fatti qualche conto in tasca per vedere di reggersi principalmente su altro. Se hanno chiuso, quindi, immagino che sia stato anche perchè, in generale, le cose non sono andate come da loro sperato.

Ovviamente, si tratta solo di speculazioni. Non credo lo verremo mai a sapere.

Link to comment
Share on other sites

Sicuramente se guardi l'andamento di molte aziende del settore che hanno fallito, il trend che emerge è che quando un'azienda inizia ad avere difficoltà economiche, succedono due cose: 1) smette di pagare i freelancer 2) rallenta il flusso di prodotti gdr . In genere quello che succede è che o si butta sui boardgame e sulle carte collezionabili che rispetto ai gdr tendono a dare maggiori profitti rispetto agli investimenti necessari, oppure passa alla distribuzione esclusivamente tramite PDF. Penso però che non sia l'hobbistica GDR ad essere poco remunerativa in generale - dipende dai gdr stessi. Sono sicuro che D&D 3.5 è stato in generale remunerativo per la 25 Edition -D&D 4E invece? Ormai sono più di due anni che il ciclo vitale di D&D 4E è finito, eppure nei negozi di hobbystica ci sono ancora scaffalate di manuali invenduti di D&D 4E. D&D 4E è stata un insuccesso per la WotC che ha un audience vastissima, figurati cosa può aver rappresentato per una piccola casa editrice italiana.

Edited by greymatter
Link to comment
Share on other sites

Mi spiace.

La 4e (che a me piace molto come autore di avventure) ha sicuramente inciso.

Probabilmente sarebbe un buon prodotto se visto come una sorta di boardgame più che come GDR in senso stretto. Una via di mezzo trHeroquest e d&d.

Forse sarebbe stato più saggio concentrarsi sulla produzione di proprietà intellettuale, _ come ad esempio la pubblicazione di avventure o ambientazioni ex novo. Oppure, e questo è un azzardo, la produzione di miniature in concorrenza con quelle originali della Wizard of the Coast che costano troppo.

Comunque sia a me dispiace. Per le persone e per la qualità del lavoro che hanno prodotto fino ad oggi. O meglio fino al 2015.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

@senhull E' da tenere presente che, ancora prima che D&D 4a mostrasse segni di seria difficoltà, la 25 Edition aveva deciso di relegare il gdr a suo mercato secondario ed è per questo che si è fusa con la Magic Market nel 2009.

@greymatter Come dicevo a senhull, infatti, bisogna tenere presente che la MM25 non ha deciso di buttarsi su giochi di carte e board game come conseguenza della situazione di D&D 4a. Anzi, è stata una scelta consapevole fatta tempo prima.

innanzitutto bisogna ricordare che D&D 4a è stato rilasciato nel giugno del 2008. La 25 Edition, invece, si è fusa con la Magic Market nel Gennaio del 2009, pochi mesi dopo l'uscita di D&D 4a. Già dal 2008 la 25 Edition aveva iniziato a dimostrare poco interesse verso i Gdr, iniziando in particolare a ridurre significativamente il supporto per il Mondo di Tenebra (l'ultimo manuale italiano di questa linea, fatto tradurre oltretutto da freelancer non esperti della terminologia usata fino ad allora, risale al Novembre 2008). La 25 edition, piuttosto, decise già allora che per lei fosse maggiormente conveniente rivolgersi al mercato di carte collezionabili e Board Game ed è per questo che nel gennaio 2009 firma l'accordo per la fusione con la Magic Market (azienda che le consentiva di avere maggiore peso nel settore), La nuova MM25, dunque, per stessa ammissione di Kal Woiner, era nata con l'obbiettivo di spostarsi principalmente verso altri settori ludici rispetto al Gdr.

Questo è avvenuto ben prima che D&D 4a mostrasse segni inequivocabili del suo fallimento. All'inizio, anzi, D&D 4a aveva registrato buoni risultati ed era proprio per questo che la MM25 aveva deciso di continuare a pubblicarla. Quando D&D 4a ha iniziato a mostrare problemi, la MM 25 si era formata già da diversi anni e già da diversi anni ha avuto modo di costruirsi un mercato alternativo a D&D. Per questo non ritengo che il fallimento di D&D 4a sia stato il motivo principale della chiusura dell'azienda. E' molto probabile che abbia contribuito, ma credo che dietro vi sia stato anche altro. Anzi, personalmente penso che D&D 4a sia stato un motivo secondario (considerando che già dal 2011 la 25 ha iniziato a ridurre drasticamente le uscite di quell'edizione).

 

Link to comment
Share on other sites

40 minutes ago, senhull said:

La 4e (che a me piace molto come autore di avventure) ha sicuramente inciso.

Probabilmente sarebbe un buon prodotto se visto come una sorta di boardgame più che come GDR in senso stretto. Una via di mezzo trHeroquest e d&d.

Non è la prima volta che lo sento dire (=che D&D 4E avrebbe avuto molto più successo se fosse stato marketizzato come una sorta di wargame spinoff di D&D, una cosa tipo D&D: Tacticts). A me personalmente non piaceva, perché era molto lontano dal tipo di gioco che ricerco, però era un'edizione ben scritta dal punto di vista del design. Peccato sia stata gestita male dalla WotC per una serie di clamorosi errori.

40 minutes ago, senhull said:

Forse sarebbe stato più saggio concentrarsi sulla produzione di proprietà intellettuale, _ come ad esempio la pubblicazione di avventure o ambientazioni ex novo.

Non lo so. A livello internazionale, poche aziende si sono lanciate nella produzione di supplementi e avventure per D&D 4E, e quasi tutte hanno smesso quasi subito perché (immagino) la cosa era poco remunerativa. Ragionare di queste cose con i se ed i ma (oltre che col senno di poi) lascia un po' il tempo che trova, ma penso il corso d'azione migliore sarebbe stato saltare sul pathfinder bandwagon alla prima occasione.

40 minutes ago, senhull said:

Comunque sia a me dispiace. Per le persone e per la qualità del lavoro che hanno prodotto fino ad oggi. O meglio fino al 2015.

Eh sì. Qualunque cosa se ne possa pensare, è stata una azienda importante nel panorama italiano. La cosa di cui mi rammarico è che al momento il panorama italiano è sempre stato fatto troppo di traduzioni di cose internazionali, e troppo poco di gdr originali (per fortuna con qualche eccezione). La 25 Edition in questo senso non ha dato un grosso contributo, però come traduttore è stato comunque importante.

Edited by greymatter
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...