Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Tabella per il Tempo Atmosferico

Oggi GoblinPunch ci offre degli spunti per del tempo atmosferico bizzarro e peculiare da inserire nelle nostre partite.

Read more...
By Lucane

Una Sandbox Fantasy nel Dettaglio: Parte XIX

Anche se per voi lettori della D'L è passata solo una settimana, per i lettori di Robert Conley erano stati necessari sei anni per leggere questo articolo.

Read more...

Esplorando Eberron è uscito in italiano

Preparatevi ad esplorare Eberron in italiano grazie alla Need Games e Keith Baker

Read more...

Progetta Le Tue Avventure #3: Ferrovie e Scatole di Sabbia

Eccovi il terzo articolo della mia serie di consigli per progettare le avventure.

Read more...

Hexcrawl: Parte 1

Con Hexcrawl si intende il viaggio dei PG attraverso una mappa composta da esagoni (hex) dove ogni esagono corrisponde ad un tipo di terreno (pianura, montagna, palude, collina, mare, ecc). In questa rubrica Justin Alexander ci spiegherà nel dettaglio le regole che usa per realizzare le sue avventure Hexcrawl

Read more...

Recommended Posts

Indice

[0] Introduzione

 

[0.1] Premessa

[0.2] Le diverse edizioni

[1] Scegliere una edizione

[1.1] Dungeons & Dragons (versioni precedenti e contemporanee ad AD&D)

[1.1.1] oD&D

[1.1.2] BX/BECMI D&D; Rules Cyclopedia

[1.2] Advanced Dungeons & Dragons (AD&D 1E)

[1.3] Advanced Dungeons & Dragons 2E (AD&D 2E)

[1.4] Dungeons & Dragons 3E / 3.5

[1.5] Dungeons & Dragons 4E

[1.6] Pathfinder

[1.7] Dungeons & Dragons 5E

[2] In breve

[3] Note

[0] Introduzione

[0.1] Premessa

Questa è una guida pensata per chi si avvicina per la prima volta al mondo dei giochi di ruolo, in particolare a Dungeons & Dragons, senza avere alcuna esperienza. Ho deciso di scriverla perché non ho trovato niente del genere sul forum, e ho pensato potesse essere utile.

Questa guida si focalizza su Dungeons & Dragons (D&D) perché è con ogni probabilità il gioco di ruolo più noto al grande pubblico e uno di quelli più giocati. Tuttavia, vorrei ricordare che D&D non è l’inizio e la fine di tutto; esistono decine e decine di giochi di ruolo diversi da D&D. Vorrei incoraggiare chi si avvicina ai giochi di ruolo a provarne altri: giocando solo a D&D ci si perde un sacco di roba interessante.

[0.2] Le diverse edizioni

D&D è nato negli anni ‘70. Nel tempo si sono avvicendate diverse versioni del regolamento. Il fatto che si chiami sempre D&D non implica che il gioco resti simile nelle varie iterazioni. Tra le varie edizioni rimangono costanti alcune premesse di base (per esempio, l’ambientazione fantasy o la suddivisione in classi), ma finisce lì.

Alcune edizioni sono simili tra loro e semi-compatibili, altre sono completamente diverse e, di conseguenza, offrono esperienze di gioco molto diverse. Per cui, quando si comincia a giocare a D&D, bisogna innanzi tutto scegliere un’edizione; poi ci si procurano i manuali di quella edizione, si leggono, e alla fine sperabilmente si comincia a giocare.

Tipicamente, come minimo avrete bisogno di:

  • Manuale del giocatore (Player’s Handbook, PHB)
  • Guida del Dungeon Master (Dungeon Master’s Guide, DMG)
  • Manuale dei Mostri (Monster Manual, MM)

A cosa servono questi tre manuali? Nella maggior parte dei giochi di ruolo ci sono due tipi di giocatori. C’è un certo numero di giocatori che hanno il compito di gestire e interpretare un personaggio di propria invenzione, noto come PG – personaggio giocante – o PC – player character. Un altro giocatore ha invece un ruolo più complesso: ha il compito di applicare le regole, mandare avanti il gioco, e in generale gestire tutto il mondo in cui il gioco si svolge (cioè tutto ciò che non è un PG). Quest’ultimo giocatore è chiamato Dungeon Master (DM), Game Master (GM), o in altri modi a seconda di quali giochi di ruolo prendete in considerazione (es. Narratore, Custode, etc). Il succo comunque non cambia. La maggior parte dei gruppi comprendono 3-4 giocatori oltre al GM, ma è possibile giocare one-on-one (1 giocatore ed 1 GM), così come in più di 4 (sebbene all’aumentare del numero dei giocatori il gioco divenga sempre più difficile da gestire – personalmente eviterei di giocare con più di 5/6 giocatori oltre al GM).

Alcuni giochi di ruolo si distaccano in vario modo da questo modello tradizionale, per esempio non prevedendo una figura di Game Master tradizionalmente inteso (giochi GMless) o permettendo ai giocatori di gestire più di un personaggio (“troupe-style play”). Questa guida ha come oggetto D&D, quindi non approfondirò oltre.

Tutti i giocatori normalmente hanno bisogno del Player’s Handbook, mentre gli altri due manuali sono destinati esclusivamente al DM. In generale, il Player’s Handbook è quello più importante, perché contiene la maggior parte delle regole. Tutti i giocatori (DM compreso) dovrebbero essere familiari con il contenuto di questo manuale.

Abbreviazioni:

WotC: Wizards of the Coast, attualmente la casa produttrice di D&D

RPG: role playing game, gioco di ruolo

[1] Scegliere una edizione

Ci sono alcune situazioni in cui la scelta di una edizione è facile. O almeno, dovrebbe esserlo.

* Se state pensando di inserirvi in un gruppo che gioca già, o se il resto dei giocatori ha familiarità con una certa edizione, non c’è molto da discutere: giocate all’edizione a cui giocano tutti gli altri.

* Idem se per qualche motivo avete già a disposizioni dei manuali (perché, boh, ve li ha passati un amico o vostro fratello, che ne so): in linea di massima ha senso giocare a quella edizione.

* Se il resto dei giocatori ha familiarità con una certa edizione, può aver senso tentare di giocare all’edizione che gli altri conoscono, posto che i manuali siano facilmente reperibili.

Se invece state partendo da zero, e dovete scegliere un’edizione non sapendo niente o quasi di D&D, potete utilizzare le informazioni di questa guida per tentare di fare una scelta informata. Il mio obiettivo è fornire un contesto storico alle varie edizioni, e riassumerne le caratteristiche salienti per aiutare a decidere chi non sa niente del gioco.

Considero alcuni dei criteri per scegliere una edizione oggettivi. Il principale è di questi criteri oggettivi è la disponibilità di quella edizione, cioè quanto è facile procurarsi il materiale necessario per giocare. Ovverosia: è naturalmente più difficile procurarsi i manuali di una edizione fuori stampa da vent’anni, che procurarsi i manuali di un’edizione di D&D appena uscita. In generale, è una buona idea dare precedenza alle edizioni che in qualche modo sono reperibili (es. perché sono acquistabili in PDF o perché sono ancora in stampa). I criteri con cui dovreste scegliere quale edizione giocare comunque sono prevalentemente soggettivi: le persone si divertono in modo diverso, e ciò che è divertente per qualcuno non è divertente per altri. Non c’è un’edizione migliore, si tratta di scegliere ciò che va maggiormente incontro ai nostri gusti.

Ho cercato di mantenere al minimo le mie opinioni, anche perché non vorrei che questo post divenisse un'edition wars; se qualcuno ritiene che abbia fornito un quadro inesatto o non sufficientemente neutrale di una edizione, è libero di fornire i propri suggerimenti, e vediamo di modificare la guida finché tutti sono soddisfatti. Full disclosure: attualmente gioco soprattutto alla 5E, e mi piace molto, quindi potrei avere un bias verso questa edizione.

Una nota di cautela per i nuovi giocatori: fidatevi fino ad un certo punto delle opinioni degli altri giocatori. In genere chi ha iniziato con una edizione ha un bias verso quell’edizione (cioè ritiene sia la più bella).

 

Edited by greymatter
  • Like 10
Link to post
Share on other sites

  • Replies 24
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Indice [0] Introduzione   [0.1] Premessa [0.2] Le diverse edizioni [1] Scegliere una edizione [1.1] Dungeons & Dragons (versioni precedenti e contemporanee ad AD&D

[1.5] Dungeons & Dragons 4E (2008-2013) La quarta edizione di D&D è stata particolarmente controversa tra i giocatori di D&D, ed è stata accolta negativamente da alcuni giocatori dell

[1.7] Dungeons & Dragons 5E (2014 - presente) D&D 5E è l’edizione più recente, essendo uscita da pochi mesi (al momento in cui sto scrivendo). Questa edizione fa un passo indietro rispett

[1.1] Classic Dungeons & Dragons (versioni precedenti e contemporanee ad AD&D 1E)

Queste versioni molto vecchie di D&D hanno ancora oggi un piccolo ma solido seguito, per lo più vecchi giocatori che hanno iniziato con queste edizioni e non vedono ragioni per passare ad edizioni più moderne. Le includo soprattutto per motivi storici. Per varie ragioni non consiglio di giocarci se siete alla prima esperienza con i giochi di ruolo; non sono giochi per tutti, e non offrono grandi attrattive per il tipico giocatore di rpg di oggi. Potrebbero tuttavia incontrare il gusto di alcuni, soprattutto chi è interessato a scoprire/riscoprire lo stile di gioco “old school”[1]: se uno fosse curioso esistono dei “retrocloni”, cioè giochi di ruolo creati di recente al fine di ricreare (più o meno fedelmente) le regole delle vecchie versioni di D&D. Sono nati nel contesto dell’Old School Revival (OSR), un movimento all’interno della comunità di giocatori di ruolo che apprezza il tipo di esperienze associate con le primissime versioni di D&D. Molti di questi giochi hanno una versione free scaricabile dal sito come PDF. Dal momento che i retrocloni sono facilmente disponibili, e molti sono gratuiti, chi fosse interessato a una di queste prime edizioni di D&D probabilmente farebbe meglio a dare un’occhiata a questi, piuttosto che cercare di procurarsi i manuali originali.

[1.1.1] OD&D (1974-1979)

D&D nasce nel 1974 come versione modificata di un wargame, creata da Gary Gygax (1938-2008) e Dave Arneson (1947-2009): la copertina recita “Rules for Fantastic Medieval Wargames Campaigns Playable With Paper And Pencil And Miniature Figures”. Questa prima versione, nota come OD&D (da ‘original’) risulta piuttosto arcaica per gli standard odierni. Aveva solo 3 classi, e il gioco mostrava chiaramente le sue origini come wargame. Come se non bastasse, le regole erano formulate in maniera piuttosto oscura e non particolarmente chiara – capire come giocare non era facile! Estremamente letale per i giocatori.

Le regole originali erano distribuite in tre piccoli libriccini (Men & Magic, Monsters & Treasure, Underworld & Wilderness Adventures); negli anni successivi uscirono alcuni supplementi contenenti regole opzionali.

Swords & Wizardry è un retroclone gratuito di oD&D, e in generale è tra i retrocloni più noti e apprezzati. Delving Deeper è un altro retroclone di questa versione di D&D. Entrambi possono essere scaricati gratuitamente.

[1.1.2] Basic ed Expert Set (1981-1982); Basic, Expert, Companion, Master and Immortal Sets (1983-1989) (BX/BECMI D&D); Rules Cyclopedia (1991)

Queste sono in buona sostanza revisioni successive di OD&D, che si sono progressivamente distinte dal gioco originale.

Il Basic Set di Holmes (1977) è nato come una versione introduttiva di OD&D. Si era resa necessaria perché, come avevamo accennato più su, le regole di OD&D erano scritte da cani, per cui era difficile capire come giocare. Questa versione era dunque pensata per insegnare a giocare a chi di D&D non sapeva niente. Copriva solo i livelli 1-3 del personaggio, e consigliava a chi volesse continuare di procurarsi AD&D (vedi dopo) o OD&D. BLUEHOLME Prentice Rules è un fedele retroclone di questa versione. Wizards, Warriors è un altro noto retroclone.

Il Basic/Expert set (B/X D&D), rispettivamente di Moldvay e Cook (1981) è una revisione piuttosto consistente di OD&D; si distanzia in maniera rilevante dalle regole originali. Il Basic set conteneva regole per i livelli dall’1 al 3, mentre l’Expert dal 4 al 14. Questa è una delle versioni più amate di D&D; prevedeva la classi del chierico, guerriero, mago e ladro, e la possibilità di giocare elfi, nani ed halfling. Labyrinth Lord  è un retroclone di questa versione; può essere scaricato gratuitamente e, insieme a Swords & Wizardry, è uno tra i retrocloni più noti e apprezzati. Sebbene non siano strettamente retrocloni, meritano di essere menzionati Adventurer Conqueror King, e Lamentations of the Flame Princess. Questi ultimi due non sono strettamente retrocloni in quanto non puntano a riprodurre fedelmente le regole di B/X D&D; più correttamente, si basano su B/X D&D. ACKS parte dall’assunto che, una volta raggiunto un certo livello, i personaggi passeranno da essere avventurieri a signori, e si ritroveranno dunque a gestire dei possedimenti, e aggiunge regole che permettono di gestire questi aspetti. LotFP invece aggiunge qualche house rule, ma soprattutto si caratterizza per un tono horror/splatter e per il rifarsi ad un fantasy non classicamente tolkeniano, ma più weird e lovecraftiano.

BECMI (1983) di Mentzner è successivo ed è in sostanza una riedizione/revisione del precedente Basic/Expert Set, più tre espansioni: in totale comprende 5 set (Basic, Expert, Companion, Master ed Immortal) che collettivamente contenevano regole per personaggi fino al 36° livello, fino all’immortalità. Questa e B/X D&D possono essere considerate versioni molto semplificate di AD&D; tuttavia, a questo punto AD&D e queste altre versioni di D&D erano pubblicate come linee separate ed indipendenti. La Rules Cyclopedia (1991) combinava le regole di BECMI D&D in un unico volume con piccole variazioni. Dark Dungeons è un retroclone gratuito della Rules Cyclopedia. Dangers and Dweomers non è un retroclone in senso stretto, ma è ispirato alla Rules Cyclopedia.

In tutte queste versioni, non era possibile combinare razza e classe; le razze diverse dall’umano erano anche delle classi. Cioè, un elfo saliva nella classe “elfo”; non si poteva giocare un elfo guerriero, per dire. Inoltre, di base tutte le armi facevano lo stesso danno (1d6), sebbene alcune di queste versioni permettessero l’uso di altri dadi per i danni come regola opzionale.

Pro (D&D classico):

  • Ci si rende conto di com’era D&D all’inizio;
  • Rispetto alle versioni successive, il gioco non ha molte regole e si presta ad uno stile di gioco ‘old school’ (per sapere cosa intendo: A quick primer for old school gaming [1]);
  • Ideale per un tuffo nel passato se si ha nostalgia di quegli anni;
  • Facile modificare il regolamento o creare house rules (regole personalizzate) perché c’è poca sinergia tra le varie parti del sistema, ed il rischio di effetti imprevisti è basso;
  • Il combattimento tende a essere semplice, e può essere gestito in modo meno strutturato e più intuitivo rispetto alle edizioni successive; non richiede necessariamente miniature o una griglia per giocare.

Contro:

  • Fuori stampa (i retrocloni risolvono questo problema);
  • sistema di gioco datato; molti elementi del sistema possono riusultare contorti per gli standard odierni di game design;
  • Estremamente letale;
  • Le varie classi non sono necessariamente bilanciate tra loro;
  • Rispetto alle edizioni più moderne c’è poca possibilità di personalizzare i propri personaggi attraverso le regole - la personalizzazione è lasciata alla fantasia del giocatore.

Altre caratteristiche:

In queste prime versioni di D&D, i personaggi acquisivano punti esperienza (necessari per salire di livello) sulla base del tesoro conquistato, più che dei mostri uccisi; si doveva valutare se conveniva affrontare uno scontro o se invece conveniva cercare di aggirarlo o superarlo con l’astuzia.

Edited by greymatter
  • Like 1
Link to post
Share on other sites

[1.2] Advanced Dungeons & Dragons (AD&D 1E) (1978-1989)

Advanced Dungeons & Dragons (AD&D) non era pensato per essere un successore di D&D; le linee AD&D e D&D “classico” sono state per diversi anni continuate in parallelo (guardate le date). AD&D era una versione del regolamento “avanzata”, che combinava le regole base (D&D) e regole dei varii supplementi. L’idea era quella di avere un set di regole standardizzato da usare nei tornei. Tuttavia, AD&D divenne ben presto la versione più popolare, ed è quella che è stata presa come base per le edizioni successive. Per questo, retrospettivamente, il primo Advanced Dungeons & Dragons è divenuto noto come AD&D 1E (prima edizione). AD&D è più simile alle versioni moderne del gioco (es. si sceglie una razza ed una classe), tuttavia c’erano diverse regole che ai giocatori odierni potrebbero risultare rigide o bizzarre. Per esempio, le razze non umane erano limitate nel massimo livello che potevano raggiungere, ma erano le uniche a poter essere multiclasse (appartenere a due o più classi contemporaneamente). Inoltre molte regole (come l’iniziativa o il combattimento senz’armi) erano piuttosto macchinose o mal formulate. Il gioco non perdonava: era brutalmente letale. Alcuni gruppi avevano la consuetudine di non dare il nome ai personaggi finché non fossero sopravvissuti fino il secondo livello.

Un noto supplemento per AD&D è Unearthed Arcana (Arcani Rivelati) che offriva un sacco di regole opzionali e possibilità per modificare il gioco.

OSRIC è un retroclone gratuito di questa edizione. Labyrinth Lord ha un Advanced Edition Companion che riproduce AD&D 1e. Parzialmente correlato: Dungeon Crawl Classics è una serie di moduli (avventure) che ricreano lo stile ed i contenuti dei primi moduli AD&D.

Pro e contro: come D&D classico, ma il gioco ha più regole, il che lo rende un po’ più complicato e macchinoso.

Edited by greymatter
  • Like 1
Link to post
Share on other sites

[1.3] Advanced Dungeons & Dragons 2E (AD&D 2E) (1989-1999)

La seconda edizione di AD&D fu prodotta dalla TSR dopo che Gary Gygax lasciò la compagnia (per un’interessante resoconto, consiglio di leggere l’articolo The Ambush at Sheridan Springs - How Gary Gygax Lost Control of Dungeons & Dragons [2]). L’edizione fu rivista da Dave “Zeb” Cook. Gygax aveva in mente una seconda edizione, ma sarebbe stata diversa da quello che poi è diventato AD&D 2E.

AD&D 2E è molto simile ad AD&D 1E, ma le regole furono riorganizzate e riscritte più chiaramente. Alcuni elementi che all’epoca erano considerati controversi (come demoni, assassini, mezz’orchi) furono rimossi [3]. Nonostante le migliorie apportate, il sistema risulta comunque macchinoso e un po’ contorto per gli standard odierni di game design, e in generale ha gli stessi problemi della 1E. Il regolamento risulta un po’ incoerente ed per certi aspetti assomiglia ad un patchwork di regole poco amalgamate tra loro. AD&D 2E è famosa per il THAC0 (acronimo di To Hit Armor Class 0), una statistica del personaggio usata per determinare se si colpiva o meno un nemico con un sistema che oggi è giudicato un po’ contorto.

Nel 1995 uscì una revisione (nota tra i fan come AD&D 2.5); insieme alla revisione uscirono dei nuovi manuali, tra cui il famigerato Player’s Option: Skills and Powers, che offriva molte opzioni per personalizzare il proprio personaggio, ma che molti giocatori all’epoca giudicarono sbilanciate. Questi manuali sono “proto-D&D 3”, in quanto diverse regole introdotte con questi splatbook saranno di lì a qualche anno incluse nella 3° edizione di D&D.

Pro e contro sono più o meno gli stessi di AD&D 1E; oltre a quanto già detto:

Pro:

  • Rispetto alla 1E il regolamento è un po’ più chiaro e alcune regole particolarmente contorte sono state rielaborate;
  • Rispetto a questa vi sono più supplementi e materiale pubblicato (noti anche come splatbooks);
  • Maggiore possibilità di personalizzare il proprio personaggio grazie a classi alternative ed ai “kits”, varianti delle classi che erano rilasciate con gli splatbook e che garantivano capacità speciali al costo di restrizioni;
  • Essendo AD&D 1E e 2E abbastanza simili, è possibile utilizzare contenuti creati per una edizione nell’altra senza troppo sforzo;

Contro:

  • Alcuni ritengono che la grande quantità di splatbooks aggiungesse molte opzioni superflue; inoltre alcuni kits sono ritenuti sbilanciati, anche se questo spesso non rischiava di rovinare il gioco come sarebbe accaduto in edizioni successive;
  • Combattimento sempre molto letale;

Altro:

  • Maggiore attenzione alla aree diverse dal combattimento;

 

 

Edited by greymatter
  • Like 1
Link to post
Share on other sites

[1.4] Dungeons and Dragons 3E / 3.5 (2000-2008)

Nel 1997 la Wizards of the Coast (WotC) acquistò la TSR, allora sull’orlo del fallimento. Nel 2000 fu rilasciata la terza edizione di D&D; per semplicità, la WotC abbandonò l’aggettivo Advanced, anche se la terza edizione seguiva idealmente AD&D 2E. Questo è il motivo per cui il precedente D&D (quello del Basic Set/BX/BECMI etc, che conviveva parallelo con l’Advanced) è definito a posteriori come “D&D classico”.

Questa edizione segna una rottura con le edizioni precedenti, e per questo non è molto amata da alcuni giocatori che hanno iniziato ai tempi di AD&D, ritenendola troppo focalizzata sugli aspetti meccanici del combattimento. In ogni caso, il sistema fu completamente riscritto. Fu reso più uniforme, coerente, e meno contorto (ma più complesso). L’accoglienza fu nel complesso positiva.

Nel 2003 uscì una revisione del regolamento nota come 3.5; l’edizione originale è quindi nota retrospettivamente come 3.0. Poiché i sistemi sono ovviamente simili, ci si riferisce ad entrambi come “D&D 3.x”. In linea di massima tra la 3.0 e la 3.5 non ci sono enormi differenze. Comunque il consenso è che la 3.5 sia migliore; sono in pochi a giocare alla 3.0.

Attualmente, D&D 3.5 è probabilmente l’edizione più giocata in italia.

Pro:

  • Grande flessibilità nel creare il proprio personaggio
  • Grande quantità di materiale pubblicato, con molte opzioni per i giocatori in quanto a razze, classi, talenti, incantesimi, equipaggiamento etc.
  • Sistema di regole molto dettagliato
  • Combattimento più chiaro e tattico rispetto alle precedenti edizioni
  • Relativamente facile trovare giocatori

Contro:

  • Fuori stampa ormai da anni
  • Il sistema è molto complesso e richiede tempo, impegno e molto studio per essere appreso;
  • Scarso bilanciamento tra le varie classi: specie ai livelli alti, le classi che sono specializzate nel lanciare incantesimi (full casters) sono molto più efficaci e versatili di quelle che non lo fanno;
  • Creare personaggi efficaci richiede una conoscenza dettagliata del sistema; i nuovi giocatori possono avere difficoltà a creare personaggi meccanicamente efficaci rispetto ai giocatori più esperti;
  • All’interno delle classi ci sono molti “dead levels”: livelli in cui il personaggio non acquisisce nessuna nuova capacità;
  • Il gran numero di supplementi pubblicati ha introdotto col tempo molte opzioni per DM e giocatori. Alcune di queste possono migliorare l'equilibrio del gioco, ma altre possono risultare superflue o sbilanciarlo più di quanto non lo sia già (consentono di creare facilmente personaggi troppo potenti, con il rischio di rovinare il gioco);
  • Molto meno brutale delle prime edizioni, ma ai livelli alti molte capacità e incantesimi fanno sì che i personaggi o i mostri possano morire per un singolo tiro basso (“Save or Suck”)
  • Difficile giocare senza miniature ed una griglia.

Altro:

  • I personaggi crescono in modo lineare in termini di potere: un guerriero di 20esimo livello è 20 volte più forte di uno di primo; questo significa che ciò che era una sfida per un personaggio di 1° livello diviene banale dopo pochi livelli. Un personaggo di 10° livello risulta sostanzialmente invulnerabile per i mostri che affrontava al 1° ed al 2° livello.
Edited by greymatter
  • Like 1
Link to post
Share on other sites

[1.5] Dungeons & Dragons 4E (2008-2013)

La quarta edizione di D&D è stata particolarmente controversa tra i giocatori di D&D, ed è stata accolta negativamente da alcuni giocatori delle precedenti edizioni. Anche questa edizione segna una brusca rottura con l’edizione precedente; il gioco cambia quasi completamente. La principale filosofia che guidò lo sviluppo di questa edizione fu il bilanciamento tra le varie classi. Per rimediare alla maggiore versatilità dei personaggi in grado di lanciare incantesimi, che era un grosso problema nella 3E, nella 4E si tentò di introdurre una meccanica unificata in grado di fornire opzioni e versatilità a tutte le classi, i “poteri” (powers). Fu rimossa profondità fuori dal combattimento, ed il sistema di guarigione fu completamente cambiato. Inoltre si tentò di definire le regole in maniera meno ambigua e soggetta all’interpretazione. Alcuni giocatori apprezzano il perfetto bilanciamento tra le varie classi ed il regolamento più semplice e chiaro; altri giocatori hanno criticato l’edizione per l’eccessiva enfasi data al combattimento e al bilanciamento ad ogni costo, arrivando a paragonarla ad un videogame su carta.

Nel 2011 fu lanciata una linea di prodotti parallela a D&D 4E, chiamata D&D Essentials. Si trattava di una versione semplificata del gioco, ma con meno opzioni.

Pro:

  • Regolamento più semplice rispetto alla 3.5; più accessibile per i nuovi giocatori;
  • Grande bilanciamento tra le varie classi;
  • Tutte le classi sono interessanti e hanno molte opzioni a loro disposizione in combattimento; un guerriero può fare qualcosa di diverso da una serie di attacchi ;
  • Pochi “dead levels”: i personaggi prendono qualcosa di interessante ad ogni livello
  • Creare personaggi efficaci non richiede una conoscenza dettagliata delle regole; ci sono poche pessime scelte.
  • Combattimento molto dettagliato e strategico;
  • Le regole sono formulate in modo preciso, standardizzato, e senza ambiguità;

Contro:

  • Il “ciclo vitale” dell’edizione è terminato (fuori stampa)
  • è praticamente impossibile giocare senza griglia o miniature data la natura altamente tattica del gioco;
  • I combattimenti possono essere molto lunghi e richiedere ore;
  • Alcuni giocatori trovano che le classi siano troppo simili l'una all'altra (credit: @The Stroy);
  • Alcuni giocatori ritengono che il focus sul combattimento sia eccessivo, e non hanno apprezzato il sistema dei powers;

Altro:

  • I personaggi sono forti fin dal primo livello; questo combinato con il sistema di guarigione fa sì che sia abbastanza difficile morire; alcuni giocatori non apprezzano queste caratteristiche.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

[1.7] Dungeons & Dragons 5E (2014 - presente)

D&D 5E è l’edizione più recente, essendo uscita da pochi mesi (al momento in cui sto scrivendo). Questa edizione fa un passo indietro rispetto alla 4E, effettivamente annullando molte delle innovazioni apportate da quest’ultima. D&D 5E segna un deciso ritorno alle origini di D&D, e c’è chi considera l’edizione un successore spirituale di AD&D 2E.

L’edizione è stata accolta positivamente da molti giocatori, che ne lodano il regolamento semplice ed elegante ed il maggior focus su elementi diversi dal combattimento. Alcuni giocatori tuttavia vorrebbero un maggior numero di opzioni per costruire il proprio personaggio e un regolamento più dettagliato o più preciso.

Pro:

  • Attualmente in stampa e attivamente supportata dalla Wizard;
  • Regole relativamente semplici ed eleganti;
  • Facile creare regole o contenuti personalizzati; le regole e i contenuti creati dai giocatori sono raccolti da molte comunità online, e si trovano liberamente nell'internet (credit: @The Stroy);
  • Modulare: molte regole ed elementi del gioco possono essere aggiunti, tolti o modificati come unità indipendenti, senza timore di alterare il gioco in modo irreparabile;
  • I personaggi possono essere creati rapidamente e senza una conoscenza dettagliata delle regole; ci sono poche pessime scelte.
  • Pochi dead levels;
  • Alcuni meccanismi impediscono ai personaggi che lanciano incantesimi di essere eccessivamente potenti rispetto agli altri personaggi;
  • Se si desidera, è possibile giocare senza miniature o una griglia

Contro (nota: l'edizione è ancora giovane, e può essere presto per valutarne adeguatamente i difetti)

  • Alcune regole sono formulate in modo ambiguo e aperto all’interpretazione del DM;
  • Alcuni vorrebbero più opzioni o flessibilità per personalizzare il proprio personaggio (nb: l’edizione è appena uscita, e molto materiale deve essere ancora pubblicato);
  • Alcuni ritengono che il sistema sia eccessivamente semplice, o che non abbia sufficiente profondità e complessità;
  • Nessuna traduzione italiana in vista;

Altro:

  • “Bounded Accuracy”: una delle caratteristiche distintive di D&D 5E; è un importante principio di design che ha guidato lo sviluppo della nuova edizione. È difficile spiegare il concetto in poche parole, ma ci provo. Bounded Accuracy significa che i personaggi, salendo di livello, ottengono più punti ferita e più opzioni, ma i loro bonus numerici (che si applicano ai tiri di dado), pur aumentando, non aumentano molto. Nelle precedenti edizioni, i bonus ai tiri di dado che i personaggi ottenevano salendo di livello incrementavano molto rapidamente. Qualche livello poteva fare la differenza tra, es. colpire un mostro il 50% delle volte, e colpirlo il 95% delle volte pochi livelli dopo. Allo stesso tempo, dopo pochi livelli i mostri avevano ben poche speranze di colpire i personaggi, che per loro erano pressoché invulnerabili. Nella 5E, i bonus ai tiri salgono molto più lentamente. Un certo compito risulterà più facile rispetto a quando il personaggio era al primo livello, ma non sarà enormemente più facile. Una conseguenza è che ad alti livelli, nemici deboli in grandi numeri possono continuare a rappresentare una sfida per i personaggi di alto livello. I personaggi di alto livello in generale non diventano assurdamente potenti come nelle precedenti edizioni. Alcuni giocatori sono molto favorevoli a questo principio di design, mentre altri lo hanno criticato per varii motivi che non sto ad approfondire.

  • È possibile scaricare gratuitamente dal sito della Wizard le Basic Rules [4], che contengono una selezione ridotta di classi e razze rispetto al manuale del giocatore; tuttavia è possibile usarle tranquillamente per giocare.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

[2] In breve

Voglio giocare a D&D come se fosse il 1985!

  • Prima scelta: uno dei retrocloni (OSRIC, Labyrinth Lord, Dark Dungeons, Sword and Wizardry, Lamentations of the Flame Princess);
  • Seconda scelta: AD&D 1E o precedenti

Voglio giocare a D&D come se fosse il 1995!

  • AD&D 2E

Voglio un gioco complesso, che mi dia una marea di opzioni e flessibilità per creare il mio personaggio!

  • Prima scelta: Pathfinder
  • Seconda scelta: D&D 3.5

Voglio un gioco tattico, perfettamente bilanciato, con miniature e un sacco di opzioni spettacolari in combattimento, come un videogame!

  • D&D 4E

Voglio un gioco semplice ed elegante con un discreto numero di opzioni, ma non mi interessa spulciare mille manuali per creare un personaggio.

  • D&D 5E

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

[3] Note

[1] Quick primer for old school gaming:

http://www.lulu.com/shop/matthew-finch/quick-primer-for-old-school-gaming/ebook/product-3159558.html

PDF: http://www.lulu.com/items/volume_63/3019000/3019374/1/print/3019374.pdf

Una veloce introduzione allo stile di gioco della vecchia guardia. Come si giocava un tempo, quando non c’erano le abilità e i giocatori dovevano sopperire con inventiva e creatività. Lettura molto consigliata.

[2] The Ambush at Sheridan Springs - How Gary Gygax Lost Control of Dungeons & Dragons

https://medium.com/@increment/the-ambush-at-sheridan-springs-3a29d07f6836

Articolo estremamente interessante e ben documentato che fornisce una prospettiva storica su come Gary Gygax finì per perdere il controllo della propria creatura.

[3] Può essere difficile da credere, ma negli anni ‘80, in USA, D&D fu al centro di feroci polemiche da parte di gruppi religiosi, che temevano che D&D spingesse i giovani al satanismo e alla stregoneria. In risposta a queste polemiche, molti elementi controversi furono rimossi nel passaggio alla seconda edizione.

http://en.wikipedia.org/wiki/Dungeons_%26_Dragons_controversies

http://www.bbc.com/news/magazine-26328105

[4] Regole base per D&D 5E

http://dnd.wizards.com/articles/news/basicrules

Link to post
Share on other sites

[1.6] Pathfinder (2009 - presente)

La Paizo è una azienda che produceva due note riviste di D&D per conto della WotC, “Dungeon” e “Dragon”. La WotC nel 2007 non rinnovò il contratto, ma Paizo avrebbe potuto continuare a pubblicare contenuti per D&D 3.5 grazie alla licenza con cui il gioco era rilasciato.

Quando la linea della 3.5 fu interrotta e fu annunciato D&D 4E, c’era incertezza riguardo alla licenza con cui questo sarebbe stato rilasciato, e se sarebbe possibile per terze parti produrre contenuti per D&D 4E. La Paizo annunciò che avrebbe prodotto il proprio rpg, Pathfinder, di modo da non dover dipendere dalla WotC per vendere i propri prodotti. Per produrre Pathfinder, la Paizo prese come base D&D 3.5 e ne aggiornò il regolamento sulla base dei suggerimenti dei giocatori.

Pathfinder può quindi essere considerato una sorta di fork open source di D&D 3.5.

Pathfinder rimane molto simile a D&D 3.5, e sostanzialmente compatibile, ma tenta di ovviare ai problemi che erano stati segnalati dai giocatori. Non fatevi ingannare dal nome - anche se non si chiama D&D, Pathfinder è da molti considerato il successore spirituale di D&D 3.5, tanto da essere spesso definito “D&D 3.75”. Pathfinder è stato accolto positivamente, superando lo stesso D&D - pare - nelle vendite (qualche anno fa).

Per quanto riguarda pro e contro, nonostante rispetto alla 3.5 molti aspetti del gioco siano migliorati, ne eredita i pregi ed i difetti fondamentali.

Pro:

  • Attualmente in stampa e attivamente supportato;
  • Tonnellate di materiale pubblicato;
  • Numerosi miglioramenti al regolamento della 3.5;
  • Le regole sono disponibili online gratuitamente (http://www.d20pfsrd.com/);
  • Pochi dead levels;
  • Miglior bilanciamento tra le classi;
  • Grande flessibilità nella creazione del proprio personaggio, con moltissime opzioni a disposizione;
  • È facile importare contenuti di D&D 3.5 in PF e viceversa;

Contro:

  • Sistema molto complesso che richiede tempo e impegno per essere appreso;
  • L’enorme quantità di materiale pubblicato può risultare ingestibile per chi sta iniziando a giocare;
  • Creare il personaggio diventa molto complesso a causa dell’enorme numero di opzioni disponibili;
  • Migliora D&D 3.5, ma non ne risolve i problemi fondamentali;
  • Le classi che lanciano incantesimi dominano comunque il gioco ai livelli alti

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Alcuni appunti (alle edizioni vecchie non ho giocato, per cui comincio dalla 3.X).

Il gran numero di supplementi pubblicati ha introdotto col tempo molte opzioni superflue o sbilanciate; queste opzioni permettono di creare personaggi troppo potenti, e rischiano di rovinare il gioco;

ll gioco è sbilanciato già dai core. Messa così, sembra che giocare solo con i manuali base sia bilanciato, mentre non è così: visto che c'è gente anche esperta che crede che il male derivi tutto dagli splatbook, specificherei che non è così e che, anzi, certi splatbook migliorano l'equilibrio di gioco (ToB su tutti).

4e: aggiungerei ai contro che molti giocatori trovano che le classi siano troppo simili l'una all'altra

5e: "modulare", oltre a essere un termine ormai abusato, non vuol dire molto per un neofita completo. Lo spiegherei

Aggiungerei anche una nota sulla facilità di creare materiale homebrew, e magari sulla mole di HR già presenti nella Rete, che in parte compensano la scarsità di opzioni ufficiali.

Generale: in sezione Guide 3.5 c'è la Guida alle Guide, che dà indicazioni sulla formattazione.

Se hai tempo e voglia, puoi guardare là e uniformare la tua guida allo standard del forum.

A parte queste piccole note, mi sembra una guida obiettiva e utile, per cui grazie del contributo :)

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Alcuni appunti (alle edizioni vecchie non ho giocato, per cui comincio dalla 3.X).

ll gioco è sbilanciato già dai core. Messa così, sembra che giocare solo con i manuali base sia bilanciato, mentre non è così: visto che c'è gente anche esperta che crede che il male derivi tutto dagli splatbook, specificherei che non è così e che, anzi, certi splatbook migliorano l'equilibrio di gioco (ToB su tutti).

Hai ragione, grazie; può andare così?

"Il gran numero di supplementi pubblicati ha introdotto col tempo molte opzioni per DM e giocatori. Alcune di queste migliorano l'equilibrio del gioco; altre possono risultare superflue o sbilanciarlo più di quanto non lo sia già, perché consentono di creare personaggi troppo potenti, con il rischio di rovinare il gioco;"

4e: aggiungerei ai contro che molti giocatori trovano che le classi siano troppo simili l'una all'altra

Aggiunto! Grazie!

5e: "modulare", oltre a essere un termine ormai abusato, non vuol dire molto per un neofita completo. Lo spiegherei

Aggiungerei anche una nota sulla facilità di creare materiale homebrew, e magari sulla mole di HR già presenti nella Rete, che in parte compensano la scarsità di opzioni ufficiali.

Proposta per

modulare: "molte regole ed elementi del gioco possono essere aggiunti, tolti o modificati come unità indipendenti, senza timore di alterare il gioco in modo irreparabile"

Per l'altro, sposto "facile creare regole o contenuti personalizzati" in un punto a sé, e aggiungo: "molti di questi sono raccolti online dalle varie comunità;"

Che ne dici?

Generale: in sezione Guide 3.5 c'è la Guida alle Guide, che dà indicazioni sulla formattazione.

Se hai tempo e voglia, puoi guardare là e uniformare la tua guida allo standard del forum.

Non l'avevo vista! grazie. Will do.

Link to post
Share on other sites

[1] Quick primer for old school gaming:

http://www.lulu.com/shop/matthew-finch/quick-primer-for-old-school-gaming/ebook/product-3159558.html

PDF: http://www.lulu.com/items/volume_63/3019000/3019374/1/print/3019374.pdf

Una veloce introduzione allo stile di gioco della vecchia guardia. Come si giocava un tempo, quando non c’erano le abilità e i giocatori dovevano sopperire con inventiva e creatività. Lettura molto consigliata.

Mio dio, prima ancora di finirlo di leggere mi sono ritrovato con la mente ai miei primi anni di giocatore di BECMI, quando ero adolescente... mi è scesa una lacrimuccia di commozione, al ricordo di come ci divertivamo come matti, anche senza millemila regole. :heartbeat

Altro che "lettura molto consigliata"... quel documento dovrebbe essere una lettura obbligatoria per tutti i giocatori e master del mondo.

Gray, appena posso di dò PE. :guancia:

Link to post
Share on other sites

@The Stroy:

Mi sembra chiaro a sufficienza, secondo me può andare.

Direi che vanno bene entrambi i punti.

Aggiunti! Grazie ancora!

@Alaspada:

Per ora la mettiamo beta, appena la formatti lo togliamo. In ogni caso ottimo lavoro.

Indicizzata

Grazie! Giusto per capire - quanto strettamente devo aderire alle linee guida? Perché, ad esempio, la legenda cromatica non credo si applichi; l'indice posso senz'altro formattarlo in modo simile alle altre guide, così come sezioni e sottosezioni; però la suddivisione in post credo sia tardi per farla. A meno che voi mod non abbiate la possibilità di riordinare i post in un thread. Cioè: se suddividessi il contenuto del primo post in post differenti *adesso*, ci sarebbero ormai diversi post 'estranei' interposti tra il primo ed i restanti post della guida. Non so se mi sono spiegato.

@MattoMatteo:

Mio dio, prima ancora di finirlo di leggere mi sono ritrovato con la mente ai miei primi anni di giocatore di BECMI, quando ero adolescente... mi è scesa una lacrimuccia di commozione, al ricordo di come ci divertivamo come matti, anche senza millemila regole. :heartbeat

Altro che "lettura molto consigliata"... quel documento dovrebbe essere una lettura obbligatoria per tutti i giocatori e master del mondo.

Gray, appena posso di dò PE. :guancia:

Felice tu abbia apprezzato! Anche a me prende tanta nostalgia ogni volta che mi leggo quel documento. Ti ha fatto venire voglia di rigiocare ai vecchi gdr, eh? :D Io non ero ancora in giro ai tempi di BECMI, ma mi fa ritornare in mente i miei primi contatti con AD&D (2E), che più o meno veniva giocato in quel modo... Avevo notato che i miei amici più grandi si riunivano per fare uno strano gioco (?) e una volta mi avvicinai per capire cosa fosse. Mi ricordo ancora che in game stavano scendendo una sorta di scalinata di pietra, fino ad arrivare ad una piattaforma sospesa nel vuoto. Al centro una leva. Dato che non c'era la prova di osservare o di cercare, stavano tutti facendo un sacco di domande per cercare di capire come procedere. E lì dovevi sforzarti di pensare in modo creativo. Mi ricordo che uno di loro chiese se c'erano segni di usura sulla leva (per capire se era stata tirata abitudinalmente in precedenza) - una domanda intelligente, che però i miei giocatori di oggi difficilmente mi farebbero. I miei giocatori oggi mi direbbero semplicemente "faccio una prova di cercare" o qualcosa del genere. (dopo quella sessione, feci una domanda che avrebbe avuto un effetto drastico su di me per anni a venire, determinando quella che ancora oggi è una delle mie principali attività nel tempo libero: "Ma quali sono le regole? Come funziona?" risposta: "non ce ne sono. Puoi fare quello che ti pare." MIND. BLOWN. ) Ah, se potessi tornare indietro nel tempo cercherei di imprimermi quelle prime esperienze nella memoria!

Nostalgia a parte, penso che il design dei giochi di ruolo moderni sia a parte tutto più solido; nell'old school la distinzione tra giocatore e personaggio è ora definita, ora confusa - e questo crea problemi. Il mio personaggio deve convincere la guardia a lasciarlo passare - ma cosa succede se il mio personaggio lo immagino bravo a parlare ma io non lo sono? Anche per cercare è la stessa cosa. Io posso fare domande al DM etc, ma non sto *vedendo* quello che vede il personaggio. Le prove e le abilità sono un modo conveniente di astrarre l'interazione tra personaggio e mondo immaginario, e lasciarle confinate alla finzione; nel gioco old school questa astrazione non c'è, e io, giocatore, "sconfino" continuamento nel mondo fittizio - senza però poterlo fare davvero. D'altra parte questi erano problemi che allora non ci si ponevano nemmeno... il tuo personaggio era semplicemente il tuo personaggio. Era un guerriero, o un chierico, o un mago. Non c'erano tutte le 'complicazioni' e le sofisticazioni che ci sono ora.

Insomma: nostalgia? Tantissima. Ma a parte tutto capisco come mai i giochi di oggi sono diversi. Per la nostalgia, c'è Swords & Wizardry o i vecchi manuali di AD&D ;)

Link to post
Share on other sites

Grazie! Giusto per capire - quanto strettamente devo aderire alle linee guida? Perché, ad esempio, la legenda cromatica non credo si applichi; l'indice posso senz'altro formattarlo in modo simile alle altre guide, così come sezioni e sottosezioni; però la suddivisione in post credo sia tardi per farla. A meno che voi mod non abbiate la possibilità di riordinare i post in un thread. Cioè: se suddividessi il contenuto del primo post in post differenti *adesso*, ci sarebbero ormai diversi post 'estranei' interposti tra il primo ed i restanti post della guida. Non so se mi sono spiegato.

La legenda cromatica al limite puoi usarla per i pro (tutti azzurri) e per i contro (tutti rossi), ma sarebbe un inside joke privo di una vera utilità e nemmeno così divertente.

Per riordinare in post diversi, posso farlo io, basta che mi dici come vuoi suddividere il messaggio. In alternativa, puoi fare tu i nuovi post, ridurre il primo e poi cancelliamo i messaggi che stanno in mezzo, tanto sono consigli che hai già applicato, in pratica, oppure discussioni sulla nostalgia che, per belle che siano, sono un po' fuori luogo nel thread beta di una guida, che dovrebbe essere strettamente funzionale (mod - sarebbe meglio usare la bacheca degli utenti o gli MP per messaggi di questo tipo).

Link to post
Share on other sites

La legenda cromatica al limite puoi usarla per i pro (tutti azzurri) e per i contro (tutti rossi), ma sarebbe un inside joke privo di una vera utilità e nemmeno così divertente.

Per riordinare in post diversi, posso farlo io, basta che mi dici come vuoi suddividere il messaggio. In alternativa, puoi fare tu i nuovi post, ridurre il primo e poi cancelliamo i messaggi che stanno in mezzo, tanto sono consigli che hai già applicato, in pratica

Pensavo di suddividerlo con un post dedicato ad ogni sottosezione, di modo da poter associare dei link alle voci nell'indice. Non so se per te suddividere il post originale in così tanti mini-post sia una cosa veloce tramite i tool degli admin; se riesci a farlo con poco sforzo, ti direi di procedere (così non si perdono messaggi). Però non voglio approfittarmi della tua gentilezza né scaricarti addosso del lavoro oltre a quello che hai già, per cui se è una operazione che richiede letteralmente più di 1 minuto, faccio io e poi qualcuno cancellerà i messaggi in mezzo.

oppure discussioni sulla nostalgia che, per belle che siano, sono un po' fuori luogo nel thread beta di una guida, che dovrebbe essere strettamente funzionale (mod - sarebbe meglio usare la bacheca degli utenti o gli MP per messaggi di questo tipo).

.............noioso :P;-)

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Similar Content

    • By Pippomaster92
      Articolo di Goblin Punch del 28 novembre 2012
      Tempo Mondano (95% delle volte)
       
        Sereno Piovoso 1 - 3 Aria immobile Nuvoloso 4 - 6 Leggera brezza Pioggerella 7
      Venticello Pioggia pesante 8 Vento forte Temporale Se il tempo di ieri era sereno, c'è l'80% di possibilità che lo sia anche oggi.
      Se il tempo di ieri era piovoso, c'è il 50% di possibilità che oggi sia sereno. 
      Se il tempo è freddo, la pioggia diventa neve.
      Se il tempo è secco, non c'è pioggia e considerate la Pioggia pesante e il Temporale come Tempesta di sabbia.
      Tempo Bizzarro (5% delle volte)
       
      1 Pioggia Acida 16 Pioggia di Pietre 2 Pioggia di Pittura 17 Pioggia di Pietre Invertita 3 Pioggia Miasmatica 18 Pioggia degli Orrori 4 Pioggia Invertita 19 Pioggia di Vermi 5 Cielo Allucinante 20 Pioggia di Gelatine
      6 Oscurità 21 Pioggia di Carne 7 Sole della Follia 22 Pioggia di Pugnali 8 Invasione dei Soli 23 Pioggia di Parassiti 9 Spazio Distante 24 Pioggia di Benzina 10 Aria Spessa 25 Pioggia di Fuliggine 11 Antigravità 26 Pioggia di Rumore 12 Bassa Gravità 27 Pioggia di Rabbia 13 Vento Vuoto 28 Nuvole Blasfeme 14 Nebbia Affamata 29 Nuvole Incendiarie 15 Nebbia Ubriaca 30 Tira due volte su questa tabella Il tempo pazzo viene preceduto sempre da qualcosa di significativo. Nuvole bizzarre, strani suoni nel cielo (o dietro ad esso), un ronzio caotico, etc. Il tempo pazzo non coglie nessuno di sorpresa, e di solito si hanno 1d4 ore di preavviso. Dura per 1d6 ore, a meno che non sia indicato diversamente. 
      La Pioggia Acida corride il metallo e consuma la pietra, rovina i vestiti, uccide i pesci e infligge 1d6 danni al minuto a chi vi si trova sotto. E anche altri danni dopo, se non vi togliete in fretta i vestiti e vi lavate la pelle. 
      La Pioggia di Pittura è in tanti colori diversi. D6: rosso, arancione, giallo, verde, blu, viola. Per lo più è inoffensiva, ma quella verde causa avvelenamento da mercurio e quella blu allucinazioni. Le superfici (e la gente) restano colorate finché non vengono pulite con acqua normale. 
      La Pioggia Miasmatica causa vomito e mutazioni se si viene colpiti anche da poche gocce. Un tiro salvezza nega questo effetto. Sembra un liquido bruno-dorato sottile, che odora come una pila di capre morte di dissenteria da una settimana. Usate la vostra tabella delle mutazioni preferita. Dopo la pioggia alcuni strani funghi marroni spuntano su qualsiasi superficie non sia metallica.
      La Pioggia Invertita estrae l'acqua dalle superfici e la tira su sulle nuvole. Se una creatura non è al chiuso o sott'acqua prende 1 danno per minuto mentre viene disseccata dolorosamente. Sopra le persone si formano nuvole rosse di sangue. Sopra le foreste, nuvole verdi. La maggior parte delle nubi creare in questo modo sono però brune o giallastre. 
      Il Cielo Allucinante è completamente inoffensivo, ma spaventoso. D6: 1 - occhi e facce osservano dall'alto; 2 - la visione è distorta, è possibile vedere oltre l'orizzonte come se ci si trovasse sul fondo di una scodella; 3 - sembra che il pianeta giri su se stesso mille volte più velocemente del solito, nauseando chi guarda in alto; 4 - strane distese simili a membrane grigie svolazzano in giro, coperte da vene pulsanti di giallo; 5 - luci brillanti e rumori di orchestra, la temperatura si alza di 5 gradi; 6 - le nuvole sembrano branchi di animali che combattono, si accoppiano, corrono...
      Oscurità. Niente sole. Niente luna. Niente stelle. Buio come dentro una caverna. In alto si possono sentire strani suoni striscianti, come se qualcuno stesse cartavetrando un miglio quadrato di pelle d'elefante. E ci sono cose che cercano di raggiungere chi si trova in basso, spengono i fuochi e le luci. Queste cose sono così pressate tra loro nel cielo che nulla vi passa attraverso. 
      Sole della Follia. Il sole si restringe fino ad una piccola punta di luce blu-bianca, anche se è molto più luminoso della luna piena. Chiunque guardi qualsiasi cosa illuminata da questa luce acquosa e bianca resta come sotto shock e fissa davanti a sè mormorando qualcosa sulla "gente che vive dietro al sole". A meno che non superi un tiro salvezza. La città si riempie in fretta di gente con bende sugli occhi, e di gente che prova a derubarla. 
      Invasione dei Soli! Non c'è un solo sole. Ce ne sono centinaia. Di tutti i colori e di tutte le dimensioni. Alcuni crescono, altri si riproducono o si divorano a vicenda. A volte le cose lasciate all'aperto prendono fuoco improvvisamente. La temperatura si alza di almeno 20 gradi. 
      Spazio Distante. Oh, wow. Per 1d6 ore, sembra che la Terra sia stata teletrasportata in un luogo distante dell'universo. C'è il 5% di possibilità che venga scaldata da un secondo sole, il 95% di possibilità che la temperatura invece cali di 5 gradi per ora. C'è un 10% (indipendente) di probabilità di una pioggia di meteore. 
      Aria Spessa. L'aria ha la consistenza dell'acqua. Respirare è faticoso. La gente anziana muore. Pistole e motori non funzionano. I pesci nuotano fuori dall'oceano e nell'aria. Quando questa stranezza termina, tutti i pesci che stavano nuotando sopra la terra cadono e muoiono, le loro bocche gridano mute "Perché???". I pesci muoiono con l'aria di essere stati traditi.
      Pilastri di Antigravità vagano per la terra come se fossero fari proiettati dallo spazio (e potrebbero anche esserlo). Le cose che vengono colte nel raggio cadono verso l'alto per 3d20 secondi prima di cadere di nuovo verso il basso. Le macchine vengono lasciate cadere sugli edifici. I bambini vengono sparpagliati per il parco giochi come uova cadute dall'alto. Le persone furbe restano nelle cantine e si legano al pavimento.
      Bassa Gravità! Tipo, 1/10 del normale! Come essere sulla luna! Puoi saltare davvero distante, e le onde sono davvero fiche! Però lanciare le cose diventa molto più difficile, perché non seguono la traiettoria che ci si aspetta. Anche correre è difficile. Dura 1d20x10 minuti, poi torna tutto normale.
      Vento Vuoto! Se questo vento soffia su una creatura vivente la teletrasporta nel futuro! D6: 1-2 è per 1d6 round; 2-4 è per 1d6 ore; 5 per 1d20 giorni; 6 per 1d6 mesi. C'è un 10% di possibilità che il vento sia etereo, e attraversi muri e soffitti colpendo quindi chiunque sia in casa. Le persone teletrasportate arrivano nude, coperte di scottature e odorano di falò.
      Nebbia Affamata! La nebbia si avvicina a passi felpati su zampe simili a quelle di un gatto con uno grande stomaco e lunghi tentacoli simili a proboscidi di elefanti. Bisogna nascondersi mentre la nebbia abbatte porte e finestre e cerca di risucchiarti nel suo stomaco centrale, dove verrai tenuto sollevato da terra, paralizzato, ruotato lentamente mentre vieni digerito strato per strato. Dura 1d6 ore e di solito lascia pile di ossa, scarpe e portachiavi nella piazza centrale della città.
      Nebbia Ubriaca! Questa nebbia è molto più divertente di quella affamata! Chiunque la tocchi diventa subito brillo. La probabilità di subire un avvelenamento da alcool è bassa, ma meglio non guidare la macchina. La polizia cerca di fermare la gente, ma a sua volta è piuttosto ubriaca. A volte creature malvagie attaccano in coordinazione con questa nebbia, perché sanno che le vittime hanno scarse possibilità di difendersi.
      Pioggia di Pietre! State in casa. La maggior parte delle rocce sono ciottoli, ma alcuni sono grossi come pugni e ci sono 1d4 massi giganti!
      Pioggia di Pietre Invertita! Pezzi di roccia si staccano da ogni superficie e volano in cielo. Sembra che qualcuno abbia dato dei morsi agli edifici. Anche la pelle esposta si spezza in piccole ferite sottili come unghie, con pezzettini di pelle che volano via. 1d6 danni per turno una volta che i vestiti sono stati distrutti (non ci vogliono più che un paio di turni).
      Pioggia degli Orrori! Tira un D6: teschi, scheletri, teste, corpi senza testa, spazzatura, spettri di ectoplasma che strisciano lamentandosi prima di morire. C'è il 20% di possibilità che tutta questa roba prenda vita e attacchi la gente.
      Pioggia di Vermi! La maggior parte dei vermi è lunga 7-8cm e carnivora, ma tirate 1d4x1d4 (x 30 cm) per vedere quanto sono lunghi i più grandi. Questi vermi più grandi sono vermi delle tempeste, con le bocche simili a rasoi elettrici rotanti e la pelle coperta di membrane simili a cuoio. Prendono danno minimo dalla caduta. Per lo più passano il tempo a divorarsi a vicenda, e poi la gente stermina gli altri. Come per un sacco di simili eventi atmosferici, seguono rapine e saccheggi.
      Pioggia di Gelatine! Cadono dal cielo globi di gelatine carnivore. Difficili da uccidere, ma la luce del sole, il fuoco, il freddo e il sale le distruggono. Normalmente sono immobili, ma se mangiano abbastanza carne (se cadono su una sfortunata mandria di bestiame) diventano giganteschi blob che si aggirano per la città divorando le persone. 
      Pioggia di Carne! La maggior parte viene in piccoli morsetti, ma tirate 1d20 e moltiplicate per 50 per vedere quanto pesa (in kg) il più grosso pezzo di carne. Circa il 20% della carne è riconoscibile, il 20% è velenoso e il 20% sembra già essere stato masticato. Un sacco di animali carnivori arrivano dalla campagna. Dopo la pioggia tutti preparano falò di ossa. Se ciò non accade, la settimana successiva ci saranno nugoli di mosche tali da far impallidire le piaghe d'Egitto. 
      Pioggia di Pugnali! In realtà sono "solo" pezzi di ghiaccio estremamente affilato. D4: 1 - stalattiti; 2 - fiocchi di neve shuriken; 3 - nessun pugnale fisico, ma le cose cominciano a mostrare tagli e ferite comunque; 4 - veri e propri pugnali di ferro, ho mentito quando parlavo di ghiaccio.
      Pioggia di Parassiti! D6: rane, locuste, pidocchi, serpenti, pesciolini, ratti. C'è il 50% di possibilità che gli animali siano di specie nuove. C'è anche il 50% di possibilità che abbiano tutti la medesima deformità (niente occhi, niente bocca, niente testa, due teste, senza arti, con zampe da ragno, etc.)
      Pioggia di Benzina! Un pessimo momento per aver voglia di fumare! Ecco perché non abbiamo più edifici di legno. Inevitabilmente alla fine di questa pioggia scoppia qualche incendio. La qualità dell'aria è pessima. Fogne, vie fluviali, fiumi, laghi e oceani tutto quanto va in fiamme. Dopo restano macchie oleose e grumi di genere.
      Pioggia di Fuliggine! Dal cielo cadono cenere e fuliggine bollenti. 1d6 spanne! 1 danno per round finché siete sotto questa pioggia. Dopo è necessario un sacco di lavoro di spartineve e c'è il rischio di soffocare
      Pioggia di Rumore! Dal cielo cadono sbarre di metallo, ma spariscono appena toccano il suolo. Ciascuna sembra un gong, una lavatrice rotta, un rinoceronte in un negozio di cristallo o due scheletri che si accoppiano su un soffitto in lamiera. Impossibile parlare. Copritevi le orecchie o superate un tiro salvezza... per non diventare permanentemente sordi!
      Pioggia di Rabbia! Dal cielo piove sangue! Chiunque si becchi del sangue sugli occhi o in bocca entra in una furia omicida. Per primi uccidono i propri cari! Tutta la musica registrata viene temporaneamente sostituita dai Cannibal Corpse! Anche gli U2! Quando la pioggia termina ogni vittima deve superare un tiro salvezza o restare per sempre affetta da questa folle ira.
      Nuvole Blasfeme! Volti deformi e disumani appaiono sulle nuvole e fanno piovere dall'alto blasfemie, eresie e profanità varie. C'è il 20% di possibilità che divulghino qualche imbarazzante od orripilante segreto dal passato di uno dei personaggi. C'è anche il 20% di possibilità che diffondano orribili bugie in merito ad uno dei personaggi. Se qualcuno risponde alle nuvole, dal cielo scendono vespe agguerrite. Le nuvole parlano nel modo più disturbante possibile: scherzi su bambini morti, insulti agli dei, poesia omoerotica... qualsiasi cosa faccia piangere il maggior numero di bambini!
      Nuvole Incendiarie! Le nuvole diventano rutilanti masse di rossi tizzoni incandescenti. C'è il 20% di possibilità che piova fuoco. C'è anche il 20% di possibilità che diventi una specie di orribile nebbia ustionante.
      Link all'articolo originale: http://goblinpunch.blogspot.com/2012/11/noxious-weather.html
    • By Pippomaster92
      Oggi GoblinPunch ci offre degli spunti per del tempo atmosferico bizzarro e peculiare da inserire nelle nostre partite.
      Articolo di Goblin Punch del 28 novembre 2012
      Tempo Mondano (95% delle volte)
       
        Sereno Piovoso 1 - 3 Aria immobile Nuvoloso 4 - 6 Leggera brezza Pioggerella 7
      Venticello Pioggia pesante 8 Vento forte Temporale Se il tempo di ieri era sereno, c'è l'80% di possibilità che lo sia anche oggi.
      Se il tempo di ieri era piovoso, c'è il 50% di possibilità che oggi sia sereno. 
      Se il tempo è freddo, la pioggia diventa neve.
      Se il tempo è secco, non c'è pioggia e considerate la Pioggia pesante e il Temporale come Tempesta di sabbia.
      Tempo Bizzarro (5% delle volte)
       
      1 Pioggia Acida 16 Pioggia di Pietre 2 Pioggia di Pittura 17 Pioggia di Pietre Invertita 3 Pioggia Miasmatica 18 Pioggia degli Orrori 4 Pioggia Invertita 19 Pioggia di Vermi 5 Cielo Allucinante 20 Pioggia di Gelatine
      6 Oscurità 21 Pioggia di Carne 7 Sole della Follia 22 Pioggia di Pugnali 8 Invasione dei Soli 23 Pioggia di Parassiti 9 Spazio Distante 24 Pioggia di Benzina 10 Aria Spessa 25 Pioggia di Fuliggine 11 Antigravità 26 Pioggia di Rumore 12 Bassa Gravità 27 Pioggia di Rabbia 13 Vento Vuoto 28 Nuvole Blasfeme 14 Nebbia Affamata 29 Nuvole Incendiarie 15 Nebbia Ubriaca 30 Tira due volte su questa tabella Il tempo pazzo viene preceduto sempre da qualcosa di significativo. Nuvole bizzarre, strani suoni nel cielo (o dietro ad esso), un ronzio caotico, etc. Il tempo pazzo non coglie nessuno di sorpresa, e di solito si hanno 1d4 ore di preavviso. Dura per 1d6 ore, a meno che non sia indicato diversamente. 
      La Pioggia Acida corride il metallo e consuma la pietra, rovina i vestiti, uccide i pesci e infligge 1d6 danni al minuto a chi vi si trova sotto. E anche altri danni dopo, se non vi togliete in fretta i vestiti e vi lavate la pelle. 
      La Pioggia di Pittura è in tanti colori diversi. D6: rosso, arancione, giallo, verde, blu, viola. Per lo più è inoffensiva, ma quella verde causa avvelenamento da mercurio e quella blu allucinazioni. Le superfici (e la gente) restano colorate finché non vengono pulite con acqua normale. 
      La Pioggia Miasmatica causa vomito e mutazioni se si viene colpiti anche da poche gocce. Un tiro salvezza nega questo effetto. Sembra un liquido bruno-dorato sottile, che odora come una pila di capre morte di dissenteria da una settimana. Usate la vostra tabella delle mutazioni preferita. Dopo la pioggia alcuni strani funghi marroni spuntano su qualsiasi superficie non sia metallica.
      La Pioggia Invertita estrae l'acqua dalle superfici e la tira su sulle nuvole. Se una creatura non è al chiuso o sott'acqua prende 1 danno per minuto mentre viene disseccata dolorosamente. Sopra le persone si formano nuvole rosse di sangue. Sopra le foreste, nuvole verdi. La maggior parte delle nubi creare in questo modo sono però brune o giallastre. 
      Il Cielo Allucinante è completamente inoffensivo, ma spaventoso. D6: 1 - occhi e facce osservano dall'alto; 2 - la visione è distorta, è possibile vedere oltre l'orizzonte come se ci si trovasse sul fondo di una scodella; 3 - sembra che il pianeta giri su se stesso mille volte più velocemente del solito, nauseando chi guarda in alto; 4 - strane distese simili a membrane grigie svolazzano in giro, coperte da vene pulsanti di giallo; 5 - luci brillanti e rumori di orchestra, la temperatura si alza di 5 gradi; 6 - le nuvole sembrano branchi di animali che combattono, si accoppiano, corrono...
      Oscurità. Niente sole. Niente luna. Niente stelle. Buio come dentro una caverna. In alto si possono sentire strani suoni striscianti, come se qualcuno stesse cartavetrando un miglio quadrato di pelle d'elefante. E ci sono cose che cercano di raggiungere chi si trova in basso, spengono i fuochi e le luci. Queste cose sono così pressate tra loro nel cielo che nulla vi passa attraverso. 
      Sole della Follia. Il sole si restringe fino ad una piccola punta di luce blu-bianca, anche se è molto più luminoso della luna piena. Chiunque guardi qualsiasi cosa illuminata da questa luce acquosa e bianca resta come sotto shock e fissa davanti a sè mormorando qualcosa sulla "gente che vive dietro al sole". A meno che non superi un tiro salvezza. La città si riempie in fretta di gente con bende sugli occhi, e di gente che prova a derubarla. 
      Invasione dei Soli! Non c'è un solo sole. Ce ne sono centinaia. Di tutti i colori e di tutte le dimensioni. Alcuni crescono, altri si riproducono o si divorano a vicenda. A volte le cose lasciate all'aperto prendono fuoco improvvisamente. La temperatura si alza di almeno 20 gradi. 
      Spazio Distante. Oh, wow. Per 1d6 ore, sembra che la Terra sia stata teletrasportata in un luogo distante dell'universo. C'è il 5% di possibilità che venga scaldata da un secondo sole, il 95% di possibilità che la temperatura invece cali di 5 gradi per ora. C'è un 10% (indipendente) di probabilità di una pioggia di meteore. 
      Aria Spessa. L'aria ha la consistenza dell'acqua. Respirare è faticoso. La gente anziana muore. Pistole e motori non funzionano. I pesci nuotano fuori dall'oceano e nell'aria. Quando questa stranezza termina, tutti i pesci che stavano nuotando sopra la terra cadono e muoiono, le loro bocche gridano mute "Perché???". I pesci muoiono con l'aria di essere stati traditi.
      Pilastri di Antigravità vagano per la terra come se fossero fari proiettati dallo spazio (e potrebbero anche esserlo). Le cose che vengono colte nel raggio cadono verso l'alto per 3d20 secondi prima di cadere di nuovo verso il basso. Le macchine vengono lasciate cadere sugli edifici. I bambini vengono sparpagliati per il parco giochi come uova cadute dall'alto. Le persone furbe restano nelle cantine e si legano al pavimento.
      Bassa Gravità! Tipo, 1/10 del normale! Come essere sulla luna! Puoi saltare davvero distante, e le onde sono davvero fiche! Però lanciare le cose diventa molto più difficile, perché non seguono la traiettoria che ci si aspetta. Anche correre è difficile. Dura 1d20x10 minuti, poi torna tutto normale.
      Vento Vuoto! Se questo vento soffia su una creatura vivente la teletrasporta nel futuro! D6: 1-2 è per 1d6 round; 2-4 è per 1d6 ore; 5 per 1d20 giorni; 6 per 1d6 mesi. C'è un 10% di possibilità che il vento sia etereo, e attraversi muri e soffitti colpendo quindi chiunque sia in casa. Le persone teletrasportate arrivano nude, coperte di scottature e odorano di falò.
      Nebbia Affamata! La nebbia si avvicina a passi felpati su zampe simili a quelle di un gatto con uno grande stomaco e lunghi tentacoli simili a proboscidi di elefanti. Bisogna nascondersi mentre la nebbia abbatte porte e finestre e cerca di risucchiarti nel suo stomaco centrale, dove verrai tenuto sollevato da terra, paralizzato, ruotato lentamente mentre vieni digerito strato per strato. Dura 1d6 ore e di solito lascia pile di ossa, scarpe e portachiavi nella piazza centrale della città.
      Nebbia Ubriaca! Questa nebbia è molto più divertente di quella affamata! Chiunque la tocchi diventa subito brillo. La probabilità di subire un avvelenamento da alcool è bassa, ma meglio non guidare la macchina. La polizia cerca di fermare la gente, ma a sua volta è piuttosto ubriaca. A volte creature malvagie attaccano in coordinazione con questa nebbia, perché sanno che le vittime hanno scarse possibilità di difendersi.
      Pioggia di Pietre! State in casa. La maggior parte delle rocce sono ciottoli, ma alcuni sono grossi come pugni e ci sono 1d4 massi giganti!
      Pioggia di Pietre Invertita! Pezzi di roccia si staccano da ogni superficie e volano in cielo. Sembra che qualcuno abbia dato dei morsi agli edifici. Anche la pelle esposta si spezza in piccole ferite sottili come unghie, con pezzettini di pelle che volano via. 1d6 danni per turno una volta che i vestiti sono stati distrutti (non ci vogliono più che un paio di turni).
      Pioggia degli Orrori! Tira un D6: teschi, scheletri, teste, corpi senza testa, spazzatura, spettri di ectoplasma che strisciano lamentandosi prima di morire. C'è il 20% di possibilità che tutta questa roba prenda vita e attacchi la gente.
      Pioggia di Vermi! La maggior parte dei vermi è lunga 7-8cm e carnivora, ma tirate 1d4x1d4 (x 30 cm) per vedere quanto sono lunghi i più grandi. Questi vermi più grandi sono vermi delle tempeste, con le bocche simili a rasoi elettrici rotanti e la pelle coperta di membrane simili a cuoio. Prendono danno minimo dalla caduta. Per lo più passano il tempo a divorarsi a vicenda, e poi la gente stermina gli altri. Come per un sacco di simili eventi atmosferici, seguono rapine e saccheggi.
      Pioggia di Gelatine! Cadono dal cielo globi di gelatine carnivore. Difficili da uccidere, ma la luce del sole, il fuoco, il freddo e il sale le distruggono. Normalmente sono immobili, ma se mangiano abbastanza carne (se cadono su una sfortunata mandria di bestiame) diventano giganteschi blob che si aggirano per la città divorando le persone. 
      Pioggia di Carne! La maggior parte viene in piccoli morsetti, ma tirate 1d20 e moltiplicate per 50 per vedere quanto pesa (in kg) il più grosso pezzo di carne. Circa il 20% della carne è riconoscibile, il 20% è velenoso e il 20% sembra già essere stato masticato. Un sacco di animali carnivori arrivano dalla campagna. Dopo la pioggia tutti preparano falò di ossa. Se ciò non accade, la settimana successiva ci saranno nugoli di mosche tali da far impallidire le piaghe d'Egitto. 
      Pioggia di Pugnali! In realtà sono "solo" pezzi di ghiaccio estremamente affilato. D4: 1 - stalattiti; 2 - fiocchi di neve shuriken; 3 - nessun pugnale fisico, ma le cose cominciano a mostrare tagli e ferite comunque; 4 - veri e propri pugnali di ferro, ho mentito quando parlavo di ghiaccio.
      Pioggia di Parassiti! D6: rane, locuste, pidocchi, serpenti, pesciolini, ratti. C'è il 50% di possibilità che gli animali siano di specie nuove. C'è anche il 50% di possibilità che abbiano tutti la medesima deformità (niente occhi, niente bocca, niente testa, due teste, senza arti, con zampe da ragno, etc.)
      Pioggia di Benzina! Un pessimo momento per aver voglia di fumare! Ecco perché non abbiamo più edifici di legno. Inevitabilmente alla fine di questa pioggia scoppia qualche incendio. La qualità dell'aria è pessima. Fogne, vie fluviali, fiumi, laghi e oceani tutto quanto va in fiamme. Dopo restano macchie oleose e grumi di genere.
      Pioggia di Fuliggine! Dal cielo cadono cenere e fuliggine bollenti. 1d6 spanne! 1 danno per round finché siete sotto questa pioggia. Dopo è necessario un sacco di lavoro di spartineve e c'è il rischio di soffocare
      Pioggia di Rumore! Dal cielo cadono sbarre di metallo, ma spariscono appena toccano il suolo. Ciascuna sembra un gong, una lavatrice rotta, un rinoceronte in un negozio di cristallo o due scheletri che si accoppiano su un soffitto in lamiera. Impossibile parlare. Copritevi le orecchie o superate un tiro salvezza... per non diventare permanentemente sordi!
      Pioggia di Rabbia! Dal cielo piove sangue! Chiunque si becchi del sangue sugli occhi o in bocca entra in una furia omicida. Per primi uccidono i propri cari! Tutta la musica registrata viene temporaneamente sostituita dai Cannibal Corpse! Anche gli U2! Quando la pioggia termina ogni vittima deve superare un tiro salvezza o restare per sempre affetta da questa folle ira.
      Nuvole Blasfeme! Volti deformi e disumani appaiono sulle nuvole e fanno piovere dall'alto blasfemie, eresie e profanità varie. C'è il 20% di possibilità che divulghino qualche imbarazzante od orripilante segreto dal passato di uno dei personaggi. C'è anche il 20% di possibilità che diffondano orribili bugie in merito ad uno dei personaggi. Se qualcuno risponde alle nuvole, dal cielo scendono vespe agguerrite. Le nuvole parlano nel modo più disturbante possibile: scherzi su bambini morti, insulti agli dei, poesia omoerotica... qualsiasi cosa faccia piangere il maggior numero di bambini!
      Nuvole Incendiarie! Le nuvole diventano rutilanti masse di rossi tizzoni incandescenti. C'è il 20% di possibilità che piova fuoco. C'è anche il 20% di possibilità che diventi una specie di orribile nebbia ustionante.
      Link all'articolo originale: http://goblinpunch.blogspot.com/2012/11/noxious-weather.html
      Visualizza articolo completo
    • By Alonewolf87
      Addentriamoci nelle esotiche terre desertiche di Al-Qadim, tra onore e geni!
      di Colin McLauglhin
      1 Giugno 2016 per il sito tribality.com
      Non molto tempo fa ho scritto un articolo su una delle mie ambientazioni preferite di AD&D 2E, Planescape. Oltre alle scorribande tra i piani era stata la canzone delle sabbie ad aver catturato il mio interesse. Non intendo Dark Sun, con le sue incredibili avventure nelle desolazioni post-apocalittiche, bensì Al-Qadim, la Terra del Destino (Land of Fate). Anche se tecnicamente fa parte dell'ambientazione dei Forgotten Realms Al-Qadim ha ben poco a che fare con il resto di quell'ambientazione. Il collegamento risiede più che altro nei primordiali, che erano un fondamento dell'ambientazione nel passato, ma non altrettanto nell'ambientazione attuale. Anche se sarebbe facile considerare Al-Qadim semplicemente come un richiamo a Le Mille e Una Notte o ai viaggi di Sinbad, in realtà si dimostra ben più ricco di un semplice riadattamento.

      Sarò onesto: non ho letto ogni singolo supplemento pubblicato per l'ambientazione di Al-Qadim. Lo so, la cosa mi rende un fan occasionale. Nonostante questo, la mia occasionalità ha comunque raccolto due terzi dei manuali di ambientazione in buone condizione nel corso di vent'anni. Il fatto che ero a malapena un adolescente quando ho cominciato a collezionarli, penso che sia un indicatore importante di quanto io abbia apprezzato l'ambientazione. Se qualcosa sopravvive a più di tre traslochi vuol dire che è praticamente parte della tua anima. Ho lasciato indietro MOLTI manuali di gioco nel corso degli anni, ma questi sono sempre rimasti con me.
      Terra differente, conflitti differenti
      La cosa che catturò la mia attenzione quando ero giovane fu quanto differente dalla norma appariva questa ambientazione. Quando cominciai a giocare ai giochi di ruolo avevo già letto varie volte le opere di Tolkien. Gli elfi si oppongono agli orchi? Mi sembra naturale! Gli elfi hanno canzoni magiche? Mi sembra naturale! Sia lodato il sole Eru Ilúvatar. La mia giovane mente rimase scioccata quando lessi per la prima volta il materiale di ambientazione di Al-Qadim. Non ci sono tensioni razziali a Zakhara, la Terra del Destino? Orchi e nani vivono uno a fianco dell'altro, parlando la stessa lingua e sposandosi tra di loro come nulla fosse? Cosa?!!
      In realtà i conflitti principali dell'ambientazione sono di moralità: illuminazione contro brutalità, disciplina contro decadenza, pace contro violenza, onore contro disonore. Anche se vengono presentati come conflitti ugualmente importanti, Arabian Adventures si dilunga parecchio per contestualizzare cosa implicano. Lo status e l'onore sono alla base della vita in Zakhara, a tal punto che calcolare numericamente il proprio status è quasi fondamentale nel gioco. Seguendo la tradizione de Le Mille e Una Notte ci sono storie di mendicanti che si fingono califfi e di califfi che si fingono mendicanti. In queste storie il vero status dell'impostore diventa chiaro, non importa quale raggiro si tenta di compiere. Lo status è una forza basilare nel gioco di Al-Qadim, che di base sale con il livello del personaggio, ma è influenzato anche dalle interazioni con gli altri e dalla pura fortuna.
      Gli stranieri sono strani
      I kit (una sorta di sottoclasse per AD&D 2a edizione –ndr) per poter giocare sono completamente separati da quelli esistenti nel resto dei Forgotten Realms. In realtà, se si vuole provenire da fuori Zakhara, gli unici kit che si possono selezionare per i quattro archetipi di classe sono i kit da straniero. Questo serve a rafforzare quanto estremamente differente e segretata dal resto dei Reami voglia essere la Terra del Destino. Altrimenti si possono selezionare i kit degli archetipi Guerriero, Ladro, Chierico e Mago da applicare al proprio personaggio. La mia parte preferita degli archetipi è quante informazioni tematiche forniscano. Guide del deserto, mamelucchi, rawun, ladri-mendicanti, barbieri, schiavisti sacri, stregoni, elementalisti, eticisti, kahin e sha'ir: ciascuno di essi è incredibilmente evocativo e tematico.
      Gli stranieri sono trattati come stranezze e devono impegnarsi per integrarsi nella società di Zakhara. I normali modi di vivere del resto dei Reami porteranno sicuramente ad ostracismo e frustrazione. Avere un titolo nobiliare, terre e potere non significa niente, se gli altri pilastri della vita di Zakhara vengono ignorati. Inoltre la mancanza dei kit di Zakhara implica che gli stranieri non possono sfruttare i poteri che il luogo ha da offrire, che è una parte importante di un gioco esplorativo.

      I pilastri dell'illuminazione
      I popoli illuminati di Zakhara, coloro che risiedono nelle terre governate dal Gran Califfo, hanno cinque linee guida nella propria vita. Questi pilastri sono onore, famiglia, purezza, ospitalità e pietà. La cosa intrigante è che gli antagonisti hanno questi pilastri come fattori che li guidano nelle proprie vite. Per esempio una delle parti più importanti del pilastro dell'ospitalità è il Legame del Sale. Il Legame del Sale esiste per comunicare il tema dell'ospitalità, ma è anche uno strumento incredibilmente utile nell'arsenale del narratore.
      Il Legame del Sale è un'antica tradizione che lega ospite e anfitrione. Quando un ospite accetta il sale dall'anfitrione quest'ultimo sta garantendo la sicurezza dell'ospite per tre giorni, il tempo che si reputa il sale rimanga nell'organismo. L'ospite da parte sua accetta di non arrecare danno all'anfitrione o alla sua famiglia per la stessa durata. Infrangere questo legame apporta tremendi danni all'onore e allo status. Una persona cinica potrebbe dire “Ma a un cattivo cosa importa? Sono tutti disonorevoli!” In realtà Le Mille e Una Notte non sono d'accordo! Anche i ladroni nella storia di Ali Baba e i Quaranta Ladroni non accettano sale da Ali Baba quando tentano di catturarlo per riavere il loro tesoro. I ladroni devono preoccuparsi di cosa i loro seguaci e i loro “colleghi” penseranno. Non è una cosa semplice come bene e male.
      Questo non è il solo pilastro che offre eccellenti agganci per le avventure. Anche famiglia e onore offrono molti spunti. Il concetto della famiglia in Al-Qadim è molto ampio. La società apprezza altamente le famiglie numerose e la lealtà alla famiglia prevale su tutto il resto. Il sangue è più importante di ogni ricchezza materiale e un abitante di Zakhara non penserebbe mai di abbandonare la famiglia. Ovviamente quando una famiglia è così numerosa è praticamente inevitabile che ci sia una pecora nera, qualcuno di troppo avventato o scriteriato. Diventa facile immaginare di dover salvare un familiare, accollarsene i debiti o terminare un lavoro lasciato in sospeso, non importa quanto disdicevole. Potrebbe persino costare dello status, ma sarebbe peggio considerare di non supportare la propria famiglia.
      Perdere la fede
      La fede è un aspetto importante della vita nella Terra del Destino. Le divinità dell'illuminazione non sono come le divinità del resto dei Reami. Non hanno veri e proprie aree di influenza e invece incarnano ideali come saggezza, forza o bellezza; gli ideali di una civiltà illuminata. Questo non implica che le divinità non rispondano alle preghiere dei fedeli. I chierici sono numerosi, presenti ovunque e potenti. Essi sono incredibilmente divisi riguardo al messaggio delle divinità e su come comunicarlo, ed essenzialmente si distinguono in preti erranti che portano il messaggio al popolo (pragmatisti), preti che vivono nei templi dove predicano ai fedeli (eticisti) e preti che partono per delle crociate e che uccidono (moralisti). Naturalmente ci sono anche sagge donne del deserto con il potere di scoprire ogni menzogna e vedere la verità (hakima) e gli strani ed intriganti preti degli idoli (kahin) che adorano luoghi od oggetti di potere. I kahin strettamente parlando non sono druidi, ma lo sono effettivamente.
      Oltre alla fede esistono anche i concetti di Destino e di malocchio. Il malocchio è una maledizione magica molto reale, apposta su un bersaglio per svariate ragioni e porta una sfortuna tremenda al bersaglio finché non viene rimosso. Vi sono naturalmente incantesimi e protezioni contro di esso e si fa di tutto per evitare di essere il bersaglio del malocchio. Ci sono anche coloro che lo cercano volutamente per potersi vantare della propria capacità di sopravviverci. É un aspetto importante dell'ambientazione.
      Il Destino è tutta un'altra questione. Nessuno sa di preciso cosa sia il Destino, anche se si è concordi che è donna e che esiste. É apparsa molto tempo fa come una donna adombrata e ha sussurrato segreti a divinità, geni e uomini. Quando se ne è andata ha lasciato la sua conoscenza nelle mani di una donna che è diventata nota come la Donatrice di Conoscenza (Loregiver). Le pergamene della Donatrice sono state scoperte nel passato di Zakhara e sono diventate le basi dei pilastri dell'illuminazione. Quindi tutti credono nel Destino, la regione prende il nome da lei e le persone possono invocare il Destino e a volte ottenere una risposta. Anche se è meglio che siate disperati prima di provarci.

      Geni a gogò!
      Uno degli aspetti fondamentali e più interessanti dell'ambientazione è l'abbondanza di geni. Sono dappertutto, alla ricerca di posizioni influenti, pronti a interferire e a raggirare le persone, a causare problemi, a cercare di essere adorati e così via. Se siete a Zakhara avere a che fare con i geni è praticamente d'obbligo. Alcuni dei geni possono essere benevolenti, ma hanno tutti i loro scopi personali. Ce ne sono di minori che possono essere controllati ed evocati tramite la magia, mentre i personaggi davvero potenti possono comandare o richiamare anche i geni più forti.
      In realtà esiste un'intera pazza classe basata su di essi, lo Sha'ir! Potrei passare ore a parlare dello Sha'ir ma mi tratterò.
      In ogni caso adoro i geni. Tra i nemici più rari nelle altre ambientazioni, i loro piani sono bizzarri e alieni. Le città dei geni, come la Città d'Ottone, sono luoghi di magiche meraviglie, regole e codici bizzarri e complessi intrighi. Questo diventa particolarmente interessante se si inizia a introdurre fattori come folletti, diavoli e demoni. C'è un vero e proprio mondo magico nascosto che fa parte della vita a Zakhara. Un mischiarsi d'intrighi su intrighi che solitamente non è parte di molte campagne. É sordido in un modo altamente magico, cosa che non si vede così spesso. É incredibile.
      Avventure
      Se state cercando un luogo di grandi avventure al di fuori dell'ordinario potreste pensare di dare una lettura ad Al-Qadim. Personalmente adoro l'ambientazione ed è un ottimo scorcio nel vasto mondo di opzioni che D&D stava perseguendo all'epoca. Ci sono così tante cose strane, sperimentali ed affascinanti in questa ambientazione che si possono ritrovare anche vent'anni dopo in giochi indie. É veramente spettacolare: tornare indietro nel tempo per vedere cosa ci si è lasciati alle spalle durante l'evoluzione del genere è sempre interessante. Ci sono gemme nascoste ovunque, specialmente in questo caso. Provatelo, non rimarrete delusi.
      Articolo originale scritto il 1 giugno 2016 da Colin McLaughlin per il sito tribality.com e pubblicato per gentile concessione.
      Trovate l'originale sul suo sito a questo indirizzo:
      http://www.tribality.com/2016/06/01/the-delightful-oddity-of-al-qadim/

      Sul sito dmsguild.com trovate parecchio materiale su Al-Qadim. I manuali indispensabili per giocare questa ambientazione sono:
      Al-Qadim: Arabian Adventures (il manuale contenente le regole dell'ambientazione);
      Al-Qadim: Land of Fate (la scatola dell'ambientazione).

      Visualizza articolo completo
    • By Alonewolf87
      di Colin McLauglhin
      1 Giugno 2016 per il sito tribality.com
      Non molto tempo fa ho scritto un articolo su una delle mie ambientazioni preferite di AD&D 2E, Planescape. Oltre alle scorribande tra i piani era stata la canzone delle sabbie ad aver catturato il mio interesse. Non intendo Dark Sun, con le sue incredibili avventure nelle desolazioni post-apocalittiche, bensì Al-Qadim, la Terra del Destino (Land of Fate). Anche se tecnicamente fa parte dell'ambientazione dei Forgotten Realms Al-Qadim ha ben poco a che fare con il resto di quell'ambientazione. Il collegamento risiede più che altro nei primordiali, che erano un fondamento dell'ambientazione nel passato, ma non altrettanto nell'ambientazione attuale. Anche se sarebbe facile considerare Al-Qadim semplicemente come un richiamo a Le Mille e Una Notte o ai viaggi di Sinbad, in realtà si dimostra ben più ricco di un semplice riadattamento.

      Sarò onesto: non ho letto ogni singolo supplemento pubblicato per l'ambientazione di Al-Qadim. Lo so, la cosa mi rende un fan occasionale. Nonostante questo, la mia occasionalità ha comunque raccolto due terzi dei manuali di ambientazione in buone condizione nel corso di vent'anni. Il fatto che ero a malapena un adolescente quando ho cominciato a collezionarli, penso che sia un indicatore importante di quanto io abbia apprezzato l'ambientazione. Se qualcosa sopravvive a più di tre traslochi vuol dire che è praticamente parte della tua anima. Ho lasciato indietro MOLTI manuali di gioco nel corso degli anni, ma questi sono sempre rimasti con me.
      Terra differente, conflitti differenti
      La cosa che catturò la mia attenzione quando ero giovane fu quanto differente dalla norma appariva questa ambientazione. Quando cominciai a giocare ai giochi di ruolo avevo già letto varie volte le opere di Tolkien. Gli elfi si oppongono agli orchi? Mi sembra naturale! Gli elfi hanno canzoni magiche? Mi sembra naturale! Sia lodato il sole Eru Ilúvatar. La mia giovane mente rimase scioccata quando lessi per la prima volta il materiale di ambientazione di Al-Qadim. Non ci sono tensioni razziali a Zakhara, la Terra del Destino? Orchi e nani vivono uno a fianco dell'altro, parlando la stessa lingua e sposandosi tra di loro come nulla fosse? Cosa?!!
      In realtà i conflitti principali dell'ambientazione sono di moralità: illuminazione contro brutalità, disciplina contro decadenza, pace contro violenza, onore contro disonore. Anche se vengono presentati come conflitti ugualmente importanti, Arabian Adventures si dilunga parecchio per contestualizzare cosa implicano. Lo status e l'onore sono alla base della vita in Zakhara, a tal punto che calcolare numericamente il proprio status è quasi fondamentale nel gioco. Seguendo la tradizione de Le Mille e Una Notte ci sono storie di mendicanti che si fingono califfi e di califfi che si fingono mendicanti. In queste storie il vero status dell'impostore diventa chiaro, non importa quale raggiro si tenta di compiere. Lo status è una forza basilare nel gioco di Al-Qadim, che di base sale con il livello del personaggio, ma è influenzato anche dalle interazioni con gli altri e dalla pura fortuna.
      Gli stranieri sono strani
      I kit (una sorta di sottoclasse per AD&D 2a edizione –ndr) per poter giocare sono completamente separati da quelli esistenti nel resto dei Forgotten Realms. In realtà, se si vuole provenire da fuori Zakhara, gli unici kit che si possono selezionare per i quattro archetipi di classe sono i kit da straniero. Questo serve a rafforzare quanto estremamente differente e segretata dal resto dei Reami voglia essere la Terra del Destino. Altrimenti si possono selezionare i kit degli archetipi Guerriero, Ladro, Chierico e Mago da applicare al proprio personaggio. La mia parte preferita degli archetipi è quante informazioni tematiche forniscano. Guide del deserto, mamelucchi, rawun, ladri-mendicanti, barbieri, schiavisti sacri, stregoni, elementalisti, eticisti, kahin e sha'ir: ciascuno di essi è incredibilmente evocativo e tematico.
      Gli stranieri sono trattati come stranezze e devono impegnarsi per integrarsi nella società di Zakhara. I normali modi di vivere del resto dei Reami porteranno sicuramente ad ostracismo e frustrazione. Avere un titolo nobiliare, terre e potere non significa niente, se gli altri pilastri della vita di Zakhara vengono ignorati. Inoltre la mancanza dei kit di Zakhara implica che gli stranieri non possono sfruttare i poteri che il luogo ha da offrire, che è una parte importante di un gioco esplorativo.

      I pilastri dell'illuminazione
      I popoli illuminati di Zakhara, coloro che risiedono nelle terre governate dal Gran Califfo, hanno cinque linee guida nella propria vita. Questi pilastri sono onore, famiglia, purezza, ospitalità e pietà. La cosa intrigante è che gli antagonisti hanno questi pilastri come fattori che li guidano nelle proprie vite. Per esempio una delle parti più importanti del pilastro dell'ospitalità è il Legame del Sale. Il Legame del Sale esiste per comunicare il tema dell'ospitalità, ma è anche uno strumento incredibilmente utile nell'arsenale del narratore.
      Il Legame del Sale è un'antica tradizione che lega ospite e anfitrione. Quando un ospite accetta il sale dall'anfitrione quest'ultimo sta garantendo la sicurezza dell'ospite per tre giorni, il tempo che si reputa il sale rimanga nell'organismo. L'ospite da parte sua accetta di non arrecare danno all'anfitrione o alla sua famiglia per la stessa durata. Infrangere questo legame apporta tremendi danni all'onore e allo status. Una persona cinica potrebbe dire “Ma a un cattivo cosa importa? Sono tutti disonorevoli!” In realtà Le Mille e Una Notte non sono d'accordo! Anche i ladroni nella storia di Ali Baba e i Quaranta Ladroni non accettano sale da Ali Baba quando tentano di catturarlo per riavere il loro tesoro. I ladroni devono preoccuparsi di cosa i loro seguaci e i loro “colleghi” penseranno. Non è una cosa semplice come bene e male.
      Questo non è il solo pilastro che offre eccellenti agganci per le avventure. Anche famiglia e onore offrono molti spunti. Il concetto della famiglia in Al-Qadim è molto ampio. La società apprezza altamente le famiglie numerose e la lealtà alla famiglia prevale su tutto il resto. Il sangue è più importante di ogni ricchezza materiale e un abitante di Zakhara non penserebbe mai di abbandonare la famiglia. Ovviamente quando una famiglia è così numerosa è praticamente inevitabile che ci sia una pecora nera, qualcuno di troppo avventato o scriteriato. Diventa facile immaginare di dover salvare un familiare, accollarsene i debiti o terminare un lavoro lasciato in sospeso, non importa quanto disdicevole. Potrebbe persino costare dello status, ma sarebbe peggio considerare di non supportare la propria famiglia.
      Perdere la fede
      La fede è un aspetto importante della vita nella Terra del Destino. Le divinità dell'illuminazione non sono come le divinità del resto dei Reami. Non hanno veri e proprie aree di influenza e invece incarnano ideali come saggezza, forza o bellezza; gli ideali di una civiltà illuminata. Questo non implica che le divinità non rispondano alle preghiere dei fedeli. I chierici sono numerosi, presenti ovunque e potenti. Essi sono incredibilmente divisi riguardo al messaggio delle divinità e su come comunicarlo, ed essenzialmente si distinguono in preti erranti che portano il messaggio al popolo (pragmatisti), preti che vivono nei templi dove predicano ai fedeli (eticisti) e preti che partono per delle crociate e che uccidono (moralisti). Naturalmente ci sono anche sagge donne del deserto con il potere di scoprire ogni menzogna e vedere la verità (hakima) e gli strani ed intriganti preti degli idoli (kahin) che adorano luoghi od oggetti di potere. I kahin strettamente parlando non sono druidi, ma lo sono effettivamente.
      Oltre alla fede esistono anche i concetti di Destino e di malocchio. Il malocchio è una maledizione magica molto reale, apposta su un bersaglio per svariate ragioni e porta una sfortuna tremenda al bersaglio finché non viene rimosso. Vi sono naturalmente incantesimi e protezioni contro di esso e si fa di tutto per evitare di essere il bersaglio del malocchio. Ci sono anche coloro che lo cercano volutamente per potersi vantare della propria capacità di sopravviverci. É un aspetto importante dell'ambientazione.
      Il Destino è tutta un'altra questione. Nessuno sa di preciso cosa sia il Destino, anche se si è concordi che è donna e che esiste. É apparsa molto tempo fa come una donna adombrata e ha sussurrato segreti a divinità, geni e uomini. Quando se ne è andata ha lasciato la sua conoscenza nelle mani di una donna che è diventata nota come la Donatrice di Conoscenza (Loregiver). Le pergamene della Donatrice sono state scoperte nel passato di Zakhara e sono diventate le basi dei pilastri dell'illuminazione. Quindi tutti credono nel Destino, la regione prende il nome da lei e le persone possono invocare il Destino e a volte ottenere una risposta. Anche se è meglio che siate disperati prima di provarci.

      Geni a gogò!
      Uno degli aspetti fondamentali e più interessanti dell'ambientazione è l'abbondanza di geni. Sono dappertutto, alla ricerca di posizioni influenti, pronti a interferire e a raggirare le persone, a causare problemi, a cercare di essere adorati e così via. Se siete a Zakhara avere a che fare con i geni è praticamente d'obbligo. Alcuni dei geni possono essere benevolenti, ma hanno tutti i loro scopi personali. Ce ne sono di minori che possono essere controllati ed evocati tramite la magia, mentre i personaggi davvero potenti possono comandare o richiamare anche i geni più forti.
      In realtà esiste un'intera pazza classe basata su di essi, lo Sha'ir! Potrei passare ore a parlare dello Sha'ir ma mi tratterò.
      In ogni caso adoro i geni. Tra i nemici più rari nelle altre ambientazioni, i loro piani sono bizzarri e alieni. Le città dei geni, come la Città d'Ottone, sono luoghi di magiche meraviglie, regole e codici bizzarri e complessi intrighi. Questo diventa particolarmente interessante se si inizia a introdurre fattori come folletti, diavoli e demoni. C'è un vero e proprio mondo magico nascosto che fa parte della vita a Zakhara. Un mischiarsi d'intrighi su intrighi che solitamente non è parte di molte campagne. É sordido in un modo altamente magico, cosa che non si vede così spesso. É incredibile.
      Avventure
      Se state cercando un luogo di grandi avventure al di fuori dell'ordinario potreste pensare di dare una lettura ad Al-Qadim. Personalmente adoro l'ambientazione ed è un ottimo scorcio nel vasto mondo di opzioni che D&D stava perseguendo all'epoca. Ci sono così tante cose strane, sperimentali ed affascinanti in questa ambientazione che si possono ritrovare anche vent'anni dopo in giochi indie. É veramente spettacolare: tornare indietro nel tempo per vedere cosa ci si è lasciati alle spalle durante l'evoluzione del genere è sempre interessante. Ci sono gemme nascoste ovunque, specialmente in questo caso. Provatelo, non rimarrete delusi.
      Articolo originale scritto il 1 giugno 2016 da Colin McLaughlin per il sito tribality.com e pubblicato per gentile concessione.
      Trovate l'originale sul suo sito a questo indirizzo:
      http://www.tribality.com/2016/06/01/the-delightful-oddity-of-al-qadim/

      Sul sito dmsguild.com trovate parecchio materiale su Al-Qadim. I manuali indispensabili per giocare questa ambientazione sono:
      Al-Qadim: Arabian Adventures (il manuale contenente le regole dell'ambientazione);
      Al-Qadim: Land of Fate (la scatola dell'ambientazione).
    • By Pippomaster92
      Oggi Goblin Punch finisce di parlarci del diverso approccio alla magia sulla base del genere nella sua ambientazione.
      Link alla Parte 1
      Articolo di GoblinPunch del 28 dicembre 2013
      Demografica
      Gli incantatori maschi superano come numeri le loro controparti femminili, e sono molto più visibili. 
      70% maghi monastici (imparano in un monastero). 20% maghi irregolari (imparano come apprendisti di un solo maestro, o da soli) 10% magi meltheriani (imparano a Meltheria o presso altre scuole di magia) Incantatrici donne
      70% streghe irregolari (imparano come apprendiste di una sola maestra, o da sole) 20% streghe di congrega (appartengono ad una congrega segreta con legami familiari) 10% streghe dei culti misterici (fanno parte di misteri occulti femminili in Abasinia o Basharna)
      Non ho idea di da dove venga questa immagine, ma tant'è
      Osservanze dei maghi e Scuole
      Quasi ogni mago fa parte di una scuola. Non si attengono solamente al tema della magia. È una filosofia, uno stile di vita e una serie di bizzarre regole e osservanze che devono mantenere per avere i propri poteri.
      In termini di gioco, questo ha tre effetti:
      Lista degli incantesimi. Gli incantesimi da mago che non compaiono sulla sua lista gli costano 2 slot o 2 Punti Magia in più. I grimori dei maghi di lv1 contengono 1d3 incantesimi dalla loro lista, scelti a caso.  Osservanze. Sono taboo e pratiche che un mago deve tenere in considerazione. Fallire una di queste osservanze comporta una perdita di potere di qualche giorno (infrazione minore) o mese (infrazione maggiore).  Potere unico. Ogni scuola ne ha almeno uno. Sono poteri magici, ma non incantesimi. Ogni scuola li tiene sotto stretto controllo, gelosamente. 
      Tesi specialistica di un mago: ecco cosa sono in grado di fare
      Di seguito ci sono due ordini di maghi monastici, per farvi capire di cosa sto parlando. Un tempo erano un unico ordine, noto come Ordine della Mano Rossa, ma poi è successo un qualche casino e si sono divisi in due gruppi: le Mani Bianche e le Mani Nere. Ora sono, naturalmente, rivali.
      Di tanto in tanto qualche vecchio rimbambito cerca di riportare la Mano Rossa all'antica gloria, ma i due monasteri si alleano ogni volta per fermare questi tentativi. Un po' come quelle coppie di poliziotti che si scontrano sempre ma alla fine catturano il cattivo. 
      In effetti la Mano Rossa non era malvagia, ma per via del gingoismo i tizi che vogliono riportarla in auge sono sempre cattivi.
      In ogni caso la Mano Bianca e la Mano nera hanno le proprie enclave monastiche e comunità con ricche tradizioni, solo non ho voglia di riscrivere tutto ora. Passiamo alla parte interessante. 

      Gli elfi sono intenzionalmente OP a Centerra
      Maghi della Mano Bianca
      I maghi della Mano Bianca hanno la capacità di curare le ferite, far avvizzire gli arti e dare forza alla carne. Il loro potere più famoso è la capacità di toccare una persona e poi lanciarle un incantesimo più tardi, anche a grande distanza. 
      Non indossano alcuna divisa, ma tradizionalmente hanno tutti un cerchio bianco, sia esso disegnato sulla tunica, un orecchino, una cintura o qualcos'altro. Girano a torso nudo ad ogni occasione. 
      Bevono alcol con moderazione e prendono moglie, ma non mangiano carne. Liberano schiavi, animali domestici e cavalcature ogni volta che possono, e non ne usano a loro volta. Rubano, guadagnano e trovano denaro e ricchezze, ma non fanno o accettano regali. Cercare di far loro un favore o donare loro qualcosa è ritenuto molto offensivo. Niente è gratuito, e non cercano o concedono ospitalità senza un pagamento. Hanno la reputazione di essere freddi e poco empatici. 
      Non obbediscono a nessuna legge che non sia la loro.
      Devono indossare un cerchio bianco di qualche tipo, a meno che non sia per una questione di vita e di morte. Non possono mangiare carne. Non possono avere schiavi, animali domestici o cavalcature (a meno che l'animale possa parlare e accettare un pagamento).  Non possono fare o accettare regale. L'ospitalità deve essere ripagata.  Possono toccare una creatura e stringere un legame con essa. Se la creatura è l'unico bersaglio di un incantesimo, il mago può scegliere di spezzare il legame e ignorare qualsiasi limite di gittata dell'incantesimo, fino a 16km per livello da mago. Possono avere un solo legame per volta, ma possono cancellare un vecchio legame con un pensiero. La Mano Bianca usa queste capacità per curare gli alleati a distanza, assicurarsi la fedeltà dei seguaci e mandare messaggi. 

      Incantesimi di Lv1 per la Mano Bianca
      Cura Ferite Leggere
      Individuazione del Magico
      Resistere agli Elementi
      Luce
      Missile Magico
      Muscoli Possenti*
      Rivelazione Olfattiva*
      Dolore*
      Necroscrittura*
      Vigore*
      Vivoscrittura*
      Mano Bianca*

      Muscoli Possenti
      Il bersaglio toccato considera la sua forza come 1 punto più alto quando calcola il danno delle armi. Dura 1 ora/livello. 

      Rivelazione Olfattiva
      L'incantatore riceve un incredibile senso dell'olfatto. Non permette di identificare cose che non sono già state odorate in precedenza. Dura 1 minuto/livello.
      Dolore
      Il bersaglio toccato deve compiere un Tiro Salvezza o subire 2d6 danni psichici. Funziona solo su bersagli che avvertono il dolore. 
      Necroscrittura
      Il cadavere toccato è costretto a rispondere ad una domanda (come Parlare con i Morti). A rispondere è la carne del morto, non la mente. Il corpo risponde onestamente, ma mentre tecnicamente ha esperienza di tutto ciò che la persona percepisce, ricorda solo situazioni che riguardano cibo, sesso, dolore, adrenalina e cose del genere. Di solito il cadavere risponde con la propria bocca, ma potrebbe farlo anche in altri modi. Si può sempre comprendere ciò che dice, anche se a volte può essere involontariamente criptico. 
      Vigore
      La creatura toccata ha i propri punti ferita massimi aumentati di 1/livello. Dura 6 ore. 
      Vivoscrittura
      Come Necroscrittura, ma funziona su corpi viventi. Piuttosto divertente, perché poni una domanda al corpo di una persona e la vedi stringere i denti per non rispondere... e la risposta compare sotto forma di nuove lentiggini sulla fronte. Oppure, la scorreggiano. 
      Mano Bianca
      Una delle mani dell'incantatore diventa dura come l'acciaio. Non diventa più pesante, quindi non infligge danno extra se la usi per pugni o colpi di karate. Non puoi muoverla o piegarla ed è bloccata nella forma che aveva al momento del lancio dell'incantesimo. Ma puoi infilarla nel fuoco senza sentire dolore. Puoi anche usarla per parare i colpi di una spada (come uno scudo, ma solo +1 alla CA). Dura 1 minuto/livello. 

      Costui è troppo strano per essere un guerriero. Forse è un mago, oppure un bardo, chissà...
      Maghi della Mano Nera
      La Mano Nera si occupa di illusioni, magie che influenzano la mente, ed ha potere sul legno. La loro capacità più nota è quella di vedere tramite un oggetto di legno scolpito a loro immagine. 
      Indossano un'uniforme (una tunica nera con guardaspalle triangolari) e si lavano ogni giorno. Portano sempre del sapone, e se l'acqua non è disponibile si coprono di olio d'oliva e grattano via la sporcizia con gusci di conchiglia. Mangiano carne a patto che sia di una creatura uccisa umanamente, ma non bevono alcol e non prendono moglie. Tollerano schiavi, animali da compagnia e cavalcature, ma non usano schiavi e animali da compagnia. Se hanno un cavallo sono sempre molto gentili con esso. 
      Tutti i Maghi della Mano Nera si considerano nobili e questo orgoglio è la fonte del loro potere. Devono essere interpellati con rispetto ("sir", "lord" e "maestro" sono titoli appropriati). Se non rispetti questa piccola forma di cortesia, loro si sentono obbligati a distruggerti. Non è necessariamente una questione di arroganza, ma una semplice regola che devono rispettare per poter usare la magia. Molti sospirano rassegnati e cercano di convincerti a ritirare l'insulto e chiedere scusa, informandoti delle conseguenze. La loro umiltà è (a volte) sincera. 
      Non obbediscono a nessuna legge che non sia la loro.
      Devono indossare tuniche nere con guardaspalle triangolari a meno che non sia questione di vita o di morte.  Devono lavarsi ogni giorno. Non possono bere alcol o avere una moglie.  Devono vendicarsi di qualsiasi insulto, se l'avversario rifiuta di chiedere perdono.  Possono scolpire la propria immagine nel legno. Deve essere identica. Dopo di che possono chiudere i propri sensi e vedere/sentire/odorare/gustare/udire attraverso il viso di legno, ad una distanza pari a 16km per livello da mago. Questo effetto non può essere dispellato, e il vecchio viso deve essere distrutto per poterne creare un altro. I Maghi della Mano Nera la usano come "telecamera di sicurezza" per la propria casa. A volte mettono il volto in cima al bastone, e lo usando per vedere oltre gli angoli. A volte creano un intero corpo, mentre sono in prigione, e lo usano per andare in un bordello o per mandare denaro. A volte può capitare che il viso cada in una palude, e allora restano tristi e cupi per il resto della vita perché possono avvertire solo oscurità, freddo e buio e non possono creare una seconda faccia di legno magica.
      Incantesimi di Lv1 per la Mano Nera
      Illusione Uditiva*
      Mano Nera*
      Charme su Persone
      Individuazione del Magico
      Individuazione delle Illusioni*
      Dendroscrittura*
      Nebbia*
      Missile Magico
      Protezione dal Male
      Leggere il Magico
      Sonno
      Piegalegno*

      Illusione Uditiva
      Crea qualsiasi suono desiderato. Può essere rumoroso come 4 nani chiassosi, o una coppia di leoni. Ha portata 30m, e la durata è su Concentrazione o 1 minuto/livello, la più corta delle due. 
      Mano Nera
      Una delle tue braccia diventa invisibile. Ricevi un braccio illusorio, nello stesso lato, e puoi controllarlo liberamente. Non può fare nulla che il tuo vero braccio non possa normalmente fare (non può, per esempio, diventare un cannone). Oggetti piccoli che reggi nel braccio invisibili, come una daga, sono invisibili a loro volta. Se lanci questo incantesimo due volte avrai due braccia invisibili. Dura 1 minuto/livello. 
      Individuazione delle Illusioni
      Ti permette di capire se qualcosa è illusorio. Funziona su tutti i sensi. Se c'è qualcosa di invisibile puoi vedere dove si trova, ma è comunque sfocato e probabilmente non potrai identificarlo. 
      Dendrografia
      Ti permette di chiedere una singola domanda ad un albero che stai toccando. La risposta compare in lettere sul tronco ed è permanente (almeno finché non cresce nuova corteccia). Gli alberi conoscono un bel po' di cose sul tempo atmosferico e hanno un forte senso della cronologia, ma non fanno troppe distinzioni tra animali (a parte per la taglia). Chiacchierano molto tra di loro, spettegolando, e potrebbero avere notizie da luoghi lontani. 
      Nebbia
      Esali un soffio di nebbia. La zona entro 9m da te è densa come zuppa di piselli. 
      Piegalegno
      Come Deformare il Legno, ma devi toccare l'oggetto su cui lo lanci. Un po' di legno si piega o si alliscia, come per Deformare il Legno. Le porte possono essere piegate e bloccate. Le porte piegate possono essere raddrizzate. Le armi con asta di legno ricevono un -2 al txc per via della forma ritorta. 

      Scommetto che pensate che anche questo è un mago
      Link all'articolo originale: http://goblinpunch.blogspot.com/2013/12/sister-witches-and-monastic-wizards.html
      Visualizza articolo completo

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.