Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

In arrivo la Guida di Van Richten a Ravenloft, la Guida Omnicomprensiva di Xanathar e lo Schermo del Dungeon Master Reincarnato

Sono stati annunciati ufficialmente dalla WotC tre nuove localizzazioni italiane di prodotti per D&D 5E.

Read more...
By Lucane

I Mondi del Design #13: Le Quattro Fasi della Magia - Parte 3

Lew Pulsipher ci propone una serie di domande circa la diffusione della magia nel mondo di gioco, offrendo spunti di riflessione sui quali costruire campagne e ambientazioni più interessanti. 

Read more...

Classe Armatura in Dungeons & Dragons 5E

In questo articolo analizziamo i maggiori cambiamenti alla Classe Armatura nella Quinta Edizione di Dungeons & Dragons.

Read more...

Personaggi di Classe #2 - Collegio Bardico: Collegio del Metal

Nel secondo appuntamento con HicksHomebrew conosceremo un collegio bardico che insegna a cantare in growling e a realizzare potenti assoli. Preparatevi a pogare!

Read more...

Il Manuale dei Sandbox

In questo articolo di Gareth Ryder-Hanrahan vedremo un metodo particolare per la creazione di un sandbox. 

Read more...

Pubblicato nuovo Gioco di Ruolo "Gleba vita nel Medioevo"


alessiob
 Share

Recommended Posts

Salve ragazzi, vi comunico che è uscito "GLEBA Vita nel Medioevo", un nuovo Gioco di Ruolo con ambientazione medievale, che vi catapulterà in un epoca buia in cui sarà un impresa passare ogni giorno della vostra miserabile vita. Interpreterete un servo della gleba e dovrete lavorare, combattere o rubare per sopravvivere.

Il gioco (con le sue 380 pagine) dispone di un sistema economico coerente che parte dalle materie prime per arrivare ai prodotti finiti, grazie a più di 60 schede lavorative attraverso le quali i giocatori possono realizzare qualsiasi prodotto dell'epoca (Allevamento degli animali; Coltivazione; Produzione di armi, strumenti e alimenti; Costruzione degli edifici, e tanto altro). Il regolamento del gioco è molto semplice e per le prove utilizza il lancio di due dadi a sei facce.

Nel sito ufficiale vi sono tutte le informazioni sul gioco ed è possibile sfogliare alcune pagine del manuale: http://www.glebagdr.it/

Un gioco tutto Italiano! :cool:

Link to comment
Share on other sites


Ti diro è originale ma secondo me diventerà davvero famoso solo dopo la prima espansione che coinvolga le classi eroiche visto che la promessa di giocare il personaggio dopo aver fatto il botto ha tanti piace allora sarà più facile convincere i giocatori fare il contadino o l'acchiappa topi...Fra i pregi annoverei il fatto che tenta di essere un gioco umoristico che tenta di scherzare sul vero medioevo ma pecca secondo me su lato gestione stat dove potevano sudividerle meglio o essere più precisi visto che mi pare un po' strano che sia la forza ha determinare dopo quante ore lavorative può reggere il pg ma non il corpo,che possedere grazie alta sia uno svantaggio se si prende infamia o che le stat non si collegano alle abilita. Poi una cos am questi autori hanno scritto altri giochi prima di questo?

P.s:Mi piace che alle classi si sia dato una capacita speciale ed tematica per caraterizarle:cool:

Poi se volevano far pessare il fatto che i pg siano degli uomini-comuni nel metodo di creazione con i punti liberi non dovevano darli ben 11 visot che facendo 2 conti l'uomo media avrà si è no 2 ad ogni stat ed far personaggi in cui vano in giro 3 stat ha 3 ed una ha 2 o invece una stat ha 4,l'altra ha 3 ed le ultime due ha 2 fa pensare che i pg siano tizi palesemente oltre la media ed quindi suggerirei di portare i punti liberi da 11 ha 9 per ridimensionare i pg......

Link to comment
Share on other sites

Ciao Vorsen, ti ringrazio per le tue considerazioni che sono molto ben accette.

Ho realizzato personalmente Gleba (in sei lunghi anni di lavoro) grazie anche all’aiuto di numerosi amici che hanno svolto i playtest del gioco. La sua pubblicazione è stata motivata dall’incredibile successo che ha riscosso il gioco fin dalle sue prime forme, (siamo arrivati a 20 giocatori contemporaneamente), per questo ho deciso di raccogliere tutto il materiale realizzato per elaborare un manuale organico che potesse essere utilizzato da altri gruppi di giocatori.

Noto con piacere che hai subito capito la filosofia del gioco che in effetti ha un tono umoristico nei confronti del medioevo storico (questo gioco ci ha regalato veramente tante risate e momenti indimenticabili).

Rispondendo alle tue considerazioni:

Uno dei punti di forza del gioco, molto apprezzata dai giocatori che lo hanno testato, è stata proprio la semplificazione degli attributi rispetto ad altri giochi di ruolo.

L’attributo Forza, come spiegato nel manuale, racchiude in se sia la “forza fisica” che la “forza lavoro” del personaggio.

L’attributo Grazia consente di acquisire anche infamia perchè questo è un vantaggio per tutti coloro che vogliono seguire una carriera criminale, infatti nel manuale è spiegato che l’infamia equivale alla fama per tutti coloro che vivono nella criminalità.

Ti assicuro che gli 11 punti per gli attributi sono al limite. In Gleba non esiste un PNG con meno attributi dei personaggi di partenza. Nella sezione dedicata ai PNG si spiega che quasi tutti nel mondo, a parte i personaggi, hanno più di una classe e più di un potenziamento. Per esempio, il padre e la madre dei giocatori della famiglia nella quale iniziano il gioco, possiedono più classi e potenziamenti, il che equivale a un punteggio di attributi più alto dei giocatori.

Se hai altri dubbi o domande chiedimi pure :cool:

Link to comment
Share on other sites

Quindi una cosa quindi secondo al logica del gioco alla fine non esistono uomini comuni nel gioco al livello di stat oppure quale un punteggio da uomo medio? è il 3(telo chiedo perché il di 4 all'inizio ed quello di 6 con gl'avvanzamenti sembrano punteggi alti per un'uomo)?Infine sul fatto del possedere più classi non vuoldire semplicemente avere le abilita di 2 o più classi visto che la capacita speciale caratterizzante della classe stessa si usa quella dell'ultima classe acquisita?Poi perché si è deciso di scollegare abilita ed caratteristiche l'une dalle altre?

Link to comment
Share on other sites

Nella fase di creazione del personaggio il punteggio di attributo medio è di 3. Il punteggio medio dei PNG servi della gleba è invece di 4. Durante il gioco i personaggi acquisiscono nuove classi e nuovi potenziamenti con i quali migliorare i propri attributi e le proprie abilità. Punteggi di attributo di 5 o 6 sono considerati molto alti e per questo li possiedono solo PNG particolarmente dotati o personaggi con molti potenziamenti alle spalle.

Durante il gioco i personaggi acquisiscono sempre più classi e possono usare tutte le relative capacità. Per farti un esempio un personaggio con tre classi possiede anche le tre rispettive capacità che può usare indistintamente nel momento del bisogno.

La scelta di scollegare attributi da abilità è una delle caratteristiche migliori di Gleba ed è stato molto apprezzato dai playtester. Questo permette di rendere il gioco semplice e consente una maggiore personalizzazione del personaggio che può focalizzarsi sulle abilità, cioè su quello che sa fare piuttosto che vincolarlo ai suoi attributi di partenza. Per farti un esempio anche giochi di successo come Ultima online o il Skyrim utilizzano un sistema basato sulle abilità per consentire una personalizzazione a 360 gradi del personaggio.

Agli attributi sono state date delle rilevanze specifiche e fondamentali all’interno di Gleba, una novità rispetto ai giochi di ruolo tradizionali (la Grazia influenza la fama del personaggio, la Mente i punti Volontà, la Forza la quantità di lavoro che può sostenere e il Corpo la capacità di superare l’inverno).

Se hai altre curiosità resto a tua disposizione :cool:

Link to comment
Share on other sites

Il dubbio si incentrava su questa cosa dello scolegamento delle abilita dalle caratteristiche proprio perché leggendo le descrizione di certe abilita ed caratteristiche come quelle sociali in cui mi pare strano che siano scollegate dalla stat Grazia.Poi una cosa ma il combat come viene gestito di preciso?Poi infine spiegami una cosa:Ma i pg quando creano il personaggio all'inizio quale la sua eta di partenza?Quando un pg muore il nuovo personaggio che lo sostituisce riparte per forza da 0 oppure no?Da quel che ho capito al logica del gioco è "questo è un mondo in cui quasi tutti sono degli sfigati ma tu caro ragazzo sei uno dei più sfigati purtroppo......":D

Link to comment
Share on other sites

Il master può adottare due stili di combattimento differenti in base alle sue necessità , esiste il combattimento a Turni simultanei in cui avviene una prova contrapposta in Usare Armi (Asce, Spade, Coltelli, Mazze) e il personaggio che totalizza il numero maggiore mette a segno un colpo, in caso di parità nessuno dei due colpisce l'avversario.

Oppure il metodo di combattimento a turni alternati, in questo caso può alternare attacco e difesa, sempre utilizzando Usare Armi. Il giocatore con la Grazia più alta inizia per primo ed effettua un attacco, il giocatore in difesa può tentare una parata se l'attaccante utilizza un arma da mischia. A questo punto si riparte con il giocatore in difesa che effettua un attacco e l'avversario che tenta di parare. Il combattimento prosegue in questo mono fin quando uno dei due non si arrende o muore.

Per condurre un combattimento di gruppo in Gleba si predilige il sistema Flessibile che tenta di essere più realistico. Questo è lo stile che viene principalmente usato, in cui si tirano poche volte i dadi. Il Master indica a grandi linee dove si trovano i giocatori e quale è la situazione, poi a sua discrezione, comincia da un giocatore (o anche da un PNG nemico), chiedendogli cosa desidera fare. A turno i giocatori descrivono cosa tenta di fare il loro personaggio (considerando cosa potrebbe fare ragionevolmente in un azione di qualche secondo), il Master valuta se la cosa è verosimile e determina se consentirla, limitarla o proibirla. Quando ha fatto compiere un azione ad ogni giocatore e PNG presente, ricomincia il giro, partendo anche da un altro giocatore, fino alla risoluzione della situazione. In altri casi potrebbe cominciare da chi ha il valore di Grazia più alto. Le azioni che possono essere compiute dai giocatori riguardano cosa ragionevolmente potrebbero fare dalla posizione in cui partono con una manciata di secondi a disposizione. In certi casi il Master può dilatare il tempo e per esempio far compiere più azioni ad un giocatore, come prendere un pugnale, correre verso un amico, passarglielo e dare anche un calco alla persona che lo aggredisce, ma lo stesso potrebbero fare i PNG.

La gestione della morte del personaggio è, come molte cose all’interno del gioco, una scelta del Master. Alcuni metodi prevedono che il giocatore riprenda il gioco con un personaggio che è il fratello del defunto, ha a disposizione lo stesso numero di classi e potenziamenti e per questo non perde il progresso del gioco, ma perde tutto il denaro e le risorse accumulate. Master più magnanimi possono permettere di far ereditare alcuni beni del fratello defunto; vi sono anche altre possibilità che permettono, per le campagne più lunghe e impegnative, di evitare la morte del personaggio a prezzo di una pesante penalità per un intero anno di gioco.

All’inizio del gioco i personaggi vivono in una famiglia contadina ed hanno circa 20 anni. Il master può ovviamente variare come meglio crede l’età oppure i giocatori potrebbero cominciare con la loro età reale. Come hai ben capito, la logica di Gleba è proprio quella di cominciare all’ultimo gradino della società e in questo essere tra i più sfigati. Spetta al giocatore riuscire a scalare la vetta o soccombere nel tentativo. Tutto questo rende il gioco molto divertente, specialmente nelle prime fasi in cui i giocatori si scervellano per ottimizzare le risorse necessarie alla loro alimentazione e fanno veramente di Tutto anche per due soldi, le risate sono assicurate.

Durante i playtest è rimasta storica una scena in cui un vecchio avvicinò i personaggi disperati e, per proporgli un incarico, si limitò a dire: “Ho solo una domanda: vi piacciono i soldi?” (in realtà lo disse in forte dialetto), i nove giocatori presenti risposero “Si” all’unisono, e seguirono il vecchio in un avventura senza avere la minima idea di cosa stessero andando a fare.

Link to comment
Share on other sites

Comunque sono ancora dell'idea che un minimo di colegamento fra stat ed abilita si deve essere in quel gioco visto che certe abilita te lo dicono in faccia come bevitore sembra molto collegato al corpo.ed uno dei modi che mi vengono in mente senza portare chisa quale grandi modifiche nel gioco sarebbe quella di usare come tetto massimo delle abilita le stesse caratteristiche nel senso che se hai 3 in una particolare stat le abiltia in collegate quella stat non possono andare oltre ha 3 appunto.......

Link to comment
Share on other sites

La tua idea di un tetto massimo alle abilità vincolato dal valore degli attributi è molto interessante e si potrebbe applicare senza stravolgere troppo il gioco, tuttavia alla fine bisogna sempre tenere a mente una cosa: il divertimento e la semplicità. Serve veramente questo collegamento? In Gleba gli attributi sono tutti molto importanti e hanno un loro ruolo, le abilità anche, collegarli significa in pratica limitare le possibilità dei giocatori in un gioco estremamente libero solo a nome di un qualche tipo di realismo. Ma a ben pensarci nella realtà non funziona così. Siamo sicuri che sia il corpo a determinare la mia abilità di bere alcolici? Conosco gente gracile e malaticcia che è capace di bere per ore senza problemi o persone grosse e robuste crollare dopo qualche bicchiere di vino. Non credo che nella vita reale sia la “destrezza” di una persona a determinare la sua abilità nel tirare con l’arco, nel torneo svoltosi nel carnevale storico della nostra zona il vincitore era un uomo in evidente sovrappeso che di destrezza aveva ben poco. Credo che il motivo per cui molti GDR moderni stanno scollegando le abilità dagli attributi sia proprio per fornire al giocatore più realismo e libertà.

Link to comment
Share on other sites

Vabe la mai idea usala come variante(mi è venuta in mente perché un gioco molto famoso come SW usa un metodo simile anche se poi usa il fatto che se si sviluppa un'abilita oltre il tetto della stat bisognava pagarla di più in punti avanzamento ed simili per simboleggiare il talento naturale di una persona).

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.