Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0
Anderas

Lovecraft con gli elfi

23 messaggi in questa discussione

Buongiorno a tutti. Ecco il dubbio di oggi: Sto progettando una campagna alla Howard Phillips Lovecraft (Dei mosturosi da altri universi, antiche civiltà aliene ecc ecc) ma mi trovo in difficoltà a sposare tutto questo con altri aspetti più "classici" di D&D (Elfi,Gnomi,draghi ...) mantenendo un minimo di coerenza nell'ambientazione. Consigli? suggerimenti?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

beh, in realta' non e' tanto difficile... ci sono classi di prestigio fatte apposta (alienista...) ed anche regole specifiche; in Golarion (pathfinder) fanno addirittura parte a pieno titolo dell'ambientazione.

quanto allo sposarsi all'ambientazione, non vedo grossi problemi: gli antichi sono una cosa avulsa da tutto, e puoi tranquillamente "incollarli" in qualunque contesto (fantasy, fantascenza, contemporaneo...); avrai un elfo mago ed un nano guerriero anziche' un ingegnere Svizzero ed un aviatore Italiano; tanto, se finiscono a R'iel so c****o addosso lo stesso ;-)

A Anderas piace questo contenuto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

I consigli sono tanti, ma principalmente riconducibili a uno: niente è "puro", e quanto più una cosa è antica e lontana dalla dimensione "umana" tanto più cela un orrore.

Gnomi: esistono gnomi delle profondità più forti di quelli di superficie, no? E se gli gnomi delle profondità fossero la razza originaria? I loro cugini di superficie avrebbero perso i loro poteri a seguito di un esodo che li ha legati alla natura anziché alle profondità della terra, un esodo dettato dalla stessa causa che sta riducendo drasticamente i numeri degli gnomi originari: la caccia spietata che i mind flayer danno loro per trasformarli negli strangolatori mediante un rituale corrotto.

(idea che avevo in mente già da parecchi anni, mai sfruttata; se la sfrutti tu ti ringrazio)

Elfi: campano tantissimi anni, quelle che per un umano sono 4-5 generazioni per un elfo equivalgono alla giovinezza, quello che gli umani col tempo tenderanno a dimenticare per gli elfi sarà storia recente, vista dai loro padri o coi propri occhi (immagina se oggi vivesse qualcuno che ha visto la Rivoluzione Francese, magari prendendovi parte e conoscendo in prima persona piccoli dettagli dimenticati, o meglio ancora immagina se quando il cristianesimo divenne religione di stato dell'impero romano ci fosse stato qualcuno che ne avesse visto le origini a partire dalla predicazione originaria, manovrando magari le diverse correnti dottrinali che si sono affrontate per secoli). Questo ne fa i custodi perfetti per i segreti più oscuri, gli esecutori ideali per i piani a più lungo termine, i cultisti definitivi. E poi sono una razza fatata, no? Una razza "aliena" rispetto all'uomo. Recuperando un po' dei melniboneani di Moorcock, poi, il gioco è fatto.

Nani: sono avidi, giusto? E scavano in profondità. E che cosa avranno mai trovato a forza di scavare? Che cosa avranno risvegliato? A quali patti dovranno essere scesi per evitare l'annientamento?

Draghi: i draghi sono antichissimi, no? Quindi, magari, avranno combattuto alcune battaglie contro altre creature antiche, creature che magari loro hanno a loro tempo sconfitto e sigillato, ma... ma poi si sono lasciati andare, con la vittoria è arrivato l'orgoglio e con l'orgoglio il declino, le varie fazioni in lotta fra loro hanno perso terreno a favore delle razze mortali... ed è all'orecchio dei mortali che sussurrano i loro antichi nemici. Per ogni drago ucciso da un gruppo di "eroi", il vincolo che tiene a freno le entità antiche si indebolisce ulteriormente. Presto, molto presto, esse torneranno libere.

Sono solo degli spunti, ma con la giusta ottica ci si può lavorare. ;)

A Anderas, New One e sani100 piace questo contenuto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Già in D&D ci sono moltissimi elementi che strizzano l'occhio a Lovecraft. Il Reame Remoto ad esempio mi pare perfetto per trasmettere lo stato di "lontano dalla dimensione umana" tipico di Lovecraft.

Anche i demoni obyrith, incarnazione del caos primordiale dell'Abisso. Abbiam pure le varie "form of madness" simili ai "tiri sanità" come nel richiamo di Cthulhu.

Creature "classiche" di D&D, come Beholder e Mind Flayer, direi che sono abbastanza "aliene" nell'aspetto e la mentalità per sembrare nemici "non a misura d'uomo". Poi i kuo toa di fatto sono gli abitatori del profondo. Abbiam pure il principe demoniaco Dagon da far adorare loro.

Magari potresti considerare anche il manuale "Elder Evils", che dà vari esempi molto simili al "risveglio di un grande antico", per trarre spunto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

quanto allo sposarsi all'ambientazione, non vedo grossi problemi: gli antichi sono una cosa avulsa da tutto, e puoi tranquillamente "incollarli" in qualunque contesto (fantasy, fantascenza, contemporaneo...); avrai un elfo mago ed un nano guerriero anziche' un ingegnere Svizzero ed un aviatore Italiano; tanto, se finiscono a R'iel so c****o addosso lo stesso ;-)

ed eccoci al punto. per wquanto riguarda illithid kuo toa aboleth e comapagnia bella non c'è problema, i miei dubbi fondamentalmente sono tutti riconducibili all'origine delle razze base del manuale del giocatore.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Giusto per curiosità, i giocatori possono scegliere solo gli umani, o anche le altre razze base?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Controlla il Nephandum e vedi se è un manuale che ti da quello che cerchi.

Un alternativa se vuoi sbatterti un po' (parecchio), è quella di collegare la campagna ai nove inferi e alla storia precedente la caduta di Asmodeus, quando il piano era governato dagli antichi baatoriani, che furono sconfitti e sterminati dallo stesso Asmodeus (che non ha niente a che vedere con quello che trovi sul manuale delle fosche tenebre, ma che dovrebbe essere uno tra i solar più antichi, corrotto al male e scagliato non si sa bene da chi nei nove inferi, fino a incastrarsi nelle spire del serpente. Quello che trovi sul manuale delle fosche tenebre si dice sia una forma molto avanzata di immagine proiettata o una qualche altra forma di proiezione o simulacro).

Gli antichi baatoriani, erano di una malvagità diversa rispetto a quella imposta da Asmodeus, che ha forgiato i nove inferi a proprio personale gusto morale, e questo ti lascia libero gioco su che tipo di entità vuoi contrapporre ai giocatori. Di qui ti si apre il campo a due possibilità: o colleghi la cosa al reame remoto, come già suggerito, oppure, e io propendo per questa, al Nephandum e alle entità ad esso collegato.

Considera che in una campagna epica il vero Asmodeus è potente... "Molto" potente, e, seppur vittorioso, dallo scontro con queste entità ne è uscito con le ossa rotte, quindi oltre alle varie fazioni classiche contrapposte su piano morale e etico, se ne aggiunge un'altra, e in questo caso i giocatori potranno decidere se allinearsi agli inferi di Asmodeus, a queste entità che mirano a cacciare Asmodeus, ai demoni o ai celestiali che mirano a far si che entrambe queste fazioni si facciano più danni possibili a vicenda (e qui si aprirebbe la strada a una curiosa collaborazione tra celestiali e demoni, pur di scassare le ossa ad Asmodeus, che pare stia cominciando a riprendersi dalle ferite subite decine di migliaia di anni fa, durante questa antica guerra).

Questa è l'idea per una campagna che nasce probabilmente dai primi livelli e continua su piano epico intorno al quarantesimo e oltre.

A Anderas piace questo contenuto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Giusto per curiosità, i giocatori possono scegliere solo gli umani, o anche le altre razze base?

tutte le razze di base elfi nani gnomi mezzorchi hafling infatti è sull'origine di costoro che ho dei dubbi. non so se mastichi Warhammer fantasy ma li se la sbrigano in rapidità dicendo che tutte le razze umanoidi sono state create dagli antichi(creature simili-lucertoloidi) "così per" ma mi sembra un po' troppo facilona come soluzione. nella mia campagna volevo assegnare uno "scopo" specifico ad ogni razza.

Controlla il Nephandum e vedi se è un manuale che ti da quello che cerchi.

Un alternativa se vuoi sbatterti un po' (parecchio), è quella di collegare la campagna ai nove inferi e alla storia precedente la caduta di Asmodeus, quando il piano era governato dagli antichi baatoriani, che furono sconfitti e sterminati dallo stesso Asmodeus (che non ha niente a che vedere con quello che trovi sul manuale delle fosche tenebre, ma che dovrebbe essere uno tra i solar più antichi, corrotto al male e scagliato non si sa bene da chi nei nove inferi, fino a incastrarsi nelle spire del serpente. Quello che trovi sul manuale delle fosche tenebre si dice sia una forma molto avanzata di immagine proiettata o una qualche altra forma di proiezione o simulacro).

Gli antichi baatoriani, erano di una malvagità diversa rispetto a quella imposta da Asmodeus, che ha forgiato i nove inferi a proprio personale gusto morale, e questo ti lascia libero gioco su che tipo di entità vuoi contrapporre ai giocatori. Di qui ti si apre il campo a due possibilità: o colleghi la cosa al reame remoto, come già suggerito, oppure, e io propendo per questa, al Nephandum e alle entità ad esso collegato.

Considera che in una campagna epica il vero Asmodeus è potente... "Molto" potente, e, seppur vittorioso, dallo scontro con queste entità ne è uscito con le ossa rotte, quindi oltre alle varie fazioni classiche contrapposte su piano morale e etico, se ne aggiunge un'altra, e in questo caso i giocatori potranno decidere se allinearsi agli inferi di Asmodeus, a queste entità che mirano a cacciare Asmodeus, ai demoni o ai celestiali che mirano a far si che entrambe queste fazioni si facciano più danni possibili a vicenda (e qui si aprirebbe la strada a una curiosa collaborazione tra celestiali e demoni, pur di scassare le ossa ad Asmodeus, che pare stia cominciando a riprendersi dalle ferite subite decine di migliaia di anni fa, durante questa antica guerra).

Questa è l'idea per una campagna che nasce probabilmente dai primi livelli e continua su piano epico intorno al quarantesimo e oltre.

ciao è una bellissima idea ma nella mia cosmologia proprio in nome dell'assenza di conflitto bene/male e di una precisa morale di riferimento non esistono ne piani immondi ne piani celestiali, solo il piano materiale, il mondo del sogno(leggi piano etereo), e un universo di follia in cui danzano immondi e blasfemi dei la cui sola vista blablabla .....

Nota - %2$s I doppi post sono vietati dal regolamento, ti ricordo che è possibile modificare un messaggio entro 24 ore dal suo invio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

tutte le razze di base elfi nani gnomi mezzorchi hafling infatti è sull'origine di costoro che ho dei dubbi. non so se mastichi Warhammer fantasy ma li se la sbrigano in rapidità dicendo che tutte le razze umanoidi sono state create dagli antichi(creature simili-lucertoloidi) "così per" ma mi sembra un po' troppo facilona come soluzione. nella mia campagna volevo assegnare uno "scopo" specifico ad ogni razza.

Beh, ne "Le montagne della follia", Lovecraft immagina che gli umani (o, meglio, gli ominidi primitivi da cui discendiamo) siano stati creati dagli Antichi come giullari e schiavi... trovare la "nicchia" più adatta ad ogni razza non dovrebbe essere così difficile, basta dare un'occhiata al loro stile di vita e a cosa sanno fare meglio (nani = minatori, elfi = cacciatori, orchi = guerrieri, eccetera).

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Beh, ne "Le montagne della follia", Lovecraft immagina che gli umani (o, meglio, gli ominidi primitivi da cui discendiamo) siano stati creati dagli Antichi come giullari e schiavi... trovare la "nicchia" più adatta ad ogni razza non dovrebbe essere così difficile, basta dare un'occhiata al loro stile di vita e a cosa sanno fare meglio (nani = minatori, elfi = cacciatori, orchi = guerrieri, eccetera).

si è che non mi piaceva l'odea di ricondurli tutti ad un'origine comune. per gli orchi comunque ho risolt: nella mia ambientazione due razze aliene si sono fatte guerra e quell adiciamo "più buona" secondo i nostri canoni ha imprigionato l'altra in un sotto-piano all'interno di quello materiale. gli orchi sono stati messi a guardia dei portali che conducono a questo piano, ma col tempo ne sono stati corrotti. mi sono basato sul mito etrusco che vedeva la figura dell "Orcus" come guardiano degli inferi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

si è che non mi piaceva l'odea di ricondurli tutti ad un'origine comune. per gli orchi comunque ho risolt: nella mia ambientazione due razze aliene si sono fatte guerra e quell adiciamo "più buona" secondo i nostri canoni ha imprigionato l'altra in un sotto-piano all'interno di quello materiale. gli orchi sono stati messi a guardia dei portali che conducono a questo piano, ma col tempo ne sono stati corrotti. mi sono basato sul mito etrusco che vedeva la figura dell "Orcus" come guardiano degli inferi

Per questo ti ho consigliato il Nephandum, come manuale. L'ambientazione è molto simile a quella di Warhammer, con demoni/divinità che esulano pesantemente dal concetto morale comune a D&D.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

'Spetta, 'spetta: è vero che il Nephandum pesca a piene mani da WH, ma in WH gli dei del Caos sono appunto dei del Caos, e sono "negativi" solo perché negativi sono in prevalenza i sentimenti mortali. Khorne è il dio della guerra e del massacro perché i mortali fanno la guerra in quel modo, in altri contesti incarnerebbe il coraggio più che la violenza; e nel 40K la cosa è resa eloquente con la nascita di Slaanesh, che viene su perverso (con l'aspetto peggiore della passione) per via del suo essere "nato" dagli eldar debosciati. In Nephandum invece i Terrori Ancestrali non sono per forza di cosa caotici, e non hanno "aspetti benevoli", in nessun caso.

Detto questo, se il problema di Anderas sono le origini ripeto quanto detto per gli gnomi: creature del sottosuolo (una razza antica, magari) in fuga dal sottosuolo; magari erano guardiani del mondo sotterraneo prima di essere spodestati. Gli elfi possono essere una razza fatata che è rimasta troppo a lungo nel Piano Materiale e che da esso non riesce più a separarsi, mentre un tempo erano entità aliene che viaggiavano di mondo in mondo. Gli halfling, beh, i mezzuomini sono troppo "buonini" come idea di base, quindi dovrai intervenirci pesantemente. Magari vedendoli come una sorta di "bambini perduti", ecco. Anzi, direi proprio che ci sono: gli halfling nacquero quando un antico sovrano umano del regno di tal dei tali strinse un patto con una qualche entità perfida e malvagia per avere un esercito col quale vendicare l'onta subita in una battaglia che annientò quasi del tutto le sue forze; l'entità accettò, trasformando in halfling tutti i bambini del regno... e reclamando per sé, al momento della morte, l'anima di tutti gli halfling mai nati.

Restano i nani e gli umani. I secondi possono essere la tipica razza di servitori, creata appositamente per svolgere i più disparati compiti in luogo della sua adattabilità, e che successivamente si è liberata quando l'impero dei suoi padroni è crollato.

Mentre per i nani, francamente, non saprei che dire. Tutti i "miti oscuri" legati ai nani alla fine si legano ad aspetti che in D&D sono confluiti in altre creature.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mentre per i nani, francamente, non saprei che dire. Tutti i "miti oscuri" legati ai nani alla fine si legano ad aspetti che in D&D sono confluiti in altre creature.

Provo a dare una mano: i nani sono nati dalla pietra, animatasi in quanto la terra stessa con la sua "volontà" ha dato forma a creature che fossero "carne della propria carne", producendo da sé queste creature, che la difendessero e la proteggessero, per questo i nani sono tanto rigidi e legali, tanto stabili e fissi, e soprattutto tanto abili nelle fortificazioni: il loro compito era quello di difendere, sempre e comunque, come ultimo bastione.

A Anderas piace questo contenuto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non male, tu alle due eri meno cotto di me all'una. :D

Mancherebbe però l'effetto lovecraftiano, la parentesi oscura e inquietante. Magari potrebbero essere in qualche modo collegati a goblinoidi e giganti? Magari i giganti potrebbero essere la vera razza originaria della terra, e i nani potrebbero essere nati come "anticorpi" che dovevano eliminare i suddetti giganti che vivevano come parassiti sul pianeta?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

'Spetta, 'spetta: è vero che il Nephandum pesca a piene mani da WH, ma in WH gli dei del Caos sono appunto dei del Caos, e sono "negativi" solo perché negativi sono in prevalenza i sentimenti mortali. Khorne è il dio della guerra e del massacro perché i mortali fanno la guerra in quel modo, in altri contesti incarnerebbe il coraggio più che la violenza; e nel 40K la cosa è resa eloquente con la nascita di Slaanesh, che viene su perverso (con l'aspetto peggiore della passione) per via del suo essere "nato" dagli eldar debosciati. In Nephandum invece i Terrori Ancestrali non sono per forza di cosa caotici, e non hanno "aspetti benevoli", in nessun caso.

Gli dei del Caos sono negativi perché qualunque sentimento, portato all'eccesso e privo di buon senso e logica, è negativo, fossero anche il coraggio, l'amore o la pietà.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Da background *serio*, NO. Gli dei del Caos sono semplicemente riflessi psichici delle anime mortali. E nel 40K questo è reso più evidente: Khorne è il più forte fra di essi perché da 10.000 anni "c'è solo guerra", ad esempio. E sta nascendo nel warp un'altra entità che non è negativa (lo Starchild, varrebbe a dire il riflesso psichico dell'Imperatore adorato come dio). Questo è uno degli aspetti più belli del Caos warhammeresco: è un riflesso di quel che fanno i mortali, più lo combatti e più lo rafforzi.

Mentre invece le entità lovecraftiane e i Terrori Ancestrali di Nephandum non sono così dipendenti dai mortali - essi sono pedine, anche utili, ma non la fonte del loro esistere, anzi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Da background *serio*, NO. Gli dei del Caos sono semplicemente riflessi psichici delle anime mortali. E nel 40K questo è reso più evidente: Khorne è il più forte fra di essi perché da 10.000 anni "c'è solo guerra", ad esempio. E sta nascendo nel warp un'altra entità che non è negativa (lo Starchild, varrebbe a dire il riflesso psichico dell'Imperatore adorato come dio). Questo è uno degli aspetti più belli del Caos warhammeresco: è un riflesso di quel che fanno i mortali, più lo combatti e più lo rafforzi.

Mentre invece le entità lovecraftiane e i Terrori Ancestrali di Nephandum non sono così dipendenti dai mortali - essi sono pedine, anche utili, ma non la fonte del loro esistere, anzi.

Io non ho detto che sia uguale, ho solo consigliato di leggerlo se gli piace Warhammer.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non rispondo esattamente alla questione posta ma segnalo una cosa che potrebbe essere utile.

Molti moduli d'avventura del retroclone di d&d "lamentations of the flame princess" contengono elementi splatter "ispirati" a Lovecraft.

Metto le virgolette perché non so quanto siano ispirati a Lovecraft (di cui non sono un gran conoscitore) o piuttosto ad opere successive (romanzi, gdr, fumetti) che sì ispiravano ai suoi romanzi.

Molte delle creature contenute nei moduli sono piuttosto weird e splatter (per qualcuno potrebbero benissimo risultare disturbanti).

Per vedere un esempio sì può scaricare la campagna gratuita ambientata durante la guerra dei 30 anni (se ricordo bene, ma l'ho letto velocemente). La trovi sul sito del gioco.

Ad esempio una delle creature ha il potere di attaccarti un arto in una parte del corpo casuale per ogni attacco.

Tutto il gioco è ispirato, dal punto di vista dell'atmosfera, ad opere lovecraftiane (o pseudo-lovecraftiane, come già detto).

Altra fonte di ispirazione potrebbe essere il gdr old school carcosa, che non ho mai letto, ma dalle recensioni dovrebbe avere ancor più questo legame con l'opera lovecraftiana (o pseudo lovecraftiana).

Inviato dal mio MK16i con Tapatalk 2

A Anderas piace questo contenuto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

vedo che la notte porta consiglio! :) bellissime idee complimenti, mi sento quasi in colpa ad usarle nella mia ambientazione :) ! ricapitolando

Umani: servitori come in "alle montagne della follia"

orchi: guardiani dei portali caduti in disgrazia.

gnomi: per loro rimuginavo già da tempo su un fato simile a quello che FeAnPi mi ha suggerito per gli elfi, nella mia cosmologia "Lovecraftiana" ci sono solo tre mondi: quello reale(piano materiale) quello dei sogni (piano etereo) e la dimora degli antichi dei (ReameRemoto/Nephandum). chi dice che in Lovecraft non c'è nessuna contrapposizione bene e male si sbaglia. non c'è in termini evidenti, o salvifici, ma una contrapposizione c'è quella tra la materia, vista come (intrinsecamente corrotta) e l'immaginazione unica ancora di salvezza che ci separa dai baratri della follia ("Alla ricerca del misterioso Kadath"). Tutto questo per dire che: nel mio universo in tempi antichissimi c'è stata una battaglia colossale tra la materia(abberrazioni) e la fantasia (folletti) per il dominio del piano materiale. gli gnomi sono uno strascico di quella guerra, quasi-folletti abitanti un mondo troppo serio per loro.

elfi: in seguito alla dipartita di una razza antica che governava sul mondo gli elfi sono stati "estratti" (non mi è ancora chiaro come) da degli spiriti del mondo del sogno (le driadi per esempio) in modo simile a quello che è avvenuto casualmente per gli gnomi, per svolgere il ruolo di "sovraintendenti alla vita" nel mondo materiale. purtoppo alcuni elfi assetati di conoscenza iniziarono ad uscire dalle foreste e a dedicarsi a studi sempre più controversi sulle forze che sostenevano il mondo (Magia) provocando così lo scisma elfi silvani(fedeli alle antiche tradizioni)/alti elfi(assetati di conoscenza) questi ultimi però finirono a causa delle loro continue interferenze con la trama con lo "scoperchiare" (seppur brevemente) i portali ciò causò le guerre demoniache e la degenerazione degli orchi nella razza di simpaticoni che tutti noi conosciamo. Primo Grande Problema: perchè mai ad una Razza Antica avrebbe dovuto fregargliene qualcosa della vita sul nostro pianeta arrivando al punto di creare una razza (per lo meno all'inizio) "buona" come gli elfi? l'unica risposta che mi viene in mente è che la razza che li ha creati non era propriamente "malvagia" ma piuttosto simile a quella di cui Lovecraft parla ne "L'ombra venuta dal tempo" ossia gli Yth (in lord of madness ci sono gli silthilar, cambia il nome e la forma ma il concetto è o stesso).

nani: bellissima l'idea di Sir Daeltan Fernagdor mi piace il concetto dei nani generatisi dalla roccia (già nelle mie idee iniziali il rigor mortis che soggiunge alla morte dei nani li rende molto simili alla pietra) e la spiegazione della loro tenacità, solo non mi è molto chiara la loro origine

Non rispondo esattamente alla questione posta ma segnalo una cosa che potrebbe essere utile.

Molti moduli d'avventura del retroclone di d&d "lamentations of the flame princess" contengono elementi splatter "ispirati" a Lovecraft.

Metto le virgolette perché non so quanto siano ispirati a Lovecraft (di cui non sono un gran conoscitore) o piuttosto ad opere successive (romanzi, gdr, fumetti) che sì ispiravano ai suoi romanzi.

Molte delle creature contenute nei moduli sono piuttosto weird e splatter (per qualcuno potrebbero benissimo risultare disturbanti).

Per vedere un esempio sì può scaricare la campagna gratuita ambientata durante la guerra dei 30 anni (se ricordo bene, ma l'ho letto velocemente). La trovi sul sito del gioco.

Ad esempio una delle creature ha il potere di attaccarti un arto in una parte del corpo casuale per ogni attacco.

Tutto il gioco è ispirato, dal punto di vista dell'atmosfera, ad opere lovecraftiane (o pseudo-lovecraftiane, come già detto).

Altra fonte di ispirazione potrebbe essere il gdr old school carcosa, che non ho mai letto, ma dalle recensioni dovrebbe avere ancor più questo legame con l'opera lovecraftiana (o pseudo lovecraftiana).

Inviato dal mio MK16i con Tapatalk 2

interessante puoi mandarmi dei link?

Nota - %2$s I doppi post sono vietati dal regolamento, ti ricordo che è possibile modificare un messaggio entro 24 ore dal suo invio

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il manuale del gioco sì trova gratis senza immagini ma non ha molto di particolare dal punto di vista dell'orrore cosmico.

Già solo le immagini della versione a pagamento sono evocative (preciso di nuovo però, che qualcuno potrebbe trovarle disturbanti, a seconda della propria sensibilità).

Le avventure sono tutte a pagamento tranne quella della guerra dei 30 anni che ti ho linkato sotto. Quelle sì contengono elementi che ti potrebbero interessare, dai mostri alle storie assurde e inquietanti dei png.

http://www.lotfp.com/RPG/

http://www.rpgnow.com/product/116452/Better-Than-Any-Man?manufacturers_id=2795&filters=0_0_0_0

Inviato dal mio MK16i con Tapatalk 2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account e registrati nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora
Accedi per seguirlo  
Che mi seguono 0