Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Hexcrawl : Parte 11 - Riempire Ancora gli Esagoni

Se la fantasia e il furto non sono sufficienti, possiamo usare anche altri modi per riempire gli esagoni del nostro hexcrawl.

Read more...

Creare avventure usando i BG dei personaggi

In questo articolo Wade Rockett ci spiega come usare i Background di un personaggio di 13th Age per coinvolgerlo nella propria avventura. 

Read more...

Brynth

Continuiamo a scoprire altri luoghi del peculiare mondo inventato da GoblinPunch.

Read more...
By Lucane

I Mondi del Design #3: "Tutto Ruota Intorno a Me" Parte 2

Riprendiamo le riflessioni di Lewis Pulsipher circa due stili di gioco opposti, "individualista" e "collaborativo": secondo lui si tratta di differenze generazionali che portano il design dei giochi ad essere orientato verso un gusto piuttosto che verso l'altro. Voi cosa ne pensate?

Read more...

Avventure Investigative #2: L'Avventura in Giallo

D&D può essere usato per creare delle avventure investigative interessanti? Eccovi il secondo articolo di una serie in cui espongo le mie idee in merito.

Read more...

Memento


HITmonkey

Recommended Posts

@Korver

Spoiler:  
Una lieve brivido accende i tuoi sensi. Senti una voce lontana il cui suono ti da calma e serenità.

«Korver... Korver... Korver...» la voce continua a ripetere sempre lo stesso nome, che per qualche motivo ti sembra familiare.

Si fa sempre più vicina e intensa, fino a che sgrani gli occhi rendendoti conto che quella voce sta chiamando te!

C'è luce, anche se soffusa. Stai guardando un soffitto piatto e grigio.

Senti freddo. L'aria sfiora direttamente la tua pelle. Ti rendi conto di essere nudo, se non fosse per un panno che copre i tuoi organi genitali.

In particolar modo è la tua schiena ad aver freddo. E' poggiata su qualcosa di duro e gelido.

Cerchi di voltare piano il capo e muovere braccia e gambe. Fai fatica, il tuo corpo è intorpidito, ma dopo un primo momento ti sembra

finalmente di riuscire a controllare gli arti, anche se metterti seduto ti sembra un'impresa epica.

Ti osservi attorno: sei su di un grosso tavolo di pietra al centro di una stanza rettangolare, costruita in mattoni.

La stanza è circa 4 x 6 metri, è grigia e totalmente spoglia se non fosse per una torcia accesa alla parete alla tua destra,

il tavolo su cui ti trovi e una porta sulla parete di sinistra. Inoltre noti in un angolo del soffitto una piccola grata, di lato circa

mezzo metro, probabilmente un condotto per l'aria.

In che diavolo di posto ti trovi? Perché sei lì? Non ricordi assolutamente. Varie domande iniziano a frullarti per la testa,

e più domande ti poni più ti rendi conto di non ricordare assolutamente niente! La sensazione è strana, non ricorderesti nemmeno

il tuo nome se non fosse per quella strana voce che chiamava "Korver", un nome così familiare... e di colpo sei certo che quello

E' il tuo nome! Qualcosa dentro di te è scattato e te l'ha fatto ricordare! Peccato che non ti ricordi proprio nient'altro!

Spoiler:  
Bene, eccoci qua.

La stanza è 6x4metri, costruita in pietra ed vuota, a parte:

- grosso tavolo in pietra al centro della stanza (sopra il quale sei/eri disteso)

- torcia accesa alla parete alla tua destra, che ti permette di vedere.

- porta chiusa sulla parete di sinistra

- una piccola grata per l'aria in un angolo del soffitto

________________

Non ricordi niente, a parte il tuo nome, e per "niente" intendo proprio niente di niente.

A livello tecnico non ricordi nemmeno le tue capacità di classe (non sai di poter lanciare incantesimi, di poter incanalare, eccetera).

Ovviamente è una cosa molto provvisoria questa, altrimenti nemmeno vi facevo fare la scheda xD

@Alexandra
Spoiler:  
Una lieve brivido accende i tuoi sensi. Senti una voce lontana il cui suono ti da calma e serenità.

«Alexandra... Alexandra... Alexandra...» la voce continua a ripetere sempre lo stesso nome, che per qualche motivo ti sembra familiare.

Si fa sempre più vicina e intensa, fino a che sgrani gli occhi rendendoti conto che quella voce sta chiamando te!

C'è luce, anche se soffusa. Stai guardando un soffitto piatto e grigio.

Senti freddo. L'aria sfiora direttamente la tua pelle. Ti rendi conto di essere nuda, se non fosse per un panno che copre i tuoi organi genitali.

In particolar modo è la tua schiena ad aver freddo. E' poggiata su qualcosa di duro e gelido.

Cerchi di voltare piano il capo e muovere braccia e gambe. Fai fatica, il tuo corpo è intorpidito, ma dopo un primo momento ti sembra

finalmente di riuscire a controllare gli arti, anche se metterti seduta ti sembra un'impresa epica.

Ti osservi attorno: sei su di un grosso tavolo di pietra al centro di una stanza rettangolare, costruita in mattoni.

La stanza è circa 4 x 6 metri, è grigia e totalmente spoglia se non fosse per una torcia accesa alla parete alla tua sinistra,

il tavolo su cui ti trovi e una porta sulla parete di destra. Inoltre noti in un angolo del soffitto una piccola grata, di lato circa

mezzo metro, probabilmente un condotto per l'aria.

In che diavolo di posto ti trovi? Perché sei lì? Non ricordi assolutamente. Varie domande iniziano a frullarti per la testa,

e più domande ti poni più ti rendi conto di non ricordare assolutamente niente! La sensazione è strana, non ricorderesti nemmeno

il tuo nome se non fosse per quella strana voce che chiamava "Alexandra", un nome così familiare... e di colpo sei certa che quello

E' il tuo nome! Qualcosa dentro di te è scattato e te l'ha fatto ricordare! Peccato che non ti ricordi proprio nient'altro!

Spoiler:  
Bene, eccoci qua.

La stanza è 6x4metri, costruita in pietra ed vuota, a parte:

- grosso tavolo in pietra al centro della stanza (sopra il quale sei/eri distesa)

- torcia accesa alla parete alla tua sinistra, che ti permette di vedere.

- porta chiusa sulla parete di destra

- una piccola grata per l'aria in un angolo del soffitto

________________

Non ricordi niente, a parte il tuo nome, e per "niente" intendo proprio niente di niente.

A livello tecnico non ricordi nemmeno le tue capacità di classe (non sai di poter lanciare incantesimi, di poter evocare l'eidolon, eccetera).

Ovviamente è una cosa molto provvisoria questa, altrimenti nemmeno vi facevo fare la scheda xD

@Tutti
Spoiler:  
Benvenuti! Scusate la lunga attesa e le innumerevoli volte che ho detto "a breve partiamo" biQlwKrCnxr8nvevFb8Yq_39Cvmv2Zgws_QAnhFHe4VZQUcnhqfCVhzi60D1-wNV6OkEclIxuSKSCWLcS0jtbHaMejslLSXORQ7oC2htiTzsywJkH2qKZIKA

Questa volta partiamo davvero però! Ed eccovi il post iniziale.

Le regole per la scrittura (sempre quelle)

- Parti/azioni narrate in "testo normale"

- Pensieri in blu oppurein Corsivo+Blu

- Parlato in grassetto (opzionali le virgolette ad inizio e fine delle frasi)

- Testi scritti (lettere, diari, targhe, insegne, ...) in rosso

-

Spoiler:  
Azioni tecniche, numeri vari, domande varie tutto sotto spoiler

COSE IMPORTANTI:

- Nel primo post inserite una descrizione fisica del PG.

- Nei primi tempi le mie risposte a questa campagna potrebbero (condizionale) non essere sempre veloci come per altre.

- Mi raccomando, guardate che ruolare PG senza memoria secondo me non è facile. La perdita di memoria è una situazione

strana per la mente umana e può creare una serie di stati d'animo molto differenti. Non chiedo papiri, ma da due giocatori

come voi che ritengo bravi non mi dispiacerebbe veder trasparire dai PG i vari sentimenti che provano a causa della situazione.

Non intendo dal primo post, ma in generale lungo la campagna. Quando sono scritte bene bastano anche due righe tanto.

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 43
  • Created
  • Last Reply

Korver

Spoiler:  
Freddo...e' la prima sensazione che lo assale quando si risveglia. Poi un dolore pulsante alla schiena. Si rende conto di essere disteso su un tavolo di pietra. Non il più comodo dei giacigli...poi la consapevolezza ritorna, a poco a poco, e insieme a essa un vuoto...un vuoto enorme dentro la sua mente! Panico! Chi era lui? Cos'era quel posto? Cosa ci faceva qui? Si tira su a sedere di scatto, un senso di vertigini gli provoca un accesso di nausea. Prova a rilassarsi, ma la paura lo attanaglia, un peso nel petto, una pressione dolorosa. Sono morto? E' questo l'aldilà ? Prova ad alzarsi cautamente...poi sente una voce che ripete in continuazione quello che deve essere un nome: Korver...Korver, Korver...perché mi è così famigliare? Potrebbe essere il mio nome? Si, lo è , ne sono sicuro! E' l'unica cosa di cui sono sicuro... La rabbia prende il posto della paura, si avvicina alla grata per osservarla meglio, vedere cosa c'è al suo interno. Poi va verso la porta e prova ad aprirla...

DM

Spoiler:  
Percezione +5 per vedere se c'è qualcosa dietro la grata e se riesco a capire da dove viene la voce.

Descrizione

Spoiler:  
Korver e' alto circa un metro e ottanta, magro, i capelli neri sono lunghi e gli scendono sulle spalle lisci e neri. Anche gli occhi sono neri e sono infossati e sormontati da sottili sopracciglia anch'esse nere. La pelle e' pallida e il viso scavato, le mani sottili, le unghie lunghe, anche se curate.
Link to comment
Share on other sites

@dm

Spoiler:  
Riapro gli occhi, intontita e guardandomi stranita, assonnata e confusa intorno.

Ma dove diavolo...?Mi raddrizzo sul tavolo portandomi a sedere. Lo sguardo cade su me stesso coperta con un semplice straccio che come mi alzo scivola a terra. YAAAAAAH!! Urlo spaventata saltando giu' e riafferrandola coprendomi timidamente.

Ma che cavolo stà succedendo qua?! Quando sono arrivata qua...aspetta... I miei pensieri vanno al giorno prima cercando di trovare un perchè alla situazione, trovando solo un vuoto. E allora va' al giorno prima, altro vuoto. E quello prima ancora.

Niente, tabula rasa.

Perchè diamine non ricordo nulla?! Ok, mi chiamo Alexandra. Ok, so' cos'è un tavolo e vari, ma non ho altro in testa!...un amnesia totale?

Scendo dal tavolo facendo timidamente un paio di passi coprendomi anche se non c'è nessuno.

Ok, ok: calma. Mi avranno dato una botta in testa e rapita...non che sia rassicurante, ma da' un senso. Non credo che sia mia abitudine dormire in piccole stanze nuda su un tavolo. Osservo con piu' decisione la stanza intorno a me.

...Se mi hanno rapita direi che l'amnesia passa in secondo piano. Devo capire dove sono e scappare. Forse mi hanno presa dei fott**i necromanti per farmi cose strane... Concludo mentalmente, stabilendo la priorità di scappare e soprattutto trovare degli abiti decenti.

Raggiungo la porta, provando ad aprirla.

Sono troppo bassa per arrivare alla grata...dovrei spostare il tavolo ma sono debole e farei un casino tale da allarmare tutti qua... Facciamo un tentativo, non si sa' mai.

Col cuore in gola giro la maniglia e provo ad aprire.

@Descrizione

Spoiler:  
Bassa, alta appena un metro e 40 circa, e magra. Ha pochi muscoli.

I capelli biondi sono molto lunghi e le arrivano fino alle caviglie,gli occhi azzurro penetrante, delle piccole orecchie da elfa.

Vista la statura appare spesso per una ragazzina, anche se è già adulta.

Link to comment
Share on other sites

@Korver

Spoiler:  
Ti piazzi sotto al punto dove (sul soffitto) si trova la grata e alzando lo sguardo provi a guardare dentro,

ma oltre la grata è buio e non provengono suoni di nessun tipo. Non essendoci finestre, la possibilità che sia

una sorta di condotto di areazione è molto alta. E' comunque stretta per un umano.

Vai allora verso la porta, giri la maniglia e tiri... la porta è aperta!

Si affaccia su un corridoio lungo in tutto una ventina di metri, ai lati ci sono varie porte e torcie accese del tutto

simili a quelle presenti nella camera in cui ti sei svegliato.

Proprio nello stesso istante in cui tu apri la porta, vedi dall'altro lato del corridoio un'altra porta come la tua che si sta aprendo...

Una mezz'elfa si affaccia dall'altro lato del corridoio: sembra molto gracile, è alta nemmeno 1 metro e mezzo, magra

e dall'aspetto delicato, dalla testa una folta chioma di capelli lisci, biondi e lunghissimi, talmente lunghi da arrivare

praticamente a terra, i suoi occhi azzurri ti fissano con estremo imbarazzo. Sembra molto confusa, almeno quanto te,

e sicuramente è nuda quanto te! Infatti cerca subito di coprirsi i genitali con un panno e non appena ti vede

cerca di nascondere il suo corpo dietro la porta dalla quale stava uscendo.

@Alexandra
Spoiler:  
Vai verso la porta, giri la maniglia e tiri... la porta è aperta!

Si affaccia su un corridoio lungo in tutto una ventina di metri, ai lati ci sono varie porte e torcie accese del tutto

simili a quelle presenti nella camera in cui ti sei svegliato.

Proprio nello stesso istante in cui tu apri la porta, vedi dall'altro lato del corridoio un'altra porta come la tua che si sta aprendo...

Una uomo ben più alto di te si affaccia dall'altro lato del corridoio: è magro e dalla pelle chiara, pallida, i capelli neri e lunghi gli cadono

lisci sulle spalle, i suoi occhi infossati e neri sul suo volto scavato cadono subito su di te. Non appena ti fissa ti rendi conto di essere

sempre nuda praticamente, per cui automaticamente ti nascondi almeno in parte dietro la porta da te appena aperta.

Anche lui è completamente nudo, eccetto per un panno, del quale però non sembra curarsi molto.

Il suo sguardo sembra confuso almeno quanto il tuo.

@Tutti
Spoiler:  
Siete uno di fronte all'altro, ognuno subito all'esterno della sua camera.

A quanto pare le vostre camere erano una davanti all'altra.

Per il resto siete sempre nelle condizioni di prima, avete solo un panno, nemmeno troppo grande,

per coprirvi le parti intime se volete e basta.

Ora che siete uno davanti all'altro postate senza spoiler.

Ed ecco a voi la MAPPA!

https://app.roll20.net/join/247502/OZCScg

- Se qualcosa della mappa non vi è chiaro chiedete.

- Dopo il vostro primo ingresso nella mappa/campagna linkata vi assegno anche le pedine, così potete muoverle (come al solito).

@Lamadanzante

Siccome non mi avevi dato immagini del PG, ne ho scelta una io per farne la tua pedina.

Se non ti piace o ne trovi una che ti piace di più o ritieni più adatta, in qualunque momento della campagna,

basta che me la passi qui sul forum, e rifaccio la tua pedina con quella che vuoi tu, che tanto è un attimo.

Link to comment
Share on other sites

Korver

Korver guarda stupefatto la figura che e' apparsa di fronte a lui. Poi non puo' fare a meno di rivolgere uno sguardo lascivo al corpo praticamente nudo di quella esotica ragazza... facendosi avanti le dice: Tranquilla, non voglio farti del male. Credo che siamo nella stessa situazione, vista la mancanza dei vestiti e il nostro...mmm...soggiorno. Parlando di soggiorno, sai mica dove siamo? Perche' io ho un attimo un vuoto di memoria. Qualcosa deve essermi successo...non so se ho bevuto o ingerito qualcosa, ma non mi ricordo assolutamente di come io sia finito qui! Esce completamente dalla porta. Non ha problemi con la sua nudita'. Sa di essere particolarmente avvenente, anche se la sua e' una bellezza fredda e distaccata, poco passionale e , in questo senso, la pelle pallida contribuisce molto.

Link to comment
Share on other sites

Il mio sguardo cade sull'uomo.

Come prima cosa torno a nascondermi dietro la porta come rifletto afferrando la stessa piuttosto che lo straccio.

Squadrando la figura noto che è molto piu' alto e forte di me nonostante sia magro. La pelle pallida e lo sguardo incavato mi intimidiscono non poco, unito al fatto che non è per nulla vestito se non per uno straccetto. Sente in sua presenza un enorme sensazione di disagio e paura.

Sta' uscendo da una stanza simile alla mia. Subito nella mente un forte terrore mi prende: e se fosse uno dei suoi rapitori? E se rapissero donne per fare oscuri rituali o anche solo chiuderle in stanze e abusare di loro vendendole a chissà-chi per poche monete?

E se stesse proprio cercando me..? in fondo, la porta era aperta!

L'uomo infine si rivolge a lei. Intercetta il suo sguardo lascivo verso il suo corpo, facendola diventare rossa completamente e spaventandola ancora un altro po', nonostante il discorso possa sembrare sensato.

P-Prima di tutto girati, pervertito! Ok che hai confidenza col tuo corpo ma non guardarmi!

Poi...no, non ricordo niente neanche io...mi sono svegliata li' dentro senza memoria. Pensavo di controllare la grata per scappare, ma sono troppo bassa e debole e non ci potrei passare. Non so' cosa sia successo, ma ho paura di aver ricevuto una botta in testa e poi rapita. Chesso', da qualche necromante in cerca di vittime sacrificali o da una banda in cerca di schiavi. Parlando appaio palesemente imbarazzata e spaventata dall'uomo, senza uscire da dietro la porta, lo straccio a terra per avere le mani sulla orta pronta a chiuderla in caso di pericolo.

Link to comment
Share on other sites

Korver

Un sorriso freddo e sarcastico si dipinge sul volto di Korver. Non credo che l'essere pudici o meno sia la nostra prima preoccupazione, comunque... Korver si gira a mezza, voltandosi verso il corridoio e non guardando piu' fissamente la ragazza. Quando sente parlare di necromanzia, un qualcosa scatta nel suo cervello, un non so che, che pero' subito fugge via dalla sua coscienza, lasciandolo ignorante come prima. Beh, sembra che non sappiamo niente nessuno dei due. Pero' tranquilla, io sono tanto vittima quanto te. Credo che la prima cosa da fare sia trovare qualcosa da indossare , se no mi verra' il torcicollo a forza di doverti parlare girato dall'altra parte. Vediamo un po' cosa contengono queste altre porte, anche se ho il sospetto che siano uguali a quelle dove ci siamo svegliati, ma guardare non ci fara' di certo male... detto questo mi avvio alla porta piu' vicina e provo ad aprirla...

Link to comment
Share on other sites

Alexandra

Una sensazione di colpa risale lungo la sua schiena quando appunta sulla pudicizia. Beh, in effetti ha ragione...Rischiamo molto se ho ragione...

Hai ragione... ammetto leggermente piccata, uscendo timidamente dalla porta e camminandogli dietro per andare simmetricamente all'altra porta di fronte a quella che l'uomo raggiunge per aprirla anche lei simmetricamente a lui.

Prima di aprirla mi giro e lo indico con decisione. Ok, sul pudore avrai pure ragione, abbiamo problemi maggiori...guarda pure, ma anche quando ci torna la memoria se osi raccontare qualcosa a qualcuno del mio corpo o di qualsiasi cosa succeda e la pagherai cara, sia chiaro. concludo, cercando di essere minacciosa mentre in realtà nel profondo sono ancora un po' spaventata dall'uomo.

Apro la porta

Link to comment
Share on other sites

Mentre parlate anche Alexandra cerca di non pensare troppo all'imbarazzo che prova.

Prima di muovervi a dare un'occhiata dietro le porte successive chiudete le vostre, e vi accorgete subito entrambi che le porte sono numerate.

Sulla porta da cui è uscita Alexandra c'è una piccola targhetta con inciso il numero 3, mentre sulla porta di Korver c'è il numero 4.

Avanzando verso le prossime due porte vedete che anche queste sono numerate, rispettivamente 2 e 5.

Korver senza farsi troppo intimorire dalla situazione decisamente spiazzante a causa del vostro totale vuoto di memoria per quanto vi riguarda,

apre senza indugi la porta dal suo stesso lato, quella contrassegnata dal numero 5.

Come le vostre, anche questa porta è aperta, e da su di una camera identica a quelle

in cui avete ripreso coscienza. Il sospetto di Korver era decisamente fondato.

Sul tavolone di pietra al centro della stanza vi è distesa una donna, umana, decisamente

di bell'aspetto, nuda e coperta solo nelle parti intime. Insomma anche questa è nelle

stesse condizioni in cui eravate voi fino a pochi minuti prima.

Solo che lei non è sveglia, anzi non sembra nemmeno dormiente,

per cui andate a controllare da vicino: è molto pallida e non respira, è morta.

Sul fianco destro le vedete un marchio a fuoco che raffigura il numero 5... lo stesso numero della stanza in cui si trova...

Istintivamente i vostri occhi corrono ai vostri stessi fianchi: e proprio come lei ognuno di voi

ha marchiato il proprio numero di camera sul fianco destro... prima con la testa in confusione tra shock

e stupore generale non lo avevate notato, ma ora vedete e vi tastate la cicatrice lasciata

evidentemente da un oggetto rovente. Non vi fa male, quindi non è li da poco.

Spoiler:  
https://app.roll20.net/join/247502/OZCScg

Non badate al fatto che nella mappa la tipa stesa sul tavolo non è nuda come dovrebbe essere.

Purtroppo pedine di PG/PNG distesi e nudi non se ne trova :D

________

Vi ho dato il controllo delle pedine.

Provate a muoverle, che se non riuscite me lo dite e vedo di sistemare.

Link to comment
Share on other sites

Entreta vedo la ragazza.

Dorme...no....!!

Mi spavento parecchio a vedere quella ragazza morta. Dalle mie mani cade lo straccio che usavo per coprirmi, arretrando di due passi fino a urtare il muro dietro di me. Ma è...morta?! mormoro con voce tremante. Alla vista del marchio sul fianco sinistro intercetto pure il mio numero e quello dell'uomo. Insieme al terrore della scoperta pure una lieve rassicurazione: l'uomo che ho vicino è veramente un altra vittima come me e quella ragazza...non uno di quei necromanti-schiavisti-bast***i

Per quanto spaventata contro il muro deciso improvvisamente di uscire dimenticandomi pure lo straccio e poggiando la schiena contro il muro del corridoio vicino alla porta.

Dobbiamo andarcene! Dobbiamo decisamente andarcene subito! faccio ad alta voce per farmi sentira dall'altro uomo, mentre vado per aprire la porta di fronte sperando in una via di uscita.

Link to comment
Share on other sites

Korver

Korver guarda la donna completamente nuda distesa sul tavolo di pietra. Aveva ragione quindi...tutte quelle porte erano celle, una specie di prigione...ma di chi? E perche' quella donna era morta e loro erano vivi? ... La morte , noto', non gli faceva un brutto effetto, anzi. Si sentiva attratto da quel corpo freddo e pallido, voleva osservarlo meglio, toccarlo, studiarlo...poi, alle parole della strana ragazza, torno' in se'. Certo dobbiamo andarcene. Ma andarcene da dove? Non sappiamo neanche dove siamo. E chi e' il padrone qui... lascio' la frase in sospeso e si diresse ad aprire la porta che avevano di fronte, sicuro ormai di trovare un altro cadavere. Se cosi' fosse stato avrebbe proseguito lungo il corridoio fino a trovare una porta diversa o dele scale o qualcos'altro che non fossero state queste maledette celle! ​Ah, se non te ne fossi accorta, la cicatrice del numero che abbiamo tatuato addosso e' guarita da un pezzo...questo vuol dire che e' da parecchio tempo che siamo qui... ora andiamo!

Link to comment
Share on other sites

Alexandra si precipita ad aprire la porta di fronte, quella numerata con il 2, ma la sua speranza che fosse una via d'uscita

è decisamente vana. La stanza è infatti di nuovo identica alle vostre, qui disteso sul tavolo centrale c'è un uomo, nelle stesse

solite condizioni in cui vi trovavate voi. Anche questo come la donna che avete appena visto è però morto. Sul fianco il prevedibile 2 marchiato.

Korver che sembra essere per natura molto più calmo della ragazza, e che già sapeva cosa aspettarsi dietro questa porta, non si stupisce di certo.

Le prossime due porte, sempre 1 di fronte all'altra, portano le targhette con i numeri 1 e 6, mentre oltre ad essere il corridoio svolta a sinistra

e c'è una singola porta sul muro di destra, giusto all'altezza dell'incrocio dei muri.

Spoiler:  
Vi ho aperto illuminato anche la stanza appena aperta.

https://app.roll20.net/join/247502/OZCScg

Link to comment
Share on other sites

Korver

Korver da' solo un'occhiata all'interno della stanza. Vedendo il morto, un'altra scintilla esplode nel suo cervello...un qualcosa sul poter usare quei corpi morti in qualche modo...ma, come prima, l'idea scompare prima che riesca ad afferrarla. Frustrato si allontana dalla stanza e va fino all'angolo del corridoio, dove , mantenendosi dietro al muro, si sporge per vedere cosa c'e' aldila' ...

Link to comment
Share on other sites

Alexandra

Ah, lo so'. Ti prego, non farmi pensare a cosa mi possono aver fatto in cosi' tanto tempo mentre ero incosciente. Mi vengono i brividi... Mormoro a bassa voce mentre ci avviciniamo alla fine del corridoio, aprendo l'unica porta che sembra portare da qualche parte e non avere un numero, aprendola poco giusto per sbirciare oltre.

Link to comment
Share on other sites

Korver spia oltre il muro e vede il corridoio proseguire nuovamente diritto per poco più di 10 metri,

dopodiché svolta di nuovo verso sinistra. Sempre sul muro di sinistra, poco prima della svolta, c'è una porta.

Non vedendo pericoli Alexandra quindi si avvicina all'ultima porta che avete li di fianco.

Non è numerata ed è leggermente più piccola rispetto a quelle delle strane camere numerate viste finora.

Alexandra apre uno spiragio e sbircia. Oltre la porta non è illuminato, ma la lanterna che

è li vicina fa passare attraverso lo spiraglio la luce sufficiente a vedere che non c'è nessuno,

per cui la mezz'elfa spalanca la porta in modo da illuminare meglio e poter vedere dentro.

E' uno stanzino ben più piccolo dei precedenti e sembra una sorta di dispensa-ripostiglio.

Lungo tutte le pareti ci sono scaffalature sulle quali sono stati impilati ordinatamente vari oggetti.

Sugli scaffali laterali si trovano vari utensili di uso comune, ma in gran parte sacchi o scatole di cibo,

per lo più andato a male, a parte alcuni frutti secchi e pochi cibi a lunga conservazione.

Lo scaffale in fondo invece è diverso: vi sono sei ripiani e ogni ripiano è numerato (da 1 a 6) proprio

come le camere che si trovano nel corridoio che avete appena percorso.

Su ogni ripiano vi sono oggetti di vario tipo: armi, armature, zaini, vari oggetti tipici di chi viaggia.

Non ci mettete molto a fare 2+2.

Link to comment
Share on other sites

Korver fisso' quello scaffale con mensole numerate in quel piccolo stanzino. Possibile che...deve essere per forza così ! Quelle devono essere le nostre cose! Finalmente una cosa positiva! Forse quelle cose ci daranno qualche indizio per capire chi siamo! Subito si lanciò nello stanzino raggiungendo le cose poste sulla mensola corrispondente al numero della sua cella e controllo' tutte quelle che dovevano essere le sue cose.

Link to comment
Share on other sites

Oh! faccio una mezza espressione di soddisfazione. Finalmente una piccola, grande sorpresa! Devono essere le mie cose! penso mentre vado verso le mie cose tirandole giu' dallo scaffale per analizzarle meglio, mettendomi eventuali vesti velocemente e analizzando ogni singolo pezzo dell'equipaggiamento per cercare di darci un senso.

Link to comment
Share on other sites

Presi da curiosità e speranza di capire qualcosa vi mettete a controllare la roba che presumete sia vostra

senza più badare a null'altro. Esaminate, toccate e rigirate tutto. Armi, armature, zaini, oggetti dei più

disparati tipi. Ogni volta che qualcosa vi capita tra le mani avete la sensazione che vi sia familiare,

il che è una riconferma di quanto già avevate capito, e ciò che quella è roba vostra.

Ognuno di voi però trova un oggetto che in particolar modo attira la vostra attenzione,

costringendovi a star lì a fissarlo per qualche istante in più.

@Korver

Spoiler:  
Quando tra le tue mani capita una sorta di medaglione di legno capisci subito che è qualcosa di importante.

Un lato è liscio, ma quando lo giri tra le tue mani vedi inciso un simbolo: un libro con un teschio in copertina.

"Rajuk Amon-Gore!"

Questo nome risuona nella tua testa come una sveglia: improvvisamente ricordi!

Rajuk Amon-Gore, il Silenzioso Sapiente, l'Amico della Morte, il tuo Dio! A lui hai consacrato la tua esistenza!

Ora capisci perché eri attirato da quei corpi freddi e immobili visti nelle stanze.

Di colpo ricordi ciò di cui sei capace, pratichi la magia, preghi il tuo signore affinché ti conceda

il potere di portare a compimento le sue volontà in questo mondo.

Sei conscio anche di saper utilizzare le armi, e come indossare un'armatura.

Rimembri le tue conoscenze religiose, in particolare sui principi della Non Morte.

Il flusso di percezioni che ti arrivano nell'osservare quegli oggetti è forte, e quando riprendi coscienza delle tue

capacità è come se un troll ti avesse tirato un albero in testa. Rimani stordito per qualche istante.

Nonostante continui a non ricordare nulla delle tue origini, di dove hai studiato, o qualsiasi altro dettaglio che ti riguardi,

per lo meno ora hai coscienza delle tue doti e delle tue capacità.

@Alexandra
Spoiler:  
Quando tiri giù la tua roba noti subito che c'è qualcosa di strano.

Uno grosso spadone a due mani di ottima qualità è messo lì assieme al resto della roba.

Com'è possibile che sia tuo? E' pesantissimo per le tue esili braccia... non riusciresti mai a maneggiare

abilmente un'arma del genere... come può essere tra quelle che dovrebbero essere le tue cose?

Stai pensando che ci dev'essere stato un'errore, che sarà di qualcuna di quelle persone ormai morte,

quando improvvisamente una forte fitta alla testa ti stordisce per qualche istante mentre RICORDI!...

...non molto, e nulla di dettagliato, certo, ma di colpo ricordi le tue abilità magiche e la tua capacità

di manipolare le essenze magiche per creare un servitore che sempre ti segua e protegga...

Ritorni pienamente cosciente delle tue capacità e abilità.

Finalmente un punto di partenza.

@Tutti
Spoiler:  
Come già scritto nelle parti personali, non avete comunque memoria del vostro passato, non sapete dove vi siete istruiti, allenati, o quant'altro.

Però l'aver trovato i vostri oggetti vi ha fatto riprendere coscienza delle vostre capacità, acquisite nel corso del tempo.

Ora potete di nuovo lanciare gli incantesimi e utilizzare tutte le vostre abilità di PG senza grossi problemi.

Unica cosa @Korver:

Purtroppo gli incantesimi da Chierico richiedono di essere preparati, quindi tu non hai gli incantesimi disponibili per il momento,

dovrai prepararli nel momento della giornata più consono alla tua divinità.

Siccome la divinità è praticamente inventata, lascio a te la scelta di quale sia il momento della giornata in cui prepari le spell.

In genere è uno di questi:

- Alba

- Mezzogiorno

- Tramonto

- Mezzanotte

Ma se vuoi un momento diverso sceglilo pure, basta che secondo te sia coerente con la divinità.

Link to comment
Share on other sites

Come prima cosa mi

Infilo velocemente la veste bianca per coprirmi subito. Poi prendo uno degli oggetti che piu' mi colpisce.

...e questo cosa diavolo e'?! mormoro seccata tirando giu' a fatica una spada a due mani alta pi' di me e quasi piu' pesante.

La fisso con attenzione, fino a quando non ho una folgorazione.

MA CERTO! Dammi un minuto! faccio all'uomo, andando in. Corridoio per sedermi e meditare mentre mormoro parole arcane.

Un minuto di tempo, poi l'aria di fronte a me si addensa via via fino a quando con un *puff* compare dal nulla in una nuvola di polvere una bizzarra cratura: una tigre delle nevi antropomorfa e alata.

Questa tigre, che ricorda molto un grosso catfolk, e' alta due metri circa e con spalle talmente larghe da dare l'impressioni di sfondare muri a mani nude. Particolare che la differenzia molto da un catfolk: ha delle grosse ali bianche.

Questa, come compare entra nell'armadio mettendosi i suoi pantaloni, il suo zaino e la sua soada a due mani.

Non spaventarti: e' un Eidolon, un extraplanare artificiale creato da me.

Ora...come ce la filiamo? Chiedo, mentre controllo anche gli scaffali delle altre vittine.

Link to comment
Share on other sites

Korver

Spoiler:  
Direi che, vista la natura della divinità , la mezzanotte va benissimo. Poi un altra cosa, a parte il medaglione, in cosa consiste il mio equipaggiamento?

Korver cerca tra le sue cose, trova i suoi vestiti e li indossa. Gli danno una bella sensazione , si sente tranquillo. Poi, mentre cerca tra gli altri oggetti, gli capita in mano uno strano medaglione. Se lo rigira tra le mani, strane emozioni sempre più forti si impadroniscono di lui, un potente calore si accende dentro di lui, gioia e giubilo, potere e energia! Poi numerose immagine gli esplodono nella mente , rituali, esperimenti, sacrifici, morti , morti , morti!!! La consapevolezza lo colpisce come un fulmine a ciel sereno...era un necromante! Lo shock viene presto sostituito da piacere, il piacere sublime di essere di nuovo in comunione con il suo dio! Non vede l'ora di poter pregare e entrare in comunione con lui è riacquistiate completamente i suoi poteri! Ma questo dovrà aspettare...

Era così concentrato in se stesso che aveva completamente dimenticato la presenza della donna con lui nella stanza. Le sue parole lo riportarono alla realtà e si volto' per chiedergli di cosa diavolo stava blaterando ...e si trovo' davanti una bestia uscita da una qualche fantasia esagerata, per lo più armata con un grande spadone! Cosa diavolo e' questa cosa? Poi, alla risposta della donna, si rilasso' un po' , non molto. Guardando di sbieco la creatura disse: Tienilo sotto controllo.

Mentre usciva dalla stanza non poté fare a meno di pensare che quel bestione gli sarebbe stato utile per uscire da quel posto, almeno fino a quando fosse tornato completamente in possesso dei suoi poteri!

Andiamo?

Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.