Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Hexcrawl : Parte 12 - Al Tavolo

Justin Alexander ci offre un resoconto di come arbitra una delle sue partite di hexcrawl

Read more...

Morte da checklist!

Oggi Gareth Ryder-Hanrahan parla di come sfruttare le abilità di GUMSHOE e dei GdR basati su questo sistema per aiutare i DM a creare nuove avventure. 

Read more...

Cosa c'è di nuovo su Kickstarter: Brancalonia - L’Impero Randella Ancora

Brancate la nuova espansione di Brancalonia e difendete il Regno dalla calata alemanna!

Read more...

Sondaggio su Viaggiatori del Multiverso

La WotC ha reso disponibile il sondaggio riguardante l'ultimo Arcani Rivelati, dedicato al Multiverso.

Read more...

La Terra dei Fiori #4: Nalta

Continuiamo a scoprire altri luoghi di Centerra, il mondo veramente particolare inventato da GoblinPunch.

Read more...

dubbio sulla durata di due poteri.


plue
 Share

Recommended Posts

salve nel nostro gruppo abbiamo un dubbio su due poteri: uno del chierico (santuario,utilità incontro liv 2) e uno del runista ( parola del vincolo, volonta' lv 1).

CASO CHIERICO

santuario:

-il bersaglio ottiene +5 a tutte le difese.l'effetto dura finchè il bersaglio non sferra un attacco o fino alla fine del turno successivo del personaggio.

secondo me e il master questo potere va applicato in questo modo:

il bonus rimane fino alla fine del turno successivo a meno che il bersaglio non lo annulli attaccando. quindi se il bersaglio attacca l'effetto finisce;se non attacca dura soltanto fino alla fine del prossimo turno.

CASO RUNISTA

parola del vincolo:

-colpito:mod forza e il bersaglio è immobilizzato fino alla fine del turno successivo del personaggio o finchè il personaggio non cessa di essergli adiacente.

secondo me questo potere va applicato in questo modo:

il nemico rimane immobilizzato finchè gli sto accanto anche se non rinnovo l'attacco al turno successivo.quindi in linea teorica anche fino alla fine dell'incontro purchè io gli resti adiacente.

secondo il master invece:

il nemico rimane immobilizzato fino alla fine del prossimo turno ma solo e se gli resti accanto.quindi,finito il turno successivo,a meno che non l'abbia ricolpito con lo stesso attacco,il nemico è libero di muoversi.inoltre,secondo lui,se nel suo turno il mostro dovesse darmi una spallata/spinta,automaticamente,poichè non gli sarei accanto,è libero di muoversi.

-----

Nel caso del chierico non abbiamo punti divergenti. ma a lui è sembrato un caso identico all'applicazione del potere del runista su cui invece abbiamo pareri discordanti.

ed è per questo motivo che ho riportato tutti e due i poteri.

secondo lui poichè sono simili, le durate condizionali vanno applicati alla stessa maniera.

grazie per l'attenzione

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 3
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Popular Days

Top Posters In This Topic

nel primo caso non capisco il dubbio..

nel secondo caso, ha ragione il tuo master. il fatto è che uno dei due qualsiasi eventi "terminali" termina l'effetto, a prescindere da quale avviene prima (fine del prossimo turno o non sei adiacente) l'idea è che alla fine del turno, il potere cessa a prescindere, ma termina prima se cessi di essergli accanto. se vuoi continuare a mantenerlo immobilizzato, devi continuare a fare questo attacco, che rinnova l'effetto del colpito.

ha ragione anche sul secondo punto: le persone immobilizzate sono comunque soggette a movimento forzato: se il nemico ti da una spinta e ti allontana di uno, l'effetto termina; allo stesso modo se un'altro personaggio spinge via il bersaglio (metti un onda tonante dal mago, per dire) e lo sposta in un quadretto non adiacente a te (se comunque il nemico viene spostato in un quadretto adiacente a te, l'immobilizzato resta attivo).

per quanto riguarda la similitudine tra i due poteri, la similitudine c'è. se ci sono appunto più elementi terminanti, a meno che non diversamente specificato basta che ne avvenga uno per terminare il potere.

perché avvenga come sostieni tu, dovrebbe esserci scritto "sino alla fine dell'incontro o sino a quando non sei più adiacente".

Link to comment
Share on other sites

salve nel nostro gruppo abbiamo un dubbio su due poteri: uno del chierico (santuario,utilità incontro liv 2) e uno del runista ( parola del vincolo, volonta' lv 1).

...

Nel caso del chierico non abbiamo punti divergenti. ma a lui è sembrato un caso identico all'applicazione del potere del runista su cui invece abbiamo pareri discordanti.

ed è per questo motivo che ho riportato tutti e due i poteri.

secondo lui poichè sono simili, le durate condizionali vanno applicati alla stessa maniera.

grazie per l'attenzione

Ciao, dal mio punto di vista ha ragione il master: per entrambi i poteri, essendoci una durata condizionale con un "OR", la prima condizione che si verifica interrompe l'effetto.

Quindi per il runista, O fino alla fine del turno successivo O quando non gli si e' piu' adiacente, ma comunque al verificarsi della prima delle due e al massimo alla fine del turno successivo. Se lo colpisci nuovamente il round successivo, la condizione riparte per un altro round.

[EDIT]: Oooopsss.... preceduto di qualche minuto. Concordo in toto con Aleph.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By tark
      è la prima volta che mi avvicino alla 4E e temo mi possa sfuggire qualcosa.
      interpreterò un ranger che combatte due spade corte (basato sulla destrezza).
      alcuni poteri del ranger, descrivono i danni sommando il modificatore di forza...
      quindi il dubbio:avendo forza 11 e destrezza 16, posso utilizzare la destrezza al posto della forza come modificatore di danno?
      dubbio minore:la descrizione della classe indica la saggezza come una stat importante per i poteri, ma fin ora tra i poteri che mi interessano, non vedo riferimenti alla saggezza...dovrei dunque mettere effettivamente un buon punteggio o mi basta un 10?
    • By Blödgharm
      Probabilmente è un dubbio stupido ma una mia amica che sta creando un vendicatore mi ha fatto notare l'effetto del potere di terzo livello Sequestring Strike che ti permette di teletrasportare il nemico colpito di 1+mod Des quadretti e poi di teletrasportarti in un quadretto adiacente a lui.
      La domanda è: "e se volessi teletrasportarlo in aria come si risolverebbe il tutto?"
      Così d'istinto direi che si teletrasportano entrambi e si schiantano al suolo quasi contemporaneamente. Ma è quel poi che mi fa venire i dubbi, come se avessi quella frazione di secondo per prepararmi, sarebbe ad esempio possibile usando il punto azione effettuare un attacco atterrando sul nemico? (visualmente mi teletrasporto in un quadretto adiacente sopra di lui e sferro un colpo con tutto il mio peso nel momento in cui atterra (e quindi un attimo prima di atterrare a mia volta dovendo percorrere quel metro in più) sfruttando la forza della caduta (che resterebbe solo descrittiva, senza bonus ai danni o quant'altro a parte il vantaggio dato dal nemico che cade prono)).
      Oppure, e questo più in generale, se mi teletrasporto direttamente sopra ad una creatura di taglia superiore posso montarle direttamente in groppa?
    • By Rassiter
      come da titolo... Come funziona il potere delle tenebre di heroes of shadow?
      non capisco se é molto forte o molto scarso.....
      grazie
    • By Silver Soul
      Ho fatto un personaggio ladro in D&D 4 ma non ho molta esperienza.
      Il colpo furtivo del ladro dice che i 2d6 di danni possono essere aggiunti a discrezione del personaggio dopo aver tirato gli altri danni dell'attacco (e se l'attacco ha i requisiti del colpo furtivo).
      Ho verificato che il colpo furtivo può essere applicato anche ai poteri del ladro.
      Nei poteri come arrocco o colpo sporco, che hanno come indicazioni dei danni [2]A + DES e [3]A + DES, i 2d6 vanno aggiunti dopo questi danni o nei danni dell'attacco?  3x(1d4+2d6)+DES O 3x1d4+2d6+DES
      Grazie
      Lo stesso per il bonus ai danni delle armi magiche.
    • By leratian
      Ciao  a tutti, siamo da poco passati in 4e e un dubbio ci attanaglia. Appurato che il mago è l'unico a "preparare" la lista dei poteri da utilizzare (al 1° lvl) 2/1/1/0,
      da quelli conosciuti, un ranger per esempio, ha 3 poteri at-will (di cui 1 è un privilegio Hunter's Quarry) e 2 poteri a incontro (uno è Elven Accuracy che è razziale).
      La mia domanda è: anche il ranger "prepara" la sua lista di poteri da utilizzare o decide quali imparare (da quelli conosciuti, razziali o provilegi di classe) sempre secondo lo schema 2/1/1/0 e di conseguenza dovrà aspettare più avanti per utilizzare quei poteri conosciuti in più?
      Grazie per la pazienza e la comprensione
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.