Jump to content

Gestire una città


Vanquish
 Share

Recommended Posts

Salve gioventù,

la mia cronaca sta procedendo splendidamente e con la giocata di ieri sera ho chiuso il primo capitolo. Dopo uno scontro divino di proporzioni cataclismiche i miei giocatori si trovano in una situazione un pò strana: la cittadina nel combattimento è stata sconvolta, praticamente rasa al suolo, sono rimasti vivi solo 600 paesani, le cariche cittadine, i chierici, i reggenti della città, tutto è svanito nel nulla e la gente disperata guarda a loro come nuove guide. Come se non bastasse il territorio intorno al piccolo paesino agricolo è stato completamente stravolto da un incantesimo epico che ha creato, dove prima c’erano i campi coltivati che davano da mangiare alla gente, una groviglio di vegetazione impenetrabile. In poche parole i giocatori si trovano sul groppone, per puro caso, essendo solo di lvl5, il compito di guidare questa povera gente verso la rinascita. Devono ricostruire strutture, decidere la divisione dei compiti, organizzare templi, decidere come costruire l’apparato di giustizia ecc ecc e, almeno in questa fase, essendo la gente così terrorizzata da quello che ha visto da desiderare soltanto che qualcuno dica loro come fare, hanno praticamente carta bianca.

Il problema è il seguente ora: non sapendo cosa vorranno fare e che decisioni prenderanno, io mi trovo a dover comunque pianificare la prossima giocata. Mi serve qualche buona idea, uno spunto per un’avventura da far compiere ad avventurieri che si sono trovati a diventare stanziali e a mettere le radici in un posto prima del tempo.

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 5
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Salve gioventù,

la mia cronaca sta procedendo splendidamente e con la giocata di ieri sera ho chiuso il primo capitolo. Dopo uno scontro divino di proporzioni cataclismiche i miei giocatori si trovano in una situazione un pò strana: la cittadina nel combattimento è stata sconvolta, praticamente rasa al suolo, sono rimasti vivi solo 600 paesani, le cariche cittadine, i chierici, i reggenti della città, tutto è svanito nel nulla e la gente disperata guarda a loro come nuove guide. Come se non bastasse il territorio intorno al piccolo paesino agricolo è stato completamente stravolto da un incantesimo epico che ha creato, dove prima c’erano i campi coltivati che davano da mangiare alla gente, una groviglio di vegetazione impenetrabile. In poche parole i giocatori si trovano sul groppone, per puro caso, essendo solo di lvl5, il compito di guidare questa povera gente verso la rinascita. Devono ricostruire strutture, decidere la divisione dei compiti, organizzare templi, decidere come costruire l’apparato di giustizia ecc ecc e, almeno in questa fase, essendo la gente così terrorizzata da quello che ha visto da desiderare soltanto che qualcuno dica loro come fare, hanno praticamente carta bianca.

Il problema è il seguente ora: non sapendo cosa vorranno fare e che decisioni prenderanno, io mi trovo a dover comunque pianificare la prossima giocata. Mi serve qualche buona idea, uno spunto per un’avventura da far compiere ad avventurieri che si sono trovati a diventare stanziali e a mettere le radici in un posto prima del tempo.

Ti dico come avevo gestito io una cosa simile, dilatando i tempi di riposo...

Gli avventurieri possono anche stare 6/7 mesi (che si traducono in un paio d'ore al tavolo) a gestire la rinascita della città. Se ci sono zone libere dall'incantesimo di vegetazione possono, tramite abilità o incantesimi, fare crescere la vegetazione, il PG marziale recluterà magari i più forzuti e li addestrerà, il PG divino si occuperà dei templi (e realisticamente favorirà la sua divinità). Poi dopo ognuno ovviamente farà come crede (chi aprirà una locanda o altro) e da lì puoi prendere spunto (alleanze con regni vicini, assalti dei suddetti regni da parte di creature mostruose ecc.)

Link to comment
Share on other sites

Ciao, direi che può capitare di tutto, puoi scegliere la parte gestionale con le relative difficoltà piuttosto che pianificare un esodo.

Nella parte gestionale puoi prevedere la riorganizzazione delle guardie, delle coltivazioni, la disinfestazione dalle bestie feroci non ché problemi di malattie come la malaria (se vi sono foreste e piogge), se invece ami le trame vi possono essere alcune corporazioni che vogliono prendere il comando al posto di altre...

Nel caso dell'esodo, devi organizzare la carovana ed avere in mente dove andare, un luogo fertile da colonizzare, o un regno disposti ad accettare la popolazione. In questo caso conviene inviare dei diplomatici (potrebbero essere i PG) nel regno vicino per affrontare il problema e da questo fatto iniziare una nuova avventura in quel regno.

Ciao :)

Link to comment
Share on other sites

Ok stamattina ci stavo pensando: loro hanno un'occasione unica, 600 persone disposte a seguirli ovunque e una cittadina completamente rasa al suolo che possono modellare come vogliono... è il sogno di ogni giocatore di ruolo che si rispetti :P Nell'ambientazione però c'è l'inverno alle porte e il granaio è andato distrutto, quindi la prossima avventura sarà trovare il modo di sfamare la povera gente e poi di ricostruire l'agricoltura del luogo (i terreni sono stati distrutti da cataclismi epici). Ecco le strade che pensavo di proporre ai giocatori

1) inizialmente stringere accordo con le città vicine

2) andare ad assaltare una tribù di umanoidi vicina e razziare le loro scorte

3) rifertilizzare il terreno

Datemi qualche buona idea su come strutturare queste cose :P

Link to comment
Share on other sites

Ciao direi prima di tutto di dividere le competenze, probabilmente molte di queste persone hanno già delle attitudini e quindi devi fare i conti con cosa sanno fare.

Dopo di che devi darti delle priorità:

1) costruire case/ripari per l'inverno imminente

Per esempio case di legno o in alcuni casi grotte

2) come riscaldare le abitazioni

quindi fare legna per l'inverno

3) procurare cibo a lunga conservazione

se c'è la possibilità di ripristinare pollai, porcili, ovili e stalle, anche acquistando gli animali e la loro biada/grano.

Pescare pesce ed essiccarlo, trovare delle ghiacciaie per la conservazione delle carni macellate.

Se vi sono dei druidi in zona possono aiutare, anche se non vorranno andare contro l'ordine naturale delle cose, però senza stravolgere la stagione possono dare una mano con delle magie per essiccare cibi o solidificare abitazioni o lavorare la terra.

4) mandare dei diplomatici/mercanti presso i regni vicini per ricevere degli aiuti che restituirete (quindi concordare un prestito di cibo, merci con un interesse non troppo oneroso, magari in cambio si può fare qualche missione).

5) A volte anche sposare qualcuno è un ottimo sistema per coprire i buchi di bilancio, per esempio uno di voi potrebbe sposare una bella figlia di un mercante di un regno vicino ed ottenere aiuti come dote..meglio se fosse una principessa (o duchessa).

Ciao :)

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Non scordiamo mai però anche le mele marce!!! non tutti saranno favorevoli all'insediamento dei pg ai vertici del villaggio, anche per semplice paura non per forza per cattiveria, e questo potrebbe voler dire attentati al buio contro i pg o politica diffamatoria contro gli stessi alla luce del sole o anche attacco da parte di un regno di confine che vede in questo disastro una possibilità di espansione

Ovviamente anche le malattie potrebbero fare la loro comparsa, magiche o naturali che siano, ricordiamo sempre che si sono scatenate forze epiche ed un'alterazione della realtà come un collegamento con altri reami nelle zone più infestate dalle erbacce può essere sempre possibile...con tutto quello che da questi portali può uscire.......buono o cattivo che sia

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.