Jump to content

The Walking Dead


Nomeutente

Recommended Posts

Spoiler:  
Mettete una bella descrizione del vostro Sopravvissuto sotto spoiler all'inizio del post e come titolo di ogni post voglio il vostro nome, altrimenti guai a voi!

Allora regole per postare:

Parlato

Pensieri

Azioni sotto spoiler

Ricordate che per qualsiasi azione non immediata o semplice, dovete metterla sotto spoiler perchè sarà una prova di abilità!

Cammini in una strada semi-illuminata da un sole rosso. Sei stanco, vuoi fermarti e riposare.. Vuoi prendere fiato e bere un pò di coca-cola fresca davanti al tuo pc..

Seduto sulla tua sedia comoda e nella tua bella casa riscaldata dall'affetto dei tuoi cari..

Ma ecco un altro degli zombie che ti nota, e inizia a gemere attirando l'attenzione dei suoi simili su un bel cumulo di carne fresca pronta per essere spolpata.

Ti allontani dallo zombie stanco, senza prospettive, chiedendoti se quella dannata fuga ha ancora senso, chiedendoti il senso di resistere due o tre giorni in più in quello che non è più il tuo mondo. Ti vuoi fermare, finirla, terminare questa vita senza senso..

Quando vedi un'altra figura che corre, anzi combatte, spara agli zombie e ti urla di correre con lei, di fare in fretta che arriveranno altri zombie, e tu, forse rispondendo più a qualcosa scritto nel tuo DNA che alla tua volontà, la segui..

Molte città in tutto il mondo sono state attaccate da circa 3 settimane, 3 settimane che hanno ribaltato le regole del mondo che tutti conoscevano. Ora la sopravvivenza in un mondo duro e senza aiuti è quella che ti aiuta a sopravvivere. Almeno questo non è cambiato..

Moltissimi non sapendo gestire la cosa, hanno tentato di fuggire, ma questa nuova piaga ha raggiunto moltissimi posti, e chissà se ci sono ancora posti sicuri..

Molti dopo lo scoppio dell'epidemia si sono barricati, e così voi, uno sparuto gruppo di 4 persone vi siete ritrovati dopo una breve fuga dal centro città, in un campus universitario chiamato "CampusX", nella città di Bari. Siete dietro un cancello chiuso e per ora nessuno di quei mostri si aggira per questo posto, almeno da quello che vedete. Nessuno di voi conosce l'altro, e in questo mondo la diffidenza sembra aumentare piuttosto che diminuire a causa delle necessità..

Tutti sembrate smagriti, spaventati, e persi in quella che non riconoscete come la realtà..

Siete all'interno di un vialone asfaltato protetto dalla via principale da un robusto cancello d'acciaio, e di fronte a voi un cancello semiaperto vi divide dal campus..

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 70
  • Created
  • Last Reply

Aspetto

Spoiler:  

1.82 mt, Bionda e muscolosa.

Porta una mimetica MarPat, ed un fucile d’assalto XM8 scartato dal programma di test sperimentali dell’esercito americano.

Una kefiah kaki piena di buchi ed un angolo bruciato sempre al collo che sembra uscita da un esplosione per i buchi e le bruciature.

Da sotto il basco si dipanano dei lunghi capelli biondi che scendono lungo la schiena a coprire la parte posteriore del gilet tattico kaki.

Lo sguardo autoritario non tradisce la bellezza travolgente, quasi a sembrare un attrice uscita dal set di un film di guerra.

Sugli identificativi dell'uniforme spicca il nome ''Alex Johannesburg'' e la bandiera americana sulla spalla destra. I gradi sono assenti, strappati da dove trovavano posto sul petto col velcro.

Al fianco la classica colt: simbolo dei soldati americani vecchio stile. sopra il bacino, lungo la cintura, e' fissato in orizzontale un enorme coltello.

A tracolla, portato sulla schiena, una grossa borsa da fucile di piu' di 1.30 cm.

post-4011-14347051680039_thumb.jpg

Mi fermo un attimo, estraendo il caricatore e controllando per sicurezza quello e la camera di scoppio dell'arma.

Caricatore pieno, colpo in canna e niente detriti.

Senza aspettare gli altri mi avvicino al cancello semi-aperto tenendolo sotto tiro, pronta a sparare se qualcosa si avvicinasse.

(in inglese)

Forza, muovetevi. Dobbiamo trovare un rifugio e ripulirlo prima di sera.

Link to comment
Share on other sites

Descrizione:

Spoiler:  
Thony Morello è alto circa 1, 75 metri ed è moro, con occhi penetranti neri e voce baritonale e decisa. Di bell’aspetto non è troppo muscoloso, ma possiede dei buoni riflessi.E’ vestito di nero, con una canottiera, una maglia e uno spesso maglione sotto al quale conserva una tuta antiproiettili. Le sue scarpe sono comode e veloci, pensate per non far rumore. Tiene in mano una pistola e sulle spalle uno zaino nero, come i suoi vestiti.

Mi fermo scrutando gli altri.

Mmh... niente lacerazioni o segni visibili di contagio... andiamo.

Con passo veloce mi affianco alla soldatessa. Controllando un ultima volta la pistola tolgo il silenziatore, me lo metto in tasca ed afferro un coltello con l'altra mano.

In inglese:

Vedo che non sono il solo americano. C'è qualcun'altro amico dello zio Sam, tra noi?

In un perfetto italiano:

Capite tutti l'inglese? Muoviamoci! E'quasi sera, ormai!

Link to comment
Share on other sites

Aspetto

Spoiler:  
images?q=tbn:ANd9GcQQUG6OMJmHO7b4Kw427Px82KeiivNXF7EAZdKxZZTLEyvv6TXBj4-ZbiPa ma con gli occhi blu.Vestita con un paio di Jeans e una maglietta di Armani,decisamente di una taglia superiore alla sua.è di media statura.Ha una pistola anche lei

Questo posto dannato qual'è il mondo.Perchè mi trovo qui?Dov'è James?...A stento trattengo le mie lacrime per la situazione.Metto la pistola nelle mie mani e seguo il soldato davanti,aspettando le sue istruzioni...

(Inglese)Sto arrivando...Parlando anche in italiano...velocizziamoci,dobbiamo sbrigarci

Link to comment
Share on other sites

Mi giro un secondo a scrutare i due compagni che mi hanno seguito. Altri due sono ancora titubanti vicino al cancello.

Il primo è un uomo, americano sembra

Quel rigonfiamento sotto le vesti.. un giubbotto di II, massimo III classe scommetto. Roba da civili.

I silenziatori sono illegali in quasi tutto il mondo pero'. E' particolare. Un intenditore? No, unita alla scelta delle vesti e le scarpe, indica che un minimo di doti di combattimento dovrebbe averne. Sembra tecnicamente affidabile sul campo.

La ragazza mi preoccupa. Ha una pistola, ma non sembra trovarsi a suo agio. Da come la impugna probabilmente la sa' usare, ma da come è nervosa ed il tremolio alla mano non deve aver mai sparato a nessuno prima.

Bisogna stare attenti che non vada nel panico e mantenga la calma.

Mi fermo un secondo, puntando la porta e parlando ai miei compagni dandogli le spalle.

(inglese)

Quando avanziamo, io vado davanti. Voi mi seguite dietro a congrua distanza. Non voglio vi feriate, son qui per questo.

Ragazzo, stammi dietro e coprimi le spalle.

Ragazzina, quella è un arma vera e qua facciamo sul serio. Occhio a chi spari, mantieni la calma e tutto andra' bene.

Voi due la' in fondo, sbrigatevi! non vorrei che sfondassero quel cancello e ci trovassimo su due fronti!

Tutto chiaro? Qualche domanda o richiesta?

Facciamo in fretta. Parlate inglese che l'italiano non lo ca- Un leggero colpo di tosse mi interrompe *COFF COFF* ...dicevo: non lo capisco l'italiano io.

Link to comment
Share on other sites

Per niente intimorita dalle parole del soldato,anzi,esco dall'agitazione precedente ritrovando il sangue freddo

(Inglese)umpf!Non sai con chi hai a che fare.Seguo le tue istruzioni...

e rivolgendomi all'altro:io ero qui in campus,poi sono arrivati questi...è davvero un'orrore...

Link to comment
Share on other sites

descrizione

Spoiler:  
Quello che vi segue è un ragazzo giovane, sembra avere circa 19 anni.

Ha dei capelli lunghi che gli arrivano fin sotto le spalle, castani.

Alto circa un metro e settanta è tutto ma non atletico, nonostante abbia un filo di pancia però sembra avere una resistenza piu alta di quella che è la prima impressione che da, complice il fatto di non fumare e di aver corso fino a pochi anni prima delle gare di resistenza.

Ha in mano una mazza da baseball, e alla cinta una pistola.

Porta a tracolla la custodia di quello che probabilmente è un portatile, e uno zaino sulla schiena di marca seven.

Ha gli occhi verdi, e gli abiti che ha non sono dei piu comodi per queste situazioni.

La soldatessa sembra condurci verso un campus del luogo, io mi guardo totalmente attorno pensando a quanto mi sembra una pessima idea.

Possibile che solo io penso che, dove c'era molta gente, ora ci sarà molta gente morta?

Scaccio quei pensieri dalla mia testa, quando la soldatessa parla, in perfetto inglese.

Avanza, io seguo il gruppo.

A guardarla però sembra sapere quello che fa...speriamo bene.

Un'altro del gruppo parla in inglese, per poi chiedere se tutti lo riescono a capire in italiano.

Mai stato attento alle lezioni di inglese, il parlato per me è arabo, lo scritto bene o male lo riesco a comprendere, anche se non perfettamente.

Rispondo in italiano, continuando a seguire il gruppo.

Dopotutto se non sapessi almeno leggere e scrivere un minimo di inglese non potrei fare gran parte del mio lavoro...

Link to comment
Share on other sites

Bene bene... e così non siamo del tutto sprovveduti, eh?

Con un mezzo sorriso mi rivolgo alla ragazza,in inglese.

Vedo che non è la prima volta che dà ordini... mi fido di lei.

Poi parlo al ragazzo, in italiano.

Non capisci l'inglese, eh? Male, dovremo fare da traduttori, io e lei. -dico indicando la ragazza asiatica.

Link to comment
Share on other sites

descrizione

Spoiler:  
Andrea è un ragazzo sui 20 anni, capelli castani ed occhi verdi. Esteticamente nella media, indossa un paio di jeans ed una felpa verde, impolverati probabilmente a causa delle difficoltà incontrate. Alto circa 170 cm, fisico non particolarmente atletico, ma nemmeno fuori forma, insomma un normalisssimo ragazzo.

In mano porta un grosso coltello incrostato in alcuni punti di quello che potrebbe sembrare sangue.

Ma chi è sta gente? La ragazza, però, sembra sapere il fatto suo. Inoltre non sono nella posizione di scegliere con chi stare e di certo non voglio stare con gli zombie. Meglio seguirli in attesa di avere un po' di calma e fare le presentazioni.

Arrivo, non lasciatemi indietro! dico in italiano, tentando di tenere la voce più bassa possibile per tentare di non attirare gli zombie Per me l'inglese non è un problema, lo capisco piuttosto bene. Sapete dove stiamo andando? concludo poi in inglese.

Nel frattempo inizio a seguirli, guardandomi ogni tanto intorno con fare preoccupato e cercando di stare il più vicino possibile a quella che mi sembra una soldatessa.

Link to comment
Share on other sites

Mi avvicino al cancello semi-aperto.

Ascoltatemi tutti. Io avanzo in ricognizione 3 metri avanti a voi. Silenzio assoluto e immobilizzatevi se alzo il pugno destro.

Formazione a cerchio ad un metro l'uno dall'altro: abbastanza per ingaggiare ma troppo per essere attaccati in due dallo stesso zombie.

Se qualcuno e' in difficoltà lo si aiuta e si prosegue. Nessuno si abbandona.

Questo campus sarà pieno di morti, come il resto della città, solo che visti cancelli e muri è un sistema chiuso. Il numero di zombie è fisso e non puo' aumentare. troviamo quello che di utile possiamo trovare in questo posto e stabiliamo un eventuale rifugio se si fà tardi.

Ora, andiamo.

Apro la porta quel che basta per passare e silenziosamente avanzo guardandomi intorno, fucile sempre puntato pronta a fare fuoco.

Link to comment
Share on other sites

Cccerto...capito... dico avanzando rapido dietro la soldatessa, coltello alla mano pronto a colpire un eventuale assalitore zombie. Siamo sicuri che gli accessi siano chiusi? In caso contrario il nostro lavoro potrebbe rivelarsi inutile. Probabilmente come prima cosa ci potrebbe convenire circoscrivere un'area non troppo grande in cui eventualmente rifugiarci, onde evitare di farci cogliere impreparati, non trovate? dico rivolto al gruppo. Poi lo ripeto in italiano affinché anche l'altro ragazzo possa capirmi.

@Master

Spoiler:  
In caso veniamo attaccati in maniera improvvisa, senza avere tempo di disporci in formazione, mi rifugio dietro la soldatessa o qualsiasi altro compagno con arma da fuoco sia nelle mie vicinanze, in caso contrario vado in formazione. Osservo rapidamente i cadaveri, se ci passiamo vicino e se noto che uno ha un'arma migliore del mio coltello (mazza, arma da fuoco etc.) mi fermo per raccoglierla; prima per sicurezza gli accoltello il cranio. Se trovo un'arma migliore, metto il coltello via e impugno quella. Nel caso qualcuno avesse un'arma da fuoco tento di perquisirgli rapidamente le tasche/zaino per trovare eventuali munizioni. Altrimenti nulla :)
Link to comment
Share on other sites

Bene, adesso andiamo, e... Aspetta un attimo! Quasi me la scordavo!

Con passo rapido mi avvicino ad una moto appoggiata ad un muro, prendo delle chaivi, le giro nella serratura e conduco la moto all'interno del campus.

Benissimo, possiamo andare.

Dico disponendomi a finco della donna.

In quanto alla tua proposta,-dico parlando all'altro ragazzo con il coltello- non ci rimane che tentare. Ma comunque penso che almeno il perimetro interno del campus sia sicuro, una volta ripulito.

Link to comment
Share on other sites

La soldatessa parla, forse come muoversi in quel momento? non lo sapevo, avevo capito ben poco di cosa aveva detto.

Se mi ha detto che deve tradurre per me probabilmente la soldatessa non sà l'italiano...

Mi rivolgo alla soldatessa, in un pessimo inglese, piu da scritto che da parlato:

Sorry....but....i don't speack english...

Ma è mai possibile venire in Italia senza conoscere l'italiano? io non mi azzarderei ad andare in America in queste condizioni...

Che cosa ha detto la soldatessa?

Chiedo ad una delle persone li accanto.

Mi rivolgo poi al ragazzo con la felpa verde

Se qualcuno qui conosce il luogo può indicarci gli altri ingressi, solo cosi possiamo esser certi di isolare il posto, considerando questo potrebbe essere un buon posto dove stabilire una base.

Link to comment
Share on other sites

Spoiler:  
Mi piace come state ruolando ragazzi, giusto qualche appunto.

D'ora in poi per ogni luogo che visiterete vi farò il disegno, così che possiate narrare bene la scena.

In secondo luogo se volete fare azioni di qualche tipo me lo dovete mettere sotto spoiler.

Esempio:

Spoiler:  
Vado in avanscoperta per 10 metri e all'angolo giro a destra con la pistola puntata davanti a me, muovendomi silenziosamente

Mappa: post-15522-14347051680744_thumb.jpg

Allora i triangoli sono alberi, il cancello in acciaio è da dove siete entrati ed è semiaperto, gli ovali sono auto parcheggiate,le strisce rappresentano i parcheggi e l'ingresso è fatto da un sistema di vetrate che scorrendo e riconoscendo che ci sono persone si dovrebbe aprire, la parte sud e ovest del campus sono sconosciute. Il campus è circondato da un muretto di cemento di 1 metro su cui si eleva una cancellata solida di 1,5 m, che consente di vedere all'esterno. il muretto è rappresentato dai rettangoli più esterni

Link to comment
Share on other sites

Io proporrei intanto di chiudere il cancello, o pensate sia una brutta dea? dico rivolto a tutti, ripetendo poi in italiano.

@Master

Spoiler:  
Se ci sono cadaveri nelle vicinanze faccio come detto prima, in ogni caso osservo sempre i corpi a terra e quando possibile gli passo sempre ad un metro circa di distanza, se non è possibile li osservo un po' più attentamente per sincerarmi che non siano zombie azzoppati ma ancora in grado di nuocere.
Link to comment
Share on other sites

Certamente. e lo bloccherei in qualche modo.. aspetta, ma non hai armi? Diamine, prendi questa

Con la mano destra sgancio il cavo di sicura della pistola, slaccio la fondina ed allungo ad Andrea la Colt .45 con un caricatore extra.

Stai attento, scalcia come un mulo. Appena hai un arma tua potrai restituirmela.

Ed ora, le cose importanti.

Ascoltate, abbiamo un rifugio da preparare e dobbiamo fare varie cose:

Primo ovviamente ripulire l'edificio.

Secondo chiudere ogni buco e prepararci al peggio

Terzo è preparare una fuga rapida e sicura per quando saremo costretti a fuggire.

Cominciamo con le cose a portata di mano. Chiudiamo il cancello e controlliamo le auto. Non abbassare MAI la guardia. Quando qualcuno fà qualcosa, un altro armato controlla i dintorni.

Direi che dobbiamo chiudere la porta, controllare l'operatività delle auto per un eventuale fuga o ausilio per barricare e solo infine entrare.

Io e qualcun'altro facciamo da vedette, uno chiude la porta ed altri due controllano le auto.

Detto cio' mi avvicino la porta del college, controllando che non sia piena di zombie al punto da essere sfondata subito.

Poi faccio avanti ed indietro tra le macchine per prevenire l'attacco di zombie.

Spoiler:  
Avanzo fino alla porta puntando l'arma pronta al fuoco e controllo all'interno da finestra, inferiata, serratura, ecc. In seguito faccio come scritto: cammino normalemente fra l'ultima macchina lontana dalla porta ed il cancello controllando ovunque
Link to comment
Share on other sites

Scusami se mi intrometto,ma farebbe comodo avere anche qualche arma artigianale,fatta a mano,per il combattimento ravvicinato.Prima o poi i colpi delle pistole finiranno e dovremo adeguarci.Questo dovrebbe essere un'altro punto nelle cose da fare.

Mi occuperò io di un'auto...faccio con un sorriso sicura di me,cercando di trasformare la paura in tensione.

@Narratore

Spoiler:  
Vado a controllare una delle due auto,avanzando lentamente e in modo silenzioso, guardandomi ripetutamente nelle direzioni da cui potrebbero venire gli zombie
Link to comment
Share on other sites

Afferro la pistola con un po' di esitazione, ma con gli occhi illuminati, come un bambino che riceve il proprio regalo di Natale.

Per me? Ti ringrazio tantissimo, appena potrò te la restituirò, grazie!

Osservo un attimo la pistola, come rapito dalla sua bellezza; la soppeso con le mani, poi mi infilo il caricatore in tasca e la pistola (con la sicura attivata) in cintura.

Wow, non mi è mai capitato di vederne una da così vicino! Ed ora posso perfino usarla! Quella donna è davvero gentile, farò bene a non deluderla.

Mi rivolgo poi all'altro ragazzo italiano.

Ha detto di chiudere il cancello mentre lei ed un'altro controllano la situazione ed altri due guardano le auto. Tu che vuoi fare? Io pensavo di andare alle auto.

Poi rivolto a tutti

Io controllo le auto se non vi dispiace. Aspettami.

Dico rivolto alla ragazza che ha iniziato ad incamminarsi verso i veicoli fermi.

@Master

Spoiler:  
Mi avvicino lentamente alle auto, stando di fianco alla ragazza, mezzo metro o poco più alla sua destra. Se passo vicino a dei cadaveri come prima. Impugno la pistola, ripongo il coltello nello zaino.
Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

×
×
  • Create New...