Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Waterdeep: il Furto dei Dragoni. Remix - Parte 1C: Fazioni dei Personaggi

Proseguiamo nel remix proposto da The Alexandrian dell'avventura Waterdeep: Il Furto dei Dragoni, finendo di parlare delle fazioni presenti a Waterdeep.

Read more...

In arrivo la Guida di Van Richten a Ravenloft, la Guida Omnicomprensiva di Xanathar e lo Schermo del Dungeon Master Reincarnato

Sono stati annunciati ufficialmente dalla WotC tre nuove localizzazioni italiane di prodotti per D&D 5E.

Read more...
By Lucane

I Mondi del Design #13: Le Quattro Fasi della Magia - Parte 3

Lew Pulsipher ci propone una serie di domande circa la diffusione della magia nel mondo di gioco, offrendo spunti di riflessione sui quali costruire campagne e ambientazioni più interessanti. 

Read more...

Classe Armatura in Dungeons & Dragons 5E

In questo articolo analizziamo i maggiori cambiamenti alla Classe Armatura nella Quinta Edizione di Dungeons & Dragons.

Read more...

Personaggi di Classe #2 - Collegio Bardico: Collegio del Metal

Nel secondo appuntamento con HicksHomebrew conosceremo un collegio bardico che insegna a cantare in growling e a realizzare potenti assoli. Preparatevi a pogare!

Read more...

[Fiammingo] Shadowdale - L'invasione


Fiammingo

Recommended Posts

Era una calda mattina di prima estate. Cinque compagni avventurieri si aggiravano, apparentemente senza meta, per la città di Ashabenford. Intorno a loro scorrono silenti i grandi alberi lasciati crescere spontaneamente per le vie del borgo, e le abitazioni di legno o pietra, ben curate, a più piani, ai lati della larga strada battuta.

Il gruppo era relativamente conosciuto da quelle parti, e, specialmente qui nella loro città natale, venivano salutati ogni tanto da qualche cittadino che più o meno li conosceva. Avanzavano fianco a fianco. A destra, un vecchio umano dalle doti magiche, che conduceva un cavallo dal bianco manto, che ogni tanto veniva accarezzato da qualche bambino curioso. Alla sua sinistra altri due umani, di cui uno in armatura pesante, conosciuto per la sua rettitudine morale, e un altro incantatore. Al loro fianco, come una montagna, si ergeva un goliath molto muscoloso, dal fiato pesante, che alla cintura portava un grosso martello, e poi un drow, leggermente più basso dei suoi compagni, sicuramente agile e furtivo come molti altri esponenti della sua razza. Il suo atteggiamento poteva risultare ostile verso chi lo circondava, ma era solo a causa della sua natura, che lo portava all'ombra. Difatti, egli pareva nascondersi nell'ombra del goliath.

Tuttavia, avevano eccome una destinazione. Andavano al grande albero. La sede del governo di Mistledale, oltre che di quello di tutte le Valli. Camminarono ancora qualche centinaio di metri per raggiungere la piazza, e non poterono fare a meno, una volta giunti, di alzare il naso per ammirare cosa gli stava dinanzi. L'avevano visto decine di volte, ma ogni volta quell'albero, quell'edificio, il Grande Albero, risultava magnificamente affascinante. Era un albero del diametro di almeno un centinaio di metri, che si ergeva per almeno tre volte tanto in altezza, all'interno del quale era stato ricavato, grazie all'unione di duro lavoro e magia buona, un edificio alto complessivamente circa 70 metri, completo di finestre ben decorate e ampie stanze dal prestigioso arredamento. Tuttavia, ciò che ogni volta colpiva più della precedente era l'imponente portone d'ingresso, massiccio e meraviglioso, al quale si accedeva tramite tre rampe di scale, una larga e centrale, che raggiungeva quasi il centro della piazza, e due ai lati, curve e strette, ricavate sul dorso di due lunghe radici.

Quel giorno, come ogni giorno del genere, la piazza era gremita di folla, centinaia di persone tra curiosi ed altri avventurieri. I cinque sapevano bene perchè erano tutti qui. Quel giorno era uno dei giorni in cui il governo della regione offriva a chiunque avesse voluto aiutare il Paese un'occasione per farlo, offrendo in cambio una adeguata ricompensa. In altre parole, su di un muro di legno venivano affissi annunci reali e non di richieste di aiuto o missioni di recupero ed esplorazione. Ed in questi giorni una gran folla di avventurieri giungeva in città in cerca di avventura, e, soprattutto, di un modo per guadagnare.

Facendosi largo tra la folla, i cinque figuri raggiunsero il muro, ed iniziarono ad esplorare con gli occhi le diverse possibilità. Molte di queste sarebbero state alla loro portata, ma oramai loro cercavano sfide di una certa entità, avventure che potessero metterli alla prova e stimolarli. I loro sguardi si aggiravano tra banditi e goblin, qualche carovana mercantile e ricompense di poco conto. Finchè non videro un annuncio dello stesso Scudo Rosso, dunque un annuncio che proveniva da persone importanti, un'associazione vicina al governo delle Valli stesso. Il volantino, con tanto di timbro ufficiale, trattava di misteriose sparizioni nella regione dello Shadowdale, più a Ovest. Molto attratti da quell'opportunità, i cinque decisero di chiedere maggiori informazioni a chi di dovere, ed una volta strappato il foglio dalla 'bacheca', si diressero verso l'ingresso del Grande Albero. Poteva essere l'occasione della loro vita.

@Tutti: Postate una descrizione del vostro PG, chi ancora non l'ha fatto, poi andrò avanti con l'inizio di avventura.

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 64
  • Created
  • Last Reply

@descrizione\immagine

Spoiler:  
arakuriktoros è alto più o meno 1 metro e 70 con una lunga chioma bianca che si racchiude in una splendida treccia che gli scende sino ai piedi.il suo volto è sempre avvolto da un alone di oscurità e di diffidenza che spesso spaventa le persone che parlano con lui.A differenza di molti altri Drow però lui è più incline al bene che alle torture o all'uccisione di vite innocenti ed infatti da piccolo scappò dalla sua città per ritrovarsi come rinnegato del suo clan nella cittadella di Ashabenford, dove a conosciuto 4 avventurieri che presto sono divenuti suoi amici.

post-10861-14347050611907_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites

Descrizione P:

Spoiler:  
vimakimage.jpg

Vimak è alto 2,15 cm e pesa 159 Kg anche se la sua altezza e il suo peso risultano disumane nel mondo degli uomini, lo stesso non si può dire nel mondo dei Goliath, infatti tali caratteristiche risultano "normali". La sua vita è una continua battaglia per l'onore e la gloria, due virtù vitali nel mondo del Goliath. Anche se all'apparenza sembra un burbero e un violento, la logica e l'intuito assistono Vimak in uno sua azione, non sarà all'altezza di un mago o di un druido, ma la sua loquacità l'ha tolto da situazioni rischiose diverse volte. Occhi neri e completamente calvo si distingue da i numerosi tatuaggi su tutto il corpo. Prima di lanciarsi un battaglia evoca a gran voce il suo Dio, Kord, per assisterlo e protteggerlo in battaglia, nella speranza che quando morirà, recluti la sua anima nel suo esercito immortale...

Link to comment
Share on other sites

I cinque, dopo che il mago ebbe trovato un riparo al suo cavallo e lo ebbe legato, i cinque salirono i larghi scalini di legno centrali che conducevano al portone, il quale si aprì da solo al loro arrivo. Entrarono nel maestoso Grande Albero per la seconda o terza volta in vita loro, con cuore in gola. Mantennero a stento la lucidità per orientarsi e raggiungere l'ala giusta, mentre ammiravano senza fiatare le lucide pareti legnose, lisce al tatto e decorate dalle mille venature dell'albero. Osservavano i mobili lussuosi, i tavoli coperti dalle tovaglie scarlatte, decorate da fili d'oro puro, i gradini delle scale e i davanzali delle finestre in marmo bianco e rosso. Seguirono delle indicazioni scritte fino ad arrivare ad una grossa porta di marmo bianco, sulla quale era fissato un largo scudo rosso con la scritta, appunto, ''Scudo Rosso'' in argento.

La porta si spalanca silenziosamente quando i cinque vi si fermano dinanzi, rivelando un ampio studio. Le pareti sono ricoperte di librerie rosse, stracolme di libri. sul lato opposto alla porta, invece, si aprono due larghe finestre dalle tende chiare e dai larghi davanzali in marmo. Sui lati delle finestre sono state intagliate nel legno due piccole colonne, che incorniciano il paesaggio che si scorge dagli infissi. Tra le due finestre è stata posta una grande scrivania in legno scuro, in contrasto con il resto dell'albero, complessivamente chiaro, e decorata con le immagini degli dèi maggiori del Faerûn. Sopra di essa vi sono più pile di carte ordinate, sopra una leggera tovaglia viola e rossa, di stoffa, che copre solo la parte piana della scrivania, senza ricadere ai lati della stessa. Dietro ai fogli, un individuo muscoloso e che a giudicare dall'aspetto si è temprato con il combattimento marziale, bruno, senza barba, leggermente in là con gli anni, alza la testa per guardarvi. Vi fissa qualche istante con i suoi occhi scuri, poi, probabilmente vedendo il foglio spuntare da una delle vostre tasche, accenna un sorriso e vi si rivolge, rivelando una profonda e roca voce.

Bene, bene. Siete qui per l'annuncio? Beh, sono sicuro che sarete all'altezza di scoprire cosa sta succedendo a Shadowdale, nel bosco di Blackwood. Lì infatti di recente sono scomparsi nel nulla alcuni mercanti, alcuni così silenziosamente che i compagni si sono accorti della loro mancanza solo alla fine del viaggio. E' ormai da qualche settimana che va avanti questa storia, nonostante l'intervento di anche altri avventurieri, anch'essi scomparsi nel nulla. L'economia di Blackwood ne sta risentendo, perchè nessuno vuole più addentrarsi nella foresta. Voi andrete lì, e scoprirete cosa sta succedendo. Quindi fermerete chiunque o qualunque cosa sia la causa delle sparizioni. Certo, solo se desiderate la ricompensa, che attualmente ammonta a 10'000 mo.

Link to comment
Share on other sites

Spoiler:  
Aldemar è alto circa un metro e settanta. Una lunga chioma nera gli ricade sulle spalle coprendogli spesso parte del volto. Ha scoperto i suoi poteri innati durante un periodo della sua infanzia. Per colpa di essi è stato esiliato perchè i suoi concittadini credevano che fosse posseduto da un demone. Col tempo ha sviluppato e perfezionato le sue abilità e adesso le sa controllare perfettamente. Arrivato ad Ashabenford a conosciuto altri 4 avventurieri, e presto sono diventati grandi compagni.

Adesso è un grande giorno, forse quello giusto.

Link to comment
Share on other sites

"Di certo non ci tireremo indietro a questo genere di incarichi sir. La ricompensa materiale in denaro a me non interessa quando bisogna fare del bene. Ma credo che non sia così per i miei compagni"

e do un occhiata al drow con un sorriso

Descrizione

Eddard è un uomo alto e muscoloso, con una grande armatura di piastre e una spada nel fodero, lo scudo dietro la schiena. è di bell'aspetto, con occhi verdi accesi e lunghi capelli biondi. Caratterialmente è amichevole, ma quando si arrabbia molto si trasforma nell'ira personificata. è anche saggio. A volte prima di andare a dormire resta per un po in silenzio, a guardare le stelle come se ci trovasse degli insegnamenti.

Link to comment
Share on other sites

Dopo essermi inchinato mi rialzo e cerco una sedia. Una volta trovata mi siedo e mi avvicino al tavolo. Non vi spiace se mi siedo vero? Le mie gambe sono stanche dopo essere stato in groppa a un cavallo per diverse ore. Grazie!.

@DM

Spoiler:  
Intanto cerco di capire se li intorno vi è qualche cosa di particolare!Percezione +5
Link to comment
Share on other sites

Anche se la porta d'ingresso era grande di certo non era stata progettata per facilitare l'ingresso al Goliath, che con gesto automatico abbasso il capo ed entro nella stanza. Vimak osservo con superficialita l'arredamento della stanza, in fin dei conti tende di lino e mobilia costruita con legno pregiato erano di poco interesse per il goliath. La cosa certa e che i minerali con le quali era adornata quella stanza non passarono innosservati, in fin dei conti vivere sulle montagne permetteva l'accesso a grandi giacimenti minerari e niente e' più ammaliante di un diamante puro.

Non appena l'uomo spiego la situazione Vimak riflette attentamente e parlo' Si aspetti che il sottoscritto si lanci a capofitto in uno scontro senza nessun tipo d'informazione su chi o cosa abbiamo di fronte!? Possibile che non ha mandato in avanscoperta un gruppo di uomini per cercare qualche traccia o informazione? Sono il primo a spaccare teste ma di certo non lotto contro la morte certa!!

Vimak forse non era un genio ma l'esperienza e un briciolo di loquacità gli hanno salvato diverse volte la vita..

Link to comment
Share on other sites

@Diego mangani: Non ci sono altre sedie nella stanza, perciò decidi di rimanere in piedi, nonostante le tue gambe doloranti.

Spoiler:  
Sulle librerie alle pareti, davanti ai libri, sono stati posti numerosi soprammobili, perlopiù fermacarte elaborati ad arte. Ti soffermi invece su di un globo azzurro a striature blu scure, che sembra avere un alto potenziale magico. Non sapresti dire comunque se chi lo possiede si sia accorto della magia in esso contenuta, ma ti sembra inverosimile che nessuno se ne sia reso conto.

L'uomo riprende a parlare, facendo svanire il sorriso compiaciuto che gli era apparso in volto in risposta alle prime reazioni degli avventurieri, quando prende la parola il goliath. In effetti, non sono in grado di aggiungere altro, dati gli ormai inesistenti contatti con quella zona. Tuttavia, gli stessi abitanti di Blackwood sapranno certamente offrirvi ulteriori informazioni. Chiaramente circolano diverse voci su ciò che sta succedendo, chi incolpa le stesse creature fatate che abitano la zona, chi racconta di strane creature dall'origine infernale o demoniaca, e chi pensa che tutto ciò sia opera di qualcuno che voglia far fallire l'economia del villaggio. Tuttavia, nessuna di queste storie è più credibile delle altre, poichè nessuno può effettivamente aver visto qualcosa, se non forse i cittadini stessi. E' anche per questa ragione che la ricompensa è consistente. Tuttavia, siete liberi di lasciar perdere, anche se mi pare di aver capito che tra di voi regna convinzione, sembrate perlopiù decisi a partire.

Detto ciò vi allunga una pergamena arrotolata e poco ingiallita. E' una mappa con le indicazioni per giungere a Blackwood.

Link to comment
Share on other sites

sconcertato dalle parole del goliath

"il goliath non ci rappresenta sir, non badi a le sue parole. Non mi importa se sono demoni, fate o briganti io li farò assaggiare l'acciacio della mia lama per le malvagità che hanno commesso. Ci conti per questo incarico."

@DM

Spoiler:  
stupido goliath. Proprio non sa che cos'è l'onore. E a quanto pare non apprezza neppure il denaro...
Link to comment
Share on other sites

Di certo le parole dell'uomo non permiso di avere una chiara idea della situazione e di certo i suoi "compagni" non la pensavano nel suo stesso modo... Riderò quando dovrò raccogliere i loro corpi inermi, lanciarsi in uno scontro senza sapere nulla su chi o cosa si sta affrontando!!... dei presenti solo in pochi parlavano, gli altri forse erano in attesa di qualcosa oppure aspettavano che qualcuno prendesse la decisione finale, anche se era scontata visto come si stavano svolgendo le cose..Visto che è la maggioranza a decide allora si parte, anche se 10.000 mo a testa sono pochi per i miei servigi, vista la situazione, speriamo in eventuali premi futuri rise in direzione dell'uomo seduto dinanzi alla scrivania...

X Master:

Spoiler:  
Faccio una prova di Percezione (+7) per cercare eventuali oggetti di valore (soprattutto armi o armature)
Link to comment
Share on other sites

Beh...per 10.000 monete d'oro e possibili premi futuri posso fare tutto quello che volete, sir. Concordo con il mio compagno goliath. Dovremmo avere altre informazioni, ma se queste non ci sono, dovremo conoscere il nemico direttamente sul campo. Dico con un risolino sul volto. A quel punto mi inchino e dico ai miei compagni Dunque, stiamo per addentrarci in un territorio a noi sconosciuto, senza un'informazione utile se non il luogo delle sparizioni. Le possibilità di successo potrebbero essere elevate, ma anche minime. E in quel caso dovremo tutti delle scuse al goliath. Dopo questa premessa....CHE COSA ASPETTIAMO?

Link to comment
Share on other sites

sono veramente innervosito dall' avidità dei 2 ma riesco a trattenermi e dico

"Potremmo partire adesso o domani mattina. Magari potremmo andare in qualche locanda a chiedere delle informazioni, dato che siete molto assetati di ciò"

Link to comment
Share on other sites

Ora solo il Drow era rimasto estraneo alla conversazione, forse era nella sua natura non fare domande, comunque era un particolare poco rilevante per il Goliath. L'umano stregone era l'unico dei presenti che la pensavo nel suo stesso modo, e mentre Vimak cercava qualcosa di utile in quella stanza prese la parola Aldemar ha ragione sulla taverna, forse l'unico modo per avere qualche informazioni in più e di andare nel bosco e cercare eventuali tracce, le mie abilità forse potranno esserci utili.. sapeva bene che le sue abilità si limitavano solo alla pura e semplice conoscenza della natura, e non nel seguire le tracce, ma almeno era meglio di niente...

Spoiler:  
Ricordo la prova di percezione +7 per eventuali armi e armature presenti nella stanza
Link to comment
Share on other sites

"Sai aldemar anche un semplice contadino puo essere in possesso di importanti informazioni. Potremmo andare ad una locanda, li girano un sacco di voci. Credo che si possano ottenere più informazioni utili in una squallida taverna che in una grande accademia di magia"

mi è capitato...

Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

Guest
This topic is now closed to further replies.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.