Jump to content

Organizzare caccia drago


manfredellobello94
 Share

Recommended Posts


  • Replies 12
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

e poi dopo aver trovato la sua tana seguendo le sue tracce, bisogna stanarlo e ucciderlo. ma fate tutto ciò per razziare i tesori dei draghi o perchè li odiate barbaramente?

il difficile arriva quando inizia lo scontro, nel 90% dei casi un drago vi sgama prima ancora di vedervi. se vi aspetta pronto a fare un bel soffio o peggio ancora pronto a volar via per attaccarvi dall'alto son cavolacci amari.

Link to comment
Share on other sites

...e poi morite.

Semplicemente. Vero che dipende molto dal vostro livello ecc ecc ma se il drago è diventato vecchio un motivo ci sarà pure no?? ^^''

Del resto già son bestie che non van daccordo nemmeno tra di loro e , spesso, non vanno daccordo nemmeno tra esponenti della stessa risma (rossi, verdi, blu, neri ecc ecc), quindi un minimo di dubbio me lo farei venire.

Poi se lo attaccate pure nel suo territorio......

La sua tana la conoscerà ...forse.... e forse le possibilità di riuscita sono ancora minori.

Poi ovviamente a discrezione del DM si sa tutto è possibile, ma se solo colpisce, afferra e schiaccia a terra addio personaggio (SPLAT!) ^^''

(esiste ancora il danno massiccio da schiacciamento = morte istantanea??)

Link to comment
Share on other sites

Per una campagna di questo tipo tutte classi del Draconomicon, cacciatore ed uccisore di draghi in primis.

Se siete tutti buoni un bel vassallo di Bhamut (spero di averlo scritto giusto:rolleyes:) se siete tutti malvagi artiglio di Tiamat.

Naturalmente se il master gioca bene i vostri nemici siete morti!:bye:

Link to comment
Share on other sites

...e poi morite.

Se si va lì senza precauzioni di sicuro.

Semplicemente. Vero che dipende molto dal vostro livello ecc ecc ma se il drago è diventato vecchio un motivo ci sarà pure no?? ^^''

Si: non ha ancora trovato nessuno che gli può far la pelle.

Andare a caccia di un drago? Facile da dire:

1) Raccogliere tutte le informazioni possibili sul drago: abitudini, zona di caccia, colore, punti deboli, punti di forza, conformazione della tana, e via dicendo. Non ci sono solo i check di raccogliere informazioni, ma anche gli incantesimi di divinazione. La conoscenza è potere, sempre.

2) Preparare una lista di incatesimi adatti a contrastarlo, tenendo in serbo qualche asso nella manica per situazioni impreviste. Scorta di pergamene per vari usi, possibilmente quelle di supporto, per evidenti motivi.

3) Stabilire una strategia possibilmente efficace in base alle informazioni raccolte, che sia un pochino più arguta che "tank davanti e dietro tutti quanti". Non usare il chierico come solo pronto soccorso, ed evitare di mandarlo in mischia prima del tempo. Gli incantesimi clericali possono essere molto utili anche per altri usi che non la conversione (scudo della fede, favore divino, tutti incanteismi di basso livello incredibilmente utili).

4) Una volta pronti, andare... E pregare. Tanto. :-D

Poi ovviamente a discrezione del DM si sa tutto è possibile, ma se solo colpisce, afferra e schiaccia a terra addio personaggio (SPLAT!) ^^''

(esiste ancora il danno massiccio da schiacciamento = morte istantanea??)

No, esiste solo il danno massiccio.

Link to comment
Share on other sites

vassallo di Bhamut (spero di averlo scritto giusto:rolleyes:)

hai dimenticato solo una "a": Bahamut.

No, esiste solo il danno massiccio.

beh va anke un po' a discrezione del DM un drago che pesa 10 tonnellate ti schiaccia completamente direi che sei morto...

in conclusione al tuo ragionamento Blackstorm aggiungerei anke il fatto di assicurarsi se ha dei gregari e/o seguaci ke possono frapporsi fra voi e l'uccisione del drago stesso...

Link to comment
Share on other sites

beh va anke un po' a discrezione del DM un drago che pesa 10 tonnellate ti schiaccia completamente direi che sei morto...

Da regole no. E la coerenza interna rende perfettamente ammissibile che sopravvivi ad un drago che ti schiaccia.

in conclusione al tuo ragionamento Blackstorm aggiungerei anke il fatto di assicurarsi se ha dei gregari e/o seguaci ke possono frapporsi fra voi e l'uccisione del drago stesso...

Basta una creatura evocata. O se sei un bastardo, ti basta correre più veloce del più lento del party.

Link to comment
Share on other sites

da regole no, hai ragione, però penso che alle volte si debba seguire anche la logica...

No, in DnD c'è poco posto per la logica (in questi casi). Pensa per esempio ad un mostro come l'elementale dell'aria. A rigor di logica non dovresti essere in grado di ucciderlo con una spada, perché non faresti altro che fendere il vento. Eppure si può fare.

Link to comment
Share on other sites

da regole no, hai ragione, però penso che alle volte si debba seguire anche la logica...

Poi comunque la logica é soggettiva. Ciò che per te é logico per me potrebbe non esserlo, e viceversa. Quindi basarsi sui pareri personali, in una materia così spinosa, non é il massimo... meglio affidarsi al regolamento. E poi é fantasy, perdio :-D

Tornando IT, secondo me dipende anche se la caccia in questione é condotta segretamente (o quantomeno privatamente dal gruppo) oppure se é una caccia in grande stile, magari con grandi mobilitazioni di truppe e compagnie di cacciatori. O addirittura altri draghi.

My two cents

:bye:

Link to comment
Share on other sites

da regole no, hai ragione, però penso che alle volte si debba seguire anche la logica...

A me pare più logico che se posso allegramente sopravvivere ad un soffio di un drago, posso altrettanto bene resistere allo stesso drago che tenta di schiacciarmi. Questa è logica. Il resto è una voglia di realismo impossibile da realizzare.

Giustamente come già detto da Zodiark se la caccia è sbandierata ai quattro venti il drago potrebbe facilmente venirne a conoscenza.

Un drago di una certa età difficilmente sarà possibile coglierlo ocmunque di sorpresa. La sfida rappresentata da un drago va molto oltre il suo semplice potere grezzo, pur fortissimo. Andare a stanare un drago nel uso ambiente o addirittura nella sua tana è potenzialmente mortale. Ad esempio, un drago nero potrebbe mettere la sua tana sott'acqua, e preprare all'ingresso di tale tana una disgiunzione su chi vi entra senza autorizzazione. Giusto per fare un esempio banale. Un drago non è solo un drago, ma è tutto il suo ambiente. Conosce l'ambiente in uci vive, ci si trova a suo agio, e cosa più importante, lo sa sfruttare.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.