Jump to content

Brenno

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    6,200
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    8

Brenno last won the day on January 15

Brenno had the most liked content!

Community Reputation

976 Dragone

6 Followers

About Brenno

Profile Information

  • Gender
    Maschio
  • Location
    Faerûn
  • GdR preferiti
    D&D - L'Ultima Torcia - Symbaroum - Strange Magic - Pathfinder
  • Interessi
    Giochi di ruolo Fantasy, Fumetti Marvel, Sport

Recent Profile Visitors

3,618 profile views
  1. La scritta recita "Qui Erinne, Signora del Popolo del Crepuscolo, attende in eterno la venuta della propria era"
  2. Controllate la stanza, vedete in fondo un passaggio scavato che prosegue in un cunicolo stretto, la bestia proveniva da lì dentro con molta probabilità, due uova della bestia non fecondate (50f l'una), il sarcofago di legno con una scritta d'oro in lingua antica (test int x leggerla). Vicino al sarcofago ci sono pezzi di ossa, molte in polvere, forse c'erano anche qui degli scheletri di guardia che sono stati distrutti dalla bestia (3 spade rugginose tra i resti). Ai piedi del sarcofago ci sono una collana da donna d'oro tutta calpestata (30f) e una maschera da rituale d'oro sempre da donna e anch'essa calpestata e ammaccata (20f). Infine ci sono diverse pile di feci puzzolenti qua e là.
  3. Grak attacca attivando il potere della spada (19 danni, morta)
  4. Robert suona (test superato dal mostro) ed è terrorizzato (non agisce al turno dopo) Suavelius movimento 10m indietro Fra'Baracco attacca (parata) Fildesmido attacca (10 danni)
  5. Attendete armi in pugno che la cosa esca allo scoperto. Suavelius ripiega una decina di metri indietro, mentre Robert impugna il suo strumento e intona una triste melodia. Gli occhi rossi senza iride né pupilla si fanno più grandi ed ecco che dall'oscurità emerge una creatura dalla stazza di un grosso orso ma con al posto del muso una orrenda proboscide carnosa. Nonostante la stazza, la creatura si avventa su di voi caricando affamata.
  6. Superate il ponticciolo e vi addentrate tra gli alberi. L'odore di muschio e aghi di pino riempie le vostre narici, trasportato dal vento che soffia in direzione opposta alla vostra. Non vi sono veri e propri sentieri battuti su cui fare affidamento, seguite così semplicemente il lento discendere del terreno che degrada progressivamente, senza punti visivi di riferimento e con la luce che scarseggia, camminate per diversi minuti senza sapere bene dove vi trovate. Nel mentre, più proseguite, più captate un'aura magica molto forte, tutta intorno a voi.
  7. Bidreked (Dragonide bianco - Paladino) Faremo il possibile, il destino ci ha fatti incontrare, ed il destino ci porterà a dover combattere ancora insieme. Mi rivolgo poi a Nemic, il tuo maesto, Leosin, com'è di aspetto? Come era vestito al momento della cattura?
  8. L'idea di Beli era balenata anche a me, la cosa mi vede favorevole. Penso che l'intervento di Lifstan sia stato fatto solo perché avete postato quasi in contemporanea, parliamone qua, poi al massimo editiamo. Che ne dite?
  9. Ad un certo punto vedete tre cerchietti rossi, come degli occhi, apparire nell'oscurità oltre il raggio della torcia...
  10. Intorno a terra è pieno di feci maleodoranti, carcasse di animali morti dissanguati. Su un lato della stanza notate anche due strane uova. Al centro della sala il sarcofago di legno rivestito di scaglie di ossidiana.
  11. Per sicurezza tagliate tutte le teste dei figuranti mummificati, recuperate le monete antiche dal vaso e, una volta scassinata la grata entrate nel corridoio che collega la stanza dove siete adesso, ad una nuova area. Nel tragitto Fra'Baracco e Robert recuperano anche le torce tirate in precedenza...l'area è piuttosto sporca e buia... Grak si ferma di colpo, annusando l'aria...riesce a carpire un fortissimo odore, come se ci fosse nelle vicinanze una bestia selvatica.
  12. Masumi Rothenel (Mezzelfo - Guerriero Samurai) Riluttante, getto le armi a terra e alzo lentamente le mani. Mi costa molto questo gesto, un gesto che ricollego all'essere considerato un criminale, un colpevole..quando invece ho rischiato la vita per questi sconosciuti. Quanta solerzia Capitano, forse le da fastidio il mio aspetto? O forse le "brucia" il fatto che c'è stata una vera e propria battaglia in questo posto senza che voi ne foste minimamente al corrente, e che se non era per noi difficilmente l'avreste scoperto? Comunque, come le ho detto, non ho nulla da nascondere, potevo fuggire perché avete fatto un chiasso infernale mentre correvate qua, vi si sentiva da due isolati, ed invece sono rimasto proprio per poter testimoniare. Andiamo pure al posto di guardia.
  13. Con gli occhi venati di rosso, la creatura sbianca, si tocca la testa, infilando le dita tra i radi capelli zuppi di sangue. Il colpo di Vigot è stato tremendo e dopo aver provato a muovere un passo, stramazza di faccia sulla terra fangosa, in un macabro abbraccio ora sembra quasi stringere la sagoma esanime della moglie. Intorno a voi il vento per qualche secondo si alza e gli alberi sembrano scuotersi, piccoli pendagli fatti di ossicine di uccelli e piume, appesi alle finestre e alla porta della catapecchia tintinnano, per poi tornare immobili appena il vento cessa. Vi avvicinate all'abitazione dei due guardiani del ponte, dentro solo giacigli sporchi, cattivo odore, sugo sulle pareti e avanzi di cibo scadente sulla tavola. Nel fuoco un pentolone colmo di verdure e tuberi bolle piano. Controllate dentro il poco mobilio presente ma non trovate nulla di valore a parte qualche moneta di rame e d'argento. Nessun indizio sulle Padrone, come le chiamavano loro, né su Gerda, la figlia scomparsa di Hallr. Il ponte di legno all'esterno, dietro la casupola, è solido e le assi sono ben legate tra loro, vedete che oltre di esso c'è un sentiero in discesa che dopo alcune decine di metri si immette nella fitta foresta.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.