Jump to content

Emmanuel Goldstein

Ordine del Drago
  • Content Count

    41
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

3 Coboldo

About Emmanuel Goldstein

  • Rank
    Virtuoso

Recent Profile Visitors

406 profile views
  1. -Come dice lei, dottoressa... questa mutazione va fermata. E' in gioco l'equilibrio della nostra ... civiltà- Dire cosa passi nella mente dell'azorious è -E' probabilmente parte di un ... piano. La bambina, in ogni caso, finirà sotto le mie personali cure, e tutti i miei sforzi saranno nella direzione di fermare la mutazione. Lei, pertanto... dovrebbe indagare sulla fonte di questo ... abominio. So che è amica di uno Jedi...- un'impresa titanica, sembra quasi una maschera blu di inespressività. -Qualunque cosa sia, mi sembra decisamente troppo ... mirata, per non essere... inte
  2. Senti qualcosa che non ti piace per niente. Se prima il cercapersone squillava a vuoto, ora sembra staccato. O, peggio... distrutto.
  3. L'azorious guarda un indefinito punto alle tue spalle -o almeno questo ti sembra- per poi volgere la testa in alto, sul soffitto riccamente adornato. -C'è qualcosa in questo pianeta... qualcosa di antico, di potente. Ma sicuramente il suo amico Jedi gliene avrà parlato.- Attende, tamburellando con le dita sulla scrivania. Volge di nuovo i suoi occhi bianchi verso di te. -Ecco, temiamo che .... questo potere possa mutare le altre razze, trasformandole in qualcosa di... diverso, di superiore.- Sospira, poggiando il mento sulle dita intrecciate. -Qualcosa di simile a noi,
  4. La bambina sgrana gli occhi, allontanandosi un po' da te mentre i soldatini le si stringono attorno. -Voi avete ucciso i genitori di Eva, maledetti- Ti sembra che il soldatino stia piangendo un qualche liquido luminescente, mentre trema appena stringendo il punteruolo verso di te. -E chi è questa principessa, un'altra bambina che volete rendere orfana?- La piccola voce è metallica, graffiante, ma anche... disperata, quasi.
  5. Vedi, per un attimo, Ornash tremare. Non è un uomo abituato a sentire le persone rivolgersi a lui con quel tono e quelle parole, ovviamente. O almeno, non è abituato a lasciare che le persone lo facciano impunemente. Mentre ti allontani, senti le sue parole raggiungerti prima che tu sbatta la porta: -Stia attenta, signorina...- Il tono è minaccioso, greve. Per lui, c'è solo la Regina. I nobili sono soltanto popolani con il diritto di fare più casino e battere i piedi più forte.
  6. -Curioso, e molto interessante...- La celerità non è sicuramente fra le qualità degli Azorius, questo è sicuro. Arrivate infine a quello che sembra il suo ufficio, quattro pareti soffocate da tomi scritti a meno e disegni, incredibilmente numerosi eppure ordinati e spolverati. -Del tè, dottoressa?- Lui si siede alla sua scrivania, mostrando una caraffa con dei piccoli bicchierini alla sua destra: sono oggetti antichi, bellissimi nei loro dettagli infinitamente piccoli eppure dotati di quella ricercata imperfezione delle opere fatte a mano. Lui sorseggia la sua bevanda, pensieros
  7. -Palazzo?- La bambina ti guarda stranita, come se non sapesse di cosa tu stessi parlando. Senti un vento freddo pungerti la nuca e scivolarti sotto i vestiti, lungo la schiena, e per un attimo -il battito di ciglia- vedi il palazzo attorno a te in rovina, un aria marcia e malata stringerti la gola e ombre rosse muoversi furtive fra le macerie di quello che un tempo era un oasi di bellezza e arte. -Tutto bene signore? Lei cosa ci fa qui, nel mio giardino?- La bambina non sembra essersene accorta. Ti guarda, a metà fra la sorpresa e la curiosità: sembra ti stia studiando. -
  8. -Noi siamo stati informati che il suo amico aveva trovato il malfattore, e siamo subito intervenuti per evitare che sfuggisse alla legge...- Lascia cadere le parole, riferendosi ovviamente alla possibilità che tu stessa lo uccidessi -Chieda piuttosto come ha fatto lui, di punto in bianco, a ritrovare questo delinquente.- Detto questo si carica l'uomo in spalla e si avvia verso la porta
  9. La bambina spalanca i suoi occhi rossi, accesi come tizzoni di fuoco su cui soffia il vento. Ti guarda, sembra voler scattare e correre via da te, ma si trattiene. Ha un'espressione molto curiosa, quasi sorpresa. -Non siamo giocattoli- Uno dei giocattoli si stacca dagli altri e fa due passi verso di te, risplendendo nel suo ottone così antiquato: allo stesso tempo, non puoi non notare la raffinatezza della lavorazione, con una serie di dettagli infinitamente piccoli e diversi da giocattolo in giocattolo. -Siamo gli amici della padroncina Eva, tu chi sei?-
  10. Il medico della regina appare mentre stai chiedendo alle guardie di palazzo dove la potessi trovare: quelle stavano scuotendo la testa per farti allontanare, quando Anastésya era uscita dal buio dietro di loro guardandoti con i suoi enormi occhi bianchi e vuoti. -Prego, Midnight, da questa parte- L'avrai vista sì e no tre o quattro volte in tutta la tua vita: sai che non esce mai dal suo laboratorio e dalla torre che la Regina le ha dedicato. Quegli occhi, poi, così freddi e scientifici ... non è qualcosa alla quale ti puoi abituare facilmente. Non tanto per il loro essere alieni, quan
  11. (Comprendo la nota, ma se non vuoi leggere lui -Read a person- o meditare con l'aiuto della forza -trust your feelings- non posso dirti nient'altro =D ) -La legge non conta i minuti, signorina. E questa non è una materia che compete uno Jedi- L'uomo avanza, alzando senza alcuno sforzo il rapitore che biascica qualcosa di incomprensibile. -Sopravvivrà. Lo rimetteremo in sesto per il processo, e la Regina deciderà il suo destino insieme al Consiglio.- China il capo in quello che dovrebbe essere un inchino. -Se non ha altre dichiarazioni, il mio dovere mi attende-
  12. -ma la notte è dei mostri e qualcuno ti vuole benetu non credi a loro ma loro per te sono pronti a battersi... il tuo esercito di giocattoli...- Ti avvicini lentamente, per non disturbare la bambina che sta cantando. Noti un insolito movimento attorno a lei: sul suo corpo infagottato negli stracci si muove una processione di piccoli costrutti umanoidi grossi meno di un dito. La scena sembra quella di un libro illustrato per bambini, un incanto che viene spezzato dal tuo cercapersone che ti avverte di molte chiamate perse da Vanille. Il movimento fa bloccare di colpo il canto della b
  13. L uomo che avanza nel corridoio non è il tipo che attende sulla soglia, evidentemente. Si staglia su di voi camminando solennemente e con decisione, come se fosse stato mandato da Dio in persona a svolgere ogni suo compito. -signorina Vanille, siamo stati informati che lei detiene un pericoloso criminale. Pur capendo le sue implicazioni psicologiche - non ha affatto il tono di chi sta capendo un sentimento - devo chiederle di consegnarmelo in modo che possa essere sottoposto a regolare processo davanti a sua Maestà. - L uomo guarda freddo il rapitore. Non disgustato, non infas
  14. Eyvind ti guarda fisso negli occhi, non molto convinto dalla tua storia. Annuisce, e ordina al suo golem di caricare il rapitore sanguinante. In quel momento arriva di corsa Eloise, una delle tue domestiche più giovani. Ansima, e farfuglia qualcosa indicando il corridoio d entrata. - Mia signora, c'è Ornash il comandante della regina alla porta e... Anf Anf... Dice che stiamo detenendo un prigioniero senza autorizzazione e... - Scuote la testa, gli occhi sgranati per il terrore che quell uomo e le storie su di lui esercitano sui più giovani del pianeta.
  15. Risultato sul tiro di diagnosis 10+ Domande scelte:Qual è il suo male e come posso guarirla; quando e come è successo; qual è la cosa migliore che posso fare per lei. Capisci che c'è qualcosa di strano in quella ragazza, qualcosa che non hai mai visto ma che riesci a... Percepire. Non è una malattia nel senso più stretto del termine, sembra più una... Mutazione. Ed è iniziata già da qualche settimana. Noti che la pelle e la gola si stanno facendo più lucide e piatte, colmando le increspature e i pori. Difficile dire quale sia la miglior cosa da fare con così pochi strume
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.