Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Sottoclassi (Parte 3) e Sondaggio sui prodotti di D&D 5e

Articolo di Ben Petrisor, Jeremy Crawford, Adam Lee, Dan Dillon e F. Wesley Schneider - 6 Febbraio 2020
Nota del Traduttore: le traduzioni italiane dei nomi delle Sottoclassi presentate in questo articolo non sono ufficiali.
 
Continuando la nostra serie del 2020 dedicata a nuove Sottoclassi, gli Arcani Rivelati ne presentano tre nuove per voi da provare: l'Armaiolo (Armorer) per l'Artefice, il Circolo delle Stelle (Circle of the Stars) per il Druido e il Vagabondo Fatato (Fey Wanderer) per il Ranger.
E' disponibile anche un Sondaggio riguardante il precedente Arcani Rivelati, il quale presentava il College della Creazione (College of Creation) per il Bardo, il Dominio dell'Unità (Domain of Unity) per il Chierico e l'Anima a Orologeria (Clockwork Soul) per lo Stregone. Per favore, seguite il link del Sondaggio per farci sapere cosa ne pensate.
In aggiunta, per favore prendetevi un po' di tempo con il Sondaggio sui Prodotti per farci sapere in che modo vi state divertendo e come state interagendo con i nostri prodotti.
 
Questo è Materiale da Playtest
Il materiale degli Arcani Rivelati è presentato allo scopo di effettuarne il playtesting e di stimolare la vostra immaginazione. Queste meccaniche di gioco sono ancora delle bozze, usabili nelle vostre campagne ma non ancora forgiate tramite playtest e iterazioni ripetute. Non sono ufficialmente parte del gioco. Per queste ragioni, il materiale presentato in questa rubrica non è legale per gli eventi del D&D Adventurers League.
arcani rivelati: sottoclassi, parte 3
sondaggio: sottoclassi, parte 2
sondaggio sui prodotti
Link all'articolo originale: https://dnd.wizards.com/articles/unearthed-arcana/subclasses_part3
Read more...

Cinque Teste Sono Meglio di Una

Articolo di J.R. Zambrano del 17 Febbraio 2020
Tiamat è la dea a cinque teste dei draghi cromatici. Ella ha creato tutti i draghi cromatici e li incarna tutti. Ha una sua rete di agenti, spie e cultisti. Tiamat è anche intrappolata nell'Averno, lo strato superiore dei Nove Inferi. Non ha alcun grande tempio né monumenti a lei dedicati. Non ci sono rovine dedicate alla sua tirannia, né ferite lasciate sulla terra a indicare la sua terrificante maestosità. La sua presenza nel mondo dei mortali si limita alle ombre.
Trovo la cosa davvero interessante. Perché Tiamat incarna tutto ciò che è draconico, giusto? Ella è orgogliosa, arrogante, vanagloriosa e a ragion veduta. Ma nella scala cosmologica delle cose la troviamo relegata in un angolo del reame divino di qualcun altro, rinchiusa nei Nove Inferi dove, si presume, deve dividere il potere e lo spazio con uno degli arcidiavoli. I draghi, anche quelli buoni, non sono certo noti per la loro generosità e disponibilità a rinunciare a ciò che è loro di diritto.

E questa questione pare aver affascinato Mearls. Perché questa divinità incredibilmente potente non ha una presenza maggiore sul mondo dei mortali? Perché non ci sono regni a lei devoti? Persino Bahamut, il più nobile dei draghi, non ha un tempo a lui dedicato.

Se avete giocato alla campagna Tirannia dei Draghi (e se non l'avete fatto eccovi un bell'avvertimento di spoiler in arrivo)

Consideratevi avvertiti quindi.

Come dicevo, se avete giocato alla campagna Tirannia dei Draghi avete avuto modo di vedere come Tiamat ha preso controllo del Culto del Drago. Si trattava di un ordine segreto dedito a trasformare draghi in dracolich, che è poi sono stati cooptati dagli agenti di Tiamat. Ecco come ha ottenuto i suoi seguaci, che però di recente hanno avuto un incontro ravvicinato con degli avventurieri, quindi chissà se e cosa ne è rimasto.

Ma il fatto è che tutto questo appare giusto per queste divinità draconiche. Qualcosa di queste ultime fa pensare che esse debbano essere una cosa segreta. Riesce difficile immaginarsi dei templi di Bahamut in ogni grande città, ma ci si può facilmente immaginare un tempio a lui dedicato nascosto e fortificato in qualche remota catena montuosa o in un altro luogo inaccessibile.

O ancora un ordine segreto di cavalieri che devono mantenere in vita delle promesse strette secoli fa e che non sono più molto in sintonia con il resto della società. I paladini di Bahamut, i gran sacerdoti di Tiamat: danno più l'idea di individui solitari che di membri di una società. Penso che parte di questo sentimento sia legato al modo in cui i draghi interagiscono gli uni con gli altri. I draghi non si riuniscono (solitamente) in grandi assemblee. Sono individui potenti e solitari che modificano le regioni loro circostanti (se vivono abbastanza a lungo), diventando sempre più remoti e mitici.

Ecco il sentore che mi danno queste due divinità draconiche. E ciò che Mearls sembra aver voluto esplorare con questa campagna.
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/02/dd-five-heads-are-better-than-one-the-tiamat-story.html
Read more...

Cosa c'è Di Nuovo su Kickstarter: Ptolus

Benvenuti a Ptolus, un città di misteri, segreti e storie oscure. Ptolus giace da sempre all'ombra di una gigantesca spirale di roccia che sale ad altezze impossibile nel cielo, al tempo stesso un enigma e un memento di mali passati. Sotto a Ptolus si estende un dedalo apparentemente infinito di antichi dungeon che attirano avventurieri da ogni angolo dell'Impero.

Introduzione
A Ptolus il sovrannaturale è la norma e i tradimenti si nascondono dietro ogni angolo. Oppure la norma sono i tradimenti e il sovrannaturale si nasconde dietro ogni angolo? In ogni caso la città di Ptolus è piena di pericoli, magie, intrighi e soprattutto avventure.
E il segreto più grande ed importante della città altro non è che ciò che incombe sulla testa di tutti coloro che vi abitano, ovvero l'antica fortezza di Jabel Shammar. Questo luogo leggendario non è stato costruito in cima alla spirale di roccia che si staglia sopra la città, ma è nata prima la fortezza. La guglia rocciosa è semplicemente la manifestazione della volontà della terra stessa di allontanarsi il più possibile da sè stessa il male terrificante nascosto in questo luogo sinistro.

Ptolus è un'ambientazione urbana, ma è anche adatta ad essere usata per l'esplorazione di dungeon e sotterrani. Le vostre campagne a Ptolus possono passare da spedizioni nei dungeon alle avventure urbane come meglio preferite. Per la parte urbana ci sono tantissime organizzazioni e personaggi che danno vita e spessore a questa città fantasy fuori dagli schemi.
Il Prodotto
Ptolus: Monte Cook's City by the Spire è qualcosa di incredibile. Non solo è fisicamente enorme (672 pagine di manuali più svariate centinaia di elementi e documenti extra), ma ha ridefinito gli standard per la produzione fisica di un manuale. Dalla sua copertina a rilievo agli svariati segnalibri in raso, tutto quello che riguarda Ptolus è di grande qualità. Illustrazioni eccellenti e numerose mappe riempiono le pagine e in varie buste sono raccolti indizi per i PG, mappe per i giocatori e poster di varie dimensioni. La rilegatura è eccellente e supera gli standard di ogni altro prodotto per GdR esistente.

E tutto questo si riferisce all'edizione originale del manuale del 2006. Questo è lo standard da cui vogliamo partire e chissà quali migliorie riusciremo ad apportare sulla base degli obiettivi raggiunti da questo Kickstarter.
E nonostante le dimensioni titaniche Ptolus non è un tomo indecifrabile, ma è stato progettato appositamente per i DM. Svariati indici e glossari vi aiutano a gestire tutti i contenuti. Ai margini delle pagine trovate riferimenti alle mappe relative. Per ogni distretto sono presenti tabelle riassuntive e sommari per sapere cosa vi succede, chi vi abita e l'atmosfera generale del luogo.
In aggiunta alle due nuovi versioni (per D&D 5E e Cypher System) di Ptolus: Monte Cook's City by the Spire, questa campagna Kickstarter vuole sovvenzionare anche una versione in stampa o PDF della Ptolus Player's Guide. Si tratta di un volume di 32 pagine che fornisce una visione generale dell'ambientazione ai nuovi giocatori e li aiuta a pensare ai personaggi che potrebbero volerci giocare. Come ogni altro prodotto legato a Ptolus è ricco di dettagli che danno vita all'ambientazione, trasmettendo ai giocatori non solo un senso della geografia, degli eventi e delle fazioni della città, ma anche l'atmosfera dell'ambientazione.
Potete trovare qui una versione preliminare in PDF della suddetta Player's Guide.
Storia del Prodotto
Il prodotto originale Ptolus: Monte Cook's City by the Spire fu pubblicato nel 2006 per D&D 3E. All'epoca (e quasi sicuramente ancora oggi) era il singolo prodotto per GdR più grande mai realizzato. Una visione unica e di insieme permea l'intero manuale e si manifesta in ogni pagina.

Questa ambientazione è stata costruita sulla base della storica campagna personale di Monte Cook in persona, da lui gestita mentre, assieme ai suoi giocatori, stava sviluppando D&D 3E. I giocatori (tra cui Bruce Cordell e Sean Reynolds) erano tutti sviluppatori, editori e manager facenti parte del team di sviluppo di tale gioco e la loro influenza si rispecchia in ogni angolo di Ptolus. E possiamo tranquillamente dire che la campagna di Ptolus ha influenzato lo sviluppo della 3E.
L'edizione originale di Ptolus: Monte Cook's City by the Spire è uno dei prodotti del nostro hobby ad oggi ancora più ricercati. Dopo la pubblicazione il prodotto venne praticamente subito esaurito ed è da allora diventato un pezzo da collezione. Al momento è disponibile (nella sua versione originale) sia come PDF che come print-on-demand su DriveThruRPG, ma ciò che vi vogliamo offrire è una nuova versione adattata ai sistemi di gioco del giorno d'oggi e magari, con il vostro aiuto, degli elementi aggiuntivi mai visti prima.
Link alla pagina del Kickstarter: https://www.kickstarter.com/projects/montecookgames/ptolus-monte-cooks-city-by-the-spire/description
Read more...

Aggiornamento sui Talenti Più Popolari per la 5E

Articolo di Morrus del 15 Febbraio
I ragazzi di D&D Beyond hanno pubblicato sulla loro piattaforma le nuove statistiche sui talenti più popolari a livello di uso.
Sembra che la percentuale di personaggi che usa i talenti sia aumentata leggermente dal 2018 ad oggi:


 
Ecco i talenti più popolari nel 2018 e oggi.


Ed eccoli infine divisi per classi.


Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/threads/d-d-beyond-revisits-popular-feats.670311/
Read more...

Cosa fare quando non si riesce ad aprire una porta

Articolo di J.R. Zambrano del 04 Febbraio
Lo so, ci siamo passati tutti. Tutto sta andando perfettamente, non solo sono venuti tutti quanti a giocare, ma non si stanno neppure facendo distrarre dal video sul cagnolino carino. I telefoni e i laptop sono lontani e, sorpresa delle sorprese, i PG vogliono davvero andare avanti nell'avventura che avete creato per loro invece che spendere metà del tempo facendo spese, mentre l'altra metà sta litigando su quale sia il modo migliore per arrivare al dungeon. Infatti, sono già nel bel mezzo del dungeon quando arrivano di fronte a lei...la temibile porta chiusa a chiave.

E certo, volevate che fosse un po' impegnativa. Perciò la CD per aprirla è un po' più alta, ma dovrebbe essere abbastanza facile per il ladro da apr...ops, come non detto, non riesce a fare un tiro al di sopra del 3. Okay. Bene, adesso la serratura è rotta, ma il resto del dungeon sta chiamando gli avventurieri all'esplorazione. OPPURE, il gruppo potrebbe solamente starsene lì impalato per le successive tre ore cercando di capire come "hackerare la porta" in modo da attraversarla.
Sapete, vero, quale di queste due opzioni sceglierà il gruppo, nove volte su dieci? Ecco perché oggi parleremo di come riprendersi dopo un fallimento, e di cosa fare quanto il gruppo sembra non riuscire ad andare oltre una determinata porta.

Adesso, giusto per intenderci, questa non deve essere necessariamente una porta reale, potrebbe essere una porta metaforica. Per alcuni, la porta che non riescono ad aprire potrebbe essere la timidezza, per altri una mancanza di educazione...ma per noi la porta che non possiamo aprire è una porta reale. E stiamo per parlare di di come riuscire ad attraversarla.
Un fallimento solo da un certo punto di vista

La prima cosa di cui dobbiamo parlare è cosa rappresenti quel tiro abilità. D&D funziona come un sistema binario. Avete due situazioni quando fate un tiro in scassinare per aprire la porta: o ce la fate o fallite. Se ce la fate, la porta si apre. Se fallite, non si apre. Se fallite alla grande non potete più riprovarci, mi dispiace ragazzi, vi hanno bucato il pallone.
Altri giochi di ruolo fantasy non hanno questo problema. Che sia il metodo del D20 System di avere successo ad un costo o l'idea del successo parziale delle regole di Apocalypse World, non c'è un aut aut. Non c'è una gamma che misuri successi o fallimenti. Il che non è necessariamente una brutta cosa, ma pone alcune limitazioni nel vostro modo di pensare. Dopo tutto, se la porta si apre o non si apre, quel tipo di struttura Successo/Fallimento inquadra la situazione in una questione di sì o no.
Ma la questione è che, come DM, voi potreste volere che i giocatori entrino nella stanza. Specialmente se ne hanno bisogno per avanzare nell'avventura. La stessa cosa accade nel caso debbano assolutamente acchiappare un ladro o trovare una certa reliquia. Cosa fare allora? Riformulare l'intero concetto.

Invece di guardare alla porta come un tiro in arnesi da scasso, o come qualcosa che i giocatori devono sfondare, pensate a cosa quel tiro rappresenti. Invece di fallire ad aprire la porta, pensatela come un fallire ad aprire la porta nel modo che sia più conveniente per loro. Ci dovrebbe comunque essere un modo per aprire la porta, ma magari adesso significa trovare la persona o mostro che ne possiede la chiave. O trovare una pergamena di Scassinare in un laboratorio da Mago da qualche parte nel dungeon.
Nessuna conseguenza

Ora che avere riformulato il dilemma, pensate a quali potrebbero essere le conseguenze di un fallimento. Se scassinare la serratura vuol essere un modo facile e silenzioso per entrare, magari adesso quell'approccio non è più disponibile per i personaggi e tutti gli altri modi di entrare dentro la stanza comportano fare rumore o attirare attenzioni indesiderate.
O magari potrebbe costargli qualche risorsa extra. In pratica pensate a quali costi/risorse i giocatori potrebbero avere, in modo da spenderli per aprire la porta. Potrebbero essere oggetti magici, potrebbero essere punti ferita, se stanno combattendo un nemico che custodisce la chiave. Potrebbe persino essere l'elemento sorpresa: adesso che le persone nel dungeon sanno dei PG prenderanno delle precauzioni extra. Potete rendere un tiro fallito portatore di conseguenze indesiderate senza interrompere il flusso di gioco.
Un altro punto di svolta, una biforcazione della strada

Un altro modo di considerare come entrare nella stanza potrebbe essere trovare un'entrata alternativa. C'è una consuetudine che si trova in certi giochi come Skyrim e Fallout quando una porta è bloccata da un lato, di solito c'è un altro modo per entrare. Bisogna solo trovarlo. Se non riescono ad aprire la porta dal lato in cui si trovano, magari buttate lì qualche indizio su un'altra entrata. Magari una porta segreta o, meglio ancora, se riuscite a farli proseguire all'interno del dungeon preparate un percorso che torni indietro fino a un passaggio segreto che porta all'interno della stanza.
Circolare prego

Questo è l'altro grande trucco. Cercate modi per incoraggiare il gruppo a proseguire quando non riescono ad oltrepassare la porta. Potete indicare dettagli come l'ornamentazione della serratura e del buco di quest'ultima, o parlare di come potrebbe esserci un'entrata segreta più avanti nel dungeon. Se questo non funziona, potete sempre fare affidamento sulla vostra fidata tabella degli incontri casuali per avere qualcosa che vagherà proprio dove si trovano i PG. Qualunque cosa serva per evitare che finiscano impantanati su un particolare ostacolo.
Dategli degli amici dall'altro lato

Naturalmente, parlando di conseguenze e mostri erranti, se i giocatori sono veramente bloccati, è probabile che faranno rumore. L'attenzione può sempre arrivare dall'altro lato della porta invece che da un mostro errante. Io userei questo trucco con parsimonia però, o i giocatori si abitueranno al fatto che le cose siano facili e tutto vada liscio, e questa è l'ultima cosa che volete. Idealmente, stanno facendo una partita a un gioco che è organizzato interamente per loro, ma che deve sembrare non lo sia.
Buone Avventure! Cosa fate quando il vostro gruppo è bloccato in un impasse? Fatecelo sapere nei commenti!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/02/dd-what-to-do-when-you-cant-get-through-that-door.html
Read more...
Stefino

[TDG] Vendetta dall'al di là

Recommended Posts

Custode

Lunedì 8 maggio 1922, ore 10:17

Ufficio di John Constantine, Providence

E' ormai da qualche settimana che non hai casi interessanti per le mani e stai impegnando il tuo tempo leggendo vecchi tomi sulle scienze magiche, tutti prestati da Franklin Quincey, persona con la quale condividi la passione per l'occulto ma che, a differenza tua, può permettersi di collezionare libri rari e costosi. Sei completamente immerso nella lettura quando l'improvviso squillo del telefono sulla tua scrivania ti fa trasalire e quasi cadere la sigaretta di bocca.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

John Constantine

Taccuino e matita da temperare. Sono gia' passate da un pezzo le dieci e non ho concluso nulla stamani, dannazione.  Rifaccio la punta  truc-truc-truc Fine settimana chiuso qui in studio assorbito dal Clavis Salomonica (La Chiave di Salomone). Tutta colpa di Franklin... quell'uomo mi mette ansia... venerdì mi fa: "Ti presto questi volumi a patto che me li ridai martedì sera". Ed allora qui a studiare, prendere appunti, miseriaccia! ne avessi cavato qualcosa di buono, almeno....  E pure questi simboli hanno qualcosa di familiare con quest'altri rappresentati sul Picatrix ma, esso ne contiene 3 in piu', perche' perche'?! Sbuffo gettando anche il fumo della sigaretta. Capito come funziona John? lui riccone e pigro compra i volumi ed a me tocca fare il lavoro sporco di decifrarli e tradurli.... Tutto di guadagnato... eh per carita'! di certo non andro' a raccontargli per filo e per segno delle mie scoperte o del contenuto... solo il riassunto... accenno un sorriso pensando alla mia perfidia.

Inspiro, una boccata, e mi perdo nei giochi di luce del raggio di sole che fende vetro, persiana e fumo  DDDDRRRINNNN! ......... Sobbalzo al primo squillo tant'e' che quasi perdo la sigaretta di bocca, ... ma che ca...! DDDDRRRINNNN! .........  poi la serro tra pollice ed indice e rispondo  ....... DDDr The Moore* Investigazioni desidera?

 

*Alan Moore e' chi ideò John Constantine nella serie Swamp Thing 

Edited by Blues
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Custode

Strana coincidenza, a risponderti dall'altra parte della cornetta è proprio la ben nota voce di Quincey: "Buongiorno John, speravo proprio di trovarla in ufficio, avrei un favore da chiederle... anzi, dato che si tratta di una cosa professionale, avrei per lei un incarico. Cosa ne dice di venire a trovarmi a casa mia questa sera dopo cena, così le racconto di cosa si tratta? Potrebbe approfittarne per restituirmi qualche libro... e prenderne altri in prestito ovviamente."

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

John Constantine

"Buongiorno John, eccolo qua speravo proprio di trovarla in ufficio, e dove altrimenti...avrei un favore da chiederle..   ok (non mi da' il tempo di rispondere che riprende a conversare) anzi, dato che si tratta di una cosa professionale, avrei per lei un incarico. Cosa ne dice di venire a trovarmi a casa mia questa sera dopo cena, così le racconto di cosa si tratta?  Fatta. Potrebbe approfittarne per restituirmi qualche libro... e prenderne altri in prestito ovviamente." 

"Buongiorno Quincey ero proprio in compagnia dei suoi testi. Perfetto, glieli rendo stasera dopo cena cosi' mi racconterà.... ehm, c'e' un particolare da aggiungere, sa che la mia parcella e' di 100 verdoni al giorno, per lei posso avere un occhio di riguardo, ma se mi da' un incarico, ecco... io mi sento assunto ed ho i miei costi. Spero non ci siano problemi...mi scusi se sono franco." Questa volta sono io ad incalzare.
"Ah! riguardo la faccenda, potrebbe anticiparmi qualcosa?..." nel mentre, la sigaretta e' quasi terminata, due boccate veloci e l'ammazzo nel posacenere. Avvicino il block-notes,  matita pronta nella destra, in attesa di qualche rivelazione.

 

Edited by Blues
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Custode

"Nessun prolema per la sua parcella, come le ho già detto mi dovrò avvalere della sua professionalità, pertanto sarà giustamente retribuito. Preferirei però parlare di questa faccenda direttamente a quattr'occhi, le anticipo solo che si tratta di un libro. La aspetto stasera per le 9 a casa mia allora?"

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

John Constantine

Adagio la matita sul taccuino come una resa. "Certo, conti pure su di me. Alle 9 sarò da lei. Salute a stasera". Click - Abbottonato come al solito, non ne ho ricavato nulla insistendo, penso mentre la cornetta ritrova la sua posizione di riposo iniziale. Una Parisienne e' gia' pronta in bocca, l'odor di zolfo precede la fiamma del fiammifero ... ah non vale spaccarsi la testa per nulla.. due boccate per assicurarsi che la brace sia viva. Il fumo e' una nuvola minacciosa sulla scrivania... ritorno sui miei studi attendendo che arrivi l'ora dell'appuntamento. 

Edited by Stefino
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Custode

Trascorri il resto della giornata leggendo alcuni libri che hai intenzione di restituire a Quincey quella sera stessa e prendendo molti appunti, concedendoti solo una breve pausa per ingurgitare qualcosa in corrispondenza di quello che dovrebbe essere il pasto principale della giornata; il tempo trascorre velocemente e quando finalmente chiudi l'ultimo tomo che hai sulla scrivania sono passate le 6 del pomeriggio.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

John Constantine

Soddisfatto per le mie analisi mi rilasso pensando alla giornata che volge al termine, sorseggiando un goccietto di Jack. L'unica chiamata ricevuta oggi, ed e' un lunedi', e' stata quella di Franklin, di un amico tra l'altro. Di questo passo rischiero' di chiudere, dannazione! Avrei dovuto aprire a New York in una metropoli, non in una cittadina dove non accade niente per mesi. Valutero'... con questo piglio un po' stizzito preparo i volumi da rendere al Sig. Quincey nella mia borsa. Guardo l'orologio sono quasi le 7:00. Voglia di attendere quasi due ore non mi va. Spengo la lampada sul tavolo, c'e' ancora luce fuori, faro' una passeggiata prima di arrivare all'appuntamento. Scolo l'ultimo dito di whiskey, mentre carico la borsa sulla spalla destra. Chiudo la porta dell'agenzia con due mandate, Parisienne e vado incontro al calar del sole.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Custode

Franklin Quincey è un uomo che ha da poco passato i quaranta, piuttosto abbiente, vive solo e non lo hai mai sentito fare riferimento ad alcun parente; è molto rispettato come collezionista di libri antichi, in particolare sull'occultismo, circa i quali però ha un interesse del tutto accademico e scettico. Si è sempre dimostrato molto cortese e disponibile a condividere le proprie conoscenze ed i molti volumi in suo possesso con altri studiosi della materia. 

Percorrendo a piedi le strade che ben conosci, raggiungi College Hill ed il lussuoso edificio dove risiede Quincey, in perfetto orario per il tuo appuntamento; entri nella lobby dell'edificio e punti dritto verso la guardia in uniforme che ti sta squadrando seduta dietro la sua scrivania.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

John Constantine

Ogni volta che entro in questo salone resto affascinato dalla magnificenza degli arrendi.  Percorro la distanza che mi divide dalla guardia. I miei passi fanno eco smorzandosi al cospetto dell'uomo in uniforme, che non batte ciglio,:

"Buonasera, ho un appuntamento col Sig. Franklin Quincey." dico con fare sicuro.

Edited by Blues
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Custode

La guardia giurata ti squadra dall'alto in basso; nonostante non sia la prima volta che ti vede, non da alcun segno di averti riconosciuto. "Può dirmi il suo nome cortesemente?", gli comunichi le tue generalità per l'ennesima volta. "Un momento prego", collega un cavetto e solleva la cornetta di un interfono "Signor Quincey, buonasera. C'è il signor Constantine per lei... perfetto, grazie." Ripone la cornetta e torna a rivolgersi a te, porgendoti una chiave che ha prelevato da un cassetto della scrivania "Il signor Quincey la attende al quarto piano, questa le servirà per accedere all'ascensore che si trova alla sua destra, si ricordi assolutamente di riconsegnarla prima di andarsene".

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

John Constantine

Raccolgo la chiave che mia ha porto e lo assicuro con la parole: "Certamente, la ringrazio". Dopodiché inforco la destra per giungere all''ascensore. Quest'ultimo e' sul piano che mi attende. Inserisco la chiave nella gabbia ed entro, chiudendo con accortezza le ante ad evitare rumori metallici altisonanti. Pigio il bottone nero con indicato 4, in bianco... uno scossone avvisa la spinta del motore che raccoglie la lenza.

Ogni volta la stessa storia. Sono amico di Franklin da vecchia data, e come minimo due volte a settimana sono qui. A presiedere l'ingresso c'e' sempre il medesimo portinaio, e puntualmente ancora mi chiede le generalita': da pazzi! La cosa che mi fa specie e' che non abbozza ad una smorfia, un minimo riconoscimento del qui presente, nulla di nulla, freddo, schivo, privo di qualsiasi entusiasmo. Ma si puo'?

Con queste stupidaggini occupavo la mente quando un improvviso sobbalzo mi avverte dell'arrivo al piano. Faccio scivolare la porta a destra e sinistra richiudendo le ante alle mie spalle. La porta del signor Quincey e' socchiusa, ed uno spicchio giallognolo tinge il tappeto rosso del piano del corridoio, producendo un insolito arancione pallido. Do due colpi alla porta con l'indice incurvato: Toc - toc...

Edited by Blues
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Custode

Quincey era evidentemente "appostato" dietro la spessa porta blindata ad attenderti; non appena bussi, questa si spalanca e ti ritrovi davanti l'ometto che hai imparato a conoscere negli anni: corportura esile, folta barba, occhiali spessi e un completo che poteva essere alla moda prima della Grande Guerra. "Benvenuto mio caro, la stavo aspettando. Si accomodi pure nel mio studio, conosce la strada." Chiude a chiave la porta e ti segue lungo il corridoio, trasformato in una libreria come praticamente tutto il resto dell'appartamento, in cui il mobilio è ridotto al minimo indispensabile per fare spazio a più volumi possibile. Ti dirigi spedito verso lo studio dove vieni accolto da un crepitante camino e ti accomodi sulla poltrona collocata di fronte alla libreria, dove Quincey tiene sotto chiave i suoi tomi più vecchi e preziosi dedicati all'occulto; riconosci tra gli altri "Beatus Methodivo", "Cultes des Goules" e "Monstres and Their Kynde". L'ometto ti raggiunge e si accomoda dietro la sua massiccia scrivania di quercia, dietro la quale è appeso un macabro dipinto che raffigura un cimitero, dove esseri umanoidi con la faccia da cane sono intenti ad ululare alla luna. "Un sigaro? Dello sherry?"

Edited by Stefino
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

John Constantine

La porta si schiude ed ecco apparirmi il caro Franklin. "Buonasera Signor Quincey, la ringrazio. E' un piacere rivederla... ". Stringo la sua mano d'istinto, poi vengo invitato ad infilare il suo corridoio: "Certo, procedo senza complimenti, grazie". Inebriato dall'odore di carta e d'inchiostro, e probabilmente anche quello delle piccole muffe attecchite tra le pagine, proseguo con passo pigro per poter ammirare il caleidoscopio di colori, che ogni volta colpisce la mia fascinazione, dato dai dorsi dei volumi che sembrano letteralmente rivestire le pareti. Il passaggio poi sfocia nel salone, dove la magnificenza dell'architettura ed il buon gusto dell'arredo, l'hanno reso un ambiente sobrio ed accogliente; se non fosse per quella raccapricciante tela che tiene appesa dietro la scrivania.

Prendo posto alla poltrona dopo aver riscaldato le mani allo scoppiettante caminetto, ed essermi perso per un paio di secondi, tra le lingue di fuoco, avendo sfocato la mia vista ad ammirare le incandescenze.

"Grazie volentieri ma, da bere intende sherry o cherry?" ci scherzo su per rendere l'atmosfera piu' consona ad affrontare l'argomentazione che sicuramente si intavolera' da qui a breve. 

"Che sbadato... dimenticavo..." apro la mia borsa e tiro fuori dei libri, alzandomi per porgerglieli "... i suoi scritti, prego. Molto interessanti. Ottimo acquisto." Poi riprendo il mio posto.

Edited by Blues
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Custode

Quincey non da segno di avere colto la tua battuta e prende i libri che gli stai porgendo "Grazie, spero siano state letture edificanti". Preleva poi una bottiglia da uno dei pochi spazi dell'armadio non adibiti a libreria e versa il liquido color paglierino carico in un raffinato bicchere che ti porge; riempe quindi anche il proprio bicchiere, che stazionava già sulla scrivania, e torna a sedersi. "Verrò direttamente al motivo della sua convocazione, mio caro: come ben sa, in questa stanza tengo la crema della mia collezione, alcuni tra i più rari e preziosi tomi sull'occulto che esistano. Sa bene che non sono un uomo geloso, ho sempre messo la mia collezione a disposizione di tutti gli studiosi di questa disciplina, lei compreso. Bene, uno di questi studenti, Ethan Blane, mi ha contattato una settimana fa, desiderando consultare un libro particolarmente raro intitolato "Scripture of Shul"; la mia copia è un'inedita traduzione in inglese del 16esimo secolo di un manoscritto considerato molto più antico. Qualcosa nell'atteggiamento di Blane mi era sembrato già strano durante il nostro colloquio, sembrava pervaso di un fervore quasi religioso. Temevo potesse essere ossessionato dalla magia nera o, peggio ancora, un fanatico determinato a distruggere il libro, mi è già capitato di avere a che fare con entrambi gli estremi in passato. Gli ho negato il permesso di avere il libro e gli ho chiesto di andarsene, ma mentre lo accompagnavo alla porta le mie gambe hanno ceduto e sono collassato, risvegliandomi solo alcune ore dopo. Ovviamente Ethan e il libro erano spariti. Deve avere drogato il mio sherry mentre prendevo il libro per mostrarglielo, probabilmente ha avuto intenzione fin dall'inizio di sottrarmelo. Stando alla guardia, è uscito dall'edificio con una valigetta nera. Ho ovviamente preso in considerazione l'ipotesi di chiamare la polizia, ma in realtà mi interessa di più riavere il mio libro piuttosto che far arrestare quell'uomo... ed è qui che entra in gioco lei, mio caro."

Edited by Stefino
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

John Constantine

Ascolto la storia del Sign. Quincey con molto interesse,  sorseggiando il gustoso nettare d'uva. Una volta finito il racconto, mi concedo ancora degli attimi per riordinare i pensieri inumidendo per bene il sigaro. Fiammifero scrasssh fffffffff la fiammella esile attratta dalle mie boccate fa un tutt'uno col tabacco alimentando la brace dell'avana. 

Estraggo taccuino e matita dalla borsa : "Le faro' alcune domande, come dire, ficcanti, di modo d'avere un quadro chiaro e preciso:

  • Innanzitutto come sta ora? Posso fare qualcosa per lei?
  • Lo studente l'ha contattata una settimana fa, ma il fatto quando e' avvenuto? il giorno stesso o quando?
  • Possiede ancora il calice col vino che l'ha fatta svenire?
  • Perche' Scripture of Shul? Sicuramente sara' un testo utilizzato per evocare il lato oscuro della magia. Ha altre peculiarita' oltre a questa?
  • Universita' e dimora dello studente: Ethan Blane.

Mi scusi se sono stato un po' brusco ma, questo e' il mio modo di operare. Ovviamente quanto detto qui non trapelera' alla stampa o polizia."

Un paio di boccate e un sorso di sherry per lavare via l'amarognolo aroma dalla lingua.

Edited by Blues
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Custode

"Sembra un interrogatorio in effetti" commenta Quincey, "ma io sto bene, non si preoccupi mio caro. Cercherò di essere il più preciso possibile. Blane mi ha contattato il mattino del giorno in cui è avvenuto il misfatto, dicendo che era in procinto di scrivere un saggio sugli antichi riti funebri e che sapeva che quel particolare libro era in mio possesso. Mi ha stupito il fatto che volesse consultarlo la sera stessa, ma mi ha precisato che sarebbe dovuto partire il giorno seguente, da qui la sua fretta. Circa il contenuto del libro, non ho avuto modo di studiarlo in dettaglio, ma sembra trattarsi di uno studio sulla magia necromantica in culture ormai scomparse, come Atlantide, Mu ed Iperborea; l'autore, tale Shul, proclamava di essere immortale e di essere nato proprio ad Iperborea 3000 anni prima di scrivere il libro." 

Quincey fa un pausa per riprendere fiato, poi ricomincia "Venendo al nostro uomo, dubito che Ethan Blane sia il vero nome del soggetto e non ho alcun suo recapito ovviamente; ad ogni modo il suo accento era di queste parti e deve trattarsi di uno studente di discipline occulte se conosceva la Scrittura. Non ho più il bicchiere con cui mi ha presumibilmente drogato, la donna delle pulizie sa, ma forse posso darle qualche altro indizio: fortunatamente per lei, mio caro, sono abbastanza versato nel disegno anatomico, ho fatto uno schizzo del delinquente" dice porgendoti orgogliosamente un foglietto "e posso anche fornirle un elenco delle librerie della zona che trattano libri rari, sicuramente non si sarà rivolto solo al sottoscritto. Che ne pensa allora, mio caro? Accetterà il mio caso? Naturalmente non mi aspetto che lo faccia gratuitamente, pensavo di offrirle un compenso di 100 dollari, oltre al perpetuo libero accesso alla mia biblioteca ovviamente."

ethan_blane.JPG.00d64c466c2c390c54fac5d3f5dac849.JPG

Edited by Stefino
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

John Constantine

Dopo aver ascoltato attentamente le informazioni propinate da Franklin, ed annotati i passaggi importanti sul mio taccuino,  tendo la mano per prendere lo schizzo. Osservo il disegno poi asserisco: "Ottimo lavoro! coltivi questa passione ha un bello stile".

Un sorso di sherry deterge la mia gola fumosa... "Certo , accetto il suo caso." ed una stretta della mia mano trova conferma dell'accordo, nella sua. "Stavo pensando che visto che il libro ha legami con le culture scomparse e misteriose, qualche informazione utile la si potrebbe anche raccogliere al Dip. di Archeologia... Cortesemente mi fornisca anche l'elenco dei rivenditori di libri antichi. Piu' informazioni si avranno piu' chiaro sara' l'intendo del nostro amico. E visto che passero' dall'Universita' non mi sara' difficile accertarsi, dalla segreteria, se il nome dello studente e' vero o falso. Questi tipi di ragazzi, tante volte cosi' geniali, cedono nella passione delle sciarade; per cui le sue generalita' potrebbero trovarsi come anagramma, o altre diavolerie,  nell'elenco universitario. In ogni modo abbiamo abbastanza elementi per poter iniziare...".

Ravvivo la brace dell'avana affondando il capo nella comoda poltrona... libero le nuvole di fumo dalla mia bocca.

 

 

Edited by Blues
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Custode

"Se ha già intenzione di passare dalla Brown University, chieda sicuramente del professor Mathew Wheatly, è un mio caro amico nonchè una delle persone che potrebbero essere state contattate da Blane, in quanto anch'egli piuttosto noto in città come appassionato di occulto." Quincey fa una lunga pausa, intento a richiamare qualcosa alla mente, poi scuote la testa "Ci sono diversi altri collezionisti ed appassionati qui in città, oltre ad alcune notevoli librerie, le stilerò un elenco nei prossimi giorni... Ecco, una buona idea potrebbe essere partire da "Clark Rare Books" in Manning Street, non è lontana da qui, faccia pure il mio nome al proprietario."

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

John Constantine

Ascolto e prendo appunti dei luoghi e persone cui possono essermi d'aiuto. Estraggo il mio orologio da tasca... e l'osservo, sono le 10:03  la libreria di rarita' sara' certamente chiusa a quest’ora. "D'accordo Sig. Quincey, ho annotato tutto. Lo so e’ tardi ma comunque allunghero’ il tragitto di rientro per vedere dov’e’ posizionato il Clark Rare Books. In ogni modo domattina iniziero' le mie ricerche dalla Brown University e come anticipato passero' anche dalla segreteria." Rimetto l'impermeabile che avevo adagiato sul divano, prosciugo lo sherry con un ultimo sorso, sigaro serrato tra tra le dita, taccuino in tasca, borsa a tracolla gia’ pendente sul mio fianco e stringo la mano al mio cliente. "Mi faro' vivo appena ho delle novita'. Salute ancora e buona serata." Riattraverso il corridoio col suo odor di umidita' e chiudo la porta alle mie spalle.

 
Edited by Blues
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.