Jump to content

Anteprima dal Mordenkainen's Tome of Foes: Sibriex


Guest
 Share

Recommended Posts

Nathan Steward (Dungeons & Dragons Senior Director) ha postato una nuova anteprima dal prossimo manuale per la quinta edizione di D&D, il Mordenkainen's Tome of Foes. Si tratta di un terribile mostro abissale: il Sibriex.

attachment.php?s=b5197659ce8b18110a363cd

Questo mostro è comparso per la prima volta nell'edizione 3.5 nel Fiendish Codex I: Hordes of the Abyss. All'epoca il Sibriex era descritto come discendente di un'antica razza di demoni, chiamati gli obrith, dalla forma mostruosa e che potevano rendere folle chiunque osasse anche solo guardarli. I Sibriex erano fra i più antichi e misteriosi abitanti dell'Abisso.

Edited by Guest
Link to comment
Share on other sites


Oh!
Ottima notizia!
Speravo proprio ripescassero qualche creatura dai Fiendish Codex. C'era certamente qualche mostro un po' stupido, ma alcuni erano molto intriganti. Gli obirith hanno avuto relativamente poca fortuna editoriale, ma il fatto che li abbiano scelti per il Mordenkainen's fa sperare bene.

Il mostro è abbastanza interessante, anche se noto che ha un tiro per colpire piuttosto basso considerato il suo GS. Certo, è bilanciato dalle altre capacità...

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

  • Moderators - supermoderator
39 minuti fa, Muso ha scritto:

Questo mostro è comparso per la prima volta nell'edizione 3.5 nel Fiendish Codex I: Hordes of the Abyss. All'epoca il Sibriex era descritto come discendente di un'antica razza di demoni, chiamati gli obrith, dalla forma mostruosa e che potevano rendere folle chiunque osasse anche solo guardarli. I Sibriex erano fra i più antichi e misteriosi abitanti dell'Abisso.

Sì diceva che gli obyrith fossero gli originali abitanti dell'Abisso, nati prima ancora degli dei e creatori dei tanar'ri (ovvero quelli che nell'ecologia classica di D&D sono i demoni classici), che originariamente erano loro schiavi. Poi i tanar'ri si ribellarono e distrussero quasi tutti gli obyrith, eccetto dodici loro signori che sono sopravvissuti a tutt'oggi in vari remoti strati dell'Abisso, personalità allegre come Dagon, Pazuzu e il Pallido Cavaliere.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.