Jump to content

Verso la propria strada


Grunt

Recommended Posts

Premessa

Spoiler

Come ogni anno i preparativi per la Festa del Sale iniziano ben prima della festività stessa. C'è sempre grande fermento per l'avvenimento in quanto, oltre che rappresentare il passaggio dall'inverno alla primavera e l'inizio del nuovo anno, la festività porta sull'isola numerosi commercianti e nobili con l'intento di stringere lucrosi accordi.

In particolar modo il signorotto locale, Rymar "Signore del Sale", vede in questa festa l'occasione di incrementare le risorse e l'economia della sua isola, nonché la speranza di entrare fra le grazie di qualche nobile proveniente dalla terraferma.

A differenza degli scorsi anni dove i preparativi venivano decisi  dagli esponenti di spicco dell'isola durante la prima luna piena autunnale, questa volta è stato voluto che anche i giovani isolani prendessero parte ad una riunione organizzativa.
Il motivo di tale convocazione non è stato rivelato, ma se alcuni la ignorano definendo la trovata  un ennesimo tentativo di Rymar di aggraziarsi qualche nobile straniero, altri ne sono molto incuriositi.

Voi in particolare, siete fra quei giovani che hanno deciso di partecipare alla riunione. Chi per pura curiosità, chi per conoscere altri ragazzi, chi semplicemente per approfittare del cibo che sarà offerto per tale occasione.

La riunione si terrà nella sala comune del palazzo di Rymar "Signore del Sale"

 

E' da poco tramontato il sole fuori ma la sala comune del palazzo, o "Sala per le udienze" come preferisce chiamarla Rymar, è ancora illuminata a giorno grazie ai numerosi braceri sparsi per la stanza.

Una lunga tavolata posta al centro della sala porta su di sè leccornie tipiche dell'isola: pesce alla griglia con erbe e spezie, pasticcio di anguilla, crostacei e gabbiani in agrodolce.
Lungo uno dei due lati lunghi della sala, invece, una grande vetrata consente di ammirare il mare e la pioggia che cade sul promontorio su cui è stato costruito il promontorio.

Rymar insieme al suo fidato portavoce, Suljio "L'Araldo", discutono pacatamente con altri isolani di rilievo su un balconcino interno dal quale il Signore del Sale è solito presiedere le riunioni. Molti popolani associano questa scelta architettonica e questo suo modo di fare come un patetico tentativo di apparire più autoritario agli occhi dei più.

Circa una cinquantina di individui, fra ragazzi e adulti curiosi, affollano la sala. Chi si aggira avidamente nei pressi della lunga tavolata imbandita posta al centro della stanza, chi osserva il mare da un ampio finestrone che dà sul promontorio su cui è costruito il palazzo, chi invece aspetta pazientemente che la riunione cominci.

Tutti

Spoiler

Regole di formattazione testo

Spoiler
  • Testo standard/descrizioni
  • Frasi pensate
  • Parlato
  • Sussurrato

Ovviamente quando dovete avvertirmi di situazioni particolari (reazioni dopo determinati avvenimenti, cose che non volete far sapere agli alti giocatori, ecc.) oppure se dovete comunicarmi le prove che volete effettuare con relativi bonus, scrivetelo tutto nel tag Spoiler specificando prima chi può leggere

 

Buon inizio a tutti, spero ci si possa divertire tutti assieme :)

 

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 45
  • Created
  • Last Reply

Vlasempa

 

Tutti questi braceri mi fanno soffocare. Come si fa a sopportare ‘sto caldo? E quanto cibo sprecato! Deve essere delizioso, ma a che pro tutto questo sfarzo?

Osservo Rymar cercando di non dare troppo nell’occhio: mio padre me ne ha parlato prima che mi incamminassi verso questo palazzo. È un uomo strano, non riesco a decidere se credo che sia un riccone affamato di potere o se davvero ci tiene a tutto questo, anche per gli isolani.

C’è tanta gente, dovremmo essere una cinquantina. Io mi avvicino alla finestra e osservo il mare ed il cielo. Il loro abbraccio all’orizzonte è incredibilmente poetico: un abbraccio irraggiungibile, impossibile, eppure inseparabile.

Vuoi un po’ di pasticcio? mi chiede un ragazzo alto. Ha i capelli arruffati e la carnagione scura. I suoi occhi chiari mi fanno pensare che sia una persona gentile e divertente. Non appena mi ricordo della domanda che mi ha posto, cado dalle nuvole ed annuisco.

Per quale motivo ho deciso di venire qui? Bah, non ricordo, giacché ne approfitto per farmi la cena

Il ragazzo torna e mi porge un piatto con del pasticcio di anguilla. Le posate sono così eleganti…mi fanno sentire davvero fuori luogo.

Io sono Roji. Te chi sei? mi chiede, volgendomi un bellissimo sorriso.

Vlas… COFF COFF COFF Ehm… Vlasempa! Scusa devo andare!

Che figura! Maledetto pasticcio di anguilla, avrebbero dovuto lasciarla vivere. Che figura, che figura! Via, Vlasempla, allontanati da questo tizio.

 

Descrizione

Spoiler

Vlasempa Majunle è una ragazzina di quattordici anni, alta poco più di un metro e sessanta. Ha gli occhi verdi ed i capelli castani. La carnagione è tendenzialmente scura, evidentemente per tutte le ore che passa in giro, noncurante del sole. Relativamente forte ed agile, è stata abituata fin da piccola alla natura del bosco, dunque non è raro trovarle dei graffi o ammaccature varie. Le piace dipingere il volto di rosso, verde o blu, a seconda dell'umore. 

 

Link to comment
Share on other sites

Drakan

Osservo affascinato la vastità del mare che circonda l'isola attraverso il magnifico finestrone del palazzo.

Quale meraviglia ci hanno donato gli Dei? Una tale ricchezza va difesa e io darò me stesso perché nulla cambi. Se solo quello stupido di Balder fosse qui!!!

Mi volto verso il tavolo e con sguardo perso nel vuoto osservo la gente che si getta sui piatti come se non toccasse cibo da anni.

Aah..Che si azzuffino pure per la pagnotta..

Gente di poca classe!!

Ma dove saranno finiti i miei?

Inizio a passeggiare per la sala scrutando ogni persona che incappa nel mio sguardo fantasticando per gioco su chi sia e sulla sua storia.

Spoiler

Drakan Perseval Maül  è un giovane ragazzo di sedici anni alto circa 1.70 me robusto. I capelli nero pece ondulati e lunghi fino alle spalle sono in netto contraasto con i suoi occhi verde smeraldo e la sua carnagione pallida. I suoi genitori non gli anno mai fatto mancare nulla,ma nonostante ciò preferisce, quando può, vestiti comodi a quelli sfarzosi. Tuttavia il suo lignaggio lo obbliga, almeno nelle occasioni come queste, a qualcosa di piu elegante. La sua passeggiata per la sala è quella di un giovane sicuro di se: schiena dritta, mento alto e mani dietro la schiena.

 

Link to comment
Share on other sites

Uller

Oh, eccoti lassù, Araldo.

E' da un po' che osservo il balconcino su cui il signor Rymar e il suo seguito parlano di affari o si fanno complimenti stucchevoli a vicenda. Quando finalmente riesco ad incrociare lo sguardo di Suljio e lui mi riconosce, la sua espressione cambia subito, e mi fulmina con un'occhiataccia, per poi tornare a parlare col suo interlocutore.

chissà se ha mai capito che ero stato io il mese scorso ad intrufolarmi nella sua cantina. Mi ha guardato nello stesso modo con cui mi guarda da sempre, per cui direi di no

Contento, volgo di nuovo lo sguardo alla tavola imbandita e mi ci avvicino, deciso a provare un po' di tutto.

Tra l'altro, che buona quella bottiglia di rosso. E pure che forte però.. mmh e quei coltelli là di cosa sono, argento? Luccicano così tanto.

Con la bocca piena e le mani colme di cibo mi guardo intorno con fare noncurante, per poi notare una sconosciuta signora vestita molto bene - sarà la moglie di qualche nobile del continente - che mi osserva con evidente disgusto. Mi guardo un po' i vestiti, ben conscio di quanto siano inferiori ai suoi. La guardo negli occhi, guardo i suoi vestiti, i miei, di nuovo i suoi e faccio spallucce.

Signora cara, roba così non me la posso permettere. Eppoi i miei sono pure puliti stasera - Penso, mentre attendo che Rymar prenda la parola, o qualcuno dica che la riunione sta per iniziare. Di tanto in tanto, nell'attesa, qualche leccornia mi scivola per sbaglio nelle tasche. Queste bontà magari le porto ai fratellini.

Descrizione fisica

Spoiler

Uller è un ragazzino di 13 anni, altezza e fisico nella media per l'età. Da piccolo aveva i capelli biondissimi, ma ora di anno in anno tendono sempre più a scurirsi, e ormai di chiaro sono rimasti solo due ciuffi vicino alle tempie, che fanno capolino soprattutto in estate. Occhi di quel colore indefinito, a mezza via tra il verde, il nocciola e il grigio.

Agile e atletico, è uno di quei ragazzini che sarebbero dovuti nascere anguille. Si guarda intorno con fare attento, quasi fosse in missione o al "lavoro". Forse perché pensa di esserci.

Porta vestiti di scarsa qualità, ma per l'occasione lavati e pure profumati con un poco di aroma trafugato dalla bancarella di quel nuovo mercante grasso col turbante. Porta alcuni ninnoli e braccialetti ai polsi, dei quali gli piace pensare manifestino la sua posizione di rilievo tra i teppisti dell'isola - manco fossero bracciali o baltei di bronzo.

 

Link to comment
Share on other sites

Lagertha

 

Odio tutta questa gente, la confusione non mi è mai piaciuta. Se solo la mia maestra non fosse fuori città non sarei stata costretta a venire al suo posto. Chissà poi perchè ha tanto insistito per farmi venire?

Scruto tutti i presenti dall'angolo della sala in cui mi sono rintanata, cercando di memorizzare le loro facce e cercando qualche volto conosciuto. Noto il miscuglio di classi sociali presenti e presto particolare attenzione agli atteggiamenti delle persone in rapporto il loro status. In particolare osservo Rymar e il suo portavoce, provando a indovinare  quale sia il motivo della riunione, giusto per ammazzare il tempo durante l'attesa.

Qui sembra che passerà ancora un po' di tempo prima che qualcuno prenda la parola...

Mi avvicino al tavolo per prendere del cibo, poi con passo rapido torno dov'ero.

Descrizione:

Spoiler

Lagertha è una longilinea ragazzina di 15 anni abbastanza alta per la sua età (circa 1,70m). Ha lunghi capelli lisci di un nero intenso e occhi verde chiaro, con una pelle abbastanza chiara. Non è molto atletica, visto che passa il tempo per lo più studiando. Indossa una casacca nera a maniche lunghe, con qualche ricamo rosso scuro, lunga quasi fino al ginocchio, con una cintura di corda in vita, dei pantaloni rosso scuro e degli stivali neri anch'essi. 

 

Link to comment
Share on other sites

Nessuna fra le figure sul balconcino sembra essere intenzionato a prendere la parola, continuano a discutere fra di loro. Olgos "Due barili", il rotondo proprietario della locanda più grande dell'isola continua a ridere di buon gusto come è solito fare, ormai la tintura del suo viso è diventata paonazza a causa delle risate, come se da un momento all'altro la sua testa riccioluta dovesse esplodere. Teddhar "Occhiolungo", un uomo longilineo e dal viso scavato dalle rughe, comandande di un paio di traghetti che mensilmente salpano verso la terraferma, allarga spesso le braccia dimostrando un certo disappunto nei confronti del locandiere. Tipico fra i due, cresciuti assieme ma dai caratteri diametricalmente opposti.
Rymar è coperto da Suljio, il quale continua a passarsi la mano sulla testa calva in maniera nervosa, come se qualcosa lo preoccupasse.

Neanche le poche guardie sembrano aver ricevuti particolari ordini, vedendo come sonnecchiano agli angoli della stanza o da come si abbuffano.

E allora?! Vogliamo iniziare? Grida ad un certo punto Yarwick con fare arrogante, un ragazzo un po' troppo robusto per avere 16 anni. Qui c'è gente che deve svegliarsi presto per lavorare nelle vostre miniere.

Ma quali miniere? Risponde prontamente Rolb dall'altro lato della stanza, 13 anni non ancora compiuti ma con la lingua lunga come una vecchia zitella. Se non fai altro che poltrire tutto il giorno. Se non fosse così piccolo e gracile si sarebbe sicuramente risparmiato qualche pestaggio.

Chi si è permesso? Ah, è stato Rolb occhionero immagino. Devo venire un'altra volta da te e mostrare a tutti perché ti chiamano occhionero? Yarwick fà per avvicinarsi a Rolb, spostando di peso Uller che gli era difronte E spostati tu, nano!

Tutti

Spoiler

Uller si trova davanti a Yarwick, mentre Lagertha appena dietro a Rolb. Vlasempa e Drakan invece, si trovano nei pressi del gran finestrone, dalla parte opposta dei due.

In tutto questo le guardie sembrano infischiarsene, mentre dal balconcino sembrano essere tutti presi dalle loro discussioni. Inoltre, probabilmente, le risate di Olgos coprono i rumori provenienti dal basso.

 

Link to comment
Share on other sites

Uller

Mentre vengo spostato di malo modo bofonchio un Beh?!? sorpreso.

Nano?? Yarwick infame molesto. Grosso però. Tuttavia devo reagire, non posso lasciarmi insultare in pubblico - regola numero due della strada

Mi riprendo in fretta e rispondo a tono, apostrofando la schiena di Yarwick, che nel frattempo ha quasi raggiunto Rolb.

Bravo, spostami, che a girarmi intorno lento come sei c'avresti messo un'ora.

Attendo la reazione, pronto a saltare indietro per mettermi al riparo. Con una mano tocco sotto le vesti per essere sicuro di avere con me la fiala puzzolente.

Link to comment
Share on other sites

Rolb, stolto di uno stolto. 

Mi avvicino con passo frettoloso e mi piazzo di fronte a lui per impedire a Yarwick qualsiasi azione nei confronti di Rolb.

Forse riesco a calmare quel gradasso.

Yarwick datti una calmata, - affermo con voce decisa e tono alto -  trattieni tutto questo impeto per la miniera. Li sotto ti servirà! Dimostrati degno di questa sala.

Link to comment
Share on other sites

Lagertha

Intenta a mangiare, lì per lì non mi accorgo dello scambio di battute fra Yarwick e gli altri ragazzi.

Cosa diamine sta succedendo? Avevo appena iniziato a mangiare, odio essere interrotta mentre mangio!

Alzo lo sguardo e vedo un piccolo ragazzetto davanti a me, letteralmente "caricato" da uno grande e grosso. Ehi voi, è proprio necessario tutto questo trambusto? Datevi una calmata o un potente lassativo a sorpresa nei vostri pasti non ve lo toglie nessuno!!!

Intanto cerco di spostarmi un po' per evitare di essere travolta o coinvolta in una rissa. Mi cade l'occhio su una ragazza col volto dipinto, che si trova vicino al finestrone. Sembra piuttosto divertita dalla scena.

Link to comment
Share on other sites

Pezzo di escrementi di foca! Yarwick diventa paonazzo dopo la battuta di Uller
Ti sei finalmente reso conto di quanto puzzi babbeo? Replica sarcastico Rolb con la sua vocetta stridula, approfittando della distrazione.
Come osi rivolgerti a me in questo modo? Ora ti insegno io come si sta a questo mondo. Con la mano serrata a pugno il grasso bullo è pronto a dar vita ad una zuffa nel bel mezzo della sala. Ne ho per tutti e due. Vi far..

Ma quand'ecco che un giovane dai nobili lineamenti e dalla perfetta postura si frappone fra i tre intimando al più grosso di questi di darsi un contegno.
E tu chi diavolo sare... l'espressione inizialmente furente di Yarwick si tramuta in una espressione di sorpresa salvo poi mutare nuovamente in disgusto non appena si rende conto di chi gli si è parato dinanzi. Il giovane lancia un'occhiata verso il balconcino dove le autorità sembrano aver quasi finito di discutere, poi abbassa il capo dinanzi a Drakan  farfugliando qualcosa di incomprensibile.

Hai perso la lingua Yarwick? Non blateri più? Fa verso Rolb da dietro le spalle del giovane nobile.

Nonostante tutto sia successo in pochissimi attimi, oramai l'attenzione dei più è rivolta verso i quattro giovani, tra i quali aleggia una certa tensione. Anche una delle guardie presenti sembra essere stata attirata dai battibecchi, tanto più che fa per avvicinarsi. Non prima di aver fatto il pieno di molluschi e scolato il bicchiere di birra scura che tanto gelosamente stringeva in mano.

Il tanfo di birra e di pesce giunge prima della sua figura Cosa accade qui giovincelli? chiede sforzandosi di risultare simpatico, cosa che probabilmente è avvenuta nella sua mente visti i sorrisi che lancia. Tutto bene signorino? Qualcuno l'ha disturbata? Chiede poi a Drakan velocemente e premurosamente, come per rimediare di non essersi accorto prima della sua presenza.

Link to comment
Share on other sites

Uller

Santi dei, ha ragione! Si sente fin da qua!, Teatralmente mi sventolo una mano davanti al naso mentre assumo un'espressione disgustata. L'altra mano rimane dentro la tasca.

In un attimo sembra che stia per scoppiare la rissa, ma poi arriva il figlio dei nobili a far da paciere, e poi la guardia. Di fatto, non faccio altro che indietreggiare di un passo e rimanere zitto in questi brevi istanti, mentre tutti si voltano verso di noi.

Frattanto che il soldato mostra le sue premure verso il rampollo nobile, io lancio un'occhiata a Yarwick carica di sfida e ostilità da taverna, ma sotto sotto  anche di complicità nel notare come i ricchi vengano sempre riveriti.

Lui voleva solo sapere quando comincerà la riunione, niente di che!

 

Link to comment
Share on other sites

Non si proccupi! Il giovane nano ha ragione. Certo forse un pò di birra di troppo ha un istante offuscato l'udito di qualcuno che deve aver frainteso..............

Che vergogna! Si sono voltati tutti verso di noi! E questa guardia????Cos'è questo tanfo che lo accompagna? Sono questi gli uomini che ci proteggono?

Mi volto verso Rolb e gli lancio un'occhiata di rimprovero. 

......... o forse deve aver sciolto eccessivamente la lingua di qualcun altro! Mi pare non ci sia alcun problema, giusto Yarwick?

Link to comment
Share on other sites

Irritato ma al contempo rassegnato, Yarwick biascica un No, non c'è nessun problema. Può tornare a godersi la serata signora guardia. dopodiché si allontana a testa bassa ringhiando un Fott**i nobili...

Pochi istanti dopo e la tensione che si era creata va scemando, insieme agli sguardi dei curiosi che ora sono rivolti ad altro. Più precisamente al balconcino da dove sembra che le discussioni siano volte al termine. Suljio infatti, come è solito fare, si è affacciato a braccia aperte e tenta di richiamare l'attenzione prima con dei fintissimi colpi di tosse, poi battendo elegantemente e sonoramente le mani.

Perdonate per la lunga attesa miei cari isolani. Spero che le modeste pietanze offertevi siano state apprezzate nel frattempo. Come sempre il tono del portavoce di Rymar è calmo e rassicurante, e i suoi numerosi braccialetti dorati indossati sull'avambraccio destro sembrano tintinnare a tempo con le sue frasi. E' un piacere per me vedere che così tanti di voi abbiano deciso di prendere parte a questa riunione e, cosa che mi fa ancora più piacere, vedere volti nuovi. L'affabile sorriso rivela degli splendenti denti bianchi che fanno netto contrasto con la pelle color dell'ebano.
Come sicuramente molti di voi sapranno, 25 anni or sono a causa di una bufera la mia nave affondò portando con sè sul fondo del maestoso oceano tutti i miei averi, tutto il mio equipaggio e, ahimè, anche la mia famiglia L'uomo abbassa il capo alcuni istanti come per tristezza, poi lo rialza mostrando un sorriso ancora più smagliante del precedente Ma gli dei vollero che nella sfortuna trovassi un modo per dare una svolta alla mia vita fino ad allora un po'...movimentata Per qualche strano motivo gli adulti ridono a quest'ultima frase. Incontrai Rymar indica il signorotto seduto alle sue spalle con un ampio gesto del braccio, facendo tintinnare i suoi braccialetti e svolazzare le sue ampie vesti arancioni e molti dei vostri genitori. Mi aiutarono a ricrearmi una vita e io mi impegnai con tutto me stesso per ripagarli ogni giorno di ciò che mi veniva offerto. E' grazie al loro appoggio se oggi sono diventato l'uomo che sono oggi. Certo, molte cose non mi sono state regalate e ho dovuto sudare per ottenerle ma eccomi qui termina la frase con una risata bonaria.

Ma con questo dove voglio arrivare, miei giovani cari? Come saprete ogni anno la Festa del Sale è occasione certamente di gioia e prosperità, ma anche di affari. Ecco perché i preparativi vengono studiati in ogni minimo dettaglio dalle più alte cariche dell'isola, affinché possano divertire i propri compaesani e gli ospiti che annualmente ci onorano della loro visita. Siete ancora giovani, ma non vi sarà difficile capire che più un ospite si trova a proprio agio, più sarà ben disposto a tornare la volta successiva e ad investire nell'economia in continua crescita della nostra bella isola.
Nonostante l'organizzazione della Festa del Sale è sempre stata affidata a noi adulti, quest anno, in via del tutto eccezional, anche voi ne sarete protagonisti. E in che modo vi chiederete? Sfortunatamente alcune lune fa il nostro amato re Abram ha esalato il suo ultimo respiro dopo un lungo male che lo affliggeva. Che gli dei possano averlo in gloria.
La tristezza con cui ha annunciato della morte scompare non appena Suljio riprende fiato Ma non crucciatevi miei cari isolani, in quanto Julius Vellonder "Corvo Bianco" Targastan, è stato nominato sesto sovrano della seconda era di Stengard. Una notizia fenomenale, in quanto il nuovo re non ha ancora raggiunto la mezza età; non è strabiliante?

Suljio, stai andando per le lunghe. Come al tuo solito. Spazientito, Rymar si alza dal suo scranno, prendendo il posto del suo portavoce che con un ampio inchino si fa da parte.

Julius vuole portare co sè cinque giovani da portare a corte e far studiare presso l'Accademia della Milizia Reale. Tuttavia siccome non voglio che il re si annoi durante la sua prima visita su quest'isola guardando un'orda di marmocchi che cercano di convincerlo su chi succhia meno latte, ho deciso di organizzare un torneo nel periodo antecedente alla sua visita. La classica voce nasale dell'anziano risuona come il gracchiare di un merlo dopo il canto di un usignolo, al confronto di quella di Suljio. Ora prego i presenti che non sono interessati a tutto ciò di lasciare la sala, in modo da permetterci di proseguire.

Tutti

Spoiler

Stengard è un regno altamente militarizzato e la Milizia Reale è un corpo militare speciale che risponde direttamente al re. Farne parte significa poter godere di numerosi privilegi dal punto di vista economico e sociale, anche se voci parlano anche dal punto di vista penale.

In particolare l'accademia consente, oltre di ottenere una preparazione ottimale per far parte della Milizia Reale, di accrescere e sviluppare le proprie capacità. 

 

Link to comment
Share on other sites

Uller

Mentre Suljio parla, mi metto al fianco di Drakan e sussurro: Non chiamarmi mai più nano o giovane nano in pubblico. E neppure quando siamo soli. Intesi, "signorino"? Non lo tollero. Dalla voce inizialmente dura, termino poi con un fugace sorriso conciliatore.

Poi Rymar svela il vero motivo della riunione

L'accademia della milizia reale? Andare via dall'isola sul continente? Ossantiddei che figo! Non ci avevo mai pensato.

Perso a fantasticare improbabili scenari futuri quasi dimentico di aspettare la risposta di Drakan, e concentro la mia attenzione sul balconcino rialzato, senza mostrare la minima intenzione di lasciare la sala.

Link to comment
Share on other sites

Lagertha

La parola "Accademia" attira subito la mia attenzione. "Accademia della Milizia Reale", mmh... non mi suona nuovo come nome. Sarà una scuola di addestramento puramente militare o permetterà anche di applicarsi in differenti campi di studio? Se così fosse, sarebbe un'occasione da non farsi sfuggire!! Credo proprio che resterò qui ad ascoltare di cosa si tratta.

Mi avvicino alla balconata, per essere sicura di non farmi sfuggire nessuna parola. Guardo gli altri ragazzi, chiedendomi in quanti avrebbero abbandonato la sala. Magari ne resteranno pochi, meno gente con cui competere! Spero solo che questo torneo non si basi esclusivamente su abilità atletiche, aiuto!

Link to comment
Share on other sites

Il mio non voleva essere un'insulto alla vostra persona - rispondo sorridendo ad Uller - ma un tentativo di acquietare quella testa di ceppo di  Yarwick. Chiedo umilmente venia se vi ho offeso.

La mia conversazione viene interrotta dalla voce gracchiante di Rymar che mi appresto ad ascoltare con minuziosa attenzione allontanandomi da Uller e avvicinandomi al balconcino perso nei miei pensieri.

L'Accademia della Milizia Reale? Potrebbe essere la mia occasione!! Ma papà? Che ne penserà?

Link to comment
Share on other sites

Un prevedibile brusio si solleva quando Rymar nomina l'accademia e il torneo. Brusio che sembra compiacere entrambi gli oratori.
Come prevedibile molti dei presenti non mostrano alcuna intenzione a voler uscire dalla sala, anzi consentono ai pochi rinunciatari di poter uscire nella più totale indifferenza.
Un veloce scambio di battute fra Rymar e Suljio si effettua mentre entusiasmo e curiosità aleggiano in sala, dopodiché "L'Araldo" si appresta richiamare l'ordine con un elegante e ripetuto battito di mani.

Come è solito fare, l'uomo antepone alla voce un lungo sorriso bonario Miei cari ragazzi, quale miglior occasione di un torneo per poter dimostrare a tutti le proprie doti? Vedo molte espressioni dubbiose fra voi, quindi passerò subito ad illustrarvi lo svolgimento della competizione. Non abbiamo intenzione di presentare a sua altezza Julius - seguono gesti di commiato - una dimostrazione di lotta e sfide marziali, bensì un gruppo di giovani dotati sia fisicamente che intellettualmente, capaci di adempiere ai propri doveri e di lavorare in gruppo. Ecco perché, sotto il suggerimento del nostro benvoluto Rymar, è stato deciso di formare dei gruppi fra coloro che decideranno di partecipare e assegnare loro degli incarichi da svolgere durante il periodo della competizione.
Pochi istanti di pausa, probabilmente presi per osservare le reazioni dei presenti, poi l'uomo riprende Scendiamo più nel dettaglio. Verranno formati dei gruppi composti dai quattro ai sei elementi ciascuno, a seconda del numero dei partecipanti. I gruppi verranno composti in maniera del tutto casuale, senza badare a differenze di età, capacità e origini familiari. Questo per evitare aiuti e vantaggi, favorendo l'idea che ogni gruppo può essere competitivo. L'espressione sul volto di Suljio è come sempre melliflua, a differenza di quella di alcuni adulti di rilievo. Inoltre ogni gruppo verrà affidato alla responsabilità di un responsabile.

Saranno assegnati degli incarichi da svolgere a cui non ci si potrà sottrarre, pena l'esclusione dal torneo. Ogni incarico arriverà direttamente dagli abitanti dell'isola, ma il metodo di assegnamento verrà spiegato in seguito. Tuttavia posso assicurarvi che tutti, nessuno escluso, possono richiedere dei servigi. A compimento di ogni mansione il richiedente valuterà il risultato con un numero che va da 1 a 5. Come potrete quindi immaginare, le valutazioni si sommeranno fra di loro consentendo al gruppo di guadagnare punti. Fra tre cicli di luna, i due gruppi che avranno totalizzato il maggior numero di punti avranno diritto a sfidarsi davanti a sua altezza durante la Festa del Sale.

Un rumoroso vociare si diffonde fra i presenti, intenti a commentare il comunicato e a consultarsi fra di loro. Nel frattempo quattro uomini con indosso una giubba in lana verde e delle strette brache di cuoio, indumenti tipici dei servitori, si fanno largo fra gli ospiti trasportando una grande anfora di terracotta. Quella che state vedendo miei cari riprende Suljio è un'anfora con dentro dei dadi colorati i quali determineranno la formazione dei gruppi. Ora, se non ci sono domande, chiedo a chi vuole partecipare al torneo di recarsi dagli addetti alle iscrizioni in fondo alla sala. Uno alla volta, mi raccomando.

Come se non fosse stato detto nulla, una folla caotica e disordinata si accalca dinanzi agli uomini muniti di calamaio e pergamena.

Link to comment
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

×
×
  • Create New...